VOLLEY 2014-2015 - REGOLAMENTO

Commenti

Transcript

VOLLEY 2014-2015 - REGOLAMENTO
CASERTA
CAMPIONATO
VOLLEY
VO
LLEY
OLLE
Y
2014 - 2015
Periodo: Novembre 2014 – Aprile 2015
Informazioni e iscrizioni
Commissione pallavolo: [email protected] : caserta.csi-net.it
BANDO
Modalità di iscrizione:
Le iscrizioni vanno effettuate tramite l'apposito modulo e, comprensive delle quote da
versare, dovranno pervenire alla segreteria organizzativa commissione pallavolo entro e
non oltre il 20 Novembre 2014 . Nessuna deroga verrà concessa.
Categorie
Categoria
Under 8 (3vs3)
Under 10 (3vs3)
Under 12 (4vs4)
Under 12 (6vs6)
Under 13 (6vs6)
Ragazze (U 14 F)
Ragazzi (U14 M)
Ragazzi (U14 misto)
Allieve (U16 F)
Juniores F
Top Junior F
Open F
Open M
Open Misto
Anno
2007/2008
2005/2006/2007
2003/2004/2005
2003/2004/2005
2002/2004/2004
2001/2002/2003
2001/2002/2003
2001/2002/2003
1999/2000/2001
1997/1998/1999
1995/1996/1997
1999 e precedenti
1999 e precedenti
1999 e precedenti
H rete
2,00 m
2,00 m
2,00 m
2,00 m
2,15 m
2,15 m
2,24 m
2,20 m
2,24 m
2,24 m
2,24 m
2,24 m
2,43 m
2,35 m
Quote
gratis
gratis
gratis
2,00 €/gara
3,00 €/gara
10,00 €/gara
10,00 €/gara
10,00 €/gara
16,00 €/gara
18,00 €/gara
20,00 €/gara
22,00 €/gara
22,00 €/gara
22,00 €/gara
Iscrizione
10,00 €
10,00 €
10,00 €
10,00 €
15,00 €
20,00 €
20,00 €
20,00 €
40,00 €
60,00 €
80,00 €
100,00 €
100,00 €
100,00 €
Fasi della manifestazione
Fase provinciale: Novembre 2014/Aprile 2015
Fase regionale:
Maggio 2015
Fase Interprovinciale: Maggio-Giugno 2015
Fase nazionale:
Giugno-luglio 2015
NB: tutte le fasi della manifestazione sono obbligatorie. Ogni rinuncia sarà sanzionata
come da regolamento.
Lo stesso vale per le squadre che, allo scalare della classifica, avranno diritto a
partecipare alle fasi successive.
1.
ISCRIZIONI ALLA MANIFESTAZIONE
Le Società che intendono partecipare ai campionati devono iscrivere le proprie squadre
presso la commissione pallavolo, E-mail: [email protected] mezzo di moduli
appositamente predisposti entro e non oltre il
.
01 Novembre 2014
Contestualmente va versata la quota d’iscrizione per ogni squadra partecipante.
2.
GIUSTIZIA SPORTIVA
La giustizia sportiva sarà amministrata secondo le modalità, le procedure e i termini e
con gli organismi previsti dal Nuovo Regolamento per la giustizia sportiva e reperibile
sul sito internet della Presidenza nazionale CSI (www.csi-net.it).
3. COMUNICATI UFFICIALI
I Comunicati Ufficiali con le decisioni tecniche e disciplinari saranno pubblicati
settimanalmente e comunque a seguito di ogni giornata gara. Saranno affissi all’albo e
una copia sarà disponibile per ogni Società sportiva presso la segreteria del Comitato.
4. RECAPITO
Tutte le comunicazioni relative agli spostamenti di gara saranno comunicate attraverso
l’indirizzo ufficiale di posta elettronica segnato sull’apposito modello d’iscrizione. In
assenza di tale le comunicazioni saranno comunicate telefonicamente.
5. MODALITA’ DI RISCOSSIONE DELLE MULTE
Eventuali rinunce o multe dovranno essere pagate entro 15 giorni dalla data di
decorrenza del provvedimento. Trascorso tale termine si provvederà al recupero
coattivo della somma maggiorata del 50%.
6. REGOLAMENTO
Il regolamento dei campionati pallavolo allegato, è parte integrante del presente bando,
pertanto tutte le società hanno l’obbligo di prenderne visione e di accettarlo all’atto
dell’ iscrizione ai campionati.
La Commissione Provinciale PVO CASERTA
REGOLAMENTO
PARTE A: NORME GENERALI
A-1) AFFILIAZIONE
Possono partecipare ai campionati, con un numero illimitato di squadre, le Società
sportive affiliate al CSI per l’anno sportivo 2014/2015 prima dell’inizio della
manifestazione stessa.
Le Società che partecipano alla manifestazione con più squadre nella medesima
categoria, devono contraddistinguere le stesse con lettere o sigle.
Non è consentito in questi casi lo scambio dei giocatori tra le varie squadre della stessa
Società e gli atleti rimangono vincolati con la squadra con la quale hanno disputato la
prima gara (iscritti a referto) in tutti i momenti e le fasi della manifestazione, ivi
comprese le fasi regionali e nazionali.
A-2) TESSERAMENTO
Ciascun atleta e/o dirigente deve essere in possesso del tesserino CSI, con la relativa
indicazione della disciplina sportiva a cui partecipa, in data antecedente alla prima gara
alla quale prendono parte. Il tesserino dà diritto all'assicurazione. La Commissione
Tecnica può in ogni momento effettuare verifiche fra gli iscritti. Nei confronti degli atleti
e delle Società che risulteranno in difetto saranno presi dei provvedimenti disciplinari.
Si precisa che in caso di doppio tesseramento, il CSI riconosce come valido quello
sottoscritto in data anteriore.
Nel caso di mancanza delle tessere CSI, l’arbitro può ammettere alla partecipazione
atleti, dirigenti e tecnici in forma “subjudice” mediante l’accettazione – solo ed
esclusivamente - della
(cfr. “Norme sul
“Lista certificata di tesseramento”
tesseramento CSI” e successive precisazioni).
Non possono partecipare a tutte le fasi dei Campionati nazionali del CSI, ivi comprese
quelle locali, gli atleti che nel corso dello stesso anno sportivo abbiano preso parte a
gare ufficiali federali dalla serie D in su, con eccezione di atlete giovanili che non
abbiano compiuto i 16 anni al momento del tesseramento CSI.
Per "prendere parte" si intende l'effettiva entrata in campo in una gara ufficiale di
campionato e non la semplice iscrizione in distinta.
A-3) ISCRIZIONI
Tutte le Società devono obbligatoriamente compilare la scheda di iscrizione al
campionato o torneo e recapitarlo alla Commissione Tecnica nei tempi e modalità che
saranno di volta in volta stabiliti.
Le quote d'iscrizione e cauzione vanno versate all'atto dell'iscrizione o comunque prima
della stesura dei calendari gara, salvo diversamente comunicato.
A-4) ELENCO ATLETI
Le Società che partecipano con più squadre nella stessa categoria, dovranno far
pervenire alla Commissione Tecnica, prima dell'inizio dell'attività a cui prendono parte,
l'elenco degli atleti (cognome, nome e numero di cartellino CSI) che compongono ogni
singola squadra; ogni atleta può far parte di una sola squadra.
Solo gli atleti iscritti nell'elenco potranno partecipare alle gare; in caso di nuovi
tesseramenti si dovrà compilare un elenco atleti aggiuntivo, con l'indicazione dei nuovi
tesserati, da consegnare alla Segreteria della Commissione Pallavolo.
In assenza dell'allenatore, le relative funzioni (chiamata dei tempi e sostituzioni)
saranno assolte dal capitano in campo della squadra. Non sarà considerato come
allenatore la figura del “Responsabile tecnico”.
La distinta dei giocatori, che deve riportare la denominazione della squadra, quella della
squadra avversaria, la data, l’orario, il luogo, la categoria e l’impianto sul quale si
disputa la gara, può contenere:
a) fino a un massimo di 12 atleti/e (senza la presenza di alcun libero);
b) fino a un massimo di 12 atleti/e (se in distinta è inserito un solo libero);
c) fino a un massimo di 13 atleti/e (se in distinta sono inseriti due liberi).
L’elenco va compilato in due copie da consegnare all’arbitro 15 minuti prima dell’orario
di inizio gara. L’arbitro, all’atto del riconoscimento, consegnerà una copia alla squadra
avversaria, e trasmetterà l’altra copia al CSI unitamente al referto ed al rapporto
arbitrale.
Degli atleti va trascritto il numero di maglia, cognome e nome, data di nascita, numero
di tessera CSI, tipo e numero del documento di riconoscimento.
Va pure segnalato, cerchiando il numero di maglia dell’interessato prima della consegna
dell’elenco all’arbitro della gara, il giocatore che svolge il ruolo di capitano.
Possono partecipare alla gara, secondo le norme previste, solo ed esclusivamente i
giocatori riportati nella distinta presentata all’arbitro.
Nella distinta dei partecipanti possono essere indicati inoltre:
a) il dirigente accompagnatore;
c) l’allenatore
d) un vice allenatore
e) un medico
f) un fisioterapista/massaggiatore
A-5) PALESTRE
Ogni squadra dovrà disporre di un campo di gioco su cui disputare le partite interne
(eventuali deroghe vanno discusse nelle riunioni organizzative). Potranno essere
accettate, a discrezione della Commissione Tecnica, anche palestre al limite della
regolarità, purché non presentino pericoli, come aste sporgenti, buche, spigoli.
A-6) PALLONI PER LA GARA
In tutte le gare, la Società prima nominata deve mettere a disposizione dell’arbitro
almeno 2 palloni e la Società seconda nominata almeno 1 pallone; tutti i palloni messi a
disposizione devono essere regolari ed utilizzabili.
L’arbitro darà comunque inizio alla gara anche se non tutti i palloni previsti saranno
messi a disposizione. Qualora non fosse disponibile neanche un pallone, l’arbitro non
potrà dare inizio alla gara e segnerà quanto avvenuto sul rapporto di gara.
In questi casi le squadre verranno considerate rinunciatarie con le modalità di cui
all’articolo 72 comma 1 delle Norme per l’Attività Sportiva con esclusione della sanzione
prevista al comma b (punto di penalizzazione).
A-7) SOPRAVVENUTA INDISPONIBILITÀ DEL PALLONE DI GIOCO
Se durante la disputa d’una gara venga a mancare il pallone di gioco e non sia possibile
reperirne un altro, la gara verrà sospesa e saranno assunti i seguenti provvedimenti:
a) se ambedue le squadre hanno messo a disposizione i loro palloni e gli stessi nel corso
della gara si sono rovinati o sono andati smarriti, la gara stessa verrà ripetuta;
b) se una delle due squadre non ha messo a disposizione il numero di palloni previsto e
i palloni messi a disposizione dall’altra squadra si deteriorino o vengano smarriti, la gara
verrà sospesa e data persa alla squadra in difetto con le modalità previste per le
squadre che si vengano a trovare con un numero insufficiente di atleti in campo.
Tuttavia, se risultasse che uno dei palloni o l’unico pallone disponibile sia stato
deteriorato o smarrito per dolo, l’arbitro annoterà quanto avvenuto nel rapporto di gara
e la gara può essere data persa, a giudizio dell’Organo giudicante, alla squadra che ha
posto in essere tale tentativo di frode.
A-8) NUMERO MINIMO DI GIOCATORI PER DARE INIZIO AD UNA GARA
Il numero minimo per iniziare e proseguire una gara è di 6 giocatori (fatte salve le
limitazioni specifiche previste per la Pallavolo mista).
A-9) NORME PARTICOLARI PER LA PALLAVOLO MISTA
In ogni momento della gara devono essere presenti in campo almeno 3 atlete (F) e
almeno 1 atleta (M). Durante tutta la gara gli eventuali 3 atleti (M) presenti in campo
non devono mai trovarsi contemporaneamente sulla prima linea (“avanti”; zone 2, 3, 4
del campo).
A-10) PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PRIMA DELL’INIZIO DELLA GARA
Qualora lo ritenga necessario l’arbitro, o il primo arbitro in caso di presenza di più
arbitri, può assumere, anche su segnalazione dei suoi collaboratori ufficiali, dei
provvedimenti disciplinari nei confronti dei giocatori, dei dirigenti e dei tecnici
partecipanti alla gara anche prima del suo inizio.
In ogni caso non
possibile reintegrare nell’elenco un giocatore espulso o squalificato
prima dell’inizio della gara.
Se l’espulsione o la squalifica avviene dopo che la formazione iniziale della squadra
stata già consegnata all’arbitro, questa non può essere in alcun modo variata e l’atleta
allontanato deve essere sostituito nei modi regolamentari; questa sostituzione va
effettuata sullo 0-0 del primo set e va considerata come prima sostituzione delle 6 a
disposizione per ogni set nel numero previsto di 6 sostituzioni a set.
A-11) CERTIFICATO MEDICO
Ai sensi dell'art. 15 delle N.A.S. ogni Società dovrà accertarsi dell'integrità fisica dei
l’idoneità
propri atleti, come previsto dalla legge sanitaria, mediante visita medica per
per tutte le categorie escluse il
sanitaria ALLA PRATICA SPORTIVA AGONISTICA,
minivolley, l’under 12 e l’under 13.
A-12) Il C.S.I. e la Commissione Tecnica Provinciale Pallavolo del Comitato di Aversa
declinano ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali danni o infortuni causati prima,
durante e dopo le gare agli atleti e dirigenti, a cose e terzi, salvo quanto previsto dalla
polizza assicurativa del tesserino CSI.
PARTE B: ARBITRI E SEGNAPUNTI
B-1) La squadra ospitante, o prima nominata nel calendario, dovrà fornire il segnapunti
regolarmente tesserato ed abilitato; L'utilizzo del 2° arbitro è a discrezione della
commissione tecnica. Si ricorda comunque che sia il 1° arbitro che il 2° ed il segnapunti
sono membri effettivi di una terna arbitrale con le loro funzioni (ben precisate dal
Regolamento) e le proprie responsabilità.
B-2) Il segnapunti deve essere messo a disposizione dell'arbitro dalla squadra ospitante
almeno 20 minuti prima dell’inizio della gara.
B-3) Il segnapunti deve essere comunque un tesserato CSI il cui numero di cartellino e
la società di appartenenza va riportato sul referto.
Chi viene indicato dalla propria Società per svolgere il compito di segnapunti, deve
avere possibilmente frequentato l’apposito corso CSI e comunque essere in grado di
svolgere agevolmente tale ruolo.
Se il Segnapunti non presente all’orario di inizio della gara, il 1° arbitro lo sostituisce
con un altro tesserato reperito eventualmente sul posto, compreso eventualmente un
arbitro, o con altra persona da lui ritenuta idonea a svolgere tale mansione. Nel caso in
cui non si riesca a reperire un sostituto, la funzione di segnapunti viene affidata al 2°
arbitro che, in tal caso, svolgerà unicamente i compiti previsti per tale funzione.
Qualora non sia presente il 2° arbitro e ambedue le Società non mettano a disposizione
dei tesserati per svolgere tale ruolo di ufficiale di campo né sia possibile reperire
persone estranee sul campo, anche non tesserate, a cui affidare l’incarico, sarà un
giocatore e/o un dirigente della squadra ospitante a svolgere
tali funzion i per tutta la gara; ovviamente costoro non parteciperanno al gioco o non
svolgeranno le funzioni proprie del loro ruolo. È possibile che anche un componente
della squadra ospite, o seconda nominata, ricopra il ruolo del segnapunti nel caso questi
si offra spontaneamente.
Il 1° arbitro si comporterà analogamente e assumerà i medesimi provvedimenti qualora
nel corso della gara il tesserato messo a disposizione dalla Società ospitante, o prima
nominata, risultasse incapace di svolgere nella maniera dovuta il compito di segnapunti.
Nelle gare di campionati giovanili (Juniores, Allievi, Ragazzi ecc.) se non è stato
possibile reperire persona idonea allo svolgimento del ruolo di segnapunti, l’arbitro
svolgerà anche le funzioni di segnapunti.
Nelle gare di campionati Open e Top Junior, invece, l’arbitro dichiarerà conclusa la gara
senza segnare alcun punteggio finale nel referto di gara.
In ogni caso il 1° arbitro riporterà quanto avvenuto nello spazio “osservazioni” del
referto per gli eventuali provvedimenti dell’Organo giudicante.
Qualora venisse designato dall’Organo competente un segnapunti ufficiale quello messo
a disposizione dalla Società ospitante, o prima nominata nel calendario, si asterrà dallo
svolgere tale funzione ma sosterà nel campo di gioco a disposizione dell’arbitro che
potrà, in qualsiasi momento della gara, chiedergli di assolvere il ruolo per il quale era
stato indicato.
B-4) La mancanza del segnapunti comporta per la squadra ospitante un provvedimento
disciplinare.
B-5) SOSTITUZIONE DI UN ARBITRO UFFICIALMENTE DESIGNATO
L’arbitro presente espleterà tutte le formalità pre-gara e, se presente, inviterà un
collega CSI a dirigere con lui.
Principalmente nelle categorie giovanili, in caso di assenza dell’arbitro designato, le
Società possono in accordo tra loro disporre che la gara venga diretta da un dirigente
delle due Società. è compito dei Comitati territoriali precisare nei regolamenti delle
manifestazioni locali per quali categorie d’età possibile applicare
questa norma.
B-6) PERSONE AMMESSE NELL’AREA DI GIOCO
Non possono sostare nell’“area di gioco” persone non tesserate e non riconosciute dal
Direttore di gara.
Durante lo svolgimento delle gare le persone ammesse nel campo di gioco devono stare
ai posti loro assegnati e non intralciare in nessun modo e per nessuna ragione lo
svolgimento della gara.
In particolare, è necessario osservare le seguenti norme: i dirigenti e i giocatori di
riserva devono stare seduti nella panchina loro assegnata e possono incitare senza
disturbare il normale svolgimento della gara; l’allenatore in possesso della tessera CSI e
come tale iscritto nell’elenco, ha la facoltà di sedere nel posto più
vicino al segnapunti o di stare (solo lui) in piedi secondo quanto prescritto dal
Regolamento Tecnico. I giocatori di riserva possono riscaldarsi nel corso della gara se
l’impianto ha lo spazio a ciò appositamente destinato; al momento di entrare in campo
devono stare pronti nella “zona di sostituzione” secondo le
modalità prescritte dal Regolamento Tecnico.
B-7) SOSTITUZIONI DEI GIOCATORI
Le sostituzioni dovranno avvenire come previsto nel Regolamento Tecnico di gioco.
I giocatori espulsi o squalificati dovranno essere sostituiti solo nei modi regolamentari e
mai “eccezionali” così come in esso
prescritto. La sostituzione veloce
obbligatoria
per le Fasi regionali e nazionali dei Campionati Nazionali.
B-8) SOSTITUZIONI DI UNO DEGLI ARBITRI
Qualora uno dei due arbitri non fosse in grado di continuare a svolgere il suo ruolo per
malore o infortunio, l’altro arbitro continuerà da solo la direzione della gara.
Qualora ambedue gli arbitri fossero nelle condizioni di non poter continuare o in caso di
malore o infortunio dell’unico arbitro presente, la gara verrà sospesa.
B-9) Per tutte le gare devono essere utilizzati i referti forniti dalla Commissione
Tecnica. L’utilizzo di referti diversi comporterà provvedimenti disciplinari.
B-10) Il referto originale completo degli elenchi giocatori deve essere recapitato presso
la Sede del CSI a cura dell'arbitro designato dal CSI, una copia deve essere trattenuta
dal 1° arbitro, una copia alla squadra ospite e una copia alla squadra ospitante, queste
ultime complete di una copia dell’elenco giocatori degli avversari.
PARTE C: PREPARAZIONE E SVOLGIMENTO DELLA GARA
C-1) I partecipanti devono conoscere le regole del gioco e rispettarle scrupolosamente.
I partecipanti devono accettare con sportività le decisioni dell'arbitro.
C-2) La squadra ospitante deve mettere a disposizione degli atleti partecipanti alla gara
e agl’arbitri la palestra almeno 30 minuti prima dell’orario di inizio partita.
C-3) Rinuncia ad una gara
Se una squadra, senza giustificato motivo, rinuncia alla disputa d'una gara,
regolarmente programmata, la stessa viene considerata rinunciataria e a suo carico
verranno assunti i provvedimenti previsti dal documento sanzioni.
Una squadra che compie nella stessa manifestazione 3 rinunce, verrà esclusa dal
proseguimento della stessa e dalla classifica finale. Nei confronti della stessa, inoltre,
verrà disposto l'incameramento dell'intera cauzione.
In ogni caso dovrà essere compilato il referto e il Rapporto di Gara.
C-4) Rinuncia preventiva
Qualora una squadra, per sopravvenuti e gravi motivi, non possa disputare una gara e
non sia più possibile rinviare la stessa, la sua mancata presentazione in campo può
essere considerata come rinuncia preannunciata. In tal caso la CTP può esentare, se i
tempi tecnici lo consentono, la squadra avversaria e gli arbitri dal recarsi al campo.
Qualora i sopravvenuti e gravi motivi siano riconducibili a cause di forza maggiore,
improvvise e documentate (es palestra inagibile, condizioni meteo pericolose, ...) e
soggette a valutazione degli Organi di giustizia sportiva la gara verrà ripetuta, senza
sanzioni se non il pagamento delle eventuali spese.
Si sottolinea che le tali cause di forza maggiore devono essere improvvise: in particolare
in caso di neve deve essere provata l’inagibilità della strada e potrà essere considerata
improvvisa solo se persistente poche ore prima della gara.
C-5) Il massimo ritardo ammesso è di 15 minuti. Trascorso tale termine, alla squadra
non presente si applicheranno le relative sanzioni secondo i casi. Se la gara si svolgerà
ugualmente dopo i termini previsti, verrà considerata valida a tutti gli effetti e, alla
squadra in difetto, sarà comminata un'ammenda.
C-6) Quale documento di riconoscimento da presentare all'arbitro prima della gara è
valido, insieme al cartellino CSI,: attraverso uno dei seguenti documenti con foto (anche
stampata): carta di identità; passaporto; patente di guida; porto d'armi; tessera di
riconoscimento militare; tessera di riconoscimento d'una pubblica amministrazione;
libretto o tessera universitaria; permesso di soggiorno; foto autenticata rilasciata dalla
scuola frequentata, dal Comune di residenza o da un Notaio; tessera dell'azienda della
quale si è dipendenti munita di foto e riportante i dati anagrafici. In questi casi
l'indicazione del tipo e numero del documento di riconoscimento devono essere riportati
nell'apposita sezione degli elenchi;
- attraverso la tessera CSI con foto; la tessera di riconoscimento sportiva rilasciata dal
Comitato CSI di appartenenza; la tessera con foto e dati anagrafici rilasciata da una
Federazione Sportiva Nazionale o da una Disciplina Associata del CONI;
- mediante conoscenza personale dell'atleta da parte dell'arbitro o di uno degli arbitri o
degli ufficiali di gara ufficialmente designati. In tal caso l'arbitro o l'ufficiale di gara che
riconosce l'atleta, il dirigente o il tecnico firmerà nell'elenco accanto al nome
dell'interessato nello spazio riservato all'indicazione del documento di riconoscimento.
La Commissione Tecnica Pallavolo controllerà che tutto sia regolare; in caso contrario,
verranno presi provvedimenti disciplinari nei confronti della squadra e degli atleti.
C-7) Prima dell'inizio di ogni set, le squadre devono presentare all'arbitro il tagliando
della formazione iniziale con indicazione del set. E' obbligatoria la numerazione da 1 a
99 delle maglie. In caso di necessità le squadre provvederanno ad apporre sulle maglie
numeri provvisori. Le maglie dovranno essere tutte di uguale colore ad eccezione di
quella dell'eventuale "LIBERO".
C-8) E' obbligatorio da parte della Società ospitante, la sistemazione sulla rete delle
aste di delimitazione; in mancanza di aste regolamentari sarà ammesso l'uso di una
qualsiasi asticella. E’ obbligatorio l’utilizzo del tabellone segnapunti, di qualsiasi
tipologia. In caso di mancanza delle aste di delimitazione o del tabellone segnapunti, la
gara verrà disputata ugualmente e verrà comminata un'ammenda alla squadra
inadempiente.
C-9) In panchina possono trovare posto:
a) tutti gli atleti a referto che non scendono in campo in quel momento;
b) l'allenatore, purché in possesso di tessera CSI;
c) un dirigente, purché in possesso di tessera CSI.
C-10) E' permesso ai componenti della panchina applaudire o fare il tifo per la propria
squadra, purché non vengano rivolte frasi di nessun tipo agli avversari o vengano
prodotti rumori atti a disturbarli durante il gioco (grida mentre l'avversario batte,
schiaccia, riceve, ecc.).
punita con la espulsione (uscita dall’area di gioco, dalla
C-11) La frase blasfema
panchina e dalla zona di riscaldamento per il set).
C-12) Il provvedimento di Squalifica comporta automaticamente 1 giornata di squalifica
da scontarsi la giornata successiva.
C-13) Solo il capitano in campo o l'allenatore regolarmente iscritto a referto, possono
richiedere i cambi ed i tempi di riposo; solo il capitano in campo può richiedere
all'arbitro le formazioni delle squadre.
C-14) Si ricorda che il segnapunti è tenuto a fornire il punteggio, i cambi ed i tempi
ancora a disposizione, all'allenatore o al capitano in campo. Si ricorda comunque che tali
richieste devono essere fatte nel completo rispetto e nella completa salvaguardia
dell'operato del segnapunti.
C-15) Quando si richiedono i cambi, i giocatori che devono entrare in campo devono
collocarsi tempestivamente nella zona dei 3 metri per consentire che l'operazione venga
effettuata rapidamente.
C-16) I tempi di riposo che possono essere richiesti per ogni set sono 2 per ciascuna
squadra, ed avranno la durata di 30 secondi cadauno.
C-17) Tutte le gare verranno disputate con il sistema del RALLY POINT SYSTEM con 3
set vinti su 5. Solo per particolari casi, e su esplicita autorizzazione della Direzione
Tecnica Nazionale, sarà possibile utilizzare la formula di 2 set vinti su 3. Per l’attività a
progetto le modalità con cui disputare le gare saranno previste dal Regolamento di ogni
singola manifestazione.
La perdita della gara deliberata dagli Organi giudicanti è determinata col punteggio:
a) 0-3 (0-25, 0-25, 0-25) se la gara è stata giocata al meglio dei 3 set;
b) 0-2 (0-25, 0-25) se la gara è stata giocata al meglio dei 2 set.
Qualora una gara sospesa dovesse essere recuperata, la stessa inizierà ex novo, dal
punteggio di 0-0.
Per ogni gara vengono assegnati i seguenti punti validi per la classifica:
• 3 punti alla squadra che vince col punteggio di 3-0 o 3-1;
• 2 punti alla squadra che vince col punteggio di 3-2;
• 1 punto alla squadra che perde col punteggio di 2-3;
• 0 punti alla squadra che perde col punteggio di 0-3 o 1-3.
Nelle gare, che in deroga alle Norme per l’Attività Sportiva, si disputano al meglio di 2
set vinti su 3, saranno assegnati i seguenti punti validi per la classifica:
• 3 punti alla squadra che vince col punteggio di 2-0;
• 2 punti alla squadra che vince col punteggio di 2-1;
• 1 punto alla squadra che perde col punteggio di 1-2;
• 0 punti alla squadra che perde col punteggio di 0-2.
I dirigenti delle squadre in campo si devono impegnare affinché i propri
C-18)
sostenitori non proferiscano offese rivolte all'arbitro e che facciano un tifo corretto nei
confronti degli avversari. In caso contrario verranno presi provvedimenti disciplinari ed
in caso di tifo veramente scorretto l'arbitro, dopo avere effettuato almeno 2 (due)
richiami al capitano della squadra, potrà sospendere la gara.
C-19) OMOLOGAZIONE DELLE GARE e DELLE DECISIONI DELLA COMMISSIONE
L’omologazione delle gare e di tutte le decisioni prese dal giudice unico (spostamenti
gare, provvedimenti disciplinari) avviene tramite mediante affissione dello stesso
all'albo del Comitato e pubblicazione sul comunicato ufficiale del CSI. Lo stesso
comunicato ufficiale sarà pubblicato sul sito http://aversa.csi-net.it e/o sulla pagina FB
dedicata, prendendo in esame le decisioni prese dal giudice unico.
Allo stesso modo avviene l’omologazione dei calendari ufficiali compilati in occasione
delle riunioni apposite. NB: è fatto obbligo di tutte le società verificare la corrispondenza
del calendario pubblicato con quanto deciso in fase di stesura. Ogni modifica al
calendario ufficiale dovrà seguire l’iter previsto per variazioni e spostamenti gara. In
caso di contestazione rimane valido quanto previsto da calendario ufficiale o successive
modifiche omologate.
C-20) SPOSTAMENTO GARE
1) Lo spostamento verrà accolto alle seguenti condizioni:
a) che la richiesta scritta venga fatta pervenire alla Commissione Tecnica almeno 8
giorni prima della data prevista per la gara e almeno 6 giorni prima per le categorie
giovanili.
b) che vi sia assenso scritto anche dalla squadra avversaria, sempre 8 giorni prima (6
per i giovanili).
c) che nella richiesta sia indicata la data del recupero.
2) I recuperi dovranno comunque essere effettuati prima della data prevista per il
termine del girone o del Campionato, in caso contrario verranno presi provvedimenti su
entrambe le squadre.
3) La società richiedente si assume per intero ogni responsabilità in merito, con
particolare riguardo all’assenso del sodalizio avversario ed alla correttezza di tutti i dati
comunicati.
4) La Commissione Tecnica Pallavolo non potrà in nessun caso essere chiamata a
rispondere di disguidi causati da richieste irregolari, inesatte, incomplete o pervenute
oltre il tempo utile. Parimenti le Società risponderanno direttamente di eventuali
iniziative di propri tesserati non autorizzate dalla CTP.
5) Qualora lo spostamento venga richiesto per inagibilità della palestra potranno non
essere rispettate le condizioni stabilite ai punti 1a) e 1b) e non si dovrà versare la tassa
di spostamento, purché venga presentata motivazione scritta da parte dell'Ente che
gestisce l'impianto.
6) L'inosservanza delle norme stabilite comporta l'applicazione delle sanzioni previste
dal Regolamento.
7) La tassa di spostamento gara
fissata nella misura di € 10,00 che dovrà essere
versata all'atto della richiesta, tutte le gare dei tornei e campionati sono assoggettate
da tale norma.
8) La tassa non dovuta per “Variazioni” al calendario, sempre concordate con le stesse
modalità sopra riportate, se perverranno alla CTP entro i 7 (sette) giorni successivi alla
riunione di stesura calendari.
9) Qualora non vengano rispettatati i tempi previsti dai paragrafi 1a e 1b oppure non
venga rispettato il paragrafo 1c, verrà comminata alla squadra richiedente lo
spostamento gara un’ammenda di €10,00 per ogni punto disatteso.
10) Sono considerati validi spostamenti gara trasmessi via e-mail o cartacei,
completi di tutti i dati previsti dal modulo ufficiale.
11) In tutti i casi lo spostamento gara si considera valido solo se omologato;
l’omologazione avviene tramite pubblicazione nel comunicato ufficiale e nel sito CSI
Commissione pallavolo. In caso di contestazione rimane valida la data prevista da
calendario ufficiale e successive modifiche omologate.
C-21) RECLAMI SUL CAMPO
I reclami vanno presentati all'organo di prima istanza (GU, CD o CDN) in relazione alla
disputa delle gare, alla regolarità delle stesse e alla posizione dei giocatori che vi hanno
preso parte. Hanno titolo a presentare reclamo solo ed esclusivamente le Società
sportive per le gare che le stesse hanno disputato o avrebbero dovuto disputare.
La Società sportiva che intende proporre un reclamo deve preventivamente redigere un
preannuncio di reclamo da presentare all'arbitro al termine della gara in questione o, in
alternativa, al giudice di merito o alla segreteria del Comitato CSI entro e non oltre le
ore 20:00 del giorno successivo alla gara (o del primo giorno non festivo).
Legittimati a sottoscrivere il preannuncio di reclamo da presentare all'arbitro sono il
dirigente accompagnatore o, in difetto, il capitano della squadra.
Legittimato a sottoscrivere il preannuncio di reclamo inviato direttamente al giudice di
merito o alla segreteria del Comitato è il legale rappresentante della Società o suo
delegato (copia della delega va acclusa al preannuncio a pena di in ammissibilità).
Il preannuncio di reclamo può essere inviato al giudice di merito o alla segreteria del
Comitato attraverso una delle seguenti modalità: consegna diretta in Comitato, invio a
mezzo telegramma, fonogramma, fax o e-mail. È escluso l'invio tramite posta, ivi
compresa quella celere, prioritaria e raccomandata.
Le motivazioni del reclamo devono essere presentate all'Organo di giustizia sportiva
competente (GU, CD, CDN) entro il quarto giorno dalla disputa della gara; se il quarto
giorno cade in giorno festivo il termine si intende spostato al primo giorno non festivo
utile, con le modalità previste dal regolamento “Sport in regola”.
Reclami su eventuali posizione irregolare degli atleti vanno presentati con onere di
prova a carico della società reclamante.
Il reclamo va sottoscritto dal legale rappresentante con le previste dal regolamento
“Sport in regola” e, qualora riguardi una partita, deve essere inviato anche alla Società
con la quale si è svolta la gara.
Al reclamo vanno acclusi la tassa-reclamo, o la ricevuta del suo versamento, e copia del
documento che prova l'invio del reclamo alla controparte.
Per l'invio del reclamo all'Organo di giustizia sportiva e alla Società controparte si può
utilizzare una delle seguenti modalità:
a) consegna diretta, con rilascio della ricevuta da parte del Comitato e/o della
Società destinatari;
b) raccomandata;
c) Fax: la documentazione cartacea va inviata via fax; per quanto riguarda l'invio
alla controparte va esibita la ricevuta del fax corrispondente al numero indicato
da quella società al Comitato;
d) E-mail: gli atti vanno inviati all'indirizzo e-mail del Comitato e per quanto attiene
la sottoscrizione la stessa si ritiene valida se l'invio
avvenuto all’ email
notificato al CSI all'atto dell'affiliazione e/o dell'iscrizione alla manifestazione.
Per quanto riguarda la notifica alla controparte, tale compito viene assolto con l'invio
all'indirizzo e-mail della stessa notificato al CSI all'atto dell'affiliazione e/o dell'iscrizione
alla manifestazione.
La tassa reclamo, se non acclusa agli atti inviati, va versata direttamente alla segreteria
del Comitato.
L'organo di primo grado (GU, CD, CDN) deve pronunciarsi su ogni reclamo entro il
termine di giorni 8 dal suo ricevimento; qualora fosse impossibilitato a farlo per motivi
di forza maggiore o per l'allungamento dell'istruttoria, il GU, la CD o la CDN, dispone la
rinnovazione stabilendo un ulteriore termine pubblicando tale sua deliberazione sul
Comunicato Ufficiale.
L'Organo di giustizia sportiva deve comunque pronunciarsi prima che si concluda la
manifestazione o la fase intermedia propedeutica ad una fase successiva del torneo cui
l'istanza si riferisce e tenendo conto, per l'attività locale e regionale, della possibilità che
una delle parti presenti istanza di revisione alla CGC o alla CGR. In caso contrario il
presidente della struttura che organizza la fase interessata al risultato del reclamo,
sospende il proseguimento dell'attività e impone un termine massimo di 5 giorni
all'Organo giudicante per la pronuncia. In difetto rimette il caso alla Sezione per le
Garanzie la quale, se ne accoglie le motivazioni, lo assegna ad un Organo di giustizia
sportiva di pari livello di un altro Comitato o di un'altra regione o, se si tratta di una
CDN, ad un'altra CDN per l'immediata pronuncia.
In caso di inerzia da parte degli organi del CSI, possono rivolgersi alla Sezione per le
Garanzie tutti gli interessati alla risoluzione del procedimento.
C-22) Le tasse dei reclami accolti, anche parzialmente, sono restituite; vengono
incamerate in ogni altra ipotesi, ivi compresa quella del ritiro del reclamo stesso.
C-23) OSSERVAZIONI
Qualunque tesserato può indirizzare al Giudice Unico o alla Commissione Tecnica
Pallavolo osservazioni scritte, che non costituiscono preannuncio di reclamo e non
vincolano gli organi giudicanti ad agire.
C-24) CONOSCENZA DEI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI
I provvedimenti disciplinari si intendono conosciuti, con presunzione assoluta, a far data
dalla loro pubblicazione sul comunicato CSI e sul sito http://aversa.csi-net.it e/o sulla
pagina FB dedicata.
PARTE D: ISTANZA DI REVISIONE DELLE DECISIONI DEL GIUDICE UNICO
D-1) In relazione alle decisioni e ai provvedimenti assunti dagli organi di prima istanza
per l'attività locale e regionale (GU o CD) è ammessa la proposizione di una istanza di
revisione da presentarsi rispettivamente alla Commissione Giudicante del Comitato e
alla Commissione Giudicante Regionale.
D-2) L'istanza di revisione non è ammessa per le sanzioni dell'ammonizione, delle
squalifiche sospese condizionalmente e per quelle la cui durata effettiva sia di una sola
giornata o inferiore a 7 giorni, e per le ammende il cui importo sia pari a quello minimo
previsto annualmente dalla Direzione Tecnica Nazionale.
D-3) L'istanza di revisione va presentata entro 3 giorni dalla pubblicazione sul
Comunicato Ufficiale della decisione di cui si chiede la revisione. Se il terzo giorno cade
in giorno festivo il termine si intende spostato al primo giorno non festivo utile.
Qualora si riferisca al risultato di una gara, copia della stessa va inviata alla controparte
e tale invio va dimostrato alla CGC o alla GGR.
L'istanza di revisione riguardante il risultato di una gara o la sanzione a carico di una
Società, va presentata dalla Società stessa e sottoscritta dal legale rappresentante con
le modalità di cui al precedente art. 51; quella riguardante una sanzione a carico di un
tesserato può essere presentata e sottoscritta indifferentemente dal tesserato
interessato o dalla Società di appartenenza.
Per l'invio dell'istanza di revisione alla CGC o alla CGR e alla eventuale Società
controparte vigono le stesse modalità previste nell'art. 76.
La CGC o la CGR deve pronunciarsi su ogni istanza di revisione entro il termine di giorni
8 dal suo ricevimento; qualora fosse impossibilitata a farlo per motivi di forza maggiore
o per l'allungamento dell'istruttoria, il presidente della CGC o della CGR dispone la
rinnovazione, stabilendo un ulteriore termine pubblicando tale sua deliberazione sul
Comunicato Ufficiale.
La CGC o la CGR deve comunque pronunciarsi prima che si concluda la manifestazione o
la fase intermedia propedeutica ad una fase successiva del torneo cui l' istanza si
riferisce.
In caso contrario il presidente della struttura che organizza la fase interessata al
risultato del reclamo, sospende il proseguimento dell'attività e impone un termine
massimo di 5 giorni all'Organo giudicante per la pronuncia. In difetto rimette il caso alla
Sezione per le Garanzie la quale, se ne accoglie le motivazioni, lo assegna ad una CGC o
ad una CGR di un altro Comitato o di un'altra regione per l'immediata pronuncia.
In caso di inerzia da parte degli organi del CSI possono rivolgersi alla Sezione per le
Garanzie tutti gli interessati alla risoluzione del procedimento.
Le CGC o le CGR non hanno il potere della "reformatio in pejus" (di aumento) delle
sanzioni disciplinari inflitte dai GU o dalle CD..
PARTE E: NORME COMPLEMENTARI PER I CAMPIONATI GIOVANILI
consigliato solo per le categorie
E-1) Nei campionati giovanili l’utilizzo del libero
superiori alle Allieve.
E-2) Altezza rete attività giovanile: Minivolley (U8-U10-U12) 2,00 m; Under 13 2,15 m;
Under 14 F 2,15 m; Under 14 M 2,24; Under 14 misto 2,20; Allieve, Juniores F e Open F
2,24 m; Open M 2,43 m, Open misto 2,35 m.
PARTE F: NORME COMPLEMENTARI PER I CAMPIONATI
"OPEN MASCHILE e FEMMINILE"
F-1) Ai Campionati possono prendere parte tutti gli atleti senza limiti di età, purché
regolarmente tesserati CSI. La categoria Open, per la stagione sportiva 2013/2014,
comprende solamente atleti/e nati negli anni 1998 e precedenti
F-2) L'altezza della rete è fissata in mt. 2,43 per gli uomini e in mt. 2,24 per le donne.
VARIE
G-1) Per tutti i Campionati e Tornei provinciali ogni squadra deve iscrivere a referto un
numero minimo di 6 giocatori; il numero massimo è di 13.
G-3) COPPA DISCIPLINA
È istituita, per ogni categoria, la classifica per la Coppa Disciplina.
La stessa sarà compilata attribuendo ad ogni squadra un determinato numero di
punteggi in relazione alle sanzioni disciplinari subite dalla squadra, dagli atleti, dai
tecnici, dai dirigenti e dai sostenitori.
La Coppa Disciplina verrà assegnata alla squadra che avrà raggiunto il minor numero di
punti.
L’eventuale finale Regionale è parte integrante dello stesso campionato; la rinuncia a
disputarlo è regolato dal regolamento sanzioni e la cauzione verrà incamerata per
intero.
G-4) FIPAV/CSI
È consentita la partecipazione alle attività di pallavolo degli atleti tesserati alla FIPAV a
condizione che lo siano:
a. per la stessa Società sportiva FIPAV/CSI. e pertanto:
- il tesseramento degli atleti avvenga entro il 28 febbraio della stagione sportiva di
riferimento;
- nel corso dello stesso anno sportivo non abbiano preso parte a gare ufficiali federali
dalla Serie D in su, con eccezione per gli atleti che non abbiano compiuto i 16 anni d’età
all’atto del tesseramento. Per questi atleti non sussiste alcun divieto o limitazione di
Serie o di Categoria della FIPAV.
b. per un’altra Società sportiva (non affiliata al CSI). E pertanto:
- il tesseramento degli atleti avvenga entro il 28 febbraio della stagione sportiva di
riferimento;
- nel corso dello stesso anno sportivo non abbiano preso parte a gare ufficiali federali
dalla serie D in su;
- gli atleti FIPAV tesserati per una Società CSI debbono presentare all’atto del
tesseramento CSI, per iscritto, il “nulla osta” rilasciato dalla Società FIPAV. In questi
casi l’atleta può gareggiare contestualmente sia nel
Campionato CSI che in quello FIPAV, fermo restando i limiti di Serie e Categoria
espressi nel presente comma, lettera b.
La violazione del precedente articolo comporta le sanzioni previste agli artt. 62 e/o 70
del Regolamento di Giustizia sportiva CSI.
Le sanzioni disciplinari superiori ai sei mesi comminate dagli Organi giudicanti della
FIPAV e del CSI hanno piena validità anche per l’altro Ente, purché tempestivamente
comunicate. Esse sono estese indistintamente alle discipline della pallavolo e della
pallavolo mista.
Solo ed esclusivamente per la pallavolo Mista, gli atleti e le atlete tesserati con Società
sportive che partecipano ai campionati CSI di pallavolo nelle varie categorie, possono
tesserarsi e giocare nel campionato per la categoria Mista con un’altra Società, a
condizione che la Società di primo tesseramento CSI non partecipi al campionato per la
categoria Mista e conceda, precedentemente all’ulteriore tesseramento, il “nulla osta”
scritto in tal senso
G-5) Per quanto non contemplato nel presente Regolamento, vigono le norme del
Regolamento di Giustizia Sportiva, le norme per l'attività sportiva e le disposizioni
regolamentari per le discipline sportive contenuti in sport in regola 2013 del Centro
Sportivo Italiano e, per quanto non in contrasto con le presenti norme, i Regolamenti
FIPAV.
G-6) RESPONSABILITA’
La Presidenza nazionale del Centro Sportivo Italiano, unitamente alle Presidenze
regionali e ai Comitati provinciali e circoscrizionali interessati, declina ogni e qualsiasi
responsabilità per eventuali danni o incidenti ad atleti o terzi, fatto salvo quanto
previsto dalla parte assicurativa del tesseramento.
La Commissione Provinciale PVO CSI Caserta
Caserta, 20/08/2014

Documenti analoghi