Comunicato stampa

Commenti

Transcript

Comunicato stampa
Comunicato stampa
Milano, 15 ottobre 2015
PREMIATI I VINCITORI DELLA III EDIZIONE DEL CAMPUS ARCHIZINC
Si è svolta lo scorso 2 ottobre a Parigi la premiazione della terza edizione del
concorso Campus Archizinc, rivolto agli studenti delle Facoltà di Architettura e di
Ingegneria edile di tutta Europa.
Quattro i progetti vincitori: due premi e due menzioni speciali (Premio Speciale e
Premio Speciale Innovazione e Metodologia). Ancora una volta, una bella figura dei
nostri campus italiani. Il primo premio di 2.500 euro è andato, infatti, a tre
studenti dell’Università di Padova, mentre il secondo premio di 1.500 euro e le due
menzioni speciali da 500 euro sono andate a studenti dell’Insa di Strasburgo, dell’Ensa di
Montpellier e dell’Etsam di Madrid.
Fam Project è stato il progetto vincitore redatto dagli studenti Marco Campagnola,
Marco Cecchetto e Luigi Forlin, guidati dal docente Umberto Turrini. Secondo la
giuria, con questo progetto gli studenti sono riusciti ad andare oltre l'innalzamento
dell'edificio, attraverso la creazione di una nuova forma che ha migliorato l'edificio
originale.
La sfida creativa di questa terza edizione, intitolata “La densificazione urbana: la
città sulla città, costruire al di sopra”, è stata, infatti, la progettazione della
sopraelevazione di un edificio contenente appartamenti unifamiliari per
combattere l'espansione urbana incontrollata. Novità: la libera scelta del sito e la
combinazione, nel rivestimento esterno, di zinco e legno, materiali nobili e durevoli.
Oggi lo sfruttamento dei sottotetti a fini abitativi è un'opportunità per lo sviluppo
delle città che può offrire una visione diversa dello spazio urbano, che si intensifica e
diventa più compatto. VMZINC, con questo concorso, ha voluto incoraggiare quelle
soluzioni che abbinano il costruire sostenibile con l’innovazione architettonica.
Gli studenti hanno immaginato il loro progetto in una città di oltre 100.000 abitanti e
selezionato un edificio o gruppo di edifici con qualità strutturali necessarie a ospitare
appartamenti nel sottotetto. Gli appartamenti, distribuiti su 1 o 2 livelli, potevano essere
dotati di terrazze. Carpenteria ed elementi portanti erano in legno, mentre i
rivestimenti esterni in zinco e legno.
Una giuria composta da architetti e docenti di fama internazionale, ha valutato i lavori,
basandosi sulla rispondenza ad alcuni criteri fondamentali: la sostenibilità,
l’innovazione architettonica e tecnica nell’uso dello zinco titanio abbinato al legno,
l’integrazione con il contesto urbanistico e, infine, la qualità della presentazione.
Il Gruppo Umicore è una realtà internazionale con specifica competenza nei metalli e nei materiali in genere. Con un giro
d’affari di 9,8 miliardi di Euro nel 2013, si avvale della collaborazione di 14.000 dipendenti, con una presenza commerciale e
industriale in più di 30 Paesi dei 5 continenti.
Per ulteriori informazioni:
Monique Hemsi, Anna Gioia
Ufficio stampa Umicore Building Products Italia
esprithb via cesare ajraghi 40, milano
e-mail: [email protected], [email protected]