LETTERA DI SOSTEGNO A GIANLUCA BUDANO

Commenti

Transcript

LETTERA DI SOSTEGNO A GIANLUCA BUDANO
LETTERA DI SOSTEGNO A GIANLUCA BUDANO, CANDIDATO A PRESIDENTE NAZIONALE
DELLE ACLI
Il tempo che le ACLI stanno vivendo è estremamente delicato ma, proprio per questo, gravido
di grandi possibilità e speranze.
Crediamo che questo momento storico, fatto di crisi e mutamenti ma anche di risveglio di
grandi passioni politiche, sia un’importante occasione, se giocata al meglio, per continuare ad
essere le ACLI che amiamo. ACLI vicine agli ultimi, capaci di incidere concretamente nella
storia che abitiamo quotidianamente.
Per far questo servono scelte coraggiose, dentro cui però è necessario che le Acli restino
ancorate alla propria tradizione di associazione popolare e fedeli alla loro autonomia nei
confronti della politica. Che non vuol dire essere estranei ad essa rinunciando ai propri valori.
Ma avere a cuore le scelte politiche di ogni nostro singolo associato, che riconosce in noi la
capacità di non scendere a compromessi con nessuno se si tratta di tutelare i bisogni degli
ultimi.
Siamo convinti, inoltre, che le ACLI debbano puntare tutto sulla loro capacità di rinnovarsi.
Nelle idee, nei servizi, nei metodi. E nelle persone.
Nelle idee. Ancorati alla propria storia per saper leggere in modo nuovo il nostro presente,
affidandoci fedelmente al nostro futuro.
Nei servizi. Puntando su una gestione sempre più efficiente ma al tempo stesso
profondamente “umana” delle imprese delle ACLI.
Nei metodi. Inaugurando una stagione capace di mettere il dialogo sincero, e la discussione se
necessario, al centro del nostro fare politica associativa.
Nelle persone. Puntando su una nuova classe dirigente, che sia squadra affiatata e che abbia
un forte radicamento nei territori e ne conosca le problematicità.
Per questi motivi riteniamo, qualora il Presidente nazionale dovesse scegliere dei percorsi che
gli impedissero di portare a termine il suo mandato, che la candidatura di Gianluca Budano
a Presidente nazionale, meglio possa rispondere a queste istanze. La sua storia e l’impegno
assiduo nell’associazione, passato per la guida del suo Circolo, per il movimento giovanile e
adulto per le responsabilità territoriali e nazionali, ci convincono con forza di questa scelta.
I punti programmatici che Gianluca ha già manifestato sinteticamente in una recente riunione
di Direzione Nazionale, ci rassicurano per il futuro della nostra Associazione, affinché essa
possa:
-
-
dotarsi di un modello di governance duale Associazione/Servizi, favorendo la crescita
di una “classe dirigente dedicata” delle nostre Imprese, adeguata alle sfide che un
dato periodo storico presenta;
“presidiare” la vita sociale, politica e ecclesiale del Paese, valorizzando tutte le
sensibilità presenti nell’Associazione, costruendo attorno ad esse la linea politicoculturale delle nostre ACLI, in autonomia e con originalità rispetto agli schemi che il
contesto esterno offre, sul fronte partitico, sindacale e del terzo settore;
-
“coltivare la cultura dell’innovazione”, che non può che passare per la riscoperta del
tutto, nel frammento in cui l’Associazione concentra la propria attenzione,
abbandonando la vocazione generalista, “insostenibile” come ci ha detto a chiare
lettere il Congresso Nazionale e il Programma Associativo di recente approvato.
Da ultimo, crediamo fermamente, con il Beato Giovanni Paolo II, che “solo il Vangelo fa nuove
le ACLI” e che anche questo tempo di decisioni importanti può trovare la propria fecondità
solo nella comune riflessione e preghiera.
F.to Bernardo Di Marcangelo
F.to Domenico Corrado
F.to Saverio Sergi
F.to Anna Cristofaro
F.to Sabrina Simone
F.to Antonio De Donno
F.to Ottavio Sanna
F.to Santo Francesco Scirè
F.to Umberto Soldatelli
F.to Andrea Luzi
- Presidente ACLI ABRUZZO
- Presidente ACLI BASILICATA
- Presidente ACLI CALABRIA
- Presidente ACLI CAMPANIA
- Presidente ACLI MOLISE
- Presidente ACLI PUGLIA
- Presidente ACLI SARDEGNA
- Presidente ACLI SICILIA
- Presidente ACLI LAZIO
- Presidente ACLI VENETO

Documenti analoghi