F irm aJJJ JJJJJJJJJJJJJJJJ JJJJJJJJJ

Commenti

Transcript

F irm aJJJ JJJJJJJJJJJJJJJJ JJJJJJJJJ
Firma____________________________
CAPITOLATO D’ONERI PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL
BOCCIODROMO COMUNALE (CAMPI BOCCE, BAR ED AREA CIRCOSTANTE ANNESSA)
ART. 1 - FINALITA’ ED OGGETTO DELLA CONCESSIONE
La finalità della presente concessione è la riqualificazione funzionale dell’edificio di proprietà
comunale denominato “Bocciodromo” attraverso interventi manutentivi straordinari di adeguamento
della struttura a carico del gestore, al fine di evitarne il decadimento e di valorizzarne la potenziale
funzione socio-aggregativa.
La concessione ha per oggetto le prestazioni occorrenti per la gestione del servizio di gestione del
bocciodromo comunale (bar, dei campi boccia e dell’area circostante annessa).Tale concessione
sarà di tipo in uso precario, secondo le modalità e le caratteristiche prescritte dal presente
Capitolato d’Oneri.
La concessione ha altresì per oggetto la collaborazione con l’Amministrazione Comunale Assessorato alle Sport e Tempo Libero, nell’organizzazione di attività aggregative per famiglie e
giovani.
Il rapporto contrattuale si configura come concessione di servizio e, anche se si realizza a mezzo
di locali regolarmente predisposti per tale attività, trattasi di mezzi strumentali per lo svolgimento
del servizio in oggetto e pertanto non costituisce in alcun modo vincolo di affitto ai sensi della
Legge n. 392/1978. I locali, le pertinenze e gli accessori sono concessi in comodato d’uso.
ART. 2 - DESCRIZIONE SOMMARIA DEL BAR E DEL PARCO ANNESSO
Il Bar ed i Campi Bocce nonché le aree attigue constano dei seguenti elementi:
a) Area bar con annesso servizio igienico e spazio per dispensa.
c) Area verde esterna con spazio per parcheggio auto.
d) N. 2 campi bocce con annessi spogliatoi e servizi igienici.
e) Tutte le attrezzature che saranno rilevate nel verbale di consegna di cui al successivo specifico
articolo.
ART. 3 - CANONE DI CONCESSIONE E PRINCIPALI OBBLIGHI DEL CONCESSIONARIO
Il canone per l’assegnazione della concessione sarà compensato dalla predisposizione progettuale
(da presentare in sede di gara) e dalla successiva esecuzione, a carico del concessionario, delle
opere di manutenzione straordinaria (così come definite dall’art. 3 co.1 lett. b) del Dpr 380/2001)
necessarie al fine di rendere agibile la struttura nella sua attuale destinazione d’uso adeguandola
alle normative vigenti.
Nel particolare il canone annuo dovuto per l’assegnazione della concessione fissato in €
3.600,00/annuo dovrà esser compensato, sino all’importo massimo di € 10.800,00 (pari a tre
annualità), dalla predisposizione progettuale ed esecuzione, a carico del concessionario, delle
predette opere di manutenzione straordinaria. La minor spesa sostenuta rispetto al canone
annuale sarà oggetto in favore del Comune, di richiesta di versamento in denaro a corrispondenza
del totale dovuto per l’intero rapporto contrattuale, mentre il maggior costo sostenuto, potrà essere
sfruttato nelle modalità ed alle condizioni indicate al seguente capoverso.
La maggior spesa sostenuta per l’effettuazione dei lavori in misura superiore al canone
corrispondente a 3 anni (spese superiori ad € 10.800,00 documentate mediante produzione di
regolare fattura) potrà esser oggetto di compensazione del canone annuo dovuto per gli anni
successivi ai tre iniziali di contratto (se oggetto di richiesta di proroga del contratto di concessione)
ad insindacabile giudizio dell’amministrazione, che valuterà tale opportunità sulla base delle costo,
della consistenza e della qualità delle opere realizzate.
In ogni caso al termine del rapporto contrattuale nulla sarà dovuto al concessionario per i lavori
svolti nella struttura.
La durata minima di apertura della struttura dovrà essere pari almeno a 8 mesi annuali, con la
facoltà di protrarre la stessa anche per i mesi successivi.
La presente concessione comprende anche la manutenzione ordinaria e straordinaria dei campi
bocce e dell’area annessa durante tutta la durata contrattuale.
Firma:______________________________
Il concessionario dovrà altresì collaborare con l’Amministrazione Comunale per l’organizzazione di
eventi e di iniziative aggregative rivolte alle famiglie ed ai giovani, come esplicitato in dettaglio a
seguire nel presente dettato testuale.
L'Amministrazione Comunale si riserva inoltre la facoltà di procedere all’effettiva realizzazione dei
lavori di ampliamento della struttura già aggiudicati in sede di regolare procedura d’appalto. In tal
ultimo caso al gestore potrà essere ordinata la sospensione della propria attività di gestione della
struttura compensata dall’automatica proroga della scadenza contrattuale per il periodo di
sospensione necessario. Il gestore con l’accettazione delle presenti condizione rinuncia a
presentare richiesta di rimborso o risarcimento danni od a far valere qualsiasi tipo di istanza
compensativa. Rimane inteso che le spese fisse dovute per le utenze durante il periodo di
sospensione forzosa dell’attività potranno esser oggetto di richiesta di rimborso da parte del
Comune di Sovere. Qualora i lavori dovessero protrarsi per più di un anno è concessa facoltà al
gestore di chiedere legittimamente recesso dal contratto senza tuttavia possibilità d’indennizzo.
Non configurandosi il contratto come affitto di locali, al termine della gestione la ditta non potrà
rivendicare in alcun caso il diritto al pagamento di indennità o compensi per la perdita
dell’avviamento commerciale o per l’effettuazione dei lavori manutentivi di adeguamento funzionale
della struttura.
ART. 4 - CAUZIONE
Al momento della stipula del contratto il concessionario dovrà prestare una cauzione o produrre
fideiussione nella misura di € 1.000,00, la quale verrà restituita alla scadenza del contratto.
La cauzione costituita nelle forme di legge, è a garanzia dell'esatto adempimento di tutti gli obblighi
derivanti dal contratto, del risarcimento danni, nonché delle spese che eventualmente
l'Amministrazione dovesse sostenere durante la concessione per fatto imputabile al
concessionario, a causa di inadempimento o inesatto adempimento dei suoi obblighi.
La cauzione verrà in ogni caso incamerata qualora il concessionario dovesse senza valido e
giustificato motivo chiedere l'interruzione del rapporto contrattuale durante la durata della
concessione o comunque di fatto interrompere il servizio senza preavviso o giustificato motivo
oppure non dovesse procedere alla stipula del contratto entro il termine assegnato.
Resta salvo per l'Amministrazione l'esperimento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione
risultasse insufficiente.
Il concessionario dovrà reintegrare la cauzione di cui l'Amministrazione abbia dovuto avvalersi, in
tutto o in parte, durante l'esecuzione del contratto, entro due mesi dalla richiesta scritta
dell’Amministrazione.
ART. 5 - ELEZIONE DI DOMICILIO
Per tutti gli effetti del presente contratto il concessionario ha l’obbligo di eleggere domicilio presso
la sede del Bocciodromo comunale in parola.
Tutte le notificazioni, intimazioni, le assegnazioni di termini ed ogni altra comunicazione
dipendente dal presente contratto, saranno effettuati a mezzo del Messo Comunale o
raccomandata postale o e-mail tramite posta elettronica certificata.
ART. 6 - SPESE A CARICO DEL CONCESSIONARIO
Sono a completo ed esclusivo carico del concessionario tutte le spese relative e conseguenti al
contratto, nessuna eccettuata o esclusa.
Nel particolare sono poste a carico del concessionario: le spese tecniche necessarie per la
predisposizione degli elaborati progettuali, le spese necessarie per la realizzazione degli interventi
manutentivi necessari al fine di rendere agibile la struttura nonché per preservarla durante
l’utilizzo, le spese necessarie al pagamento delle utenze (comprese quelle di allaccio), le spese
derivanti da imposte, bollo, tasse ed altre imposizioni.
ART. 7 - DECORRENZA E DURATA DEL CONTRATTO
Tutti gli effetti attivi e passivi del contratto, anche in pendenza della sua sottoscrizione,
decorreranno dalla data di consegna dei beni mobili ed immobili, che risulterà dall'apposito Verbale
redatto all'Ufficio Tecnico Comunale.
La concessione avrà durata di anni 3 (tre).
Firma_______________________________
Il contratto potrà essere prorogato per massimo due volte, previa valutazione della convenienza da
parte dell’Amministrazione Comunale.
In caso di rinnovo la maggior spesa sostenuta dall’aggiudicatario per l’effettuazione dei lavori in
misura superiore al canone corrispondente a 3 anni (spese superiori ad € 10.800,00 documentate
mediante produzione di regolare fattura) potrà esser oggetto di compensazione del canone annuo
dovuto ad insindacabile giudizio dell’amministrazione, che valuterà tale opportunità sulla base delle
costo, della consistenza e della qualità delle opere realizzate.
A tal fine il concessionario dovrà inoltrare istanza di proroga, sei mesi prima della scadenza del
contratto con richiesta di compensazione dei maggiori costi sostenuti oltre la quota del canone
triennale indicata pocanzi.
Agli effetti della proroga saranno tenuti in considerazione la qualità del servizio ed il grado di
collaborazione del concessionario con l’Amministrazione Comunale.
ART. 8 - DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE PRESTAZIONI e TERMINI DI ADEMPIMENTO
Il concessionario ha l’obbligo di procedere entro 3 mesi dalla sottoscrizione del contratto, alla
realizzazione materiale delle opere di manutenzione straordinaria necessarie al fine di rendere
agibile la struttura nella sua attuale destinazione d’uso adeguandola alle normative vigenti secondo
la definizione progettuale presentata in sede d’offerta od in quella lievemente modificata su
indicazione dell’ufficio tecnico comunale.
In particolare al concessionario è richiesto di provvedere ad adeguare nell’intera struttura gli
impianti secondo i criteri di certificazione delle normative vigenti (D.M. 37/2008) ed a provvedere
all’eliminazione in essa delle barriere architettoniche sia negli spazi interni (soprattutto riguardo ai
bagni presenti nel campo di boccia, la cui bozza di soluzione progettuale si può rinvenire in calce
alla presente) che in quelli esterni per favorire l’accesso alla struttura e la sua fruibilità anche alle
persone diversamente abili o con disfunzionalità motorie.
Alla fine dei lavori e prima dell’apertura al pubblico dell’attività, l’aggiudicatario dovrà presentare
regolare fatturazione dei lavori effettuati od altra certificazione delle spese sostenute o del valore
delle opere effettuate se realizzate in proprio, ai fini della verifica sulla coerenza di quanto
presentato nella proposta progettuale in sede di gara e per lo scomputo rispetto al canone
concessorio dovuto.
Le attività ludico ricreative-sportive da insediare nella struttura devono avere possibilità di svolgersi
entro 1 mese dal termine dei lavori.
Il concessionario prima di iniziare l’ attività ottenuta in concessione, dovrà tuttavia inoltre stipulare
le polizze assicurative di cui all’art. 9 lettera d) del capitolato d’oneri, ottenere le autorizzazioni
all’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande, nonché presentare tutte le
dichiarazioni di conformità degli impianti ai sensi del D.M. 37/2008 e s.m.i..
La mancata presentazione delle documentazioni citate al capoverso precedente, nonché il
mancato rispetto dei termini sopra descritti, potranno, ad insindacabile giudizio
dell’amministrazione comunale, originare causa di annullamento del contratto, incameramento
definitivo del deposito cauzionale e divieto all’esercizio dell’attività senza a nulla pretendere
dall’amministrazione comunale.
Il concessionario ha l’obbligo inoltre di svolgere la propria attività con la diligenza del buon padre di
famiglia in modo da assicurare l'ottimale funzionamento e manutenzione degli impianti e dei beni
mobili in esso contenuti; le prestazioni che esso sarà tenuto a compiere sono sommariamente così
individuate:
a) sorveglianza e custodia dell'area e delle cose in esso contenute;
b) apertura e chiusura giornaliera che di regola avverranno:
 per il Bar: apertura (non prima) dalle ore 08.00 e chiusura (non oltre) alle ore 23.00, con
possibilità di modifiche solo dietro espressa autorizzazione del responsabile del servizio
commercio/attività produttive comunale;.
 per l’Area attigua: apertura alle ore 09.00 e chiusura alle ore 22.00; salvo deroghe disposte in
accordo con l’Amministrazione in presenza di particolari eventi (Nell’area è data la possibilità di
ubicare tavoli e strutture semi-amovibili per la sosta e la fruizione esterna dell’area).
 per il Campi gioco: apertura alle ore 09.00 e chiusura alle ore 22.00; salvo deroghe disposte in
accordo con l’Amministrazione in presenza di particolari eventi.
Firma_______________________________
L’Amministrazione si riserva la possibilità di apportare modifiche agli orari sopra indicati, a seguito
di fenomeni accertati o comportamenti reiterati provocanti disturbo alla quiete pubblica.
E’ fatto espresso divieto agli avventori di stazionare all’interno del complesso dopo gli orari di
chiusura.
c) manutenzione ordinaria, cura, sistemazione e pulizia del Bar, dei servizi annessi quali campi
bocce e aree verdi (lo sfalcio del verde nel periodo di crescita arborea dev’essere assicurato
almeno una volta ogni 30 giorni, è data la possibilità di abbellire il contesto a verde inserendo delle
composizioni floreali. È vietata la piantumazione di alberi di alto fusto);
d) conduzione del servizio del bar che, essendo soggetto alla disciplina delle autorizzazioni nei
pubblici esercizi dovrà avvenire osservando le relative disposizioni di legge;
e) provvedere all’organizzazione in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di eventi e di
iniziative socio educative nell’ambito delle politiche giovanili,
f) provvedere all’organizzazione in autonomia delle proposte di aggregazione per giovani e famiglie
indicate nel progetto gestionale;
L’attività di gestione di detto esercizio, essendo prevista a servizio degli utenti delle strutture
oggetto della concessione, dovrà svolgersi esclusivamente all'interno del complesso oggetto del
presente capitolato d’oneri ed, in particolare, gli orari di apertura dell'esercizio non potranno
superare quelli del funzionamento dello stesso (salvo le deroghe predette).
ART. 9 - ONERI ED OBBLIGHI DIVERSI A CARICO DEL CONCESSIONARIO PER LA
GESTIONE DEL BAR, DEI CAMPI BOCCE E DELL’AREA ATTIGUA
Il concessionario assume a suo completo ed esclusivo carico i seguenti oneri ed obblighi in
aggiunta a quelli già previsti dal precedente articolo, con rinuncia del diritto di rivalsa comunque
derivategli nei confronti dell'Amministrazione Comunale:
a) pagamento di ogni imposta, tassa o tributo comunque dipendente dal contratto o dall'attività
svolta;
b) messa a norma degli impianti con particolare riferimento a quello elettrico, idro-termo-sanitario
dei locali in parola;
c) messa a norma ai sensi della Legge n. 13 del 9 gennaio 1989 "Disposizioni per favorire il
superamento e l'eliminazione delle barriere” e s.m.i. dei locali in parola e spazi antistanti. In tal
senso dovrà attuarsi il progetto di “Abbattimento delle barriere architettoniche bagni, soprattutto
riguardo ai bagni presenti nel campo di bocce, la cui bozza di soluzione progettuale si può
rinvenire in calce alla presente.
d) rifacimento della segnaletica orizzontale nella superficie destinata a parcheggio con riserva
evidenziata in colore giallo di posti auto a favore di disabili secondo le percentuali di legge.
e) richiesta del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) dei locali o dichiarazione che non necessiti da
parte di tecnico abilitato;
f) sospensione della concessione oggetto della presente, alle condizioni rinvenibili nel precedente
articolo, quando e qualora l’Amministrazione ritenga di procedere con i lavori di “Realizzazione
centro polivalente presso il bocciodromo comunale” il cui progetto definitivo esecutivo è stato
approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 35 del 22.03.2010 (visionabile presso l’Ufficio
Tecnico);
c) esecuzione della manutenzione ordinaria dei beni mobili ed immobili consegnati onde assicurare
la piena e continua funzionalità del Bocciodromo, nonché l'adozione delle cautele necessarie per
garantire la sicurezza e l'incolumità delle persone e delle cose per evitare danni ai beni pubblici e
privati, assumendo integralmente ogni e qualsiasi responsabilità in caso di infortuni e sollevandone
l'Amministrazione Comunale;
d) stipulazione di polizza antifurto (facoltativa) con massimali pari a € 50.000,00=
(cinquantamila/00) per gli arredi presenti di proprietà comunale, salvo diversamente disposto
dall'Amministrazione, e di un assicurazione (obbligatoria) per responsabilità civile sui rischi
derivanti nella gestione dello stesso con un massimale minimo di €. 1.000.000,00= (un
milione/00);
e) pagamento delle spese per la fornitura di pubblici servizi, quali: acqua, gas metano, energia
elettrica e telefono, polizze e tutto quanto necessita allo svolgimento dell’attività;
Firma________________________________
f) consentire la visita di un rappresentante dell'Amministrazione Comunale onde verificare
l'ottimale manutenzione del Bar e di quanto in esso contenuto;
g) reintegrazione o manutenzione straordinaria delle cose elencate nel verbale di consegna che
dalla visita risultino essere deperite, asportate o danneggiate irreparabilmente per incuria o colpa
personale, provvedendovi entro 15 (quindici) giorni dalla constatazione, fatte salve le possibilità di
rivalsa dell'Amministrazione sul deposito cauzionale recuperandone le spese;
h) pieno rispetto di ogni disposizione regolamentare o specifica deliberata dall'Amministrazione
Comunale per la gestione del Bar e del suo utilizzo;
i) mantenimento costante, anche da parte del personale subordinato, di contegno corretto e
riguardoso, e di condotta irreprensibile nei confronti dell'utenza;
j) obbligo di segnalazione all'Amministrazione Comunale di qualsiasi inconveniente, irregolarità o
manomissione riscontrati negli impianti, nonché la denuncia alle competenti autorità quando il fatto
costituisca reato;
k) obbligo di fornire all'Amministrazione Comunale dati, notizie, informazioni ed ogni altro elemento
connesso allo svolgimento della concessione;
l) presentazione di apposito titolo legittimante per l'esercizio dell'attività di ristorazione prevista per
il Bar;
m) accettare tutte le modifiche, sia strutturali o di ampliamento dell'impianto, sia normative che
l'Amministrazione dovesse far eseguire;
n) la predisposizione di modifiche alla struttura attuale, oltre all’ottenimento dei permessi edilizi
necessari, dovranno essere previamente approvate dall’Amministrazione Comunale. Tale
approvazione non comporta necessariamente la partecipazione alle spese, pur configurandosi
come interventi di manutenzione straordinaria;
o) il concessionario deve garantire il libero accesso di apertura all’area attigua ed un’adeguata
manutenzione dello stesso tale da garantire la costante fruizione del parco ed un dignitoso decoro
dello stesso su tutta la sua estensione. Nello specifico la manutenzione ordinaria comprende
almeno n. 4 (quattro: 1 ogni 45 giorni) tagli d’erba su tutta la superficie verde del parco. In caso di
mancato rispetto delle tempistiche indicate, il Comune provvederà in autonomia al taglio dell’erba
prelevando dalla cauzione l’importo dell’intervento.
p) il concessionario è responsabile del rispetto degli orari di apertura e chiusura del parco;
q) il concessionario si impegna ad adottare tutte le misure necessarie alla riduzione di rumori
molesti derivanti dallo svolgimento dell’attività al fine di evitare disturbo alla popolazione residente;
r) presentare ad ogni seduta del Comitato di Gestione di cui al successivo art. 10 un programma
delle iniziative progettate per il semestre successivo.
Firma__________________________________
ART. 10 - OBBLIGHI DI COLLABORAZIONE CON L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE
NELL’ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA’ AGGREGATIVE PER FAMIGLIE E GIOVANI
Al fine di favorire la collaborazione per il conseguimento degli obbiettivi di gestione, risulta
condizione necessaria l’istituzione, entro 30 giorni dalla stipula del contratto e comunque prima
dell’avvio di ogni attività nella struttura ad iniziativa del gestore, di un tavolo di confronto di seguito
denominato “Comitato di Gestione”, costituito da:
 n. 1 rappresentante designato dal Comune;
 n. 1 designato dal concessionario o da un suo delegato;
Tale tavolo è convocato dal gestore tramite lettera scritta con preavviso di 5 gg lavorativi e si
riunisce con cadenza almeno semestrale, per discutere gli aspetti di comune interesse legati alla
gestione del bar e monitorare lo stato di attuazione del progetto gestionale. (La sua mancata
costituzione o convocazione nei termini predetti potrà originare causa di rescissione dal contratto a
favore dell’amministrazione comunale)
Il Comitato di Gestione esprimerà parere di indirizzo per l’Amministrazione su scelte di deroga
all’orario di chiusura e sulla definizione di eventi che potrebbero arrecare disturbo alla quiete
pubblica e problemi di viabilità. Inoltre discuterà gli eventuali casi di mancato rispetto degli accordi,
esprimendo parere di indirizzo - non vincolante - all’Amministrazione sui provvedimenti
conseguenti.
E’ onere del concessionario presentare ad ogni seduta un programma delle iniziative progettate
per il semestre successivo.
In particolare gli eventi a carattere musicale che si protraggono oltre le ore 23,00 sono soggetti alla
preventiva valutazione del Comitato di Gestione.
Al fine di garantire una concreta verifica dell’attuazione del progetto gestionale, il concessionario
è tenuto ad informare preventivamente (almeno tre giorni lavorativi prima) tramite e-mail
all’indirizzo che sarà indicato dall’Amministrazione Comunale, lo svolgimento di eventi che ha in
programma di attuare e che rientrano nel progetto gestionale stesso.
Al fine di rendere concreta e quantificabile la collaborazione, il concessionario si assume l’impegno
di organizzare con l’Amministrazione:
- almeno n.2 (due) attività della durata di una giornata nel periodo estivo, di cui almeno n. 1 (una)
rivolta a famiglie o ai giovani o a persone disabili;
In presenza di più soci gestori, dovrà essere definito un referente unico per i rapporti con
l’Amministrazione.
ART. 11 - DIVIETI
1. Al concessionario è fatto divieto di:
a) cedere in tutto o in parte la concessione a terzi, salvo autorizzazione da parte
dell’Amministrazione Comunale;
b) Salvo quelle indicate nella proposta progettuale, apportare alcune modifiche all'edificio senza il
consenso scritto da parte dell'Amministrazione Comunale;
c) utilizzare gli impianti per scopi, destinazioni d’uso e finalità diversi da quanto stabilito dal
presente Capitolato.
ART. 12 - CAUSE DI RECESSO
Il concessionario dovrà comunicare la disdetta anticipata del presente contratto con un preavviso
di almeno 6 (sei) mesi, in caso contrario verrà introitata l’intera cauzione.
Oltre alle motivazioni per giusta causa ed a quelle indicate al precedente articolo saranno oggetto
di recesso dal contratto:
a) tutte le inadempienze, omissioni del concessionario e subordinati, commesse in contrasto con le
norme e le disposizioni del presente capitolato, nonché l’ingiustificato mancato rispetto del progetto
gestionale e della mancata realizzazione delle opere previste nella proposta progettuale presentati
al momento della gara;
b) l’assenza ingiustificata del concessionario alla seduta del Comitato di Gestione;
c) il mancato rispetto dei termini di esecuzione dei lavori e di svolgimento dell’attività indicati
all’art.8;
d) il mancato rispetto degli orari di apertura e chiusura del parco e del Bar;
e) il mancato reintegro della cauzione nei tempi stabiliti dal presente capitolato.
ART. 13 - ONERI OBBLIGHI A CARICO DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Sono posti a carico dell'Amministrazione Comunale i seguenti oneri:
a) assicurazione contro incendi e per la copertura della responsabilità civile derivante dalla
proprietà dell'edificio Bar.
ART. 14 - SVINCOLO DELLA CAUZIONE
Lo svincolo della cauzione avverrà al termine del rapporto contrattale a seguito di atto ricognitivo
del competente Responsabile di Servizio.
ART. 15 - COSTITUZIONE IN MORA
Tutti i termini e le comminatorie contenuti nel presente capitolato operano di pieno diritto senza
obbligo per l'Amministrazione Comunale della costituzione di mora del concessionario.
Firma___________________________________
ART. 16 - RINVIO ALLE NORME VIGENTI
Per quanto non previsto nel presente capitolato si rinvia alle norme ed alle disposizioni di legge
vigenti in materia.
Bozza soluzione progettuale bagni