Modulo 4 – Gli ultimi convulsi decenni del XX secolo - Des-K

Commenti

Transcript

Modulo 4 – Gli ultimi convulsi decenni del XX secolo - Des-K
Corso di Recupero di Sociologia: il ‘900
Prof.ssa Margherita Platania
Modulo 4 – Gli ultimi convulsi decenni del XX secolo
1973. CON LA CRISI DEL PETROLIO FINISCE L'"ETA' DELL'ORO"
LA CRISI ENERGETICA DEL 1973, CHE METTE FINE ALL' "ETA' DELL'ORO" E CHE APRE NUOVI SCENARI, SIA
ECONOMICI CHE POLITICI, AVVIA UN DIBATTITO SULLA DIPENDENZA DAL PETROLIO. DA ADESSO SI
COMINCERA' A PARLARE DI RISPARMIO ENERGETICO, ECOLOGIA, FONTI ENERGETICHE ALTERNATIVE,
VOCABOLI CHE RIFLETTONO UN CAMBIAMENTO DI MENTALITÀ.
La decisione, da parte dei paesi produttori di petrolio (OPEC), di quadruplicare il costo
del greggio dopo la guerra del Kippur fra gli arabi e gli israeliani, rischiò di mettere in
ginocchio l'economia mondiale, in particolare quella europea. I paesi dell'OPEC, infatti,
rispondendo in questo modo all'aiuto dato dagli USA e dai paesi europei a Israele
durante la guerra, si accingevano a gestire in modo autonomo i prezzi delle
esportazioni. Questa decisione spalancò le porte alla crisi: il flusso di petrolio
disponibile si ridusse drasticamente. Nei paesi industrializzati al brusco calo della
produzione si aggiunse la recessione, l'inflazione, l'aumento dei prezzi e della
disoccupazione, il tentativo di controllare e ridurre con misure via via diverse
(l'austerity) il consumo di petrolio.
Le risposte alla crisi furono, in Cile, in Inghilterra e negli USA, "meno Stato e più
mercato". Si spalancarono così le porte al neoliberismo, la teoria economica che si fonda
sui princìpi del libero scambio nella politica economica sia nazionale sia internazionale,
che richiede l’abbattimento di tutti gli ostacoli di ordine politico, economico, sociale,
culturale che intralciano o frenano la ricerca del massimo profitto, che rifiuta la
presenza e l'intervento dello stato come soggetto economico: ma col tramonto dello
Modulo 4 – Gli ultimi convulsi decenni del XX secolo
Immagine 4.5 – 1973. Con la crisi del petrolio finisce l'"età dell'oro".
Corso di Recupero di Sociologia: il ‘900
Prof.ssa Margherita Platania
"statalismo" questa teoria intende anche eliminare la presenza e l'intervento dello stato
in particolari settori di importanza sociale come assistenza, previdenza, sanità,
istruzione.
Così accadde.
La contrazione del welfare State (stato sociale) si espresse nei tagli alla spesa
pubblica per i servizi sociali, con accanimento sui ceti più deboli e quindi crescita della
disuguaglianza; ciò fu dovuto anche all'affievolirsi del senso della solidarietà sociale,
pure all'interno delle classi sociali. "All'antica solidarietà operaia si sarebbe presto
sostituito un malcelato reciproco fastidio: dei più deboli per la buona sorte degli altri;
dei più forti per l'impressione di reggere sulle proprie spalle, sul proprio lavoro
sovratassato, tutta l'impalcatura dello Stato assistenziale" (Negrelli, 1996).
Ma ci fu anche, in questa svolta buia, un versante positivo: la consapevolezza di dover
abbandonare la dipendenza dal petrolio come fonte energetica primaria gettò sul
tappeto nuovi problemi: la necessità di risparmio energetico, la ricerca di fonti
energetiche alternative, una maggiore attenzione all'ambiente aprirono la strada almeno
ad una riflessione problematica sull'uso delle risorse del pianeta.
Modulo 4 – Gli ultimi convulsi decenni del XX secolo
Immagine 4.5 – 1973. Con la crisi del petrolio finisce l'"età dell'oro".