Locandina Superga e Museo Egizio

Commenti

Transcript

Locandina Superga e Museo Egizio
L’A.R.C.O.P.
ORGANIZZA
Domenica 6 novembre
MUSEO EGIZIO E BASILICA DI SUPERGA
RITROVO E PARTENZA
PARTENZA SICURA Piazzale Ospedale Predabissi a Vizzolo P. ore 7,00
PARTENZA PROBABILE Via Marconi zona industr.sud est Agrate
Ore 6,15 (piazzale Galbusera)
Per ragioni organizzative l’orario di partenza
potrebbe essere invertito
INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI: FRANCO
(attenzione utilizzare solo questo numero di telefono)
Cell. 347 47 12 898
prego di inviare le prenotazioni tramite SMS al numero sopra indicato
vi risponderò per confermare la prenotazione.
Costo evento € 40,00
Quota soci A.R.C.O.P. e familiari (Coniuge e figli) € 30,00
PROGRAMMA
ore 9.00 ritrovo con la guida a Brandizzo, fermata autostradale, proseguimento
per Superga. “il più bello spettacolo che possa colpire l’occhio umano”. Così il
filosofo Rousseau definì il panorama che si può godere dal colle di Superga. Qui,
a 672 metri d’altezza, sorge l’imponente Basilica, uno dei simboli di Torino. La
Basilica fu costruita nella prima metà del 1700 da Filippo Juvarra dopo l’assedio
franco-spagnolo di Torino del 1706. All’interno della chiesa sono da ammirare la
raccolta Cappella del Voto, la statua della Madonna delle Grazie e la Cupola
Juvarriana dalla quale osservare a 360° tutta la pianura torinese. Passeggiando
intorno al complesso juvarriano, ci si imbatterà poi nella lapide che ricorda
l’incidente aereo del 4 maggio 1949, in cui perì la leggendaria squadra del
Grande Torino. Sosta per il pranzo.
Pranzo libero (possibilità ristorante € 25,oo)
Nel primo pomeriggio visita al Museo Egizio che è considerato, per il valore dei
reperti, il più importante al mondo dopo quello del Cairo. Un museo
completamente rinnovato che racchiude tra le sue mura barocche reperti
millenari: dall’ imponente e monumentale statuario
“una meravigliosa
assemblea di re e divinità” alla splendida collezione di papiri, dalle mummie
delle tre sorella alla Galleria dei Sarcofagi, dalla tomba dell’architetto Kha e la
moglie Merit al tempietto di Ellesya. Molti studiosi di fama internazionale, a
partire dal decifratore dei geroglifici egizi, Jean-François Champollion, che giunse
a Torino nel 1824, si dedicano da allora allo studio delle sue collezioni,
confermando così quanto scrisse Champollion: «La strada per Menfi e Tebe
passa da Torino».