Avanti tutta, a passi da formica

Commenti

Transcript

Avanti tutta, a passi da formica
ritti e per far comprendere che si è in primo to è dovuto all’impegno di professionisti,
che vivendo la disabilità sulla propria pelle
luogo persone.
Inoltre, disturba molto quell’aura di com- hanno aperto delle strade, come il grande e
passione che non di rado permea articoli, compianto Franco Bomprezzi. È come se il
servizi e/o persino semplici note di agenzia; principio delle Paralimpiadi si stesse afferè possibile trattare queste tematiche anche mando gradualmente in tutti i campi dell’atcon leggerezza, oserei dire con il sorriso sulle tività umana. Dalla politica allo spettacolo
labbra. Un altro aspetto che reputo fastidio- al giornalismo e così via. In Italia siamo in
so è il voler sempre parlare per categorie, an- tanti a voler mettere a dispoche quando si racconta la storia di un singolo. sizione la nostra esperienza,
Non è che, se vi sono ciechi che hanno par- il nostro diverso punto di viticolari attitudini o sono eccellenti musicisti, sta sul mondo, per raccontaciò significa che tutti coloro che hanno pro- re e fare informazione. Tra
blemi di vista debbano esserlo per forza, co- i fenomeni recenti, ricordo
sì come, non è che tutti i disabili sono buoni, l’irriverente Iacopo Melio di
o tutti diffidenti, o tutti bravi. Abbiamo pre- #vorreiprendereiltreno, che è
gi e difetti in quanto singoli, in quanto per- ormai diventato un fenomesone, non a seconda della disabilità.
no mediatico. PersonalmenGrazie alla rete e ai social si sta diffonden- te la mia vita professionale è
Noria Nalli, giornalista, è
do una tipologia di comunicazione che parte cambiata dopo aver scoper- nata
nel borgo medievale di
direttamente da noi, attraverso pagine Face- to di avere la sclerosi multi- Montagnana (Padova) nel 1965;
book, blog o radio web. Ritengo positivo che pla. Le persone con disabilità all’età di un anno si trasferisce
i comunicatori disabili raccontino se stes- stanno uscendo allo scoper- a Torino con la sua famiglia.
si e rappresentino le proprie istanze. Certo to e si raccontano, emoziona- Laureata in Filosofia, è sposata
occorre evitare di divenire autoreferenziali, no e catalizzano il pubblico. e madre di due ragazze di 15
ma far sentire la nostra voce è indubbiamen- In questo fenomeno la dif- e 24 anni. Attualmente cura il
La stampella di Cenerentola
te un grosso salto di qualità. Ciò tuttavia non fusione dei blog e dei social blog
su lastampa.it. Collabora anche
deve condurre a ritenere superflua la narra- network è stata determinan- con Vita non profit, Famiglia
zione fatta da esterni, poiché essa sicuramen- te. È un progresso epocale, Cristiana, Confidenze e Vanity
te può aiutarci a comprendere meglio come ma ripeto, siamo solo all’ini- Fair. Ha curato una rubrica
e cosa gli altri vedono in noi, in alcuni casi zio. I media italiani parlano settimanale sul tema della
può rappresentare quasi una forma di me- di disabilità, ma raramen- disabilità su Radio Flash di
diazione, un non trascurabile momento di te lo fanno in modo corret- Torino. Ha scritto tre libri.
reciproca crescita e arricchimento.
to e rispettoso. Il mondo del
giornalismo “normodotato” ci guarda ancora con pietismo, in maniera ghettizzante. Si
cercano quasi solo eventi a effetto che fanNoria Nalli
no scalpore, ma si dimentica l’importanza
dell’analisi seria e quotidiana. Questo per
parlare dell’Italia. Devo dire che anche all’estero si è ben lontani dall’essere perfetti, ma
on passetti lenti, quasi da formica direi, esistono comunque tradizioni più consolidail modo di affrontare il tema disabili- te. Da malata di sclerosi multipla non postà dell’informazione italiana, sta cam- so non ricordare l’Inghilterra, che ha creato
biando. Oggi si parla di più e talvolta meglio Shift sm, un para-social network interamendella realtà delle persone disabili. Ma so- te dedicato alla sclerosi. Importante sottolino appunto progressi davvero lenti. Mol- neare che è fatto benissimo.
Avanti tutta,
a passi da formica
C
SuperAbile INAIL
17 Dicembre 2016

Documenti analoghi