Brochure 3 - Travelandia

Commenti

Transcript

Brochure 3 - Travelandia
Vietnam
Laos
Cambogia
Travelandia è da 20 anni un tour operator che organizza vacanze, soggiorni mare, tours, fly and drive, crociere, viaggi di
gruppo ed
incentive nelle principali mete turistiche mondiali.
Nel corso degli anni, la programmazione si è concentrata sul Brasile
- ‘storica’ specializzazione di Travelandia - per poi allargarsi a Paesi
come Cuba, Portogallo e Turchia.
Negli ultimi mesi sono state introdotte nuove destinazioni per soddisfare
le numerose richieste dei clienti fidelizzati Travelandia e non, che ci
chiedevano di visitare anche altri paesi nel mondo.
I paesi della nuova programmazione sono gli Emirati Arabi (Dubai e
Abu Dhabi), tutto il Sud Est Asiatico (Thailandia, Indonesia, Malesia,
Birmania, Vietnam, Laos, Cambogia, Hong Kong e Singapore), alcuni
paesi del Sud America (Venezuela, Panama, Colombia, Peru, Ecuador, Bolivia, Galapagos, Argentina e Cile) e crociere di lusso. Altre mete
sono già in studio ed elaborazione da parte del nostro staff.
Travelandia - Il Gusto delle Vacanze !
Scegliere una vacanza Travelandia vuol dire avere la garanzia di
professionalità da parte di un team altamente qualificato, appassionato
e preparato sulle destinazioni, che sa progettare ed elaborare viaggi su
misura in base alle richieste ed esigenze della clientela, per rendere
ogni viaggio un’esperienza unica e indimenticabile. Massima cura
e attenzione ai particolari, alto livello di servizio, una costante ricerca di
soluzioni di viaggio sempre più competitive ed accattivanti che ottimizzino
il rapporto qualità/prezzo, itinerari unici e anche al di fuori delle solite
proposte di turismo di massa, è quanto offre Travelandia da anni ai
propri clienti.
Continue e proficue sinergie con i migliori agenti di viaggio italiani hanno
consentito, negli anni, di fare in modo che Travelandia diventasse un
marchio riconosciuto e di riferimento per i viaggi taylor made e non solo.
L’avvento del web di questi ultimi anni non ci ha colti impreparati e a
disposizione delle agenzie di viaggio e dei clienti, è stata fornita la
possibilità di prenotare on-line prodotti completi e di qualità.
Professionalità, cortesia, passione, curiosità, scoperta,
qualità, benessere ed emozioni indimenticabili...
Tutto questo è Travelandia!!
2
3
Indice
4
Presentazione
2-3
Indice
5
Notizie Utili
6-9
Vietnam
10-13
Tour Vietnam
14-17
Estensioni mare in Vietnam
18-43
Cambogia
44-47
Estensioni in Cambogia
48-51
Estensioni Mare
52-57
Tour Cambogia
58-63
Laos
64-67
Estensioni Laos
68-69
Tour Laos
70-79
Condizioni contratto e assicurazioni
80-87
5
DOCUMENTI
VACCINAZIONI
Vietnam - Per le persone di nazionalità italiana è richiesto passa-
Non sono richieste vaccinazioni particolari. Consigliamo di munirsi
di disinfettanti intestinali, repellenti per insetti e creme solari protettive, occhiali da sole e cappello.
porto con una pagina completamente libera e con validità di almeno
6 mesi dalla data di ingresso nel Paese. È previsto inoltre un visto di
ingresso che deve essere richiesto all’ambasciata di Roma tramite
la Vostra Agenzia di Viaggio. In caso di partenze con programmi da
nostro catalogo il visto potrà essere fornito all’aeroporto di arrivo
dalla nostra organizzazione al costo di Usd 45 (importo soggetto
a variazioni senza preavviso da pagarsi in loco). Per ottenere tale
visto all’atto della prenotazione dovrete indicare vostre generalità
ed estremi del passaporto e premunirvi prima della partenza di 2
foto tessera a colori identiche da consegnare all’arrivo unitamente
ad un’autorizzazione che vi verrà rilasciata insieme ai documenti di
viaggio.
Laos – È richiesto passaporto con validità di almeno 3 mesi dalla
data di ingresso nel Paese. È previsto inoltre un visto di ingresso
che si può ottenere direttamente alla frontiera aeroportuale ad un
costo di Usd 35 presentando, oltre al passaporto, due foto formato
tessera (la validità è di 14 giorni). Per evitare lunghe attese, in caso
di partenze con programmi da nostro catalogo il visto potrà essere
fornito all’aeroporto di arrivo dalla nostra organizzazione al costo di
Usd 35 (importo soggetto a variazioni senza preavviso da pagarsi in
loco). Per ottenere tale visto all’atto della prenotazione dovrete indicare vostre generalità ed estremi del passaporto e premunirvi prima
della partenza di 2 foto tessera, unitamente ad un’autorizzazione
che vi verrà rilasciata insieme ai documenti di viaggio. Durante il
soggiorno non portare con sè il passaporto è considerato illegale;
in caso di richiesta e mancata esibizione, le multe possono essere
elevate.
Cambogia - È richiesto passaporto con una pagina completa-
mente libera e con validità di almeno 6 mesi dalla data di ingresso
nel Paese. È previsto inoltre un visto di ingresso che si può ottenere
direttamente alla frontiera aeroportuale ad un costo di Usd 20 (Usd
25 se ingresso via fiume) presentando, oltre al passaporto, due foto
formato tessera, la validità è di 1 mese. Per evitare lunghe attese,
in caso di partenze con programmi da nostro catalogo il visto potrà
essere fornito all’aeroporto di arrivo dalla nostra organizzazione al
costo di Usd 20 per pax (importo soggetto a variazioni senza preavviso da pagarsi in loco). Per ottenere tale visto all’atto della prenotazione dovrete indicare vostre generalità ed estremi del passaporto
e premunirvi prima della partenza di 2 foto tessera, unitamente ad
un’autorizzazione che vi verrà rilasciata insieme ai documenti di
viaggio. Onde evitare inconvenienti con gli Uffici Immigrazione dei
paesi attraverso cui si viaggia, prima della partenza i clienti devono assicurarsi di avere almeno 5-6 pagine completamente libere
all’interno del Passaporto. Paesi come Cambogia, Laos e Vietnam,
infatti, per il visto applicano adesivi della dimensione di una pagina
del passaporto, occupando così l’intero spazio disponibile, che perciò non può essere più utilizzato per ulteriori visti e timbri.
Minori: dal 26 Giugno 2012 tutti i minori possono viaggiare
all’Estero solo con loro passaporto individuale. Per minori che viaggiano separatamente o con genitori separati o divorziati, si consiglia
di contattare le autorità competenti per la verifica della documentazione specifica
VALUTA
Vietnam – L’unità monetaria è il dong che non è convertibile fuori
dal Paese. I dollari americani sono comunemente utilizzati, mentre
gli euro cominciano ad essere accettati in molti alberghi, ristoranti
ed esercizi commerciali. Possono essere utilizzati anche i traveller’s cheques. Si sta diffondendo l’utilizzo delle carte di credito (Visa,
Master Card, American Express), soprattutto nei grandi alberghi, nei
ristoranti con clientela internazionale e in negozi di fascia medioalta. Sui pagamenti effettuati con questo sistema viene spesso applicata una commissione aggiuntiva compresa tra il 2 ed il 5 %. Nelle
principali città è possibile effettuare prelievi di contante con carta di
credito presso un numero crescente di sportelli automatici.
Laos - L’unità monetaria è il Kip ma è consigliabile munirsi di dollari
americani. Utilizzare nel commercio valute straniere sarebbe illegale ma è in uso abitualmente soprattutto negli alberghi e nei negozi
delle grandi città. Nei villaggi e nelle città piccole vengono accettati
solo Kip
Cambogia - L’unità monetaria è il Riel ma è consigliabile munirsi di
dollari americani. Le carte di credito sono accettate solo nei grandi
alberghi.
CLIMA
Il clima e’ in generale subtropicale e monsonico con la stagione secca che va da novembre a marzo e maggiore umidità e precipitazioni
invece nei mesi estivi.
Vietnam - Due sono le stagioni che caratterizzano il Nord: l’inverno,
da novembre ad aprile, con temperature relativamente basse (10/15
gradi) e piogge insistenti a febbraio e marzo e l’estate da marzo
a ottobre, con temperature elevate e clima afoso. Nel centro del
Paese la bella stagione va da aprile ad ottobre, mentre da novembre
a marzo soffia il monsone di nordest. Il Sud sub-equatoriale presenta due distinte stagioni: quella umida, con intensi acquazzoni di
breve durata da marzo a novembre e quella secca, con clima caldo
e secco da dicembre ad aprile.
Laos - Due sono le stagioni principali anche qui determinate dai
monsoni: quella secca da inizio novembre a fine febbraio che costituisce il periodo migliore per visitare il Paese. Da marzo a inizio
maggio comincia il periodo caldo ed umido, mentre da maggio a
metà ottobre non è difficile trovare piogge improvvise.
Cambogia - Il clima è influenzato dai due monsoni: quello fresco
di nord-est da novembre a marzo che porta poca pioggia; quello di
sud-ovest invece,da maggio ad ottobre, con un tasso di umidità più
alto e precipitazioni. La temperatura massima giornaliera raggiunge
in genere il suo picco ad aprile, (35º), il suo minimo a gennaio (20º).
LINGUA
Vietnam: lingua ufficiale è il vietnamita, mentre fra i giovani e le
strutture turistiche è d’uso l’inglese e il francese.
Cambogia: lingua ufficiale è il cambogiano, il francese è parlato
quasi ovunque mentre l’inglese è abbastanza diffuso.
Laos: lingua ufficiale è il laotiano, diffusi comunque sono il francese
e l’inglese.
6
7
FUSO ORARIO
Rispetto all’Italia bisogna calcolare una differenza di 5 ore in più
durante l’ora legale e 6 ore in più durante l’ora solare.
TELEFONO
Vietnam - Per chiamare dall’Italia bisogna comporre il prefisso internazionale 0084 seguito dal prefisso della città interessata (senza
lo 0 iniziale) e il numero telefonico desiderato. La copertura per
telefoni cellulari GSM è buona nelle maggiori città del Paese e nelle
zone costiere.
Laos - Per chiamare il Laos, bisogna comporre il prefisso internazionale 00856.
Cambogia – Per chiamare dall’Italia bisogna comporre il prefisso
internazionale 00855.
CORRENTE ELETTRICA
L’elettricità è a 220 volt con prese a lamelle piatte. Ricordatevi di
premunirvi di adattatori.
ABBIGLIAMENTO
Sono consigliati abiti di cotone, preferibilmente vestiti che coprano
le spalle e pantaloni lunghi, sia per osservanza dei costumi locali
(in alcuni luoghi non vi lasciano entrare se l’abbigliamento non è
dignitoso), sia per proteggersi dal sole. Inoltre mettete in valigia
scarpe comode ed un capo più pesante per le escursioni nelle
prime ore del mattino in alcune stagioni dell’anno dove l’aria è un
po’ più fresca.
MANCE
Le mance, come segno di riconoscimento di soddisfazione sono
ben gradite al termine di un servizio, di un tour o di un soggiorno; la
maggioranza dei ristoranti e bar includono già una tassa di servizio
del 10% nel conto. Quando non risulta compresa sul conto, si è
soliti lasciare una somma pari a circa il 10%.
ACQUISTI
Potrete scegliere fra preziose sete, tessuti in cotone, colorati oggetti laccati, elefanti in ceramica e teiere. Vi ricordiamo la krama,
tipica sciarpina cambogiana in cotone o seta a quadretti. Nei vivaci
mercati di Phnom Penh e Siem Reap troverete oggetti antichi, argenti, gioielli, pietre preziose, tessuti di cotone e seta, incisioni in
legno e statuette in ottone.
8
9
Vietnam
Anche se il ricordo della guerra resa celebre da
film come Apocalypse Now e Platoon durerà ancora a lungo, già da qualche anno l’immagine
del Vietnam è diventata quella di un Paese dotato di un grande fascino e di tradizioni millenarie
che, lentamente, sta muovendo i primi passi nel
mondo moderno.
Storicamente legato alla Cina, parte dell’Indocina
Francese fino al 1954, duramente provato dal
conflitto con gli Stati Uniti, il Vietnam si è ora
completamente risollevato e attraversa un periodo
di prosperità economica, favorito dalla pace e
dalla stabilità politica. Ricco di bellezze naturali
e monumentali, il Vietnam è un paese bellissimo,
con una popolazione colta e civilizzata.
Dalle montagne del nord ricoperte da foreste lussureggianti, al delta del Fiume Rosso, passando
per la affascinante baia di Halong e l’intera fascia
costiera costellata di verdi risai, dove lavorano
donne dal caratteristico cappello conico; a chi
lo visita, il Vietnam offre la rara opportunità di
vedere una terra ancora relativamente poco
frequentata dal turismo, in cui si respirano ancora atmosfere vecchie di centinaia di anni.
Geografia
La Repubblica Socialista del Vietnam occupa l’estrema
regione orientale della Penisola Indocinese e confina a
nord con la Cina, a ovest con il Laos e la Cambogia, a
est e a sud si affaccia sul Mar Cinese Meridionale, in
particolare sul Golfo del Tonchino e per un breve tratto
sul Golfo del Siam. Il territorio, di circa 331.688 km
quadrati, è costituito per l’80% da colline e montagne
con una folta vegetazione, mentre il restante 20% è
costituito da pianure.
Al suo interno, si distingue una regione settentrionale
(Bac Bo), una meridionale (Nam Bo) e una centrale
(Trung Bo) che comprende il punto più stretto del territorio, largo poco più di 60 km. Nel nord del Paese, ci
sono diversi altopiani e il delta del Fiume Rosso, che
nasce nell’altopiano cinese dello Yunnan, attraversa la
regione del Tonchino e scorre in territorio vietnamita
solo per 500 dei suoi 1200 km complessivi.
A sud, il Paese è caratterizzato da depressioni in prossimità della costa, dal delta del fiume Mekong e dal
gruppo montuoso Giai Truong Son. Le coste, ricche
di vie d’accesso, anse e baie, costituiscono una delle
attrazioni del paese. Nonostante il Vietnam sia situato
all’interno della zona tropicale, il clima è assai vario,
con inverni gelidi sulle colline settentrionali ed estate
perenne nel delta del Mekong.
A livello del mare, la temperatura media annua è pari
a circa 27° nella parte meridionale del paese e a 21°
nella parte settentrionale.
10
Storia
Di origine antichissima - le leggende locali fanno risalire la storia del Vietnam a oltre 4.000 anni fa – per gran
parte della sua storia il Vietnam rimase uno stato vassallo della Cina fino alla metà del XIX° secolo, quando la
Francia riuscì a conquistare l’intero Vietnam del Sud, che
divenne la colonia denominata Cocincina.
Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, il Giappone
occupò il Vietnam e l’unica formazione politica che riuscirà ad opporre un’energica resistenza agli occupanti sarà
quella comunista guidata da Ho Chi Min,il quale proclamò l’indipendenza del Vietnam settentrionale nel 1945.
L’intervento militare francese, che intendeva ripristinare
il controllo del paese, aprì un lungo conflitto che si concluse con la sconfitta militare francese a Dien Bien Phu
nel 1954.
Gli accordi di Ginevra del 1954 divisero temporaneamente il paese in due parti (il nord filocomunista e il sud anticomunista, sostenuto dagli americani) ma le divisioni politiche e ideologiche portarono rapidamente il Vietnam a
una nuova guerra, in cui gli stessi americani si impegnarono con contingenti propri e alleati fin dal 1965. La pace
di Parigi del 1973 sancì un immediato cessate il fuoco e
il ritorno a casa delle truppe americane. Saigon capitolò
di fronte alle forze filocomuniste solo il 30 aprile 1975.
La fine della guerra fredda e la disgregazione dell’Unione
Sovietica nel 1991 portarono a un progressivo riavvicinamento tra il Vietnam e l’Occidente.
Nel 2007 il paese è entrato a far parte dell’Organizzazione Mondiale del Commercio e nel 2008 è diventato
anche membro non permanente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.
Natura
Il clima particolarmente caldo e umido del Vietnam ha
favorito la crescita di una lussureggiante vegetazione,
tanto che è stato calcolato che nelle sue foreste vi siano
oltre 12mila specie di piante delle quali solo 7mila classificate. Il versante orientale del Truong Son è coperto dalla foresta pluviale, costituita da alberi sempreverdi che
hanno un’altezza che va dai 30 ai 60 m e sono disposti
a più piani.
Nel Parco Nazionale di Cuc Phong (a sud di Ha Noi) sopravvivono tratti di giungla, rarissima in Vietnam. Tipiche
del sud sono infine le foreste di mangrovie che, lungo
i fiumi, sono così fitte da rendere quasi inaccessibili le
sponde degli stessi. Per quanto concerne la fauna, in
Vietnam ci sono più di 275 specie di mammiferi, 800 specie di uccelli, 180 specie di rettili e 80 specie di anfibi.
Nelle foreste pluviali troviamo elefanti, cervi, orsi tibetani
e malesi, tigri e leopardi, mentre nel resto del paese vivono scimmie, lepri, scoiattoli, lontre, coccodrilli, serpenti e
diverse specie di uccelli. In Vietnam ci sono cinque parchi nazionali: il Cat Ba, il Lago di Ba Be e il Cuc Phuong
nel nord, il Bach Ma nel centro e il Nam Cat Tien nel sud.
Nel tentativo di evitare una catastrofe ecologica e idrogeologica, il governo ha deciso di proteggere decine di
migliaia di chilometri quadrati di foresta e di creare 87
aree protette, tra parchi nazionali e riserve naturali.
11
Baia di Halong
Hoi An
La baia Halong, non lontana dalla capitale del Vietnam Hanoi, si estende su
1.500 chilometri quadrati ed è punteggiata da circa tremila isole alte tra i 50 e i
200 metri, che si innalzano dalle acque verde smeraldo del Golfo del Tonchino.
Sugli isolotti si trovano innumerevoli spiagge e grotte scavate dal vento e dal
mare, la più spettacolare delle quali è quella di Hang Dau Go, costituita da tre
ampie cavità. Nel 1994 l’Unesco l’ha inserita tra i Patrimoni Mondiali dell’Umanità. Ha Long significa “luogo in cui il dragone scese nel mare”: secondo gli
archeologi nelle grotte della baia si trovano le testimonianze dei primi insediamenti umani in Vietnam, risalenti a 25.000 anni fa. La principale attività turistica
della zona è naturalmente la visita della baia.
Hoi An è una cittadina del Vietnam dichiarata Patrimonio dell’Umanità
dall’Unesco grazie alle centinaia di edifici di interesse storico presenti. Nata
come porto fluviale nella zona centrale del Vietnam, raggiunse il proprio splendore nei secoli XVI e XVII. Ancora oggi è presente un’atmosfera di altri tempi,
per la presenza di antiche dimore ed edifici di grande fascino.
Dalat
Situata sulla regione degli Altipiani meridionali, è un’ottima base per compiere
escursioni sui monti circostanti, non ancora intaccati dalla modernizzazione. In
città, il Palazzo Estivo dell’imperatore Bao Dai è pieno di oggetti artistici di ogni
tipo e rappresenta sicuramente una visita interessante. Anche una passeggiata nel vecchio Quartiere francese potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa.
La Valle dell’Amore, a circa 5 km dal centro cittadino, è un luogo bizzarro in
cui si può affittare una canoa e fare un giro sul lago o prendere a noleggio un
cavallo dai cowboy di Dalat (nessuna relazione con i Dallas Cowboys!) che
sono proprio vestiti come cowboy del vecchio West.
Hanoi
Capitale del Vietnam, di stampo coloniale, sorge sulla riva destra del Fiume
Rosso. Numerosi i monumenti da non perdere: il lago della Spada Restituita,
la Pagoda Ba Da, il mausoleo Hồ Chí Minh, che custodisce il corpo imbalsamato del presidente ed il tempio della letteratura, prima università vietnamita,
costruito nel 1070.
Ho Chi Minh
Conosciuta in passato come Saigon, rappresenta il cuore e l’anima del Vietnam. Caotica, dinamica e industriosa, è la città più grande del paese, la capitale economica e anche la promotrice delle nuove tendenze culturali. Lungo le
strade, dove si svolge gran parte della vita cittadina, vi è una miriade di negozi,
bancarelle, carretti e ambulanti che vendono la loro merce esposta sui marciapiedi. Insomma, Ho chi Minh è in perenne fermento. Ciò nonostante, nella
moderna metropoli non sono state dimenticate le tradizioni secolari e il ricordo
e la bellezza di un’antica cultura. Tra le principali attrattive turistiche ricordiamo
la Pagoda di Giac Lam, la Cattedrale di Notre Dame in stile neoromanico, il
Palazzo della Riunificazione, il mercato di Cholon e l’ex ambasciata degli USA,
luogo di distruzione e violenze durante la fuga del 1975.
12
Hué
Di gran lunga la città più bella del Vietnam, Hué fu la capitale del paese dal
1802 al 1945 e le è sempre stato riconosciuto lo status di centro culturale,
religioso ed educativo del paese. All’interno dell’enorme Cittadella, circondata
da un fossato e costruita dall’imperatore Gia Long a partire dal 1804, vi sono
numerosi luoghi e oggetti di particolare interesse, quali per esempio i nove
cannoni sacri, la Città Imperiale, il Palazzo dell’Armonia Suprema e la Sala dei
mandarini. Circa 15 km a sud di Hué sono situate le Tombe imperiali e in città
vi sono numerosi altri luoghi di importanza religiosa e storica nonché musei
interessanti. E’ stata inserita dall’Unesco tra i Patrimoni Mondiali dell’Umanità.
Isola di Phu Quoc
Phu Quoc è la più grande isola del Vietnam, con spiagge tropicali da sogno:
sabbia bianca, natura incontaminata, assenza di turismo di massa.
My Son
E’ il più importante sito archeologico del regno Champa di tutto il Vietnam.
Situato nel cuore del Paese, non lontano dalla bellissima Hoi An e nei pressi
del villaggio di Duy Phú, è costituito da una serie di resti e rovine di templi
induisti costruiti tra il IV ed il XIV secolo d.C. dai re Champa. I templi si trovano
all’interno di una suggestiva vallata circondata da due catene montuose. Tra
i templi, tutti dedicati al culto del dio Shiva, il più importante e significativo è
quello di Bhadresvara.
Nha Trang
Capitale vietnamita del turismo balneare rappresenta uno dei più ambiti paradisi al mondo per appassionati di snorkeling e immersioni che possono effettuare irripetibili immersioni al largo delle isole posizionate di fronte alla costa,
quali Hon Mun (protetta come riserva naturale), Hon Mieu e Hon Tre.
13
TOUR
TOUR “VIETNAM CLASSICO”
07 notti / 10 giorni
Hanoi – Halong Bay – Hanoi – Danang/Hoi An/Danang – Hue – Saigon –
Cantho – Saigon – con guida parlante italiano
Partenze: Dall’Italia ogni Domenica – seat in coach (base 02 pax)
in mezza pensione
Tutti i giorni – privato – in pensione completa
Nota bene: al Lunedì in Vietnam i Musei sono chiusi
1° giorno: ITALIA / BANGKOK
Incontro dei Signori partecipanti al banco del check-in e dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco,
partenza con volo di linea diretto per Bangkok. Pasti, film e pernottamento a bordo.
2° giorno: BANGKOK / HANOI
Arrivo a Bangkok; proseguimento per Hanoi con volo di linea. Arrivo e trasferimento all’hotel e
sistemazione nella camera riservata.
Mezza giornata dedicata alla visita dei piú classici luoghi della capitale del Viet Nam “Culturale”.
Passando davanti all’imponente Mausoleo di Ho Chi Minh si entra nel parco di quella che fu la
Residenza del Governatore Generale Indochina e qui si trova la casa in cui visse il Presidente; non
distante sorge la deliziosa “Pagoda a pilastro unico” eretta nel 1049 e di fronte ad essa la Pagoda
Dien Huu. Il Van Mieu, il Tempio confuciano della Letteratura, fu la più antica Università asiatica e
risale al 1070. Nel cuore della città si trova il Lago della Spada Restituita con l’isolotto del tempio della
Montagna di Giada. La giornata si conclude con circa un’ora di sogni con il Water Puppet Show: uno
spettacolo unico al mondo dove gli attori sono delle marionette in legno che sullo scenario dell’acqua
fanno rivivere antiche storie tradizionali, scene di vita quotidiana e vicende tratte da leggende popolari.
Pernottamento in hotel. Pranzo e cena liberi.
3° giorno: HANOI – HALONG BAY
Prima colazione in hotel. Dopo una sosta in un centro di esposizione della locale produzione di sete,
ceramiche e sculture in pietra si prosegue per la visita della baia di Halong, Settima Meraviglia del
Mondo” che si effettua con una tradizionale giunca in legno, accuratamente restaurata, che si addentra tra la miriade di isole, isolotti, faraglioni e scogliere entro le quali si aprono grotte ove stalattiti
e stalagmiti disegnano straordinarie e sorprendenti scenografie. Il rientro a Hanoi é previsto nel tardo
pomeriggio. Pranzo e Cena a bordo.
4° giorno: HALONG BAY - HANOI – DANANG/HOI AN
Prima colazione a bordo. Mattinata ancora dedicata alla visita delle infinite attrattive della Baia di
Halong con Brunch a bordo. Rientro in porto e sbarco. Trasferimento all’aeroporto e dopo il disbrigo
delle formalità, imbarco su volo di linea in classe economica per Danang e di qui trasferimento a Hoi
An. Immediato trasferimento all’hotel e sistemazione nella camera riservata.
Cena libera.
Si prosegue poi per il massiccio roccioso del Ngu Hanh Son, le Cinque Montagne di Marmo o dei “Cinque elementi naturali” e l’Acqua o Thuy son, è la
più sacra fra le montagne. Ai suoi piedi, nel villaggio di Dong Hai, centinaia di famiglie si dedicano ancora alla vecchia arte di lavorazione della pietra. Da
una breve scalinata in pietra si sale a mezza costa dove, addossata alla parete rocciosa, ai tempi dell’Imperatore Minh Mang venne costruita la Linh Ung
Pagoda, uno dei più venerati luoghi di culto della regione. Trasferimento per Hue. Percorrendo la strada che attraversa il Colle delle Nuvole e attraversa
le suggestive lagune costiere si raggiunge Hue, che fu capitale dal 1805 al 1945. Al’arrivo immediato trasferimento all’hotel e sistemazione nella camera
riservata. Pranzo in ristorante tipico. Cena libera
06° giorno: HUE – SAIGON
Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita di Hue. Gli imperatori Nguyen fecero edificare la poderosa Cittadella al cui centro si leva la sontuosa
Città imperiale con il Padiglione delle Cinque Fenici, il Palazzo della Pace Suprema ed il tempio Dinastico The Mieu: grandiosi edifici disposti in un armonico
succedersi secondo i principi sanciti dalla scienza geomantica cinese. La visita prosegue risalendo la valle del Fiume dei Profumi per raggiungere i Mausolei
Imperiali di Tu Duc e Khai Dinh. Si visita poi la Pagoda della Dama Celeste, la Thien Mu, situata sulla sponda sinistra del Huong Giang, il Fiume dei Profumi,
per finire con una piacevole passeggiata fra i banchi del grande mercato di Dong Ba. Trasferimento in aeroporto e dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco,
partenza con volo di linea per Saigon. Arrivo a Saigon e trasferimento in hotel. Pranzo in ristorante tipico. Cena libera.
07° giorno: SAIGON
Prima colazione in hotel. Mezza giornata di visita di Cu Chi, la famosa cittadella che i Vietcong crearono sotto terra: una incredibile rete di magazzini, dormitori, armerie, cucine, infermerie e posti comando collegati tra loro da 250 chilometri di cunicoli e gallerie che resistettero ai bombardamenti americani. Nella
boscaglia emergono alcune strutture rese accessibili al pubblico e suggestivi manichini di Vietcong in armi montano la guardia nei punti strategici. Durante
il tragitto per Saigon è doverosa una sosta tra le ricche risaie in una azienda familiare di “piadine” di farina di riso e nelle preziose piantagioni di alberi della
gomma che furono impiantate dai Francesi all’inizio del secolo scorso. Nel pomeriggio, mezza giornata di visita nel cuore di Saigon che ha inizio con il War
Remnants Museum, che potremmo tradurre con “Museo dei ricordi che restano oggi della guerra”. Dopo una doverosa sosta nella piazza dove il periodo
coloniale rivive nell’edificio delle Poste disegnato da Gustave Eiffel e nella neogotica cattedrale di Notre-Dame, si visita il più alto luogo sacro del culto
taoista la chua Ngoc Hoang, la pagoda dell’ Imperatore di Giada, il cui arredo interno, le decorazioni, la statuaria, i simboli dell’ autorità delle divinità sono di
una ricchezza sorprendente, appena velata dalle nuvole di fumo che salgono dalle candele e dagli incensi. Si prosegue poi assaporando lo shopping nella
vivace zona commerciale che va dalla via Dong Khoi, la “Rue Catinat” dei coloni francesi, alla piazza del grande mercato Ben Thanh. Pranzo in ristorante
tipico. Cena libera.
08° giorno: SAIGON – CANTHO
Prima colazione in hotel. Giornata di visita della regione di Cai Be nel delta del Mekong. Si giunge poi a un imbarcadero sul Mekong dove ci attendono
piccole imbarcazioni locali che penetrano nei rami del fiume e passando tra rive affollate di vita giungono fino al luogo in cui si riuniscono le piccole giunche
che portano a questo importante mercato tutti i frutti, gli ortaggi ed i prodotti artigianali provenienti da ogni zona del delta. Visita di una simpatica azienda
familiare dove con antiche tecniche si produce manualmente il riso soffiato, i dolci, le caramelle di zucchero di palma, le gallette di riso, etc. etc. Nel pomeriggio trasferimento a Cantho e sistemazione nella camera riservata in hotel. Pranzo in ristorante tipico e Cena libera.
09° giorno: CANTHO / SAIGON (oppure estensione al mare) / ITALIA
Prima colazione in hotel. Nella mattinata visita del mercato galleggiante Tra On. Trasferimento a Can Tho e visita a bordo di piccole imbarcazioni a motore
del vivace mercato galleggiante di Cai Rang. Rientro a Saigon ed arrivo nel primo pomeriggio. Trasferimento in aeroporto e dopo il disbrigo delle formalità
d’imbarco, partenza con volo di linea in classe economica via Bangkok per l’Italia.
10° giorno: ITALIA
Arrivo e termine dei servizi.
5° giorno: HOI AN/DANANG – HUE
Prima colazione in hotel. Mezza giornata dedicata alla visita di Hoi An in Cyclo. Percorrendone le
suggestive vie su cui si affacciano decine e decine di botteghe, negozi, boutique e gallerie d’arte si
raggiunge il delizioso Ponte Giapponese per poi visitare un tempio della ricca comunità cinese da cui
si prosegue entrando nell’antica casa di un potente mercante dei secoli passati. Si conclude il tour
nella fabbrica della seta dove tra mille tentazioni all’acquisto i viaggiatori più raffinati possono anche
farsi confezionare eleganti abiti su misura. Visita del prezioso Museo Cham di Danang, costruito nel
1916 dall’ Ecole française d’ Extrême-Orient e recentemente ampliato e ristrutturato. Nelle sue sale si
scoprono i capolavori di statuaria cham che vanno dal VII al XIV secolo.
14
15
Hotel prescelti per il tour:
Tour s.i.c. (seat in coach – minimo base 02 pax)
Categoria
Superior
Hanoi: Hotel Pullman
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Hoi An: Hotel Golden Sand
Hue: Hotel Indochine Palace
Saigon: Hotel Moevenpick Saigon
Cantho: Hotel Victoria Cantho
Tour Privati
Categoria
Smart
Hanoi: Hotel La Belle Vie
Cruise in Halong Bay: JunDeluxe
Hue: Hotel Moonlight
Hoi An: Hotel Vinh Hung II
Saigon: Hotel Aquari
Cantho: Hotel Ninh Kieu II
Categoria
1^ categoria
Hanoi: Hotel Mercure Hanoi La Gare
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Hue: Hotel Moonlight
Hoi An: Hoi An Hotel
Saigon: Hotel Windsor Plaza
Cantho: Hotel Golf Cantho
Categoria
Superior
Hanoi: Hotel Pullman
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Hue: Hotel Indochine Palace
Hoi An: Hotel Golden Sand
Saigon: Hotel Moevenpick Saigon
Cantho: Hotel Victoria Cantho
Categoria
Deluxe
Hanoi: Hotel Sofitel Metropole Hanoi
Cruise in Halong Bay: Pelikan cruise
Hue: Hotel La Residence
Hoi An: Hotel Anantara Hoi An
Saigon: Hotel Park Hyatt Saigon
Cantho: Hotel Victoria Cantho
16
17
Estensione mare da Ho Chi Minh:
PHAN THIET
A circa tre ore e mezza di auto dalla città di Ho Chi Minh, si trova la
bellissima cittadina di Phan Thiet con le sue spiagge dorate.
E’ d’obbligo una sosta al pittoresco villaggio di pescatori con le miriadi
di imbarcazioni e un’escursione alle dune di sabbia rossa.
Phan Thiet è nota per la sua Nuoc mam (una salsa di pesce)
18
19
Phan Thiet
Hotel
HOTEL ANANTARA MUINE’ RESORT & SPA – 5 Stelle
Situato sulla spiaggia di Mui Ne e affacciato direttamente sull’oceano di Vinh Phan Thiet, l’Anantara
Mui Ne Resort & Spa dispone di 89 camere lussuose in mezzo a lussureggianti giardini tropicali e
con vista sul mare.
Questa struttura unisce perfettamente la cultura vietnamita con un design moderno e contemporaneo.
Le camere dispongono di un menù di cuscini, una cassaforte in camera, un minibar, docce con getto
a pioggia e ampie vasche da bagno in pietra.
A disposizione degli ospiti c’è una Spa, una palestra con vista su un giardino tranquillo e visite al
villaggio di pescatori di Mui Ne. Il ristorante del resort serve piatti della cucina tradizionale, con una
vista mozzafiato sul mare.
20
21
Phan Thiet
Hotel
HOTEL PRINCESS D’ANAM RESORT & SPA – 5 stelle
Situato a Phan Thiet, nel quartiere di Ham Nam Thuan, questo elegante resort a 5 stelle dispone di
48 moderne ville con TV a schermo piatto, balcone e spaziosa area soggiorno: alcune vantano anche
una vasca idromassaggio e un lettore DVD.
A disposizione degli ospiti c’è un lussuoso centro benessere con ben 10 sale massaggi e vasca
idromassaggio, una vista panoramica sul mare, la connessione Wi-Fi gratuita, parcheggio privato e
una moderna palestra aperta 24 ore su 24.
Disponibile tutto il giorno, il ristorante propone piatti vietnamiti e pesce fresco, da gustare anche ai
bordi della piscina affacciata sul mare.
22
23
Phan Thiet
Hotel
HOTEL CHAM VILLAS RESORT – 3 stelle
L’hotel Cham Villas Resort si trova a circa 10 km dal centro città di Phan Thiet, a 10 minuti dalla Ham
Tien Beach, a soli 15 minuti dalle dune di sabbia rosse e a 40 minuti dal Buddha disteso.
L’hotel dispone di 18 ville spaziose con connessione wi-fi gratuita, una terrazza con divano letto e
aria condizionata con cassaforte, ventilatore e bollitore elettrico, bagno privato che si affaccia su un
giardino e articoli da toeletta gratuiti.
A disposizione degli ospiti ci sono una piscina all’aperto, un centro benessere all’aperto, biliardo e
3 punti ristoro. Pasti occidentali e asiatici sono serviti al ristorante Cham mentre il Ratinger Löwe
Ristorante offre cucina tedesca.
Cocktail, birre e altre bevande sono disponibili al Beach Bar del resort.
24
25
Estensione mare da Ho Chi Minh:
NHA TRANG
e
NINH VAN BAY
Raggiungibile con circa un’ora di volo dalla città di Ho Chi Minh, Nha
Trang è una delle spiagge più esclusive del Vietnam con Resort di
alto livello all’interno dei quali si trovano rinomate e pluripremiate Spa.
26
27
Nha Trang e Ninh Van Bay
Hotel
HOTEL EVASON ANA MANDARA – 5 Stelle
L’hotel Evason Ana Mandara si trova 1 km dal centro di Nha Trang e a 40 minuti dall’aeroporto, direttamente sulla spiaggia di Nha Trang. Le 74 lussuose e spaziose ville con vista mare o giardino
sono dotate di aria condizionata, connessione internet gratuita, tv via cavo, lettore DVD, bagno con
vasca e doccia con getto a pioggia, minibar, cassaforte e set per la preparazione del thè e caffè. A
disposizione degli ospiti ci sono 2 piscine all’aperto, una spiaggia privata, una sala fitness, campi da
tennis e lezioni settimanali gratuite di yoga e tai-chi. Nel centro benessere Six Senses si possono provare i tradizionali massaggi e trattamento per il corpo vietnamiti. Il resort vanta un proprio centro per
gli sport acquatici che offre gite nell’isola e attività come pesca, snorkeling e immersioni subacquee;
si può anche noleggiare una moto per esplorare la zona. Nel resort sono presenti 4 punti ristoro fra
i quali: il ristorante Ana Pavilion, aperto 24 ore su 24, regala vedute panoramiche sulla baia di Nha
Trang e serve deliziosi piatti vietnamiti e internazionali, mentre il ristorante The Beach, situato vicino
alla piscina a sfioro e dotato di posti a sedere al coperto e all’aperto, propone spettacoli musicali.
28
29
Nha Trang e Ninh Van Bay
Hotel
HOTEL SIX SENSES NINH VAN BAY – 5 Stelle
Il Six Senses Vietnam Ninh Van Bay è raggiungibile dal Six Senses Hideaway Lounge della città di
Nha Trang, che dista 1 ora di auto dall’aeroporto di Cam Ranh e a 20 minuti di battello dalla città di
Nha Trang.
L’hotel dispone di 58 lussuose e spaziose ville dotate di piscine private, di un giardino terrazzato o
di una terrazza solarium e un’area soggiorno separata, aria condizionata, una mini cantina di vini, tv
satellitare, lettore Dvd, asciugacapelli. A disposizione degli ospiti ci sono una sala fitness, campi da
tennis, e una Spa pluripremiata Six Senses. Il Dining by the Bay Restaurant serve piatti fusion internazionali, proposte locali e una colazione a buffet. Il Dining by the Rocks, affacciato sul mare, vanta
invece un menù a 6 portate accompagnate da vino.
30
31
Estensione mare da Danang:
HOI AN
Hoi An è una piccola città che attrae numerosi turisti, dai più esigenti
ai viaggiatori con zaino e sacco a pelo, per le sue ampie e grandi
spiagge dorate, per l’arte locale, per i numerosi negozi dove vengono
fatti in poche ore abiti su misura venduti a prezzi convenienti, bar,
ristoranti e una frizzante vita notturna.
Vi consigliamo di attraversare le vie cittadine a bordo di un comodo
risciò, oppure passeggiando tranquillamente lungo le sue vie.
32
33
Hoi An
Hotel
HOTEL FURAMA – 5 Stelle
L’hotel Furama Resort Danang si trova su Bac MY An, una delle più belle spiagge del Vietnam, a soli
30 minuti di auto dal porto commerciale di Hoi An (considerato l’antica via della Seta) e a meno di due
ore dal My Son e dalla città imperiale di Hue. Resort di lusso, dispone di 198 camere arredate con
gusto e molto spaziose, tutte dotate di aria condizionata, balcone privato con vista su un paesaggio
tropicale da sogno, pavimenti in legno, eleganti tappeti, cabina armadio, ampio spazio salotto, ampi
bagni in marmo. A disposizione degli ospiti ci sono piscine d’acqua dolce, un centro benessere che
propone trattamenti di bellezza e termali, un cinema e sala giochi con Play Station 3 per i piccoli
ospiti , corsi di Yoga e Tai Chi sulla spiaggia, attrezzature sportive quali windsurf, kayak e sci d’acqua. Sei sono i punti ristoro fra i quali consigliamo il Cafè Indochine che serve una vasta gamma di
piatti della cucina internazionale e pan-asiatica in un ambiente coloniale francese; il Don Cipriani
che propone piatti del Nord Italia e l’Oceano Terrazza che ospita una steak house con piatti della
cucina mediterranea. Tre sono i bar fra i quali l’Hai Van Lounge dove si esibiscono band di filippini
per l’intrattenimento serale.
34
35
Hoi An
Hotel
HOTEL FUSION MAIA DANANG – 5 Stelle
Situato lungo la splendida Spiaggia di My Khe, con facile accesso alle principali attrazioni della zona,
quali il fiume Thu Bon, la Montagna di Marmo e il Ponte Giapponese, il Fusion Maia dista 15 minuti in
auto dalla città di Hoi An e dall’Aeroporto Internazionale di Da Nang. Le 87 camere sono moderne ville in stile vietnamita, dotate di cortile privato, piscine private, viste spettacolari, ambienti spaziosi. Le
camere hanno minibar, cassetta di sicurezza, televisore a schermo piatto, playlist per Ipod asciugacapelli, bagni con grandi finestre con vasca e doccia con getto a pioggia separate. Le ville Spa dispongono anche di lettori DVD. A disposizione degli ospiti ci sono anche una delle Spa più all’avanguardia
del Vietnam, con bagni a vapore e saune, una biblioteca, una sala yoga. Si può gustare la colazione
sulla spiaggia o nell’area della spa per tutto il giorno e concedersi stuzzichini leggeri al Tonic Lounge.
Il ristorante Five propone piatti pan-asiatici, mentre il Fresh serve specialità di pesce a bordo piscina.
36
37
Hoi An
Hotel
HOTEL BOUTIQUE HOI AN – 4 stelle
Situato sulla spiaggia di Hoi An, a soli 5 minuti di taxi dal centro di Hoi An, l’hotel Boutique Hoi An
si trova a 30 minuti d’auto dall’aeroporto e dalla città di Danang. Le sue 82 camere sono moderne,
tutte climatizzate, dotate di balcone privato affacciato sul mare, bagno privato, connessione wi-fi
gratuita, tv a schermo piatto, minibar, asciugacapelli, cassetta di sicurezza, angolo con macchinetta
del caffè e thè. L’hotel organizza dei corsi di cucina vietnamita per scoprire la cultura ed usanze locali.
A disposizione degli ospiti ci sono una palestra attrezzata, una piscina all’aperto, un business center
e servizio massaggi. Il ristorante Le Cafe serve la prima colazione a buffet e un menù à la carte a
pranzo e cena, composto da specialità vietnamite e internazionali. Presso il Le Salon, ubicato nella
hall, e al “La Piscine”, adiacente alla piscina, si possono gustare diversi snack nel corso dell’intera
giornata. A disposizione inoltre il servizio in camera, nonché la possibilità di concedersi una cena
intima sulla spiaggia di Hoi An.
38
39
Estensione mare da Cantho:
PHU QUOC ISLAND
A pochi chilometri dalla Cambogia, ma posizionata sulla costa occidentale del Vietnam si trova questa bellissima isola con spiagge
incontaminate lambite da un mare trasparente, raggiungibile da Ho
Chi Min con voli oppure via terra da Rach Gia in circa 45 minuti con
un battello veloce.
Lungo la costa si può visitare un piccolo villaggio di pescatori, mentre
il suo entroterra offre un paesaggio con foresta tropicale inesplorata
che si contrappone ai monti del nord, la cui altitudine non supera i
seicento metri.
Il periodo migliore per trascorrere una piacevole vacanza mare va da
Novembre a Maggio.
40
41
Phu Quoc Island
Hotel
HOTEL CHEN SEA RESORT & SPA – 4 Stelle
L’hotel Chen Sea Resort & Spa si trova davanti alla spiaggia dell’isola di Phu Quoc, in una baia tranquilla, ideale per una vacanza mare.
Il design del Chen Sea Resort & Spa Phu Quoc si ispira all’ambiente tranquillo che lo circonda.
Tutte le 36 camere divise fra bungalow e ville vantano un’atmosfera pacifica e una veranda con vista
sul mare, cassetta di sicurezza, asciugacapelli.
A disposizione degli ospiti ci sono un ampio centro benessere che propone una combinazione di trattamenti tradizionali e moderni per il relax e la rigenerazione, attrezzature per praticare diversi sport
acquatici quali la vela, il windsurf, il kayak e il beach volley.
Il ristorante del resort gode di una splendida posizione davanti alla spiaggia e serve pietanze internazionali e specialità mediterranee e locali.
42
43
Cambogia
Antichi templi, spiagge deserte, una natura
rigogliosa e, soprattutto, ancora pochi turisti.
Dopo decenni di guerra e isolamento dovuti a
guerre e instabilità politica, la Cambogia ha conquistato
la pace ed è tornata a essere una delle tappe più
ricercate del sud-est asiatico.
Il Paese attuale, che ha sostituito il potente impero
dei Khmer, comprendente gran parte degli odierni
stati del Vietnam, del Laos e della Thailandia,
vanta una ricca tradizione culturale, una capitale
di epoca francese (anche se un po’ segnata
dal tempo) e una meraviglia di pietra e fantasia
come la città tempio di Angkor, con i suoi cento
e più templi, gli edifici civili, religiosi o adibiti alla
corte regale, eretti tra il 900 e il 1200 e riemersi
dalla giungla cambogiana.
È molto più di un sito archeologico: sebbene decaduti
dal ruolo politico nella metà del XV secolo, questi
monumenti, patrimonio dell’umanità, sono ancora
oggi luoghi di culto, abitati dalla spiritualità dei
fedeli. Dal canto suo, Phnom Penh, la capitale
attuale della Cambogia, sta faticosamente cercando
una dimensione di vita normalizzata dopo il
regime di Pol Pot, il famigerato capo dei khmer
rossi.
Geografia
La Cambogia (in lingua khmer Kâmpuchea) confina a
ovest con la Thailandia, a nord con il Laos, a est con il
Vietnam e a sud con il Golfo di Thailandia.
La superficie è circa la metà di quella del Vietnam o
dell’Italia. E’ un Paese pianeggiante situato nel cuore
dell’Indocina ed esteso circa 181.000 kmq. Si affaccia
sul Golfo di Thailandia e confina a nord ed ovest con la
Thailandia, a nord-est con il Laos e a sud ed est con il
Vietnam. La capitale è Phnom Penh.
Dal punto di vista topografico, è dominato dal possente
fiume Mekong, il cui corso a forma di falce taglia in due
il paese da nord a sud; dal lago Tonlé Sap (Grande
Lago), brulicante di pesci; dalle montagne dell’Elefante
e dai monti Cardamomi a sud-ovest; dai monti
Dangkrek lungo il confine thailandese e dagli altopiani
orientali a nord-est. Gran parte della popolazione vive
nelle fertili pianure centrali del bacino formato dal Mekong
e dal Tonlé.
Il clima della Cambogia è governato da due monsoni:
quello freddo e secco, proveniente da nord-est, che
soffia da novembre a febbraio, e quello umido da
sud-ovest, che spazza il paese da maggio a ottobre.
Le piogge monsoniche, che cadono soprattutto nel
pomeriggio, rappresentano dal 70 all’80% circa di tutte
le precipitazioni annue.
Storia
Se le prime tracce sugli abitanti della Cambogia risalgono a prima del 1000 a.C., fu solo con l’era di Angkor - che
ebbe inizio nell’VIII secolo - a trasformare radicalmente il
regno in una potenza artistica e religiosa.
Dopo la metà dell’800 arrivarono i Francesi, che nel 1941
designarono un giovane principe di 19 anni, Sihanouk,
alla carica di re della Cambogia, sperando di poter controllare
facilmente un giovane inesperto. Ma si trattò di un grave
errore di valutazione: gli anni che seguirono il 1945 furono
infatti segnati da aspri conflitti e dal declino del potere
coloniale francese, già indebolito dalla guerra con i vicini
Vietnam e Laos.
La Cambogia proclamò la propria indipendenza nel 1953
e l’enigmatico re Norodom Sihanouk continuò a dominare la scena politica nazionale per i successivi 15 anni,
prima di essere spodestato dall’esercito.
Nel 1969, gli Stati Uniti bombardarono a tappeto alcuni
campi base della Cambogia che, presumibilmente, ospitavano guerriglieri comunisti, uccidendo così migliaia di
civili e coinvolgendo il paese nel conflitto con il Vietnam.
Nel 1970, le truppe americane e sudvietnamite invasero
la Cambogia per sradicare le forze comuniste vietnamite.
Il tentativo non sortì l’effetto desiderato, ma riuscì
comunque a spingere i guerriglieri comunisti cambogiani
(i khmer rossi) verso le regioni più interne. Seguì poi un
periodo di feroce guerriglia che sconvolse l’intero paese
e che portò, nel 1975, alla conquista di Phnom Penh da
parte dei khmer rossi.
Per i successivi quattro anni, sotto la guida di Pol Pot,
si procedette all’eliminazione sistematica di due milioni
di cambogiani (soprattutto quelli più istruiti) nel tentativo
cruento di trasformare la Cambogia in una cooperativa
agraria, di stampo maoista, dominata dalla classe agricola.
Come reazione alle ripetute incursioni armate contro le
regioni di confine, nel 1978 il Vietnam invase la Cambogia,
obbligando i khmer rossi a trovare un riparo relativamente più sicuro nella giungla a ridosso del confine thailandese. Dalle loro postazioni, i khmer rossi intrapresero la
guerriglia armata contro il governo appoggiato dal Vietnam,
che insanguinò il paese per tutto il corso degli anni ‘70
e ‘80.
Verso la metà del 1993, le elezioni condotte sotto l’egida
dell’ONU portarono alla creazione di una nuova costituzione e al reinsediamento di Norodom Sihanouk al trono
cambogiano. I khmer rossi boicottarono le elezioni, si rifiutarono di partecipare ai colloqui di pace e proseguirono
nell’acquisto di grandi quantitativi di armi dalle maggiori
autorità militari cambogiane.
Nei mesi seguenti alle elezioni, venne promulgata
un’amnistia in favore di tutti coloro che avevano abbandonato le fila dei khmer: le prime defezioni si ebbero nel
1994, quando i khmer rossi furono finalmente dichiarati
criminali dal governo cambogiano (la morte di Pol Pot,
più volte annunciata avvenne effettivamente nel 1998).
L’esito delle elezioni del 2008 ha di nuovo insignito Hun
Sen Primo Ministro della Cambogia.
Le temperature medie si aggirano dai 21°C ai 35°C, e
spesso raggiungono anche i 40°C in aprile, il mese più
caldo dell’anno.
44
45
Natura
Battambang
Hoi An
Pur minacciata dalle frenetiche attività di disboscamento che hanno ridotto
sensibilmente la superficie boschiva del Paese, la superficie della Cambogia è
coperta per il 57,7% da foreste. Fin dal 1925 è stato istituito il Parco Nazionale
di Angkor, a cui se ne aggiungono una ventina, tra cui:
Situata
Hoi 40
An km
è auna
ovest
cittadina
del Tonlé
delSap.
Vietnam
Nonostante
dichiarata
sia la seconda
Patrimonio
cittàdell’Umanità
più grande dall’Unesco
della Cambogia
grazie
essa
allemantiene
centinaiaundicarattere
edifici diprovinciale
interesse storico
e solo recentemenpresenti. Nata
te è
come
iniziata
porto
adfluviale
entrarenella
neglizona
itinerari
centrale
turistici.
del Vietnam,
Si presenta
raggiunse
come una
il proprio
tranquilla
splencittà
dore
fluviale,
nei secoli
arricchita
XVI edalla
XVII.presenza
Ancora oggi
di numerosi
è presenta
negozi
un’atmosfera
francesi di
edaltri
edifici
tempi,
risalenti
per la al
presenza
periodo di
coloniale,
antiche dimore
che si affacciano
ed edifici disul
grande
lungofiume,
fascino.oltre ai diversi
wat dislocati in vari punti della città.
• Parco Nazionale Bokor (ufficialmente Preah Monivong): è una delle aree protette più vaste del Paese, con i suoi 1400 kmq di estensione, che abbracciano
quattro province meridionali della catena montuosa Cardamomo.
• Parco Nazionale Ream (anche conosciuto come Preah Sihanuk): si trova a
30 minuti d’auto da Sihanukville, abbraccia il litorale del golfo del Siam e comprende 2 isole e 210 kmq di spiagge, di paludi, di mangrovie e di barriere
coralline.
• Parco Nazionale Virachey: la più grande area protetta della Cambogia e una
delle aree più importanti per la conservazione della biodiversità nel Sud-Est
asiatico, con una grande varietà di flora e fauna.
• Parco Nazionale Kirirom: (il nome significa “montagna della gioia”) è situato
nel distretto di Phnom Srouch, nella provincia di Kampong Speuil, a 117 km da
Phnom Penh. Il parco è una riserva di montagna (700 m sul livello del mare),
che vanta panorami spettacolari, diverse belle cascate, foreste di pino e laghi
di acqua cristallina.
Essa è inoltre un’ottima base per visitare i territori circostanti, in cui è possibile
Huévecchie pagode, rovine del periodo Angkor, cave, cascate, e anche
visitare
cave
massacri,
al periodo
Khmer Rossi.
Di dei
gran
lunga la legate
città più
bella deldei
Vietnam,
Hué fu la capitale del paese dal
1802 al 1945 e le è sempre stato riconosciuto lo status di centro culturale,
religioso ed educativo del paese. All’interno dell’enorme Cittadella, circondata
da un fossato
e costruita dall’imperatore Gia Long a partire dal 1804, vi sono
Phnom
Udong
numerosi luoghi e oggetti di particolare interesse, quali per esempio i nove
A 40
km a nord
Penh, è stata
capitale
della Cambogia
traeilla1618
cannoni
sacri,dilaPhnom
Città Imperiale,
il Palazzo
dell’Armonia
Suprema
Salaedei
il 1866.
Le
rovine
sono
disseminate
su
due
creste
montuose:
sulla
più
piccola
mandarini. Circa 15 km a sud di Hué sono situate le Tombe imperiali e in città
sorgono
i ruderi
di duealtri
edifici,
diversi
stupa e la moschea
San (ononché
meglio, musei
ciò
vi sono
numerosi
luoghi
di importanza
religiosa eTastorica
cheinteressanti.
di essa rimane,
cioè
le
mura
dell’edificio
crivellate
di
colpi).
Si
crede
sia
E’ stata inserita dall’Unesco tra i Patrimoni Mondiali dell’Umanità.
stato nascosto un tesoro del XVI secolo sotto la cresta principale, la cui cima
è cosparsa delle rovine di un grande vihara (un santuario) e da una statua di
Buddha che i khmer rossi fecero saltare in aria nel 1977.
Isola di Phu Quoc
Phu Quoc è la più grande isola del Vietnam, con spiagge tropicali da sogno:
Phnom Penh
Malgrado il suo passato turbolento e spesso violento, la capitale cambogiana
(dal XV secolo) possiede ancora un indiscutibile fascino con i suoi edifici in
stile coloniale, i caffè del lungofiume, i suo templi. In città sorgono alcuni imponenti wat (templi-monasteri), tra cui il Wat Ounalom (sede centrale del patriarcato buddhista cambogiano), il Wat Phnom (la pagoda sulla collina da cui
la città prende il nome) e il Wat Lang Ka, recentemente ristrutturato. Orgoglio
della città è senz’altro il Palazzo Reale, un complesso molto ricco e raffinato,
che sorge lungo le rive del Mekong, formato da una serie di pagode, ognuna
con una sua precisa funzione. Una delle più note è affascinanti è la Pagoda
d’argento (ma coperta da uno splendente tetto dorato), tra le poche opere
d’arte della cultura cambogiana a essere stata risparmiata dai Khmer rossi. La
Pagoda è così chiamata per lo spettacolare pavimento rivestito da ben 5000
mattonelle d’argento del peso di 1 kg ciascuna. Essa fu costruita in legno nel
1892 e poi rifatta nel 1962. Al suo interno è conservata una preziosa statua di
smeraldo del Buddha e, di fronte a questa, un Buddha d’oro a grandezza naturale decorato con 9584 diamanti. Il campo di sterminio di Choeung Ek, appena
15 km a sud-ovest del centro, è un triste ricordo delle atrocità commesse dai
khmer rossi.
sabbia bianca, natura incontaminata, assenza di turismo di massa.
Sihanoukville
Anche se le sue spiagge non sono certo paragonabili a quelle della Thailandia,
essendo l’unico porto marittimo della Cambogia rappresenta un’ottima base
Sonla costa meridionale e il vicino Parco Nazionale Ream.
perMy
esplorare
E’ il più importante
archeologico
deldel
regno
tutto
il Vietnam.
Sihanoukville
si affacciasito
sulle
chiare acque
GolfoChampa
del Siamdi ed
è una
città
Situato
nel
cuore
del
Paese,
non
lontano
dalla
bellissima
Hoi
An
e
nei pressi
moderna, in continuo sviluppo, circondata da bianchi litorali sabbiosi punteggiati
del villaggio
di tropicali
Duy Phú,
è costituito da una serie di resti e rovine di templi
di palme
ed isole
incontaminate.
induisti costruiti tra il IV ed il XIV secolo d.C. dai re Champa. I templi si trovano
all’interno di una suggestiva vallata circondata da due catene montuose. Tra
i templi, tutti dedicati al culto del dio Shiva, il più importante e significativo è
Tonle
quello Sap
di Bhadresvara.
Il lago, unico per la sua ampiezza, varia a seconda delle stagioni e delle piogge
monsoniche. Sulle sue rive viene offerto uno spaccato della dura vita quotidiana di
Nha Trang
agricoltori
e pescatori che lì vivono. Questa esistenza dura da secoli praticamente immutata, nello splendore di una natura rigogliosa. Tipico è il villaggio
Capitale vietnamita
turismo
balneare,
e rappresenta
dei più
ambiti
galleggiante
di pescatoridel
Chong
Kneas,
dalle tipiche
costruzioniuno
in legno,
posto
paradisi
al
mondo
per
appassionati
di
snorkeling
e
immersioni
che
possono
nei pressi della sponda meridionale del lago Tonlé Sap. Vi vivono circa diecimila effettuare
irripetibili
immersioni
al largo
delle isole
posizionate
fronte
alla costa,
persone
(quasi
totalmente
di origine
vietnamita)
e case,
scuole,dibar
e ristoranti
quali
Hon
Mun
(protetta
come
riserva
naturale),
Hon
Mieu
e
Hon
Tre.
poggiano le loro fondamenta su delle barche.
Siem Reap
A pochi Km da Angkor Wat e i suoi magnifici templi del periodo-Angkor, è
spesso la principale attrazione per i visitatori della Cambogia. Siem Reap si è
trasformata da una tranquilla cittadina di provincia in una delle principali attrazioni turistiche del paese. Con una piccola ma vivace scena culturale, ristoranti
di ogni colore e alcuni centri benessere e bar per rilassarsi dopo una giornata
ad Angkor, la città è diventata una meta attraente in sé, e non più solo solo per
una breve sosta in un itinerario asiatico.
Angkor
Più importante attrazione turistica della Cambogia, i suoi templi sono ciò che
rimane di circa 100 edifici sacri che in passato facevano parte di un vasto centro religioso e amministrativo. I templi, costruiti tra il IX e il XIII secolo, furono
eretti per celebrare l’ascesa al trono di vari re khmer. Gran parte di Angkor
fu abbandonata nel XV secolo e i templi furono gradualmente inghiottiti dalla
giungla. Il sito destò interesse negli studiosi solo alla fine del XIX secolo, e
l’opera di ristrutturazione continua ancora oggi. Oltre all’Angkor Wat, gli altri
due magnifici templi da visitare sono Bayon e Ta Prohm.
46
47
7
Estensione “CAMBOGIA”
TOUR “CAMBOGIA”
03 notti / 04 giorni
Phnom Penh – Kompong Thom – Siem Reap con guida parlante italiano
Partenze: ogni Domenica e Lunedì in loco – seat in coach (base 02 pax)
in mezza pensione
Tutti i giorni – privato – in pensione completa
1° giorno: PHNOM PENH
Arrivo a Phnom Penh e sistemazione nella camera riservata. Mezza giornata dedicata alla parte
“Classica” di Phonm Penh, Capitale della Cambogia, che comprende la visita del Museo Nazionale,
prezioso scrigno che racchiude i capolavori della scultura khmer dal V al XIII secolo, e dell’area del
Palazzo Reale con la Sala del Trono, in cui ancora oggi il Sovrano concede le sue udienze, e del
contiguo complesso della Pagoda d’Argento. Pranzo in ristorante tipico. Cena libera
2° giorno: PHNOM PENH - SIEM REAP - via KOMPONG THOM
Prima colazione in hotel. Si attraversa il Tonle Sap e si raggiunge Skun, la cittadina capitale dei “ragni
fritti” e poi si prosegue con una deviazione su una stradina che conduce, tra folta vegetazione e case
in legno, al santuario di Kuk Nokor, tempio khmer del XI secolo in perfetto stato di conservazione.
Attraversando una stupenda campagna solcata dagli immissari del Grande lago si giunge a Kompong
Thom. Visita del sito archeologico di Sambor Prei Kuk, l’antica Isanapura capitale del regno di Cenla
nel VII secolo. E’ una vasta area archeologica immersa nella boscaglia ed ancora poco frequentata
dai turisti. Dell’antica città restano decine e decine di prasat in mattone intorno ai quali la natura ha
avvolto il suo manto protettivo. Di classica bellezza è il grande complesso di Yeay Poan, nel cosiddetto Gruppo Sud mentre incredibile è la suggestione che si propaga dal solitario Prasat Chrey e
dall’enigmatico Asram Moha Rsi. Passando accanto alle lagune di Prei Pros si raggiunge Konpong
Kdei dove Jayavarman VII fece costruire un imponente ponte a diga. Arrivo a Siem Reap in serata.
Pranzo in ristorante tipico. Cena libera.
3° giorno: SIEM REAP
Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita dei templi di Angkor: la più estesa area
archeologica del mondo dove gli archeologi classificarono 276 monumenti di primaria importanza. Il
capolavoro indiscusso dell’architettura e dell’arte khmer è comunque Angkor Vat con milleduecento
metri quadri di raffinati bassorilievi che offrono la spettacolare testimonianza di un’arte figurativa di
eccelsa raffinatezza. Le immagini che hanno creato il “mito” di Angkor si scoprono a Ta Prohm dove
giganteschi alberi sorgono fra l’intrico di torri santuario, enormi radici avvolgono le gallerie, arbusti
germogliano dai tetti di ogni costruzione ed il visitatore non riesce più a distinguere l’opera dell’uomo
dalle creazioni della natura. Visita della cittadella fortificata di Angkor Thom con le sue imponenti
mura e le splendide porte monumentali ed al suo centro il Bayon con i suoi bassorilievi di enorme
realismo e forza espressiva che fanno corona a 54 torri-santuario. Intorno sorgono il Baphuon, l’antico
Palazzo reale con il Phimeanakas, la Terrazza degli Elefanti e la Terrazza del Re Lebbroso. Pranzo in
ristorante tipico. Cena libera.
4° giorno: SIEM REAP / fine servizi
Prima colazione in hotel. Mezza giornata di visita al villaggio dei pescatori. Si percorre la strada che
conduce fino alle rive del Grande lago, dove sono ormeggiate decine e decine di barche che ospitano
le case galleggianti del villaggio dei pescatori che qui hanno le loro abitazioni, le scuole, la chiesa, i
negozi, gli uffici pubblici, gli allevamenti di pesce, tutti costruiti su barconi e piattaforme galleggianti
che si alzano e abbassano seguendo il regolare ritmo delle piene del lago. Pranzo in ristorante tipico.
Trasferimento in aeroporto. Fine dei servizi.
Hotel prescelti per il tour:
TOUR S.I.C. (seat in coach – minimo base 02 pax)
1° Categoria
Phnom Penh: Phnom Penh Hotel
Siem Reap: Borei Angkor Hotel
TOUR PRIVATI
Categoria Smart:
Phnom Penh: Ohana Hotel
Siem Reap: Crown Hotel
1° Categoria:
Phnom Penh: Phnom Penh Hotel
Siem Reap: Borei Angkor Hotel
Categoria Superior:
Phnom Penh: Hotel Intercontinental Phnom Penh
Siem Reap: Hotel Grand Soluxe Angkor Palace Resort & Spa
Categoria Deluxe:
Phnom Penh: Hotel Raffles Le Royal
Siem Reap: Hotel Grand D’Angkor
48
49
Estensione “CAMBOGIA”
TOUR “I TEMPLI CAMBOGIANI”
03 notti / 04 giorni
Siem Reap con guida parlante italiano
Partenze: ogni Domenica, Martedì e Giovedì in loco – seat in coach
(base 02 pax) – in mezza pensione
Tutti i giorni – privato – in pensione completa
1° giorno: SIEM REAP
Arrivo a Siem Reap e trasferimento all’hotel e sistemazione nella camera riservata. Mezza giornata di
visita al villaggio dei pescatori. Si percorre la strada che conduce fino alle rive del Grande lago, dove
sono ormeggiate decine e decine di barche che ospitano le case galleggianti del villaggio di pescatori
che qui hanno le loro abitazioni, le scuole, la chiesa, i negozi, gli uffici pubblici, gli allevamenti di
pesce, tutti costruiti su barconi e piattaforme galleggianti che si alzano e abbassano, seguendo il
regolare ritmo delle piene del lago. Pranzo e cena liberi.
2° giorno: SIEM REAP
Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita dei templi di Angkor: la più estesa area
archeologica del mondo dove gli archeologi classificarono 276 monumenti di primaria importanza. Il
capolavoro indiscusso dell’architettura e dell’arte khmer è comunque Angkor Vat con milleduecento
metri quadri di raffinati bassorilievi che offrono la spettacolare testimonianza di un’arte figurativa di
eccelsa raffinatezza. Le immagini che hanno creato il “mito” di Angkor si scoprono a Ta Prohm dove
giganteschi alberi sorgono fra l’intrico di torri santuario, enormi radici avvolgono le gallerie, arbusti
germogliano dai tetti di ogni costruzione ed il visitatore non riesce più a distinguere l’opera dell’uomo
dalle creazioni della natura. Visita della cittadella fortificata di Angkor Thom con le sue imponenti
mura e le splendide porte monumentali ed al suo centro il Bayon con i suoi bassorilievi di enorme
realismo e forza espressiva che fanno corona a 54 torri-santuario. Intorno sorgono il Baphuon, l’antico
Palazzo reale con il Phimeanakas, la Terrazza degli Elefanti e la Terrazza del Re Lebbroso. Pranzo in
ristorante tipico. Cena libera.
3° giorno: SIEM REAP
Prima colazione in hotel. Una delle più antiche costruzioni sacre è Prasat Kravan del 921: cinque santuari dedicati al culto di Vishnu, costruiti in mattone. Sempre il mattone venne utilizzato per edificare
nel 952 il Mebon, il tempio che sorgeva su un isolotto artificiale al centro del grande bacino del Baray
orientale. Nove anni più tardi Rjendravarman fece erigere il Pre Rup, grandioso tempio montagna dai
caldi colori ocra. L’uso dell’arenaria trionfa nel possente Ta Keo mentre i temi della classicità trovano
prima espressione nel delizioso Thommanon. Dal perfetto rettangolo del bacino del “Bagno Reale”,
Srah Srang, inizia il percorso fra i santuari del XII secolo: il monastero di Banteay Kdei, la “Cittadella
delle Celle”; il mistico e silenzioso Ta Som; l’enigmatico e sorprendente Neak Pean ed il grandioso
santuario buddhista di Prah Khan, il tempio della “Sacra Spada”. Pranzo in ristorante tipico. Cena
libera.
4° giorno: SIEM REAP / fine servizi
Hotel prescelti per il tour:
TOUR S.I.C. (seat in coach – minimo base 02 pax)
1° Categoria
Siem Reap: Borei Angkor Hotel
TOUR PRIVATI
Categoria Smart:
Siem Reap: Crown Hotel
1° Categoria:
Siem Reap: Borei Angkor Hotel
Categoria Superior:
Siem Reap: Hotel Grand Soluxe Angkor Palace Resort & Spa
Categoria Deluxe:
Siem Reap: Hotel Grand D’Angkor
Prima colazione in hotel. Trasferimento all’aeroporto. Fine dei servizi.
50
51
TOUR
TOUR “VIETNAM E CAMBOGIA”
10 notti / 13 giorni
Hanoi – Halong Bay – Hanoi – Danang/Hoi An/Danang – Hue – Saigon –
Chau Doc – Phnom Penh – Kompong Thom – Siem Reap
con guida parlante italiano
Partenze: Dall’Italia ogni Domenica – seat in coach (base 02 pax)
in mezza pensione
Tutti i giorni – privato – in pensione completa
Nota bene: al Lunedì in Vietnam i Musei sono chiusi
1° giorno: ITALIA / BANGKOK
Incontro dei Signori partecipanti al banco del check-in e dopo il disbrigo delle formalità
d’imbarco, partenza con volo di linea diretto per Bangkok. Pasti, film e pernottamento a
bordo.
2° giorno: BANGKOK / HANOI
Arrivo a Bangkok; proseguimento per Hanoi con volo di linea. Arrivo e trasferimento
all’hotel e sistemazione nella camera riservata.
Mezza giornata dedicata alla visita dei piú classici luoghi della capitale del Viet Nam
“Culturale”. Passando davanti all’imponente Mausoleo di Ho Chi Minh si entra nel parco
di quella che fu la Residenza del Governatore Generale Indochina e qui si trova la casa in
cui visse il Presidente; non distante sorge la deliziosa “Pagoda a pilastro unico” eretta nel
1049 e di fronte ad essa la Pagoda Dien Huu. Il Van Mieu, il Tempio confuciano della Letteratura, fu la più antica Università asiatica e risale al 1070. Nel cuore della città si trova il
Lago della Spada Restituita con l’isolotto del tempio della Montagna di Giada. La giornata
si conclude con circa un’ora di sogni con il Water Puppet Show: uno spettacolo unico al
mondo dove gli attori sono delle marionette in legno che sullo scenario dell’acqua fanno
rivivere antiche storie tradizionali, scene di vita quotidiana e vicende tratte da leggende
popolari. Pernottamento in hotel. Pranzo e cena liberi.
3° giorno: HANOI – HALONG BAY
Prima colazione in hotel. Dopo una sosta in un centro di esposizione della locale
produzione di sete, ceramiche e sculture in pietra si prosegue per la visita della baia di
Halong, Settima Meraviglia del Mondo” che si effettua con una tradizionale giunca in
legno, accuratamente restaurata, che si addentra tra la miriade di isole, isolotti, faraglioni
e scogliere entro le quali si aprono grotte ove stalattiti e stalagmiti disegnano straordinarie
e sorprendenti scenografie. Il rientro a Hanoi é previsto nel tardo pomeriggio. Pranzo e
cena a bordo.
4° giorno: HALONG BAY - HANOI – DANANG/HOI AN
Prima colazione a bordo. Mattinata ancora dedicata alla visita delle infinite attrattive della
Baia di Halong con Brunch a bordo. Rientro in porto e sbarco. Trasferimento all’aeroporto
e dopo il disbrigo delle formalità, imbarco su volo di linea in classe economica per
Danang e di qui trasferimento a Hoi An. Immediato trasferimento all’hotel e sistemazione
nella camera riservata.
Cena libera.
52
5° giorno: HOI AN/DANANG – HUE
Prima colazione in hotel. Mezza giornata dedicata alla visita di Hoi An in Cyclo. Percorrendone le suggestive vie su cui si affacciano decine e decine di botteghe, negozi,
boutique e gallerie d’arte si raggiunge il delizioso Ponte Giapponese per poi visitare un
tempio della ricca comunità cinese da cui si prosegue entrando nell’antica casa di un
potente mercante dei secoli passati. Si conclude il tour nella fabbrica della seta dove tra
mille tentazioni all’acquisto i viaggiatori più raffinati possono anche farsi confezionare
eleganti abiti su misura. Visita del prezioso Museo Cham di Danang, costruito nel 1916
dall’ Ecole française d’ Extrême-Orient e recentemente ampliato e ristrutturato. Nelle
sue sale si scoprono i capolavori di statuaria cham che vanno dal VII al XIV secolo. Si
prosegue poi per il massiccio roccioso del Ngu Hanh Son, le Cinque Montagne di Marmo
o dei “Cinque elementi naturali” e l’Acqua o Thuy son, è la più sacra fra le montagne. Ai
suoi piedi, nel villaggio di Dong Hai, centinaia di famiglie si dedicano ancora alla vecchia
arte di lavorazione della pietra. Da una breve scalinata in pietra si sale a mezza costa
dove, addossata alla parete rocciosa, ai tempi dell’Imperatore Minh Mang venne costruita
la Linh Ung Pagoda, uno dei più venerati luoghi di culto della regione. Trasferimento per
Hue. Percorrendo la strada che attraversa il Colle delle Nuvole e attraversa le suggestive
lagune costiere si raggiunge Hue, che fu capitale dal 1805 al 1945. All’arrivo immediato
trasferimento all’hotel e sistemazione nella camera riservata. Pranzo in ristorante tipico.
Cena libera
06° giorno: HUE – SAIGON
Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita di Hue. Gli imperatori Nguyen
fecero edificare la poderosa Cittadella al cui centro si leva la sontuosa Città imperiale con
il Padiglione delle Cinque Fenici, il Palazzo della Pace Suprema ed il tempio Dinastico
The Mieu: grandiosi edifici disposti in un armonico succedersi secondo i principi sanciti
dalla scienza geomantica cinese. La visita prosegue risalendo la valle del Fiume dei Profumi per raggiungere i Mausolei Imperiali di Tu Duc e Khai Dinh. Si visita poi la Pagoda
della Dama Celeste, la Thien Mu, situata sulla sponda sinistra del Huong Giang, il Fiume
dei Profumi, per finire con una piacevole passeggiata fra i banchi del grande mercato di
Dong Ba. Trasferimento in aeroporto e dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco, partenza
con volo di linea per Saigon. Arrivo a Saigon e trasferimento in hotel. Pranzo in ristorante
tipico. Cena libera.
07° giorno: SAIGON
Prima colazione in hotel. Mezza giornata di visita di Cu Chi, la famosa cittadella che i
Vietcong crearono sotto terra: una incredibile rete di magazzini, dormitori, armerie, cucine, infermerie e posti comando collegati tra loro da 250 chilometri di cunicoli e gallerie
che resistettero ai bombardamenti americani. Nella boscaglia emergono alcune strutture
rese accessibili al pubblico e suggestivi manichini di Vietcong in armi montano la guardia
nei punti strategici. Durante il tragitto per Saigon è doverosa una sosta tra le ricche risaie
in una azienda familiare di “piadine” di farina di riso e nelle preziose piantagioni di alberi
della gomma che furono impiantate dai Francesi all’inizio del secolo scorso.
Nel pomeriggio, mezza giornata di visita nel cuore di Saigon che ha inizio con il War
Remnants Museum, che potremmo tradurre con “Museo dei ricordi che restano oggi della
guerra”.
53
TOUR
TOUR “VIETNAM E CAMBOGIA”
Dopo una doverosa sosta nella piazza dove il periodo coloniale rivive nell’edificio delle
Poste disegnato da Gustave Eiffel e nella neogotica cattedrale di Notre-Dame, si visita il
più alto luogo sacro del culto taoista la chua Ngoc Hoang, la pagoda dell’ Imperatore di
Giada, il cui arredo interno, le decorazioni, la statuaria, i simboli dell’ autorità delle divinità
sono di una ricchezza sorprendente, appena velata dalle nuvole di fumo che salgono
dalle candele e dagli incensi. Si prosegue poi assaporando lo shopping nella vivace zona
commerciale che va dalla via Dong Khoi, la “Rue Catinat” dei coloni francesi, alla piazza
del grande mercato Ben Thanh. Pranzo in ristorante tipico. Cena libera.
08° giorno: SAIGON – CHAU DOC
Prima colazione in hotel. Giornata di visita della regione di Cai Be nel delta del Mekong.
Si giunge poi a un imbarcadero sul Mekong dove ci attendono piccole imbarcazioni locali
che penetrano nei rami del fiume e passando tra rive affollate di vita giungono fino al
luogo in cui si riuniscono le piccole giunche che portano a questo importante mercato tutti
i frutti, gli ortaggi ed i prodotti artigianali provenienti da ogni zona del delta. Visita di una
simpatica azienda familiare dove con antiche tecniche si produce manualmente il riso
soffiato, i dolci, le caramelle di zucchero di palma, le gallette di riso, etc. etc. Durante il
trasferimento ad Ovest, verso Chau Doc, si incontrano tutti i più caratteristici paesaggi del
Delta con la popolazione che vive quasi abbracciata a queste dense acque che da millenni sono portatrici di vita. Arrivo a Chau Doc. Pranzo in ristorante tipico e Cena libera.
09° giorno: CHAU DOC – PHNOM PENH
Prima colazione in hotel. Partenza con una barca veloce che imbocca il canale che collega il Bassac al Mekong inferiore che si risale arrestandosi poi sulla riva per passare
il posto di frontiera tra Vietnam e Cambogia. La navigazione prosegue nello stupendo
paesaggio fluviale con colture e villaggi che si affollano sulle rive e con la loro diversità
rendono evidente il passaggio fra due paesi, due culture, due modi di vivere diversi. Arrivo a Phnom Penh 5 ore dopo la partenza. Mezza giornata dedicata alla parte “Classica”
di Phonm Penh, Capitale della Cambogia, che comprende la visita del Museo Nazionale,
prezioso scrigno che racchiude i capolavori della scultura khmer dal V al XIII secolo, e
dell’area del Palazzo Reale con la Sala del Trono, in cui ancora oggi il Sovrano concede
le sue udienze, e del contiguo complesso della Pagoda d’Argento. Pranzo in ristorante
tipico. Cena libera
11° giorno: SIEM REAP
Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita dei templi di Angkor: la più
estesa area archeologica del mondo dove gli archeologi classificarono 276 monumenti
di primaria importanza. Il capolavoro indiscusso dell’architettura e dell’arte khmer è
comunque Angkor Vat con milleduecento metri quadri di raffinati bassorilievi che offrono
la spettacolare testimonianza di un’arte figurativa di eccelsa raffinatezza. Le immagini che
hanno creato il “mito” di Angkor si scoprono a Ta Prohm dove giganteschi alberi sorgono
fra l’intrico di torri santuario, enormi radici avvolgono le gallerie, arbusti germogliano
dai tetti di ogni costruzione ed il visitatore non riesce più a distinguere l’opera dell’uomo
dalle creazioni della natura. Visita della cittadella fortificata di Angkor Thom con le sue
imponenti mura e le splendide porte monumentali ed al suo centro il Bayon con i suoi
bassorilievi di enorme realismo e forza espressiva che fanno corona a 54 torri-santuario.
Intorno sorgono il Baphuon, l’antico Palazzo reale con il Phimeanakas, la Terrazza degli
Elefanti e la Terrazza del Re Lebbroso. Pranzo in ristorante tipico. Cena libera.
12° giorno: SIEM REAP / ITALIA
Prima colazione in hotel. Mezza giornata di visita al villaggio dei pescatori. Si percorre la
strada che conduce fino alle rive del Grande lago, dove sono ormeggiate decine e decine
di barche che ospitano le case galleggianti del villaggio dei pescatori che qui hanno le
loro abitazioni, le scuole, la chiesa, i negozi, gli uffici pubblici, gli allevamenti di pesce, tutti
costruiti su barconi e piattaforme galleggianti che si alzano e abbassano seguendo il regolare ritmo delle piene del lago. Pranzo in ristorante tipico. Trasferimento in aeroporto e
dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco, partenza con volo di linea in classe economica
via Bangkok per l’Italia.
10° giorno: ITALIA
Arrivo e termine dei servizi.
10° giorno: PHNOM PENH - SIEM REAP - via KOMPONG THOM
Prima colazione in hotel. Si attraversa il Tonle Sap e si raggiunge Skun, la cittadina capitale dei “ragni fritti” e poi si prosegue con una deviazione su una stradina che conduce,
tra folta vegetazione e case in legno, al santuario di Kuk Nokor, tempio khmer del XI
secolo in perfetto stato di conservazione. Attraversando una stupenda campagna solcata
dagli immissari del Grande lago si giunge a Kompong Thom. Visita del sito archeologico
di Sambor Prei Kuk, l’antica Isanapura capitale del regno di Cenla nel VII secolo. E’ una
vasta area archeologica immersa nella boscaglia ed ancora poco frequentata dai turisti.
Dell’antica città restano decine e decine di prasat in mattone intorno ai quali la natura
ha avvolto il suo manto protettivo. Di classica bellezza è il grande complesso di Yeay
Poan, nel cosiddetto Gruppo Sud mentre incredibile è la suggestione che si promana dal
solitario Prasat Chrey e dall’enigmatico Asram Moha Rsi. Passando accanto alle lagune
di Prei Pros si raggiunge Konpong Kdei dove Jayavarman VII fece costruire un imponente
ponte a diga. Arrivo a Siem Reap in serata. Pranzo in ristorante tipico. Cena libera.
54
55
TOUR
TOUR “VIETNAM E CAMBOGIA”
Hotel prescelti per il tour:
TOUR S.I.C. (seat in coach – minimo base 02 pax)
TOUR PRIVATI
Categoria Superior:
Categoria Smart:
Hanoi: Hotel Pullman
Hanoi: Hotel La Belle Vie
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Hoi An: Hotel Golden Sand
Hue: Hotel Moonlight
Hue: Hotel Indochine Palace
Hoi An: Hotel Vinh Hung II
Saigon: Hotel Moevenpick Saigon
Saigon: Hotel Aquari
Chau Doc: Hotel Victoria Chau Doc
Chau Doc: Hotel Chau Po
Phnom Penh: Phnom Penh Hotel
Phnom Penh: Ohana Hotel
Siem Reap: Borei Angkor Hotel
Siem Reap: Crown Hotel
1° Categoria:
Hanoi: Hotel Mercure Hanoi La Gare
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Hue: Hotel Moonlight
Hoi An: Hoi An Hotel
Saigon: Hotel Windsor Plaza
Chau Doc: Hotel Victoria Chau Doc
Phnom Penh: Phnom Penh Hotel
Siem Reap: Borei Angkor Hotel
Categoria Superior:
Hanoi:Hotel Pullman
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Hue: Hotel Indochine Palace
Hoi An: Hotel Golden Sand
Saigon: Hotel Moevenpick Saigon
Chau Doc: Hotel Victoria Chau Doc
Phnom Penh: Hotel Intercontinental Phnom Penh
Siem Reap: Hotel Grand Soluxe Angkor Palace Resort & Spa
Categoria Deluxe:
Hanoi: Hotel Sofitel Metropole Hanoi
Cruise in Halong Bay: Pelikan cruise
Hue: Hotel La Residence
Hoi An: Hotel Anantara Hoi An
Saigon: Hotel Park Hyatt Saigon
Chau Doc: Hotel Victoria Cantho
Phnom Penh: Hotel Raffles Le Royal
Siem Reap: Hotel Grand D’Angkor
56
57
Estensione mare da Siem Reap:
SIHANOUKVILLE
Conosciuta anche come Kampong Som o Kampong Saom, Sihanoukville è nata come cittadina portuale della Cambogia meridionale,
affacciata sul meraviglioso golfo del Siam; negli ultimi anni si sono
sviluppate molte strutture che, grazie alle sue spiagge dorate, l’hanno
resa meta di turismo balneare per chi vuole coniugare un viaggio
culturale visitando i vicini siti di Angor Wat vicino a Siem Reap .
58
59
Sihanoukville
Hotel
HOTEL SOKHA BEACH RESORT – 4 Stelle
Situata a Sihanoukville, a 5 minuti di auto dal centro, questa struttura in stile tropicale dista 3 ore e 30
minuti di auto dall’aeroporto internazionale di Phnom Penh e 25 minuti di volo da Siem Reap.
L’hotel dispone di 391 camere con pavimenti in parquet, aria condizionata, tv via cavo a schermo
piatto, minibar e cassaforte personale, bagni con cabina doccia e vasca separate.
A disposizione degli ospiti ci sono 2 piscine all’aperto, una spiaggia privata, una palestra, un centro
benessere dove concedersi rilassanti massaggi, o un idromassaggio o un bagno di vapore.
Sono 10 i punti ristoro al suo interno nei quali sono servite pietanze della cucina internazionale e le
tapas del The Deck, le pietanze giapponesi del Lemongrass, i piatti asiatici del Turmeric e i buffet del
The Lotus Restaurant.
Vale inoltre la pena di gustare un drink in uno dei 5 bar della struttura.
60
61
Sihanoukville
Hotel
HOTEL INDEPENDENCE – 3 Stelle
Situato in una posizione tranquilla su una spiaggia privata a Sihanoukville, l’hotel Independence dista
circa 30 minuti in auto dal Parco Nazionale Ream e dalle cascate di Kbal Chlay e circa 20 minuti
dall’aeroporto internazionale di Sihanoukville.
Le 133 camere sono spaziose e con connessione wi-fi, dotate di tv via cavo, minibar, set per la preparazione del thè e caffè, bagno moderno con asciugacapelli e vista sulla foresta pluviale o sull’oceano.
A disposizione degli ospiti ci sono una piscina all’aperto, un bel giardino tropicale, un centro fitness,
business center, un centro benessere e attrezzature per sport acquatici.
Il ristorante Coral propone un menu alla carta e un ricco buffet a base di piatti internazionali. Al Sunset
Terrace potrete gustare frutti di mare freschi, mentre presso l’History Bar & Lounge vi attende con
un’ampia scelta di bevande e snack.
62
63
Laos
Vietnam
IlAnche
menose
sviluppato
i tre
stati che
il ricordo tra
della
guerra
resacostituivano
celebre da
l’Indocina
francese,
il
Laos
si
sta
in
questi
film come Apocalypse Now e Platoon dureràanni
anaffacciando
al mondo
esterno dopo
quindici
cora a lungo,
già da qualche
annooltre
l’immagine
anni
di isolamento
passati a quella
superare
del Vietnam
è diventata
di leunconseguenze
Paese dodei
drammatici
confl
itti
interni
conseguenti
alla
tato di un grande fascino e di tradizioni millenarie
fiche,
ne del
domino
coloniale
e
del
regime
socialista.
lentamente, sta muovendo i primi passi nel
mondo
Proprio moderno.
per questo, chi oggi viaggia nel Paese
può
godere
fortuna
di entrare
in contatto
Storicamentedella
legato
alla Cina,
parte dell’Indocina
con
uno
stile
di
vita
tradizionale
che
è rimasto
Francese fino al 1954, duramente provato
dal
pressoché
inalterato
nel
tempo;
in
una
in
conflitto con gli Stati Uniti, il Vietnam siterra
è ora
cui
anche se nonrisollevato
esistono monumenti
sensazionacompletamente
e attraversa
un perili,
né
sbocchi
su
mare,
i
paesaggi
sono
incantevoli
e
odo di prosperità economica, favorito dalla pace
gli
abitanti
sempre
disposti
ad
accogliere
i
turisti,
e dalla stabilità politica. Ricco di bellezze naturali
mentre
i bambiniil ancora
per il pase monumentali,
Vietnamsièstupiscono
un paese bellissimo,
saggio
stranieri. colta e civilizzata.
con unadipopolazione
Dalle
fertili pianure
dellaricoperte
valle deldaMekong
agli
Dalle montagne
del nord
foreste lusaspri
rilievi
dell’Annam,
un
viaggio
in
quella
che
sureggianti, al delta del Fiume Rosso, passando
è
la la
vera
e propria perla
sud-esteasiatico
per
affascinante
baia del
di Halong
l’intera non
fassi
scorda
tanto
facilmente.
cia costiera costellata di verdi risai, dove lavorano donne dal caratteristico cappello conico; a
chi lo visita, il Vietnam offre la rara opportunità
di vedere come una terra ancora relativamente
poco frequentata dal turismo, in cui si respirano
ancora atmosfere vecchie di centinaia di anni.
Geografia
La Repubblica Democratica Popolare del Laos (“terra
di un milione di elefanti”) confina con la Thailandia, la
Cambogia, il Vietnam, la Cina e il Myanmar (Birmania).
Con una popolazione di oltre 6 milioni di abitanti, e una
superficie di circa 237.000 km2, un’area simile a quella
Geografi
a è caratterizzata da una morfologia
del Regno Unito,
dove
più del 70%
del territorio
è costituito
da montagne
La Repubblica
Socialista
del Vietnam
occupa
l’estrema
e
altipiani.
regione orientale della Penisola Indocinese e confina a
nord
la Cina,
a ovest consiil Laos
a
Nellacon
zona
meridionale
trovae lalaCambogia,
cordigliera
est
e
a
sud
si
affaccia
sul
Mar
Cinese
Meridionale,
in
dell’Annam, che marca gran parte del confine con
particolare
Golfo del
Tonchino
e per un breve
il Vietnam, sul
correndo
parallela
al Mekong,
e chetratto
ragsul
Golfo
del
Siam.
Il
territorio,
di
circa
331.688
km
giunge un’altezza media tra i 1.500 e i 2.500m.
quadrati, è costituito per l’80% da colline e montagne
con centro
una foltadella
vegetazione,
il restante
20% di
è
Al
catena mentre
si trova
l’altopiano
costituito da pianure.
Khammouanne,
una piana di calcare carsico. A sud
dell’Annam si trova invece il tavoliere di Bolaven, una
Al
suodiinterno,
distingue
regione settentrionale
zona
10.000sikm2
dove una
si coltivano
riso di mon(Bac
Bo),
una
meridionale
(Nam
e una bene
centrale
tagna, caffè, tè e altri prodotti cheBo)
crescono
ad
(Trung
Bo)
che
comprende
il
punto
più
stretto
del teralta quota.
ritorio, largo poco più di 60 km. Nel nord del Paese, ci
sono
diversi
altopiani
e il delta
Fiume
Rosso, che
A
Nord
si trovano
invece
delle del
catene
montuose
dai
nasce nell’altopiano
Yunnan,
attraversa
la
pendii
scoscesi, concinese
le cimedello
più alte
del Paese
(il Phu
regione
Tonchino
e scorre
inraggiunge
territorio vietnamita
Bia,
nelladel
provincia
Xieng
khuang,
i 2.819m).
per principale
500 dei suoi
km complessivi.
Ilsolo
fiume
è il1200
Mekong
(Madre delle acque), il
dodicesimo fiume più lungo del mondo, che nasce nel
A
sud,eil attraversa
Paese è caratterizzato
da depressioni
in prosTibet
il Laos per tutta
la sua lunghezza,
simità
della
costa,
dal
delta
del
fi
ume
Mekong
e dal
creando fertili pianure alluvionali e segnando parte
del
gruppo
montuoso
Giai
Truong
Son.
Le
coste,
ricche
confine tra Laos, Birmania e Thailandia.
di vie d’accesso, anse e baie, costituiscono una delle
attrazioni
delPaese,
paese.vicino
Nonostante
il Vietnam
situato
Nel
Sud del
a Si Phan
Son, il sia
fiume
ragall’interno
della
zona delle
tropicale,
il clima
vario,
giunge
(nella
stagione
piogge)
i 12kmè diassai
ampiezza.
con inverni
colline
Esso
ha 14 gelidi
diversisulle
affluenti,
la settentrionali
maggior parteed
deiestate
quali
perenne
nel delta
Mekong.
hanno
origine
dalladel
catena
dell’Annam.
livello abitati
del mare,
temperatura
media
annua è pari
IA centri
più la
grandi,
Vientiane
e Savannakhet,
a circasituati
27° nella
parte nella
meridionale
delMekong;
paese e l’85%
a 21°
sono
entrambi
valle del
nella popolazione
parte settentrionale.
della
vive nelle zone rurali.
64
Storia
Anche se da secoli il Laos è occupato da thai migrati da
altre zone (tra cui shan, siamesi e lao) e da tribù hmongmien che vivono sulle montagne, nel 1899 i territori
laotiani diventarono colonia francese. Nel 1947, ancora
sotto l’influenza francese, il Laos divenne una monarchia
costituzionale, per divenire indipendente nel 1953, pur
continuando ad essere dilaniato dai conflitti tra fazioni.
Nel 1964 gli Stati Uniti cominciarono a bombardare le
truppe nord-vietnamite sul sentiero di Ho Chi Minh nel
Laos orientale, esacerbando il conflitto tra il governo realista di Vientiane e il Pathet Lao comunista schierato accanto al Vietnam del Nord. Quando nel 1973 fu negoziato
un cessate il fuoco, il Laos deteneva il triste primato di
paese più bombardato della storia.Venne formato un governo di coalizione, ma, quando Saigon cadde nel 1975,
la maggior parte dei realisti lasciò il Laos per trasferirsi in
Francia. Il Pathet Lao assunse pacificamente il controllo
del paese e nel dicembre del 1975 nacque la Repubblica Democratica Popolare del Laos. I lao rimasero alleati
con i comunisti vietnamiti per tutti gli anni ‘80. Dopo il
1975 molti esercizi privati vennero chiusi, ma a partire dal
1989 le regole riguardo alle imprese private sono state
ammorbidite e i primi passi verso l’economia di mercato hanno determinato una modesta rinascita economica.
Con l’ingresso nell’ASEAN nel luglio del 1997 il Laos ha
rafforzato i propri legami con i paesi confinanti. Sebbene
le tensioni interne che hanno caratterizzato la vita politica del Paese asiatico per tutta la seconda metà del
XX sec. non possano dirsi risolte, l’attuale regime ha una
sua stabilità. La principale opposizione al governo è costituita dall’etnia dei Hmong che fronteggiano il governo
sporadicamente e con scarsi risultati.
Natura
Nonostante i danni provocati dai bombardamenti e
dall’uso dei defoglianti durante la guerra tra Stati Uniti
e Vietnam, l’ambiente del Laos è uno dei più incontaminati del Sud-est asiatico. La vegetazione è costituita
prevalentemente da piante tipiche delle foreste monsoniche quali teak, palissandro asiatico e bambù. Circa il
50% del paese è ricoperto da foreste primarie e il 30%
da foreste secondarie, ma la vegetazione è ora minacciata dall’abbattimento illegale degli alberi e dall’agricoltura
praticata con il metodo ‘taglia e brucia’. Nonostante sia
uno dei Paesi al mondo di più recente sviluppo, il Laos ha
creato un’estesa rete di aree protette, che coprono più
del 21% del territorio complessivo. Recentemente sono
state aperte 17 Aree per la Tutela della Biodiversità in
varie parti del paese.
Il ciclo annuale dei monsoni asiatici determina l’alternanza di due stagioni distinte: un periodo di piogge da
maggio a ottobre e una stagione secca da novembre ad
aprile. Le temperature variano a seconda dell’altitudine.
Nella valle del Mekong raggiungono i livelli massimi tra
marzo e aprile (38°C) e quelli minimi tra dicembre e gennaio (15°C); durante la stagione delle piogge le temperature diurne si aggirano in media intorno ai 29°C nelle
pianure e ai 25°C nelle valli montane. Il periodo migliore
per visitare il Paese può essere quindi considerato quello
tra novembre e dicembre, quando cioè la stagione delle
piogge è appena finita, i fiumi sono ricchi d’acqua e tutto
è verde e brillante, quando cioè la stagione delle piogge
è appena finita, i fiumi sono ricchi d’acqua e tutto è verde
e brillante.
65
Vientiane
Sentiero
Hoi An di Ho Chi Min
Capitale e sede del governo, Vientiane (“città del legno di sandalo” nella traduzione), è situata in un’ansa del Mekong. A dispetto del suo turbolento passato,
è una città tranquilla con alcuni bei wat e qualche vivace mercato.
E’Hoi
unaAn
reteè diuna
sentieri
sterrati
e strade
di ghiaia
che corre
paralleladell’Umanità
al confine
cittadina
del
Vietnam
dichiarata
Patrimonio
con
il Vietnam,
utilizzata
dai nord-vietnamiti
la guerra
Vietnam
e
dall’Unesco
grazie
alle centinaia
di edifici didurante
interesse
storicodel
presenti.
Nata
dal
Vietminh
contro inella
Francesi
annidel
‘50.
Benchéraggiunse
i Vietnamiti
del nord
necome
porto fluviale
zonanegli
centrale
Vietnam,
il proprio
splengassero
sentiero
e gli
Stati
Uniti dalun’atmosfera
canto loro negassero
di
dore neil’esistenza
secoli XVI del
e XVII.
Ancora
oggi
è presenta
di altri tempi,
averlo
tra il 1965
e iled
1969
furono
scaricati
in questa zona 1,1
per la bombardato,
presenza di antiche
dimore
edifici
di grande
fascino.
milioni di tonnellate di esplosivo oltre a grandi quantità di erbicidi.
Il Pha That Luang (Grande Stupa Sacro), simbolo tanto del buddhismo quanto
della sovranità del Laos, è il monumento nazionale più importante del paese.
Altri importanti monumenti sono il monastero di Vat Si Saket, il tempio più antico di Vientiane (1824), con le mura interne ricche di nicchie che contengono
più di 2000 immagini di Buddha, e il tempio di Vat Pha Kaew, che in passato
era tempio reale ed ora ospita un museo. In più, ci sono diverse costruzioni
che riflettono i passati contatti del Paese con l’Europa (occupazione francese);
tra queste spicca il Monumento alla Vittoria, costruito in uno stile appariscente,
quasi rococò, e simile all’Arco di Trionfo di Parigi.
Circa 24 km a Sud di Vientiane, si trova infine il Wat Xieng Khuan (Parco di
Buddha), un complesso di interessanti sculture buddhiste e hindu.
Luang Prabang
Le principali attrattive di Luang Prabang sono i suoi templi antichi (dei 66 costruiti prima della colonizzazione francese ne sono sopravvissuti 32) e la sua
suggestiva posizione, incorniciata dalle montagne e situata presso la confluenza dei fiumi Khan e Mekong.
Tra i monumenti da visitare vi sono il Museo del Palazzo Reale, il Wat Xieng
Thong e il Wat Wisunalat. A soli 25 km di distanza lungo il Mekong ci sono le
famose grotte di Pak Ou, alcune delle quali sono abitate da statue del Buddha
di ogni misura e stile, mentre a una trentina di km circa a sud della città c’è la
grande cascata a più balzi di Kuang Si.
Posizionata sulle sponde del Mekong, Luang Prabang è sicuramente la città
più affascinante del Paese, che si sta pian piano destando dal periodo di decadenza dovuto a decenni di guerra e rivoluzione. Grazie alla cornice offerta
dal paesaggio montano alle sue spalle e alla sua architettura coloniale, con i
templi e i tetti scanalati, la città nel 1995 è stata nominata dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Seguendo l’ansa del fiume Mekong, si giunge al Museo del Palazzo Reale,
sede anche di un elegante monastero, il Wat Xieng Thong (Tempio della Città
d’Oro), costruito nel 1560. Proseguendo poi verso la collina Phusi, si scoprono
templi in rovina o ancora in uso, come il Wat Sean e il Wat Visunalat, il più
antico della città. Una scalinata conduce alla sommità della collina, dalla quale
si può godere di un panorama spettacolare sulla città, alla luce del tramonto.
Nelle vicinanze della città spiccano poi altri luoghi deliziosi, come le famose
grotte di Pak Ou, alcune delle quali, situate nella parte inferiore di un dirupo
di pietra calcarea, ospitano statue del Buddha di ogni misura e stile, mentre
una trentina di km a sud della città, immersa nella foresta, si trova la grande
cascata a più balzi di Kuang Si, assolutamente spettacolare. I turisti possono
fare il bagno nelle sue basse piscine naturali.
La città più vicina è Sepon, situata circa 600 km a sud-est di Vientiane, che
Hué la guerra fu rasa al suolo e ora è praticamente ridotta a un gruppo di
durante
baracche.
Di gran lunga la città più bella del Vietnam, Hué fu la capitale del paese dal
1802 al 1945 e le è sempre stato riconosciuto lo status di centro culturale,
religioso ed educativo del paese. All’interno dell’enorme Cittadella, circondata
Siphandon
da un fossato e costruita dall’imperatore Gia Long a partire dal 1804, vi sono
numerosi luoghi e oggetti di particolare interesse, quali per esempio i nove
E’ una splendida attrattiva naturalistica nel Sud del Laos, che offre una sorcannoni sacri, la Città Imperiale, il Palazzo dell’Armonia Suprema e la Sala dei
prendente biodiversità, in un territorio relativamente piccolo.
mandarini. Circa 15 km a sud di Hué sono situate le Tombe imperiali e in città
vi sono numerosi
altrisignifica
luoghi di“4.000
importanza
religiosa infatti
e storica
Siphandon
in laotiano
isole”, essendo
unanonché
zona in musei
cui il
interessanti.
E’
stata
inserita
dall’Unesco
tra
i
Patrimoni
Mondiali
dell’Umanità.
fiume Mekong si allarga fino ad oltre 14 km, creando migliaia di isole
tra le sue
sponde. Le acque del fiume scorrono quindi in piccoli ruscelli e sopra le rocce,
creando diverse rapide e cascate sceniche.
Isola di Phu Quoc
Tra queste, le più grandi sono le Cascate Khone Phapheng, che nelle giornate
limpide,
offrono
unogrande
spettacolo
L’isola
maggioretropicali
è l’Isola
Phu Quoc
è la più
isolaincredibile.
del Vietnam,
con spiagge
daKhong,
sogno:
l’unica
non venir
sommersa
duranteassenza
i periodididiturismo
piena. di
Merita
sicuramente
sabbiaabianca,
natura
incontaminata,
massa.
una visita il sito archeologico di Wat Phou (che significa “tempio sulle montagne”), il più antico del Laos, dotato di un indiscutibile fascino. inserito tra i
Patrimoni
dell’Umanità” dall’UNESCO.
My Son
Wat
rappresentasito
le origini
della civiltà
(è infatti antecedente
al più
E’ ilPhou
più importante
archeologico
del Khmer
regno Champa
di tutto il Vietnam.
grande
e
conosciuto
sito
di
Angkor
Wat),
che
ne
fecero
il
loro
principale
sito
Situato nel cuore del Paese, non lontano dalla bellissima Hoi An e nei pressi
religioso
hindu.
I
resti
sono
datati
tra
il
IX°
ed
il
XII°
secolo.
Più
tardi,
nel
XVI°
del villaggio di Duy Phú, è costituito da una serie di resti e rovine di templi
secolo,
induistidivenne
costruitiun
trasito
il IVbuddista.
ed il XIV secolo d.C. dai re Champa. I templi si trovano
all’interno
una suggestiva
vallata circondata
daun
duegrande
catenestagno
montuose.
Tra
Nei
campi di
antistanti
il sito archeologico,
si trova
ed una
i
templi,
tutti
dedicati
al
culto
del
dio
Shiva,
il
più
importante
e
significativo
passeggiata che porta al palazzo principale, circondato da sculture che sim-è
quello di Bhadresvara.
boleggiano
le Zampe di Shiva. Dietro al palazzo si trovano i resti di un’antica
biblioteca. Più avanti s’incontra una scalinata in pietra molto ripida. Dopo la
prima gradinata, si può ammirare la statua che si ritiene rappresenti il fondatoTrang
reNha
del tempio.
In cima invece, si trova il santuario, dove sono ancora visibili dei
bassorilievi che ritraggono gli dei Shiva, Bramha e Vishnu.
Capitale vietnamita del turismo balneare, e rappresenta uno dei più ambiti
paradisi al mondo per appassionati di snorkeling e immersioni che possono effettuare irripetibili immersioni al largo delle isole posizionate di fronte alla costa,
quali Hon Mun (protetta come riserva naturale), Hon Mieu e Hon Tre.
Piana delle Giare
La misteriosa Piana delle Giare è una zona vicino a Phonsavan, nella provincia di Xieng Khuan, nella quale sono sparse 250 enormi giare di pietra dall’origine sconosciuta, il cui peso oscilla generalmente fra i 600 kg e una tonnellata
(anche se la più grande pesa ben sei tonnellate).
Molte delle giare più piccole sono state portate via dai collezionisti, ma ce ne
sono ancora diverse centinaia suddivise in cinque siti principali.
Al Thong Hai Hin, il sito più vasto e più facilmente accessibile, oltre alla giara
più grande ci sono anche due padiglioni e dei bagni costruiti in occasione della
visita del principe ereditario di Thailandia.
66
67
7
Estensione “LAOS”
TOUR “LAOS”
03 notti / 04 giorni
Ventiane – Luang Prabang - con guida parlante italiano
Partenze: ogni Lunedì, Mercoledì e Venerdì in loco
seat in coach (base 02 pax) – in mezza pensione
Tutti i giorni – privato – in pensione completa
1° giorno: VIENTIANE
Arrivo a Vientiane e trasferimento all’hotel e sistemazione nella camera riservata. Mezza giornata
visita dei templi Visita dei principali templi : Patuxay “Arco della Vittoria” il gigantesco arco che commemora l’Indipendenza, chiamato dai locali anche Anusawaree. Si prosegue poi con la visita del luogo
più sacro di tutto il Laos, il That Luang, il grandioso stupa che si dice contenga due reliquie del Buddha
che la tradizione vuole che siano state qui portate nel III secolo avanti Cristo. Nel cuore della città
vecchia, il chiostro dell’antico Vat Sisaket accoglie più di seimila immagini del Buddha che - si dice - lo
abbiano preservato dalle tremende distruzioni portate dagli eserciti siamesi nel 1828. Sull’altro lato
della strada, la raffinata architettura classica del Ho Phra Keo accoglie il Museo di arte religiosa con
una stupenda statuaria buddhista in bronzo. Pranzo in un ristorante tipico e cena libera.
2° giorno: VIENTIANE - LUANG PRABANG
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto per il volo di linea per Luang Prabang. Arrivo e
trasferimento in hotel. Luang Prabang è l’antica capitale reale posta in una valle a 700 metri di altezza
sul medio corso del Mekong. Giornata dedicata alla visita di questa cittadina che, per l’incomparabile
bellezza del sito ambientale e per la straordinaria ricchezza di capolavori di architettura religiosa
buddhista, l’UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Sono ancora più di trenta i complessi
monasteriali dai quali si promana il mistico senso di spiritualità che sommerge ogni visitatore; fra i tanti
non può mancare la visita ad alcuni gioielli come il Vat Visoun, il Vat Sené, il Vat Xieng Thong. Per
ammirare i dolci colori del tramonto si sale al Vat Chom Si, posto al culmine del Phu Si, la collina sacra
che domina il paesaggio di Luang Prabang. Pranzo in ristorante tipico. Cena libera.
03° giorno: LUANG PRABANG
Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita delle grotte di Pak Ou e dell’alto corso del
Mekong che si risale su slanciate barche a motore. Tra gli orti rivieraschi e la folta vegetazione emerge
un villaggio dove tra le tante altre attività tradizionali si distilla anche il lao-lao, il fortissimo liquore
nazionale. Dove il fiume si restringe e la parete di roccia incombe, si approda per salire alle sacre
grotte di Pak Ou che nel corso dei secoli gli SMARTI, la fede popolare ha colmato di migliaia di statue
del Buddha. Sulla via del ritorno ci si arresta sulla riva destra, di fronte a Luang Prabang, per un breve
e rilassante trekking nel villaggio Xieng Maen, famoso per la lavorazione delle alghe di fiume e le sue
antiche pagode. Rientro a Luang Prabang per immergersi nel colorato mondo del mercato dei prodotti
artigianali che al calar del sole si apre sulla via che corre tra il Phu Si e l’antico Palazzo Reale.
Trasferimento in hotel. Pranzo a picnic. Cena libera.
Hotel prescelti per il tour:
TOUR S.I.C. (seat in coach – minimo base 02 pax)
1° Categoria
Luang Prabang: Villa Santi Resort
TOUR PRIVATI
Categoria Smart:
68
Vientiane: Hotel Vayakorn Inn
Luang Prabang: Maison Dalabua
04° giorno: LUANG PRABANG
Prima colazione in hotel. Mezza giornata di visita ‘Questua & Museo Nazionale’ Per chi voglia farlo è
possibile svegliarsi prima dell’alba e andare a vedere la famosissima Questua: ogni mattina ‘da sempre’ 250 monaci con a capo l’ottantaduenne Khamjan fanno il giro della città per ricevere offerte di cibo
dai fedeli. Rientro in albergo per la colazione - visita del Museo Nazionale, posto nell’edificio del vecchio Palazzo Reale che fu costruito nel 1904 e ora ospita una ricca collezione degli oggetti appartenuti al tesoro della famiglia reale e, soprattutto, il Phra Bang, la statua in oro alta 83 centimetri che
secondo la tradizione è simbolo del regno di Lane Xang dal XIII secolo. Trasferimento all’aeroporto.
Fine dei servizi.
Vientiane: Hotel Mercure
1° Categoria:
Vientiane: Hotel Mercure
Luang Prabang: Villa Santi Resort
Categoria Superior:
Vientiane: Hotel Lao Plaza
Luang Prabang: The Grand Hotel
Categoria Deluxe:
Vientiane: Green Park boutique Hotel
Luang Prabang: Luangsay Residence
69
TOUR
GRANTOUR LAOS
08 notti / 11 giorni
Ventiane - Luang Prabang - Ventiane - Pakse - Champasak - Don Khong Pakse - con guida parlante italiano
Partenze: Tutti i giorni – privato - in pensione completa
05° giorno: LUANG PRABANG
Prima colazione in hotel. Visita di mezza giornata delle cascate di Kuong Si percorrendo una strada
che corre in un paesaggio naturale di quieta bellezza. Lungo la strada sorgono degli agglomerati di
H’Mong, irriducibili guerrieri e coltivatori del papavero da oppio che hanno ora abbandonato le antiche
consuetudini ma conservano intatto il fiero portamento. Si raggiunge il Parco naturale con la stupenda
cascata le cui acque precipitano su formazioni di roccia calcarea, incorniciata di folta vegetazione, per
poi calmare il loro impeto in bacini color turchese dove alcuni audaci potrebbero anche tentare una
1° giorno: ITALIA / BANGKOK
molto rinfrescante nuotata. Mezza giornata di visita di Luang Prabang in bicicletta. Nel pomeriggio si
Incontro dei Signori partecipanti al banco del check-in e dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco,
possono percorrere le vie di Luang Prabang in bicicletta alla ricerca di qualche insolito acquisto mentre
partenza con volo di linea diretto per Bangkok. Pasti, film e pernottamento a bordo.
per chi non pedala e non ama andare a piedi si può sempre trovare un tuk tuk. Pranzo in ristorante
2° giorno: BANGKOK / VIENTIANE
Arrivo a Bangkok; proseguimento per Ventiane con volo di linea. Arrivo e trasferimento all’hotel e
sistemazione nella camera riservata. Visita di Vientiane la capitale del Laos, adagiata sulla riva sinistra
del Mekong, che conserva il fascino démodé della vecchia città coloniale francese con l’elegante
edificio che ospita il Museo di Storia, l’austero Palazzo Presidenziale, i larghi viali alberati, la miriade di
colori del Talat Sao, il grande mercato coperto, la vivacità cosmopolita che ruota intorno al Nam Phou,
la Rotonda della Fontana, il misterioso fascino del That Dam, lo Stupa Nero, l’allegria che con il calare
della sera si diffonde fra i tanti ristorantini e bar del lungofiume. Pranzo in hotel e Cena in ristorante
tipico.
06° giorno : LUANG PRABANG - VIENTIANE
Svegliandosi prima dell’alba si può andare nella via centrale di Luang Prabang per vedere la lunga fila
di oltre 200 monaci, con alla loro testa il Patriarca, che silenziosi sfilano tra la riverente popolazione
che offre loro il cibo della giornata. Si rientra in albergo per la prima colazione e poi si visita il Museo
Nazionale posto nell’edificio del Palazzo Reale costruito nel 1904 e che ora ospita un ricca collezione
degli oggetti appartenuti al tesoro della famiglia reale e, soprattutto, il Phra Bang, la statua in oro alta
83 centimetri che secondo la tradizione è simbolo del regno di Lane Xang dal XIII secolo. Trasferimento con volo di linea a Vientiane. Mezza giornata di visita dei principali templi della città. Passando
3° giorno: VIENTIANE - LUANG PRABANG
a lato del Patuxai o “Porta della Vittoria”, il memoriale dedicato a tutti i Laotiani caduti durante tutte
Prima colazione in hotel. In mattinata trasferimento con volo di linea a Luang Prabang, l’antica capitale
le guerre, si raggiunge il luogo più sacro di tutto il Laos, il That Luang, il grandioso stupa che si dice
reale posta in una valle sul medio corso del Mekong. Per l’incomparabile bellezza del sito ambien-
contenga una reliquia del Buddha che la tradizione vuole che sia stata qui portata nel III secolo avanti
tale e per la straordinaria ricchezza di capolavori di architettura religiosa buddhista, l’UNESCO la ha
Cristo. Nel cuore della città vecchia, il chiostro dell’antico Vat Si Saket accoglie più di duemila im-
dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Sono più di trenta i complessi monasteriali dai quali si promana
magini del Buddha che, si dice, lo abbiano preservato dalle distruzioni portate dagli eserciti siamesi nel
il mistico senso di spiritualità che sommerge ogni visitatore; fra i tanti non si può mancare alla visita
1828. Sull’altro lato della strada, la raffinata architettura classica del Ho Phra Keo accoglie il Museo di
di alcuni gioielli come il Vat Visoun, il Vat Sené, il Vat Xieng Thong. Per ammirare i dolci colori del
arte religiosa con una stupenda statuaria buddhista in bronzo. Pranzo in un ristorante tipico e Cena in
tramonto si sale al Vat Chom Si, posto al culmine del Phu Si, la collina sacra che domina il paesaggio
di Luang Prabang. Pranzo in ristorante tipico e Cena in hotel.
04° giorno: LUANG PRABANG
Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita delle grotte di Pak Ou e dell’alto corso del
Mekong che si risale su slanciate barche a motore. Tra gli orti rivieraschi e la folta vegetazione emerge
un villaggio dove tra le tante altre attività tradizionali si distilla anche il lao-lao, il fortissimo liquore nazionale. Dove il fiume si restringe e la parete di roccia incombe, si approda per salire alle sacre grotte di
Pak Ou che nel corso dei sSMARTli la fede popolare ha colmato di migliaia di statue del Buddha. Sulla
via del ritorno ci si arresta sulla riva destra, di fronte a Luang Prabang, per un breve e rilassante trekking nel villaggio Xieng Maen, famoso per la lavorazione delle alghe di fiume e le sue antiche pagode.
Rientro a Luang Prabang per immergersi nel colorato mondo del mercato dei prodotti artigianali che
al calar del sole si apre sulla via che corre tra il Phu Si e l’antico Palazzo Reale. Pranzo in ristorante
tipico e Cena in hotel.
70
tipico e Cena in hotel.
hotel.
07° giorno : VIENTIANE – PAKSE
Prima colazione in hotel. Trasferimento all’aeroporto e volo aereo per Pakse. Arrivo a Pakse e
trasferimento in hotel. Intera giornata di visita dell’altopiano del Bolaven, la regione delle ricchissime
piantagioni di the e del famoso caffè, delle selve scoscese e delle stupefacenti cascate di Tad Fane e
Tad Lo. Questa è la terra dove vivono numerosi gruppi etnici appartenenti alla famiglia mon-khmer.
Si incontrano villaggi di Laven, Alak, Nghé e Suei che hanno la comune caratteristica di costruire le
loro capanne intorno a uno spiazzo al centro del quale si trova il tempio del Genio protettore e il palo
ove si compie il rituale sacrificio del bufalo. Vivono ancora secondo i loro ancestrali costumi coltivando
la terra con gli strumenti dei loro antenati e conservano intatta la riservata gentilezza della gente
di montagna. Pranzo in ristorante tipico e Cena in hotel. Le sistemazioni in hotel sono semplici ma
confortevoli.
71
TOUR
GRANTOUR LAOS
08° giorno: PAKSE - CHAMPASAK - DON KHONG
Hotel prescelti per il tour:
Prima colazione in hotel. Attraversato il Mekong si raggiunge Champasak a Sud-Ovest
della quale un monte alto 1416 metri e culminante con un pinnacolo a forma di linga: il
Vat Phou. Antico luogo di culto dei geni della montagna e degli spiriti delle acque, nel VI
Categoria Smart:
Vientiane: Hotel Vayakorn Inn
secolo gli Khmer del Cenla vi costruirono un tempio in onore del dio Shiva. Gli imperatori
Luang Prabang: Maison Dalabua
di Angkor considerarono questo luogo il loro “tempio dinastico”. L’antico culto shivaista è
Pakse: Sisouk Residence
caduto in disuso ma il luogo resta sacro ed è venerato dai buddhisti laotiani e cambogiani.
Don Khong: Hotel Villa Muong Khong
Tornati sulla riva sinistra si procede verso Sud seguendo il corso del fiume fino a dove il
corso del Mekong si allarga a dismisura accogliendo isole e isolotti dove gli abitanti trag-
1° Categoria:
Vientiane: Hotel Mercure
gono la vita dalla pesca e dalle colture tropicali. Si prosegue poi ancora verso Sud fino a
Luang Prabang: Villa Santi Resort
raggiungere Don Khong, la grande isola ove il tempo pare essersi arrestato a tempi an-
Pakse: Pakse Hotel
tichi. Pranzo in ristorante tipico e Cena in hotel - Gli hotels sono semplici ma confortevoli.
Don Khong: Villa Muong Khong
Categoria Superior:
Vientiane: Hotel Lao Plaza
09° giorno: DONE KHONG
Luang Prabang: The Grand Hotel
Prima colazione in hotel. La giornata scorre lungo le acque del Mekong in uno dei più
Pakse: Pakse Hotel
suggestivi e grandiosi paesaggi indocinesi. Qui ancora aleggia il clima del passato
Don Khong: Villa Muong Khong
periodo coloniale e degli avventurosi viaggi di esplorazione sul Mekong dell’Ottocento.
La natura si è difesa da ogni assalto della modernità e ha conservata intatta la sua
Categoria Deluxe:
Vientiane: Green Park boutique Hotel
primordiale potenza e bellezza. Nella grande isola di Don Khong il tempo pare essersi
Luang Prabang: Luangsay Residence
arrestato ai tempi antichi e la gente vive di pesca, coltiva il riso e lavora lo zucchero di
Pakse: Pakse Hotel
palma. Presso l’isola di Khone le acque, possenti e limacciose, ma ancora incontaminate,
Don Khong: Villa Muong Khong
precipitano verso la pianura cambogiana con le spettacolari cascate di Pha Peng, tanto
imponenti che molti le hanno ribattezzate, forse con un po’ di enfasi, il “Niagara dell’
Oriente”. Oltre le cascate, da Voeun Kham, con un agile sampan si possono raggiungere
le quiete anse del fiume dove c’è l’habitat ideale per i rarissimi delfini del Mekong. Pranzo
in ristorante tipico e Cena in hotel -gli hotels sono semplici ma confortevoli.
10° giorno: DONE KHONG – PAKSE / BANGKOK / ITALIA
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto e dopo il disbrigo delle formalità
d’imbarco, partenza con volo di linea in classe economica via Bangkok per l’Italia.
18° giorno: ITALIA
Arrivo e termine dei servizi.
72
73
TOUR
GRANTOUR INDOCINA
06 notti / 09 giorni
Ventiane – Luang Prabang – Hanoi – Halong Bay – Hanoi – Danang/Hoi
An/Danang – Hue – Saigon – Chau Doc – Phnom Penh – Kompong Thom –
Siem Reap – con guida parlante italiano
Partenze: Tutti i giorni – privato in pensione completa
Nota bene: al Lunedì in Vietnam i Musei sono chiusi
1° giorno: ITALIA / BANGKOK
Incontro dei Signori partecipanti al banco del check-in e dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco,
partenza con volo di linea diretto per Bangkok. Pasti, film e pernottamento a bordo.
2° giorno: BANGKOK / VENTIANE
Arrivo a Bangkok; proseguimento per Ventiane con volo di linea. Arrivo e trasferimento all’hotel e
sistemazione nella camera riservata. Mezza giornata visita dei templi Visita dei principali templi:
Patuxay “Arco della Vittoria” il gigantesco arco che commemora l’Indipendenza, chiamato dai locali
anche Anusawaree. Si prosegue poi con la visita del luogo più sacro di tutto il Laos, il That Luang, il
grandioso stupa che si dice contenga due reliquie del Buddha che la tradizione vuole che siano state
qui portate nel III secolo avanti Cristo. Nel cuore della città vecchia, il chiostro dell’antico Vat Sisaket
accoglie più di seimila immagini del Buddha che - si dice - lo abbiano preservato dalle tremende
distruzioni portate dagli eserciti siamesi nel 1828. Sull’altro lato della strada, la raffinata architettura
classica del Ho Phra Keo accoglie il Museo di arte religiosa con una stupenda statuaria buddhista in
bronzo. Pranzo in un ristorante tipico e Cena in hotel.
3° giorno: VENTIANE / LUANG PRABANG
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto per il volo di linea per Luang Prabang in classe
economica . Arrivo e trasferimento in hotel. Luang Prabang è l’antica capitale reale posta in una valle
a 700 metri di altezza sul medio corso del Mekong. Giornata dedicata alla visita di questa cittadina
che, per l’incomparabile bellezza del sito ambientale e per la straordinaria ricchezza di capolavori di
architettura religiosa buddhista, l’UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Sono ancora più di
trenta i complessi monasteriali dai quali si promana il mistico senso di spiritualità che sommerge ogni
visitatore; fra i tanti non può mancare la visita ad alcuni gioielli come il Vat Visoun, il Vat Sené, il Vat
Xieng Thong. Per ammirare i dolci colori del tramonto si sale al Vat Chom Si, posto al culmine del Phu
Si, la collina sacra che domina il paesaggio di Luang Prabang. Pranzo in ristorante tipico e Cena in
hotel.
4° giorno: LUANG PRABANG
Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita delle grotte di Pak Ou e dell’alto corso del
Mekong che si risale su slanciate barche a motore. Tra gli orti rivieraschi e la folta vegetazione emerge
un villaggio dove tra le tante altre attività tradizionali si distilla anche il lao-lao, il fortissimo liquore
nazionale. Dove il fiume si restringe e la parete di roccia incombe, si approda per salire alle sacre
grotte di Pak Ou che nel corso dei secoli gli SMARTl, la fede popolare ha colmato di migliaia di statue
del Buddha. Sulla via del ritorno ci si arresta sulla riva destra, di fronte a Luang Prabang, per un breve
e rilassante trekking nel villaggio Xieng Maen, famoso per la lavorazione delle alghe di fiume e le sue
antiche pagode. Rientro a Luang Prabang per immergersi nel colorato mondo del mercato dei prodotti
artigianali che al calar del sole si apre sulla via che corre tra il Phu Si e l’antico Palazzo Reale. Trasferimento in hotel. Pranzo in ristorante tipico e Cena in hotel.
74
5° giorno: LUANG PRABANG / HANOI
Mezza giornata di visita ‘Questua & Museo Nazionale’. Per chi voglia farlo è possibile svegliarsi
prima dell’alba e andare a vedere la famosissima Questua: ogni mattina ‘da sempre’ 250 monaci con
a capo l’ottantaduenne Khamjan fanno il giro della città per ricevere offerte di cibo dai fedeli. Rientro in
albergo per la colazione - visita del Museo Nazionale, posto nell’edificio del vecchio Palazzo Reale che
fu costruito nel 1904 e ora ospita un ricca collezione degli oggetti appartenuti al tesoro della famiglia
reale e, soprattutto, il Phra Bang, la statua in oro alta 83 centimetri che secondo la tradizione è simbolo del regno di Lane Xang dal XIII secolo. Trasferimento all’aeroporto per il volo di linea per Hanoi.
Arrivo ad Hanoi e trasferimento in aeroporto. Pranzo in ristorante tipico e Cena in hotel.
6° giorno: HANOI
Prima colazione in hotel. Mezza giornata dedicata alla visita dei piú classici luoghi della capitale del
Viet Nam “Culturale”. Passando davanti all’imponente Mausoleo di Ho Chi Minh si entra nel parco
di quella che fu la Residenza del Governatore Generale Indochina e qui si trova la casa in cui visse
il Presidente; non distante sorge la deliziosa “Pagoda a pilastro unico” eretta nel 1049 e di fronte ad
essa la Pagoda Dien Huu. Il Van Mieu, il Tempio confuciano della Letteratura, fu la più antica Università asiatica e risale al 1070. Nel cuore della città si trova il Lago della Spada Restituita con l’isolotto
del tempio della Montagna di Giada. La giornata si conclude con circa un’ora di sogni con il Water
Puppet Show: uno spettacolo unico al mondo dove gli attori sono delle marionette in legno che sullo
scenario dell’acqua fanno rivivere antiche storie tradizionali, scene di vita quotidiana e vicende tratte
da leggende popolari. Pranzo e Cena in ristorante tipico.
7° giorno: HANOI – HALONG BAY – HANOI
Prima colazione in hotel. Dopo una sosta in un centro di esposizione della locale produzione di sete,
ceramiche e sculture in pietra si prosegue per la visita della baia di Halong, Settima Meraviglia del
Mondo” che si effettua con una tradizionale giunca in legno, accuratamente restaurata, che si addentra tra la miriade di isole, isolotti, faraglioni e scogliere entro le quali si aprono grotte ove stalattiti
e stalagmiti disegnano straordinarie e sorprendenti scenografie. Il rientro a Hanoi é previsto nel tardo
pomeriggio. Pranzo a bordo e Cena in ristorante tipico.
8° giorno: HANOI – DANANG/HOI AN
Prima colazione in hotel. Trasferimento all’aeroporto e dopo il disbrigo delle formalità, imbarco su
volo di linea in classe economica per Danang e di qui a Hoi An. Immediato trasferimenta all’hotel e
sistemazione nella camera riservata. Mezza giornata dedicata alla visita di Hoi An in Cyclo.
Percorrendone le suggestive vie su cui si affacciano decine e decine di botteghe, negozi, boutique e
gallerie d’arte si raggiunge il delizioso Ponte Giapponese per poi visitare un tempio della ricca comunità cinese da cui si prosegue entrando nell’antica casa di un potente mercante dei secoli passati. Si
conclude il tour nella fabbrica della seta dove tra mille tentazioni all’acquisto i viaggiatori più raffinati
possono anche farsi confezionare eleganti abiti su misura. Pranzo in ristorante tipico e Cena in Hotel.
9° giorno: HOI AN /DANANG – HUE
Prima colazione in hotel. Visita del prezioso Museo Cham di Danang, costruito nel 1916 dall’ Ecole
française d’ Extrême-Orient e recentemente ampliato e ristrutturato. Nelle sue sale si scoprono i capolavori di statuaria cham che vanno dal VII al XIV secolo. Si prosegue poi per il massiccio roccioso del
Ngu Hanh Son, le Cinque Montagne di Marmo o dei “Cinque elementi naturali” e l’Acqua o Thuy son,
è la più sacra fra le montagne. Ai suoi piedi, nel villaggio di Dong Hai, centinaia di famiglie si dedicano
ancora alla vecchia arte di lavorazione della pietra. Da una breve scalinata in pietra si sale a mezza
costa dove, addossata alla parete rocciosa, ai tempi dell’Imperatore Minh Mang venne costruita la Linh
Ung Pagoda, uno dei più venerati luoghi di culto della regione. Trasferimento per Hue. Percorrendo la
strada che attraversa il Colle delle Nuvole e attraversa le suggestive lagune costiere si raggiunge Hue,
che fu capitale dal 1805 al 1945. Pranzo e Cena in ristorante tipico.
75
TOUR
GRANTOUR INDOCINA
10° giorno: HUE – SAIGON
Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita di Hue. Gli imperatori Nguyen fecero edificare
la poderosa Cittadella al cui centro si leva la sontuosa Città imperiale con il Padiglione delle Cinque
Fenici, il Palazzo della Pace Suprema ed il tempio Dinastico The Mieu: grandiosi edifici disposti in un
armonico succedersi secondo i principi sanciti dalla scienza geomantica cinese. La visita prosegue
risalendo la valle del Fiume dei Profumi per raggiungere i Mausolei Imperiali di Tu Duc e Khai Dinh. Si
visita poi la Pagoda della Dama Celeste, la Thien Mu, situata sulla sponda sinistra del Huong Giang, il
Fiume dei Profumi, per finire con una piacevole passeggiata fra i banchi del grande mercato di Dong
Ba. Trasferimento in aeroporto e dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco, partenza con volo di linea
per Saigon. Arrivo a Saigon e trasferimento in hotel. Pranzo in ristorante tipico e Cena in Hotel.
11° giorno: SAIGON
Prima colazione in hotel. Mezza giornata di visita di Cu Chi, la famosa cittadella che i Vietcong
crearono sotto terra: una incredibile rete di magazzini, dormitori, armerie, cucine, infermerie e posti
comando collegati tra loro da 250 chilometri di cunicoli e gallerie che resistettero ai bombardamenti
americani. Nella boscaglia emergono alcune strutture rese accessibili al pubblico e suggestivi manichini di Vietcong in armi montano la guardia nei punti strategici. Durante il tragitto per Saigon è doverosa una sosta tra le ricche risaie in una azienda familiare di “piadine” di farina di riso e nelle preziose
piantagioni di alberi della gomma che furono impiantate dai Francesi all’inizio del secolo scorso. Nel
pomeriggio, mezza giornata di visita nel cuore di Saigon che ha inizio con il War Remnants Museum,
che potremmo tradurre con “Museo dei ricordi che restano oggi della guerra”. Dopo una doverosa
sosta nella piazza dove il periodo coloniale rivive nell’edificio delle Poste disegnato da Gustave Eiffel e
nella neogotica cattedrale di Notre-Dame, si visita il più alto luogo sacro del culto taoista la chua Ngoc
Hoang, la pagoda dell’ Imperatore di Giada, il cui arredo interno, le decorazioni, la statuaria, i simboli
dell’ autorità delle divinità sono di una ricchezza sorprendente, appena velata dalle nuvole di fumo
che salgono dalle candele e dagli incensi. Si prosegue poi assaporando lo shopping nella vivace zona
commerciale che va dalla via Dong Khoi, la “Rue Catinat” dei coloni francesi, alla piazza del grande
mercato Ben Thanh. Pranzo e Cena in ristorante tipico.
12° giorno: SAIGON – CHAU DOC
Prima colazione in hotel. Giornata di visita della regione di Cai Be nel delta del Mekong. Si giunge poi
a un imbarcadero sul Mekong dove ci attendono piccole imbarcazioni locali che penetrano nei rami del
fiume e passando tra rive affollate di vita giungono fino al luogo in cui si riuniscono le piccole giunche
che portano a questo importante mercato tutti i frutti, gli ortaggi ed i prodotti artigianali provenienti da
ogni zona del delta. Visita di una simpatica azienda familiare dove con antiche tecniche si produce
manualmente il riso soffiato, i dolci, le caramelle di zucchero di palma, le gallette di riso, etc. etc. Durante il trasferimento a Ovest, verso Chau Doc, si incontrano tutti i più caratteristici paesaggi del delta
con la popolazione che vive quasi abbracciata a queste dense acque che da millenni sono portatrici di
vita. Arrivo a Chau Doc. Pranzo in ristorante tipico e Cena in Hotel.
13° giorno: CHAU DOC – PHNOM PENH
Prima colazione in hotel. Partenza dopo la prima colazione con una barca veloce che imbocca il
canale che collega il Bassac al Mekong Inferiore che si risale arrestandosi poi sulla riva per passare il
posto di frontiera tra Vietnam e Cambogia. La navigazione prosegue nello stupendo paesaggio fluviale
con colture e villaggi che si affollano sulle rive e con la loro diversità rendono evidente il passaggio tra
due Paesi, due culture, due modi di vivere diversi. Arrivo a Phnom Penh 5 ore circa dopo la partenza.
Mezza giornata dedicata alla parte “Classica” di Phnom Penh, Capitale della Cambogia, che comprende la visita del Museo Nazionale, prezioso scrigno che racchiude i capolavori della scultura khmer
dal V al XIII secolo, e dell’area del Palazzo Reale con la Sala del Trono, in cui ancora oggi il Sovrano
concede le sue udienze, e del contiguo complesso della Pagoda d’Argento. Pranzo in ristorante tipico
e Cena in hotel.
76
14° giorno: PHNOM PENH – SIEM REAP – via KOMPONG THOM
Prima colazione in hotel. Si attraversa il Tonle Sap e si raggiunge Skun, la cittadina capitale dei “ragni
fritti” e poi si prosegue con una deviazione su una stradina che conduce, tra folta vegetazione e case
in legno, al santuario di Kuk Nokor, tempio khmer del XI secolo in perfetto stato di conservazione.
Attraversando una stupenda campagna solcata dagli immissari del Grande lago si giunge a Kompong
Thom. Visita del sito archeologico di Sambor Prei Kuk, l’antica Isanapura capitale del regno di Cenla
nel VII secolo. E’ una vasta area archeologica immersa nella boscaglia ed ancora poco frequentata
dai turisti. Dell’antica città restano decine e decine di prasat in mattone intorno ai quali la natura ha
avvolto il suo manto protettivo. Di classica bellezza è il grande complesso di Yeay Poan, nel cosiddetto Gruppo Sud mentre incredibile è la suggestione che si promana dal solitario Prasat Chrey e
dall’enigmatico Asram Moha Rsi. Passando accanto alle lagune di Prei Pros si raggiunge Kompong
Kdei dove Jayavarman VII fece costruire un imponente ponte a diga. Arrivo a Siem Reap in serata.
Pranzo in ristorante tipico e Cena in hotel.
15° giorno: SIEM REAP
Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita dei templi di Angkor: la più estesa area
archeologica del mondo dove gli archeologi classificarono 276 monumenti di primaria importanza. Il
capolavoro indiscusso dell’architettura e dell’arte khmer è comunque Angkor Vat con milleduecento
metri quadri di raffinati bassorilievi che offrono la spettacolare testimonianza di un’arte figurativa di
eccelsa raffinatezza. Le immagini che hanno creato il “mito” di Angkor si scoprono a Ta Prohm dove
giganteschi alberi sorgono fra l’intrico di torri santuario, enormi radici avvolgono le gallerie, arbusti
germogliano dai tetti di ogni costruzione ed il visitatore non riesce più a distinguere l’opera dell’uomo
dalle creazioni della natura. Visita della cittadella fortificata di Angkor Thom con le sue imponenti
mura e le splendide porte monumentali ed al suo centro il Bayon con i suoi bassorilievi di enorme
realismo e forza espressiva che fanno corona a 54 torri-santuario. Intorno sorgono il Baphuon, l’antico
Palazzo reale con il Phimeanakas, la Terrazza degli Elefanti e la Terrazza del Re Lebbroso. Pranzo in
ristorante tipico e Cena in hotel.
16° giorno: SIEM REAP
Prima colazione in hotel. Una delle più antiche costruzioni sacre è Prasat Kravan del 921: cinque santuari dedicati al culto di Vishnu, costruiti in mattone. Sempre il mattone venne utilizzato per edificare
nel 952 il Mebon, il tempio che sorgeva su un isolotto artificiale al centro del grande bacino del Baray
orientale. Nove anni più tardi Rjendravarman fece erigere il Pre Rup, grandioso tempio montagna dai
caldi colori ocra. L’uso dell’arenaria trionfa nel possente Ta Keo mentre i temi della classicità trovano
prima espressione nel delizioso Thommanon. Dal perfetto rettangolo del bacino del “Bagno reale”,
Srah Srang, inizia il percorso fra i santuari del XII secolo: il monastero di Banteay Kdei, la “Cittadella
delle Celle”; il mistico e silenzioso Ta Som; l’enigmatico e sorprendente Neak Pean ed il grandioso
santuario buddhista di Prah Khan, il tempio della “Sacra Spada”. Pranzo in ristorante tipico e Cena in
hotel.
17° giorno: SIEM REAP / BANGKOK / ITALIA
Prima colazione in hotel. Mezza giornata di visita al villaggio dei pescatori. Si percorre la strada che
conduce fino alle rive del Grande lago, dove sono ormeggiate decine e decine di barche che ospitano
le case galleggianti del villaggio dei pescatori che qui hanno le loro abitazioni, le scuole, la chiesa, i
negozi, gli uffici pubblici, gli allevamenti di pesce, tutti costruiti su barconi e piattaforme galleggianti
che si alzano e abbassano seguendo il regolare ritmo delle piene del lago. Pranzo in ristorante tipico.
Trasferimento in aeroporto e dopo il disbrigo delle formalità d’imbarco, partenza con volo di linea in
classe economica via Bangkok per l’Italia.
18° giorno: ITALIA
Arrivo e termine dei servizi.
77
TOUR
GRANTOUR INDOCINA
Hotel prescelti per il tour:
Categoria Smart:
Hanoi: Hotel La Belle Vie
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
1° Categoria:
Hue: Hotel Moonlight
Hanoi: Hotel Mercure Hanoi La Gare
Cruise in Halong Bay:Junk Deluxe
Hoi An: Hotel Vinh Hung II
Hue: Hotel Moonlight
Saigon: Hotel Aquari
Hoi An: Hoi An Hotel
Chau Doc: Hotel Chau Pho
Saigon: Hotel Windsor Plaza
Phnom Penh: Ohana Hotel
Chau Doc: Hotel Victoria Chau Doc
Siem Reap: Crown Hotel
Phnom Penh: Phnom Penh Hotel
Ventiane: Vayakorn Inn
Siem Reap: Borei Angkor Hotel
Luang Prabang: Maison Dalabua
Ventiane: Mercure hotel
Luang Prabang: Villa Santi Resort
Categoria Superior:
Hanoi: Hotel Pullman
Cruise in Halong Bay: Junk Deluxe
Hue: Hotel Indochine Palace
Hoi An: Hotel Golden Sand
Saigon: Hotel Moevenpick Saigon
Chau Doc: Hotel Victoria Chau Doc
Phnom Penh: Hotel Intercontinental Phnom Penh
Siem Reap: Hotel Grand Soluxe Angkor Palace resort & Spa
Ventiane: Hotel Lao Plaza
Luang Prabang: The Grand Hotel
Categoria Deluxe:
Hanoi: Hotel Sofitel Metropole Hanoi
Cruise in Halong Bay: Pelikan cruise
Hue: Hotel La Residence
Hoi An: Hotel Anantara Hoi An
Saigon: Hotel Park Hyatt Saigon
Chau Doc: Hotel Victoria Chau Doc
Phnom Penh: Hotel Raffles Le Royal
Siem Reap: Hotel Grand D’Angkor
Ventiane: Hotel Green Park Boutique
Luang Prabang: Hotel Luangsay Residence
78
79
CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI
CONTENUTO DEL CONTRATTO DI VENDITA DEL PACCHETTO TURISTICO
Costituiscono parte integrante del contratto di viaggio oltre che le condizioni generali che seguono, la descrizione del pacchetto turistico contenuta nel catalogo, ovvero
nel separato programma di viaggio, nonché la conferma di prenotazione dei servizi richiesti dal turista\viaggiatore. Essa viene inviata dal tour operator all’agenzia di
viaggio, quale mandataria del Turista e quest’ultimo avrà diritto di riceverla dalla medesima. Nel sottoscrivere la proposta di compravendita di pacchetto turistico, il
turista\viaggiatore deve tener bene a mente che essa dà per letto ed accettato, per sé e per i soggetti per i quali chiede il servizio tutto compreso, sia il contratto di
viaggio per come ivi disciplinato, sia le avvertenze in essa contenute , sia le presenti condizioni generali.
1.FONTI LEGISLATIVE
La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale sia internazionale, è disciplinata – fino alla sua abrogazione ai sensi
dell’art. 3 del D. Lgs. n. 79 del 23 maggio 2011 (il “Codice del Turismo”) - dalla L. 27/12/1977 n° 1084 di ratifica ed esecuzione della Convenzione Internazionale relativa
al contratto di viaggio (CCV), firmata a Bruxelles il 23.4.1970 - in quanto applicabile - nonché dal Codice del Turismo (artt. 32-51) e sue successive modificazioni.
2.REGIME AMMINISTRATIVO
L’organizzatore e l’intermediario del pacchetto turistico, cui il turista si rivolge, devono essere abilitati all’esecuzione delle rispettive attività in base alla normativa amministrativa applicabile, anche regionale.
Ai sensi dell’art. 18, comma VI, del Cod. Tur., l’uso nella ragione o denominazione sociale delle parole “agenzia di viaggio”, “agenzia di turismo” , “tour operator”, “mediatore di viaggio” ovvero altre parole e locuzioni, anche in lingua straniera, di natura similare, è consentito esclusivamente alle imprese abilitate di cui al primo comma
3.DEFINIZIONI
Ai fini del presente contratto s’intende per:
a) organizzatore di viaggio: il soggetto che si obbliga in nome proprio e verso corrispettivo forfetario, a procurare a terzi pacchetti turistici, realizzando la combinazione
degli elementi di cui al seguente art. 4 o offrendo al turista, anche tramite un sistema di comunicazione a distanza, la possibilità di realizzare autonomamente ed acquistare tale combinazione;
b) intermediario: il soggetto che, anche non professionalmente e senza scopo di lucro, vende o si obbliga a procurare pacchetti turistici realizzati ai sensi del seguente
art. 4 verso un corrispettivo forfetario;
c) turista: l’acquirente, il cessionario di un pacchetto turistico o qualunque persona anche da nominare, purché soddisfi tutte le condizioni richieste per la fruizione del
servizio, per conto della quale il contraente principale si impegna ad acquistare senza remunerazione un pacchetto turistico.
4.NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO
La nozione di pacchetto turistico è la seguente:
“I pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le vacanze, i circuiti “tutto compreso”, le crociere turistiche, risultanti dalla combinazione, da chiunque ed in qualunque
modo realizzata, di almeno due degli elementi di seguito indicati, venduti od offerti in vendita ad un prezzo forfetario: a) trasporto; b) alloggio; c) servizi turistici non
accessori al trasporto o all’alloggio di cui all’art. 36 che costituiscano per la soddisfazione delle esigenze ricreative del turista, parte significativa del “pacchetto turistico”
(art. 34 Cod. Tur.).
Il turista ha diritto di ricevere copia del contratto di vendita di pacchetto turistico (redatto ai sensi e con le modalità di cui all’art. 35 Cod. Tur.). Il contratto costituisce titolo
per accedere al Fondo di garanzia di cui al successivo art. 21
5. INFORMAZIONI AL TURISTA - SCHEDA TECNICA
1. Prima dell’inizio del viaggio l’organizzatore e l’intermediario comunicano al turista le seguenti informazioni:
a) orari, località di sosta intermedia e coincidenze;
b) informazioni sull’identità del vettore aereo operativo, ove non nota al momento della prenotazione, giusta previsione art.11 Reg. Ce 2111\05 (Art. 11, comma 2 Reg.
Ce 2111/05: “Se l’identità del vettore aereo effettivo o dei vettori aerei effettivi non è ancora nota al momento della prenotazione, il contraente del trasporto aereo fa in
modo che il passeggero sia informato del nome del vettore o dei vettori aerei che opereranno in quanto vettori aerei effettivi per il volo o i voli interessati. In tal caso, il
contraente del trasporto aereo farà in modo che il passeggero sia informato dell’identità del vettore o dei vettori aerei effettivi non appena la loro identità sia stata
accertata ed il loro eventuale divieto operativo nell’Unione Europea”.
2. L’organizzatore predispone in catalogo o nel programma fuori catalogo – anche su supporto elettronico o per via telematica - una scheda tecnica.
Gli elementi obbligatori della scheda tecnica del catalogo o del programma fuori catalogo sono:
- estremi dell’autorizzazione amministrativa o, se applicabile, la D.I.A o S.C.I.A dell’organizzatore;
- estremi della polizza assicurativa di responsabilità civile;
- periodo di validità del catalogo o del programma fuori catalogo;
- parametri e criteri di adeguamento del prezzo del viaggio (Art. 40 Cod. Tur.).
6. PROPOSTA D’ACQUISTO - PRENOTAZIONI
La proposta di compravendita di pacchetto turistico dovrà essere redatta su apposito modulo contrattuale, se del caso elettronico, compilato in ogni sua parte e sottoscritto
dal cliente, che ne riceverà copia. L’accettazione della proposta di compravendita del pacchetto turistico si intende perfezionata, con conseguente conclusione del contratto, solo nel momento in cui l’organizzatore invierà relativa conferma, anche a mezzo sistema telematico, al turista presso l’agenzia di viaggi intermediaria,
che ne curerà la consegna al turista medesimo.Le indicazioni relative al pacchetto turistico non contenute nei documenti contrattuali, negli opuscoli ovvero in altri mezzi
di comunicazione scritta, saranno fornite dall’organizzatore, in regolare adempimento degli obblighi previsti a proprio carico dall’art. 37 comma 2 Cod. Tur., prima
dell’inizio del viaggio. Richieste particolari sulle modalità di erogazione e\o di esecuzione di taluni servizi facenti parte del pacchetto turistico, dovranno essere avanzate
in fase di richiesta di prenotazione e risultare oggetto di specifico accordo tra Turista ed Organizzatore, per il tramite dell’agenzia di viaggio mandataria.Ai sensi dell’art.
32, comma 2, Cod. Tur., si comunica che nei contratti conclusi a distanza o al di fuori dei locali commerciali (come rispettivamente definiti dagli artt. 50 e 45 del D. Lgs.
206/2005), è escluso il diritto di recesso previsto dagli artt. 64 e ss. del D. Lgs. 206/2005.
7. PAGAMENTI
1. All’atto della sottoscrizione della proposta di acquisto del pacchetto turistico dovrà essere corrisposta:
a) la quota d’iscrizione o gestione pratica ( vedi art. 8); .
b) acconto non superiore al 25% del prezzo del pacchetto turistico pubblicato in catalogo o nella quotazione del pacchetto fornita dall’Organizzatore. Tale importo viene
versato a titolo di caparra confirmatoria ed anticipo conto prezzo. Nel periodo di validità della proposta di compravendita e pertanto prima della eventuale conferma
di prenotazione che costituisce perfezionamento del contratto, gli effetti di cui all’art.1385 c.c. non si producono qualora il recesso dipenda da fatto sopraggiunto non
imputabile. Il saldo dovrà essere improrogabilmente versato entro il termine stabilito dal Tour Operator nel proprio catalogo o nella conferma di prenotazione del servizio\
pacchetto turistico richiesto.
2. Per le prenotazioni in epoca successiva alla data indicata quale termine ultimo per effettuare il saldo, l’intero ammontare dovrà essere versato al momento della
sottoscrizione della proposta di acquisto.
3. Il mancato pagamento delle somme di cui sopra, alle date stabilite, costituisce clausola risolutiva espressa tale da determinare la risoluzione di diritto da operarsi
con semplice comunicazione scritta, via fax o via e-mail, presso l’Agenzia intermediaria, o presso il domicilio anche elettronico, ove comunicato, del turista. Il saldo del
prezzo si considera avvenuto nel momento in cui perviene materialmente all’organizzatore.
8. PREZZO
Il prezzo del pacchetto turistico è determinato nel contratto, con riferimento a quanto indicato in catalogo o programma fuori catalogo ed agli eventuali aggiornamenti
degli stessi cataloghi o programmi fuori catalogo successivamente intervenuti.
Esso potrà essere variato fino a 20 giorni precedenti la partenza e soltanto in conseguenza alle variazioni di:
- costi di trasporto, incluso il costo del carburante;
- diritti e tasse relative al trasporto aereo, ai diritti di atterraggio, di sbarco o di imbarco nei porti e negli aeroporti;
- tassi di cambio applicati al pacchetto in questione.
Per tali variazioni si farà riferimento al corso dei cambi ed ai costi di cui sopra in vigore alla data di pubblicazione del programma, come riportata nella scheda tecnica del
catalogo, ovvero alla data riportata negli eventuali aggiornamenti di cui sopra.
La revisione al rialzo non può in ogni caso essere superiore al 10% del prezzo nel suo originario ammontare.
Il prezzo è composto da:
a) quota di iscrizione o quota gestione pratica;
b) quota di partecipazione: espressa in catalogo o nella quotazione del pacchetto fornita all’intermediario o turista;
c) costo eventuali polizze assicurative contro i rischi di annullamento e\o spese mediche o altri servizi richiesti;
d) costo eventuali visti e tasse di ingresso ed uscita dai Paesi meta della vacanza.
9. MODIFICA O ANNULLAMENTO DEL PACCHETTO TURISTICO PRIMA DELLA PARTENZA
1. Prima della partenza l’organizzatore o l’intermediario che, per fatti a sé imputabili e\o riconducibili, abbia necessità di modificare in modo significativo uno o più
elementi del contratto, ne dà immediato avviso in forma scritta al turista , indicando il tipo di modifica e la variazione del prezzo che ne consegue.
2. Ove il turista non accetti la proposta di modifica di cui al comma 1, il turista potrà recedere senza pagamento di penali ed ha diritto di usufruire di un altro pacchetto
turistico ove il Tour Operator sia in grado di offrirglielo, oppure gli è rimborsata, nei termini di legge, la somma di danaro già corrisposta comprensiva di quota di gestione pratica.
3.Il turista comunica la propria scelta all’organizzatore o all’intermediario entro due giorni lavorativi dal momento in cui ha ricevuto l’avviso indicato al comma1.
In difetto di comunicazione entro il termine suddetto, la proposta formulata dall’organizzatore si intende accettata.
80
4.Non è previsto alcun risarcimento derivante dall’annullamento del pacchetto turistico quando la cancellazione dello stesso dipende dal mancato raggiungimento del
numero minimo di partecipanti eventualmente richiesto, oppure da causa di forza maggiore e caso fortuito.
5. Per gli annullamenti diversi da quelli causati da caso fortuito, forza maggiore e da mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti, nonché per quelli
diversi dalla mancata accettazione da parte del turista del pacchetto turistico alternativo offerto, l’organizzatore che annulla, restituirà al turista una somma pari al doppio
di quanto dallo stesso pagato e incassato dall’organizzatore, tramite l’agente di viaggio.
6. La somma oggetto della restituzione non sarà mai superiore al doppio degli importi di cui il turista sarebbe in pari data debitore secondo quanto previsto dall’art. 10,2°
comma qualora fosse egli ad annullare.
10. RECESSO DEL TURISTA
1. Il turista può altresì recedere dal contratto senza pagare penali nelle seguenti ipotesi:
- aumento del prezzo in misura eccedente il 10%;
- modifica in modo significativo di uno o più elementi del contratto oggettivamente configurabili come fondamentali ai fini della fruizione del pacchetto turistico complessivamente considerato e proposta dall’organizzatore dopo la conclusione del contratto stesso ma prima della partenza e non accettata dal turista.
Nei casi di cui sopra, il turista ha alternativamente diritto:
- ad usufruire di un pacchetto turistico alternativo, senza supplemento di prezzo o con la restituzione dell’eccedenza di prezzo, qualora il secondo pacchetto turistico
abbia valore inferiore al primo ove il Tour Operator sia nella possibilità di proporlo;
- alla restituzione delle somme già corrisposte. Tale restituzione dovrà essere effettuata nei termini di legge.
2. Al turista che receda dal contratto prima della partenza al di fuori delle ipotesi elencate al primo comma, o di quelle previste dall’art. 9, comma 2, saranno addebitati –
indipendentemente dal pagamento dell’acconto di cui all’art.7 comma 1 – il costo individuale di gestione pratica, la penale nella misura indicata in catalogo o Programma
fuori catalogo o viaggio su misura, l’eventuale corrispettivo di coperture assicurative già richieste al momento della conclusione del contratto o per altri servizi già resi.
3. Nel caso di gruppi precostituiti tali somme verranno concordate di volta in volta alla firma del contratto
4. Da quanto sopra sono esclusi i viaggi che includono l’utilizzo dei voli di linea con tariffe speciali. In questi casi le condizioni relative alle penalità di cancellazione sono
deregolamentate e molto più restrittive.
11. MODIFICHE DOPO LA PARTENZA
L’Organizzatore, qualora dopo la partenza si trovi nell’impossibilità di fornire, per qualsiasi ragione tranne che per fatto proprio del turista, una parte essenziale dei servizi
previsti dal contratto, dovrà predisporre adeguate soluzioni alternative per la prosecuzione del viaggio programmato non comportanti oneri di qualsiasi tipo a carico del
turista, oppure rimborsare quest’ultimo nei limiti della differenza tra le prestazioni originariamente previste e quelle effettuate.
Qualora non risulti possibile alcuna soluzione alternativa, ovvero la soluzione predisposta dall’organizzatore venga rifiutata dal turista per comprovati e giustificati motivi,
l’organizzatore fornirà senza supplemento di prezzo, un mezzo di trasporto equivalente a quello originario previsto per il ritorno al luogo di partenza o al diverso luogo
eventualmente pattuito, compatibilmente alle disponibilità di mezzi e posti, e lo rimborserà nella misura della differenza tra il costo delle prestazioni previste e quello delle
prestazioni effettuate fino al momento del rientro anticipato.
12. SOSTITUZIONI
Il turista rinunciatario può farsi sostituire da altra persona sempre che:
a) l’organizzatore ne sia informato per iscritto almeno 4 giorni lavorativi prima della data fissata per la partenza, ricevendo contestualmente comunicazione circa le
ragioni della sostituzione e le generalità del cessionario;
b) il cessionario soddisfi tutte le condizioni per la fruizione del servizio (ex art. 39 Cod. Tur.) ed in particolare i requisiti relativi al passaporto, ai visti, ai certificati sanitari;
c) i servizi medesimi o altri servizi in sostituzione possano essere erogati a seguito della sostituzione;
d) il sostituto rimborsi all’organizzatore tutte le spese aggiuntive sostenute per procedere alla sostituzione, nella misura che gli verrà quantificata prima della cessione.
Il cedente ed il cessionario sono solidalmente responsabili per il pagamento del saldo del prezzo nonché degli importi di cui alla lettera d) del presente articolo.
Le eventuali ulteriori modalità e condizioni di sostituzione sono indicate in scheda tecnica.
Resta inteso che, in applicazione dell’art. 944 del Codice della Navigazione, la sostituzione sarà possibile solo col consenso del vettore.
13. OBBLIGHI DEI TURISTI
1. Nel corso delle trattative e comunque prima della conclusione del contratto, ai cittadini italiani sono fornite per iscritto le informazioni di carattere generale - aggiornate
alla data di stampa del catalogo - relative agli obblighi sanitari e alla documentazione necessaria per l’espatrio.
2. Per le norme relative all’espatrio dei minori si rimanda espressamente a quanto indicato nel sito della Polizia di Stato. Si precisa comunque che i minori devono
essere in possesso di un documento personale valido per l’espatrio ovvero passaporto, o per i Paesi UE, anche di carta di identità valida per l’espatrio. Per quanto
riguarda l’espatrio dei minori di anni 14 e l’espatrio di minori per i quali è necessaria l’Autorizzazione emessa dalla Autorità Giudiziaria, dovranno essere seguite le
prescrizioni indicate sul sito della Polizia di Stato http://www.poliziadistato.it/articolo/191/.
3. I cittadini stranieri dovranno reperire le corrispondenti informazioni attraverso le loro rappresentanze diplomatiche presenti in Italia e/o i rispettivi canali informativi
governativi ufficiali. In ogni caso i turisti provvederanno, prima della partenza, a verificarne l’aggiornamento presso le competenti autorità (per i cittadini italiani le locali
Questure ovvero il Ministero degli Affari Esteri tramite il sito www.viaggiaresicuri.it ovvero la Centrale Operativa Telefonica al numero 06.491115) adeguandovisi prima
del viaggio. In assenza di tale verifica, nessuna responsabilità per la mancata partenza di uno o più turisti potrà essere imputata all’intermediario o all’organizzatore.
4. I turisti dovranno in ogni caso informare l’intermediario e l’organizzatore della propria cittadinanza al momento della richiesta di prenotazione del pacchetto turistico
o servizio turistico e, al momento della partenza dovranno accertarsi definitivamente di essere muniti dei certificati di vaccinazione, del passaporto individuale e di ogni
altro documento valido per tutti i Paesi toccati dall’itinerario, nonché dei visti di soggiorno, di transito e dei certificati sanitari che fossero eventualmente richiesti.
5. Inoltre, al fine di valutare la situazione di sicurezza socio –politica e sanitaria dei Paesi di destinazione e, dunque, l’utilizzabilità oggettiva dei servizi acquistati o da
acquistare il turista avrà l’onere di assumere le informazioni ufficiali di carattere generale presso il Ministero Affari Esteri, e divulgate attraverso il sito istituzionale della
Farnesina www.viaggiaresicuri.it. Le informazioni suddette non sono contenute nei cataloghi dei T.O. - on line o cartacei che siano - poiché essi contengono informazioni
descrittive di carattere generale per come indicate nell’art.38 del codice del Turismo. Le informazioni di carattere socio-politico relative al Paese meta delle vacanze
dovranno pertanto essere assunte a cura dei Turisti.
6. Ove alla data di prenotazione la destinazione prescelta risultasse dai canali informativi istituzionali, località sconsigliata per motivi si sicurezza, il viaggiatore che
successivamente dovesse esercitare il recesso non potrà invocare, ai fini dell’esonero dalla richiesta di indennizzo per il recesso operato, il venir meno della causa
contrattuale connessa alle condizioni di sicurezza del Paese.
7. I turisti dovranno inoltre attenersi all’osservanza delle regole di normale prudenza e diligenza ed a quelle specifiche in vigore nei paesi destinazione del viaggio, a tutte
le informazioni fornite loro dall’organizzatore, nonché ai regolamenti, alle disposizioni amministrative o legislative relative al pacchetto turistico. I turisti saranno chiamati
a rispondere di tutti i danni che l’organizzatore e/o l’intermediario dovessero subire anche a causa del mancato rispetto degli obblighi sopra indicati, ivi incluse le spese
necessarie al loro rimpatrio.
8. Il turista è tenuto a fornire all’organizzatore tutti i documenti, le informazioni e gli elementi in suo possesso utili per l’esercizio del diritto di surroga di quest’ultimo nei
confronti dei terzi responsabili del danno ed è responsabile verso l’organizzatore del pregiudizio arrecato al diritto di surrogazione.
9. Il turista comunicherà altresì per iscritto all’organizzatore, all’atto della proposta di compravendita di pacchetto turistico e quindi prima dell’invio della conferma di
prenotazione dei servizi da parte dell’organizzatore, le particolari richieste personali che potranno formare oggetto di accordi specifici sulle modalità del viaggio, sempre
che ne risulti possibile l’attuazione.
14. CLASSIFICAZIONE ALBERGHIERA
La classificazione ufficiale delle strutture alberghiere viene fornita in catalogo od in altro materiale informativo soltanto in base alle espresse e formali indicazioni delle
competenti autorità del Paese in cui il servizio è erogato.
In assenza di classificazioni ufficiali riconosciute dalle competenti Pubbliche Autorità dei Paesi membri della UE cui il servizio si riferisce, o in ipotesi di strutture commercializzate quale “Villaggio Turistico” , l’organizzatore si riserva la facoltà di fornire in catalogo o nel depliant una propria descrizione della struttura ricettiva, tale da
permettere una valutazione e conseguente accettazione della stessa da parte del turista.
15. REGIME DI RESPONSABILITÀ
L’organizzatore risponde dei danni arrecati al turista a motivo dell’inadempimento totale o parziale delle prestazioni contrattualmente dovute, sia che le stesse vengano
effettuate da lui personalmente che da terzi fornitori dei servizi, a meno che provi che l’evento è derivato da fatto del turista (ivi comprese iniziative autonomamente
assunte da quest’ultimo nel corso dell’esecuzione dei servizi turistici) o dal fatto di un terzo a carattere imprevedibile o inevitabile, da circostanze estranee alla fornitura
delle prestazioni previste in contratto, da caso fortuito, da forza maggiore, ovvero da circostanze che lo stesso organizzatore non poteva, secondo la diligenza professionale, ragionevolmente prevedere o risolvere.
L’intermediario presso il quale sia stata effettuata la prenotazione del pacchetto turistico non risponde in alcun caso delle obbligazioni nascenti dall’organizzazione del
viaggio, ma è responsabile esclusivamente delle obbligazioni nascenti dalla sua qualità di intermediario e, comunque, nei limiti previsti per tale responsabilità dalle
norme vigenti in materia, salvo l’esonero di cui all’art. 46 Cod. Tur.
16. LIMITI DEL RISARCIMENTO
I risarcimenti di cui agli artt. 44, 45 e 47 del Cod. Tur. e relativi termini di prescrizione, sono disciplinati da quanto ivi previsto e comunque nei limiti stabiliti , dalla C.C.V,
.dalle Convenzioni Internazionali che disciplinano le prestazioni che formano oggetto del pacchetto turistico nonché dagli articoli 1783 e 1784 del codice civile, ad
eccezione dei danni alla persona non soggetti a limite prefissato.
17. OBBLIGO DI ASSISTENZA
L’organizzatore è tenuto a prestare le misure di assistenza al turista secondo il criterio di diligenza professionale con esclusivo riferimento agli obblighi a proprio carico
per disposizione di legge o di contratto.
L’organizzatore e l’intermediario sono esonerati dalle rispettive responsabilità (artt. 15 e 16 delle presenti Condizioni Generali), quando la mancata od inesatta
81
esecuzione del contratto è imputabile al turista o è dipesa dal fatto di un terzo a carattere imprevedibile o inevitabile, ovvero è stata causata da un caso fortuito o di forza
maggiore.
18. RECLAMI E DENUNCE
Ogni mancanza nell’esecuzione del contratto deve essere contestata dal turista durante la fruizione del pacchetto affinché l’organizzatore, il suo rappresentante locale o
l’accompagnatore vi pongano tempestivamente rimedio. In caso contrario il risarcimento del danno sarà diminuito o escluso ai sensi dell’art.1227 c.c.
Fermo l’obbligo di cui sopra, il turista può altresì sporgere reclamo mediante l’invio di una raccomandata, con avviso di ricevimento, all’organizzatore o o al venditore,
entro e non oltre dieci giorni lavorativi dalla data del rientro presso la località di partenza.
19. ASSICURAZIONE CONTRO LE SPESE DI ANNULLAMENTO E DI RIMPATRIO
Se non espressamente comprese nel prezzo, è possibile, ed anzi consigliabile, stipulare al momento della prenotazione presso gli uffici dell’organizzatore o o del
venditore speciali polizze assicurative contro le spese derivanti dall’annullamento del pacchetto, dagli infortuni e\o malattie che coprano anche le spese di rimpatrio e per
la perdita e\o danneggiamento del bagaglio. I diritti nascenti dai contratti di assicurazione devono essere esercitati dal turista direttamente nei confronti delle Compagnie
di Assicurazioni stipulanti, alle condizioni e con le modalità previste nelle polizze medesime, come esposto nelle condizioni di polizza pubblicate sui cataloghi o esposte
negli opuscoli messi a disposizione dei Turisti al momento della partenza.
20. STRUMENTI ALTERNATIVI DI RISOLUZIONE DELLE CONTESTAZIONI
Ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 67 Cod. Tur. l’organizzatore potrà proporre al turista - sul catalogo, sulla documentazione, sul proprio sito internet o in altre forme
– modalità di risoluzione alternativa delle contestazioni insorte. In tal caso l’organizzatore indicherà la tipologia di risoluzione alternativa proposta e gli effetti che tale
adesione comporta.
21. FONDO DI GARANZIA (art. 51 Cod. Tur.)
Il Fondo Nazionale di Garanzia istituito a tutela dei consumatori che siano in possesso di contratto, provvede alle seguenti esigenze in caso di insolvenza o di fallimento
dichiarato dell’intermediario o dell’organizzatore:
a) rimborso del prezzo versato;
b) rimpatrio nel caso di viaggi all’estero.
Il fondo deve altresì fornire un’immediata disponibilità economica in caso di rientro forzato di turisti da Paesi extracomunitari in occasione di emergenze imputabili omeno
al comportamento dell’organizzatore.
Le modalità di intervento del Fondo sono stabilite col decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23/07/99, n. 349 e le istanze di rimborso al Fondo non sono
soggette ad alcun termine di decadenza.
L’organizzatore e l’intermediario concorrono ad alimentare tale Fondo nella misura stabilita dal comma 2 del citato art. 51 Cod. Tur. attraverso il pagamento del premio di
assicurazione obbligatoria che è tenuto a stipulare, una quota del quale viene versata al Fondo con le modalità previste dall’art. 6 del DM 349/99.
22. MODIFICHE OPERATIVE
In considerazione del largo anticipo con cui vengono pubblicati i cataloghi che riportano le informazioni relative alle modalità di fruizione dei servizi, si rende noto che
gli orari e le tratte dei voli indicati nella accettazione della proposta di compravendita dei servizi potrebbero subire variazioni poiché soggetti a successiva convalida.
A tal fine il turista\viaggiatore dovrà chiedere conferma dei servizi alla propria Agenzia prima della partenza. L’Organizzatore informerà i passeggeri circa l’identità del
vettore\i effettivo\i nei tempi e con le modalità previste dall’art.11 del Reg. CE 2111/2005. (richiamato all’art.5).
cartacea e digitale. I dati personali forniti al momento della prenotazione saranno trattati in forma anonima per eventuali elaborazioni statistiche direttamente da Travelandia S.r.L in qualità di titolare del trattamento ai sensi di legge), e/o da società da essa controllate e/o ad essa collegate, tramite le persone incaricate ai sensi di legge.
I dati saranno comunicati ai soli fornitori dei servizi compresi nel pacchetto turistico e alle Autorità qualora imposto da specifiche normative.
Il turista potrà in ogni momento esercitare i diritti ex art. 7 D.Leg.193/03 contattando Travelandia S.r.L
SCHEDA TECNICA
Ex. Art. 5 - Parte Integrante delle Condizioni Generali di Contratto di vendita di Pacchetti Turistici
TERMINI DI PAGAMENTO
Il turista è tenuto a corrispondere un acconto del 25% del prezzo del pacchetto turistico secondo quanto riportato all’art. 7 delle Condizioni Generali di Contratto di
vendita di Pacchetti Turistici, mentre il saldo del prezzo del pacchetto prenotato dovrà essere versato almeno 30 giorni prima della partenza, salvo diverso specifico
accordo.
SOSTITUZIONE
Qualsiasi variazione richiesta, ex art. 12 Sostituzioni delle Condizioni Generali di Contratto di Vendita di Pacchetti Turistici, dal turista successivamente alla conferma
da parte di Travelandia S.r.L di tutti i servizi facenti parte del pacchetto, comporta l’addebito al turista di una quota aggiuntiva denominata “Spese variazioni pratica”
corrispondente a € 80,00 totali per variazione. La modifica del nominativo del cliente rinunciatario con quello del sostituto può non essere accettata da un terzo fornitore
di servizi, in relazione ad alcune tipologie di essi, anche se effettuata entro il termine di cui all’art. 12, paragrafo a) delle Condizioni Generali di Contratto di Vendita di
Pacchetti Turistici.
L’organizzatore non sarà pertanto responsabile dell’eventuale mancata accettazione della modifica da parte dei terzi fornitori di servizi. Tale mancata accettazione sarà
tempestivamente comunicata dall’organizzatore alle parti interessate prima della partenza.
MODIFICHE DOPO LA PRENOTAZIONE
Qualsiasi modifica richiesta dal consumatore successivamente alla conferma dei servizi o del pacchetto turistico comporta l’addebito al viaggiatore di € 30.00
PENALITA’ DI ANNULLAMENTO:
Al turista che receda dal contratto prima della partenza al di fuori delle ipotesi elencate al primo comma dell’art. 10 Recesso del turista o al secondo comma dell’art. 7
Pagamenti delle Condizioni Generali di Contratto di Vendita di Pacchetti Turistici, saranno addebitati – indipendentemente dal pagamento dell’acconto di cui all’art. 7
comma 1 delle medesime condizioni e tranne ove diversamente specificato in seguito e/o in fase di conferma dei servizi – a titolo di penale:
- La quota di gestione pratica per persona;
- Il premio della copertura assicurativa.
- Le seguenti percentuali sulla quota viaggio:
- fino a 30…….giorni prima della partenza: 10 % della quota di partecipazione
- da 29 a…21 . giorni prima della partenza: 25…. % della quota di partecipazione
- da 20 a…11...giorni prima della partenza: 50…. % della quota di partecipazione
- da 10 a…3… giorni prima della partenza 75…. % della quota di partecipazione
ADDENDUM
CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI SINGOLI SERVIZI TURISTICI
A) DISPOSIZIONI NORMATIVE
I contratti aventi ad oggetto l’offerta del solo servizio di trasporto, del solo servizio di soggiorno, ovvero di qualunque altro separato servizio turistico, non potendosi
configurare come fattispecie negoziale di organizzazione di viaggio ovvero di pacchetto turistico, sono disciplinati dalle seguenti disposizioni della CCV: art. 1, n. 3 e n. 6;
artt. da 17 a 23; artt. da 24 a 31 (limitatamente alle parti di tali disposizioni che non si riferiscono al contratto di organizzazione) nonché dalle altre pattuizioni specificamente riferite alla vendita del singolo servizio oggetto di contratto. Il venditore che si obbliga a procurare a terzi, anche in via telematica, un servizio turistico disaggregato, è tenuto a rilasciare al turista i documenti relativi a questo servizio, che riportino la somma pagata per il servizio e non può in alcun modo essere considerato
organizzatore di viaggio.
B) CONDIZIONI DI CONTRATTO
A tali contratti sono altresì applicabili le seguenti clausole delle condizioni generali di contratto di vendita di pacchetti turistici sopra riportate: art. 6 comma 1; art. 7
comma 2; art. 13; art. 18.
L’applicazione di dette clausole non determina assolutamente la configurazione dei relativi servizi come fattispecie di pacchetto turistico. La terminologia delle citate
clausole relativa al contratto di pacchetto turistico (organizzatore, viaggio ecc.) va pertanto intesa con riferimento alle corrispondenti figure del contratto di vendita di
singoli servizi turistici (venditore, soggiorno ecc.).
INFORMATIVA EX ART. 13 DLGS 196/2003 e ss.mm.ii
Il trattamento dei dati personali, il cui conferimento è necessario per la conclusione e l’esecuzione del contratto, è svolto nel pieno rispetto del DLGS 196/2003, in forma
cartacea e digitale. I dati saranno comunicati ai soli fornitori dei servizi compresi in pacchetto turistico. Il cliente potrà in ogni momento esercitare i diritti ex art. 7 DLGS
196/2003 contattando il titolare del trattamento: denominazione della Società; sede, dati fiscali; indicazione del nome del responsabile ed indirizzo e-mail.
ESCURSIONI IN LOCO
Le escursioni, i servizi e le prestazioni acquistate dal turista in loco e non ricomprese nel prezzo del pacchetto turistico sono estranee all’oggetto del relativo contratto
stipulato da Travelandia S.r.L. nella veste di organizzatore. Pertanto nessuna responsabilità potrà essere ascritta a Travelandia S.r.L. né a titolo di organizzatore né
di intermediatore di servizi anche nell’eventualità che, a titolo di cortesia, residenti, accompagnatori o corrispondenti locali possano occuparsi della prenotazione di tali
escursioni.
- oltre tale termine:
100…..% della quota di partecipazione
Oltre alle penalità relative alla biglietteria aerea (tariffe speciali, instant purchase, low cost e voli di linea)
Si precisa che:
• Il riferimento è sempre ai giorni “di calendario”;
• Per determinate destinazioni, per particolari servizi, per i gruppi precostituiti o per determinate combinazioni di viaggio, le penali sopra riportate potranno subire
variazioni anche rilevanti;
• Per determinati servizi turistici e non turistici le penali possono essere del 100% già al momento della proposta irrevocabile o della prenotazione / conferma da parte
del tour operator; tali variazioni saranno indicate nei documenti relativi ai programmi fuori catalogo o ai viaggi su misura o a viaggi e servizi in genere non rientranti
pienamente o parzialmente nel presente catalogo;
• In ogni caso, nessun rimborso spetta al turista che decida di interrompere il viaggio o il soggiorno per volontà unilaterale.
• Il presente catalogo è redatto in conformità ai termini di legge.
• I nostri programmi sono basati su orari, cambi, tasse aeroportuali e tariffe dei trasporti e costi dei servizi a terra in vigore al momento della preparazione del preventivo.
• La validità del presente catalogo va dal 01/04/12 al 31/12/12
• Organizzazione tecnica: Diellesystem di Travelandia S.r.L Milano
• Autorizzazione Regione Lombardia con decreto n° 61589 del 06 luglio 1994
• Diellesystem di Travelandia S.r.L. ha stipulato ai sensi dell’art. 50 del Codice del Turismo (D.Lgs. n. 79 del 23 Maggio 2011), una polizza per la Responsabilità Civile
Professionale con la Compagnia Unipol Assicurazioni S.p.A per un massimale di € 2.065.000,00. A maggior tutela del turista Travelandia S.r.L. ha inoltre stipulato
con la medesima Compagnia di Assicurazioni una polizza, con la quale il massimale viene elevato a € 33.500.000,00.
I PREZZI POTRANNO SUBIRE MODIFICHE DOVUTE A:
Variazioni dei costi di trasporto e dei costi del carburante, nonché dei diritti e delle tasse quali quelle di atterraggio, di sbarco o imbarco nei porti e negli aeroporti, ai
sensi e nel rispetto del Codice del Turismo. Quanto al costo del carburante, per i voli di linea, invece, potrà essere applicato un adeguamento pari a quello richiesto dalle
Compagnie Aeree.
Le variazioni e gli adeguamenti del prezzo di listino verranno comunicati al cliente direttamente o tramite le agenzie intermediarie.
COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA AI SENSI DELL’ARTICOLO 17 DELLA LEGGE N. 38/2006
La legge italiana punisce con la reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se commessi all’estero”.
INFORMAZIONI OBBLIGATORIE AI SENSI DEL REG. 2027/1997
I vettori aerei comunitari e quelli appartenenti a Stati aderenti alla Convenzione di Montreal 1999 sono soggetti al seguente regime di responsabilità:
Non sussistono limiti finanziari alla responsabilità del vettore aereo per i danni da morte, ferite o lesioni personali del passeggero.
Per danni superiori a 100.000 DSP (equivalenti a circa 120.000 Euro) il vettore aereo può contestare una richiesta di risarcimento solo se è in grado di provare che il
danno non gli è imputabile.
In caso di ritardo nel trasporto passeggeri il vettore è responsabile per il danno fino ad un massimo di 4.150 DSP (circa 5.000 Euro).
In caso di distruzione, perdita, danneggiamento o ritardo nella riconsegna dei bagagli, il vettore aereo è responsabile per il danno fino a 1.000 DSP (circa 1.200 Euro).
È possibile effettuare una dichiarazione speciale di maggior valore del bagaglio o sottoscrivere apposita assicurazione col pagamento del relativo supplemento al più
tardi al momento dell’accettazione.
I vettori appartenenti a Stati non aderenti alla Convenzione di Montreal potrebbero applicare regimi di responsabilità differenti da quello sopra riportato.
Una sintesi delle principali disposizioni che disciplinano la responsabilità dei vettori che collaborano con Travelandia S.r.L è comunque disponibile a richiesta presso i
nostri uffici.
La responsabilità del tour operator nei confronti del passeggero resta in ogni caso disciplinata dal Codice del Turismo e dalle Condizioni Generali di Contratto pubblicate
nel presente catalogo.
INFORMAZIONE AI PASSEGGERI AI SENSI DEL REG. 2111/2005
Il nome del vettore che effettuerà il/i Vostro/i volo/i è indicato nel foglio di conferma prenotazione; eventuali variazioni Vi verranno comunicate tempestivamente, nel
rispetto del Regolamento 2111/2005.
PRIVACY
Il trattamento dei dati personali, il cui conferimento è necessario per la conclusione e l’esecuzione del contratto, è svolto, nel pieno rispetto del D.Leg. 196/03 in forma
82
83
84
85
86
87

Documenti analoghi