“Un libro è un regalo che puoi aprire ancora e ancora” (Garrison

Commenti

Transcript

“Un libro è un regalo che puoi aprire ancora e ancora” (Garrison
Scuola dell’infanzia
“S. Famiglia” – Negrar
a.s. 2016/ 2017
“Un libro è un regalo che puoi aprire ancora e ancora”
(Garrison Keillor)
1
MOTIVAZIONE
Da tempo si è costatato quale interesse abbiano i bambini a sfogliare e
a guardare le pagine di un libro.
Avere una biblioteca all’interno di una scuola è senz’altro
un’opportunità educativa per i bambini che la frequentano, per
educarli alla lettura e al piacere di leggere attraverso la creazione di
uno spazio dedicato al libro che consenta di favorire un approccio
positivo verso il mondo della lettura e del codice scritto. Il libro è uno
strumento prezioso, capace di avvicinare il/la bambino/a al mondo
simbolico presente nelle sue pagine.
Nel laboratorio di biblioteca il/la bambino/a diventa protagonista con la possibilità di esprimere
le proprie idee e fantasie, sperimentando la lettura come scoperta. Inoltre utilizza la vista, il tatto,
l’olfatto e gli altri sensi, nonché la manualità attraverso le molteplici possibilità che il libro, già
come oggetto, prima ancora che come contenitore di storie, offre al/alla bambino/a.
Infine la lettura a voce alta, nella sua apparente semplicità, contiene molte valenze legate a
modelli di comunicazione positivi e affettivi che influiscono in modo rilevante sullo sviluppo
emotivo del/la bambino/a. Essa è uno strumento ideale per trattenere con sé l’adulto nel modo a
lui/lei più gradito, cioè con dedizione, partecipazione completa e senza distrazioni; infatti la
presenza dell’adulto è consolatoria e fornisce protezione e sicurezza.
OBIETTIVI GENERALI
Promuovere nei bambini il piacere della lettura;
vivere il libro come un oggetto amico;
condividere e rispettare gli oggetti altrui;
scoprire la diversità dei libri;
favorire l’interazione scuola-famiglia attraverso la condivisione di obiettivi educativi
comuni;
rispettare le regole funzionali all’attività del prestito;
comprendere, ricordare e riferire i contenuti essenziali dei testi, quindi sviluppare la
memoria;
favorire autonomia nel pensiero;
sensibilizzare i bambini in modo attivo perché vivano il libro come strumento di ascolto e
di lettura di immagini;
stimolare i bambini perché diventino produttori di storie.
PERSONE E AGENZIE DEL TERRITORIO COINVOLTE
Tutte le insegnanti della scuola;
i bambini di 2 ½, 3, 4, 5 anni;
2
le famiglie;
i nonni;
la bibliotecaria.
TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE
IL SE’ E L’ALTRO (da “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia –
4 settembre 2012)
Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi,
sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini.
Sviluppa il senso dell’identità personale, percepisce le proprie esigenze e i propri
sentimenti, sa esprimerli in modo sempre più adeguato.
IMMAGINI, SUONI, COLORI (da “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola
dell’infanzia – 4 settembre 2012)
Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il
linguaggio del corpo consente.
Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre
attività manipolative; utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative.
I DISCORSI E LE PAROLE (da “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola
dell’infanzia – 4 settembre 2012)
Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni.
Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni.
DESCRIZIONE ATTIVITA’
Una volta alla settimana si dedicherà un momento
individuale nella biblioteca della scuola, affinché ogni
bambino/a possa accedere ai libri e scegliere liberamente
quello che gli piace di più e lo potrà portare a casa,
coinvolgendo così anche la famiglia in questo laboratorio,
utilizzando una borsa di stoffa. Il/la bambino/a verrà così
responsabilizzato/a, in quanto dovrà averne cura e
restituirlo integro all’insegnante nella settimana
successiva, che provvederà a verificare la consegna da
parte di tutti attraverso la griglia di prestito.
Successivamente si andrà in sezione e l’insegnante legge a tutti i bambini il fascicoletto
“COME NASCE IL LIBRO” (malipiero editore).
Seguirà una conversazione come stimolo per riflettere con loro come è fatto un libro.
Realizzazione di un libro di sezione inventando insieme una storia (in formato A3) con
varie tecniche e materiali a seconda della fantasia dei bambini.
Una volta al mese un/una nonno/a verrà in sezione a raccontarci una storia o a leggerci un
libro.
3
Nei giorni 20 e 21 marzo 2017 verrà allestita, presso la nostra scuola, la fiera del libro
“Fior di libro”, in collaborazione con la Libreria Farfilò. In questi giorni verranno
organizzati vari laboratori per bambini e genitori con l’aiuto di vari esperti.
Nella settimana dal 18 al 21 ottobre 2016 ogni sezione, a turno, si recherà in visita alla
Biblioteca Comunale
Memorizzazione della filastrocca
“Il cerchio delle fiabe”
"Nella scuola dove siamo
quando in cerchio ci troviamo
si fa bella l'esperienza
non possiamo farne senza!
Perché leggere è un bel gioco
che ogni giorno a poco a poco
noi facciamo con piacere
e non certo per dovere!
Con le fiabe e la poesia
l'emozione e la magia
danno gioia a ogni bambino
che poi gioca col teatrino
e così da ascoltatore
si trasforma in narratore."
INDICATORI DI COMPETENZE
2 ½ - 3 anni:
è curioso e attento durante la narrazione delle storie;
comprende il significato di brevi racconti;
ha rispetto del libro e lo manipola con cura.
4 anni:
memorizza e recita brevi poesie e filastrocche;
dimostra attrattiva per la lettura;
presta attenzione alle immagini e la sa interpretare;
ha rispetto del libro e lo manipola con cura.
5 anni:
ascolta, comprende e prova a rielaborare verbalmente le storie;
riconosce ed esprime i propri sentimenti ed emozioni, comunicandoli e condividendoli con
i presenti (insegnante e compagni);
rievoca il racconto ascoltato attraverso le immagini;
memorizza e recita brevi poesie e filastrocche;
accoglie gli altri in maniera positiva e rispetta le loro idee;
presta attenzione alle varie figure presenti in sezione (insegnante, nonno/a, bibliotecaria);
ha rispetto del libro e lo manipola con cura.
4
ASPETTI ORGANIZZATIVI
Spazi: - la biblioteca della scuola che presenta vari espositori per i libri, un tappetone dove i
bambini possono sedersi e sfogliare in raccoglimento il libro scelto mentre aspettano che tutti i
compagni abbiano finito;
- la sezione;
- la Biblioteca Comunale;
- le vie di Negrar.
Tempi: da
a Maggio il lunedì mattina
Materiale: colla;
forbici;
carta;
colori e
vari.
libri;
VERIFICA / VALUTAZIONE
L’insegnante:
osserva e valuta dove verranno messi in evidenza gli obiettivi raggiunti o meno;
cercherà di capire l’adeguatezza del percorso proposto, in un’ottica di miglioramento
dell’offerta formativa (osservazione, conversazione, interviste, rielaborazione graficopittorica, album grafici, fotografici e verbali).
5

Documenti analoghi