2.230 - Agoal

Commenti

Transcript

2.230 - Agoal
Speciale AGOAL
*2.230 €
Cuba
A
M
M
G
RA
RO
VO
UO
N
P
17-30 Ottobre 2016
Itinerario completo
dell’isola con visite
dei siti coloniali, dei
luoghi della rivoluzione e del superbo
mare dei Caraibi!
Cuba
17-30 Ottobre 2016
PROGRAMMA
1° giorno, lunedì 17 ottobre 2016: Milano Malpensa > L’Avana
Ritrovo dei signori partecipanti all’aeroporto di Milano Malpensa
Incontro con la hostess per il disbrigo delle formalità d’imbarco e doganali e partenza con volo diretto Blue Panorama BV7130 delle 10h00 per l’Avana.
Arrivo alle 15h00. Disbrigo delle formalità di sbarco e doganali per l’ingresso a Cuba.
Trasferimento all’hotel per la sistemazione nelle camere e per la cena.
2° giorno, martedì 18 ottobre 2016: L’Avana
Pensione completa.
Visita della città de L’Avana iniziando dal centro storico e dalla fortezza del Morro, situato all’entrata del porto.
Visite a piedi del centro storico (dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1982), che con i sui 5 km
quadrati è il centro coloniale più vasto dell’America Latina: Plaza de Armas; il Palacio de los Capitanes Generales
(massima espressione del Barocco cubano), che fu la casa del Governatore di Cuba; l’hotel Ambos Mundos, che
annovera tra i suoi ospiti più famosi Ernest Hemingway; Piazza della Cattedrale; la Bodeguita del Medio, famoso
bar ristorante dove nacque il celebre cocktail Mojito; il Museo del Ron, per conoscere il processo di lavorazione
Cuba
dell’Havana Club e degustarlo.
Dopo il pranzo, visita panoramica con bus del Museo della Rivoluzione, Parque Central, Gran Teatro de La Habana, Capitolio Nacional, Malecon (lungomare), Piazza della Rivoluzione e Collina Universitaria. Rientro in hotel.
Cerimonia del Canonazo e cena in ristorante locale. Serata a disposizione.
L’Avana. Panfilo de Narvaez fondò nel novembre 1519 un accampamento militare che chiamò San Cristobal de la Habana, in onore di Cristoforo Colombo e di Habana, la figlia del cacicco locale Habaguanex. La città fu oggetto di continui
saccheggi e incendi da parte dei corsari fino alla costruzione dei castelli della Real Fuerza, del Morro, della Chorrera e del
Cojimar. Nel 1762 la città venne conquistata dagli inglesi, che se ne andarono dopo undici mesi e dopo aver ottenuto
dai reali di Spagna, la vicina penisola della Florida. Nell’anno 1900 nella capitale cubana si insediò una classe dirigente
sottomessa agli interessi statunitensi, che produsse feroci dittature e rese l’Avana centro di traffici illeciti mafiosi e capitale del della prostituzione e del gioco. Sotto l’attacco dei barbudos di Camilo Cienfuegos e di Ernesto Guevara, il mitico
Che, la notte dell’ultimo dell’anno 1958 il dittatore Batista e tutti i suoi complici malavitosi fuggirono portandosi dietro
tutte le ricche casse dello Stato. Numerosissimi i siti d’interesse della capitale: il Templete, nel luogo in cui secondo gli
storici cubani fu fondata la città dell’Avana; il Castillo de la Real Fuerza con la Giraldilla, banderuola simbolo ufficiale della
città; il palazzo barocco de los Capitanes Generales, sede dei governatori spagnoli, dei governatori militari statunitensi e
dei presidenti-fantoccio cubani, oggi sede del Museo della Città con una bella collezione di quitrin, carrozze coloniali; il
Palacio del Segundo Cabo, il Vicegovernatore, in barocco andaluso, con splendidi colonnati; il Palacio de los Obispos del
1751; il Seminario gesuita di San Carlos y San Ambrosio, collegato alla Cattedrale tramite un passaggio che giunge fino
all’altare maggiore, oggi ospita il Museo diocesano; Piazza della Cattedrale della Virgen Maria de la Inmaculata Concepcion, dove furono conservati, dal 1796 al 1898, i resti mortali di Colombo, la cui facciata barocca è una delle più belle
e fantasiose di tutto il nuovo mondo; Palacio Pedroso, trasformato alla fine del Novecento in Palazzo dell’Artigianato
Cubano; la Bodeguita del Medio, pittoresca osteria, mitico bar, e vero e proprio monumento della cultura cubana: sulle
pareti del locale le firme di Hemingway, Neruda, Allende...; Palacio Gomez, trasformato nell’hotel Florida nel 1885, con
uno splendido patio con colonne su due livelli e pavimenti di marmo; il Bar Floridita con lo sgabello di Hemingway, che
mantiene intatta l’allure precastrista di locale ambito dal jet set americano dell’epoca; l’hotel Ambus Mundos dove ha
soggiornato e lavorato Hemingway, dalla bella terrazza panoramica; il Monte di Pietà, ora Casa de la Moneda, che espo-
Cuba
ne collezioni di monete cubane dal ‘500 a oggi, incluse le famose banconote del 1960 firmate Che Presidente del Banco
de Cuba; il Museo de l’Automovil, con una cinquantina di affascinanti automobili degli anni tra il 1940 e il 1960, tra cui
la Chevrolet usata dal Che quando era ministro, la Oldsmobile di Camilo Cienfuegos quand’era capo di stato maggiore
dell’Esercito, la Maserati con cui Manuel Fangio vinse il GP di F1 svoltosi sul lungomare dell’Avana nel 1957; la Casa
Natale di José Martí; il Teatro García Lorca; il Capitolio Nacional, copia del Campidoglio di Washington, antica sede del
Parlamento Repubblicano, oggi sede della Accademia delle Scienze di Cuba; il Museo Nacional de la Música; il Museo de
la Revolución; il Museo Antropológico Montané, con una collezione di oggetti precolombiani; Plaza de la Revolución con
il murale dedicato al Che; il Parque Històrico Militar, composto dal Castillo de los Tres Santos Reyes Magos del Morro e
dalla Fortaleza de San Carlos de la Cabaña; il Barrio Chino, quartiere cinese con tipica porta d’ingresso, teatro cantonese
e negozi tradizionali; il Vedado, quartiere esclusivo del principio del secolo scorso, dove la borghesia risiedeva in sontuose
ville, oggi centro economico e sociale della capitale; Miramar, quartiere residenziale oltre il Río Almendares, dove si trovano le rappresentanze diplomatiche e commerciali internazionali, gli alberghi moderni, ristoranti e i cabaret più rinomati
come il Tropicana, il Parisièn e il Turquino; il Malecón. Il magnifico lungomare dell’Avan, da vedere al tramonto l’ora in
cui si riempie di gente.
3° giorno, mercoledì 19 ottobre 2016: L’Avana > Vinales > Cueva de los Indios > L’Avana
Pensione completa.
In mattina partenza per Viñales (180 Km, 3h), nella provincia di Pinar del Rio, la più occidentale di Cuba, dove si
coltiva il miglior tabacco del mondo. Visita ad una fabbrica di tabacco e alla Casa del Veguero. Visita alla suggestiva Cueva de los Indios (32 Km, 30’), che si vista in barca attraverso un fiume sotterraneo. Pranzo in corso di
escursione.
Nel pomeriggio breve visita di Pinar del Rio e al Mural de la Prehistoria (11 Km, 15’) eseguito nel 1961 sul versante
di un Mogote a simboleggiare la teoria della evoluzione umana, e al giardino botanico di Soroa (117 Km, 2h).
Rientro all’ Avana in serata per la cena e il pernottamento.
Viñales, tipico centro rurale concentrato attorno a una graziosa piazza coloniale, la Plaza de Armas, con una graziosa
chiesa barocca. La Valle di Viñales appare come un eden dimenticato di epoca preistorica, dove i mogotes, colline dalle
forme irregolari, si alternano agli hoyos, avvallamenti verdeggianti.
Cuba
D’intorno il Mirador della Valle di Viñales, belvedere che offre un paesaggio affascinante sulla valle circondata dai mogotes, caverne e fiumi sotterranei prodotti da fenomeni carsici erosivi; il Palenque de Los Cimarrones, grotta dove è ricostruito un ambiente dove vivevano, durante l’epoca coloniale, i Cimarrones, gli schiavi fuggitivi, inconsueto mix tra museo,
ristorante con ottima cucina creola, e discoteca con musiche e danze in onore degli orishas, le divinità afrocubane della
Santeria; la Cueva del Indio, lunga grotta sotterranea percorsa dal fiume San Vicente, con pregevoli pitture rupestri; la
Comunidad Los Acuàticos, sul fianco di un mogote a 300 m d’altezza, dove gli abitanti professano un culto sincretico
che si rifà al mito di Atlantide.
A circa 4 Km della città, El Mural de la Prehistoria, un’opera di circa 180 m di lunghezza, realizzata sul Mogote Dos Hermanas, dall’artista cubano Leovigildo Gonzales che raffigura l’evoluzione della vita sulla Terra.
Pinar del Rio, fondata nel 1669, prende il nome dalle circostanti foreste di pini e dal rio Guamà che l’attraversa. Tra
le attrazioni locali il Teatro neoclassico José Jacinto Milanés; il Museo Historico Provincial, con un interessante excursus
storico dalle civiltà precolombiane fino ai nostri giorni; il Museo dello Sport, dedicato ai grandi successi sportivi cubani;
Calle Martì, il lunghissimo corso principale, con caratteristici negozi e bei palazzi; la Casa della Cultura, ex sede del Club
Asturiano, dalle pareti dipinte di giallo e verde; il Palazzo Guash, in stile eclettico, che ospita il Museo di Scienze Naturali;
il Museo del Tabacco, nell’ex carcere di Calle Maceo; la Fabbrica di Tabacco Francisco Donatièn, all’interno di un ex carcere batistiano; la Fábrica de Bebidas Casa Garay, dove viene distillato dalla guava il brandy Guayabita del Pinar; la Iglesia
Catedral de San Rosado; la Parroquia Nuestra Señora de la Caridad.
Soroa. Nella Sierra del Rosario, è un angolo di Svizzera con le palme. Nei pressi il Salto de Soroa, una cascata formata dal
fiume Manantiales, sotto la quale è possibile fare il bagno e l’Orquideario grande giardino dove fioriscono, tra novembre
e marzo, più di 750 specie di orchidee.
Dal vicino Castillo de las Nubes un bel panorama sulla Valle de Soroa.
4° giorno, giovedì 20 ottobre 2016: L’Avana > San Francisco de Paula > l’Avana
Pensione completa.
In mattinata partenza per San Francisco de Paula (15 Km, 30’), visita a Finca Vigia, casa-museo di Ernest Hemingway. Pranzo in corso di escursione
Rientro all’Avana nel pomeriggio e tempo a disposizione. Sistemazione in hotel.
Cena di arrivederci in ristorante panoramico del centro storico. Pernottamento.
San Francisco de Paula. La Finca Vigia, la tenuta dove visse Ernest Hemingway dal 1939 al 1960 e dove sono conservati
i suoi ricordi. Bella la villa, arredata con gusto e understatement, se si eccettuano i trofei di caccia e gli enormi manifesti
delle corride. Interessante la torre per pensare e straordinario il panorama che arriva all’Avana dove lo scrittore era ospite
abituale alla Bodeguita per il mojito e al Floridita per il daiquiri, e oltre fino al mare. La macchina da scrivere e alcuni effetti
personali di Hemingway sono conservati anche nella camera 511 all’hotel Ambus Mundos dove lo scrittore soggiornò e
lavorò dal 1929.
Cuba
5° giorno, venerdì 21 ottobre 2016: L’Avana > Cienfuegos > Trinidad
Pensione completa.
Partenza per Cienfuegos, la Perla del Sud. Arrivo nella Piazza centrale della città, Parque Martí, che, per la sua
importanza storica e per gli edifici che la circondano, è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio Culturale dell’Umanità. Cienfuegos vanta un centro coloniale ben conservato ed è l’unica città di Cuba fondata dai Francesi
provenienti dalla Louisiana. Visita panoramica al Palacio del Ayuntamiento e al Teatro Tomas Terry, un piccolo
gioiello con platea a ferro di cavallo e due ordini di palchi in legno: in questo teatro cantarono Enrico Caruso e
Sarah Bernhardt. Tra gli edifici più significativi, la Catedral de la Purisima Concepcion e il Palacio Ferrer, che ospita la Casa Provincial de la Cultura. Pranzo al ristorante del Palacio de Valle, costruito tra il 1913 e 1917 in stile
moresco. Nel pomeriggio si visiterà il Jardin Botanico, che ospita ben 2000 varietà di piante tropicali, di cui circa
300 specie di palme.
Successiva partenza per Trinidad. Sistemazione in hotel per la cena e il pernottamento.
Cienfuegos. La città vanta un centro coloniale ben conservato, i cui edifici più importanti sono il Palacio del Ayuntamiento, il Teatro Tomas Terry, piccolo gioiello in perfetto stile Fitzcarraldo, con la platea a ferro di cavallo e due ordini di
palchi in legno; la Catedral de la Purisima Concepcion, il Caffè Palatino il Palacio Ferrer che ospita la Casa Provincial de
la Cultura. Sul bel lungomare restaurato bei palazzi anni Trenta, come lo Yacht Club, ora Club Cienfuegos, e l’originale
Palacio Del Valle, in un improbabile stile moresco, con splendido terrazzo dalla vista impagabile. Sul Prado, poco più
avanti della statua di Beny Moré, il cantautore forse più celebre di tutta Cuba, si apre una filiale della gelateria Coppelia,
l’unico locale dove i cubani fanno la fila.
6° giorno, sabato 22 ottobre 2016: Trinidad > Santa Clara > Trinidad
Pensione completa.
Visita della città di Trinidad, una delle prime fondate dagli spagnoli nel secolo XVI° e dichiarata dall’UNESCO
Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1988. Si visiterà l’Iglesia de la Santisima Trinidad e il Palacio Brunet, ora
Museo Romantico, ricco di mobilio d’epoca. Passeggiata per il centro storico della città con visita del mercatino
artigianale che si sviluppa nelle viuzze del centro.
Cuba
Aperitivo a “La Canchanchara”, locale famoso per la sua tipica bevanda di acquavite, miele e limone. Pranzo in
un ristorante locale.
Nel pomeriggio partenza per Santa Clara e visita al Partenza per Santa Clara e visita del Mausoleo dedicato al
“Che” Guevara.
Cena in ristorante in centro,
Serata libera a disposizione dei partecipanti con possibilità di visitare la Casa de la Trova, la Casa de la Musica e
altri locali.
Trinidad fu fondata nel 1514, ma è rimasta un porto secondario utilizzato dai contrabbandieri che portavano schiavi e
oro dalla Giamaica fino alla fine del XVIII secolo. Agli inizi del XIX secolo in seguito a una rivolta di schiavi i latifondisti
francesi abbandonarono Haiti e si rifugiarono a Trinidad, dove ristabilirono i loro piccoli imperi. L’eredità di questo breve
periodo di ricchezza è testimoniato dalle torri delle chiese barocche della città, dai pavimenti in marmo di Carrara, dalle
griglie in ferro battuto e dalle grandi residenze. Da vedere il Museo Histórico Municipal; la Casa de la Trova; il Parque
Cespedes, dove sosta la bella gioventù locale; le rovine del teatro Brunet; l’hostal Colina con begli arredi art déco e un
mirador sui tetti della città; la Plaza Mayor con la chiesa e il Museo Romantico; il bar La Canchánchara, dove hanno inventato il long drink che porta lo stesso nome, a base di rum, succo di lime, acqua frizzante e miele.
Santa Clara. Città simbolo e santuario della Rivoluzione Cubana, indissolubilmente legata alle gesta del Che Guevara.
Nella settimana del Natale 1958, infatti, fu teatro dell’ultimo sanguinoso scontro tra i rivoluzionari e la guardia batistiana:
alla periferia della città, sulla Loma El Capiro i guerriglieri scesi dalla Sierra, fecero deragliare un treno blindato pieno di
armi e militari destinato a Santiago de Cuba per neutralizzare il comando di Fidel Castro sulla Sierra Maestra. In città si
trovano luoghi di importanza simbolica come il Parque Leoncio Vidal con l’hotel che ancora mostra i segni delle pallottole
piovute durante l’attacco decisivo, il Museo dedicato al rivoluzionario Abel Santamaria con una panoramica delle guerre
di indipendenza contro la Spagna e la lotta contro i controrivoluzionari dell’Escambray e il Monumento al Tren Blindado,
composto da alcuni vagoni del convoglio fatto deragliare, a qualche centinaio di metri di distanza, dalla colonna del Che
e che segnò la svolta decisiva per il trionfo della Rivoluzione.
Cuba
Ai margini dell’abitato la suggestiva grande spianata deserta della Piazza della Rivoluzione avvolta da musica diffusa dagli
altoparlanti, con il Mausoleo e il Museo del Che. A dispetto della retorica del monumento, le tombe che negli oscuri locali
del sottosuolo raccolgono i resti del Che e dei compagni morti a Vallegrande, sono invece semplici e sobrie.
7° giorno, domenica 23 ottobre 2016 : Trinidad > Iznaga > Sancti Spiritus > Camagüey
Pensione completa.
In mattinata partenza per la della Valle de los Ingenios (15 Km, 15’), con la visita di Iznaga, e di Sancti Spiritus (58
Km, 1h15’). Proseguimento per Camagüey (188 Km, 3h).
Arrivo e visita della città con tempo per una passeggiata con i tipici taxi-triciclo.
Discesa in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento in hotel.
Iznaga, l’unica località della Valle de los Ingenios, dove erano concentrati un gran numero di zuccherifici, in cui è rimasto
qualcosa: la casa padronale, la torre Manaca, sorta di campanile per scandire l’orario di lavoro degli schiavi, le case degli
schiavi medesimi, ora ristrutturate e abitate. Ai piedi del viale d’ingresso la pensilina della fermata del treno a vapore.
Che non arriverà più perché è rotto e non ci sono i pezzi di ricambio per aggiustarlo. Colpa naturalmente dell’embargo.
Sancti Spiritus. Graziosa cittadina fondata da Diego Velázquez de Cuéllar nel 1514 sul Rio Yayabo. D’interesse il Ponte
del 1815; il Parque Honorato, dove si trovano la Casa de la Trova e la Farmacia naturale; il Museo de Arte Colonial, l’antica residenza della famiglia Iznaga, fuggita dopo la rivoluzione, che conserva intatto tutto l’arredamento; la Plaza Mayor
con la parrocchiale del XVI secolo.
Camagüey. Uno dei primi sette villaggi fondati a Cuba dagli spagnoli, nel 1515 con il nome di Santa Maria de Puerto
Principe. Nel 1668 fu devastata dal pirata Henry Morgan. È la città delle piazze e delle chiese barocche, tra le più interessanti quella della Mercede dove si può ammirare una custodia d’argento realizzata dal messicano Benitez Alfonso
fondendo 25.000 monete d’argento raccolte tra i devoti, che custodisce un Cristo settecentesco. Interessante il bar della
lotteria, la casa dei pittori Jover e Ileana Sanchez, la piazza del Carmen, con le simpatiche statue dedicate alla gente di
tutti i giorni. Tipici di Camagüey sono i tinajónes, grandi otri in terracotta introdotti dagli Spagnoli in epoca coloniale per
conservare l’acqua e oggi diventati un simbolo della città e usati per adornare vie e piazze.
Cuba
8° giorno, lunedì 24 ottobre 2016: Camagüey > Bayamo
Pensione completa.
Tempo dedicato al completamento della visita di Camaguey.
Successiva partenza per Bayamo (208 Km, 3h15’).
Breve visita della città. Discesa in hotel, sistemazione nelle camere riservate e cena.
Bayamo. Capitale della provincia di Granma, la più meridionale dell’isola e seconda delle sette città fondate da Diego
Velázquez de Cuéllar, nel 1513. A Bayamo ebbe inizio la I guerra d’indipendenza cubana, quando nell’ottobre del 1868 il
possidente creolo Carlos Manuel de Céspedes liberò i suoi schiavi, costituì un esercito e invase la parte orientale dell’isola.
Della vecchia città coloniale incendiata dall’esercito indipendentista mambí in ritirata sono rimaste poche tracce.
Al centro della città si trova il Parque Céspedes, un delizioso parco ombroso con lunghe panchine in marmo, le statue
di Carlos Manuel de Céspedes e di Perucho Figueredo, che per lui compose l’inno nazionale cubano, l’Ayuntamiento, il
Palazzo dei Pionieri, la casa del Poder Popular, la Casa de la Trova; la Casa Natal de Carlos Manuel de Céspedes, contiene
documenti e testimonianze sulla storia della prima guerra di indipendenza di Cuba e sulla storia di Cespedes; il Museo
Ñico López, nella ex caserma che fu attaccata da un gruppo di ribelli il 26 luglio 1953 a sostegno dall’attacco fallito della
caserma Moncada a Santiago de Cuba, contiene testimonianze della guerra dei bayamesi contro la dittatura di Batista.
Intrattenimenti musicali si svolgono alla Casa de la Cultura Josè Fornaris e al Cabaret Bayamo.
9° giorno, martedì 25 ottobre 2016: Bayamo > Playa Las Coloradas > Cabo Cruz > Santiago de Cuba
Pensione completa.
Partenza per Cabo Cruz, tra campi di canna da zucchero e strade dalla manutenzione approssimativa, verso Playa
las Coloradas, il luogo da dove Fidel e il Che diedero inizio alla Revolución. Tra le fitte mangrovie si percorre circa
2 km su una passerella fino al punto esatto dove lo scalcagnato natante Granma sbarcò i coraggiosi superstiti
della avventurosa traversata dal Messico, determinati alla liberazione dell’Isola.
Pranzo a Cabo Cruz sul mare nel pittoresco minuscolo borgo di pescatori.
Proseguimento per Santiago, discesa in hotel, sistemazione nelle camere riservate e cena.
Cuba
Cabo Cruz. Presso il capo si trova la Playa Las Coloradas il 2 dicembre 1956, Fidel Castro e altri 81 uomini sbarcarono e
diedero inizio alla lotta che portò alla cacciata di Batista. Oggi alla Playa Las Coloradas c’è il Parque Nacional del Desembarco con una replica del Granma, il battello utilizzato dai ribelli.
10° giorno, mercoledì 26 ottobre 2016: Santiago de Cuba
Pensione completa.
Intera giornata dedicata alla visita di Santiago. In mattinata visita della città, e nel pomeriggio visita del Cuartel
Moncada, ex caserma dell’esercito di Batista, che ora accoglie in parte una scuola e il bel museo 26 de Julio, con
cimeli e documenti delle guerre d’indipendenza e della lotta rivoluzionaria.
Santiago de Cuba. Santiago è considerata la culla della rivoluzione, che da qui si è estesa al resto dell’isola. La città si
affaccia sulla Bahía de Santiago de Cuba e ha una caratteristica atmosfera caraibica con le case con balconi in ferro battuto, finestre a sesto acuto e strette scale esterne. Fondata nel 1514 da Diego Velázquez de Cuéllar subito divenne il centro
principale di Cuba e fu capitale fino dal 1522 al 1553. Gravemente danneggiata da due terremoti, nel 1675 e nel 1679
e sovente oggetto di incursioni corsare fu dotata di un porto ben munito e di fortificazioni, la più famosa delle quali è il
Castello di San Pedro de la Roca. Conserva diverse vestigia della colonizzazione iberica, fra cui la cattedrale, vari palazzi
amministrativi, le residenze dei governatori, la Casa de Diego Velázquez e il Museo Municipal Bacardí. Di grande interesse
il Cementerio Santa Ifigenia, dove sono sepolti molti rivoluzionari, tra cui José Martí, Frank Pais, i caduti del 26 luglio e il
grande musicista Compay Segundo. Imprescindibile una visita alla Caserma Moncada, teatro del maldestro assalto fallito
il 26 luglio 1953, dei ribelli guidati da Fidel Castro. Dei 160 assalitori, armati per lo più con fucili da caccia, 61 rimasero
uccisi, altri catturati e torturati a morte, altri ancora, tra cui Fidel Castro, fuggirono sulla Sierra Maestra, dove furono catturati dopo una settimana. Al processo Castro, che era avvocato, si difese da solo e pronunciò la famosa arringa difensiva
“La storia mi assolverà”. Fidel fu condannato a morte, ma la condanna fu commutata in 15 anni di reclusione all’Isola dei
Pini e dopo due anni amnistiato. Dopo la vittoria del movimento rivoluzionario, la caserma Moncada fu trasformata in un
complesso studentesco e ospita un bel museo dedicato alla rivoluzione. Da vedere anche Piazza della Rivoluzione, dove,
in un bel simbolismo, enormi lame di machete si levano al cielo presso una statua equestre di Antonio Maceo; la casa sul
Parque Velazquez dove affaccia il balcone dal quale Fidel Castro annunciò il trionfo della Revolución; la Casa de la Trova;
Plaza de Dolores, con l’omonimo Collegio dove studiò Castro da giovane, il Castello del Morro.
Cuba
11° giorno, giovedì 27 ottobre 2016: Santiago de Cuba > Guardalavaca
Pensione completa.
Mattinata completamento delle visite con il cimitero monumentale di Santa Ifigenia, dove si trovano tra le altre,
le tombe di Compay Segundo, Frank Pais e di Josè Marti.
Facoltativamente possibilità di inserire in alternativa la visita alla Basilica de Nuestra Senora del Cobre, la più importante meta di pellegrinaggio di Cuba, dedicata alla Virgen de la Caridad, patrona dell’isola dal 1916 ( 35 km
a sud di Santiago), recentemente visitata dal Papa.
Nel pomeriggio partenza per Guardalavaca.
Arrivo e sistemazione nelle camere riservate in hotel
Cena e pernottamento
12° giorno, venerdì 28 ottobre 2016: Guardalavaca
Pensione completa formula ALL INCLUSIVE .
Intera giornata a disposizione per relax e attività balneari.
Guardalavaca, a 176 Km da Santiago e a 73 Km dall’aeroporto di Holguin nel municipio di Rafael Freyre. I 4 Km di
spiaggia a forma di conchiglia, delimitati da rocce alle due estremità, sono circondanti da vegetazione tropicale. Il mare
è trasparente, la sabbia finissima, la barriera corallina molto vicina alla riva. A ovest della spiaggia si estende la Bahia
Naranjo, un parco naturale che comprende 32 Km di costa e 1.000 ha di bosco, con colline carsiche ricoperte da una
fitta vegetazione.
Nei pressi il Chorro de Maita, necropoli precolombiana, e l’Aldea Taina, ricostruzione di un villaggio indio.
13° giorno, sabato 29 ottobre 2016 : Guardalavaca > Holguin > Milano
Prima colazione e mattinata a disposizione.
Nel pomeriggio trasferimento all’aeroporto di Holguin (154 Km, 2h30’) in tempo utile per il volo di ritorno Blue
Panorama BV1634 delle 17h55 per Milano Malpensa.
Pasti e pernottamento a bordo.
14° giorno, domenica 30 ottobre 2016 : Milano Malpensa
08h50 arrivo a Milano Malpensa.
Cuba
QUOTE INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE
12 GIORNI / 10 NOTTI
SOCI AGOAL
AGGREGATI
*2.230 €
2.490 €
IL PREZZO È RISERVATO AGLI ASSOCIATI AGOAL REGOLARMENTE ISCRITTI ALLA DATA DEL 29/1/2016
Supplemento camera singola € 340
LA QUOTA COMPRENDE
√
√
√
√
√
√
√
√
√
√
√
LA QUOTA NON COMPRENDE
Voli Blue Panorama Milano Malpensa / Havana // Holguin / Milano
Malpensa;
Tasse aeroportuali aggiornate al 16 marzo 2016;
Sistemazione negli hotel indicati o similari;
Trattamento di pensione completa (all Inclusive in hotel a Trinidad e
Guardalavaca) come da programma;
Trasferimenti in pullman privato GT per tutta la durata del tour;
Ingressi ai siti in programma;
Una bibita a pranzo;
Guida parlante italiano a disposizione per tutto il tour;
Visto d’ingresso;
Assicurazione sanitaria (massimale € 5000) e bagaglio (massimale
€ 500);
Mance.
√
√
√
√
Eventuale adeguamento carburante;
Tasse d’uscita da pagare in loco, 25
CUC (circa € 19);
Bevande;
Tutto quanto non espressamente indicato alla voce la quota comprende.
ASSICURAZIONI FACOLTATIVE
assicurazione annullamento viaggio: + 72 € fino a 2.500 € di spesa
+ 87 € fino a 3.000 € di spesa
In caso di sottoscrizione dell’assicurazione facoltativa AXA F30 contro i rischi di annullamento del viaggio, le
coperture per spese mediche sono aumentate a 10.000 € per i viaggi in Europa e nei paesi che si affacciano sul
Mare Mediterraneo e a 30.000 € per i viaggi extraeuropei (Russia inclusa).
La sottoscrizione della polizza contro l’annullamento del viaggio dovrà essere richiesta contestualmente al versamento del primo acconto di iscrizione con accettazione scritta di ricezione e presa visione delle condizioni di
polizza, con particolare riferimento al comma C3 (esclusioni).
Cuba
HOTEL OPZIONATI (O SIMILARI)
L’Avana
Hotel Comodoro ****
Trinidad
Hotel Las Cuevas ***
Camaguey
Grand Hotel Camaguey ****
Bayamo
Hotel Sierra Maestra ***
Santiago de Cuba
Hotel Melia Santiago ****
Guardalava
Hotel Playa Costa Verde ****
OPERATIVI AEREI (BLUE PANORAMA)
BV7130
Milano Malpensa – Havana
BV1634
Holguin – Milano Malpensa
10h00 15h00
17h55 08h50 (del giorno 30/10)
GLI OPERATIVI VOLO SI INTENDONO COME INDICATIVI E SONO SOGGETTI A VARIAZIONI ANCHE CON L’INTRODUZIONE DI SCALI INTERMEDI NON PREVISTI E DI MODIFICHE DI ORARI O DI GIORNI DI OPERATIVITA’.
LE COMPAGNIE AEREE SI RISERVANO IL DIRITTO DI SOSTITUIRE L’AEROROMOBILE PREVISTO CON ALTRO DI MEDESIMA QUALITA’
DOCUMENTI NECESSARI PER I CITTADINI ITALIANI ADULTI E MINORI:
Passaporto con validità minima residua di 6 mesi dalla data prevista di rientro e marca annuale di convalida.
Visto turistico d’ingresso (ottenibile in frontiera all’arrivo e incluso nell’offerta).
Travel Design Studio non è responsabile del negato imbarco a causa di documenti personali non validi per l’espatrio.
Note
Le distanze e i tempi di percorrenza riportati nel programma sono desunti da siti di mappe elettroniche e sono forniti, come le descrizioni
delle località, a titolo puramente indicativo; la sequenza delle visite è da ritenersi orientativa e le visite previste possono non includere alcuni
dei siti o dei monumenti descritti, in dipendenza degli orari e dei giorni di accessibilità stagionali e del tempo effettivamente a disposizione.
Le tariffe aeree di gruppo non danno diritto alla preassegnazione dei posti a bordo, né all’emissione anticipata delle carte di imbarco. Le
nostre hostess e il nostro personale d’agenzia si adopereranno, in collaborazione con la compagnia aerea e nei limiti del possibile, per
favorire una sistemazione a bordo che mantenga il gruppo unito. Potrà essere tuttavia possibile che la compagnia aerea richieda un supplemento per questo servizio. L’assegnazione di posti particolari individuali è a totale discrezione della compagnia aerea, che per alcuni di
essi può richiedere un supplemento. Le regole dell’aeronautica civile prevedono che i posti antistanti le uscite d’emergenza possano essere
assegnati solo a passeggeri adulti in buone condizioni di salute e che parlano fluentemente inglese.
Per gli alberghi sono riportati, se disponibili, la classificazione ufficiale e, con i pallini verdi, il giudizio assegnato dal sito Tripadvisor®, rilevato alla data del presente preventivo.
I partecipanti al viaggio dovranno sottoscrivere il contratto di viaggio al momento dell’iscrizione, per accettazione dei contenuti e dei termini contrattuali, così come richiesto dalle normative vigenti.
Rif. 1581.1 MIA
Cuba
PRENOTAZIONI
Le prenotazioni dovranno pervenire entro e non oltre il 30 giugno 2016, salvo chiusura anticipata per
esaurimento posti a disposizione, a:
TRAVEL DESIGN STUDIO di La Meta srl - via Legnano 31, 24124 Bergamo BG, Italy
tel +39 03519901200 - fax +39 03519901204 - [email protected] - www.traveldesignstudio.com
BONIFICO BANCARIO: intestato a La Meta srl - Banca Cariparma Fil. 275 - IBAN: IT 06 P 0623032880000043569524
Inviare copia alla ricezione della conferma della prenotazione
MODALITA’ DI PAGAMENTO
Acconto del 30% entro 15 giorni dal ricevimento della conferma effettuazione viaggio da parte di TRAVEL DESIGN STUDIO.
Saldo entro e non oltre il 15 settembre.
N.B. LE TARIFFE APPLICATE SONO RIFERITE AL RAGGIUNGIMENTO DI MINIMO 10 PARTECIPANTI.
IN CASO DI UN NUMERO INFERIORE DI PARTECIPANTI, TRAVEL DESIGN STUDIO PROVVEDERÀ
ALLA RIQUOTAZIONE DELL’OFFERTA.
TASSE AEROPORTUALI E SOVRAPPREZZO CARBURANTE (FUEL SURCHARGE) AGGIORNATI AL 16
MARZO 2016 SONO INCLUSI, MA SONO INDIPENDENTI POSSONO AUMENTARE SENZA PREAVVISO.
CAMBIO APPLICATO 1 EURO = 1,10 USD
PER PENALI IN CASO DI RINUNCE CONTATTARE DIRETTAMENTE L’AGENZIA.
Cuba
MODULO DI ADESIONE DA INVIARE A:
TRAVEL DESIGN STUDIO di La Meta srl - via Legnano 31, 24124 Bergamo BG, Italy
tel +39 03519901200 - fax +39 03519901204 - [email protected] - www.traveldesignstudio.com
Cuba
Il sottoscritto _________________________________________________________ numero tessera Agoal_________________
email _________________________________________________________ telefono cellulare _____________________________
luogo di nascita ________________________________________________ data di nascita ______________________________
Residenza:Via_______________________________________n._______Città________________________________________Prov_____
Tel.____________________Fax_________________Cod.Fiscale ___________________________________________________
In nome e per conto proprio, oltre che in nome e per conto delle persone di seguito elencate:
NOME E COGNOME
LUOGO DI NASCITA
DATA DI NASCITA
SOCIO
AGOAL
Intende partecipare al SOGGIORNO dal 17/10/2016 al 30/10/2016, alle condizioni economiche proposte.
Sistemazione richiesta: Tipologia di camera (doppia, matrimoniale, tripla, singola…) _________________________________
Trattamento: Come da programma
Si prega di riportare i dati richiesti all’interno di questa tabella, con le relative quote di partecipazione, che potrete controllare all’interno della circolare, in modo da ottenere il totale da corrispondere:
SERVIZI RICHIESTI
QUOTA A PERSONA
NUMERO PERSONE
TOTALE
Quota soggiorno
Assicurazione annullamento
Supplemento singola
Tasse aeroportuali
Servizi vari
Totale generale da corrispondere:
Data________________________
Firma__________________________________________________________

Documenti analoghi

Cuba mar 2013 RCS 10 tour+4mare

Cuba mar 2013 RCS 10 tour+4mare di epoca preistorica, dove i mogotes, colline dalle forme irregolari, si alternano agli hoyos, avvallamenti verdeggianti. D’intorno il Mirador della Valle di Viñales, belvedere che offre un paesagg...

Dettagli

programma completo

programma completo pernottamento. 3º Giorno, martedì 8 novembre Avana/Cienfuegos (km 238 –3h) Cienfuegos/Trinidad (km 80 - 1h) Prima colazione in hotel. Partenza per Cienfuegos, conosciuta come la perla del Sud, tipi...

Dettagli

GRAN TOUR di CUBA “tierra, mar y sol …”

GRAN TOUR di CUBA “tierra, mar y sol …” dell'isola di Cuba, capoluogo dell'omonima provincia. Si trova a circa 250 chilometri dalla capitale L'Avana ed ha una popolazione di circa 150.000 abitanti. La città è soprannominata La Perla del...

Dettagli

Speciale capodanno 2013

Speciale capodanno 2013 dichiarata Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’Unesco e visita del più vasto centro coloniale di tutta l’America Latina: Campidoglio, imponente edificio dall’impressionate cupola e dalla statua ...

Dettagli

Gran tour di CUBA con soggiorno mare a Guardalavaca

Gran tour di CUBA con soggiorno mare a Guardalavaca panoramica della città de La Habana iniziando dalla fortezza del Morro, situata all’entrata del porto. Visita a piedi del centro storico (dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1982), c...

Dettagli

Guida pratica - Unitre Varedo

Guida pratica - Unitre Varedo Un po’ più in là, verso il porto è la Casa museo di Frank Pais figura di importanza strategica: era colui che teneva i collegamenti con i guerriglieri sulla Sierra Maestra. Chicca: nel cimitero di ...

Dettagli