CROMATEC TYPOCOLOR STAMPATECH TIPOTEK CROMAPRINT

Commenti

Transcript

CROMATEC TYPOCOLOR STAMPATECH TIPOTEK CROMAPRINT
tavola 1
PROPOSTE DI NAMING
In questa prima tavola bisogna proporre una serie di nomi (almeno cinque) e la relativa spiegazione (significato e motivazioni); non
efettuare in questa tavola nessuna prova di font o altre elaborazioni.
Importante: proporre almeno un nome composto (sarà utile per alcune elaborazioni presenti nelle prossime tavole).
CROMATEC
il nome è formato da due elementi: “croma” con evidente riferimento all’aggettivo
“cromatico” e “tec” che rimanda al sostantivo “tecnica”. Nell’insieme si intende
suggerire il tratto essenziale della tipografia cioè lo stretto legame della qualità
di stampa e del colore e l’avanzata tecnologia impiegata.
TYPOCOLOR
il nome è formato da due elementi: “croma” con evidente riferimento all’aggettivo
“cromatico” e “tech” che rimanda al sostantivo “tecnica”. Nell’insieme si intende
suggerire il tratto essenziale della tipografia cioè lo stretto legame della qualità
di stampa e del colore e l’avanzata tecnologia impiegata.
STAMPATECH
il nome è formato da due elementi: “croma” con evidente riferimento all’aggettivo
“cromatico” e “tech” che rimanda al sostantivo “tecnica”. Nell’insieme si intende
suggerire il tratto essenziale della tipografia cioè lo stretto legame della qualità
di stampa e del colore e l’avanzata tecnologia impiegata.
TIPOTEK
il nome è formato da due elementi: “croma” con evidente riferimento all’aggettivo
“cromatico” e “tech” che rimanda al sostantivo “tecnica”. Nell’insieme si intende
suggerire il tratto essenziale della tipografia cioè lo stretto legame della qualità
di stampa e del colore e l’avanzata tecnologia impiegata.
CROMAPRINT
il nome è formato da due elementi: “croma” con evidente riferimento all’aggettivo
“cromatico” e “tech” che rimanda al sostantivo “tecnica”. Nell’insieme si intende
suggerire il tratto essenziale della tipografia cioè lo stretto legame della qualità
di stampa e del colore e l’avanzata tecnologia impiegata.
tavola 2
PROVA DI FONT
In questa tavola dobbiamo provare ad associare diversi font ad alcuni o a tutti i nomi proposti.
Per i nomi composti e per quelli formati da più parole si consiglia l’accostamento di più font o più stili dello stesso font (es. helvetica
light + helvetica bold)
Affinchè l’accostamento risulti efficace è importante scegliere due caratteri molto diversi tra loro in modo da ottenere un buon contrasto.
Importante: indicare a destra del logotipo il nome dei font utilizzati.
Helvetica Regular + Helvetica Bold
Krungthep + Lucida Handwriting Italic
[Ank]* Regular + Didot Regular
Gas Regular + Geneva Regular
Haettenschweiler Regular
Gastada Regular + Arial Black Regular
Alba Super Regular + Apple Casual Regular
Impact Regular
Eurostile Regular + Helvetica Bold
tavola 3
LOGOTIPO E PAYOFF
In questa tavola dobbiamo accostare un payoff ad uno o più nomi tra quelli proposti.
Per i nomi composti è interessante sperimentare accostamenti non in linea, intervenedo sulle proporzioni delle parole e creando pieni e
vuoti che conferiscono dinamiità e carattere al logo. Si potranno utilizzare gli accostamenti della tavola 2 o provarne di nuovi.
Importante: indicare il nome dei font utilizzati (mantenete ridotte le indicazioni per non disturbare la leggibilità del logotipo).
tavola 4
ELABORAZIONE LETTERING
In una o più tavole, a partire da questa, proviamo ad elaborare una sola lettera o un gruppo di lettere ad uno o a più nomi tra quelli
proposti cercando di dare carattere e originalità al nostro logotipo.
Tra le possibili elaborazioni si suggeriscono: il taglio, la fusione, l’inversione, la modifica dell’orientamento, la sovrapposizione, ecc.
Importante: indicare il nome dei font utilizzati (mantenete ridotte le indicazioni per non disturbare la leggibilità del logotipo).
tavola 5
ACCOSTAMENTO ELEMENTO GRAFICO
In questa tavola proviamo ad accostare ai loghi creati nelle tavole precedenti (ed eventualmente a nuovi loghi) un elemento grafico
semplice. Esso potrà essere una forma geometrica o astratta o una figura, ma anche una rielaborazione di una o più lettere.
tavola 6
LOGOTIPO DEFINITIVO
In questa tavola dobbiamo semplicemente riportare il logotipo finale scelto tra tutte le prove effettuate fino a questo punto.
Inserire ancora una volta l’indicazione dei font utilizzati e non dimenticare di includere il payoff.