il Marcellin…o - Istituto Marcelline Arona

Commenti

Transcript

il Marcellin…o - Istituto Marcelline Arona
il Marcellin…o
newsletter dalle scuole della casa di Arona
IL FONDO
“Mille passi…”
“Mille
passi
cominciano
sempre da uno” dice la nonna
ad Awili e a Ojok che le
riferiscono la loro gioia perché
hanno piantato i piccoli alberi
intorno al pozzo. Chi non legge
il Sogno di Awili, non può
capire, ma noi che stiamo
addirittura mettendo in scena
un musical su questa storia
eccezionale, noi quella pagina
l’abbiamo già letta perché è
una delle prime del libro.
Ma…cosa c’entra questo con
l’articolo
di
fondo
che
nell’Anno della fede vuole
toccare appunto la fede?
Perché, vedi, ogni cammino
comincia con il primo passo,
anche quello dell’incontro tra
me e Dio. Dio si è mosso da
sempre verso di me, verso di
te, verso tutti e aspetta che io,
tu, tutti facciano il primo passo
verso di Lui. E ogni giorno
ricomincia la sua attesa,
ricomincia ad aspettare coloro
che non ce la fanno, quelli che
non si accorgono neanche di
Lui, quelli che pensano che si
può vivere benissimo senza di
Lui, quelli che lo sentono un
impiccio, uno scomodo, un
ostacolo alla loro felicità. Che
strano! Eppure Lui è in attesa
perché tu faccia il passo verso
la Felicità: non ti accorgi che
senza di Lui, dentro di te senti il
vuoto? Non hai sperimentato
che la tua vita è veramente
piena quando ci metti non le
cose, ma le persone da
amare?E il primo passo quale
può essere…per essere felice,
dico.
sr. Laura
Primaria
DINOSAURI, CHE PASSIONE!
La III al Museo di Storia naturale
Giovedì 17 gennaio i bambini di
terza Primaria sono partiti pieni di
entusiasmo per la loro gita al
Museo di storia Naturale di
Milano! Tutta la giornata doveva
essere
dedicata
alla
paleontologia… e così è stato! I
bambini si erano interessati già a
scuola a dinosauri e fossili e
durante la gita hanno potuto
sperimentare le loro conoscenze e
approfondire l’argomento. Infatti
la guida era molto preparata e ha
potuto chiarire bene le idee alla
classe sia durante la visita alla
collezione del Museo, sia nel
pomeriggio durante il laboratorio.
Dopo pranzo infatti i bambini
hanno lavorato manualmente
nella produzione del calco di un
fossile e nella ricerca di “veri”
fossili con paletta e secchiello tra
la sabbia. Tutto è stato affrontato
con interesse ed entusiasmo e la
giornata ha lasciato in tutti un
bellissimo ricordo!
Secondaria
gennaio 2013
Mostra
“UNO SGUARDO AL PASSATO”
“La storia siamo noi” recitava una
celebre canzone di De Gregori.
Profondo, ma chiaro per i nostri
ragazzi? Affascinati dal presente
cui si affacciano in un mix di
energia, novità e tecnologia,
rischiano di confinare la storia a
disciplina ammuffita dentro le
pagine di un libro! La prof. Taioli,
appassionata cultrice di antichità
ed ambiente, ha trovato il modo di
attualizzare questa storia e
così…ecco a voi una mostra
veramente interessante realizzata
dagli allievi di III ed allestita nella
sala dell’atrio. La raccolta propone
oggetti, foto e documenti – alcuni
dei veri cimeli -raccolti dagli allievi
nelle soffitte, a casa dei nonni, tra
i
tesori
gelosamente
ed
affettuosamente conservati da
ciascuna famiglia.
Sono proprio
questi oggetti,
spesso di uso comune, a
permetterci di comprendere il
mondo di oggi grazie a quello che
ci hanno lasciato gli uomini e le
donne di ieri. “Questa mostra
serve a far capire, attraverso i
ricordi famigliari che il passato è
davanti ai nostri occhi e che basta
anche un semplice sguardo
per farci rendere conto che noi lo
ereditiamo tutto.”
Primaria
Secondaria
GIORNATA SULLA NEVE
Anche quest’anno siamo arrivati
al consueto appuntamento sulla
neve! Un’intera giornata di sci
sulle pendici del Mottarone. Al
mattino tutti a lezione con i
maestri della “Scuola 360° ” per
imparare o perfezionarsi nella
nobile arte dello spazzaneve. Il
pomeriggio poi interamente
all’insegna del divertimento con
le nuove attrazioni sulla neve:
scivoli, la giostra Alpiland e
persino i…balli di gruppo sulla
neve! Rientro abbronzati e
sfiniti!
della Tecnica con percorsi didattici
differenziati. Per entrambe le
classi, visita guidata all’interno del
sommergibile. Gli alunni si sono
divertiti a giocare con i robot
presenti all’interno del Museo ed
hanno apprezzato alcune delle
invenzioni di Leonardo da Vinci.
Alle 13,30 pranzo al McDonald’s e
giro in piazza Duomo. Questa
visita è stata l’occasione per
conoscere da vicino la storia delle
principali scoperte scientifiche il
cui studio appartiene al percorso
curricolare della scuola Primaria.
Rubrica
UNA STELLA PER RIFLETTERE
“Il lasciapassare”
di Bruno Ferrero
da “E’ di notte che si vedono le stelle”
Primaria
LEONARDO E IL SOTTOMARINO
Tutti a bordo del sommergibile
Toti
per
un’imperdibile
avventura
all’insegna
della
cultura e del divertimento.
Giovedì 17 gennaio le classi IV e V
si sono recate a Milano per
visitare il Museo della Scienza e
Una volta, un uomo bussò alla
porta del cielo e chiese di essere
accolto
in
Paradiso.
“Puoi
rimanere qui solo se torni sulla
Terra e porti la cosa più preziosa
che trovi”.
Molto triste l’uomo tornò sulla
Terra e si diede da fare finché
riuscì a entrare in possesso dei
gioielli della corona del re Ciro. E
portò i magnifici gioielli della
corona alla porta del cielo. Ma gli
angeli guardiani scossero la testa:
”Questo non significa niente qui.
Le nostre strade sono lastricate di
pietre preziose. Tutti i nostri muri
sono fatti d’oro. Non ha alcun
valore.
Questo non è altro che una cosa
comune, qui.”
L’uomo se ne tornò triste sulla
Terra e ricominciò a cercare.
Visitando un museo scoprì,
abbandonata in un angolo, la
spada di Alessandro Magno. La
portò in Paradiso. Ma gli Angeli
inesorabili: ”Tutto il potere della
Terra qui non significa niente”.
“Scendi di nuovo e portaci qualcosa
di molto prezioso.”
L’uomo tornò sulla Terra. Cercò e
cercò finché nella vecchia biblioteca
di un monastero ormai ridotto a un
rudere, trovò i detti inediti della
Sapienza di Salomone.
Portò il suo tesoro in cielo. “La
saggezza del mondo non ha più
senso qui” gli dissero.
Così tristemente tornò di nuovo
sulla Terra. Studiò e studiò, camminò
e camminò. Provò di tutto. Un
giorno, si sedette stremato sulla
panchina di un piccolo giardino
pubblico. Era molto stanco. Nella
buca della sabbia i bambini
giocavano.
La voce di un bimbo lo scosse. Aveva
le lacrime agli occhi e le mani
impiastricciate di sabbia.
“Signore non riesco a fare il tunnel,
mi aiuti?”
L’uomo asciugò le lacrime del
bambino e si inginocchiò nella
sabbia.
Scavò finché non riuscì a costruire
una galleria abbastanza resistente. Il
bambino riprese a far correre le sue
palline colorate.
Proprio in quel momento l’uomo fu
richiamato in Cielo. Mostrò le sue
mani agli angeli guardiani. Erano
vuote, tranne qualche traccia della
lacrime del bambino e alcuni granelli
di sabbia.
Era rassegnato ad un nuovo rifiuto,
invece gli angeli sorrisero e
spalancarono la porta, mentre il
coro dei beati intonava il grande
Alleluia di benvenuto.
La password per il Regno dei Cieli ha
cinque lettere e comincia per “ a ”.
Appuntamento
‘l’aperitivo intelligente’
mercoledì
20 febbraio 2013 alle 18,30
…MALAGA, arriviamo!

Documenti analoghi