Oggetti su piano Scuola di pittura bolognese Fondazione del Monte

Commenti

Transcript

Oggetti su piano Scuola di pittura bolognese Fondazione del Monte
Oggetti su piano
Scuola di pittura bolognese
Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna
Via delle Donzelle 2 – Bologna
Inaugurazione: sabato 17 gennaio ore 19
Date: domenica 18 gennaio – domenica 1 marzo
Orari: dalle 10 alle 19, tutti i giorni
INGRESSO GRATUITO
A cura di Antonio Grulli
Lista artisti: Riccardo Baruzzi, Pierpaolo Campanini, Paolo Chiasera, Leonardo Cremonini, Pirro
Cuniberti, Cuoghi Corsello, Flavio Favelli, Piero Manai, Giorgio Morandi, Alessandro Pessoli,
Concetto Pozzati, Sergio Romiti, Vincenzo Simone e Sissi
Oggetti su piano è una mostra collettiva che raccoglie i lavori di un gruppo di artisti, dell’ultima
generazione, formatisi in area bolognese, ma in grado - molti di loro - di raggiungere fama internazionale.
Artisti che hanno portato avanti una particolare riflessione sull’oggetto, inteso nelle sue varie accezioni,
attraverso il linguaggio della pittura.
Parlando di pittura e di raffigurazione dell’oggetto all’interno del contesto bolognese, il primo nome che
inevitabilmente emerge è quello di Giorgio Morandi. Anche per tentare di proiettare una nuova luce sul
maestro di Via Fondazza, è interessante provare a riflettere sul modo in cui in città gli artisti, anche i più
giovani, si sono approcciati in maniera assolutamente innovativa al concetto di oggetto.
La base in cui possiamo trovare le affinità maggiormente evidenti è sul tipo di immagine che viene
rappresentata nei quadri di questi artisti. Il punto di partenza della mostra è stata infatti una riflessione su
come, pur sviluppando percorsi completamente autonomi, questi artisti abbiano mantenuto forti punti di
contatto rispetto alle tematiche trattate e alle scelte stilistiche e formali, sia tra loro sia rispetto alla tradizione
che si è sviluppata in città nell’ultimo secolo.
Vi è un processo di “costruzione” del soggetto dipinto che può darci il diritto di parlare di “scuola” pittorica,
simile a quelle che ancora oggi è possibile rintracciare in luoghi laterali ma capaci di essere significativi
anche a livello internazionale, come Lipsia o Cluj in Romania (per fare solo due esempi). Una scuola, come
molta tradizione cittadina ci insegna, basata su di una particolare attenzione per gli elementi, gli oggetti e i
dettagli più semplici della vita quotidiana, ma filtrati attraverso una particolare visione metafisica e lirica in
grado di spostare il piano della pittura molto vicino ad una dimensione “teatrale” e di introspezione
psicologica e intellettuale, in alcuni casi addirittura di riflessione curatoriale e critica.
È questo un gruppo di artisti - giovani e mid career - che in molti casi hanno studiato assieme o si sono
frequentati in maniera intensa scambiando idee e creando veri dialoghi intellettuali. Al loro fianco saranno
però presenti i lavori di alcune figure storiche che sono stati gli iniziatori di idee sbocciate in questi anni e di
cui questi artisti più giovani sono stati alunni o ne hanno respirato le idee negli anni di formazione. In questo
senso la mostra potrebbe essere vista come un albero genealogico di parentele e affinità proprie di una vera
comunità artistica.
Abbiamo perso nel mondo dell’arte l’abitudine a costruire narrazioni desiderose di creare “scuole” o gruppi:
l’esercizio a trovare determinati stili, tematiche, valori che possano tenere raggruppati individui differenti.
Ancor di più si è persa l’abitudine a legare queste narrazioni ad un contesto geografico, come se il concetto
di comunità (che implica inevitabilmente una prossimità fisica e quindi anche geografica) non avesse più
senso. Come se l’arte vivesse in un luogo scollegato dalla vita di tutti i giorni. Come se la frequentazione
quotidiana e la vicinanza non fossero più necessarie per una conoscenza approfondita e la costruzione di una
trama e un tessuto.

Documenti analoghi