Progetto Mani tese verso il mondo

Commenti

Transcript

Progetto Mani tese verso il mondo
Ordine
Francescano
Secolare
Fraternità
Regionale della
Campania
www.ofs.campania.it
Gioventù Francescana di
Campania e Basilicata
www.gifracampaniabasilicata.org
PROGETTO “MANI TESE VERSO IL MONDO”
“…il senso di fraternità li renderà lieti di mettersi alla pari di tutti gli uomini, per i quali si
sforzeranno di creare condizioni di vita degne di creature redente da Cristo…”
(Regola OFS, Art. 13)
Il carcere è un’istituzione conosciuta genericamente come luogo nel quale vengono imposte delle
restrizioni più o meno gravi a persone che hanno violato la legge. Poco si continua a sapere delle
concrete condizioni di vita dei detenuti, delle figure professionali che operano negli istituti di pena,
delle tante criticità, ma anche delle opportunità che il carcere può offrire.
Il progetto “Mani tese verso il mondo” nasce dalla volontà della famiglia francescana laica di
Campania e Basilicata di rendersi presente ai fratelli che vivono un difficile status di vita ed ha come
obiettivo la sensibilizzazione delle fraternità locali OFS e Gifra verso queste realtà. Nello specifico si
propone di creare un rapporto non occasionale con gli ospiti di alcuni istituti detentivi identificati di
volta in volta sul territorio.
Al fine di suscitare conoscenza e consapevolezza, i Consigli Regionali OFS e GiFra, in maniera
congiunta, da alcuni anni hanno dato avvio a periodiche visite in alcuni istituti di pena della regione.
Attualmente le visite sono in numero di due all’anno: in Avvento ed in Quaresima e coinvolgono
quattro istituti, di cui due minorili.
Questo tipo di appuntamento è rivolto soprattutto a coloro i quali vogliono provare questo tipo di
esperienza e riportarla in fraternità locale (a tal proposito, i responsabili regionali forniscono, a chi lo
richieda, numeri e contatti per poter avviare una simile collaborazione partendo dalla propria
fraternità di appartenenza). Durante l’incontro si ha la possibilità vivere la Celebrazione Eucaristica e,
successivamente, condividere un momento di spensieratezza e di conoscenza con i reclusi.
L’esperienza è riservata per ovvi motivi ai soli maggiorenni, e raramente può essere aperta a grandi
numeri: ma in virtù dell’obiettivo prefissato, che è quello della progettualità, ciò non rappresenta un
ostacolo alla creazione di iniziative locali assidue.
Michele Ortaglio
Francesco Marciano
Pierfrancesco Bruno
Delegati per il settore Giustizia, Pace e
Salvaguardia del Creato - Missionarietà
Ministro Regionale