POF 2015 2016da pubblicare

Commenti

Transcript

POF 2015 2016da pubblicare
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA
ANNO SCOLASTICO 2015- 2016
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
INDICE
•
Notizie utili
pag.4
•
Premessa
pag.5
•
Il Piano dell’Offerta Formativa
pag.6
IL CONTESTO SCOLASTICO
pag.7
•
Presentazione dell’Istituto Comprensivo
pag.7
•
I soggetti della scuola
pag.10
•
Organigramma A.S. 2015/16
pag.14
IL CONTESTO TERRITORIALE
pag.16
•
Mappatura del territorio
pag.16
•
Raccordo con gli Enti Locali e l’Associazionismo
pag.16
•
Associazioni presenti nella scuola
pag.18
•
Analisi dei bisogni e delle aspettative dell’utenza
pag.19
LE SCELTE EDUCATIVE
pag.20
•
pag.20
I principi fondanti dell’I.C
LA VALUTAZIONE DIDATTICA
pag.26
•
La griglia di valutazione del comportamento
pag.26
•
Griglia di valutazione disciplinare della Scuola Secondaria di Primo grado
pag.27
•
Certificato delle competenze
pag.33
•
Criteri di valutazione per gli esami di Stato
pag.33
•
Griglia di valutazione trasversali sulle abilità e competenze della Scuola Primaria
pag.40
IL CURRICOLO
pag.43
•
Il nuovo curricolo
pag.43
•
Il Curricolo nella scuola dell’infanzia
pag.45
•
Il primo ciclo di istruzione
pag.46
•
Curricolo obbligatorio nella scuola primaria
pag.47
•
Curricolo obbligatorio scuola secondaria di primo grado
pag.51
•
Attività alternativa alla religione cattolica
pag.54
•
Educazione alla cittadinanza
pag.55
•
Vivere nella legalità
pag.55
2
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE
pag.57
CULTURA DELL’INCLUSIONE
pag.57
•
Inclusione degli alunni diversamente abili
pag.57
•
Alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA)
pag.58
•
Alunni con Bisogni Educativi Speciali
pag.59
•
Alunni stranieri
pag.60
AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA
•
pag.61
Campi di potenziamento con richiesta di organico funzionale
(MIUR prot.n.0030549-21/09/2015)
pag.61
•
Progetti di solidarietà
pag 63
•
Progetti di potenziamento
pag.63
ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELL’ISTITUTO
pag.64
•
Aggiornamento e Formazione dei docenti
pag.64
•
Rapporti scuola – famiglia
pag.65
•
Sicurezza
pag.65
•
Privacy
pag.66
ALLEGATI AL POF 2015/2016
3
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
NOTIZIE UTILI
DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof.ssa Simona Crea
D.S.G.A.
Rag. Patrizia Calderone
INDIRIZZOPiazza Filattiera 84- III Municipio- Distretto 12- Roma 00139
TEL.
068102978
FAX
0688386385
CODICE MECCANOGRAFICO
RMIC8EG00Q
C.F.
97198810588
E-MAIL
[email protected]
PEC
[email protected]
SITO
www.filattiera84.gov.it
RICEVIMENTO DEL PUBBLICO
SEGRETERIA
Lunedì:
dalle 14.30 alle 16.30
Martedì:
dalle 9.00 alle 11.00
Giovedì: dalle 11.00 alle 13.00
Nei mesi di luglio e agosto il ricevimento pomeridiano sarà sospeso
4
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
PREMESSA
L’ Istituto Comprensivo “Piazza Filattiera 84” nasce dall’aggregazione, avvenuta a partire
dal 1° settembre 2012, del 164° Circolo Didattico “ Ernesto Chiovini”, che comprendeva i
plessi Chiovini e Torricella Nord di Scuola dell'Infanzia e Scuola Primaria, con la Scuola
Secondaria di primo grado “Piazza Filattiera 84”, costituita dalle sedi Silone (ora non più
esistente), Vico, Toscanini, con la conseguente soppressione delle precedenti istituzioni
scolastiche autonome. L’Istituto intende garantire un processo di continuità didattica per la
fascia evolutiva degli alunni dai 3 ai 14 anni. Il confronto tra docenti permette di facilitare il
passaggio da un livello scolastico all’altro, di impostare progetti comuni, di valorizzare
interessi e capacità dei ragazzi e di mettere in comune le risorse.
Nel passaggio degli istituti scolastici da unità distinte a soggetto aggregato, sono emerse
nuove dimensioni del cambiamento organizzativo:
Dall’anno scolastico 2013-2014 IC Piazza Filattiera si è inserito nella “Rete scolastica del
III – IV municipio” e dal 2015-2016 nella “Rete scuole montessoriane”, ciò consente uno
scambio e potenziamento sul piano organizzativo delle risorse e nella rete con le scuole
che partecipano al progetto “Le français est un jeu d’enfant” in collaborazione con
l’Ambasciata di Francia.
5
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
IL PIANO DELL’OFFFERTA FORMATIVA
Il POF è “il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle
istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare,educativa
ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia” (DPR n.
275 del 1999). Esso è un documento di tipo rappresentativo, nel senso che rende esplicita
la progettazione delle attività formative elaborata dalla scuola, descrivendo nei tratti
essenziali l’identità culturale della stessa.
Il Piano dell'offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi
generali per le attività della scuola. Il Piano è adottato dal consiglio di Istituto.
Definendo l’identità di scuola, esso ne orienta e determina altri quattro aspetti
fondamentali della scuola, contenuti nei seguenti documenti:
•
la Carta dei Servizi, che ritrova nel POF i riferimenti essenziali per i principi
fondamentali, i fattori di qualità, gli standard, i criteri di valutazione del servizio,le
modalità di ascolto della percezione della soddisfazione degli utenti.
•
Il Regolamento di Istituto che guida la vita interna della scuola.
•
il Programma annuale, su cui si basa la gestione finanziaria della scuola, definendo
la politica delle entrate e degli investimenti e descrivendo ogni singolo progetto.
•
la Progettazione educativa e didattica, che connota le modalità di insegnamento –
apprendimento.
6
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
IL CONTESTO SCOLASTICO
PRESENTAZIONE DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO
L’istituto Comprensivo si compone di cinque sedi:
Scuola secondaria di primo grado G.B. VICO piazza Filattiera, 84
Scuola secondaria di primo grado A. TOSCANINI, via Flavio Andò, 15
Scuola dell'Infanzia e Scuola primaria TORRICELLA NORD, via Calcinaia 44
Scuola dell'Infanzia e Scuola primaria E. CHIOVINI, via G. Zirardini, 6
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
SEDEG.B. VICO
Nella sede G.B.Vico, ubicata in Piazza Filattiera, 84 – 00139
Roma – tel. 06 8102978, si trovano la sede del Dirigente
scolastico e gli uffici amministrativi dell'intero istituto.
La scuola è dotata di palestra, con relative attrezzature
sportive, biblioteca, laboratorio di informatica in rete con
lavagne interattive, attrezzature audiovisive, laboratorio
artistico, laboratorio scientifico; risorse strumentali a supporto
della didattica (fotocopiatrici, postazioni multimediali,
registratori, ecc.).
Accoglie gli alunni delle sezioni: A – B – C – D – E - G
Le lezioni iniziano alle ore 8.15 per cinque giorni, dal lunedì al venerdì, per 6 ore da 60
minuti, con due intervalli didatti di 10 minuti e terminano alle ore 14.15.
SEDE ARTURO TOSCANINI
La sede si trova in via Flavio Andò 15 - 00139 Roma - tel.06
8811464.La scuola è dotata di palestra, con relative attrezzature
sportive, biblioteca, laboratorio di informatica in rete con lavagna
interattiva, attrezzature audiovisive, laboratorio scientifico,
laboratorio artistico,laboratorio linguistico; risorse strumentali a
supporto della didattica (fotocopiatrici, postazioni multimediali,
registratori, ecc.).
In questa sede è inoltre presente un teatro utilizzato anche per le attività musicali e
strumentali.
7
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
La Toscanini accoglie le sezioni: F - L – M. Le lezioni iniziano alle ore 8.15 per cinque
giorni, dal lunedì al venerdì, per 6 ore da 60 minuti, con due intervalli didatti di 10 minuti e
terminano alle ore 14.15.
La sezione M è ad indirizzo musicale, insegnamento istituzionalizzato a partire dal 1999
con la legge 124 (gli alunni inseriti nella sezione M, oltre al Curricolo obbligatorio del
mattino, seguono lezioni di strumento e di teoria musicale, mediamente per due rientri
pomeridiani.)
La sezione F dall’a.s. 2014/2015 sta sperimentando l’uso di testi digitali su tablet (classe
2.0), grazie a un progetto finanziato dai genitori.
SCUOLA DELL’INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA TORRICELLA NORD
Scuola dell'Infanzia tempo breve e Scuola Primaria Torricella
NordVia Calcinaia, 44 - 00139 ROMA (RM) - tel. 068120261.
La scuola dispone di risorse materiali per rispondere
adeguatamente alle esigenze educative e formative dell’utenza.
Nei plessi sono allestiti: laboratorio informatico, servizio pre-post
scuola, aula sussidi audiovisivi, biblioteca, palestra, refettorio, cortile esterno, servizi
igienici adeguati alla popolazione scolastica.
Nella Scuola dell’infanzia vengono garantiti i seguenti orari di funzionamento:
Tempo pieno 40h settimanali per 5 giorni dalle ore 8.00 alle ore 16.00 nelle 3
sezioni del plesso Torricella Nord – Via Podenzana
Tempo breve :25h settimanali per 5 giorni dalle ore 8.00 alle ore 13.00 nelle 3
sezioni del plesso Torricella Nord- Via Calcinaia
Nella Scuola primaria vengono garantiti i seguenti orari di funzionamento:
Tempo pieno a 40 ore: ingresso: ore 8.30 – uscita: ore 16.30 dal lunedì al
venerdì.
Tempo a 35 ore: classe VC ingresso ore 8.30 – uscita ore 15.30 dal lunedì al
venerdì.
Tempo a 27 ore: IC lun., mar.,giov. dalle 8.30 alle 13.30, merc dalle 8.30 alle
16.30; ven. dalle 8.30 alle 12.30; IIIC lun., mer., giov. dalle 8.30 alle 13.30, mar.
dalle 8.30 alle 16.30; ven. - dalle 8.30 alle 12.30;V D mart., merc., giov. dalle 8.30
alle 13.30, lun. dalle 8.30 alle 16.30; ven. dalle 8.30 alle 12.30.
8
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
SCUOLADELL’INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA E.CHIOVINI
Scuola dell'Infanzia e Scuola primaria Ernesto Chiovini, via G.
Zirardini, 6.
La scuola primaria statale Ernesto Chiovini si trova nel quartiere
Nuovo Salario: una zona verde alle spalle del Pontificio Ateneo
Salesiano. Lo stesso edificio ospita anche la scuola dell'infanzia
Montessori, costituita da tre sezioni che si avvalgono di una metodologia didattica basata
sull’utilizzo di uno specifico materiale strutturato.
La scuola dispone di risorse materiali per rispondere adeguatamente alle esigenze
educative e formative dell’utenza, quali: laboratorio informatico, laboratorio espressivo e
manipolativo, aula sussidi audiovisivi, aula pre-post scuola, biblioteca, palestra, refettorio,
giardino esterno, servizi igienici adeguati alla popolazione scolastica
Per la scuola dell’infanzia vengono garantiti i seguenti orari di funzionamento:
tempo pieno a 40 ore dal lunedì al venerdì; ingresso: ore 8.00 – uscita: ore 16.00
Nella scuola primaria vengono garantiti i seguenti orari di funzionamento:
tempo pieno a 40 ore:dal lunedì al venerdì; ingresso ore 8.30 – uscita: ore 16.30
9
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
I SOGGETTI DELLA SCUOLA
CHI
Glialunni
CHE COSA
COME
Sono i protagonisti
nel processo e
dialogo formativo
Partecipando
Sono chiamati
all’impegno e
gradualmente alla
riflessione critica sui
processi e sui
contenuti
Elaborando
Ascoltando
QUANDO
Durante attività
organizzate
Durante attività
libere
Eseguendo
Proponendo
Confrontando
Scegliendo
Gli insegnanti
Individuano i bisogni
formativi di ogni
alunno
Prestando attenzione
alle richieste degli
alunni
Creano condizioni
favorevoli
all’apprendimento
Personalizzando
l’insegnamento
Favoriscono rapporti
interpersonali
Programmano gli
obiettividi
apprendimento in
base alle nuove
indicazioni nazionali
Verificano il
conseguimento degli
obiettivi e il
raggiungimento dei
traguardi previsti
dalle nuove
indicazioni nazionali
Stabiliscono tra loro
rapporti di
collaborazione e
corresponsabilità
Rafforzando
l’autostima
Innovando la
didattica
Sperimentando
Esercitando la
trasparenza nel
lavoro didattico e
nella valutazione
Durante la
stesura del POF,
la
programmazion
e didattica ed
educativa
Durante lo
svolgimento
delle lezioni e
delle attività
educative
Nei consigli di
classe, di
interclasse, le
riunioni degli
insegnanti
Negli incontri di
aggiornamento
e formazione
Durante gli
incontri ed i
colloqui scuolafamiglia
10
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
Stabiliscono rapporti
collaborativi con le
famiglie
armonizzando le
richieste educative
Si relazionano con i
servizi del territorio
nell'interesse del
minore
Si impegnano per
educare gli alunni al
rispetto degli altri, dei
beni comuni e
dell’ambiente
Promuovono pratiche
di inclusione e di
solidarietà
La Famiglia
Coopera con la scuola
perché vengano fatte
il più possibile le
stesse richieste
educative
Interviene negli
incontri previsti dagli
organi collegiali
Il dirigente
scolastico
Sostenendo i bambini
e i ragazzi nel
mantenimento degli
impegni assunti a
scuola, nella
graduale
acquisizione di
autonomia e
organizzazione
Interviene nei colloqui
individuali
Tenendosi informata
ed al corrente delle
iniziative della scuola
Presta attenzione ai
processi innovativi
Promuovendo
l’innovazione
È attento alle
richieste della
società, del territorio,
dei docenti, delle
Favorendo gli
incontri e l’utilizzo
delle risorse
Durante tutto
l’anno
Durante gli
incontri ed i
colloqui
Durante
l’assegnazione
delle attività e
degli ambiti
Durante tutto
l’anno
11
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
famiglie e degli alunni
Armonizza tutte le
componenti della
scuola
Sostiene i docenti
nella loro funzione e
formazione
Verificando i
processi
Monitorando le
attività
Coadiuva il dirigente
scolastico nello
svolgimento delle
sue funzioni
organizzative ed
amministrative
Sovrintende ai servizi
generali e
amministrativocontabili e ne cura
l’organizzazione
Durante gli
incontri e le
riunioni
Durante la
contrattazione
Valorizza le risorse
umane e i materiali
DSGA
Durante i
momenti di
programmazion
e
Svolgendo attività di
predisposizione degli
atti amministrativi e
contabili
Durante l’intero
esercizio
finanziario
Redigendo ed
aggiornando le
schede finanziarie,
svolgendo le singole
attività negoziali
Durante l’anno
scolastico
Dirigendo e
coordinando l’attività
degli uffici
Attribuendo incarichi
specifici al personale
ATA alle sue dirette
dipendenze
Organizza l’attività
del personale ATA
nell’ambito delle
direttive impartite dal
dirigente scolastico
Personale di
segreteria
Collaboratori
scolastici
Favorisce
l’organizzazione della
scuola
Contribuendo al
funzionamento
burocratico e
amministrativo
Contribuisce alla
formazione degli
alunni richiamando al
rispetto delle cose e
degli ambienti
Collaborando nei
loro ambiti alla
riuscita delle attività
scolastiche
Contribuisce alla
creazione di un
Sorvegliando e
assistendo i minori
Durante tutto
l’anno
Durante tutto
l'anno
Durante le
attività
scolastiche
Durante le
12
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
ambiente
accoglientee
collaborativo
Contribuisce allo
sviluppo di una
cultura della
solidarietà e
dell’inclusione
al di fuori della
classe
Educando al rispetto
delle cose e degli
ambienti
attività di
raccordo tra
scuola e
famiglie
Durante lo
svolgimento
degli organi
collegiali
13
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
ORGANIGRAMMA SCOLASTICO 2015 - 2016
AREA AMMINISTRATIVA
RSPP
REFERENTE per I
lavoratori (RLS)
Arch.
Filomena Cioffi
COLLABORATORI
Armanda Maurizi
Emilia Melatti
SICUREZZA
DIRIGENTE
Prof.
Crea
Simona
DSGA
Patrizia Calderone
CONSIGLIO D’ISTITUTO
In attesa
elezione
di
nuova
GIUNTA ESECUTIVA
RESP: LABORATORIO
SCIENZE VICO:Adina Marconetti
In attesa
elezione
di
nuova
SCIENZE TOSCANINI: Marina
Nardulli
Collaborator
iscolastici
SEGRETERI
AREA ALUNNI
Annalisa Lena
ARTE VICO: Paola Di Sante,
Barbara Marozza
RESP. DI PLESSO
ARTE TOSCANINI: Paola Di Sante
TORRICELLA: Emilia
Melatti
ARTE CHIOVINI: Clementina
Magrelli
TOSCANINI: Pierluigi
Piermartiri
MUSICA VICO: Beatrice Palma
VICO: Armanda Maurizi
MUSICA TOSCANINI: Vincenza
Gagliardi
CHIOVINI INF: Teresa
De Vito
STRUMENTI: Alberto Zanisi
TORRICELLA INF:
Maria Antonietta Colaci,
Maria Mirabelli
Cinzia De Paolis
Giuseppina Ienopoli
AREA
DOCENTI
Annalisa Lena
Assunta Valori
Stefania Ridolfi
Filomena Cioffi
INFOR. TORRICELLA: Antonella
Metelli
INFOR. CHIOVINI: Giustina
Carlomagno
CHIOVINI PRIMARIA:
Bolghini, Magrelli
INFOR. VICO: Patrizia Bizzarri
INFOR. TOSCANINI: Francesca
Stuppia
PAL.TOSCANINI: Pierluigi
Piermartiri
PAL. VICO: Roberta Scarpa
14
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
AREA DIDATTICA
DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof.ssa Simona Crea
FUNZIONI
STRUMENTALI E
COMMISSIONI
COLLEGIO
DOCENTI
INTERCLASSE:
docenti
rappresentanti
genitori
POF
F.S. M.C.Biggio, A. Domenichini
Commissione
SOSTEGNO E INTEGRAZIONE PER GLI
ALUNNI
CONSIGLI
CLASSE
Silvia Perrone Capano (Infanzia e
Primaria)
e
Ornella
Vitiello
(Secondaria di primo grado).
F.S.
DI
Coordinatore
Docenti
Rappresentanti
genitori
PROGETTAZIONE E RAPPORTI CON IL
TERRITORIO
F.S.Alessandra Celano
REFERENTI
INTERVENTI E SERVIZI PER GLI
STUDENTI (continuità e orientamento)
BES Area2 e Area3: Armanda
Maurizi
Francesca Casamassima (Primaria
e
Infanzia);
Daniela
Montelli
(Secondaria);
ORTO
DIDATTICO
Stefania Salvatori
SOSTEGNO DOCENTI
Luisa Strano
F.S.
ORTO
TOSCANINI:
VICO:
DIDATTICO
F.S. Giustina Carlomagno
RAV e AUTO VALUTAZIONE
F.S. Margherita Cruciani
Commissione
15
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
IL CONTESTO TERRITORIALE
MAPPATURA DEL TERRITORIO
Sul territorio sono presentigli Enti Locali: Comune, Provincia, Regione, Servizi Sociali, Asl
e alcune associazioni o gruppi che a vario titolo entrano in contatto con il nostro istituto. Il
Comune esercita i compiti connessi all’istruzione primaria in materia di l’edilizia scolastica
e di arredi. A carico del Comune sono anche il riscaldamento, l’illuminazione, il telefono, la
manutenzione e il rinnovo del materiale didattico, le biblioteche scolastiche e il loro
incremento, gli attrezzi ginnici, i registri, gli stampati, gli oggetti di cancelleria. Lo Stato
contribuisce erogando con fondi direttamente ai Comuni e alle Province. Gli Enti Locali
hanno inoltre l’obbligo di fornire assistenza per l’autonomia personale degli alunni con
handicap e devono garantire l’assegnazione di assistenti educativi. Spetta ad essi
l’assegnazione di fondi per il diritto allo studio (Legge Regionale Lazio 30 Marzo 1992, n.
29). Le unità sanitarie locali concorrono, invece, nelle fasi di individuazione della persona
con handicap e della loro integrazione scolastica(T.U. D.Lgs. 297 16/4/94).
RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E
L’ASSOCIAZIONISMO
Per implementare la qualità del servizio scolastico sono state
concertate soluzioni in grado di rafforzare i rapporti con il
Territorio e le possibilità offerte dagli E.E.L.L..
I criteri per il raccordo fra l’Istituzione Scolastica e gli Enti
locali territoriali costituiscono una risorsa importante e sono
improntati alla massima collaborazione per realizzare un
impiego efficace ed integrato delle risorse finanziarie e delle
offerte culturali che essi mettono a disposizione delle scuola.
Tra le iniziative indirizzate all’istituzione scolastica richiamiamo le seguenti:
•
Polizia di Prossimità (Commissariato Fidene- Serpentara) - Progetto Scuole Sicure
(Cyber bullismo) per la diffusione della cultura della sicurezza partecipata e il
rispetto delle regole
•
Associazione “Più Culture”: offre corsi di italiano L2 per alunni non italofoni.
•
Associazione
“Giovanni
Palatucci
e
Comunità
Ebraica
di
Roma”
-
Commemorazione giornata della memoria.
•
Iniziative sportive: “Volley scuola” e “La corsa di Miguel” in collaborazione con il III
municipio
•
ASL Territoriale: Progetto di Educazione alla salute
•
Associazioni per la formazione e l’aggiornamento dei docenti
16
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
•
Onlus “Bambino oggi … uomo domani”
•
Associazione “AdoleScienza” – sportello ascolto
•
Associazione “Insieme per la dislessia” – consulenza mensile
•
Collaborazione con l’Università Roma III
•
Biblioteca Flaiano
•
Associazioni interculturali “Baobab e Tam – Tam Village”
•
Onlus “Il filo della vita”
•
Associazione “Cuore di Sport”
•
Fondazione “Ut vitam habeant” per amare la vita
•
Associazione “Un passo in più” – sportello di ascolto per gli studenti
Tali iniziative hanno una concreta ricaduta sulla didattica, nel cui ambito rappresentano un
aspetto altamente qualificante, concorrendo al raggiungimento degli obiettivi formativi.
La scuola si apre al territorio, oltre che accogliendo le proposte di Enti e Associazioni,
anche in momenti particolari dell’anno scolastico. Sono momenti di condivisione, in cui si
valorizzano al tempo stesso il contributo degli alunni e l’impegno dei docenti e in cui la
scuola va incontro alle esigenze che vengono da Associazioni e Enti dediti alla solidarietà.
Iniziative a sostegno
della ricerca e della
solidarietà
Mostre mercato di
Natale
LA SCUOLA SI
APRE AL
TERRITORIO
Manifestazioni
Concerti
Mostra del
Libro
17
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
ASSOCIAZIONI PRESENTI NELLA SCUOLA
L’utilizzazione dei locali e delle attrezzature scolastiche al di fuori dell’orario delle lezioni
(prevista dall’art.96del T.U. n.297/94) prevede lo svolgimento di attività che realizzino la
funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile, previa
deliberazione favorevole del Consiglio di Istituto.
L’Istituto Comprensivo offre la possibilità di utilizzare i suoi locali ad Associazioni del
Territorio ed è aperto alle richieste di utilizzo dei propri spazi per iniziative di carattere
sportivo e culturale, purché in linea con le proprie finalità, senza oneri e previa
autorizzazione del Consiglio di Istituto. La collaborazione con le associazioni culturali e
sportive del territorio ha lo scopo di mettere a disposizione degli alunni proposte didattiche
ed educative, congruenti con le linee guida del piano e di promuovere un uso integrato
delle strutture scolastiche anche al di fuori degli orari di lezione per attività sportive e
culturali.
La concessione dei locali e delle attrezzature della scuola è stata accordata ai seguenti
soggetti:
1. A.I.M.A. (Accademia Italiana Musica e Arte), associazione senza fini di lucro che ha
come scopo primario la diffusione della musica colta, attraverso l'organizzazione di
iniziative che possono contribuire alla diffusione e allo sviluppo dell'arte musicale. Per
queste iniziative l’Associazione usufruisce di spazi nel plesso Torricella Nord. Durante
eventi e manifestazioni importanti l’Associazione offre alla scuola momenti musicali a
cui partecipano i bambini della scuola che usufruiscono degli insegnamenti musicali.
2. POLISPORTIVA ACQUAZZURRA e POLISPORTIVA SERPENTARA, che offrono
attività sportive a bambini, ragazzi ed agli adulti del Territorio;
3. POLISPORTIVA NOBEL, che offre attività sportive a ragazzi ed agli adulti del
Territorio, utilizzando gli spazi nel plesso “Toscanini”;
4. C.S.M. Vico Quarta, affiliata CSEN e FIJLKAM; che usufruisce di spazi nel plesso
“Vico”, proponendo attività di ginnastica adulti, basket, ballo, gioca yoga, scherma,
ginnastica ritmica, karate;
5. ASSOCIAZIONE CULTURALE DANZARE, che propone attività di danza classica e
moderna, usufruendo degli spazi nel plesso “Toscanini”;
6. ASSOCIAZIONE SBRIZZI, che gestisce il servizio di pre e post scuola primaria e
dell’infanzia e ora anche nella secondaria di primo grado, reso a domanda individuale e
realizzato come forma di sostegno alle famiglie.
18
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
ANALISI DEI BISOGNI E DELLE ASPETTATIVE DELL’UTENZA
Sulla base di quanto rilevato negli ultimi anni, l'utenza dell’I.C. "Piazza Filattiera 84" risulta
variegata sia sotto il profilo socio ambientale che culturale; inoltre le modalità di
apprendimento sono nel corso degli anni cambiate, così come lo sono i bisogni affettivi e
le risposte comportamentali.
E' possibile, quindi, enucleare il seguente prospetto riassuntivo di riferimento per la
progettazione del P. O. F.:
•
Bisogni formativi degli alunni:
- bisogno di un bagaglio culturale di base e di strumenti operativi e progettuali per
affrontare i problemi della realtà socio-economica e culturale contemporanea;
- bisogno di identità, di appartenenza, di sicurezza, di stima e di autostima;
- bisogno di acquisire un senso critico nei confronti dei modelli culturali dominanti e
una capacità di dialogo con esperienze e culture di diversa provenienza.
•
Bisogni delle famiglie:
- bisogno di partecipazione, di ascolto, di trasparenza e di accesso alle modalità che
regolano il processo educativo.
19
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
LE SCELTE EDUCATIVE
I PRINCIPI FONDANTI
I VALORI
I SAPERI
CONTINUITA'
LA COMUNICAZIONE
CULTURA DELLA
SOLIDARIETA' E
DELL’INCLUSIONE
POTENZIAMENTO
ABILITA' LOGICHE
DI BASE
UTILIZZO CONSAPEVOLE
DEI LINGUAGGI
IDEE AGGREGANTI
E
CONDIVISE
FORMAZIONE
TRASPARENZA
ORIENTATIVA
DEI CRITERI
DI VALUTAZIONE
20
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
I VALORI
• La scuola condivide i valori della Costituzione e quelli relativi ai diritti dell'uomo e della
donna,del cittadino e del bambino;
• La scuola opera per la piena attuazione del riconoscimento e della garanzia della libertà
e dell’uguaglianza (art.2 e 3 della Costituzione), nel rispetto delle differenze di tutti e
dell’identità di ciascuno;
• Alla scuola spetta il compito di fornire supporti adeguati affinché ogni persona sviluppi
un’identità consapevole e aperta;
• La scuola crede che tali valori vadano quotidianamente praticati nella vita scolastica;
• La scuola crede nell'esempio come sistema educativo;
• La scuola ritiene che la pratica dei valori sia fondamentale per il successo
dell'apprendimento di ciascun alunno;
• La scuola ritiene indispensabile e fondamentale l'apporto delle famiglie sulle scelte
educative attraverso la condivisione del patto di corresponsabilità educativa.
CULTURA DELLA SOLIDARIETA’ E DELL’INCLUSIONE
La scuola promuove:
• I valori dell'inclusione e della solidarietà attraverso l’educazione al rispetto e alla
valorizzazione delle diversità;
• La responsabilizzazione, nella consapevolezza della dimensione di interdipendenza e
reciprocità esistenti tra ciascuno e gli altri;
• La capacità di confronto tra esperienze e culture differenti.
Il progetto educativo dell’Istituto si fonda sulla condivisione di questi valori e sulla
partecipazione attiva e consapevole di tutti i soggetti coinvolti: dirigente, insegnanti, alunni,
famiglie, operatori scolastici.
La scuola persegue e promuove la piena realizzazione dei principi contenuti nella legge
quadro n.104/92, che integra le precedenti 517 del ‘77 e 258 dell’ ‘83, riguardante gli
alunni diversamente abili, delle indicazioni e dei principi contenuti nella normativa relativa
agli alunni con Bisogni Educativi Speciali. La ragion d’essere della scuola è il successo
formativo degli alunni, perseguibile tramite la flessibilità dei percorsi, che siano rispettosi
dei ritmi e stili di apprendimento, delle caratteristiche personali, delle diversità socioculturali di ciascun alunno.
FORMAZIONE ORIENTATIVA
Il compito della scuola consiste nel proporre percorsi formativi destinati agli alunni, in
modo da:
• Favorire la crescita personale degli allievi attraverso la conoscenza del sé, degli altri e
della realtà circostante;
21
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• Rinforzare il senso della realtà, al fine di evitare l’accettazione acritica delle
rappresentazioni mediatiche;
• Educare alla scelta consapevole attraverso strumenti di autovalutazione;
• Fornire agli alunni le coordinate per potersi orientare autonomamente anche tramite
esperti esterni;
• Educare al lavoro come espressione di sé e come esercizio di progettualità e di
responsabilità.
I SAPERI
La scuola coerentemente con le Indicazioni Nazionali considera essenziali quei saperi
che:
• Sono utili nella formazione generale dello studente e considerati funzionali socialmente
• Hanno valore disciplinare fondamentale; sono in grado di preparare e/o indurre un
apprendimento superiore.
• Possono avere una valenza inter e/o trans-disciplinare.
• Promuovono nuovi saperi.
POTENZIAMENTO DELLE ABILITÀ LOGICHE DI BASE
La scuola promuove lo sviluppo delle abilità logico-matematiche, tecnico-informatiche e
scientifiche degli alunni, portandoli ad approfondire e a sviluppare conoscenze, abilità e
competenze relative a questi ambiti del sapere.
UTILIZZO CONSAPEVOLE DEI LINGUAGGI
La scuola individua le competenze linguistiche verbali e non verbali, come strumenti
fondamentali per promuovere l'apprendimento e favorire lo sviluppo della personalità.
La scuola promuove la conoscenza delle altre lingue anche al fine di valorizzare negli
alunni il senso di appartenenza all'Unione Europea e ad una società multiculturale.
LA COMUNICAZIONE
La Comunicazione è parte sostanziale del processo di socializzazione ed un fattore
irrinunciabile nella costruzione delle relazioni interpersonali. L’instaurarsi di una
comunicazione efficace tra le diverse figure presenti nel contesto scolastico consente di:
• Accrescere la consapevolezza sulle problematiche e promuovere soluzioni condivise;
• Implementare, attraverso atteggiamenti positivi, l’interazione tra alunni, docenti, genitori,
figure istituzionali e non, coinvolti nel processo di socializzazione.
22
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• Dare maggiore valore alle iniziative e manifestazioni promosse dalla scuola che hanno
dimostrato la loro validità nel dare impulso ad una comunicazione interattiva con il
territorio, con gli Enti Locali, ma soprattutto con le famiglie dei nostri alunni.
CONTINUITA’
Il Progetto Continuità nasce dall'esigenza di garantire ad ogni alunno il diritto ad un
percorso formativo organico e completo che, pur nei cambiamenti evolutivi e nelle diverse
istituzioni scolastiche, lo aiuti a costruire la sua particolare identità. L’obiettivo è quello di
attenuare le difficoltà che spesso si presentano nel passaggio tra i diversi ordini di scuola,
per questo richiede un percorso coerente che valorizzi le competenze già acquisite dagli
alunni e riconosca la specificità e la pari dignità educativa di ogni segmento scolastico.
L’attività di continuità prevede momenti di accoglienza per gli alunni ed i genitori; momenti
di confronto fra i docenti dei diversi ordini di scuole.
Le attività di accoglienzaintendono favorire negli alunni la conoscenza della nuova realtà
scolastica (spazi, docenti, compagni, organizzazione), la capacità di gestione delle novità
e dei cambiamenti,la socializzazione.
Le Attività previste coinvolgono le Scuole dell’Infanzia dell’I.C., le Scuole dell’Infanzia
comunale di Via Comano e Via Tetrazzini, le classi prime e quinte della scuola Primaria
Chovini e Torricella Nord, le classi prime della Scuola secondaria di primo grado (Vico,
Toscanini).
Sono previsti momenti di accoglienza per i nuovi iscritti ed i genitori, momenti di
presentazione della scuola e delle attività che la caratterizzano, attività comuni di lavoro,
realizzazione di interventi musicali e di drammatizzazione, partecipazione a occasioni
significative durante l’anno scolastico. La scuola è aperta all’accoglienza di tutte le famiglie
del territorio per garantire il loro diritto di scelta.
TRASPARENZA DEI CRITERI DI VALUTAZIONE
Lo “Statuto delle studentesse e degli studenti” prevede, tra i diritti dello studente, quello ad
“una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di
autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a
migliorare il proprio rendimento”.
I criteri e modalità della valutazione sono definiti dal “Regolamento di coordinamento delle
norme sulla valutazione degli alunni” (D.P.R. 122/2009).La valutazione degli alunni, riferita
sia ai livelli di apprendimento acquisiti sia al comportamento, si articola in tre momenti
basilari:
1. la valutazione iniziale, che si colloca all’inizio dell’anno scolastico intende accertare i
livelli di acquisizione delle conoscenze di base e le caratteristiche affettive di partenza,
che rappresentano il punto di avvio ineludibile per la programmazione.
2. la valutazione in itinere o formativa si effettua nel corso dell’anno scolastico e determina
l'attuazione dei successivi percorsi d'insegnamento-apprendimento.
23
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
3. la valutazione finale, posta al termine di un segmento rilevante delle attività scolastiche
(un’unità didattica, un quadrimestre, un anno scolastico), ha una funzione sommativa e
di verifica del conseguimento degli obbiettivi programmati.
In base alle disposizioni apportate dalla legge
apprendimenti viene espressa con voto in decimi.
169/2008, la
valutazione
degli
Per quanto riguarda, invece, il comportamento è prevista la valutazione con voto in decimi
per gli studenti della secondaria di I grado e con giudizio per gli alunni della scuola
primaria.
La valutazione nelle classi intermedie avviene per scrutinio, mentre per la classe terza
della scuola secondaria di I grado avviene per esame di Stato. La valutazione degli
apprendimenti e del comportamento dell'alunno, nonché le decisioni relative alla
promozione alla classe successiva, viene espressa dai docenti della classe. La
valutazione viene registrata sulla scheda di valutazione, che viene consegnata alla
famiglia e accompagnata da un colloquio esplicativo.
Nel caso in cui l'ammissione alla classe successiva sia comunque deliberata in presenza
di carenze relativamente al raggiungimento di alcuni obiettivi di apprendimento, la scuola
provvede ad inserire una specifica nota al riguardo nel documento individuale di
valutazione.
Per la scuola secondaria di primo grado, per la promozione alla classe successiva e
l’ammissione all’esame di Stato (art. 3 legge 169/2008), gli alunni devono conseguire la
sufficienza in ogni disciplina, nonché nel comportamento (art. 2 legge 169/2008).
L’eventuale decisione di non ammissione alla classe successiva o all'esame è, comunque,
assunta a maggioranza da parte dei componenti del consiglio di classe.
La valutazione del comportamento degli alunni e' espressa:
a) nella scuola primaria dal docente, ovvero collegialmente dai docenti contitolari della
classe, attraverso un giudizio sintetico riportato nel documento di valutazione;
b) nella scuola secondaria di primo grado con voto numerico espresso collegialmente in
decimi e riportato nel documento di valutazione.
Ai fini della validità dell'anno, per la valutazione è richiesta la frequenza di almeno tre
quarti dell'orario annuale di ciascun alunno. Per casi eccezionali, la scuola ha stabilito
motivate deroghe al suddetto limite, di seguito riportate:
• gravi motivi di salute adeguatamente documentate, terapie e/o cure programmate;
• particolari condizioni di carenze socio-ambientali e/o affettive;
• difficoltà relazionali con certificazione di esperti di Enti Pubblici e/o privati;
• gravi e documentati motivi di famiglia;
• sufficienze in tutte le discipline;
• partecipazione ad attività sportive ed agonistiche organizzate da federazioni
riconosciute dal C.O.N.I.
24
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
Per il corrente anno scolastico il tetto massimo di assenze è calcolato come segue:
CLASSI
MONTE ORE ANNUALE
N° MASSIMO DI ASSENZE IN ORE
Classi a 30 ore
settimanali
Ore 990
30 ore
settimanali
Ore 248
Indirizzo musicale a 32
ore settimanali
Ore 1056
32 ore per 33
settimane
Ore 264
Il corso di studi si conclude con l'esame di Stato, cui si è ammessi attraverso un giudizio di
idoneità espresso da un voto in decimi, riferito agli esiti dell'intero percorso compiuto
dall'alunno nella scuola secondaria. Tra le prove d’esame è prevista una prova scritta
nazionale predisposta dall’Invalsi, l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema
scolastico. La valutazione finale dell'esame è espressa con un voto in decimi. Il voto finale
viene calcolato facendo la media dei voti ottenuti in tutte le prove scritte, compresa quella
di carattere nazionale, nel colloquio pluridisciplinare e nel giudizio di idoneità espresso per
l'ammissione all'esame, che si intende superato con esito positivo se la valutazione
complessiva è uguale o superiore a 6/10. A coloro che ottengono un voto finale di 10/10
può essere attribuita la lode con decisione assunta all'unanimità dalla commissione
esaminatrice. Il voto finale ottenuto all'esame è accompagnato da una certificazione
analitica delle competenze. Il superamento dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo e
il conseguimento del relativo Diploma costituiscono titolo per l'accesso al secondo ciclo di
istruzione.
25
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
LA VALUTAZIONE DIDATTICA
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO (SCUOLA SEC. I GRADO)
A) Rispetto per se stessi
1
Impegno e partecipazione al lavoro scolastico
2
Cura della persona e del proprio linguaggio
3
Uso responsabile del materiale
B) Rispetto per glialtri
1
Osservanza del regolamento di istituto
2
Rispetto del personale della scuola
3
Rispetto e correttezza nei rapporti con i compagni
4
Rispetto del materiale altrui
C) Rispetto per l’ambiente
1
Utilizzo responsabile delle strutture e del materiale della scuola
2
Utilizzo appropriato degli spazi comuni
3
Comportamento responsabile in ogni momento della vita scolastica
Tabella di valutazione
910
Comportamento soddisfacente nei tre ambiti con punte di eccellenza.
8
Comportamento soddisfacente nei tre ambiti.
7
Comportamento non soddisfacente in almeno uno dei seguenti indicatori: B2, B3, C3
Oppure un comportamento non soddisfacente in almeno tre degli altri indicatori.
6
Comportamento non corretto in almeno due dei seguenti indicatori: B2, B3, C3;
oppure un comportamento non corretto in uno di questi tre e in altri tre degli altri indicatori;
oppure un comportamento non corretto in cinque degli altri indicatori.
5
Comportamento gravemente scorretto.
26
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
GRIGLIE DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE (SCUOLA SEC. I GRADO)
GRIGLIA di VALUTAZIONE: ITALIANO
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
CAPACITA'
9-10
Conosce e comprende in modo
approfondito e completo le strutture
della lingua. Conosce, comprende e
approfondisce i concetti degli argomenti
svolti
Sa rielaborare autonomamente i
contenuti, producendo testi
completi
ed
articolati,
trasferendo
conoscenze
e
contenuti dai vari ambiti
disciplinari.
8
Conosce e comprende in modo
completo le strutture della lingua e le
razionalizza per schemi logici
Sa rielaborare autonomamente i
contenuti,
producendo
messaggi e "testi" articolati e
corretti
7
Conosce in modo sicuro le diverse
strutture della lingua
Rielabora le conoscenze ed i
contenuti, producendo testi
coordinati e semplici
6
Conosce e comprende
informazioni dei testi
basilari
Rielabora in modo semplice i
contenuti, producendo testi
lineari
e
corretti
ortograficamente
5
Conosce solo i contenuti principali e ne
riconosce solo le strutture minime
Non sempre è in grado di
rielaborare i contenuti
4
Ignora i contenuti fondamentali della
disciplina o li riconosce in modo
gravemente lacunoso
Incontra difficoltà nell'esporre
le proprie conoscenze, che
risultano
disorganiche
e
lacunose
le
GRIGLIA di VALUTAZIONE: STORIA e GEOGRAFIA
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
CAPACITA'
9-10
Conosce in modo ampio ed esauriente i
contenuti e gli strumenti di lavoro della
disciplina.
Conosce
i
principali
documenti
internazionali dei Diritti dell’uomo, del
cittadino e dell’infanzia.
Sa rielaborare autonomamente i
contenuti e sa organizzarli in
percorsi originali.
8
Conosce i contenuti e gli strumenti della
disciplina in maniera adeguata e
completa.
Conosce
i
principali
organismi
internazionali e le loro funzioni.
Stabilisce
autonomamente
collegamenti, cogliendo le
interazioni tra dati e fenomeni.
27
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
7
Conosce in modo sicuro i contenuti
fondamentali e gli strumenti di lavoro
della disciplina. Conosce le principali
Norme Costituzionali e l’Organizzazione
politica europea.
Sotto la guida dell'insegnante
stabilisce collegamenti corretti
tra
dati
e
fenomeni,
riconoscendo e giustificando in
modo semplice le connessioni
tra causa ed effetto.
6
Conosce in modo essenziale e
schematico i contenuti e gli strumenti di
lavoro della disciplina.
Conosce in modo essenziale i principali
documenti internazionali dei diritti.
Sotto la guida dell'insegnante sa
stabilire semplici collegamenti
tra dati e fenomeni e riconosce
le connessioni di causa ed
effetto
5
Conosce in modo incompleto e
frammentario i contenuti e gli strumenti.
Riesce a collegare solo in modo
generico dati e fenomeni e
riconosce con difficoltà i nessi
di causa ed effetto.
4
Ignora i contenuti fondamentali della
disciplina o li riconosce in modo
gravemente lacunoso
Non è in grado di operare
collegamenti, anche minimi, tra
dati e fenomeni
GRIGLIA di VALUTAZIONE: MATEMATICA E SCIENZE
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
CAPACITA'
modo
Sa rielaborare autonomamente i
contenuti in modo corretto
8
Conosce e comprende i concetti in
maniera adeguata e soddisfacente
Sa rielaborare autonomamente i
contenuti in modo corretto,
con errori occasionali
7
Conosce in modo
contenuti e i concetti
Applicazione
corretta
metodi risolutivi
6
Conosce in modo mnemonico i
concetti
Sa svolgere i contenuti e
conosce i metodi risolutivi ma
con errori di calcolo e di
distrazione
5
Conosce in modo incompleto e
parziale i contenuti e i concetti.
Applica i metodi risolutivi in
maniera imprecisa
4
Conoscenza lacunosa dei concetti
disciplinari o li riconosce in modo
gravemente lacunoso
Difficoltà nell'applicazione dei
procedimenti. Errori sistematici
9-10
Conosce e comprende in
ampio i concetti
sostanziale
i
dei
28
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
GRIGLIA di VALUTAZIONE: LINGUE STRANIERE
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
Conosce in modo
approfondito
e
Sa rielaborare le conoscenze in
modo personale, dimostrando
significative
capacità
critiche.
Partecipa in modo critico e
costruttivo.
Lavora in modo costante e
autonomo
8
Conosce i contenuti in modo
sicuro e completo
Sa rielaborare le conoscenze in
modo personale.
Partecipa in modo attivo.
Lavora in modo costante
7
Conosce in
contenuti
Assimila le conoscenze con
sicurezza.
Partecipa in modo attivo.
Lavora in modo costante
6
Conosce in modo essenziale e
schematico i contenuti
Assimila le conoscenze con qualche
incertezza.
Partecipa se coinvolto.
Lavora in modo costante ma
superficiale
5
Conosce in modo incompleto e
frammentario i contenuti
Assimila le conoscenze
incertezze diffuse.
Scarsa partecipazione.
Lavora in modo discontinuo
4
Ignora i contenuti fondamentali
della disciplina o li riconosce in
modo gravemente lacunoso
Non assimila le conoscenze
Non partecipa.
Non lavora costantemente.
9-10
modo
ampio
CAPACITA'
sicuro
i
con
GRIGLIA di VALUTAZIONE: ARTE e IMMAGINE
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
CAPACITA'
9-10
Conosce in modo ampio ed esauriente
i contenuti e gli strumenti di lavoro
della disciplina
Sa rielaborare autonomamente i
contenuti.
Lavora in maniera autonoma
e attiva
8
Conosce i contenuti e gli strumenti
della disciplina in maniera adeguata e
completa
Sa rielaborare autonomamente i
contenuti.
Lavora in maniera costante
7
Conosce in modo sicuro i contenuti
Sotto la guida dell'insegnante sa
29
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
fondamentali e gli strumenti di lavoro
della disciplina.
elaborare i contenuti.
Lavora in maniera superficiale
6
Conosce in modo essenziale e
schematico i contenuti e gli strumenti
di lavoro della disciplina
Riesce ad elaborare i contenuti
in modo parziale.
Lavora in modo discontinuo
5
Conosce in modo incompleto e
frammentario i contenuti e gli
strumenti di lavoro della disciplina
Non è in grado di elaborare
i contenuti in maniera efficace.
Scarsa applicazione nel lavoro
4
Ignora i contenuti della disciplina o li
riconosce in modo lacunoso
GRIGLIA di VALUTAZIONE: TECNOLOGIA
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
CAPACITA'
9-10
Conosce in modo ampio e
approfondito i concetti.
Sa applicare e rielaborare in
modo autonomo e corretto
le conoscenze acquisite e gli
strumenti
tecnici.
Il
linguaggio
tecnico
è
appropriato e specifico
8
Conosce
in
modo
completo i concetti.
Sa applicare e rielaborare i
concetti acquisiti e gli
strumenti tecnici in modo
corretto. Sa usare un
linguaggio specifico chiaro.
7
Conosce
abbastanza
concetti.
in
modo
sicuro
i
Sa applicare in modo
abbastanza
sicuro
un
linguaggio
specifico
corretto anche se semplice.
6
Conosce
in
modo
essenziale i concetti.
Sa applicare in modo
meccanico
i
concetti
acquisiti e usa un linguaggio
corretto anche se non
sempre specifico.
30
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
GRIGLIA DI VALUTAZIONE: EDUCAZIONE FISICA
VALUTAZIONE
COMPETENZE MOTORIE
Utilizzare schemi motorie
posturali anche in situazioni
combinate e simultanee
Applicare le proprie abilità
tecniche nei giochi sportivi
e negli sport individuali
9-10
Avanzate
Utilizzare gli schemi in modo
completo e personalizzato
Applicare
in
modo
autonomo e personalizzato
8
Intermedie
Utilizzare gli schemi in modo
completo
Applicare
autonomo
7
Intermedie
Utilizzare gli schemi in modo
accettabile
Applicare in modo corretto
6
Iniziali
Utilizzare gli schemi in modo
frammentario
Applicare
settoriale
5 4
Non adeguate
Utilizzare gli schemi in modo
molto frammentario
Applicare in modo molto
settoriale
in
in
modo
modo
GRIGLIA di VALUTAZIONE: IRC (insegnamento religione cattolica)
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
CAPACITA'
Ottimo
Conoscenza approfondita, completa e
organica degli argomenti studiati
Mostra
collaborazione,
impegno personale e originale
Distinto
Ha una conoscenza completa dei
contenuti proposti
Mostra autonomia e capacità
intuitiva
Ha una buona
contenuti proposti
dei
Mostra
attenzione
e
partecipazione.
Esegue regolarmente i compiti
assegnati
Sufficiente
Mostra una conoscenza accettabile dei
contenuti essenziali dei Cristianesimo
Si impegna in modo costante
ma superficiale
Non sufficiente
Mostra una conoscenza parziale e
frammentaria
del
Cristianesimo
musicale
Mostra poco impegno.
Esegue i lavori assegnati
saltuariamente
Insufficiente
Non conosce i contenuti essenziali
del Cristianesimo
Non mostra impegno
partecipazione alla didattica
Buono
conoscenza
e
31
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
GRIGLIA di VALUTAZIONE: MUSICA
VALUTAZIONE
CONOSCENZE
CAPACITA'
9-10
Ha acquisito un'alta capacità di
rielaborazione personale di tutti i
contenuti e contesti specifici
Lavora in maniera autonoma e
attiva; porta un significativo
contributo personale al lavoro
didattico
8
Conosce i contenuti e gli strumenti
della disciplina in maniera adeguata e
completa
Ha acquisito autonomia nella
decodifica dei messaggi musicali e
abilità vocali
7
Ha una buona conoscenza
linguaggio specifico
del
E' autonomo nell'esecuzione
musicale, ha acquisito capacità di
orientamento
nei
contenuti
specifici non meccanica
6
Mostra una conoscenza accettabile
della terminologia e della grammatica
musicale
Riesce a partecipare alla didattica
in modo consapevole
5
Mostra una conoscenza carente della
terminologia e della grammatica
musicale
Mostra poco impegno
partecipa alla didattica
4
Gravemente insufficiente.
Ignora o quasi i contenuti specifici
Non
mostra
impegno
partecipazione alla didattica
ma
e
GRIGLIA di VALUTAZIONE: STRUMENTO MUSICALE
VOTO
COMPRENSIONE
E
USO
CODICE
MUSICALE
DEL
corrispondenza
segno-gesto-suono;
lettura ritmica
9-10
completa,
interiorizzata,
ABILITA’
TECNICOSTRUMENTALE
impostazione
generale, produzione
del suono, controllo
tecnico e intonazione
completa,
sicura
ESECUZIONE
MUSICALE E
CAPACITA’
ESPRESSIVA
Livello
di
padronanza della
pagina musicale e
autocontrollo
tecnico-emotivo
autonoma,
personalizzata
autonoma
8
completa
INTERAZIONE E
COLLABORAZION
E NELLA PRATICA
DELLA
MUSICA
D’INSIEME
attiva,
collaborativa,
propositiva
completa
autonoma
Attiva,
collaborativa
32
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
7
congrua
adeguata
corretta
attiva
6
essenziale
accettabile
superficiale
superficiale
5
lacunosa
non adeguata
frammentaria
passiva
4
gravemente
lacunosa
inconsistente
insufficiente
si rifiuta
CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE (SCUOLA SEC. I GRADO CLASSI III)
Per l’anno scolastico 2015 – 2016 si adotterà il modello delle certificazione delle
competenze nazionale
CRITERI DI VALUTAZIONE PER GLI ESAMI DI STATO (Scuola Secondaria di Primo
Grado)
COLLOQUIO D’ESAME
Il candidato ha dimostrato una preparazione:
10 completa e approfondita con considerazioni personali; 9 completa e approfondita; 8
ampia e articolata; 7 discreta; 6 essenziale; 5 inadeguata; 4 inconsistente
Di saper organizzare le conoscenze in modo:
10 esauriente e organico; 9 ordinato e coerente; 8 soddisfacente e apprezzabile; 7
adeguatamente coerente;6 lineare; 5 frammentario; 4 frammentario e lacunoso
Ha espresso le proprie acquisizioni:10 con sicurezza; 9 con estrema chiarezza; 8 con
chiarezza; 7 in maniera incerta; 6 in maniera incerta; 5 in modo approssimativo; 4 in modo
confuso anche se guidato
Utilizzando un lessico:
10 ricco e pertinente; 9 chiaro ed appropriato; 8 adeguato; 7 corretto; 6 semplice; 5
limitato; 4 inadeguato
CONSIGLIO ORIENTATIVO
Le attitudini emerse (capacità …) consigliano la prosecuzione degli studi ad indirizzo
(classico, scientifico, artistico, tecnico, ecc…) oppure consigliano di frequentare un corso
di formazione professionale.
GIUDIZIO GLOBALE DI MATURAZIONE
Dall’insieme delle prove d’esame, il candidato ha dimostrato di avere acquisito una.
10 eccellente; 9 notevole; 8 buona; 7 apprezzabile; 6 adeguata all’età; 5 in evoluzione;
4 non ancora adeguata all’età anagrafica.
33
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
GRIGLIA CORREZIONE DELLA PROVA D’ITALIANO
• L’elaborato è:
10 pienamente aderente
(2.50)
9 aderente
(2.25)
8 complessivamente aderente
(2)
7 in generale aderente
(1.75)
6 sufficientemente aderente
(1.50)
5 poco aderente
(1.25)
4 non aderente
(1)
• E’ sviluppato in modo:
10 organico, completo, esauriente
(2.50)
9 organico e completo
(2.25)
8 soddisfacente e organico
(2)
7 abbastanza esauriente
(1.75)
6 sostanzialmente esauriente
(1.50)
5 poco esauriente
(1.25)
4 non esauriente e disorganico
(1)
• Presenta:
10 ottime competenze ortografiche e morfosintattiche
(2.50)
9 notevoli competenze ortografiche e morfosintattiche
(2.25)
8 buone competenze ortografiche e morfosintattiche
(2)
7 discrete competenze ortografiche e morfosintattiche
(1.75)
6 sostanziali competenze ortografiche e morfosintattiche
(1.50)
5 lacunose competenze ortografiche e morfosintattiche
(1.25)
4 insufficienti competenze ortografiche e morfosintattiche
(1)
• L’uso della lingua è:
10 ricco ed appropriato
(2.50)
9 appropriato e curato
(2.25)
8 appropriato
(2)
34
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
7 complessivamente appropriato
(1.75)
6 essenziale
(1.50)
5 non sempre appropriato
(1.25)
4 non appropriato
(1)
CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI MATEMATICA
Comprensione ed interpretazione del testo.
Padronanza nel calcolo e nella misurazione.
Capacità di risolvere i problemi.
Rappresentazione grafica.
Ordine formale e corretta interpretazione di misure figure e simboli.
Chiarezza nel procedimento logico.
Abilità e precisione nel calcolo.
Conoscenza e corretta applicazione di formule.
GIUDIZI SINTETICI CORRISPONDENTI ALLA VALUTAZIONE IN DECIMI
Voto 9 – 10: Ottima padronanza nel calcolo, nella capacità di risoluzione di problemi, nella
rappresentazione grafica, nella conoscenza e corretta applicazione di formule
Voto 8: Completa padronanza nel calcolo, nella capacità di risoluzione di problemi, nella
rappresentazione grafica, nella conoscenza e corretta applicazione di formule
Voto 7: Soddisfacente padronanza nel calcolo, nella capacità di risoluzione di problemi,
nella rappresentazione grafica, nella conoscenza e corretta applicazione di formule
Voto 6: Sufficiente padronanza nel calcolo, nella capacità di risoluzione di problemi, nella
rappresentazione grafica, nella conoscenza e corretta applicazione di formule
Voto 5: Quasi sufficiente padronanza nel calcolo, nella capacità di risoluzione di problemi,
nella rappresentazione grafica, nella conoscenza e corretta applicazione di formule
Voto ≤4: Scarsa padronanza nel calcolo, nella capacità di risoluzione di problemi, nella
rappresentazione grafica, nella conoscenza e corretta applicazione di formule
35
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
GRIGLIA ORIENTATIVA DI CORREZIONE DELLA PROVA SCRITTA
(la griglia ha valore orientativo poiché potrà subire lievi modifiche al fine di adattarla agli
specifici quesiti della prova estratta)
COMPETENZE ALGEBRICHE
Capacità di calcolol etterale
Sviluppo dei prodotti notevoli
Applicazione dei principi di equivalenza
Verifica dell’equazione
Capacità di calcolo nell’insieme R
TOTALE PARZIALE
10
6
4
4
6
30/100
COMPETENZE GEOMETRICHE E CAPACITA’ DI RISOLUZIONE DI
PROBLEMI
Correttezza grafica della figura
Rappresentazione simbolica dei dati del problema
Uso della frazione come operatore (volume del cono)
Conoscenza e applicazione delle formule geometriche
• Misura del volume del cilindro (raggio, area di base, volume)
• Misura dell’altezza e dell’apotema del cono
• Misura dell’area della superficie laterale del cono
• Misura dell’area della superficie totale del cono
• Misura del peso
TOTALE PARZIALE
2
2
3
2+2+2
3+3
2
2
2
25/100
COMPETENZE DI GEOMETRIA ANALITICA
Individuazione dei punti sul piano cartesiano
Descrizione della figura
Uso delle formule per calcolare la distanza tra due punti
Calcolo della misura del perimetro e dell’area della figura trovata
Individuazione grafica di rette sul piano cartesiano
Individuazione grafica del punto di intersezione di rette
TOTALE PARZIALE
3
3
6
1+2
8
2
25/100
RELAZIONI E FUNZIONI
Conoscenza e applicazione della formula del moto rettilineo uniforme
Individuazione della funzione che esprime la relazione
Ricavare la tabella della funzione individuata
Uso del piano cartesiano per rappresentare relazioni
Saper riconoscere il tipo di relazione
TOTALE PARZIALE
4
6
4
4
2
20/100
TOTALE
100/100
36
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
LINGUA STRANIERA FRANCESE
Criteri di valutazione della prova d’esame
QUESTIONARIO
• Comprensione del testo e rielaborazione personale p.1 a risposta
• Uso delle strutture linguistiche
p.1 a risposta
Tot. Punti 20
LETTERA
• Aderenza alla traccia
• Contenuto
• Correttezza delle strutture linguistiche
p. 2
p. 4
p. 4
Tot. Punti 10
CRITERI DI VALUTAZIONE
Nella valutazione delle prove scritte si terrà conto:
PER IL QUESTIONARIO, della comprensione del testo, della pertinenza del contenuto,
della capacità di rielaborazione personale e della correttezza grammaticale, lessicale es
ortografica. Le domande si riferiranno ad informazioni esplicite ed implicite del testo e
personali riguardanti l’esperienza dell’alunno, per un totale di 20/20 punti.
PER LA LETTERA, dell’attinenza alla traccia, dell’organizzazione del testo, della creatività
ed originalità, della correttezza formale e di quella grammaticale, lessicale ed ortografica.
Per la lettera verrà fornita una traccia dettagliata in lingua straniera, per cui si valuterà la
correttezza formale, l’aderenza alla traccia, il contenuto e l’originalità, la correttezza
morfosintattica, lessicale ed ortografica, per un totale di 10/10 punti.
LIVELLO MINIMO PER IL SUPERAMENTO DELLA PROVA: l’alunno/a dovrà dimostrare
di aver compreso globalmente il testo o la traccia e di saper produrre un messaggio
comprensibile. Durante la PROVA ORALE gli alunni avranno la possibilità di introdursi nel
colloquio pluridisciplinare utilizzando la lingua straniera in base agli argomenti affrontati
durante il ciclo scolastico o saranno sollecitati ad esporre esperienze e conoscenze
personali.
VALUTAZIONE
Questionario
9-10: Ha compreso totalmente il testo ed ha risposto in modo esauriente usando un
linguaggio coerente ed appropriato. (Ha dimostrato di possedere capacità di
rielaborazione)
8: Ha ben compreso il testo rispondendo alle domande in modo appropriato. Corretto l’uso
delle strutture linguistiche.
37
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
7: Ha compreso il testo ed ha risposto in modo abbastanza appropriato. Qualche
imprecisione (incertezza) nell’uso delle strutture linguistiche.
6: Ha sostanzialmente (sufficientemente/globalmente) compreso il testo ma le risposte
presentano alcuni errori (imprecisioni/incertezze) nell’uso delle strutture linguistiche.
4-5: Ha compreso parzialmente (solo in parte il testo) ed ha risposto in modo incompleto
e/o poco corretto.
4-5 (buona comprensione): Ha compreso il testo ma i numerosi errori ortografici ed i
numerosi errori nell’uso delle strutture rendono a volte incomprensibile le risposte.
Lettera
9-10: Ha dimostrato di conoscere e saper usare le funzioni linguistiche. L’uso degli
esponenti linguistici/strutture grammaticali è corretto. Il testo risulta aderente alla traccia e
il contenuto ampio.
8: Ha dimostrato di conoscere e saper usare le funzioni linguistiche. L’uso degli esponenti
linguistici/ strutture grammaticali è abbastanza corretto. Il testo risulta aderente alla
traccia.
7: Ha dimostrato di conoscere e saper usare le funzioni linguistiche in modo abbastanza
appropriato. Qualche imprecisione nell’uso degli esponenti linguistici/strutture
grammaticali. Il testo risulta aderente alla traccia.
6: Ha dimostrato una sufficiente conoscenza nell’uso delle funzioni linguistiche. L’uso delle
strutture risulta impreciso. Il testo risulta aderente alla traccia in modo sufficiente.
4-5: Ha dimostrato una conoscenza ed un uso delle funzioni linguistiche approssimativi.
Molte incertezze nell’uso delle strutture. Il testo risulta poco aderente alla traccia.
LINGUA INGLESE
CRITERI DI VALUTAZIONE PROVE DI ESAME
QUESTIONARIO
•
•
•
Comprensione del testo;
Uso delle strutture linguistiche;
Produzione personale;
Comprensione del testo
p. 1
Uso strutture
p. 1
Produzione personale
p. 3
Totale
38
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
DIALOGO
•
•
Uso delle funzioni comunicative;
Uso delle strutture linguistiche;
Uso funzioni
p. 1 per ogni singola battuta
Uso strutture
p. 1 per ogni singola battuta
Totale
Si allegano:
- griglia correzione
- giudizi sintetici corrispondenti valutazione in decimi
VALUTAZIONE
Questionario
9-10: Ha compreso totalmente il testo ed ha risposto in modo esauriente usando un
linguaggio coerente ed appropriato. (Ha dimostrato di possedere capacità di
rielaborazione )
8: Ha ben compreso il testo rispondendo alle domande in modo appropriato. Corretto l’uso
delle strutture linguistiche.
7: Ha compreso il testo ed ha risposto in modo abbastanza appropriato. Qualche
imprecisione (incertezza) nell’uso delle strutture linguistiche.
6: Ha sostanzialmente (sufficientemente / globalmente) compreso il testo ma le risposte
presentano alcuni errori (imprecisioni / incertezze) nell’uso delle strutture linguistiche.
4-5: Ha compreso parzialmente (solo in parte il testo) ed ha risposto in modo incompleto e
/ o poco corretto.
4-5 (buona comprensione): Ha compreso il testo ma i numerosi errori ortografici ed i
numerosi errori nell’uso delle strutture rendono a volte incomprensibili le risposte.
Dialogo
9-10: Ha dimostrato di conoscere e saper usare le funzioni linguistiche. L’uso degli
esponenti linguistici /strutture grammaticali è corretto.
8: Ha dimostrato di conoscere e saper usare le funzioni linguistiche. L’uso degli esponenti
linguistici /strutture grammaticali è abbastanza corretto.
39
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
7: Ha dimostrato di conoscere e saper usare le funzioni linguistiche in modo abbastanza
appropriato. Qualche imprecisione nell’uso degli esponenti linguistici / strutture
grammaticali.
6: Ha dimostrato una sufficiente conoscenza nell’uso delle funzioni linguistiche. L’uso delle
strutture risulta impreciso.
4-5: Ha dimostrato una conoscenza ed un uso delle funzioni linguistiche approssimativo.
Molte incertezze nell’uso delle strutture.
GRIGLIA DI VALUTAZIONE TRASVERSALI SULLE ABILTA’ E COMPETENZE DELLA
SCUOLA PRIMARIA
10
9
8
Conoscenze
Sono complete, con un interesse personale per l’argomento
Abilità e
Competenze:
Ha una esposizione chiara, precisa e articolata: usa in maniera
appropriata il linguaggio specifico.
Partecipazione
Lessico specifico
modalità di
esposizione
memorizzazione
capacità di fare
collegamenti
applicazione
delle conoscenze
apporto
personale di
disponibilità
interesse e
curiosità
Produce testi completi, articolati e corretti. E’ creativo e originale.
Conoscenze
Complete, corrette, approfondite
Abilità e
Competenze
Si esprime in forma corretta con il patrimonio lessicale richiesto
dalla disciplina.
Ha capacità di organizzare i contenuti, di fare collegamenti, di
rielaborarli in maniera autonoma e personale, di esprimere
osservazioni e formulare giudizi.
Padroneggia le competenze - abilità di base - nell’area logicomatematica.
E’ autonomo e sicuro nell’applicare ciò che ha imparato anche in
situazioni nuove
Obiettivi disciplinari completamente raggiunti.
Produce messaggi e testi articolati e corretti
Ha capacità di organizzare i contenuti, di fare collegamenti, di
rielaborarli in maniera autonoma e personale, di esprimere
osservazioni e formulare giudizi.
Partecipa con contributi originali
Padroneggia le competenze - abilità di base - nell’area logicomatematica
40
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
E’ preciso e sicuro nell’applicare ciò che ha appreso in situazioni
via via più complesse.
Obiettivi disciplinari raggiunti
7
Conoscenze
Corrette, ordinate, presenti nei nuclei fondamentali
Abilità e
Competenze
Uso generalmente corretto del linguaggio, sia nella forma sia
nell’uso della terminologia specifica
Produce testi semplici, lineari e corretti ortograficamente
Sostenuto in qualche caso dal docente ha buona capacità di
esposizione lineare e di collegamento delle informazioni, coglie i
nessi di causa e effetto;
Ha acquisito le competenze - abilità di base - nell’area logicomatematica
Buona capacità di applicazione delle tecniche apprese
Obiettivi disciplinari raggiunti
6
Conoscenze
Sostanzialmente corrette, essenziali
Abilità e
Competenze
Esposizione semplificata, sostanzialmente corretta, parzialmente
guidata.
Produce
testi
semplici,
aderenti
Conoscenze ordinate e esposte con chiarezza.
alla
richiesta
Capacità di fare collegamenti se aiutato ad orientarsi
Ha acquisito sufficienti abilità di base nell’area logico-matematica
Applicazione senza gravi errori in situazioni semplici
Obiettivi disciplinari sostanzialmente raggiunti
5
Conoscenze
Parziali dei minimi disciplinari, ma tali da consentire un graduale
recupero
Abilità e
Competenze
Esposizione ripetitiva e imprecisa con la necessità di avere una
guida nella rielaborazione
Testi semplici, poco approfonditi. Presenti disortografie.
Capacità di fare collegamenti non sviluppata. Riconosce con
difficoltà i nessi di causa ed effetto.
Ha acquisito le abilità minime di base nell’area logico-matematica
Applicazione guidata, ancora incerta, ma in miglioramento rispetto
41
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
alla situazioni di partenza
Necessità di utilizzare meccanismi nelle tecniche
Obiettivi disciplinari raggiunti solo in parte
Conoscenze
Frammentarie, lacunose anche dei minimi disciplinari o assenti
Abilità e
Competenze
Esposizione scorretta, frammentata, povertà lessicale
Testi
scritti
lacunosi,
disorganizzati,
ortograficamente, non pertinenti alla richiesta
poco
corretti
Non è in grado di fare collegamenti, tra i dati.
Non ha acquisito sufficienti
matematica
abilità di base nell’area logico-
Applicazione delle tecniche con gravi errori.
Scarso interesse e partecipazione
Obiettivi disciplinari non raggiunti.
CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE (CLASSE V PRIMARIA)
Per l’anno scolastico 2015 – 2016 si adotterà il modello delle certificazione delle
competenze nazionale
42
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
IL CURRICOLO
IL NUOVO CURRICOLO
Le Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo (D.M.
16 novembre 2012, n. 254) invitano la scuola ed i docenti ad una profonda riflessione sulle
pratiche didattiche e valutative nella prospettiva delle competenze. Il sistema scolastico
italiano assume, infatti, come orizzonte di riferimento il quadro delle competenze-chiave
per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio
dell’Unione europea (Raccomandazione del 18 dicembre 2006) che sono:
1)comunicazione nella madrelingua; 2) comunicazione nelle lingue straniere; 3)
competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia; 4) competenza
digitale; 5) imparare ad imparare come ambito di manifestazione di una competenza; 6)
competenze sociali e civiche; 7) spirito di iniziativa e imprenditorialità; 8) consapevolezza
ed espressione culturale.
Il profilo dell’allievo si delinea inoltre con il raggiungimento delle mete formative delle
diverse discipline presentate in termini di traguardi per lo sviluppo delle competenze.
Pensare l’apprendimento in chiave di competenza comporta un cambiamento di
prospettiva, in rapporto a una cultura scolastica che tradizionalmente ha privilegiato le
conoscenze e le abilità. Se per competenza si intende la “capacità di far fronte a un
compito, o a un insieme di compiti, riuscendo a mettere in moto e a orchestrare le proprie
risorse interne, cognitive, affettive e volitive, e a utilizzare quelle esterne disponibili in
modo coerente e fecondo” (Pellerey), gli attributi qualificanti che caratterizzano tale visione
dell’apprendimento divengono: il riferimento a un compito di realtà come ambito di
manifestazione di una competenza, la quale presuppone l’utilizzazione del proprio sapere
e quindi delle proprie risorse cognitive, ovvero le conoscenze e le abilità; la mobilitazione
dell’insieme delle proprie risorse personali, che sottolinea la natura olistica della
competenza; l’impiego delle risorse esterne disponibili nel contesto di azione. Si tratta
pertanto della capacità di utilizzare il proprio sapere per rispondere ai propri bisogni
personali e alle esigenze poste dal contesto sociale. La visione dinamica della
competenza riporta l’attenzione ai processi di apprendimento, e quindi, alle modalità
attraverso cui il soggetto utilizza il proprio sapere per affrontare un compito di realtà. “In
gioco ci sono diversi tipi di processi: di ordine cognitivo, in rapporto alla capacità di mettere
a fuoco il compito da affrontare, di attivare strategie risolutive, di monitorare e rivedere in
corso d’opera; di ordine meta cognitivo, in rapporto alla consapevolezza del proprio agire;
di ordine motivazionale, in rapporto all’atteggiamento verso la situazione operativa; di
ordine sociale, in rapporto alla relazione con gli altri soggetti implicati” (Castoldi M.).
L’Istituto Comprensivo, in linea con quanto proposto nelle Indicazioni Nazionali,
predispone un curricolo verticale con riferimento ai “ traguardi per lo sviluppo delle
competenze” e agli “obiettivi di apprendimento” specifici per ogni disciplina. I primi
richiamano in modo esplicito il riferimento alle competenze chiave di cittadinanza (D.M.
n.139 del 2007) e sono da intendersi come il contributo essenziale che il singolo sapere
disciplinare può fornire al loro sviluppo, richiedono quindi di riconoscere il quadro di
riferimento entro cui collocare la singola disciplina nello sviluppo globale della persona. I
secondi individuano campi del sapere, organizzati in nuclei tematici, con riferimento
esplicito alle conoscenze e abilità ritenute indispensabili per il raggiungimento dei traguardi
43
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
stessi, rappresentano, quindi, una guida per la selezione dei contenuti disciplinari e la loro
articolazione nelle annualità. I saperi disciplinari si riconducono al ruolo di strumenti
culturali per la formazione del soggetto, necessari per comprendere e affrontare la realtà
naturale e sociale. Il cambio di prospettiva che la scuola e i docenti devono mettere in atto
richiede un percorso di studio, riflessione e sperimentazione costante di buone pratiche,
nel quale particolare attenzione deve essere posta al rapporto docente-allievo, è il docente
a dover rendere l’allievo attivo nella costruzione dei propri percorsi di conoscenza.
Il curricolo è il piano di studi che ogni istituzione definisce nel rispetto del monte ore fissato
a livello nazionale. Esso rappresenta un quadro unitario in cui sono indicate le discipline e
le attività fondamentali definite a livello nazionale e quelle definite a livello locale.
Il curricolo si articola attraverso i campi di esperienza nella scuola dell’infanzia e attraverso
le discipline nella scuola del primo ciclo.
Le Indicazioni per il curricolo definiscono:
• le finalità generali dell’azione educativa e didattica;
• i traguardi di sviluppo delle competenze da raggiungere al termine della scuola
dell’infanzia,della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di I grado;
44
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• gli obiettivi di apprendimento da conseguire al termine del terzo e quinto anno della
Scuola Primaria ed al terzo anno della Scuola Secondaria.
La costruzione del curricolo prevede da parte dei docenti una scelta di contenuti e attività
di insegnamento-apprendimento specifiche per ciascuna classe, in modo da garantire il
carattere unitario del sistema di istruzione e valorizzare il pluralismo culturale e territoriale.
Le finalità educative generali in quanto comuni vengono perseguite dai diversi ordini di
scuola secondo la propria peculiarità e in modo graduale e progressivo.
IL CURRICOLO NELLA SCUOLA
DELL’INFANZIA
Secondo le “Indicazioni”: “La scuola dell’infanzia
concorre all’educazione armonica ed integrale dei
bambini e delle bambine che, attraverso la famiglia,
scelgono di frequentarla […], nel rispetto e nella
valorizzazione dei ritmi evolutivi, delle capacità,
delle differenze e dell’identità di ciascuno, nonché
della responsabilità educativa della famiglia”.
La scuola dell’infanzia organizza le proposte educative e didattiche espandendo e dando
forma alle prime esplorazioni, attraverso un curricolo esplicito. Le insegnanti si
propongono di realizzare un ambiente educativo intenzionalmente e professionalmente
strutturato nel quale i bambini interagiscono sviluppando processi di socializzazione e di
apprendimento, dando più spazio a coloro che presentano difficoltà.
La scuola dell’infanzia Montessori, presente nel plesso Chiovini, è costituita da tre sezioni
che sono supportate, in tutti i campi di esperienze, dal materiale strutturato Montessori,
integrato da attività ludiche, manipolative, grafico pittoriche, di movimento e da un
orto/giardino per attività di botanica.
Il presupposto fondamentale del metodo Montessori è la conquista dell’autonomia. Tutti gli
adulti presenti lavorano al fine comune di sviluppare le potenzialità, per cui il bambino non
è mai solo bensì circondato da un ambiente e da adulti che lo “aiutano a fare da solo”.
Nella Scuola dell’Infanzia del plesso Torricella Nord la programmazione tiene conto delle
diverse realtà socio-culturali e si orienta verso due obiettivi:
• garantire a tutti pari opportunità educative
• assicurare una corretta ed adeguata informazione alla famiglia
Per rispondere alle esigenze ed alle possibilità effettive dei bambini, ai tempi del loro
sviluppo e del loro apprendimento, le insegnanti elaborano la loro programmazione in
base ai seguenti campi di esperienza:
45
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
IL SÉ E L’ALTRO
IL CORPO IN MOVIMENTO
CAMPI DI ESPERIENZA
LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE
I DISCORSI E LE PAROLE
LA CONOSCENZA DEL MONDO
Tale programmazione definisce i fondamenti pedagogici, psicologici e socio culturali,
individua le attitudini, le capacità, le linee del piano educativo-didattico dei bambini che
frequentano la scuola, specificandone le finalità, i contenuti, le metodologie, gli strumenti e
le forme di verifica e valutazione. Sono previsti rapporti di continuità educativa sia a livello
orizzontale (fra le sezioni) sia verticale (scuola primaria) e, in aggiunta, con la famiglia, gli
Enti Locali e le realtà del territorio.
IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE
Secondo le Indicazione per il Curricolo “compito specifico del primo ciclo è quello di
promuovere l’alfabetizzazione di base attraverso l’acquisizione dei linguaggi simbolici che
costituiscono la struttura della nostra cultura, in un orizzonte allargato alle altre culture con
cui conviviamo. Si tratta di una alfabetizzazione culturale e sociale, che include quella
strumentale e la potenzia con un ampliamento e un approfondimento della prospettiva
attraverso i linguaggi delle varie discipline”.
Le attività didattiche nel primo ciclo riservano ad ogni disciplina di insegnamento un tempo
programmato. I docenti, all’inizio dell’anno nella programmazione, operano una selezione
dei contenuti, anche in relazione ai tempi effettivamente disponibili.
Per alcune attività sono utilizzati locali appositamente attrezzati e sussidi didattici specifici,
presenti nei vari plessi. L’attività didattica è improntata ai seguenti criteri:
• sviluppo di attività di ricerca, individuale e di gruppo, che insegnino a responsabilizzarsi
ed a organizzare il pensiero;
• creazione di contesti didattici piacevoli e gratificanti;
• uso della biblioteca come momento di ricerca e approfondimento;
• uso degli strumenti multimediali, che valorizzano forme di intelligenza intuitiva,
• empirica ed immaginativa;
• uso dei laboratori.
Le attività didattiche possono essere svolte con modalità diverse:
46
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
lezione collettiva a livello di gruppo classe,
informazioni e conoscenze;
per l’acquisizione e rielaborazione di
attività di piccolo gruppo, che presenta una funzione maggiormente formativa sia sul
piano dell’apprendimento che sul piano relazionale;
gruppi a classi aperte, che permettono la fruizione di maggiori e diverse opportunità di
apprendimento e di stimolo delle attitudini individuali;
interventi individualizzati, che consentono di venire incontro alle necessità di singoli
alunni, adeguando le proposte didattiche alle potenzialità degli alunni
METODOLOGIA CONDIVISA
Il Collegio dei docenti ha altresì predisposto l’impianto metodologico relativo alle singole
discipline cui ciascun docente dovrà attenersi:
- Articolazione dei contenuti in unità di apprendimento
- Lezione frontale e lezione partecipata
- Guida all’osservazione
- Metodo sperimentale
- Discussioni guidate
- Suddivisione della classe in gruppi,secondo criteri dettati dalla pratica didattica
- Ricerca e laboratori didattici
- Assegnazione di incarichi e scambio di ruoli
- Uscite didattiche
- Attività aggiuntive
CURRICOLO OBBLIGATORIO NELLA SCUOLA PRIMARIA
Il tempo scuola della primaria e' articolato secondo le differenti articolazioni dell'orario
scolastico settimanale. All’atto dell’iscrizione le famiglie dovranno esprimere la propria
opzione. Tutte le proposte indicate sono subordinate all’organico dei docenti che sarà
effettivamente messo a disposizione dal MIUR.
1. CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 27 ORESU 5 GIORNI SETTIMANALI DI CUI 3 CON
USCITA ALLE ORE 13.30, UNO ALLE ORE 16.30 E UNO ALLE 12.30
DISCIPLINE
ITALIANO
CLASSE I
ORE
7
CLASSE II
ORE
7
CLASSE III-IV-V
ORE
6
MATEMATICA
7
6
6
SCIENZE
2
2
2
STORIA
2
2
2
GEOGRAFIA
1
1
1
INGLESE
1
2
3
47
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
RELIGIONE/ALTERNATIVA
2
2
2
MUSICA
1
1
1
CORPO MOVIMENTO SPORT
1
1
1
TECNOLOGIA
1
1
1
ARTE IMMAGINE
1
1
1
MENSA E DOPO MENSA
1
1
1
TOTALE ORE
27
27
27
CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 30 ORE , SU 5 GIORNI SETTIMANALI, DI CUI DUE CON
ORARIO FINO ALLE 13.30 UNO FINO ALLE 12.30 E DUE CON ORARIO FINO ALLE 16.30
DISCIPLINE
ITALIANO
CLASSE I
ORE
7
CLASSE II
ORE
7
CLASSE III-IV-V
ORE
7
MATEMATICA
7
7
7
SCIENZE
2
2
2
STORIA
2
2
2
GEOGRAFIA
2
2
1
INGLESE
1
2
3
RELIGIONE/ALTERNATIVA
2
2
2
MUSICA
1
1
1
CORPO MOVIMENTO SPORT
2
1
1
TECNOLOGIA
1
1
1
ARTE IMMAGINE
1
1
1
MENSA E DOPO MENSA
2
2
2
TOTALE ORE
30
30
30
CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 35 ORE SU 5 GIORNI SETTIMANALI CON ORARIO FINO
ALLE 16.30
DISCIPLINE
CLASSE I
ORE
CLASSE II
ORE
CLASSE III-IV-V
ORE
ITALIANO
8
8
8
MATEMATICA
8
7
7
SCIENZE
2
2
2
STORIA
2
2
2
GEOGRAFIA
2
2
1
INGLESE
1
2
3
RELIGIONE/ALTERNATIVA
2
2
2
MUSICA
1
1
1
CORPO MOVIMENTO SPORT
2
1
1
TECNOLOGIA E LABORATORIO INF
1
2
2
ARTE E LAB. IMMAGINE
1
1
1
MENSA E DOPO MENSA
5
5
5
TOTALE ORE
35
35
35
48
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 40 ORE SU 5 GIORNI SETTIMANALI CON ORARIO FINO
ALLE 16.30
DISCIPLINE
CLASSE I
ORE
CLASSE II
ORE
CLASSE III-IV-V
ORE
ITALIANO
8
8
8
MATEMATICA
8
8
8
SCIENZE
3
3
3
STORIA
2
2
2
GEOGRAFIA
2
2
2
INGLESE
1
2
3
RELIGIONE/ALTERNATIVA
2
2
2
MUSICA
2
2
2
CORPO MOVIMENTO SPORT
2
1
1
TECNOLOGIA E LABORATORIO INF
1
2
2
ARTE E LAB. IMMAGINE
2
2
2
MENSA E DOPO MENSA
7
6
5
TOTALE ORE
40
40
40
Compito della scuola primaria è quello di far acquisire conoscenze, abilità, autonomia e
competenze che definiscono, nel rispetto delle Indicazioni per il Curricolo, un preciso
profilo in uscita, così declinato.
PROFILO EDUCATIVO DELL’ALUNNO IN USCITA DALLA SCUOLA PRIMARIA
COMPETENZE DISCIPLINARI
Competenze linguistiche
- Ascolta, comprende il significato globale di un messaggio orale e ricorda le informazioni utili.
- Interviene nella conversazione in modo ordinato e pertinente.
- Legge correttamente un testo, ne comprende il significato globale e localizza in esso informazioni
utili.
- Produce e rielabora testi in forme adeguate a scopo e destinatario
- Rispetta le convenzioni ortografiche.
- Arricchisce il proprio lessico
Competenze in lingua comunitaria: inglese
- Ascolta, comprende ed usa parole, frasi ed espressioni di uso quotidiano.
- Arricchisce il lessico.
Competenze scientifiche
- Osserva la realtà per riconoscere relazioni, modificazioni, rapporti causali; pone domande, fa
ipotesi e le verifica;
- Esplora l’ambiente naturale ed antropico.
- Conosce i fenomeni fondamentali del mondo fisico e biologico
Competenze matematiche
- Legge, scrive, confronta e ordina numeri e quantità.
- Padroneggia abilità di calcolo orale e scritto.
- Utilizza semplici linguaggi logici.
49
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
- Riconosce, rappresenta e risolve situazioni problematiche.
- Opera con figure geometriche, grandezze e misure.
- Raccoglie dati e informazioni e li sa organizzare con rappresentazioni grafiche
Competenze tecniche e informatiche
- Utilizza una semplice strumentazione tecnologica
- Usa la videoscrittura e semplici programmi informatici
- Accede e utilizza il web
Competenze storiche
- Siorienta e colloca nel tempo fatti ed esperienze individuando i rapporti di successione e/o
contemporaneità tra azioni e situazioni.
- Ricostruisce, comprende e confronta avvenimenti e trasformazioni storiche
Competenze geografiche
- Riconosce la propria posizione e quella degli oggetti rispetto a diversi punti di riferimento.
- Utilizza correttamente gli indicatori topologici.
- Rappresenta, legge ed interpreta piante e carte geografiche.
- Conosce e descrive i principali ambienti e paesaggi geografici
Competenze artistiche
- Descrive, rappresenta e ricostruisce la realtà e le esperienze vissute attraverso semplici linguaggi
espressivi
- Conosce alcuni elementi del patrimonio culturale presenti nel territorio e li descrive a livello intuitivo
- Conosce ed utilizza il linguaggio musicale
Competenze motorie
- Ha padronanza degli schemi motori e posturali, li utilizza in situazione simultanea e combinata
- Partecipa a gioco/sport collettivo rispettando indicazioni e regole.
EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA
Il sé:
- Afferma la propria identità
- è responsabile delle proprie scelte
- resolve I problemi in autonomia
- manifesta interesse,disponibilità all'approfondimento e partecipazione costruttiva
- segue con attenzione e concentrazione le attività didattiche
- affronta le attività con impegno serio e costante
- lavora con metodo efficace, dimostrando di sapersi organizzare con autonomia.
- esegue i compiti con regolarità e cura
Gli altri:
È disponibile alla collaborazione con coetanei e adulti
È disponibile alla tolleranza, alla solidarietà ed all’ascolto degli altri
Convivenza civile:
- Rispetta gli altri
- rispetta gli ambienti e le cose
- è consapevole del valore delle regole della vita democratica
- è consapevole del valore della sicurezza propria e degli altri.
LA PROGRAMMAZIONE
La programmazione rappresenta l’elaborazione di un progetto che espliciti con chiarezza,
precisione e consapevolezza le varie fasi del processo educativo, tenendo conto sia delle
reali condizioni sociali, culturali, ambientali in cui si opera, sia delle risorse effettivamente
disponibili. La sua pianificazione prevede:
• l’analisi della situazione iniziale,
50
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• la definizione di obiettivi generali e disciplinari,
• la selezione dei contenuti alla luce delle esperienze e competenze già maturate dagli
alunni,
• l’individuazione delle metodologie e delle strategie didattiche ritenute più idonee,
• la ricerca di procedure di verifica e di valutazione.
UTILIZZO ORE DI DISPONIBILITA’
Le ore di disponibilità nella scuola primaria vengono usate prioritariamente per la
sostituzione di docenti assenti e per le attività per i bambini che non si avvalgono dell’IRC.
In subordine, possono essere utilizzate per:
•
attività di recupero, individualizzate o per gruppi, per bambini con particolari difficoltà
•
implementazione dei progetti inseriti del POF
•
attività di laboratorio e di ricerca, attività di partecipazione a uscite e visite guidate
CURRICOLO OBBLIGATORIO NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
Nel rispetto del monte ore stabilito a livello nazionale, ogni istituzione scolastica definisce il
quadro unitario in cui sono indicate le discipline e le attività fondamentali definite a livello
nazionale e quelle definite a livello locale, da essa liberamente scelte.
L'orario annuale obbligatorio delle lezioni nella scuola secondaria di I grado è di
complessive 990 ore, corrispondente a 29 ore settimanali, più 33 ore annuali da destinare
ad attività di approfondimento riferita agli insegnamenti di materie letterarie, secondo il
seguente schema:
30 ORE SETTIMANALI di cui:
29 ORE OBBLIGATORIE comprendenti le materie di:
italiano, storia, geografia, scienze matematiche, lingua inglese, lingua francese,
educazione tecnologica, arte e immagine, educazione musicale, scienze motorie
sportive, religione cattolica.
1 ORA DI “APPROFONDIMENTO”, come di seguito indicato:
Classi I
Classi II
Classi III
I Quadrimestre
Ortografia
II Quadrimestre
Lettura e comprensione
I Quadrimestre
Il verbo
II Quadrimestre
Lettura di un testo o di una selezione del
testi
Approfondimento di tematiche storiche
culturali, sociali ed ambientali mediante
I Quadrimestre
51
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
II Quadrimestre
la visione di film o la lettura di
quotidiani,
libri, riviste specializzate....
Preparazione alla prova INVALSI
Nell’a.s. 2015 – 2016 l’I.C. svolge, in forma sperimentale, un progetto di ridistribuzione
oraria nell’arco dell’anno tra le discipline di musica e matematica/scienze finalizzato ad un
potenziamento - recupero delle abilità. Il progetto riguarda solo alcune classi 1 e 2
INDIRIZZI
LINGUE STRANIERE: INGLESE E FRANCESE
L’arricchimento dell’offerta nell’ambito linguistico permette agli alunni di:
- Acquisire la conoscenza di due lingue e di due culture che avvicina loro alla realtà
dell’Europa Unita.
- Acquisire una consuetudine alla comunicazione in altre lingue ed ai rapporti con altre
culture tale da facilitare nel futuro l’ampliamento degli studi linguistici e la
comprensione e il rispetto degli altri e del valori che essi posseggono.
CORSO A INDIRIZZO MUSICALE (SEZIONE M SEDE “VIA FLAVIO ANDÒ”)
Gli strumenti insegnati sono la chitarra, il flauto traverso, il pianoforte e il violino in modo
mediamente così articolato:
- Una lezione settimanale di strumento musicale
- Una lezione di teoria e lettura della musica
- Alle lezioni di strumento e di teoria sono affiancati Laboratori di musica d’insieme e
orchestra.
L'arricchimento dell'offerta formativa nell'ambito musicale permette agli alunni di:
- SAPERE: riferito alla capacità di applicare regole, analizzare, sintetizzare,
problematizzare, valutare e collocare le creazioni musicali nel loro contesto storico –
musicale.
- SAPER FARE: riferito alla capacità di conoscere, usare e promuovere al meglio le
proprie modalità sensoriali, mentali e motorie sviluppando abilità percettive e di
coordinazione motoria, di ascolto interiore e di coscienza dello stretto rapporto che
esiste fra il gesto e il suono.
- SAPER ESSERE: riferito alla capacità di esprimersi e comunicare nella ricerca di
attribuzione di senso, sviluppando la dimensione affettiva e d emozionale. Inoltre la
pratica di musica d’insieme, incentrata sulla cooperazione e sulla socializzazione,
stimola alla conoscenza di sé e dell’altro, alla sua accettazione e valorizzazione ed
educa all’attenzione e alla responsabilità.
OBIETTIVI
52
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
ATTIVITÀ PROGRAMMATE DAI DOCENTI DI STRUMENTO MUSICALE
Saggi di fine anno:
Concerto di Natale
Maggio 2016
18 Dicembre 2015
Continuità:
Progetto Scuola
aperta
ATTIVITA’
Lezioni Aperte
Incontri informativi e orientativi
con le classi V
Certificazioni
Europee ABRSM
Progetto Rock
Band
Le nuove indicazioni nazionali prevedono chela progettazione didattica sia finalizzata a
guidare i ragazzi lungo percorsi di conoscenza progressivamente orientati alle discipline e
alla ricerca delle connessioni tra i diversi saperi e che i ragazzi escano al termine del
primo ciclo con le seguenti competenze:
• Lo studente, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola, lo studio personale, le
esperienze educative vissute in famiglia e nella comunità, è in grado di iniziare ad
affrontare in autonomia e con responsabilità, le situazioni di vita tipiche della propria
età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità in tutte le sue dimensioni.
• Ha consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, utilizza gli strumenti di
conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere ed apprezzare le
diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto
reciproco. Interpreta i sistemi simbolici e culturali della società, orienta le proprie scelte
in modo consapevole, rispetta le regole condivise, collabora con gli altri per la
costruzione del bene comune esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilità. Si
impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri.
• Dimostra una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere
enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un
registro linguistico appropriato alle diverse situazioni.
• Nell’incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello
elementare in lingua inglese e di affrontare una comunicazione essenziale, in semplici
situazioni di vita quotidiana, in una seconda lingua europea.
• Utilizza la lingua inglese nell’uso delle tecnologie dell’informazione e della
comunicazione.
53
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• Le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche gli consentono di analizzare
dati e fatti della realtà e di verificare l’attendibilità delle analisi quantitative e statistiche
proposte da altri. Il possesso di un pensiero razionale gli consente di affrontare problemi
e situazioni sulla base di elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle
affermazioni che riguardano questioni complesse che non si prestano a spiegazioni
univoche.
• Si orienta nello spazio e nel tempo dando espressione a curiosità e ricerca di senso;
osserva ed interpreta ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche.
• Ha buone competenze digitali, usa con consapevolezza le tecnologie della
comunicazione per ricercare e analizzare dati ed informazioni, per distinguere
informazioni attendibili da quelle che necessitano di approfondimento, di controllo e di
verifica e per interagire con soggetti diversi nel mondo.
• Possiede un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed è allo stesso tempo capace
di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni ed impegnarsi in nuovi
apprendimenti anche in modo autonomo.
• Ha cura e rispetto di sé, come presupposto di un sano e corretto stile di vita. Assimila il
senso e la necessità del rispetto della convivenza civile. Ha attenzione per le funzioni
pubbliche alle quali partecipa nelle diverse forme in cui questo può avvenire: momenti
educativi informali e non formali, esposizione pubblica del proprio lavoro, occasioni
rituali nelle comunità che frequenta, azioni di solidarietà, manifestazioni sportive non
agonistiche, volontariato, ecc.
• Dimostra originalità e spirito di iniziativa. Si assume le proprie responsabilità e chiede
aiuto quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede.
• In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento si impegna in campi espressivi,
motori ed artistici che gli sono congeniali. È disposto ad analizzare se stesso e a
misurarsi con le novità e gli imprevisti.
Vista l’importanza e la complessità di strutturare un completo ed esauriente Curricolo, il
nostro Istituto, per la realizzazione delle prospettive date dalle Indicazioni Nazionali,ritiene
opportuna, oltre l’impegno per una continua autoformazione da parte dei docenti,
l’attuazione di un concreto percorso di formazione e aggiornamento. Il Piano di formazione
prevede: quattro ore di Organi Collegiali per l’elaborazione del Curriculum Verticale e lo
sviluppo di una didattica inclusiva; un corso di quindici ore di aggiornamento sulle
didattiche attive (cooperative learning); incontro con un’esperta dell’INVALSI sulla struttura
e sull’utilizzo delle rilevazioni statistiche al fine del miglioramento della didattica.
ATTIVITA’ ALTERNATIVA ALLA IRC
Gli alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica partecipano ad
attività didattiche organizzate specificatamente per loro o a quelle organizzate per alunni di
altre classi parallele. La scuola mette a disposizione gli spazi dei laboratori e della
biblioteca inserendoli nell’organizzazione oraria generale.
54
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA
Come indicato dalla legge 169/2008, tutti gli
apprendimenti promossi dalla scuola devono porre le
basi per l’Educazione alla Cittadinanza, che ha come
obiettivi irrinunciabili la costruzione del senso della
legalità e lo sviluppo di un’etica della responsabilità. Tale
insegnamento nel primo ciclo di istruzione viene
impartito nell'ambito delle aree storico-geografica e
storico-sociale e del monte ore complessivo previsto per
le stesse.
La scuola, pertanto, realizza iniziative in cui gli studenti siano diretti protagonisti di percorsi
di cittadinanza attiva, partecipativa, rappresentativa, consapevole e solidale come la
formazione della persona in grado di sapere, saper essere e saper fare secondo i principi
e i valori della Costituzione italiana, dei Trattati e della Carta dei diritti fondamentali
dell’Unione Europea e del Diritto internazionale dei diritti umani.
In tal senso, l’impegno dei docenti è teso a conoscere e rispettare i valori sanciti nei
suddetti documenti, che afferiscono:
• ai diritti inviolabili di ogni essere umano
• al riconoscimento della pari dignità sociale
• al dovere di contribuire in modo concreto alla qualità della vita della società
• alla libertà di religione
• a tutte le varie forme di libertà
• al diritto alla parola attraverso cui si negoziano i significati e si opera per sanare le
divergenze prima che sfocino in conflitti.
VIVERE LA LEGALITA’
Uno degli obiettivi fondamentali della scuola consiste
nell’accompagnare gli alunni verso la consapevolezza dei propri
diritti e dei propri doveri.
L’educazione alla legalità è quindi finalizzata a trasmettere la
natura e la funzione delle regole nella vita sociale, i valori della
democrazia, consentire l'acquisizione dei diritti di cittadinanza.
Essa aiuta a comprendere come l'organizzazione della vita
personale e sociale si fondi su un sistema di relazioni giuridiche,
incrementa la consapevolezza che presupposti quali la
solidarietà, la dignità, la libertà, la sicurezza non possano
considerarsi come conseguite una volta per tutte, ma vadano perseguite e, una volta
conquistate, preservate.
55
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
Tra le tematiche connesse trovano spazio:
• l’educazione alla solidarietà;
• l’educazione alla pace;
• l’educazione alla multiculturalità;
• il bullismo e il vandalismo a scuola;
• il disagio e la gestione del conflitto e delle emozioni all’interno del gruppo classe;
• il rispetto dell’ambiente;
• la conoscenza di modelli ecosostenibili;
• l’educazione contro lo spreco delle risorse;
• la prevenzione dell’uso di sostanze stupefacenti illegali e i relativi danni alla salute;
• l’educazione all’uso responsabile del denaro, degli oggetti di consumo e delle nuove
tecnologie;
• l’educazione al rispetto dell’identità di genere;
FINALITÀ DELL’AZIONE DIDATTICA
• Prendere coscienza dei diritti e doveri di cittadino ed esercitare, nel quotidiano, il
rispetto degli impegni assunti all’interno di un gruppo di persone che hanno e
condividono gli stessi diritti e doveri;
• educare alla cooperazione;
• riconoscere i propri stili conflittuali e sviluppare la capacità di gestire in modo positivo il
conflitto, attivando delle strategie adeguate;
• promuovere per sé e per gli altri un benessere fisico, psicologico, morale e sociale;
• acquisire la consapevolezza in ogni ambiente e situazione di codici e regolamenti
stabiliti;
• cogliere, sulla base delle proprie convinzioni personali, la differenza tra ciò che è
corretto e ciò che non lo è ed orientarsi di conseguenza nelle scelte di vita e nei
comportamenti sociali e civili;
• essere disponibili al rapporto di collaborazione con gli altri per contribuire, con il proprio
apporto personale, alla realizzazione di una società migliore;
• fare prevenzione, fornire informazioni ed attivare itinerari formativi nella scuola, intesa
come comunità educativa;
• promuovere un’autentica educazione alla convivenza civile e alla democrazia, al
radicamento dei valori civili e dei bisogni fondamentali dei cittadini, che aiuti i giovani a
costruire il proprio futuro mediante scelte consapevoli e responsabili;
• stimolare una personale ricerca per creare un comportamento responsabile, cosciente e
consapevole, anche attraverso la conoscenza e la riflessione sul Regolamento della
Scuola che mira a favorire comportamenti ispirati alla convivenza civile;
• favorire l’inserimento di alunni stranieri con interventi finalizzati ad una serena
collaborazione e compartecipazione con il gruppo classe.
56
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE
E’ stato costituito un gruppo di lavoro per il conseguimento degli obiettivi di miglioramento
emersi dal Rapporto di Autovalutazione (RAV).
CULTURA DELL’INCLUSIONE
La nostra scuola è attenta a tutte quelle realtà di svantaggio e di disagio che necessitano
di accoglienza e di adeguate strategie relazionali e di integrazione.
Accogliere, valorizzare, sostenere i singoli bambini e ragazzi nelle relazioni personali e
all’interno del gruppo classe è condizione e presupposto dell’intero processo formativo.
Promuovere la crescita e lo sviluppo di tutti gli alunni, ma in particolare quelli che si
trovano in condizione di svantaggio o di disagio psicologico, diviene quindi obiettivo
prioritario della scuola, che promuove atteggiamenti di ascolto, accoglienza e fiducia.
La scuola si propone come ambiente di vita all’interno del quale il clima emotivo,
l’organizzazione degli spazi e dei tempi, connotano il contesto come ambiente educativo
per i bambini e per le loro famiglie.
INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI
La legge quadro n. 104 del 1992 ha disciplinato in maniera organica l'assistenza,
l'integrazione sociale e i diritti delle persone diversamente abili, garantendo il diritto
all'educazione e all'istruzione nelle classi comuni delle scuole di ogni ordine e grado e
nelle università. La stessa legge ha stabilito le modalità e i criteri per l’individuazione
dell’alunno come soggetto in situazione di handicap, poi integrati dal D.P.C.M. 185/2006,
ai fini dell’attivazione delle forme di integrazione e sostegno; le modalità di attuazione
dell’integrazione e quelle di valutazione degli apprendimenti e di effettuazione delle prove
d’esame.
Nel 2009, con la nota prot.n. 4274 del 4 agosto, il Ministero ha emanato le Linee guida
sull'integrazione scolastica degli alunni con disabilità, le quali raccolgono una serie di
direttive che hanno lo scopo di proporre possibili soluzioni per migliorare il processo di
integrazione degli alunni.
Nel rispetto della legislazione vigente, la scuola orienta il proprio operato verso i principi di
integrazione, di inclusione e di inserimento dei bambini con disabilità.
La scuola si impegna a garantire una costante comunicazione e collaborazione con le
famiglie, con gli operatori della A.S.L., con gli insegnanti dell’ordine di scuola precedente e
successivo al fine di garantire agli alunni diversamente abili un percorso formativo
coerente ed efficace, in rapporto ai bisogni individuali.
57
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
Solo un dialogo aperto e costruttivo potrà infatti permettere:
•
di tener conto di tutti i punti di vista sulle problematiche degli alunni in fase di
progettazione
•
una reale condivisione ed unitarietà nella fase di realizzazione dei progetti e/o percorsi
attivati
•
una verifica condivisa per meglio adeguare in itinere l’azione educativa
Ciò permetterà di ottimizzare tutte le risorse disponibili per definire al meglio le azioni di
intervento, finalizzate a valorizzare le potenzialità individuali degli alunni.
I percorsi di insegnamento/apprendimento individualizzato saranno quindi definiti
collegialmente, documentati nei Piani Educativi Individualizzati, comunicati alle famiglie e
agli ordini di scuola successivi.
Al fine di promuovere un’integrazione reale dei bambini, la Scuola si impegna inoltre ad
attivare Progetti speciali che coinvolgeranno tutti i bambini in attività di potenziamento e
valorizzazione dei diversi linguaggi comunicativi e di integrazione degli stessi.
Dal punto di vista metodologico l’azione didattica è fondata sulla ricerca e sull’operatività,
lungo percorsi trasversali alle singole discipline, che richiedono modificazione dei ruoli
tradizionali di insegnamento-apprendimento, flessibilità del percorso, dell’organizzazione e
delle strutture scolastiche.
I laboratori di cui la scuola si avvale, per promuovere esperienze significative a favore di
tutti gli alunni ed in particolare verso chi è in difficoltà, sono: laboratorio di informatica,
laboratorio mass-mediale, laboratorio psicomotorio (palestra), laboratorio linguistico
(biblioteca), laboratorio dei linguaggi non verbali (manipolazione, arte, comunicazione
espressiva, musica).
Ai sensi della legge 104/92, nella scuola è operante il G.L.H. di Istituto, nonché gruppi di
studio e di lavoro composti da docenti ed operatori dei servizi territoriali con il compito di
collaborare alle iniziative educative della scuola ed a quelle predisposte nei Piani Educativi
individualizzati di ciascun alunno.
INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO
(DSA)
La Legge 8 ottobre 2010 n. 170 assicura agli studenti con diagnosi di DSA(BES Area 2) il
diritto a fruire di opportuni provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica
nel corso dei cicli di istruzione. Le finalità contenute nella norma riguardano la promozione
del successo scolastico, la garanzia di una formazione adeguata per sviluppare le
potenzialità anche attraverso la preparazione metodologica e valutativa degli insegnanti e
la sensibilizzazione dei genitori nei confronti delle problematiche legate ai DSA.
Agli alunni DSA l’istituzione scolastica garantisce attraverso la predisposizione di un piano
didattico personalizzato, in accordo con le famiglie:
58
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• la progettazione di una didattica individualizzata
• l'utilizzo di strumenti compensativi nonché misure dispensative da alcune prestazioni
non essenziali ai fini della qualità dei concetti da apprendere.
Per la valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento, il D.P.R. n. 122/
2009 (Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti) dedica uno specifico
articolo (art. 10). La valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle
effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, devono tenere conto delle specifiche
situazioni soggettive di tali alunni; a tali fini, nello svolgimento dell'attività didattica e delle
prove di esame, sono adottati gli strumenti metodologico-didattici ritenuti più idonei.
ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI
La direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni
educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” delinea e precisa
la strategia inclusiva della scuola italiana al fine realizzare appieno il diritto
all’apprendimento per tutti gli alunni in situazione di difficoltà. La Direttiva estende il campo
di intervento e di responsabilità di tutta la comunità educante all’intera area dei Bisogni
Educativi Speciali (BES Area 3), comprendente: “svantaggio sociale e culturale, disturbi
specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non
conoscenza della cultura e lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”. La
Direttiva estende pertanto a tutti gli alunni in difficoltà il diritto alla personalizzazione
dell’apprendimento, richiamandosi espressamente ai principi enunciati dalla Legge
53/2003. In base a quanto specificatamente indicato nella C.M. n.8/ 2013, i Consigli di
classe (scuola secondaria) e i teams dei docenti (scuola primaria) dell’Istituto
Comprensivo, indicheranno in quali casi sia opportuna e necessaria l’adozione di una
personalizzazione della didattica ed eventualmente di misure compensative o
dispensative, nella prospettiva di una presa in carico globale ed inclusiva di tutti gli alunni.
Fermo restando l’obbligo di presentazione da parte della famiglia delle certificazioni per
l’esercizio dei diritti conseguenti alle situazioni di disabilità e di DSA, come già specificato
nei precedenti paragrafi, i docenti hanno redatto per questi alunni uno specifico PDP. I
Consigli di classe e i teams dei docenti hanno inoltre individuato, sulla base di
considerazioni pedagogiche e didattiche, tutti quegli alunni che, seppur privi di
certificazione clinica o diagnosi, ricadono nell’area che interessa lo svantaggio
socioeconomico, linguistico e culturale e/o che per motivi fisici, biologici, fisiologici e
psicologici, rendono opportuna e necessaria l’azione di particolari strategie didattiche.
Tenendo in considerazione anche quanto esplicitato nei chiarimenti fatti pervenire dal
ministero in data 22/11/2013, sono stati individuati per questi alunni percorsi
individualizzati, informali o strutturati. L’Istituto comprensivo ha redatto Il Piano annuale
per l’inclusività, che costituisce un’integrazione al Piano dell’offerta formativa di cui è parte
sostanziale (nota prot. 1551/2013).
59
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
ALUNNI STRANIERI
La scuola, come luogo privilegiato di incontro,
può guidare i ragazzi ad accogliere gli alunni di
lingua,
religione
e
cultura
“diversa”,
considerando che la “diversità” portatrice di
valori positivi, è arricchimento reciproco, è
crescita personale e culturale per tutti.
La presenza di alunni stranieri nelle classi, non
ha quindi cambiato la filosofia di fondo nelle
scelte pedagogiche ed educative fondamentali,
ma ha richiesto progettazioni e scelte
organizzative sempre meglio orientate a
promuovere l’interazione armonica tra tutte le componenti del tessuto sociale e culturale
del territorio.
LA NOSTRA SCUOLA FAVORISCE L’INTEGRAZIONE DI QUESTI BAMBINI:
• Creando un clima di accoglienza per alunni e genitori basato sull’ascolto, sulla
conoscenza, sullo scambio e sulla collaborazione, riducendo al minimo la percezione di
sé come minoranza.
• Rispettandone il credo religioso e le tradizioni culturali
• Facendo acquisire, a tutti gli alunni, la consapevolezza di vivere in una società il cui
tessuto è composto da molte culture diverse, da valorizzare e cogliere come occasione
di crescita e arricchimento.
• Favorendo l’apprendimento della lingua italiana per promuovere l’inserimento e la
socializzazione degli alunni nella nuova realtà scolastica
• Promuovendo l’incontro tra modelli culturali diversi per costruirne nuovi in funzione di
una reale integrazione interculturale
Per far fronte a tali esigenze la Scuola ha predisposto, attraverso una Commissione di
lavoro, un apposito Protocollo Intercultura: “dall’Accoglienza alla Valutazione”. Il
documento intende presentare un modello d’accoglienza che illustri una modalità
pianificata, con la quale affrontare e facilitare l’inserimento scolastico, considerando nei
diversi aspetti: amministrativo-burocratico, relazionale e comunicativo, educativo-didattico,
sociale-affettivo. Il protocollo propone una serie di adempimenti e di provvedimenti,
attraverso i quali si formalizza il rapporto dell’alunno e della sua famiglia con la realtà
scolastica; soprattutto una prassi metodologica ed una strategia didattica, volta a favorire
l’integrazione e la socializzazione dell’alunno, intesa come sfondo emotivo-affettivo
garante di ogni altro apprendimento.
La Scuola ha, inoltre, stipulato una convenzione con l’associazione “Più Culture” che
permetterà l’attivazione di corsi L2 per alunni non italofoni.
60
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
AMPLIAMENTO DELL'OFFERTA FORMATIVA
La programmazione e l'attivazione di progetti proposti da docenti interni alla scuola e
l'adesione a progetti proposti dall'esterno vengono effettuati sulla base dei seguenti criteri
generali:
• coerenza con l'idea aggregante del Piano dell'Offerta Formativa
• condivisione della valenza educativa dei progetti da parte del Collegio dei Docenti
• adeguatezza del progetto alle risorse economiche della scuola. A tal proposito i criteri
votati dal Collegio dei Docenti, in base ai quali verranno attuati i progetti, sono i
seguenti
progetti per la continuità
recupero e potenziamento e orientamento
aderenza all’obiettivo prioritario scelto dal Collegio dei Docenti (Educazione alla
cittadinanza attiva: “Rispetto degli altri e dell’ambiente”)
ricaduta
progetti storici e/o con esigua ricaduta sul Fondo d’Istituto.
• affidabilità dell'istituzione che li propone, per quanto riguarda i progetti offerti.
dall'esterno (per maggiori dettagli riguardo questi progetti si rimanda alla sezione
“Raccordo con gli enti locali e l’associazionismo” pag.16).
• l’Istituto Comprensivo, previa approvazione del Collegio Docenti e del Consiglio
d’Istituto, attuerà progetti che non prevedano oneri per la scuola presentati e realizzati
da soggetti esterni nel corso dell’anno scolastico.
:
MIGLIORAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA
Campi di potenziamento con richiesta di organico funzionale (MIUR prot.n.003054921/09/2015)
Le lettere che precedono la denominazione del progetto fanno riferimento agli obiettivi
formativi comma 7 legge 107/15
1. Potenziamento umanistico, socio economico e per legalità
“s)” – La scatola azzurra
“l)” - Star bene a scuola
2. Potenziamento linguistico
“a)” – Familiarizzazione con la lingua francese (classi 5° scuola primaria)
- Teatro in lingua straniera (scuola secondaria e classi 5° scuola primaria)
- Musica e lingua straniera (classi 1M – 3M - 3F secondaria)
- Laboratorio di scrittura creativa (classi 1° - 2° - 3° scuola secondaria)
61
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
- Progetto biblioteca (scuola primaria e secondaria)
- Le quattro stagioni (scuola primaria classe 3B Chiovini)
- Certificazione Trinity
- Certificazione Delf (scuola secondaria)
“p)” - Recupero italiano (classi 1° - 2° - 3° scu ola secondaria)
- Recupero abilità linguistiche L2 ( inglese classi 1° - 2° scuola secondaria)
3. Potenziamento scientifico
“b)” – Potenziamento di matematica (classi 3° scuol a secondaria)
-
Il nostro giardino: un’oasi naturale didattica (scuola dell’infanzia, scuola primaria
e scuola secondaria)
-
Io rispetto Gea (scuola dell’infanzia e scuola primaria)
-
Scienza attiva (scuola secondaria)
-
Progetto di diffusione della cultura scientifica “La scuola delle scienze, il
giardino delle farfalle” (Bando MIUR, Decreto Direttoriale dell’8 luglio 2015 n.
1524), presentato il 6 agosto 2015.
“p)” – Recupero di matematica (classi 1° - 2° - 3° scuola secondaria)
“q)” – Giochi matematici (scuola primaria e secondaria)
4. Potenziamento artistico e musicale
“c)” – Opera domani (classi 3° scuola secondaria)
- Continuità musicale e orientamento musicale (classi 5° scuola primaria)
- Approccio alla musica (scuola primaria)
- La scuola adotta un monumento (scuola primaria)
- A scuola di epigrafia (classi 5° scuola primaria e classi 1° scuola secondaria)
- Archeologia (classi 1° scuola secondaria)
- Artisti, storia e storie nella cinematografia (scuola secondaria)
“e)” – Arte in stazione e città a colori (scuola secondaria)
62
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
5. Potenziamento motorio
“g)” – Torneo Volley III° municipio (classi 3° scuo la secondaria)
- Il mille di Miguel (scuola secondaria)
- Shuttle time – badminton a scuola (scuola secondaria)
- Remare a scuola (scuola secondaria)
- Progetto di educazione fisica (scuola secondaria)
6. Potenziamento laboratoriale
“m)” – Classi aperte (scuola primaria)
Per la piena attuazione di una parte della progettazione sopra elencata è previsto l’utilizzo
di laboratori multimediali e la produzione di materiale didattico multimediale.
PROGETTI DI SOLIDARIETA’
• Progetto “Pigotte” (scuola primaria)
• Aggiungi un pozzo d’acqua in Africa: raccolta fondi per “12 scatti ONLUS”
• Vendita quaderni per l’asilo solidale Tana Libera Mondo
PROGETTI DI POTENZIAMENTO
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Scoprendo l’Africa (scuola dell’infanzia)
Fermati e leggi con me (scuola dell’infanzia)
Noi siamo figli delle stelle (scuola dell’infanzia)
Per fare un albero (scuola dell’infanzia)
Le français est un jeu d’enfant (scuola primaria)
La pista di Pietro: punti di raccolta nei diversi plessi, di scarpe da ginnastica esauste da
riciclare per la realizzazione di piste di atletica. In collaborazione con Esosport e
Comune di Roma (scuola secondaria)
Certificazioni ABRSM (scuola secondaria sez. musicale)
Orchestra aperta
Il cibo del futuro il futuro del cibo (offerta educativa Unicoop Tirreno)
L’educazione cibica (offerta educativa Biofisimed)
Sportello di consulenza nutrizionale (offerta educativa Dott.ssa Cosentino)
Primo premio delle arte “Filattiera 84” (Comitato dei genitori)
Starlight project planetario (senza oneri finanziari per la scuola)
Step by step english (scuola dell’infanzia – senza oneri finanziari per la scuola)
Musica Attiva (scuola infanzia e scuola primaria – senza oneri finanziari per la scuola)
Attività motoria – teatro – CDM (scuola dell’infanzia e scuola primaria – senza oneri
finanziari per la scuola)
Corso di lingua inglese attraverso il teatro con docenti madrelingua (classi 5°scuola
primaria – senza oneri finanziari per la scuola)
Teatro in movimento (scuola secondaria – senza oneri finanziari per la scuola)
63
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• Orientamento (classi 3° scuola secondaria – senza oneri fianziari per la scuola)
• Scherma a scuola (scuola secondaria – senza oneri fianziari per la scuola)
• Rock/Falk Band (band per gli ex-alunni della Toscanini – senza oneri finanziari per la
scuola)
ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELL’ISTITUTO
AGGIORNAMENTO e FORMAZIONE DEI DOCENTI
L’aggiornamento professionale dei docenti è un importante elemento di qualità del servizio
scolastico; è finalizzato a fornire ai docenti strumenti culturali e scientifici per sostenere gli
obiettivi di cambiamento.
I criteri ai quali si ispirano le attività di aggiornamento che interessano gli insegnanti delI’
Istituto riguardano l’acquisizione di competenze al fine di partecipare responsabilmente e
costruttivamente:
• ai processi di autonomia e innovazione in atto;
• al potenziamento e al miglioramento della qualità professionale;
• al potenziamento dell’offerta formativa nel territorio con particolare riguardo alla
prevenzione dell’insuccesso scolastico.
Il Piano Annuale di formazione destinato ai docenti è deliberato dal Collegio. Tale piano
tiene conto dei contenuti della Direttiva annuale del MIUR e si può avvalere delle offerte di
formazione promosse dall’Amministrazione centrale e periferica, da iniziative progettate
dalla scuola autonomamente o consorziata in rete, anche in collaborazione con
l’Università, con le associazioni professionali qualificate, con gli istituti di ricerca e con gli
Enti accreditati.
La partecipazione ad attività di formazione e di aggiornamento costituisce un diritto per il
personale in quanto funzionale alla piena realizzazione e allo sviluppo professionale.
Le iniziative formative si svolgono fuori dell’orario di insegnamento.
Il personale docente può usufruire, con l’esonero dal servizio e con sostituzione ai sensi
della normativa vigente sulle supplenze brevi, di cinque giorni nel corso dell’anno
scolastico per la partecipazione ad iniziative di aggiornamento riconosciute
dall’Amministrazione.
Nell’anno scolastico 2015/2016 nell’I.C. sono stati rilevati i seguenti bisogni di formazione
e aggiornamento:
• Formazione relativa alla didattica individualizzata e personalizzata per gli studenti con
BES;
• Formazione sul Curricolo Verticale e didattiche inclusive.
64
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• Formazione con figure specialistiche per la somministrazione di farmaci da parte di
personale docente e ATA ad alunni con particolari problemi di salute durante l’orario
scolastico;
• Formazione sulla normativa sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro.
• Formazione riguardo la didattica per competenze e la valutazione per competenze
• Autoformazione per la didattica laboratoriale in ambito scientifico dei docenti della
scuola secondaria di primo grado.
RAPPORTI SCUOLA - FAMIGLIA
La scuola realizza il proprio compito di educare istruendo in condivisione con la famiglia
Sono previsti:
• incontri previsti dagli organi collegiali;
• colloqui individuali;
• due colloqui mensili in orario antimeridiano per la scuola secondaria ( 1° e 3° settimana
del mese);
• ricevimenti pomeridiani.
Alla fine del primo quadrimestre e dell’anno scolastico i genitori saranno informati in
appositi incontri dei risultati degli scrutini.
I genitori dei bambini di scuola dell’infanzia saranno informati, in appositi incontri,
sull’andamento dell’attività educativa delle sezioni e sulle situazioni personali di ogni
bambino.
SICUREZZA
Il Testo Unico 81/08, riguardante la salute e la sicurezza sul lavoro, raccoglie tutte le
disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi dei lavoro.
L’Istituto Comprensivo, in ottemperanza alle disposizioni in esso contenute, ha provveduto
a porre in essere tutti gli adempimenti previsti, quali:
• Designazione degli addetti alle emergenze;
• Designazione del Responsabile del servizio prevenzione e protezione (RSPP);
• Designazione del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS);
• Svolgimento diretto da parte del dirigente scolastico, in qualità di datore di lavoro, dei
compiti di prevenzione e protezione dei rischi;
65
Istituto Comprensivo “PIAZZA FILATTIERA 84” – Roma
• Valutazione rischi ed elaborazione del relativo documento con il RSPP;
• Convocazione di riunioni periodiche;
• Iniziative di formazione specifiche per tutto il personale della scuola.
Il piano sulla sicurezza si avvale del supporto di un gruppo di lavoro formato da docenti
Dei cinque plessi che opera in base ad un sistema di gestione per la sicurezza.
PRIVACY
Il trattamento dei dati sensibili e giudiziari è un provvedimento previsto dal Decreto
Ministeriale n.305 del 7.12.2006,che completa il quadro normativo relativo al diritto alla
protezione dei dati personali ed alla riservatezza, definito dal codice emanato con il D.lgs
196 del 30 giugno 2003. Tale provvedimento regola il trattamento dei dati nel settore
dell’istruzione, specificando i tipi di dati che possono essere trattati dalla scuole, le
operazioni che su di essi sono eseguibili e le finalità di rilevante interesse pubblico
perseguite.
ALLEGATI AL POF 2015/2016
Vengono allegati al P.O.F 2014/2015:
• Carta dei servizi;
• Regolamento dell’Istituto Comprensivo;
• Patto di corresponsabilità;
• Regolamento per l’utilizzo della mensa scolastica;
• Convenzioni stipulate dell’Istituto Comprensivo;
• P.A.I. (Piano Annuale per l’Inclusività)
66

Documenti analoghi