protocollo di riabilitazione dopo ricostruzione del legamento crociato

Commenti

Transcript

protocollo di riabilitazione dopo ricostruzione del legamento crociato
PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL
LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO .
FASE PREOPERATORIA
OBBIETTIVI:

conoscenza del lavoro

conoscenza dell'ambiente

adattamento strutturale alle nuove esigenze funzionali
ESERCIZI:
30gg. prima dell'intervento
- contrazioni
- potenziamento muscolare con
carichi lentamente crescenti
F A S E P O S T O P E R A T O R IA
(1°-6° giorno in reparto)
Tutti gli esercizi sono eseguiti con il tutore bloccato a 0° tranne quando si eseguono gli
esercizi in flessione.
OBBIETTIVI:




riduzione emartro
riduzione edema periferico
riduzione infiammazione
iniziale recupero movimento
ESERCIZI:

mobilizzazione continua passiva (CPM) 0° - 90° ghiaccio

arto in posizione antideclive

flesso- estensione attiva della caviglia

pompaggi surali

deambulazione in scarico con ginocchiera e 2 bastoni canadesi

flessioni attive ginocchio ed anca fino a 90°

contrazioni isometriche quadricipite con ginocchio esteso a -10° (10 ogni ora)

sollevamento arto (3 ogni ora)

sollevamento in punta dei piedi

co-contrazioni isometriche con ginocchio flesso tra 60° e 90°

carico appena tollerato
FASE PRECOCE
(7- 25° giorno in fisioterapia)
OBBIETTIVI:
 recupero articolarità
 recupero chinesi
ESERCIZI:
 mobilizzazione rotula
 ginocchiera 0° - 90° (aggiungere a tolleranza)
 CPM 0° - 135°
 carico progressivo (sino alla soglia del dolore)
 esercizi di scivolamento su muro, rotolo, skate board
 co-contrazioni, o es. isometrici a ginocchio flesso senza resistenza:
 flessione passiva per caduta sino a 90 ° (senza tutore)
 flessione passiva da seduto tirando la coscia con le mani e strisciando il tallone (senza tutore)
 estensione attiva prima da 90 a 60 poi completa ma non contro resistenza
 stretching flessori
 esercizi attivi glutei
 estensione attiva completa ma non contro resistenza
 mini squats (0-1/2squats: con ginocchio flesso a 30° e busto flesso in avanti contrarre
contemporaneamente i flessori e gli estensori dei ginocchio)
 flessione con ginocchio in posizione eretta
 flessione dell'anca con ginocchio flesso a 60°, 75°, 90°
 simulazione della leg-press con camera d'aria
FASE INTERMEDIA
(26° - 50° GIORNO DI FISIOTERAPIA)
Raggiungere verso i 45 giorni 120° di flessione
OBBIETTIVI:

recupero deambulazione

togliere il tutore e camminare 1 settimana con due bastoni e la settimana successiva con 1
bastone dal lato sano

recupero forza muscolare
ESERCIZI:
 esercizi attivi contro resistenza per i mm. flessori, adduttori, abduttori e retto femorale
 estensioni attive in scarico per il quadricipite
 esercizi propriocettivi in scarico (traiettorie da seduto con l'arto operato) cyclette a sellino
alto senza frizione (incrementare progressivamente la resistenza)
 piscina (solo se le ferite sono completamente chiuse; proibito lo stile rana)
 leg-press, squat
 esercizi isocinetici ad alta velocità (250° - 400° / sec.)
FASE AVANZATA
(51° - 90° giorno)
Utilizzare le macchine con resistenza minima ed alto numero di ripetizioni
OBBIETTIVI:


correzione passo
potenziamento muscolare
ESERCIZI:
(IN PALESTRA)

deambulazione libera (correzione del passo)

leg-curl (carichi crescenti)

adductor, abductor (carichi crescenti)

leg-press orizzontale (con l'arto operato)

leg-press verticale
 esercizi propriocettivi (in piano e su tavoletta)
 step

esercizi isocinetici a media velocità ( 100° - 250° i sec.)

valutazione isocinetica con blocco in estensione a 20° ( 180° - 240° / sec.)

stretching ( 5 minuti )
Dopo 2 settimane di palestra se il ginocchio non si gonfia e non si scalda eccessivamente
iniziare:





corsa leggera (su terreno piano non accidentato)
saltelli (su tappeto elastico, poi su pavimento, prima su 2 piedi e poi su 1
salto alla corda
affondi
cammino su terreno accidentato
(A CASA)
 abduzioni (con pesi progressivi fino a
4
kg)
 cyclette o bicicletta ( fino a 2 ore )
 stretching ( 5 minuti )
 scale ( anche in laterale )
 nuoto ( no rana )
FASE FINALE
(Dopo 3 mesi)
Proseguire il programma precedente incrementando la resistenza sulle macchine
OBBIETTIVI:

adattamento muscolare

adattamento strutturale (maturazione trapianto e varie strutture articolari)
ESERCIZI:


corsa in linea retta, laterale, carioca, corda
cyclette contro resistenza progressiva




leg-extension
pressa full ROM
propriocettiva sotto carico (traiettorie, calotta, sfera, tappeto elastico)
esercizi isocinetici a bassa velocità ( 0° - 100° / sec.)
Le tre fasi del processo riabilitativo
1° fase (1-6 settimane)
Il programma di mobilizzazione dell'arto, che inizia dopo 6 ore dall'intervento,
prevede normali sedute di fisioterapia e almeno 4 ore di CPM al giorno. Nel caso di difetti
condilari l'escursione articolare è limitata a 0/0/60° per i primi 3-5 giorni, e viene portata
a 0/0/90° una volta tolto il drenaggio. Per i difetti trocleari o rotu lei, l'arco di
movimento va limitato a 0/0/40° per le prime 2 settimane, a 0/0/60° fino alla 40 settimana e a
0/0/90° fino alla 6° settimana. Il paziente deve sempre portare un'ortesi.
Sin dall'inizio della terapia si dovrà fare in modo che la rotula possa muoversi liberamente.
2° fase (7-12 settim an e)
Il movimento si limita a 0° -90° a prescindere dalla sede della lesione, finché il
paziente non è in grado di caricare completamente. In questa fase si possono
avvertire crepitii, che non devono destare preoccupazione nella misura in cui non
procurino dolore. Tale fenomeno è dovuto al movimento della cartilagine
adiacente sulla membrana Condroide
3° fase (dalla 13" settimana in poi)
E' importante tenere presente che la cartilagine impiega molto tempo a
rigenerarsi e che quindi, per ottenere i risultati migliori, bisogna prevedere un
lungo periodo di riabilitazione graduale. Non si ceda alla tentazion e di accorciare i
tempi.
Attività sportiva:
 Ergometria
 Acquajogging
 Caminata su fondo morbido
 Corsa sull’erba
 Jogging
 Ciclismo
 Sci di fondo
 Pattinaggio
 Sport di contatto
dalla 2°settimana post-operatoria
dalla 3°settimana post-operatoria
dal 4°mese post-operatorio
dal 4°mese post-operatorio
dal 7°mese post-operatorio
dal 7°mese post-operatorio
dal9°mese post-operatorio
dal 12°mese post-operatorio
dal 18°mese post-operatorio