clicca qui - Parrocchia di Anguillara Veneta

Commenti

Transcript

clicca qui - Parrocchia di Anguillara Veneta
Riconnettiamo quella vecchia app:
funziona anche
senza smartphone
Ormai un’idea ce la siamo fatta: Pokemon
Go è un’applicazione che ti consente,
attraverso lo smartphone, di andare a
caccia e, se sei bravo, di 'intascare', in
senso digitale, uno o più mostriciattoli
(Pocket-Monsters,
appunto:
mostri
tascabili), rendendo ancor più realistico il
gioco creato a suo tempo dalla Nintendo
per la console portatile Game Boy e già
allora integrato con media più tradizionali
come i cartoni in tv e i mazzi di carte.
Gioco che consisteva e consiste tuttora
nell’allenare queste creature a sfidarne
altre in competizioni di stampo sportivo
ma, a loro modo, cruente.
Le parole che la blogosfera ecclesiale ha già dedicato a questa novità non
sono molte, ma sufficienti ed eloquenti. In particolare è Massimiliano Padula,
studioso di comunicazione nonché neopresidente Aiart, ad argomentare
molto bene, sul Sir ( tinyurl.com/hf97a5k ), concetti che ha lapidariamente
riassunto così: «I media siamo noi. Pokemon go è ciò che noi vogliamo che
sia. Sta all’uomo scegliere...».
Allora proviamo a immaginare se ci sono dei modi di utilizzare, non il gioco,
ma la tecnologia che lo consente, per annunciare il Vangelo e testimoniare
l’amore cristiano. Sarò fissato, ma mi vengono in mente i «fratelli più piccoli».
Sarà così difficile progettare un’app che ci indichi, sullo smartphone, se vicino
a noi c’è qualcuno in carne e ossa che ha fame e sete? Un anziano solo,
magari con tanti acciacchi? Un amico intristito e infragilito da qualche prova,
ma che non ce l’ha voluto far sapere? Una conoscente così molesta che
abbiamo preso a ignorarla? In effetti l’abbiamo, questa app: si chiama
Proximon, e funziona anche senza smartphone. È un sistema integrato occhiorecchie, che trasmette un preciso segnale al cuore e/o alle viscere (che in
risposta si contorcono). Solo che spesso si stacca la connessione. Eppure la
Samaritan, l’azienda sviluppatrice che l’ha progettato, sa il fatto suo. Forse
siamo noi che non sappiamo farlo funzionare...
Avvenire 22 luglio 2016