Capitolo 8- Il modello dei due gaps Il modello dei due gap è un

Commenti

Transcript

Capitolo 8- Il modello dei due gaps Il modello dei due gap è un
Capitolo 8- Il modello dei due gaps
Il modello dei due gap è un modello macroeconomico, e come in tutti i modelli macroeconomici in
esso si ipotizza che l’economia in questione produca un solo bene, il PIL aggregato. Sia Y la
quantità prodotta di tale bene. La produzione di questo bene richiede l’impiego di capitale, e si
assuma che la tecnologia sia tale per cui il capitale domestico (Kd, i beni capitali prodotti
all’interno) e il capitale straniero (Kf, i beni capitali prodotti all’estero) entrino nella produzione del
bene finale in proporzione costante1. Per esempio, la scrittura
Y = 10, Kd = 5, Kf = 2 oppure Y = 20, Kd = 10, Kf = 4
significa che per produrre 10(20) unità di bene finale occorrono 5(10) unità di capitale domestico e
2 (4) unità di capitale straniero (importato)2. Possiamo perciò scrivere
Y = 2 X Kd = 5 X Kf, dove 2 e 5 rappresentano rispettivamente la produttività media del capitale
domestico e la produttività media del capitale importato. Più in generale, avremo
Y = a x Kd = b x K
(1)
dove a e b rappresentano appunto la produttività media del lavoro (a) e del capitale (b)3.
Per pura semplicità facciamo l’ipotesi che il prezzo, P, del bene prodotto dall’economia sia pari a 1.
Dunque PxY = 1xY = Y è il valore del prodotto dell’economia (il PIL dell’economia in questione),
ed esso corrisponde ai redditi che vengono distribuiti ai titolari dei fattori di produzione.
Ciascuna economia risparmia una parte del proprio PIL (i detentori dei fattori di produzione
risparmiano una parte del proprio reddito). Sia S il risparmio complessivo della nostra economia
1
Naturalmente la produzione del bene finale richiede sia capitale che lavoro. Se nel modello dei due gap si ignora il
fattore lavoro è perché in esso si descrive un’economia le cui possibilità produttive sono limitate non dalla disponibilità
di forza lavoro (che si assume essere il fattore “abbondante”), ma dalla disponibilità di capitale (il fattore scarso su cui
perciò occorre concentrarsi).
2
La tecnologia in questione viene denominata “a coefficienti fissi”. Essa ci dice, come si vede dall’esempio numerico,
che per produrre 10 unità di bene finale occorre utilizzare 5 unità di capitale domestico e 2 unità di capitale straniero;
non è possibile, per produrre quelle 10 unità di bene finale, utilizzare un po’ di più di capitale domestico e un po’ di
meno di capitale straniero (o viceversa). Non è possibile, cioè, sostituire fra di loro gli input produttivi, che devono
entrare nella produzione finale esattamente in quelle proporzioni. Quella appena descritta è un’ipotesi forte, dal
momento che in generale si ritiene che gli input di un processo produttivo siano almeno in parte sostituibili l’un con
l’altro. Se per produrre un certo bene occorrono capitale e lavoro, la proporzione in cui essi vengono impiegati dipende
di norma dal loro prezzo: se il lavoro (capitale) costa tanto rispetto al capitale (lavoro), allora per la produzione di un
determinato ammontare di quel bene si impiegheranno tanto capitale (lavoro) e poco lavoro (capitale). L’ipotesi di non
sostituibilità fra fattori produttivi propria del modello dei due gap si giustifica facendo riferimento alla struttura
produttiva e tecnologica dei paesi in via di sviluppo: essi hanno comunque bisogno di importare beni capitale prodotti
all’estero, beni che essi non sono in grado di produrre disponendo di una tecnologia meno avanzata e che non possono
sostituire con i beni capitale prodotti localmente se non in misura estremamente ridotta.
3
In realtà il modo corretto di scrivere una funzione di produzione a coefficienti fissi è Y = min (axKd, bxKf), che si
legge “ Y è pari al minimo tra (axKd) e (bxKf). Supponiamo, con riferimento all’esempio numerico presentato nel testo,
che sia Kf =4 e Kd=12. Avremo perciò Y = min (2x12 = 24, 5x4 = 20) = 20. Come dire: 4 unità di capitale importato e
12 unità di capitale domestico producono 20 unità di bene finale, esattamente come farebbero 4 unità di capitale
importato e 10 unità di capitale domestico, dal momento che Y = min (2x10 = 20, 5X4 = 20) = 20. Ciò significa che 2
unità di capitale domestico resteranno assolutamente inutilizzate, che se la disponibilità di capitale importato è pari a 4
allora non serve a nulla disporre di 12 invece che di 10 unità di capitale domestico. Si tratta in sostanza di una
tecnologia molto simile alle ricette di cucina: se per fare un piatto di pasta servono 100 gr di spaghetti e 100 gr di salsa
di pomodoro, allora, posto che la quantità di spaghetti non cambi, l’aggiunta di 100 gr di salsa di pomodoro non serve a
produrre un altro piatto di pasta. Quella salsa di pomodoro aggiuntiva resterà inutilizzata. Nel modello che presentiamo
nel testo supporremo che non vi sia capacità produttiva inutilizzata, cioè che sia sempre Y = axKd = bxKf.
che, per quanto appena detto, si può sempre pensare come una frazione, s, del PIL dell’economia
stessa. Avremo perciò
S = s x Y, con 0 < s < 1
(2).
L’economia esporta una parte della propria produzione. Chiamando E il valore delle esportazioni,
possiamo perciò scrivere
E=exY
(3)
dove e, cioè il rapporto fra esportazioni e PIL, dipende essenzialmente dalla competitività
internazionale dell’economia (quanto più l’economia è competitiva tanto maggiore è e).
Prendiamo ora in considerazioni gli investimenti, I, effettuati nell’economia. Gli investimenti sono,
per definizione, le variazioni da un periodo all’altro dello stock di capitale di cui l’economia
dispone, cioè
I = ∆K,
dove il simbolo ∆ indica la variazione da un periodo all’altro della grandezza da cui è seguito.
Tenendo conto che il capitale che la nostra economia utilizza nei processi produttivi è sia domestico
che straniero, possiamo scrivere
I = ∆K = ∆Kd + ∆Kf = Id + If
(4)
Se come abbiamo ipotizzato l’equazione (1) deve essere sempre vera, allora le variazioni del suo
lato sinistro devono essere identiche alle variazioni del suo lato destro:
∆(axKd) = ∆(bxKf)
e tenendo conto che a e b sono per ipotesi fissi (∆a = ∆b = 0) ne ricaviamo che
a x ∆Kd = b x ∆Kf
cioè che
∆Kd = (b/a) x ∆Kf
(5).
La (5) ci dice di quanto deve variare lo stock di quanto deve variare lo stock di capitale domestico,
per ogni data variazione dello stock di capitale straniero, al fine di mantenere il pieno utilizzo delle
risorse di capitale. Se, per tornare al nostro esempio numerico, a partire da una situazione in cui
Kd=10, Kf=20 e quindi Y=20, il capitale straniero si porta a 6 (∆Kf=2), allora il capitale domestico
deve crescere di ∆Kd = (b/a) x ∆Kf = (5/2) x 2 = 5 affinché il potenziale produttivo implicito
nell’aumento del capitale straniero possa pienamente manifestarsi e la produzione portarsi a
Y=2x(10+5)=5(4+2)=30 unità di bene finale. Se il capitale domestico crescesse in misura inferiore
a 5 unità, allora parte del capitale straniero resterebbe inutilizzata (si veda la nota 18).
Sostituendo la (5) nella (4) possiamo scrivere
I = ∆Kd + ∆Kf = (b/a) x ∆Kf + ∆Kf = ∆Kf x [(a+ b)/a]
(6)
Definendo il parametro tecnologico v = [(a x b)/(a + b)] e ricordando che If = ∆Kf, la (6) può essere
riscritta come
I = (b/v) x If
(7).
Come sarà chiaro fra poco, la (7) è una equazione molto importante. Essa esprime gli investimenti
complessivi dell’economia, cioè la crescita dello stock complessivo (domestico e straniero) di
capitale, in funzione della crescita del solo capitale importato. Diventa perciò essenziale capire
quanto vale If, cioè quanto capitale è possibile importare. Ipotizzando per pura semplicità che il
prezzo in valuta del capitale importato sia pari a 1, ne segue che la nostra economia potrà importare
un numero di unità di capitale straniero esattamente pari alla quantità di valuta estera di cui dispone
(se dispone di 100$, 100 unità di capitale straniero; se dispone di 200$, 200 unità di capitale
straniero; e così via). Di quanta valuta estera dispone la nostra economia?
Le fonti da cui proviene la valuta estera sono due:
La valuta ottenuta attraverso le esportazioni, E;
La valuta ottenuta grazie ai prestiti ottenuti dagli stranieri. Chiamiamo F l’ammontare di tali
prestiti. Anch’essi sono sempre esprimibili come frazione del PIL. Possiamo preciò scrivere
F=fxY
(8)
Il parametro f è una misura della fiducia che i mercati internazionali accordano all’economia in
questione. Maggiore la fiducia, più grande il valore di f e quindi, per una dato valore del PIL,
più consistenti i prestiti ottenuti dall’estero.
Utilizzando le equazioni (3) e (8), l’ammontare complessivo di valuta estera di cui l’economia
dispone, cioè la massima quantità di capitale straniero che essa può importare, sarà pari a
If = F + E = (f + e) x Y
(9)
Sostituendo la (9) nella (7) otteniamo
I = (b/v) x (e + f) x Y
(10)
La (10) costituisce il cosiddetto vincolo di valuta estera ( foreign exchange constraint). Essa indica
il limite massimo che gli investimenti di questa economia possono raggiungere data la disponibilità
di valuta estera. Se, con un esempio volutamente estremo, immaginiamo che l’economia in
questione non ottenga per nulla valuta estera, cioè che (e + f) = 0, allora essa non potrà effettuare
alcun investimento. Infatti, se anche fosse disponibile del risparmio interno dei cittadini residenti e
con esso si potessero acquistare beni capitale prodotti all’interno, questa sarebbe un’operazione del
tutto improduttiva e quindi inutilmente costosa. L’assenza di valuta estera impedirebbe infatti di
acquistare anche capitale importato e dunque, per l’ipotesi che la tecnologia sia a coefficienti fissi,
rendere disponibili più beni capitali prodotti all’interno sarebbe esattamente (nota 18) come
aggiungere salsa di pomodoro senza aggiungere pasta: non potrebbe aumentare il numero di piatti di
pasta prodotti, e la salsa di pomodoro in più resterebbe inutilizzata.
Gli investimenti complessivi di un’economia non sono vincolati soltanto dal foreign exchange
constraint. Essi devono rispettare anche un altro vincolo, il cosiddetto vincolo di risparmio (saving
constraint). L’idea è molto semplice. Per poter investire delle risorse bisogna preventivamente
averle risparmiate (è il solito discorso: se voglio fare un investimento in capitale umano e pagarmi il
corso di economia dello sviluppo organizzato on line dal VIS, devo aver risparmiato le risorse,
perciò sottratte al consumo, necessarie all’investimento stesso). Meglio: per poter investire elle
risorse bisogna che qualcuno le abbia risparmiate. Chi? Se la nostra economia vuole fare degli
investimenti, essa li potrà finanziare con il suo risparmio (risparmio interno, che abbiamo chiamato
S) oppure con il risparmio degli stranieri che essi hanno deciso di prestarci (risparmio estero, che
abbiamo chiamato F). Possiamo perciò scrivere
I=S+F
Cioè, sfruttando la (2) e la (8),
I = (s + f) x Y
(11)
La (11), che rappresenta il saving constraint, ci dice che gli investimenti complessivi dell’economia
sono vincolati dalla complessiva disponibilità di risparmio, interno ed estero.
Gli investimenti complessivi dell’economia sono perciò soggetti a due vincoli, la (10) e la (11). Essi
saranno perciò determinati dal più “severo” fra i due. Se il primo mi dice che posso investire al
massimo 80 e il secondo mi dice che posso investire al massimo 60, gli investimenti effettivi
saranno pari a 60, unica scelta in grado di soddisfare simultaneamente entrambi i vincoli.
Formalmente, mettendo insieme la (10) e la (11), possiamo scrivere
b


I = min ( s + f )Y , (e + f )Y 
v


Per capire più a fondo la logica del modello dei due gap, costruiamo un paio di esempi numerici.
Consideriamo dapprima un’economia in cui sia:
a = 2; b = 5, Kd = 50; Kf = 20 e dunque Y = aKd = bKf = 100. Sia inoltre:
s = 0.2; f = 0.1; e = 0.1
Varrà inoltre, per definizione di v (v = ab/(a + b) ), v = 10/7.
A questo punto conosciamo tutti i dati necessari per calcolare i due vincoli agli investimenti:
SAVING CONSTRAINT
FOREIGN EXCHANGE CONSTRAINT
(s + f)Y = 30
(b/v) x (e + f) x Y = 70
b


I = min ( s + f )Y , (e + f )Y  = ( s + f )Y = 30
v


Gli investimenti complessivi dell’economia saranno perciò pari a 30, determinati dal vincolo di
risparmio.
Ma che cosa vuol dire tutto ciò economicamente?
L’economia di cui stiamo discutendo dispone di (f + e)Y = 20 unità di valuta estera, provenienti in
parte dai prestiti ottenuti dal resto del mondo (f) e in parte dall’esportazione di beni e servizi (e).
Questo significa che l’economia in questione è in grado di acquistare 20 unità aggiuntive di capitale
straniero4 (Kf); cioè che è in grado di accrescere Kf da 20 a 40 unità. Se l’economia fosse in grado
di raddoppiare anche la quantità di capitale domestico (ricordiamo che la tecnologia di produzione
richiede che Kd e Kf vengano impiegati in proporzioni fisse, proprio come i pelati e gli spaghetti
nella preparazione della pasta al pomodoro), portandola da 50 a 100, allora essa potrebbe
raddoppiare la produzione aggregata, ciè crescere del 100%. In tal caso avremmo infatti:
Y = aKd = bKf = 2x100 = 5x40 = 200
4
Stiamo ipotizzando, per pura semplicità, che ciascuna unità fisica di capitale straniero costi una unità di valuta estera
(diciamo un dollaro).
Ma l’economia in questione è in grado, una volta acquistate 20 unità di capitale straniero, di
acquistare anche 50 (100 – 50) unità di capitale domestico? Detto in altri termini: è in grado di fare
un investimento complessivo pari a 70 (20 + 50) unità di capitale? No, non è in grado. Vediamo
perché.
Il vincolo di risparmio (cioè nulla più della contabilità nazionale) ci dice che
I = S + F (gli investimenti complessivi trovano un limite nella possibilità che essi vengano
finanziati, e a finanziare gli investimenti ci sono il risparmio interno e quello estero). Bene, che
cos’è I? I, l’investimento, è per definizione la variazione da un periodo all’altro dello stock
complessivo di capitale. Cioè:
I = ∆Kd + ∆Kf, dove “∆” non è come già sappiamo che l’abbreviazione di “variazione di”.
Possiamo perciò scrivere il vincolo di risparmio come
∆Kd + ∆Kf = S + F
Adesso mettiamoci dei numeri. La variazione di Kf è pari a 20, poiché abbiamo detto che la valuta
estera a disposizione viene impiegata nell’acquisto di capitale straniero. S, il risparmio interno
complessivo, è pari a 20 (0.2x100); F, i prestiti dall’estero, sono pari a 10 (0.1x100). Quindi il
vincolo di risparmio ci dice che:
∆Kd + 20 = 20 + 10, da cui ∆Kd = 10.
Cioè: posto che l’economia in questione impieghi le 20 unità di valuta estera nell’acquisto di 20
unità di Kf, essa potrà al massimo acquistare 10 unità di Kd. In altri termini, posto che essa
raddoppi Kf, non è in grado di raddoppiare Kd.
A questo punto si potrebbe dire: benissimo, tenendo conto di questi vincoli l’economia acquisterà
20 di Kf (e il nuovo Kf sarà perciò pari a 40) e 10 di Kd (e il nuovo Kd sarà perciò pari a 60).
Attenzione però: per ipotesi Kd e Kf devono mantenere tra di loro una proporzione fissa (se
raddoppio la quantità di spaghetti senza raddoppiare la quantità di pelati non posso raddoppiare il
numero di piatti di spaghetti al pomodoro). Se perciò, una volta effettuati gli investimenti, il nuovo
Kd è 60, il nuovo Kf produttivamente utilizzabile sarà pari a 24. Infatti Kd/Kf deve rimanere
inalterato (le proporzioni fisse) e
50/20 = 60/24. Dunque l’economia in questione:
Lascerebbe inutilizzate 16 unità di Kf (40 – 24), impiegandone solo 4 delle 20 acquistate
Produrrebbe Y = 2x60 = 5x24 = 120, realizzando perciò un tasso di crescita del 20% (prima
degli investimenti Y era pari a 100).
E’ chiaro che la soluzione appena prospettata ( investimenti complessivi pari a 30, di cui 20 in Kf e
10 in Kd non è razionale). Posto che gli investimenti complessivi devono comunque essere pari a 30
(per l’operare del vincolo di risparmio), è ottimale distribuirli come segue: 21,428 in Kd e 8,572 in
Kf5. In tal caso infatti:
L’economia impiega 8,572 unità di valuta estera per acquistare capitale importato. Destina
inoltre tutto il risparmio interno (20) all’acquisto di capitale domestico. Inoltre, essa destina
anche 1,428 unità di valuta estera (21,428 – 20) all’acquisto di capitale domestico (cambiando
valuta estera in valuta nazionale al tasso di cambio prevalente, che qui per semplicità
5
Le cifre in questione si ottengono semplicemente risolvendo un sistema composto da due equazioni: 1) 2x∆Kd=5x∆Kf
e 2) ∆Kd+∆Kf=30.
assumiamo essere pari a 1). In questo modo, l’economia lascerebbe inutilizzate soltanto (20 –
8,572 – 1,428) = 10 unità di valuta estera, e non più 16 come nella situazione precedente;
L’economia produrrebbe Y = 2x71,428 = 5x28,572 = 142,85, realizzando perciò un tasso di
crescita del 42,85%, e non più del 20% come nella situazione precedente.
Meglio di così, dati i vincoli esistenti, non si può fare. Un certo ammontare di valuta estera
inutilizzata resta comunque, dal momento che il vincolo che condiziona la crescita dell’economia
non è, in questo esempio, il vincolo di valuta estera. Come dire: “di valuta estera ce n’è
abbastanza”. Meglio: ce ne sarebbe abbastanza per far crescere l’economia del 100%, tuttavia non
c’è risparmio interno a sufficienza per raggiungere questo obiettivo. Le autorità di politica
economica di questo paese, perciò, devono preoccuparsi di indurre i cittadini a risparmiare di più.
Vale qui la visione “ortodossa” secondo cui un maggior tasso di risparmio serve a far crescere di
più l’economia. Ma è sempre così?
Consideriamo ora un’economia nella quale sia:
a = 1; b = 2, Kd = 50; Kf = 25 e dunque Y = aKd = bKf = 50. Sia inoltre:
s = 0.2; f = 0.01; e = 0.05
Varrà inoltre, per definizione di v (v = ab/(a + b) ), v = 2/3
Rispetto alla precedente, si tratta di un’economia: a) la cui produzione aggregata è inferiore
(50<100); b) più arretrata tecnologicamente nel senso che è più dipendente dai beni capitale
importati (nel caso precedente 50 unità di Kd necessitavano di 20 unità di Kf per essere
produttivamente impiegate; adesso ce ne vogliono 25); c) meno competitiva sui mercati
internazionali (l’economia esporta ora solo il 5% del suo PIL, non più il 10%) e d) meno attraente
per i risparmiatori stranieri (i prestiti dall’estero corrispondono ora all’1% del PIL, mentre nel caso
precedente ammontavano al 10% del PIL). Insomma, se nel caso precedente potevamo pensare ad
una economia avanzata, di certo ora siamo di fronte al caso di un’economia più povera ed
emarginata dai mercati internazionali, reali e finanziari.
Avremo ora
SAVING CONSTRAINT
FOREIGN EXCHANGE CONSTRAINT
(s + f)Y = 10,5
(b/v)(e + f)Y = 9. Dunque
b

 b
I = min ( s + f )Y , (e + f )Y  = (e + f ) = 9
v

 v
A “mordere”, questa volta, è il vincolo di valuta estera. L’intuizione economica è, a rovescio,
esattamente identica a quella fornita nel caso precedente (per esercizio potreste provare a
ripercorrere i passaggi logici svolti in precedenza. Se ragionate correttamente arriverete a
concludere che questa volta non vi sarà più valuta estera inutilizzata, ma risparmio interno
inutilizzato). Il punto centrale è che ora, date le caratteristiche strutturali di questa economia meno
avanzata, sarebbe del tutto inutile aumentare il tasso di risparmio per stimolare la crescita
dell’economia, giacché la crescita di questa economia non è limitata dalla carenza di risparmio,
ma dalla carenza di valuta estera. E si noti che tale conclusione – l’assenza di un nesso fra tasso di
risparmio e tasso di crescita, proprio come nello steady state del modello di Solow (lezione 5)– non
si regge sull’ipotesi di rendimenti marginali decrescenti del capitale (i rendimenti del capitale, nel
modello dei due gaps, sono costanti come in Harrod-Domar), ma sulla dipendenza dell’economia
dall’importazione di beni capitale dall’estero, dipendenza che si definisce in relazione alle
caratteristiche strutturali dell’economia stessa (cioè in relazione al valore assunto dai parametri).
Per questo, per l’enfasi posta su tali caratteristiche strutturali, gli economisti che hanno elaborato e
riproposto nel corso del tempo questo modello, sono stati definiti “strutturalisti” o “neostrutturalisti” o “moderni strutturalisti”.
La conclusione di politica economica che deriva da questo approccio teorico è abbastanza chiara.
Economie come quella appena stilizzata non devono preoccuparsi prioritariamente di accrescere il
loro tasso di risparmio (ciò che, a parità di ogni altra condizione, non farà che rendere il vincolo di
valuta estera ancor più stringente), ma, appunto, di modificare la loro struttura. Prima di tutto, esse
devono cercare di “economizzare” sull’uso di valuta estera, impedendo che essa sia destinata
all’importazione di beni di consumo, specie se voluttuari, in modo tale che essa sia resa disponibile
per l’acquisto dei beni capitali non prodotti al proprio interno. Per far questo si possono seguire
varie strade, due delle quali hanno trovato vasta applicazione (specialmente negli anni ’60 e ’70) in
diversi paesi in via di sviluppo: a) si può instaurare un regime a due (o più) livelli del tasso di
cambio. Se vado in banca ad acquistare dollari per comprare beni di consumo allora un dollaro lo
pago 2000 lire; se invece devo acquistare beni capitale, allora il prezzo del dollaro è di 1500 lire; b)
si possono imporre dazi doganali sui di beni di consumo, in modo da scoraggiarne l’importazione
ed incentivarne la produzione locale (è la strategia cosiddetta di import substitution).
Entrambe le soluzioni presentano forti inconvenienti. Un tasso di cambio a più livelli è un sistema
molto costoso e difficile da gestire: come si può essere sicuri dell’uso cui sarà destinata la valuta
estera acquistata dagli importatori senza un costoso apparato di monitoraggio? Inoltre è persino
ovvio che in simili circostanze si sviluppi un mercato nero (o parallelo che dir si voglia) per la
valuta estera. Per capirlo basta immaginare il comportamento di un acquirente di beni capitale
dall’estero. Supponiamo che il personaggio in questione, chiamiamolo il Furbacchione, debba
acquistare un trattore (un bene capitale) dagli USA, e che il prezzo effettivo sia di 10.000$, cioè, al
cambio di 1500 lire per dollaro (il cambio che per ipotesi si applica all’importazione di beni
capitale), di 15milioni di lire. Il Furbacchione, però, si mette d’accordo con il fornitore statunitense,
Mr.Green, affinché quest’ultimo fatturi un prezzo fittizio, diciamo 20.000$ (il prezzo effettivamente
incassato da Mr.Green è però quello vero, 10.000$). Mr.Green potrebbe essere restio ad accettare,
giacché nella sua contabilità risulteranno ricavi (e quindi profitti) superiori a quelli effettivi, ragion
per cui egli dovrà pagare più tasse al fisco statunitense. Diciamo che l’aggravio fiscale è pari a
500$. Perché mai, allora, Mr.Green dovrebbe accettare la proposta del Furbacchione? Sveliamo
l’arcano. Il Furbacchione, disponendo di un documento comprovante che il costo del trattore è di
20.000$, potrà acquistare questo ammontare di valuta estera presso la banca locale al costo
complessivo di 30 milioni di lire (1500x20.000). Egli utilizzerà 10.000$ per il pagamento del
prezzo effettivo del trattore, ma che cosa farà con i restanti 10.000$? Il Furbacchione li rivenderà a
1900 lire l’uno ai suoi concittadini che intendono importare dagli USA beni di consumo. Questi
ultimi non potranno che accettare, dal momento che se comperassero i dollari dalla banca locale li
dovrebbero pagare 2000 lire l’uno (il tasso di cambio per i beni di consumo); quanto al
Furbacchione, egli ricaverà 19 milioni di lire (1900x10000) dalla vendita di dollari che aveva
pagato 15 milioni di lire (1500x10000), realizzando così un guadagno di 4 milioni di lire. Non è
finita: il Furbacchione utilizzerà, diciamo, 2 di questi 4 milioni per ungere le tasche di Mr.Green, il
quale perciò non solo sarà in grado di pagare l’aggravio fiscale derivante dalla sovrafatturazione,
ma realizzerà pure lui un guadagno privato. Hanno guadagnati tutti: Mr.Green, il Furbacchione e gli
importatori di beni di consumo. Ecco la ragione per cui un sistema di tassi di cambio multipli crea
inevitabilmente un mercato nero.
Anche la strategia di import substitution presenta degli inconvenienti. Molto brevemente (è questo
un argomento che verrà trattato diffusamente nella lezione 10 modulo): l’imposizione di dazi sui
beni di consumo ne scoraggia l’importazione e ne incentiva la produzione locale per il mercato
interno. Le risorse di capitale e di lavoro del paese che pratica questa strategia tenderanno perciò a
muoversi verso i settori che producono beni di consumo per il mercato interno. Ciò significa che tali
risorse non saranno più a disposizione o, più realisticamente, saranno a disposizione ad un costo
maggiore, per i settori che producono beni destinati all’esportazione. La capacità di esportare
dell’economia in questione sarà perciò ridotta (si riduce, nel modello dei due gap, il parametro e),
ciò che, a parità di ogni altra condizione, tende a rendere più stringente il vincolo di valuta estera.
Riassumendo: nel caso, piuttosto verosimile per alcuni paesi in via di sviluppo, in cui il vincolo di
valuta estera sia il limite effettivo alla crescita dell’economia, un aumento del tasso di risparmio non
produce effetti positivi sulla crescita stessa. Bisognerebbe invece modificare la struttura vera e
propria dell’economia, ma per far questo non esistono ricette miracolose. Esistono soltanto dei mix
di politica economica i cui costi e benefici vanno soppesati con grande attenzione e sale in zucca.

Documenti analoghi