La festa del solstizio d`estate

Commenti

Transcript

La festa del solstizio d`estate
Alpi Liguri - Marittime - Cozie
La festa del solstizio d'estate
Inell’emisfero
l solstizio d’estate è il momento in cui il sole raggiunge il punto massimo di declinazione positiva
boreale. Secondo il ciclo delle stagioni, nella mezza calotta che sta al di sopra dell’equatore, in
quel giorno nel mese di giugno, tra il 20 ed il 21, inizia l’estate. Nella storia questa ricorrenza è sempre stata
avvertita come un momento felice di festa. Un istante quasi magico per festeggiare la vita e le novità, per
riunirsi e per stare tutti insieme nella gioia. Chi siamo noi per interrompere la tradizione?
Il cuore verde della Val Cornei (Foto Alexander)
Tra aprile e maggio, nella val Cornei a
Finale Ligure, è stato espletato un enorme,
ma celere, lavoro di riqualificazione cioè di
chiodatura,
richiodatura
e
pulizia
sentieristica, dall’associazione Outdoor
Liguria, capitanata dall’utente quotazerino
Bigo. In particolare prima di giugno, dopo
la falesia della Tranquillità ed il Guru, sono
state generate altre due nuove creazioni, la
Placconata del settore sinistro e la Goletta.
Per queste nuove chicche hanno
partecipato ai lavori i quotazerini Walter1,
Ektor, Ruggieri degli Ubaldini e
Disgaggio. Da non dimenticare però il
grande Felix “per un pugno di spit” (Felice
Brambilla da Milano per i cittadini…) che
ha viaggiato per chilometri e chilometri per
sostenere i progetti, anche dal punto di vista
economico.
Qual è stato il risultato? La comparsa di vie finalesi su gradi facili cioè difficoltà che permettano
all’appassionato medio di arrampicare nelle splendide vallate del tempio della scalata europea, per altro in
tutta sicurezza.
Outdoor Liguria ha perciò invitato il popolo degli amanti della natura e delle scalate a condividere questo
momento di giubilo e la festa del Solstizio d’Estate è risorta dalle sue ceneri con ottima risposta di
Quotazero. Hanno aderito anche molti neofiti usciti dal corso 2008 di arrampicata sportiva attuato proprio
dall’associazione. Come ha affermato Bigo è stata la testimonianza «dell'attenzione, quasi sconosciuta nel
finalese per il pubblico dei gradi facili, e la festa ne è stata il degno suggello».
Dopo una tappa d’obbligo per un folto gruppetto, ad una sana colazione mattutina, la masnada di scalatori ha
puntato al cuore verde della val Cornei ancora all’ombra del primo mattino. Dopo un momento iniziale di
confronto e rinnovata confidenza con la morfologia dei tiri finalesi, quotazerini e corsisti hanno aperto le
danze sui propedeutici e divertenti tiri del sasso zero. Il gruppo si è poi allargato pian piano anche ai settori
laterali e più… verticali.
www.quotazero.com
15