Intervista a Carolina Pellegrini - «Milano deve ripartire dalla tutela

Commenti

Transcript

Intervista a Carolina Pellegrini - «Milano deve ripartire dalla tutela
Intervista a Carolina Pellegrini - «Milano deve ripartire dalla tutela
delle famiglie» - «La città deve ripartire dalle famiglie»
«Le famiglie sono sempre state il primo fornitore di Welfare del Paese: sostenere le famiglie significa
sostenere le politiche sociali». Carolina Pellegrini, consigliera di parità in Regione Lombardia
(«Rigorosamente senza indennità», come chiarisce lei stessa) e candidata a Palazzo Marino con la
lista "Milano Popolare" a sostegno di Stefano Parisi, va dritta al punto: «È necessario ripensare a
una rete di servizi della città che risponda alle esigenze della famiglia e della donna».
In che modo? «Sono contrarissima a ghettizzare il tema femminile in una delega specifica: credo,
invece, che debba essere declinato in un discorso trasversale che tocchi tutte le politiche della città.
Mobilità, Welfare, Istruzione, Salute: sono tutte tematiche che vanno lette anche con lo sguardo
femminile».
Cosa significa ripensare alla Mobilità in chiave femminile? «L'impatto che le donne hanno sulla
mobilità è diverso rispetto a quello che hanno gli uomini. Le donne hanno degli orari diversi: spesso
devono portare a scuola i figli, o andare a fare la spesa e si scontrano con problemi pratici legati agli
orari dei tram e dei servizi».
E la soluzione qual è? «Ridisegnare un pochino la città anche per le donne. E per donne intendo
anche le single con i genitori anziani a carico». Sulla questione nidi cosa pensa? «È un tema caldo:
io sono per la libertà di scelta e credo che se una struttura privata accreditata gestisca un servizio
pubblico, che non è prerogativa del Comune, debba essere valorizzata».
Per esempio? «Penso alle associazioni e al Terzo settore: questa immensa ricchezza che Milano ha
in termini di "volontariato organizzato" va sostenuta in ogni ambito. Da quei centri che si occupano
di disabilità, di adolescenza, di salute mentale che è un tema di cui ancora si parla poco».
Poi c'è anche il lavoro femminile, no? «Certo: non possiamo pensare di includere le donne nel
mercato del lavoro e farcele restare senza mettere in capo delle politiche che aiutino questo
obiettivo».
Già. Ma come? «Io sostengo l'idea di Parisi di ribaltare la macchina amministrativa. Ma per farlo
bisogna leggere i problemi della città in maniera diversa e dare risposte diverse. Cioè trasversali: è
come se avessimo davanti una spirale, non possiamo leggere i singoli problemi separatamente».
E come si comincia? «Guardando ai bisogni per cercare le soluzioni, e non il contrario. Io voglio
finanziare la domanda, non il sistema».
Fonte: Libero Milano