I rifugi - Fondazione Courmayeur

Commenti

Transcript

I rifugi - Fondazione Courmayeur
La Fondazione Courmayeur, attraverso l’Osservatorio sul sistema
montagna “Laurent Ferretti”, dopo il 1° Convegno su “La residenza e le
politiche urbanistiche in area alpina”, prosegue nella volontà di istituire, con
cadenza annuale, un incontro sull’architettura alpina e quest’anno rivolge la
sua attenzione al tema “I rifugi”.
I rifugi alpini evidenziano al massimo livello gli aspetti che più
contraddistinguono l’architettura in montagna, che deve confrontarsi con
rigori estremi, con i problemi dell’inserimento nell’ambiente e nel paesaggio,
con la sperimentazione e l’utilizzo di tecnologie avanzate, con la capacità
di socializzazione dei frequentatori, con l’essere punti di presenza umana
sul territorio.
Il rifugio, è inoltre, una costante dell’insediamento alpino, a
partire dalle grotte naturali od artificiali, dai ripari naturali (i tetti rocciosi),
dai bassi alpeggi usati per la monticazione, ai primi rifugi per naturalisti ed
alpinisti. La costruzione di un rifugio è, molto spesso, il risultato di uno sforzo
collettivo (di associazioni o di enti aventi scopo sociale), tale da affratellare
con un comune obiettivo un ampio numero di persone.
PROGRAMMA
Sabato
22 ottobre
2005
ore 9.15
Presentazione
Lodovico PASSERIN D’ENTRÈVES, presidente della Fondazione
Courmayeur
Saluti
Luciano CAVERI, presidente della Giunta Regionale della Valle
d’Aosta
Introduzione
Alberto CERISE, assessore al Territorio, Ambiente e Opere pubbliche
ore 9.30
PRIMA SESSIONE: IL SENSO DEL RIFUGIO
Relazione introduttiva
Giuseppe NEBBIA, presidente dell’Osservatorio sul sistema
montagna “Laurent Ferretti”
Il rifugio alpino, tra materia e parola
Luca MORETTO, architetto; docente del Politecnico di Torino
Il rifugio di montagna nel racconto alpinistico
e nell’immaginario letterario
Enrico CAMANNI, giornalista; direttore della rivista internazionale di
cultura alpina L’Alpe
Il rifugio dello spirito I: il caso del convento di Quart
Aimaro OREGLIA D’ISOLA, architetto; professore emerito del
Politecnico di Torino
Il rifugio dello spirito II: il caso del monastero “Dominus
Tecum” a Pra’d mill, Bagnolo
Maurizio MOMO, architetto; docente del Politecnico di Torino
ore 11.00
Coffee Break
PROGRAMMA
Sabato
22 ottobre
2005
ore 11.30
SECONDA SESSIONE: IL RIFUGIO E LE ARTI
L’architettura alpina e i suoi simbolici rifugi di pittori
e di pittura – il caso della Valle Vigezzo (VB)
Monica MATTEI, responsabile dei servizi culturali presso il Comune
di Santa Maria Maggiore – Valle Vigezzo (VB)
Il rifugio alpino e la musica
Roberto BASSA, pianista
ore 12.45
Intervallo con buffet
ore 14.15
TERZA SESSIONE: L’ARCHITETTURA
DEI RIFUGI ALPINI CONTEMPORANEI
La construction des refuges, architecture de l’extrême?
Bruno LUGAZ, architecte-urbaniste; Directeur du CAUE de la Savoie
Jean-Francois LYON-CAEN, architecte; maître assistant, École
d’architecture de Grenoble, Équipe de recherche “architecture paysage
montagne”
La montagna come rifugio
Luca ORTELLI, architetto; docente dell’École d’Architecture del
Politecnico Federale di Losanna
Il rifugio dell’architetto
Luciano BOLZONI, architetto
Il sistema dei rifugi sul territorio
e i rapporti con il paesaggio (intervento scritto)
Paolo CASTELNOVI, architetto; docente del Politecnico di Torino
PROGRAMMA
Sabato
22 ottobre
2005
ore 14.15
L’Osservatorio dei rifugi per la gestione e le tecnologie
eco-efficienti
Riccardo BELTRAMO, professore; responsabile scientifico
dell’Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in
montagna, per la tutela dell’ambiente montano e delle strutture ricettive
alpine
Ospitalità in condizioni limite: qualità spaziali
degli interni di bivacchi e rifugi d’alta quota
Cecilia AVOGADRO, architetto; dottoranda in Architettura degli
interni e allestimento, Politecnico di Milano
ore 16.30
QUARTA SESSIONE: ESPERIENZE IN LOCO,
TESTIMONIANZE
Rifugi Teodulo e Dalmazzi
Enrico GIACOPELLI, architetto
Bivacco Alessandra Boarelli al Lago delle Forciolline
Giorgio ROSSI, architetto
Il rifugio Rotary in Val Clavalité
Vasco MARZINI, geometra
Rifugio del Velan
Michel TROILLET, architetto
I rifugi del Club Alpino Italiano
Lorenzo REVOJERA, ingegnere; rappresentante del CAI
ore 17.30
CONCLUSIONI
Ennio PASTORET, assessore al Turismo, Sport, Commercio e Trasporti
Omaggio in fine al lavoro in montagna
Presentazione e proiezione del documentario
“Il cantiere dell’impianto idroelettrico del Lucendro
sopra Airolo. Diga, condotta, centrale” (33 min.)
Jacques GUBLER, docente dell’Accademia di architettura di Mendrisio
Traduzione simultanea per la lingua francese

Documenti analoghi