Poesie cortesi - IIS Severi

Commenti

Transcript

Poesie cortesi - IIS Severi
Guglielmo d’Aquitania
Ab la dolchor del temps novel
foillo li bosc, e li aucei
chanton, chascus en lor lati,
segon le vers del novel chan:
adonc esta ben c'om s'aisi
d'acho dont hom a plus talan.
Nella dolcezza della primavera
i boschi rinverdiscono, e gli uccelli
cantano, ciascheduno in sua favella,
giusta la melodia del nuovo canto.
E' tempo, dunque, che ognuno si tragga
presso a quel che più brama.
II De lai don plus m'es bon e bel
non vei mesager ni sagel,
per que mos cors non dorm ni ri
ni no m'aus traire adenan,
tro qu'eu sacha ben de la fi,
s'eI'es aissi com eu deman.
Dall'essere che più mi giova e piace
messaggero non vedo, né sigillo:
perciò non ho riposo né allegrezza,
né ardisco farmi innanzi
finché non sappia di certo se l'esito
sarà quale domando.
III La nostr'amor va enaissi
com la brancha de l'albespi,
qu'esta sobre l'arbr'en creman,
la nuoit, ab la ploi'ez al gel,
tro l'endeman, que·l sols s'espan
per la feuilla vert el ramel.
Del nostro amore accade
come del ramo del biancospino,
che sta sulla pianta tremando
la notte alla pioggia e al gelo,
fino a domani, che il sole s'effonde
infra le foglie verdi sulle fronde.
IV Enquer me menbra d'un mati
que nos fezem de guerra fi
e que·m donet un don tan gran:
sa drudari'e son anel.
Enquer me lais Dieus viure tan
qu'aia mas mans soz son mantel!
Ancora mi rimembra d'un mattino
che facemmo la pace tra noi due ,
e che mi diede un dono così grande:
il suo amore e il suo anello.
Dio mi conceda ancor tanto di vita
che il suo mantello copra le mie mani!
V Qu'eu non ai soing d'estraing lati
que·m parta de mon Bon Vezi;
qu'eu sai de paraulas com van,
ah un breu sermon que s'espel:
que tal se van d'amor gaban,
nos n'avem la pessa e·l coutel.
Io non mi curo di discorsi altrui
che mi possano separare dal mio Buon Vicino
poiché io so come succede per le ciance
per una frase che si pronuncia
certuni si vanno vantando d’amore
noi ne abbiamo la carne e il coltello
(A.Roncaglia)
Jaufré Rudel
1.
Quan lo rius de la fontana
s'esclarzis, si cum far sol,
e par la flor aiglentina,
e.l rossinholetz el ram
volf e refranh et aplana
son doutz chantar et afina,
dreitz es qu'ieu lo mieu refranha
2.
"Amors de terra lonhdana,
per vos totz lo cors mi dol!"
E no.n puesc trobar meizina
si non vau al sieu reclam
ab atraich d'amor doussana
dinz vergier o sotz cortina
ab desiderada companha.
3.
Pus totz jorns m'en falh aizina,
no.m meravilh s'ieu n'aflam,
quar anc genser cristiana
non fo, ni Dieu non la vol
juzeva ni sarrazina:
ben es selh pagutz de mana
qui ren de s'amor gazanha!
4.
De dezir mos cors non fina
vas celha ren qu'ieu plus am;
e cre que volers m'engana
si cobezeza la.m tol;
que plus es ponhens qu'espina
la dolors que ab joi sana!
Don ja non vuelh qu'om m'en planha.
5.
Senes breu de pargamina
tramet lo vers, que chantam
en plana lengua romana,
a.n Hugo Bru par Filhol;
bo.m sap quar gens Peitavina
de Berri e de Guiana
s'esgau per lui e Bretanha
1. Quando il rio della sorgente si fa chiaro, come suole, e sboccia la rosa canina, e l'usignolo sul ramo
svolge, riprende e forbisce il dolce suo canto e lo affina, è bene ch'io riprenda il mio.
2. Amore di terra lontana, per voi il cuore mi duole, e non posso trovar medicina, se non nell'eco del vostro
nome, al male di esser privato di dolce amore nel verziere o dietro cortina, in compagnia beneamata.
3. Poiché non ne ho mai l'occasione, non c'è da stupirsi se lo bramo: non vi fu mai, né Dio lo vuole, più
bella cristiana, né giudea o saracena. E' ben pagato con manna chi guadagna un po' del suo amore.
4. Il mio cuore non finisce di desiderare quella che io più amo; e credo che il volere mi inganna, perché la
concupiscenza me la toglie; è più pungente della spina il dolore che la gioia d'amore risana; dunque non
voglio che mi si compianga.
5. Quando ho modo di pensare a lei, allora la bacio e l'abbraccio, ma poi torno e mi rigiro: mi esaspera e
m'infiamma che il fiore non dia frutto. La gioia che mi tormenta abbatte le mie fierezze.
6. Senza foglio di pergamena invio questi versi cantando, in schietta lingua romanza, a Messer Ugo
Bruno, per mezzo di Filhol. Sono lieto che la gente del Poitou, del Berry e di Guienna da lei sia rallegrata, e
anche la gente di Bretagna.
Bernart de Ventadorn
Cras no vey luzir solelh,
tan mi son escurzit li ray,
e ges per aisso no m'esmai:
qu'una clardatz me solelha
d'amor, qu'ins el cor me raya;
e quan autra gens s'esmaya,
ieum inclinar enans que sordey,
per que mos chans non sordeya.
Prat mi semblon vert e vermelh
atressi com el temps de may;
sim te fin' amors cueind'e guay:
neus m'es flors blanch'e vermelha,
et iverns kalenda maya,
quel genser e la plus gaya
m'a mandat que s'amor m'autrey,
s'enquer no lam desautreya.
Paor mi fan malvat cosselh
per quel segles mor e dechai,
qu'aras s'ajoston li savay;
e l'us ab l'autre cosselha
quossi fin'amors dechaya:
ai malvada gent savaya!
qui vos ni vostre cosselh crey,
dombredieu perd'e descreya.
D'aquestz me rancur em corelh,
qu'ira me fan, dol et esglai,
e pesa lor lo jois qu' ieu ai;
e pus quasqus si corelha
de l'antrui ioi ni s'esglaya,
ja eu melhor dreg non aya
qu'ab sol deport vens'e guerrei
selui que plus mi guerreya.
Ja ma domna nos meravelh
s'ielh quier quem don s'amor nim bai,
contra la foudat qu'ieulh retrai:
fara l'en gran meravelha
si ja m'acola nim baya;
a! s'er ja c'om mi retraya
qual vos vi e qual vos vei
per benanansa quem veya!
Nueg e jorn pens, consir e velh,
planh e sospir, mas pueis m'apai;
on mielhs m'estai, eu plus maltrai:
mas us bos respiegz m'esvelha
don mos coratges s'apaya;
fols son quar dic que maltraya,
pus aitan ric amors envei,
bem vai ab sol que l'enveya.
Fin'amor, ab vos m'aparelh:
pero nom cove ni m'eschai,
mas quar per vostra merceus play
dieus cug que m'o aparelha
q'aitan ric'amors m'eschaya;
ai domna, per merceus playa,
aiatz de vostr'amic mercey,
pus aitan gen vos merceya.
Bernartz clama sidons mercei
pus aitan gent si merceya,
e sim breu d'ora no la vei,
no crei qu'a longas la veya.
***
I. Se ora son tanto oscurati i raggi del sole che
non ne vedo la luce, non mi turbo punto di ciò,
perché mi soleggia una luce di amore che
irraggia dentro del cuore; e laddove altri si turba,
io mi sento migliore anzi che invilire, e però il
mio canto non invilisce.
II. I prati mi sembrano verdi e vermigli, come di
maggio; così mi tiene disposto e leggiadro
l'amor fino: fiore bianco e vermiglio è la neve, e
calendimaggio l'inverno, perché la più nobile e
leggiadra mi ha fatto sapere che ella mi
accorderebbe l'amor suo, per ciò che ancora
non me lo contrasta.
III. Mi spaventano i consigli malvagi per cui il
mondo decade e muore; ché ora si accozzano i
tristi; e insieme si consigliano come potrebbe
decadere l'amore. Ah! gente malvagia e trista!
chi crede in voi e nelle vostre parole possa
perdersi e non più credere in Dio.
IV. Di costoro mi cruccio e mi accoro che fanno
ira, dolore e paura; e si affliggono se io son lieto
per amore: ma poiché ciascuno si accora e
agghiaccia per la gioia altrui, io non dovrei avere
migliore diritto che di combattere e vincere solo
coi mio godimento colui che più mi combatte.
V. Ormai non si meravigli la donna mia se contro
questa specie di matti le chiedo che mi dia
l'amor suo baciandomi; assai ne saranno turbati
se mi abbraccia e mi bacia. Oh se sarà mai che
alcuno mi ripeta quale io vi vidi e quale io vi
vedo per la buona ventura che mi vedessi!
VI. Giorno e notte penso e rifletto e veglio,
piango e sospiro, e poi mi cheto; quando mi va
meglio, più soffro: ma mi sveglia una bella
speranza, onde il cuore si accheta; son matto a
dire che soffro; poiché io desidero amore così
grande, è felicità soltanto il desiderarlo.
VII. Amore fino, con voi m'accompagno: perciò
non mi si addice né mi tocca se non perché
piace a voi per vostra mercé: Iddio, credo,
provvede che mi tocchi amore così grande.
Ahimè, donna, per mercé vi piaccia, abbiate
pietà di me, poiché io con tanta eleganza vi
faccio pietosa.
VIII. Bernardo chiede mercé alla sua donna perché
tanto bene se ne fa meritevole. Ma se non la vedo
in poco d'ora, non credo che la vedrei per lungo
tempo!

Documenti analoghi