7611 Bruciatori pilota e di accensione QSZ

Commenti

Transcript

7611 Bruciatori pilota e di accensione QSZ
7
Bruciatori pilota e di
accensione
611
QSZ...
Bruciatori pilota e di accensione per bruciatori a gas atmosferici.
Idonei per metano e gas di città, già assemblati e collegati con elettrodo di
accensione e sonda di ionizzazione, flangia di fissaggio, piastra di copertura e
vite di messa a terra.
I QSZ e questa scheda tecnica sono destinati agli OEM che integrano i QSZ nei
propri prodotti.
Uso
I QSZ sono speciali bruciatori per l’accensione dei bruciatori atmosferici.
La loro fiamma viene monitorata mediante apparecchi di comando e controllo del
bruciatore o rilevatori di fiamma elettronici secondo il principio della ionizzazione.
I bruciatori sono compatibili con metano o gas di città.
In funzione della pressione del gas la lunghezza di fiamma va da 60 a 130 mm ca.
Inoltre, nel QSZ1 la trafila è costruita in modo tale da propagare una fiammata lunga
110-180 mm ca. dal centro della fiamma controllata.

CC1N7611it
23.06.2016
Nota!
Non utilizzare per nuove progettazioni.
Building Technologies Division
Avvertenze
Per evitare lesioni alle persone e danni materiali o ambientali, è necessario
rispettare le seguenti avvertenze.




Tutte le attività (montaggio, installazione, manutenzione/riparazione ecc.) devono
essere effettuate da personale tecnico qualificato. Il mancato rispetto di questa
avvertenza comporta la perdita delle funzioni di sicurezza e il pericolo di
folgorazione.
Prima di qualsiasi intervento nell’area dei collegamenti, isolare completamente
l’impianto dall’alimentazione di rete (disconnessione multipolare). Mettere
l’impianto in sicurezza per evitarne la riaccensione accidentale e accertarsi che
non vi sia tensione. Se l’impianto non è disinserito correttamente, sussiste il
pericolo di folgorazione.
Applicando le opportune misure, accertarsi che i collegamenti elettrici siano
provvisti delle protezioni contro il contatto diretto. Il mancato rispetto di questa
avvertenza comporta il pericolo di folgorazione.
Ogni volta che si effettuano degli interventi (montaggio, installazione e
manutenzione, ecc.), assicurarsi che i collegamenti siano in buono stato. Il mancato
rispetto di questa avvertenza comporta la perdita delle funzioni di sicurezza e il
pericolo di folgorazione.
Note per il montaggio




Verificare che siano rispettate le pertinenti norme nazionali di sicurezza.
Scegliere un luogo di installazione in grado di garantire, oltre all’accensione in
sicurezza del bruciatore principale, anche il rispetto di tutte le condizioni necessarie
per un controllo di fiamma privo di disturbi.
Generalmente il bruciatore pilota dovrebbe accendere la fiamma principale in
orizzontale o in obliquo da sotto.
Pertanto il bruciatore può essere montato con flangia di fissaggio impostata in
orizzontale o in verticale.
In caso di posizione verticale e rete con gas a bassa pressione, la sonda di
ionizzazione dovrebbe estendersi da sopra nella fiamma, in modo che anche una
fiamma leggermente ricurva verso l’alto venga rilevata adeguatamente dalla sonda,
al contrario in reti con gas ad elevata pressione per questioni di sicurezza è
preferibile che la sonda di ionizzazione si immerga da sotto nella fiamma.
Una fiamma che fatica a svilupparsi in altezza a causa di una pressione del gas
temporaneamente troppo bassa non brucia più nell’area della sonda di
ionizzazione, per cui il bruciatore andrà in blocco.
Una corrente di ionizzazione eccessivamente ridotta o l’assenza completa del
segnale di fiamma può avere le seguenti cause:
Aria aspirata del bruciatore pilota miscelata con fumi del bruciatore principale
(mancanza di ossigeno)
Il bruciatore pilota si surriscalda eccessivamente a causa dell’azione termica
del bruciatore principale o per una fiamma di combustione non configurata
correttamente
Fiamma di accensione con combustione turbolenta e non aderente alla trafila
(pressione del gas eccessiva: ugello errato)
Fiamma tremolante a causa di una corrente d‘aria
Bruciatore sporco (per pulire le bocche di entrata dell’ugello non usare
strumenti duri!)
Messa a terra del bruciatore non corretta
Sonda di ionizzazione spostata longitudinalmente, lateralmente o piegata
2/5
Building Technologies Division
CC1N7611it
23.06.2016
Collegamento elettrico dei rivelatori di fiamma
È importante che la trasmissione del segnale non presenti disturbi o perdite.
 Non posare il cavo del rivelatore con altri conduttori
- La capacità della linea riduce l’ampiezza del segnale di fiamma
- Usare un cavo indipendente
 Rispettare la massima lunghezza consentita dei cavi (vedere la Scheda tecnica del
relativo apparecchio di comando e controllo del bruciatore)
 La sonda di ionizzazione non è dotata di protezione contro il rischio di folgorazione
 Posizionare l’elettrodo di accensione e la sonda di ionizzazione in modo tale che la
scintilla di accensione non possa scaricarsi sulla sonda di ionizzazione (rischio di
sovraccarico elettrico) compromettendo la supervisione della ionizzazione
 Resistenza di isolamento
- tra la sonda di ionizzazione e la massa deve essere superiore a 50 M
- l’eventuale sporcizia sui supporti del rivelatore riduce la resistenza di isolamento,
favorendo le correnti di dispersione
 Collegare a terra il bruciatore in conformità con le normative vigenti; non è
sufficiente collegare a terra la sola caldaia
 Per il collegamento della sonda di ionizzazione, fare riferimento ai dati della
Scheda tecnica del relativo apparecchio di comando e controllo del bruciatore (per
es. la corrente di ionizzazione minima necessaria, ecc.).
Standard e certificazioni
Conformità EAC (Conformità per i paesi euroasiatici)
ISO 9001:2008
ISO 14001:2004
OHSAS 18001:2007
RoHS Cina
Tabella delle sostanze pericolose:
http://www.siemens.com/download?A6V10883536
Note per lo smaltimento
Rispettare la legislazione locale vigente.
Descrizione
Il tubo bruciatore, l’elettrodo di accensione e la sonda di ionizzazione costituiscono una
unità già assemblata e regolata, pronta da installare. Tramite un foro accanto al tubo
bruciatore può essere introdotto nella camera di combustione, se disponibile, il tubo del
gas per la combustione dei gas pilota, che andrà fissato con una vite. Questa apertura
può essere chiusa con l’apposita piastra di copertura.
Caratteristiche
specifiche dei bruciatori
pilota e di accensione
-
-
Tubo bruciatore saldato (modifica della regolazione impossibile)
Ugello del gas nelle bocche d’ingresso facilmente accessibile
Fori degli ugelli ben protetti dallo sporco
L’elettrodo di accensione e la sonda di ionizzazione sono realizzati in Kanthal
refrattario e antiscintilla e sono isolati in modo duraturo da supporti in steatite
speciale vetrificata con messa a terra
L’elettrodo di accensione è munito di un raccordo compatibile con i connettori per
elettrodi disponibili in commercio
È impedito il distaccamento accidentale degli elettrodi dalle piastre di fissaggio
Un’apposita vite sulla flangia di fissaggio agevola la messa a terra del bruciatore
conforme alle normative vigenti (importante per un controllo di fiamma privo di
disturbi)
3/5
Building Technologies Division
CC1N7611it
23.06.2016
Panoramica dei modelli
Per effettuare l’ordinazione, comunicare l’intero riferimento della tipologia.
Tipo di gas
Metano
Forma della
fiamma
Pressione di
esercizio
min...max.
 ugelli
mm
con fiammata
15 - 50 mbar
0,75
QSZ1.075
BPZ:QSZ1.075
con fiammata
15 - 50 mbar
0,8
QSZ1.080DD
BPZ:QSZ1.080DD
con fiammata
15 - 50 mbar
0,8
QSZ1.080L ¹)
BPZ:QSZ1.080L ¹)
senza fiammata
6 - 50 mbar
0,7
QSZ3.065
BPZ:QSZ3.065
Riferimento
N. articolo
¹) Versione con sonda di ionizzazione allungata (B), disegno su richiesta
Specifiche tecniche
Dati generali
dell'apparecchio
Peso
QSZ1
QSZ3
Circa 170 g
Circa 190 g
Condizioni ambientali
Conservazione
Condizioni climatiche
Condizioni meccaniche
Intervallo di temperatura
Umidità
Trasporto
Condizioni climatiche
Condizioni meccaniche
Intervallo di temperatura
Umidità
Funzionamento
Condizioni climatiche
Condizioni meccaniche
Intervallo di temperatura
Umidità
Altitudine di installazione
DIN EN 60721-3-1
Classe 1K3
Classe 1M2
-20 a +60 °C
<95 % u.r.
DIN EN 60721-3-2
Classe 2K2
Classe 2M2
-40 a +60 °C
<95 % u.r.
DIN EN 60721-3-3
Classe 3K5
Classe 3M2
-20 a +60 °C
<95 % u.r.
Max. 2000 m s.l.m.
Attenzione!
Vanno assolutamente evitati la formazione di condensa e di ghiaccio e
l’ingresso di acqua!
4/5
Building Technologies Division
CC1N7611it
23.06.2016
Disegni quotati
Dimensioni in mm
6
8,5
20
M3
5
~40
70
30
5,3
1,5
G1/8"
13
60
M6
O8,2
5,3
~53
25
QSZ1: ~40
QSZ3: ~70
C
B
D
C (F)
7611m02/0103
E
A
C
G
Legenda
A
Elettrodo di accensione
B
Sonda di ionizzazione
C
Fori di fissaggio
D
Foro per introduzione del tubo per la combustione dei gas pilota
E
Morsetto terra
F
Filettatura M6 per la vite di fissaggio del tubo del gas
G
Piastra di copertura e tenuta
 2016 Siemens AG Building Technologies Division, Berliner Ring 23, D-76437 Rastatt
Con riserva di modifiche.
Building Technologies Division
5/5
CC1N7611it
23.06.2016

Documenti analoghi