¡VAYA ANIMACIÓN! Doppio appuntamento con il cinema di

Commenti

Transcript

¡VAYA ANIMACIÓN! Doppio appuntamento con il cinema di
18 maggio 2016 delle ore 19:02
¡VAYA ANIMACIÓN! Doppio appuntamento con il
cinema di animazione, da Lecce a Roma. Con
strepitosi cortometraggi e gif animate
¡VAYA ANIMACIÓN! rientra tra le
iniziative di "Meccanismi", progetto che ruota
attorno all’animazione, alle differenti forme di
cinema animato, dalle prime sperimentazioni ai
linguaggi più recenti e che sceglie il
cortometraggio come formato privilegiato,
ricercandone soprattutto le sue varianti
più coraggiose, sperimentali e d’autore.
Per la due giorni leccese doppio appuntamento
in programma: una serata dedicata ai
cortometraggi di animazione, con una selezione
dei più acclamati lavori dell’ultima
edizione di ANIMASIVO Festival d’Animazione
Contemporanea di Città del Messico e
una masterclass pomeridiana dedicata alle GIF
animate a cura di Soniaqq, illustratrice e
animatrice, con la partecipazione di Lucia
Cavalchini, direttrice del Festival messicano. Il
programma della masterclass prevede: breve
storia di una GIF e della sua vita sul web; la GIF
come congegno animato; autori: dall’illustrazione
alla fotografia, dal Cinematograph alla GIF di
appropriazione; l’importanza del Loop; per fare
una GIF bisogna saper animare?; realizzazione
di una GIF con Photoshop (timeline - livelli export). La Masterclass è aperta a
studenti, professionisti ed appassionati di arti
visive e richiede nozioni base di Photoshop.
Insomma, vecchi e nuovi strumenti a confronto
diretto, analogico vs digitale, legati però da
un’unica filosofia per un unico obiettivo: dare
centralità all’immagine rispetto alla narrazione
per recuperare quelle forme primarie
appartenenti al linguaggio illustrativo e
cinematografico in grado di restituire ai nostri
occhi - ormai assuefatti alle tracce video e a
ogni genere di effetto speciale – la meraviglia
e lo stupore che appartengono all’arte
dell’animazione. ¡VAYA ANIMACIÓ
N! sarà a Lecce il 20-21 maggio e a
Roma il 28 giugno. (Martina Piumatti)
pagina 1