IL CROCIATO IN EGITTO

Commenti

Transcript

IL CROCIATO IN EGITTO
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
IL CROCIATO IN EGITTO
Heroic Drama
Music by Giacomo MEYERBEER
Libretto by Gaetano ROSSI
First performance: 7th March 1824, Teatro la Fenice, Venice.
Aladino, sultano di Damietta (Bass)
Palmide, sua figlia (Soprano)
Osmino, Gran-visir (Tenor)
Alma, confidente di Palmide (Soprano)
Adriano di Montfort, gran maestro dell’Ordine dei cavalieri di Rodi (Tenor)
Felicia, congiunta d’Adriano (Alto)
Armando d’Orville, iniziato cavaliere di Rodi (Soprano)
Mirva, fanciullo di 5 anni, figlio di Armando (Mute rôle)
Coro di egiziani: emiri, imani, favoriti e popolo.
Statisti: guardie del sultano, soldati egiziani, schiavi negri, schiave, araldi, scudieri dei soldati, paggi, marinari.
Coro di Cavalieri di Rodi e schiavi europei di varie nazioni.
Esercito egiziano ed esercito dei cavalieri crociati
Danzatrici e s
uonatrici.
CD 1
ACT 1
Scene 1
Vasto recinto nel palazzo del sultano che confina con la spiaggia, in vicinanza del porto, le cui torri si scorgono al di là dei
cancelli, che chiudono il recinto tutt’intorno. Alla destra una prigione per agli schiavi europei destinati ai lavori forzati; si
intravede una parte del palazzo, e dei giardini alla sinistra.
Tutto è tranquillo nel silenzio della notte che cede all’aurora. S’odono tre squilli di tromba: c’è movimento nell’interno della
prigione. I custodi vengono ad aprirne le porte: ne escono gli schiavi, variamente vestiti e di varie nazioni europee.
Alzando gli occhi al cielo, si salutano e s’abbracciano; e si accingono ai propri lavori. La maggior parte è impiegata alla
costruzione d’un tempietto, nel cui centro è stato ultimato un piedistallo. Alcune colonne sono già state innalzate: alcuni
schiavi scalpellano attorno ai capitelli, altri fregiano i frontoni. Su uno di questi sono scolpiti simboli alla Fedeltà. Altri due
schiavi s’occupano di una statua, pressoché compiuta, raffigurante la Fedeltà. Alcuni innalzano colonne, altri lavorano al
coperto, altri ancora trascinano o rotolano enormi, pesantissimi massi: un giovinetto sostiene le catene del suo vecchio
padre, che mal sopporta le fatiche della schiavitù; in un breve momento di riposo uno schiavo toglie dal seno un ritratto, lo
contempla, lo bacia, e lo ripone, timoroso d’essere scoperto. Un altro legge, e bacia una lettera che, piangendo, porta al
seno; altri schiavi, che lavorano in gruppo, esprimono i loro pensieri ed affetti.
CORO DI SCHIAVI
[1] - Patria amata! oh! tu il primiero
de’ miei fervidi desiri,
fra catene, fra sospiri,
a te anela il mesto cor;
fier destin ci rese schiavi,
mare immenso ci separa...
tu ognor mi sei più cara,
tu mi sei presente ognor.
UNA PARTE DEL CORO DI SCHIAVI
Cari oggetti del mio cuore,
più vedervi non potrò!
ALCUNI DI SCHIAVI
(a parte)
Ah... la sposa!... Ah, i figli!...
Patria!... amici!
Più vedervi io non potrò!...
Da voi lunge morirò!...
TUTTI
Cessi omai sì acerba vita,
cangi omai sì orribil sorte,
o pietosa tronchi morte
così barbaro dolor,
questo barbaro dolor.
UN’ALTRA PARTE DEL CORO DI SCHIAVI
Fra i sospir di triste amore
qui penar, languir dovrò?..
Qui penar, morir dovrò?
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
Page 1 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
Scene 2
Dal palazzo giungono altri schiavi che portano cesti pieni di doni vari. Entrano poi altri emiri con Palmide, Alma e alcune
schiave; gli schiavi europei gioiscono e l’onorano.
CORO DI SCHIAVI
Ma già di Palmide gli schiavi avanzano...
la regal vergine a noi già recasi,
brillante raggio in sua beltà.
Consolatrice de’ nostri mali,
benefattrice dei nostri mali,
vieni, o bell’angelo della pietà.
(Or per me forse in seno
amor gli parlerà.Soave immagine
di quel momento
a te sorridere il cor io sento:
accenti, e palpiti, sospiri, e giubilo
l’amor più tenero confonderà.)
PALMIDE
[2] - I doni d’Elmireno
io vi presento, amici;
con lui per gli infelici
con lui divido la pietà. Ah sì...
CORO DI SCHIAVI
Accenti, e palpiti, sospiri, e giubilo
l’amor più tenero confonderà.
Scene 3
Entrano le guardie del palazzo, Osmino, poi Aladino, infine gli emiri.
OSMINO
Il sultano. Prostratevi...
CORO DI SCHIAVI
Pace! - oh speme!
CORO DI SCHIAVI
Prostriamoci...
PALMIDE
E pur vero sarà!
PALMIDE
(rivolta ad Aladino)
Oh padre!
ALADINO, PALMIDE, OSMINO e CORO DI SCHIAVI
Concenti bellici all’aure echeggino:
l’eroe festeggino, il vincitor;
di pace i cantici, gli inni d’amor.
ALADINO
Il contento ch’io provo nel seno
meco, o figlia, dividi in tal giorno:
vincitore a me viene Elmireno
più nemici il mio regno non ha.
Trionfo apprestasi al vincitore:
mercé ne merita la fé il valore;
della tua mano
d’alloro il serto
ben più gradito
a lui sarà.
PALMIDE
Accenti e palpiti
sospiri e giubilo
d'amor gradito
a noi sarà.
(s’odono delle trombe da lontano)
CORO DI SCHIAVI
Dalle torri lontane il segnale!
Un segnal più vicino risponde...
un vascello s’avanza sull’onde...
dalla torre del porto una tromba!...
Altro suono dal forte rimbomba...
OSMINO e CORO DI SCHIAVI
già l’insegna si scorge di Rodi...
ALADINO
Ah! di Rodi s’onorino i prodi,
che a ben degno rival nel suo regno
pace vengono ad offrir.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
PALMIDE
Vincitore a questo petto
stringerò l’amato oggetto!
Ah! maggior di quel ch’io sento
un contento non si dà.
ALADINO
Vincitore a questo petto
stringerò l’eroe diletto!...
Ah! maggior di quel ch’io sento
un contento non si dà.
ALADINO, PALMIDE, OSMINO e CORO DI SCHIAVI
Concenti bellici all’aure echeggino:
l’eroe festeggino, il vincitor;
di pace i cantici, gli inni d’amor.
ALADINO
[3] - Ah! sì: tutti i miei voti
in sì bel dì vedrò compiuti omai...
E saran paghi, o figlia, i tuoi.
L’affetto puro, innocente che tu serbi in petto
per Elmireno...
PALMIDE
(turbandosi)
(Oh dio!)
ALADINO
Non arrossir, io già conobbi.
In mio core ne giubilai:
e già il nodo felice io destinai.
Page 2 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
PALMIDE
(più agitata)
Io?... d’Elmireno!... (Oh cielo!
Quale terribil velo
si squarcia a’ sguardi miei!...)
ALADINO
Sì: il valoroso
che salvò i giorni miei sarà tuo sposo.
L’amico del mio core
diverrà pur mio figlio, e in lui ben degno,
e amato successor avrà il mio regno.
OSMINO
(E soffrirlo io potrò!
Palmide, e trono io perderei così!)
PALMIDE
(come sopra)
Ma... (Come tremo!...)
Padre... (Che dir?...) oh mio
diletto padre!... (Ah! ch’io
8.660245-47
l’ho già tradito.)
ALADINO
Al seno
stringimi, o figlia: va...
Tu gemi?... e quale
ora triste emozion!
PALMIDE
(affannosa)
Io!... no, ma... sappi...
confuso, oppresso il cor...
ALADINO
Ad Elmireno
annunzierai tu stessa il lieto evento.
PALMIDE
(marcatamente)
Tutto ei saprà, sì
(Già morir mi sento.)
(parte col seguito)
Scene 4 (omitted)
Scene 5
Deliziosa e ombrosa parte nei giardini del sultano, attigua agli appartamenti di Palmide. Sotto un grazioso padiglione,
sopra un sofà di fiori giace dormiente il bambino Mirva. Varie schiave agitano ventagli di piume a vari colori sopra di lui.
Alma gli è presso; guardie e favoriti sparsi in vari gruppi, cantano sottovoce.
CORO DI FAVORITI
[4] - Urridi vezzose,
leggere, scherzose,
intorno aleggiate
al figlio d’amor:
tranquillo serbate
quel dolce sopor.
(Mirva s’agita)
Si scuote, si desta:
già s’alza. - T’arresta.
(Se fuori del recesso
scoperto veduto!
Perduto è quel figlio...
Di lui che sarà?)
Frena l’ardor omai...
(Mirva cerca di fuggire)
Non ti scostar da noi,
qui ferma il piè.
(circondandolo, e danzando intorno a lui cercando di trattenerlo)
Di baci amorosi,
di doni graziosi
la tenera madre
mercé ti darà.
A lei, che t’è cara,
tu cambio prepara
di vezzi, di baci
che tanto amerà.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
Page 3 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
Scene 6
Armando, sotto il nome d’Elmireno, entra in fastose vesti saracene, avanza con precauzione e premura.
ARMANDO
[5] - Cessi, o miei fidi, la sorpresa.
Io torno di nuovi allori adorno
dal campo della gloria... Ma precedo
gli invitti miei guerrieri.
A sperati piaceri,
fra i più teneri oggetti
qui mi chiamava il cor: s
ol qui poss’io
veramente felice?...
(Mirva che vagava, ritorna e lo vede, corre subito da
Armando che lo bacia e lo abbraccia)
Ah! il figlio mio!
O Mirva! Caro...
O figlio dell’amore,
dal tenero sorriso,
in dolce calma al core
ti stringe il genitor.
Nel più soave errore
s’illude intanto il ciglio:
e bacio in te, mio figlio,
la madre d’amor.
O teneri amplessi!...
Oh! vezzi innocenti!...
Fra tanti contenti
già langue il mio cor.
[6] - E Palmide!... ella sola
or manca al mio contento...
Scene 7
Palmide, dagli appartamenti, ed Armando.
PALMIDE
(tenerissima, ma triste)
E tu consola
Palmide tua... se il puoi.
ARMANDO
(fissandola, e con dolce rimprovero)
Quando io torno,
quando tu stringi al seno e sposo, e figlio
Tu gemi? Spunta il pianto sul tuo ciglio!...
PALMIDE
(con affanno)
Gemo per te, per questo
del nostro amor tenero pegno.
Orrenda su noi pende sciagura.
ARMANDO
E quale?
PALMIDE
Il mio buon padre
sposo a te mi scelse.
ARMANDO
(colpito)
Oh dio!...
Che intendo!...
PALMIDE
Già s’appresta
in profan tempio d’Imeneo la festa...
Ed io son già tua sposa... di tua fede,
che da un lustro abbracciai, coi sacri riti
noi già in segreto uniti!...
ARMANDO
(atterrito)
Ecco arrivato
quell’istante fatal che ognor temei.
Odiami: io t’ingannai;
la mia patria, il mio culto io ti svelai,
ma tu per anco ignori
ch’io sono cavaliere,
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
iniziato di Rodi...
PALMIDE
E già di Rodi
giunge di cavalieri
un’ambasciata da Aladin.
ARMANDO
(colpito)
Che dici?...
Qual fulmine! E se mai
un congiunto, un amico!... e n’è mio zio
il gran maestro; e se mai noto ch’io
le divise portai de’ saraceni!
E che per lor pugnai!
Oh! infamia! E s’ei mi chiede
conto di quella fede
che a Felicia promisi!...
PALMIDE
(timida, affannosa)
Felicia! e questa! Oh cielo!...
ARMANDO
Giovinetta
illustre figlia meco già educata...
E a me destinata sposa...
PALMIDE
(con pena)
Che scopro! e come! e adesso!...
ARMANDO
(disperato)
Aborrimi: me stesso io già detesto...
Qui Aladino ingannato...
Là mio zio fremente,
Felicia... i cavalieri... Traditore
dell’onor, del dover... Morte può solo
togliermi a tanta infamia.
Lunge io volo
da te a spirar, a terminar l’orrore
di vita sì funesta.
(sta per partire)
Page 4 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
PALMIDE
(con passione)
Deh! per pietà, t’arresta.
[7] - Ah! non ti son più cara,
se mi puoi dir così.
ARMANDO
Mai fosti a me più cara,
e mai t’amai così.
PALMIDE
(tenerissima)
E dunque a me vicino
resta, mio dolce amor.
ARMANDO
(cupamente)
Del mio crudel destino
si dée compir l’orror.
PALMIDE
Al pianto arrenditi...
ARMANDO
Deh! per pietà nascondilo.
PALMIDE
Barbaro! e il figlio!... guardalo.
(prende Mirva, e lo presenta con agitazione ad
8.660245-47
Armando)
ARMANDO
Ah! tu mi strappi l’anima...
PALMIDE
Ei ti domanda un padre!...
ARMANDO
Ed io non moro ancor!
PALMIDE
E tu resisti ancor?
ARMANDO
Lasciami!
PALMIDE
Guardalo!
PALMIDE e ARMANDO
Non v’è per noi più speme:
amor, piaceri, addio.
In un momento, oh dio!
tutto per me/noi cangiò.
Lontan da te, ben mio,
languir, sì, morir, sì, dovrò.
(partono da opposte parti)
Scene 8 (omitted)
Scene 9
Porto di Damiata. Superbi edifici d’intorno. Navi di varie nazioni, con le loro bandiere spiegate. Navi del sultano
magnificamente adorne. Il popolo accorre all’approdo del vascello reale addobbato festosamente; piccole barche
egiziane, con graziosi fregi, le precedono e le circondano. Osmino con gli emiri, le guardie del sultano; e tutti i Soldati
sono presenti.
CORO DI POPOLO e FILICIA
(si alterna con dei danzatori)
[8] - Vedi il legno, che al cielo vivente
mollemente sul Nilo s’avanza...
Ci porta la pace.
Spira un’aura leggera, soave...
È l’aura di pace:
l’onda mormora placida, e cheta,
lieta bacia, accarezza la nave...
Che porta la pace.
(il vascello è alla riva)
Echeggi d’intorno
di pace l’accento:
di gioia concento
festeggi tal dì...
(i cavalieri si mostrano sul vascello)
E lieto sull’onda
risponda così.
FELICIA
(in abito d’araldo, sul vascello, con ramo d’ulivo)
[9] - Popoli dell’Egitto,
valorosi guerrieri,
sul Nilo ecco di Rodi i cavalieri,
non più vostri nemici.
Pace vengono a offrir,
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
eccone il pegno.
[10] - Pace io reco,
a noi più grata
delle palme di vittoria:
e la patria consolata
lieta ormai respirerà.
Ben più cara d’ogni gloria
è la sua felicità.
(Felicia scende con vari cavalieri)
CORO DI POPOLO
Vieni: e il sacro della pace
con noi cangia stabil pegno.
La tua patria al nostro regno
fida unisca l’amistà.
FELICIA
(Caro ben, tu qui peristi,
e più pace il cor non ha.
[11] - Ah! più sorridere,
labbro d’amore,
fra dolci palpiti, non ti vedrò.
Mai, cara immagine, ti scorderò.
Page 5 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
Oh cielo, arrenditi, a’ voti miei:
pietoso uniscimi al mio tesor...
Consola un tenero ardente cor.)
CORO DI POPOLO
A pace arridano gli amici déi;
torni la patria felice ancor.
8.660245-47
OSMINO
[12] - Tu, degli illustri cavalier di Rodi
araldo, lor dirai che d’Aladino
schiusa è ad essi la reggia.
FELICIA
E apprezzarla sapranno
di Rodi i cavalieri.
Scene 10
Dal vascello scende ora Adriano, in abito di semplice cavaliere di Rodi, accompagnato da un cavaliere.
ADRIANO
[13]- Tutto d’intorno tace omai:
deserta è già la spiaggia.
In questa di rodian cavalier spoglia modesta
inosservato vuò inoltrar.
Io premo il fatal lido...
Oh dio!
Forse qui cadde il mio
dolce nipote, l’ultimo sospiro...
forse a me volto, ei qui esalò dal seno.
Ah! la sua tomba ritrovassi almeno!
Sarebbe a me sì caro
bagnarla del mio pianto!
Baciarla, e sacra pace intanto
al ceneri implorar! -
ADRIANO
(con gioia, abbracciandolo)
Armando!...
Dolce nipote!...
(s’avvede dell’abito saraceno: si stacca da lui, e con
fremito e sdegno)
Oh ciel! che veggo!
Sciagurato! che festi!
In quali spoglie!
ARMANDO
Apriti, o terra.
ADRIANO
Il figlio di mia sorella!
Un cavalier di Rodi!
Che orror! perfido! parla: e come!
(resta pensieroso)
ARMANDO
(dal fondo)
[14] - L’angustia mia,
questa smania è insoffribile.
Son quelli due cavalier.
Potessi, ardir... si cerchi.
ADRIANO
(scuotendosi)
Del sultano a noi
s’avanza un alto emiro. ..
ARMANDO
(accostandosi)
A voi
salute, illustri cavalier...
ADRIANO
(colpito dalla voce)
Gran dio!
Questa voce!...
ARMANDO
(vicino e riconoscendolo)
Che veggo!
ADRIANO
(riconoscendolo)
Egli!...
ARMANDO
Mio zio!
(Ciel! qual fulmine!...)
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
ARMANDO
Il caso,
e la necessità: ferito, esangue,
rimasto sol de’ miei compagni estinti
le indossai per salvarmi.
ADRIANO
(severo)
E abbandonasti
le auguste insegne dell’onor!
Sapevi ch’era viltà, delitto!
ARMANDO
Io ne serbai
fido ognor la spada... e tu non sai
quanto più cara a me divenne, e quale,
qual prezzo v’attaccai!
ADRIANO
(grave)
Porgila.
ARMANDO
(sorpreso)
Che?
ADRIANO
Obbedisci.
ARMANDO
(con pena gli porge la spada)
Eccola.
ADRIANO
(solennemente)
In nome
Page 6 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
del nostr’ordine augusto, io, gran maestro,
io riprendo a te, Armando, questa spada
che tu disonorasti,
e... la spezzo.
(rompendola)
ARMANDO
(oppresso)
Ah!
(poi con vivacità)
Mi rendi,
rendi a me quell’acciaro.
ADRIANO
E che pretendi?
[15] - Va’: già varcasti, indegno,
della perfidia il segno:
scordasti patria, onore,
tradisti la tua fé...
Ti lascio al tuo rossore,
fremo d’orror per te.
Sì, fremo d'orror per te!
ARMANDO
Ah! dai rimorsi oppresso
orrore ho di me stesso:
perdona, oh dio! l’errore,
abbi pietà di me.
M’avvampa ancor nel core
fiamma d’onor, di fé.
Sì, fiamma d'onor, di fé!
ADRIANO
Vuoi meritar perdono?
ARMANDO
Posso aspirarvi?
Imponi.
ADRIANO
Le insegne ree deponi:
sappia Aladin qual sei.
Meco partir poi déi...
ARMANDO
Partir!... (oh cielo!... e Palmide!...)
ADRIANO
Sposo a Felicia omai...
ARMANDO
Io sposo di Felicia!...
ADRIANO
Tu fremi? Ahimé... se mai!...
Fremi!... i tuoi giuri!...
ARMANDO
(disperato)
Svenami:
io tradii tutto.
ADRIANO
Perfido!
E per chi mai!...
ARMANDO
Odi...
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
8.660245-47
ADRIANO
Taci... qual nuovo orror!
ARMANDO
Odi... qual nuovo orror!
[16] - Non sai quale incanto
quest’alma sorprese:
colei che m’accese
mortale non è.
Di grazie, candore
complesso celeste
nel solo mio core
trovava mercé...
La misera or muore...
E muore per me.
ADRIANO
Nel duolo, nel pianto
tua madre gemeva:
io seco piangeva,
ingrato, per te.
Tu in seno all’amore
tu intanto languivi!
Tradivi l’onore,
i voti e la fé!...
Tua madre si muore...
E muore per te!
La misera muore
e muore per te!
ADRIANO
Scegli dunque!
Un cieco amore!...
ARMANDO
(marcatamente)
Vincerò.
ADRIANO
Virtù... e onore!
ARMANDO
Seguirò.
ADRIANO
(cava la sua spada)
Su questa spada...
Fu la spada di tuo padre,
or lo giura.
ARMANDO
(con trasporto)
Ah! porgi: ch’io
la baci. Padre mio!
Io te invoco... per te giuro.
Di te degno tornerò.
ARMANDO
Il brando invitto
del genitore
il mio valore
accenderà.
D’ogni nemico,
d’ogni periglio
con esso il figlio
trionferà.
ADRIANO
Il brando invitto
del genitore
Page 7 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
il tuo valore
accenderà.
D’ogni nemico,
d’ogni periglio
8.660245-47
con esso il figlio
trionferà.
(partono)
CD 2
Scene 11
Delizioso padiglione nei giardini. Felicia, s’inoltra lentamente.
FELICIA
[1] - Quai rimembranze amare
lagrimevoli! Il mio
diletto Armando qui perdetti anch’io.
(siede triste, pensosa)
Scene 12
Alma, con Mirva, poi Palmide.
ALMA
Vieni,
Mirva gentil...
FELICIA
(fissando il fanciullo)
Oh caro,
amabile fanciullo!...
(lo bacia e abbraccia con trasporto)
PALMIDE
E che... Mirva!...
FELICIA
Lo piangeremo
dunque insieme.
PALMIDE
E tanto
dunque a te caro Armando!
FELICIA
Ah! dato avrei
volentier per salvarlo
i giorni miei.
PALMIDE
(indecisa)
E... s’egli!... Alma, nessun qui ci sorprenda.
(lo chiama: egli corre a lei)
(Alma si ritira)
FELICIA
Un istante!
Ei mi ricorda sembianze...
le più adorate.
PALMIDE
(con interesse)
E di chi mai?...
FELICIA
Del mio
caro... fratel.
PALMIDE
(vivamente)
[2]- D’Armando Orville!...
FELICIA
(colpita, agitata)
Gran dio!
Lo conoscesti!
PALMIDE
(con passione)
E quanto!
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
PALMIDE
E se Armando vivesse!...
FELICIA
Vuoi lusingarmi!
PALMIDE
(timida)
E se questo fanciullo!...
FELICIA
(scossa)
(Ciel!... io già tremo.)
Ebben...
PALMIDE
Giura il segreto.
FELICIA
(ansiosa)
Te ’l giuro.
Or... quel fanciul...
PALMIDE
Figlio è d’Armando.
Page 8 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
FELICIA
(agitatissima)
E... sua madre!...
PALMIDE
(s’abbassa e bacia Mirva)
Lo bacia.
FELICIA
(con affanno, e forte)
Oh! sventurata
Felicia!
PALMIDE
(colpita)
Tu Felicia! Destinata
già ad Armando consorte!
Oh! noi miseri!
Oh! figlio! Infamia... morte
ecco il nostro destin.
(con fierezza, per partire)
FELICIA
(con sforzo)
Ferma, infelice:
tu sei madre;
sperar, viver ti lice.
PALMIDE
(amaramente)
Sperar?
FELICIA
Sì! quel fanciullo
sciolse i miei nodi,
e strinse i tuoi.
PALMIDE
Potrai
tu a me cedere Armando?
Scordarlo?
FELICIA
(con sospiro)
Io potrò cederlo, scordarlo...
Oh Dio! no ’l so.
L’ingrato me obliò, l’amor nostro,
fede... tutto.
E dell’ingrato, ohimè!
Per mio tormento,
sembianze, voce, amor,
tutto rammento.
PALMIDE
Dimenticarlo io pur
non saprei mai.
FELICIA
Non conosci, non sai
l’arti di quest’amabil seduttore!
Giovinetta, col cuor dell’innocenza,
sotto il bel ciel della natia Provenza,
tenero trovatore, al raggio amico
d’argentea luna... l’ispirava amore...
odi com’ei parlava a questo core.
[3] - Giovinetto cavalier,
di bel giorno al tramontar,
co’ la dèa de’ suoi pensier
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
8.660245-47
sotto un salcio s’arrestar.
Tacque un po’ su lei fissò
poi lo sguardo, e sospirò.
La sua mano portò al cor...
e qui, disse, qui v’è amor...
Non fidarti, o giovin cor,
dell’accento dell’amor.
PALMIDE
(con espressione dolorosa)
Ah! conosco, conosco quest’accenti...
quel canto seduttor. Sotto le mura
del mio remoto harem così cantava,
così chiedeva amor...
Io già l’amava.
Cloe d’età nel bell’april
era giglio di candor:
sorrideva al suo gentil,
in un tenero languor.
Ma balzar quel cor sentì,
il suo tutto si agitò.
Un sospiro le sfuggì...
ei l’intese... e l’abbracciò...
PALMIDE e FELICIA
Non fidarti, o giovin cor,
dei sospiri dell’amor.
(la voce d’Armando dal vicino boschetto ripete i due
versi cantati da Palmide, C’è sorpresa e emozione)
ARMANDO
(voce di dentro)
Non fidarti, o giovin cor,
dei sospiri dell'amor.
PALMIDE
Ah! la sua voce! Oh cielo! Ciel!...
FELICIA
Che fai?...
O, Palmide...
PALMIDE
(agitatissima)
Ah! quel suo canto
forse esprime l’addio
del cavalier... ed io!...
FELICIA
Calmati, attendi...
PALMIDE
Armando!... Armando!...
FELICIA
Per pietà, attendi!
ARMANDO
(voce di dentro)
Tutto armato a lei venir
vide un giorno il suo tesor:
«Cara addio», con un sospir,
«son crociato», ei disse allor.
Cloe gelarsi il cor sentì...
quasi estinta al suol piombò.
Ei la fredda man baciò...
su lei pianse, e... disparì.
Page 9 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
FELICIA
Fier cimento!
Ah! quel sospir!
Che martir!
Così Felicia...
Stato crudel!
Quale ambascia!...
PALMIDE
Qual momento!
E quel sospir!...
Oh dolor!
L’istessa pena...
Io reggo appena.
S’ei mi lascia!...
(Felicia si ritira in disparte, mostrando la più viva
inquietudine)
8.660245-47
PALMIDE
(osservando Felicia con affanno)
S’ei la vede! - un dì l’amò...
Può amarla ancor!... Che far allor!...
Mi gela il cor crudo timor.
Mai provare, o giovin cor,
i martiri dell’amor.
FELICIA
(oppressa, e smaniosa)
D’avanzar ardir non ho...
D’un’altra in sen chi un dì l’amò!...
Questo è soffrir!... questo è dolor...
Mai provare, o giovin cor,
i martiri dell’amor.
(Armando torna ad abbracciare Palmide, poi, con
visibile sforzo, si stacca poi da lei e fugge)
ARMANDO
(compare, e corre al seno di Palmide)
Mai provare, o giovin cor,
i martiri del’amor.
PALMIDE
(seguendolo)
[4] - Armando!...
PALMIDE e FELICIA
Mai provare, o giovin cor,
i martiri del’amor.
FELICIA
(deliberatamente)
Armando!
ARMANDO
(poi staccandosi da Palmide, come colpito da tristi
pensieri)
Ma... il dover!... Un sacro onor!...
Ah! che l’addio sul labbro muor;
e mai partir da lei potrò.
Mai provare, o giovin cor,
i martiri dell’amor.
PALMIDE
Ferma...
FELICIA
Senti...
(con anelito e si perdono di vista)
Scene 13
Alma, con Mirva, poi i precedenti.
ALMA
È l’ora
già della festa, e Palmide s’oblia
in suo giusto dolor. Di te che fia,
sventurato fanciul!
ARMANDO
(di dentro, con grido)
Felicia!
FELICIA
(di dentro)
Arresta...
ALMA
Qual grido! E quale mai scena funesta!
ARMANDO
(tornando con disperazione, smarrito)
Ove salvarmi? Qui Felicia! Oh dio! Qual nuovo orror!
FELICIA
(tornando)
Armando!
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
ARMANDO
E non poss’io
né fuggir, né morir! Quel brando almeno,
che in mia disperazione
or mi togliesti, al seno, tu vibrami.
Ti vendica. Punisci
un empio... un traditor.
PALMIDE
(tenerissima)
Oh! sposo mio!
FELICIA
(marcatamente ad Armando)
L’odi tu! Guarda quel fanciullo.
ARMANDO
(oppresso)
Oh dio!
FELICIA
(come sopra)
E parli di morir?
ARMANDO
(come sopra)
Ma se tu sai!...
Page 10 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
FELICIA
Tutto... sì, e ti perdono.
ARMANDO
A me giammai
io perdonar saprei,
o sventurate, i tradimenti miei.
FELICIA
Tutto espiar ancor potrai.
Tuo zio...
ARMANDO
Mio zio!
Raggio celeste a quel gran nome
mi rischiara, m’accende, mi richiama
al dover, all’onor.
Dammi quel brando...
FELICIA
(marcatamente)
Io l’affido ad Armando.
8.660245-47
ARMANDO
Palmide!... figlio mio!...
Felicia!...
(vuol partire)
PALMIDE
Parti!... Io moro...
FELICIA
(sostenendola)
Spera...
ARMANDO
Addio!...
(parte)
FELICIA e PALMIDE
Oh dio!
(s’abbracciano e si ritirano)
Scene 14 (omitted)
Scene 15
Magnifico luogo nella reggia, circondato da giardini pensili. Si eleva, in prospettiva, una superba moschea la di cui porta è
chiusa. Da un lato un trono, con ricco divano per Aladino, e Palmide. Divani innanzi alla scena per i cavalieri; ve n’è uno a
parte, pei il Gran maestro. Aladino, Osmino, guardie ed emiri. Grande marcia. Emiri, guardie, Palmide con Alma (che
tiene Mirva per mano), e seguito di schiave e di schiavi. Imani col velo nuziale. Mentre Aladino va al trono con Palmide, il
coro si stacca dal corteggio e canta:
CORO DI IMANI
[5] - Gran profeta, ognor dal ciel
splenda ai riti protettor.
Questo sacro argenteo velo
simbol sia del tuo favor.
Dall’altro lato si vedono le guardie d’onore del Sultano,
preceduti dagli Araldi dei Cavalieri di Rodi, seguono gli
scudieri, le guardie del Gran maestro, indi i cavalieri;
Adriano li segue nell’abito di Gran maestro con suoi
paggi; seguono in ultimo gli scudieri, e fra questi
Felicia. I cavalieri cantano:
CORO DI CAVALIERI
Degli eroi sul gran sentiero
guida a noi son fede, e onor.
Bella gloria n’arde in cor,
a noi sacra è l’amistà.
L’innocenza oppressa, offesa
trova ognor in noi difesa:
nostra insegna fida ognora
gloria, fede, ed amistà.
CORO DI IMANI
Gran profeta, ognor dal ciel...
Adriano si alza quando Aladino entra. Al cenno Aladino,
Adriano e i cavalieri si siedono. Mirva porge una corona
d’ulivo ad Adriano. Altri fanciulli porgono corone ai
Cavalieri. Adriano nel riceverla osserverà Mirva con
interesse, e lo carezza. Palmide e Felicia seguono
ansiose, con lo sguardo, i movimenti d’Adriano.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
Terminata la marcia e la cerimonia:
ALADINO
[6] - Invitto, illustre gran maestro,
o prodi cavalieri di Rodi,
voi generosi,
pace ad offrirmi, ed amistà veniste,
io pace accetto.
ADRIANO
Nemico ancor
noi t’ammirammo. Ognora
fra generosi cor si pregia, si onora
valore, e lealtà.
ALADINO
Da questo istante
i franchi, schiavi miei,
liberi sono.
ADRIANO
(marcatamente)
Tutti?
ALADINO
Sì: tutti.
FELICIA
(Ah! lo comprendo.)
ADRIANO
(come sopra)
Page 11 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
Questo
fia gran giorno pe’ franchi.
PALMIDE
(E a me funesto.)
ALADINO
Fia pur gran giorno pe ’l mio regno.
8.660245-47
Sposo a Palmide mia figlia il valoroso
Elmireno oggi rendo,
un giovine guerrier ch’è già da un lustro,
del mio trono e sostegno,
l’amico del mio core:
ei fia mio successore.
ad Osmino)
Venga Elmireno.
Scene 16
Armando entra in abito di cavaliere di Rodi, in scena i precedenti.
ARMANDO
(dignitoso)
Più Elmireno non v’è.
Mio zio!
(si prostra avanti Adriano)
ALADINO, OSMINO e PALMIRA
(colpito)
Ciel che miro?
Ed è pur vero?
ALADINO
Oh tradimento!
(fremente)
Elmireno!... Elmireno!...
ARMANDO
Me di Rodi
cavalier conosci omai:
a’ tuoi sguardi io mi celai
schiavo reo di cieco amor.
Alla voce mi destai
del dover e dell’onor.
ALADINO
(come sopra)
Adriano!...
ADRIANO
A me nipote
d’eroi il sangue ha nelle vene.
Spento già su queste arene
io da un lustro il piansi ognor.
Sciolto omai da sue catene
di me degno il trovo ancor.
ALADINO
(a Palmide)
Oh! chi amasti!
PALMIDE
E ben l’ingrato
sa di quanto amor l’amai.
Ei scordar non potrà mai
come vinse questo cor.
Questo cor che a lui donai,
che abbandona nel dolor.
ALADINO
E fia ver? Tu traditore
tu! il mio amico! oh! te difendi.
Elmireno a me, deh, rendi:
perdonarti io posso ancor.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
Sul mio trono meco ascendi,
sposo a lei, per man d’amor.
ARMANDO
(deliberato)
No, decisi; il debbo: addio.
PALMIDE
(affannosa)
E potrai?
ALADINO
(severo)
Pensa...
ARMANDO
(come sopra)
Pensai.
ALADINO
(fremente)
Tu non sai!...
ARMANDO
(come sopra)
So il dover mio.
ALADINO
(contenendosi a stento)
Scegli ancora... o i miei furori...
ARMANDO
(intrepido)
So morir...
ALADINO
(cava il pugnale)
Perfido! e mori...
FELICIA
(che fra i cavalieri ha osservato i movimenti d’Aladino,
si slancia e si mette d’avanti d’Armando, e con tutta
fermezza:)
Ah! t’arresta.
Se di sangue hai tu desio
tutto il mio si verserà.
E per lui ch’è a me sì caro
dolce morte a me sarà.
ALADINO
(sorpreso)
Egli!...
Page 12 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
FELICIA
È il mio... fratel.
ALADINO, OSMINO e CORO DI IMANI
Vendetta!
ALADINO
(per ferirlo)
Ebben che muoia.
ADRIANO
Orrore!
FELICIA, ADRIANO e CORO DI CAVALIERI
(ad Aladino e Felicia)
Che fai?
PALMIDE
(a tutti)
Pietà!
TUTTI tranne ALADINO e OSMINO
Ah, quale orror!
ARMANDO, PALMIDE e FELICIA
[7] - Sogni, e ridenti
di pace, amor
furo i contenti
di questo cor.
Non v’è più pace
non v’è più amor.
ADRIANO, ALADINO e OSMINO
Sogni, e ridenti
di pace, amor
furo i contenti
di questo cor.
Non v’è più fede
non v’è più onor.
ALADINO
(ad Osmino)
[8] - Ite, superbi.
Osmino, guidali al lor soggiorno:
al’ire mie s’involino,
pria che risorga il giorno.
Quell’empio in atro carcere
si serbi al mio furor.
FELICIA
(con impeto)
E l’oserai?...
ADRIANO
(ad Aladino)
Son questi
dunque i tuoi cenni estremi?
ALADINO
Sì, chi m’insulta tremi.
ADRIANO
Di noi tu trema!
ALADINO
Audace!
ADRIANO
Dunque guerra!
ALADINO, OSMINO e CORO DI IMANI
Sia guerra!
ADRIANO
Vendetta!
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
ALADINO, OSMINO e CORO DI IMANI
Orrore!
(Aladino rivolto ad un imano, che va alla moschea e ne
apre la porta)
ALADINO
Va’: tuoni omai dal tempio
quel bronzo formidabile
il di cui suon terribile
segno è di guerra ognor.
(due imani staccano la
sventoleranno sulla porta)
E voi spiegate il fulgido
vessillo de’ credenti.
Segnale ognor di gloria,
de’ perfidi terror.
grande
bandiera,
e
la
(i cavalieri sventolano la lor bandiera)
ADRIANO
Più sacra di vittoria,
più certa insegna è questa:
già a fulminar s’appresta
chi fede e onor tradì.
FELICIA
(abbracciandoli)
Così lasciarvi!...
ALADINO
Paventa...
PALMIDE
Così ti perdo!
ADRIANO
Paventa...
ARMANDO
(con affanno, staccandosene)
Addio.
TUTTI
Guai se tuona quel bronzo tremendo
che diffonde il segnale di guerra!
Guai se il brando si snuda del forte!
Guai se spiega l’insegna di morte!
Allo scoppio di fulmine orrendo
le sue furie l’averno disserra...
E già mille in sì atroce momento
crude smanie mi sento il cor.
ADRIANO, ARMANDO, ALADINO, OSMINO e TUTTI
DEL CORO
All’armi vi chiama
la gloria, la fede:
vendetta vi/ci chiede
la patria, l’onor.
Marciamo alla gloria.
Trionfi il valor.
PALMIDE e FELICIA
Deh, cedi a chi t’ama:
Page 13 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
rammenta la fede;
pietade ti chiede
natura ed amor.
Oh! barbara gloria!
Funesto valor!
ALADINO e OSMINO
Sì, superbi...
punirvi sapremo.
8.660245-47
ADRIANO, ARMANDO, ALADINO e OSMINO
Recheremo la morte,
recheremo ognor!
ADRIANO, ARMANDO, ALADINO, OSMINO e TUTTI
DEL CORO
All’armi vi chiama
ecc.
PALMIDE e FELICIA
Deh, cedi a chi t’ama:
ecc.
ACT 2
La stessa scena del finale dell’atto precedente. Osmino con e vari emiri.
Scenes 1, 2 and 3 (omitted)
Scene 4
Felicia, avanzando incerta e agitata.
FELICIA
[9] - Ove, incauta m’inoltro?...
Chi m’addita il destin del caro bene?
Misero! Fra catene,
nell’orror d’atro carcere, diviso
da quanto ha di più caro,
ei gemerà: piangerà forse... e un solo
di quei sospir, di pianto
una stilla... un pensiero
non sarà per Felicia! Sventurata!
Ed io pur l’amo ognora!
Per salvarlo tutt’oso cimentar.
I giorni miei per l’amato
infedel lieta darei.
[10] - Ah! ch’io l’adoro ancor,
scordar no’l so:
ei vive in questo cor,
che ognor l’amò.
E vittima d’amore
sempre penar dovrà
questo mio cor così
dunque penar dovrà...
senza sperar pietà!
Scene 5
Osmino e vari emiri.
OSMINO e CORO DI EMIRI
In questa reggia, stranier, che vuoi?
Periglio corrono i giorni tuoi:
va’; d’Aladino fuggi al rigor.
FELICIA
Ah! del sultano al piè vorrei
pe’l mio germano cercar pietà.
OSMINO e CORO DI EMIRI
Salvo Elmireno dunque tu brami!...
FELICIA
Ah! tu non sai quanto ch’io l’ami?
OSMINO e CORO DI EMIRI
Forse potrai salvarlo ancor.
FELICIA
Spiegati omai: favella, imponi.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
OSMINO e CORO DI EMIRI
I tuoi compagni cauto disponi
nostri disegni a secondar.
Tu lo potrai, forse salvar.
FELICIA
Io lo potrei dunque salvar?
[11] - Come dolce a lusingarmi,
bella speme, mi torni al core!
Si dilegua il mio timore,
e comincio a respirar.
Pur che viva il caro bene,
per lui tutto si cimenti:
e felice un dì rammenti
quanto lo seppi amar.
OSMINO e CORO DI EMIRI
Se perigli non paventi
di salvarlo puoi sperar.
Page 14 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
FELICIA
Come dolce a lusingarmi
ecc.
(Felicia parte)
Scene 6 (omitted)
Scene 7
Deliziosa e ombrosa parte nei giardini del sultano. Palmide è triste ed assorta.
PALMIDE
[12] - O solinghi recessi!
ombre gradite...
placid’aure... soggiorno della gioia d’amor...
Oh! come intorno
tutto parmi cangiato,
tutto parmi sì triste e muto!
Ei non v’è più: non v’è chi di mia vita
l’ore, fra voi, rendea sì liete serene:
non v’è più l’idol mio, il mio bene.
a me presente.
Una sol volta ancor
ch’ei torni a questo cor;
lo sposo mio veder...morrei contenta.
[13] - Tutto qui parla ognor
del mio felice amor:
l’immago del piacer
ALMA
Guarda a chi déi
conservarti.
[14] - Ma ciel!... s’ei mai perì! se il genitore
l’immolò al suo furor! s’io lo perdei!...
per chi vivere omai?
(entra Alma con Mirva)
Scene 8
Aladino, Osmino, emiri, e dette.
OSMINO
(accennando Mirva ad Aladino)
Lo vedi?
Non te ’l dissi?
PALMIDE
(abbracciando Mirva)
Oh mio figlio!
Figlio mio!...
ALADINO
Tuo figlio!
Mora.
(avventandosi)
PALMIDE
Oh dio!...
ferma crudel!... non sai!...
ALADINO
(fremente)
Parla.
Un accento... omai
il mio giusto furor su te, su lui...
Quel sangue...
PALMIDE
È sangue tuo... barbaro! sangue
è di quell’Elmireno...
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
ALADINO
Perfido!
PALMIDE
Eppure tu l’amavi. Degno
della man di tua figlia, del tuo regno
a me l’offristi. Ed io
pur l’adorava. Amore
prevenne i voti tuoi:
or se vendetta vuoi,
se vuoi punire un infelice affetto,
sfogati nel mio sangue, eccoti il petto.
[15] - D’una madre disperata
vibra omai quel ferro in seno, sì:
su me sola sfoga almeno,
disumano, il tuo furor.
Scorda quanto a te fui cara,
amistà, natura oblia.
Basti a te la morte mia;
ferma i pegni del mio cor.
(osserva l’emozione di Aladino, prende Mirva e lo
presenta al padre con grande commozione)
Deh! mira l’angelo
dell’innocenza
a te sorridere
nel suo candor:
le braccia stendeti,
chiede clemenza
per l’infelice
sua genitrice;
perdono al misero
Page 15 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
suo genitor.
CORO DI EMIRI
(rivolti a Aladino)
[16] - Ai suoi pié,
ai suoi pianti,
deh, si calmi il tuo furor.
ALADINO
(cedendo, e con affezione)
Come si può resistere?
Venite a questo seno.
PALMIDE
(esultante)
Stringi il mio figlio! Oh giubilo!
Ah! dell’affanno il palpito
tutto in piacer cangiò.
Ma dove? Dov’è Elmireno?
ALADINO
(ad un emiro)
Tosto Adriano inviami:
attendi qui lo sposo.
8.660245-47
PALMIDE
Le sue catene a sciogliere
io stessa volerò.
CORO DI EMIRI
Come repente in giubilo
la pena tua cangiò!
PALMIDE
Con qual gioia le catene
del mio bene, io scioglierò!
Altri lacci, più soavi,
casti abbracci, io recherò.
Al mio petto... (o qual diletto)
sposo, e figlio stringerò.
A sì caro bel momento
di contento morirò.
CORO DI EMIRI
Come in giubilo
la pena tua cangiò!
PALMIDE
Con qual gioia le catene,
ecc.
(parte con Alma, Mirva e gli emiri)
CD 3
Scene 9
Adriano, poi Aladino.
ADRIANO
[1] - A che mi chiami?
A’ nuovi oltraggi? omai
pronto a lasciar d’un despota l’impero...
ALADINO
Tu rimarrai... lo spero.
ADRIANO
A chi onor sente e fede
rimaner più non lice, ove, a talento
d’un barbaro, s’arrestan prigionieri
amici cavalieri.
ALADINO
Tutti liberi sono.
ADRIANO
(sorpreso)
Mio nipote?...
ALADINO
Eccolo.
Scene 10
Armando, e detti.
ADRIANO
Ed è ver? Di contento
un raggio ancor!
ALADINO
(marcatamente)
Son io
ancor despota, e barbaro!
Tu, imita il mio tenero core, deh! perdona
a tuo nipote.
ADRIANO
A lui già perdonai.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
ALADINO
Ma... tu allor non sapevi...
Or or soltanto il seppi anch’io... lo vidi...
m’intenerì.
ADRIANO
(turbato)
Ebben!... Quel figlio!...
ARMANDO
(con angustia)
(Io più non reggo.) È mio!
Page 16 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
ADRIANO
Tuo!
ARMANDO
(come sopra)
È figlio di Palmide.
8.660245-47
ADRIANO
(con fremito)
Taci. Rossore
della patria, de’ tristi giorni miei...
più cavalier, più sangue mio non sei.
(parte)
Scene 11
Aladino e Armando, che è visibilmente oppresso.
ALADINO
Sventurato! confortati.
ARMANDO
(come farneticando)
Perduto
avrò tutto così?
ALADINO
Consorte, figlio
ti rimangono ancora...
E un amico: riprendi
in questo sen coraggio.
Qui patria avrai...
ARMANDO
Io mi lusingo ancor
di placar Adriano.
ALADINO
E come?
ARMANDO
Lascia ch’io Palmide, e il figlio
a lui dinnanzi guidi ancora.
ALADINO
E speri?
ARMANDO
A me noto è quel cor.
Fidati.
ALADINO
Vanne.
Fausta arrida la sorte
ai tuoi disegni.
ARMANDO
Ciel! tu lo sai,
se d’un bel cor son degni.
Scenes 12 and 13 (omitted)
Entra Palmide con Mirva, e detto.
ARMANDO
Ti senti il core
del tuo sforzo capace?
Pronto a gran sacrifizio?...
PALMIDE
(con ardore)
Parla, che resta?
ARMANDO
Far palese omai
a mio zio, ai cavalieri il nostro nodo,
la tua novella fede.
PALMIDE
(timida)
E il padre mio!
ARMANDO
Fuggir...
PALMIDE
Fuggirlo? E dove?
.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
ARMANDO
[2] - In sen del nostro
possente nume.
Forza a lui domanda...
e l’otterrai...
PALMIDE
Ma... or temo
d’esserne indegna... e fremo...
In questo core
quel dio ha un rival...
Mio padre!...
ARMANDO
Tu sei già sposa, e madre. Lascerai
e sposo, e figlio!...
PALMIDE
(deliberatamente)
Che? lasciarvi? Ah! mai...
ARMANDO
Ebben vieni. In quel tempio
de’ nostri cavalier... Se n’apre appunto
la veneranda soglia...
ei stesso... Ecco l’istante.
Page 17 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
Scene 14
Adriano, Felicia, cavalieri dal tempio, e detti.
PALMIDE
Cielo!...
ARMANDO
(verso Adriano)
Signor!...
ADRIANO
(fiero)
Ed osi!...
FELICIA
(verso Palmide)
Amica!...
PALMIDE
(ad Adriano)
Arresta.
FELICIA
Odili.
ARMANDO
Deh!... signor...
FELICIA
A lor pietoso...
ADRIANO
(a Felicia)
E tu implori per lor?...
PALMIDE
Calmati. Rendi
a lui l’amor, e con lui m’ama.
Apprendi ch’io son credente.
ADRIANO
(con sorpresa, e gioia)
Ciel! fia vero?
ARMANDO
Da un lustro
ella abbracciò in segreto il nostro culto,
e divenne mia sposa.
ADRIANO
Io morirei
dunque felice ancora?
FELICIA
In te dunque una suora
io troverò?
ADRIANO
Compi ora l’opra, e giura
sulla tua nuova fé, giura a quel dio
che t’ispirò, d’abbandonar un empio
a lui nemico suol, ove a credente
rimaner più non lice.
PALMIDE
Ma vi lascio mio padre... ed infelice
io lo lascio.
ADRIANO
Il tuo dio prima.
Decidi.
FELICIA
Il tuo sposo, il tuo figlio!...
ARMANDO
(O cor sublime!)
PALMIDE
Il mio sposo! Il mio figlio! E quale sposa...
resistere, potrà?...
ADRIANO
Già s’apre il cielo
per udire i tuoi voti...
i giuri tuoi...
PALMIDE
Io tutto giuro... adoro
il nostro nume...
ADRIANO
Ed io per voi l’imploro.
Armando e Palmide si inginocchiano: Mirva è in mezzo
a loro. Adriano è dietro loro, rivolto al cielo, e posa le
sue mani sulle loro teste. Felicia è commossa e i
cavalieri sono in raccoglimento.
ARMANDO, PALMIDE e ADRIANO
[3] - O Cielo clemente,
che in seno mi leggi,
accogli, proteggi
il voto innocente,
t’adora, t’implora
natura, ed amor.
FELICIA, ARMANDO, PALMIDE e ADRIANO
Quel nodo, quei voti,
deh, tu benedici:
tu rendi felici,
consacra, o Ciel/o Signor...
T’adora, t’implora
natura, ed amor.
Scene 15
Entrano Aladino, Osmino, con gli emiri e le guardie.
ALADINO
(avanzando)
[4] - Che miro! Oh cielo!
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
PALMIDE e ARMANDO
Oh! istante!
Page 18 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
ALADINO
E Palmide?... Tu?...
PALMIDE
Oh periglio!
ADRIANO
(dignitoso)
Palmide, unita al figlio,
al nume del suo sposo
i loro voti han porto,
già n’abbracciar la fé.
ALADINO
(a Palmide)
E chi poté, spergiura!...
PALMIDE
Il cielo, amor... natura...
ALADINO
(ad Armando)
Tu fosti, o seduttore...
FELICIA
Deh! scusa in esso amore...
ALADINO
Tutto tradì l’ingrato.
ARMANDO
Primo di nobil alma,
e sacro vanto è amore:
così serbarlo a un figlio
doveva un genitor.
PALMIDE
Oh, padre!...
ALADINO
Ti scosta, involati,
indegna, a’ sguardi miei.
A tutti voi la morte
riserba il mio furor.
PALMIDE
Ah! no...
OSMINO
Paventa!
ALADINO
Audace!
ADRIANO
Tiranno!...
FELICIA e PALMIDE
Signor!
OSMINO e CORO DI GUARDIE ED EMIRI
Ah! no: signor, non cedere;
punisci annienta i perfidi;
su gli empi piombi il fulmine
del giusto tuo rigor.
ALADINO
A tutti voi la morte
riserba il mio furor!
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
8.660245-47
OSMINO
Paventa!
ALADINO
Audace!
ADRIANO
Tiranno!...
FELICIA e PALMIDE
Ah! pensa...
ALADINO
Chiuso a pietade ho il cor!
PALMIDE
[5] - Ah! questo è l’ultimo,
crudele addio:
ti deggio perdere,
dolce amor mio;
ma teco Palmide
morir dovrà.
Così la vita
orror mi fa.
ARMANDO
Frena le lacrime,
mio dolce amore.
Vivi a quel tenero
pegno d’amore.
Cedi a una barbara
fatalità.
E consolarti
il ciel saprà.
ADRIANO
Sfogati, o barbaro:
appaga il cuore.
Tutto puoi struggere
nel tuo furore:
ma a te quest’anima
mai cederà. No...
Il tuo rigor
sfidar saprà.
CORO DI EMIRI
Ah! no: signor, non cedere;
punisci annienta i perfidi;
su gli empi piombi il fulmine
del giusto tuo rigor.
FELICIA
Per me non palpito
in tal momento:
per lor quest’anima
gemere io sento;
piango a sì barbara
fatalità.
Per essi è vano
sperar pietà.
ALADINO
Mirate esempio
del mio furore.
Tremate, o perfidi,
nel vostro core.
Paga quest’anima
alfin sarà.
I traditori
Page 19 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
punir saprà.
OSMINO
Mirate esempio
del suo furore.
Tremate, o perfidi,
nel vostro core.
8.660245-47
Paga quest’anima
alfin sarà.
I traditori
punir saprà.
(gli emiri e le guardie conducono i cavalieri; Aladino con
Palmide)
Scene 16
Osmino solo.
OSMINO
[6]- Aladin, troppo ardente,
cieco ne’ suoi furori,
s’abbandona ai trasporti, e incauto oblia
ch’esser gli può fatal d’Europa al guardo
dei Cavalier la morte
Così ognor più la sorte
seconda i miei disegni. I cavalieri
traggansi al mio partito,
debbano a me la vita. Del tiranno
che estinti li volea
tronchino i dì, puniscano l’orgoglio:
e il lor liberator guidino al soglio.
Scene 17
Interno delle carceri di Aladino. Adriano solo, indi Felicia con dei cavalieri.
ADRIANO
[7] - Tutto è finito. E ancor
pochi istanti, e poi morte.
Ebben, si mora.
Non m’è grave il morir: gemo soltanto
a veder spento il fior di tanti prodi
giovini illustri eroi
belle speranze della patria. E il mio
dolce nipote! oh dio! Di pianto io sento
umido il ciglio, intenerito il cor
cede a natura, al giusto suo dolor.
Ma stridon già le ferree porte.
Ogni debole affetto in petto
taccia omai.
(s’apre una porta, ed entrano dei cavalieri, fra quali Felicia, condotti da guardie che poi chiudono la cella)
A’ miei compagni, in questi
momenti estremi, a illustre morte sia
esempio, guida la costanza mia.
Cavalieri!...
CORO DI CAVALIERI
Adriano! Gran maestro!... Signor!...
ADRIANO
Il cielo ancora,
pria di morir, ci riunisce, e al cielo
alziam le menti, e il cor. Degni di voi,
intrepidi, devoti
prepariamoci a morir. Gli estremi voti
porgansi al nume, ed intoniamo intanto
il sacro della morte ultimo canto.
CORO DI CAVALIERI
Ed intoniamo intanto
il sacro della morte ultimo canto.
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
Page 20 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
ADRIANO e poi il CORO DI CAVALIERI
[8] - Suona funerea
l’ora di morte:
dell’uom la sorte
si compie già.
Incomprensibile,
fra auguste tenebre
a l'uom presentasi,
l’eternità.
Speriamo in te, signore,
de’ figli tuoi pietà.
Scene 18
Aladino, Osmino, emiri e guardie, e detti.
ALADINO
[9] - Guidati sian que’ perfidi,
Osmino, al lor supplizio:
sia la lor morte esempio
tremendo ai traditor;
a paventare apprendan
gli infidi i miei furor:
la vostre spade a noi
cedete alteri omai.
ADRIANO e CORO DI CAVALIERI
Le nostre spade? O ciel!
ADRIANO
[10] - L'acciar della fede
ai prodi si chiede?...
Noi ceder?... e osate?...
Superbi!... sperate!...
Ah! come lasciarlo?...
Ne freme il mio core. E come salvarlo?...
se vano è il valore?...
In mani infedeli
l’acciar della morte!...
In mani infedeli
l’acciar dell’onore!...
Che angosca crudele!...
Che smania! che orrore!
(poi come colpito da un’ispirazione)
Ma un raggio celeste
m’ispira, m’accende:
il cielo difende
di Rodi l’onor. Sì!
CORO DI EMIRI E DI GUARDIE
Qual raggio celeste
lo ispira, lo accende!...
Ah! il cielo difende
di Rodi l’onor.
ADRIANO
Cavalieri: all’ore estreme
trionfiamo ancora insieme!
Cavalieri me imitate.
CORO DI CAVALIERI
(snudano la loro spade)
Sì... ti segua!
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
(Adriano rompe la sua spada. I cavalieri rapidamente
fanno lo stesso)
ADRIANO
(con dignità, gettando i pezzi della spada ai loro piedi)
Ecco i nostri acciari a voi:
così cedono gli eroi.
E presso di morte
un’anima forte
del vostro furore
trionfa così.
ALADINO e OSMINO
Vedrem forse in faccia a morte
tanto orgoglio vacillar.
CORO DI CAVALIERI
(snudano la loro spade)
Mille volte in campo armati
ne sapremo trionfar.
ALADINO e OSMINO
Tremate! Tremate!
CORO DI CAVALIERI
E presso la morte...
ALADINO e OSMINO
Vedremo, superbi!
CORO DI CAVALIERI
... un'anima forte
del vostro furore
trionfa così.
ADRIANO e CORO DI CAVALIERI
Or de’ martiri la palma
lieti andiamo a meritar:
e nel ciel soave calma
fra gli eletti a respirar.
Della fede tra gli eroi
io vi guido a trionfar.
Ma del nostro dio tremendo
la vendetta su voi piomba.
Di sterminio in atra tomba
questo regno ei cangerà.
(con eroismo)
Eroi della fede
per noi la morte è gloria!
All’immortalità.
Page 21 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
(parte con i cavalieri fra guardie. Aladino esce con gli emiri)
Scene 19 (omitted)
Scene 20
Grande piazza di Damiata: esterno del palazzo dei sultani; moschee, case e giardini. Un emiro, con alcune guardie,
conduce Armando.
ARMANDO
[11] - O tu, divina fé de’ padri miei,
sacro onor, tu che sei guida agli eroi,
deh, reggetemi voi. Fiero è il cimento,
terribile è il momento.
All’occaso tu volgi, o sole, i rai,
ma tu risorgerai nel tuo splendore,
ed io... io polve sarò. Teneri oggetti
de’ miei più cari affetti,
l’ultima volta dunque io v’abbracciai!
Tutto perder così...
Oh sposa mia! Di te che sarà mai?
E qual per noi destino!...
Cadrà chi n’avvilì?...
Vendetta avremo ancor?...
cadrà Aladino!...
Voi ci porgete i brandi?...
li celerem per or...
Non mancherà l’impresa...
mai di lui schiavi ancor...
ei puniria l’offesa...
de’ rei qual scempio allor!...
Ah! pria che tale orror
l’indegno pera.
[12] - Il dì rinascerà,
e primo suo pensier
sarà l’amato ben.
Ma invan m’attenderà
fra i sogni del piacer,
e dell’amor nel sen
invan m’attenderà.
Mi chiamerà...
sospirerà...
A te dintorno almen
ombra amorosa
potessi consolar
l’acerbo tuo dolor,
povera sposa!
CORO DI SARACENI
Udite or alto arcano...
fien salvi i vostri dì.
E qual per voi destino!......
cadrà chi v’avvilì.
Vendetta avrete ancor...
cadrà Aladino.
Noi vi porgiamo i brandi...
celateli per or:
non manchi l’alta impresa...
mai di lui schiavi ancor...
ei puniria l’offesa...
di voi qual scempio allor!...
Ah! pria che tale orror
l’indegno pera.
[13] - Sollecita, pietosa or tronchi morte
così misera vita: ecco, infelici,
i miei compagni, Felicia!... mio zio?
(Adriano, Felicia ed i cavalieri escono fra le guardie.
Osmino e gli emiri li conducono)
FELICIA
Armando!...
ARMANDO
E tu per me!...
ADRIANO
Morte s’avanza.
O Cavalieri: ardir, fede, costanza.
CORO DI CAVALIERI
[14] - Con noi qual alto arcano!...
Fien salvi i nostri dì?...
I DUE CORI INSIEME
Or dividiamoci...
l’istante attendasi...
Valor... furore...
morte... terrore...
ardir... silenzio,
e fedeltà...
OSMINO
[t15] - Primiero sul tiranno
io piomberò.
ADRIANO
(marcatamente)
Quest’armi puniranno
i traditor.
OSMINO
Egli viene.
Scene 21
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
Page 22 of 23
MEYERBEER, G.: Crociato in Egitto (Il)
http://www.naxos.com/catalogue/item.asp?item_code=8.660245-47
8.660245-47
Aladino, Palmide, emiri e i precedenti.
ALADINO
Cavalieri. Un istante ancor vi resta:
spingere al punto estremo
la mia clemenza ancora io vò. Scegliete...
ADRIANO e CORO DI CAVALIERI
Morte, e gloria.
ALADINO
Superbi! ingrati! e il vostro
fiero destin compiasi omai: tremate,
de’ giusti miei furori.
Muoiano, Osmin...
(Osmino è alla testa degli emiri e si avventano contro
Aladino)
OSMINO
Tu cadi intanto, e mori.
ARMANDO
(cava la spada, e ponendosi al fianco d’Aladino)
[16] - Ah! che fate! v’arrestate:
alme ree, di me tremate.
Io difendo un re tradito,
io fo scudo all’amistà.
OSMINO e CORO DI EMIRI
Di salvarlo invan tu speri.
ARMANDO
Trema.
OSMINO
Mora.
ADRIANO
Cavalieri.
(i cavalieri snudano le spade e s’avventano contro gli
emiri, li vincono e li atterrano)
Aladino si difenda,
si punisca il traditor.
(Armando vince Osmino e lo uccide)
ARMANDO
Così noi ci vendichiamo,
tu, se il puoi, ci aborri ancor.
ALADINO
(con emozione)
ⓟ & © 2010 Naxos Rights International Ltd.
Ah! son vinto. M’abbracciate.
ARMANDO
Dunque tu?
ALADINO
(unendolo a Palmide)
Siate felici.
E voi prodi, e fidi amici
fien di Rodi i cavalier.
CORO DI CAVALIERI
Tuoi leali e fidi amici
fien di Rodi i cavalier.
ARMANDO
(con trasporto)
Sposa!... figlio!... zio!
Quale eccesso di piacer!
[17] - Rapito io sento il cor
a tanto mio piacer...
Un sogno lusinghier
lo credo ancor.
Venite a questo sen:
gioite omai con me.
Io son felice appien,
cara, con te.
CORO DI CAVALIERI
Esultate, respirate,
amorosi, fidi sposi:
della gioia abbandonate
ai trasporti il vostro cor.
Quanti a voi, felici amanti,
lieti istanti appresta amor!
ARMANDOepoiIL CORO DI CAVALIERI
[18] - Verrai meco di Provenza
alle belle amiche sponde:
l’aura, il ciel, la terra, e l’onde:
tutto a voi sorriderà.
Ah! di tanti miei contenti
già l’idea brillar mi fa.
Noi vivremo per l’amore,
per la pace e l’amistà.
Ah! di tanti miei contenti
già l’idea brillar mi fa.
Curtain
Page 23 of 23

Documenti analoghi