Prendersi cura della persona nella sua globalità 26012016

Commenti

Transcript

Prendersi cura della persona nella sua globalità 26012016
Note organizzative
È necessario iscriversi presso la Segreteria Amministrativa
Troppo spesso si sottovaluta la potenza di un
tocco, un sorriso, una parola gentile, un orecchio
in ascolto, un complimento sincero, o il più
piccolo atto di cura, che hanno il potenziale per
trasformare una vita.
Leo Buscaglia
della Casa Madonna dell’Uliveto e la conferma di iscrizione
avverrà dopo l’avvenuto pagamento della quota.
E’ previsto un numero massimo di 20 partecipanti
Quota di iscrizione
La quota di iscrizione è di euro 30
È possibile pagare tramite bonifico bancario intestato a
Madonna dell’Uliveto Scs rl - BPER I
IT62G0538766130000001008155.
oppure
direttamente presso gli uffici amministrativi della Casa
Madonna dell’Uliveto
E’ previsto attestato di partecipazione
PRENDERSI CURA DELLA
PERSONA NELLA SUA GLOBALITA’
I tempi, i modi e le competenze
degli Operatori Socio Sanitari
Martedì 26 gennaio 2016
Informazioni ed iscrizioni
Via Oliveto, 37 – Alessandra Iori e collaboratori
Tel. 0522.597718 – e-mail: [email protected]
www.madonna-uliveto.org
https://www.facebook.com/Casamadonnauliveto
Ore 14.30-17.30
Aula Magna Casa Madonna dell’Uliveto
DESTINATARI
PROGRAMMA
Operatori Socio-Sanitari che lavorano in Case Protette, a
Imparare a prendersi cura è un processo articolato che
domicilio, nelle R.S.A., nei centri diurni, in Hospice e
richiede
Ospedale
approfondimento delle proprie conoscenze. In questo
rielaborazione
dell’esperienza
e
continuo
senso, infatti, l’assistere la persona disabile, l’anziano o la
persona malata richiede formazione sia in ambito tecnico-
OBIETTIVI
professionale che comunicativo-relazionale.
• Approfondire
le
conoscenze
per
migliorare
le
competenze nel prendersi cura delle persone
• Rielaborare
l’esperienza
per
Nello specifico, tali abilità si possono declinare in un
contatto competente, nelle capacità di empatia, ascolto e
comprendere
il
significato di una presenza competente
dialogo e nella costruzione di una relazione d’aiuto con il
paziente e il famigliare.
In
quest’ottica
di
“manutenzione”
e
sviluppo
delle
competenze nasce questo incontro, rivolto a Operatori
RELATRICI
Socio-Sanitari che ogni giorno si prendono cura di persone
• Mariangela Piacentini, infermiera palliativista e
situazioni emotivamente ed operativamente complesse.
referente formazione Casa Madonna dell’Uliveto
• Nasi
Giliola,
operatrice
Madonna dell’Uliveto
socio
sanitaria
con malattie inguaribili, croniche o che devono affrontare
Casa
Riguardando casi clinici ed esperienze vissute e attraverso il
confronto tra i partecipanti saranno messi a fuoco gli
aspetti di un’aver cura sempre più competente da parte
dell’Operatore Socio-Sanitario.

Documenti analoghi