Vivere - La testimonianza di Sabrina

Commenti

Transcript

Vivere - La testimonianza di Sabrina
VIVERE V= vita I= incredibile V= valore E= energia R= rinascita E= equilibrio Sono passati 15 anni, ma il ricordo è sempre presente come se fosse successo ieri. E’ vero che molto spesso, più vorremmo cancellare dalla nostra mente certe brutte esperienze, più le stesse ci rimangono in memoria a tal punto che, con il passare del tempo, i ricordi riaffiorano sempre chiari e limpidi. La mia storia è una fra le tante, fatta di sofferenza e di paure. Nel 1998 mi ammalai di Lma3, una forma di leucemia acuta. All’età di 31 anni, dopo sei anni di matrimonio e in progetto l’ipotesi di mettere in cantiere un figlio, ecco che arriva lui, questo male: scopri che non puoi fare altro che accettarlo, elaborarlo e iniziare un lungo e impetuoso percorso per sconfiggerlo, rassegnandoti con convinzione a tutto ciò che esso comporta. Ti si ferma la vita, mille domande ti passano per la mente: perché proprio a me? Che cosa ho fatto per meritare tutto ciò?. . . In realtà non ci sono risposte a queste domande, pur legittime che siano. La mia reazione di fronte a questa notizia fu come se avessi dovuto partire immediatamente per un viaggio, senza conoscerela mia vera destinazione, ma soprattutto senza sapere quando sarei ritornata a casa. Non riuscivo ad immaginare quale fosse il mio futuro, e cosa avrei dovuto subire una volta entrata in quell’ospedale. Certo, avevo l’ingenua convinzione di uscirne prima o poi, rassegnandomi al mio destino e affidandomi alle cure di persone speciali, angeli che scendono dal cielo per compiere il loro dovere, inviati da Dio per aiutarti a ritornare a vivere dignitosamente. Grazie a loro trovai la forza di vivere quei momenti in maniera positiva Con l’acrostico della parola “ VIVERE “ ritrovo parole e termini molto significativi per dare un senso alla parola stessa. VITA : la vita è qualcosa su cui tutti dobbiamo credere, soprattutto nei momenti più duri. Sì, perché la vita non è solo spensieratezza, divertimento, felicità, ma è anche forza e coraggio quando ci si trova in momenti duri come una brutta malattia. Certo, non è facile quando si è in quel tunnel dove, pur sforzandoti di vedere in fondo una luce,pare che niente e nessuno possa aiutarti a trovare anche solo un piccolo barlume, simbolo di vita. Ma non è così ! INCREDIBILE: è quando ti rendi conto che,rassegnandoti e affidandoti a quelle persone che in quel momento ti sono vicine e che stanno facendo di tutto per riportarti ad una vita “normale”, acquisti fiducia in te stesso.Quindi grazie ai familiari e a tutto il personale medico e infermieristico che assistono i malati. VALORE il valore di credere che ce la si può fare, perché non tutte le battaglie sono perse. Dare valore alla nostra vita credendo ad un futuro,in quel momento immaginario, ma in realtà realizzabile. ENERGIA: è l’energia vitale; quella forza interiore che non si deve mai soffocare perché c’è, è dentro di noi, non si vede ma si sente nell’animo e nello spirito. Basta saperla ascoltare. RINASCITA: dopo una malattia c’è sempre la rinascita. Percorrendo quel tunnel ad un certo punto incominci a vedere quella luce, che prima intravedevi lontana, e poi sempre più vicina fino a riuscire ad entrarvi. Da lì parte la rinascita. La RINASCITA è vita, è un evento incredibile perché ritrovi quella forza che credevi perduta, ha un VALORE inestimabile, proprio perché ti fa sentire quell’energia vitale che pensavi non sentire più. EQUILIBRIO: è la maturità e la stabilità che raggiungiamo dopo un lungo percorso fatto di sofferenza, mediante il quale si aprono le porte verso una nuova vita più vera, più sensibile, più viva, con valori più intensi, amando in maniera diversa tutto ciò che è VITA. La mia rinascita mi ha dato sia il dono di riacquistare la mia stessa vita ma anche di poter dare alla luce una nuova vita. Nel 2003 divento mamma di un bambino stupendo, sano e pieno di vita: DANIELE, oggi essenza indispensabile per me. Vorrei infine dire a tutte quelle persone che in questo momento stanno vivendo una così dura esperienza di vita chesono loro vicina con il cuore, con l’anima e con la preghiera. Un abbraccio, Sabrina.