Esercizi di preparazione al secondo esonero 1. Consideriamo la

Commenti

Transcript

Esercizi di preparazione al secondo esonero 1. Consideriamo la
Esercizi di preparazione al secondo esonero
1. Consideriamo la copia di S 1 immersa in R3 data da
S 1 = {(x, y, z) ∈ R3 | x2 + y 2 = 1; z = 0}
Determinare la coomologia di U = R3 \ S 1 utilizzando un ricoprimento
aperto di U costituito di aperti contraibili con intersezioni ed intersezioni
successive tutte contraibili (quando non vuote).
2. In R2 \ {(0, 0)} si considerino le 1-forme differenziali
ω=−
x2
x
y
dx + 2
dy
2
+y
x + y2
e
ω0 = −ydx + xdy
• mostrare che ω è chiusa;
• mostrare che ω ed ω0 coincidono quando vengono ristrette ad S 1 ;
utilizzare questo fatto ed il teorema di Stokes per calcolare
Z
ω
S1
• dedurne che ω non è esatta.
3. In R2 dotato di coordinate (x, y) si consideri l’aperto U definito da U =
R2 \{(1, 0)}. Calcolare la coomologia di U ed esibire una base esplicita per
1
HdR
(U ) (Suggerimento: utilizzare l’esercizio precedente e la traslazione
(x, y) 7→ (x + 1, y)).
4. In R2 dotato delle coordinate (x, y) si consideri la varietà differenziabile
M = {(x, y) | x4 + y 4 = 1}
Sia X il campo vettoriale
X = y3
∂
∂
− x3
∂x
∂y
• Dimostrare che X si restringe a un campo vettoriale su M (ovvero
che per ogni p ∈ M si ha Xp ∈ Tp M )
• Scrivere l’espressione del campo vettoriale X M in una delle carte di
M fornite dal teorema del Dini. Esplicitamente, detta φU : U → UR
la carta e detta ψU : UR → U la sua inversa, si tratta di trovare un
campo vettoriale XU su UR tale che
dψp (XU,p ) = Xψ(p)
per ogni punto p di UR . (Poiché U ⊆ R2 , si può vedere ψ come
un’applicazione differenziabile dall’aperto di R dato da UR in R2 , ed
a questo punto calcolare il differenziale dψp è immediato).
1
• Scrivere l’espressione del campo vettoriale X M in due carte di M
fornite dal teorema del Dini aventi intrsezione non banale e verificare che le due espressioni cosı̀ trovate si trasformano l’una nell’altra
mediante la legge del cambio di coordinate per i campi vettoriali.
Sia ω la 1-forma su R2 \ {(0, 0)} data da
ω=−
x
y
dx + 2
dy
x2 + y 2
x + y2
e sia η la sua restrizione ad M .
• Scrivere l’espressione della 1-forma η = ω M in due carte di M fornite
dal teorema del Dini aventi intrsezione non banale e verificare che le
due espressioni cosı̀ trovate si trasformano l’una nell’altra mediante
la legge del cambio di coordinate per le 1-forme;
• calcolare l’integrale
Z
η
M
(Suggerimento: sfruttare il fatto che η è la restrizione a M della
1-forma ω ed utilizzare l’esercizio 2).
2