Scarcella torna regina della rana

Commenti

Transcript

Scarcella torna regina della rana
NUOTO
39
Sport
Martedì
2 Novembre 2010
La 37ª edizione del Nico Sapio, con numeri da record, nobilitata dalla sfida sulla doppia vasca con la rivale Carraro, giunta quarta
Scarcella torna regina della rana
Non delude Francesco Pavone, che entra nella finale dei 100 farfalla e dei 200 misti
G
iornata di grande nuoto alla Sciorba.
Fra gli assoluti ad evidenziarsi è sicuraDopo una domenica dove hanno batta- mente l’atleta di punta dell’Andrea Doria
gliato con ottimi risultati Esordienti A e B Francesco Pavone, entrato nella finale di
e Ragazzi, ieri è stata la volta dei “big” che due competizioni. Nei 100 farfalla il dihanno infiammato la 37ª edizione del tro- ciannovenne dell’Andrea Doria è arrivato
feo Nico Sapio. Il presidente del Genova sesto con il tempo di 54”33, un po’ emoNuoto Enzo Barlocco è riuscito a confer- zionato per il fatto di poter gareggiare vimare la manifestazione al suo livello inter- cino a campioni come lo statunitense Nick
nazionale portando numerose stelle che Tarwater che ha vinto la finale con il temhanno emozionato le tantissime persone po di 52”79. Nei 200 misti Francesco paspresenti sugli spalti della piscina di Molas- sa in testa dopo la frazione a dorso, ma
sana.
chiude in settima posizione con il tempo
Un’edizione da record su
di 2’03”09. A vincere è Davitutti i fronti, a partire dai nude Cova del Team LombarPeschiera dia col tempo di 2’00”11, semeri con ben 1033 atleti in
vittoriosa guito dal campione francese
rappresentanza di tre continenti. Accanto ai tanti camnei 200 misti Agnel Yannick.
pioni presenti come Agnel
Ad imporsi nei 100 farfalla
Yannick e Fabio Scozzoli, gli
juniores
è invece la stella del
Carlier
atleti di casa nostra riescono a
Rapallo Nuoto Davide Cardue volte lier, che domina tutta la gara
ben figurare anche se era solo
sul podio dalla prima all’ultima bracla prima uscita della stagione.
I 100 rana è la gara più sentita
ciata, chiudendo con il temdella giornata con le genovesi
po di 55”72, dopo aver virato
Martina Carraro e Ilaria Scarcella di nuo- ai 50 metri con il tempo di 26”30. Davide
vo insieme ai blocchi di partenza. Quando poi arriva secondo per soli due decimi nei
lo speaker annuncia i nomi nella presenta- 200 misti, ultima gara della giornata, con
zione il pubblico presente accoglie con ur- il tempo di 2’05”59. Tra gli juniores un otla e cori le loro beniamine: entusiasmo in- timo terzo posto nei 100 dorso premia
credibile, adatto a una grande kermesse in- Mattia Perassolo del Genova Nuoto, che
ternazionale come è ormai da anni il Nico completa la gara con il tempo di 59”06.
Sapio.
Terzo posto sempre nella stessa gara per
In acqua le due ragazze si danno battaglia Martina Peschiera dell’Andrea Doria con
fin dalle prime bracciate: a spuntarla alla 1’04”02.
fine è Ilaria Scarcella che dopo aver virato
Martina poi sfoggia una grande prestaai 50 metri con il tempo di 32”87, vince la zione nei 200 misti, penultima gara della
gara con 1’08”86. Ilaria, quest’anno alle giornata, vincendo di due decimi sulla seFiamme Gialle, nuota in modo più sciolto conda con il tempo di 2’21”59, dopo quate fluido rispetto alle ultime gare della pas- tro vasche combattute al massimo dalsata stagione: risultato che fan ben spera- l’inizio alla fine.
re per il nuovo anno. La stellina del GenoLa speranza è quella di riuscire a ripeteva Nuoto, invece, non riesce a tenere il pas- re ogni anno un Nico Sapio così importanso con le altre e chiude in quarta posizione te e prestigioso, capace di portare camcon il tempo di 1’09”65, a quattro decimi pioni affermati a Genova, per due giorni la
dalla terza piazza conquistata da Michela capitale del nuoto mondiale.
Guzzetti della società Rane Rosse.
TOMMASO GAGLIARDI
BASKET
La gioia di Ilaria
«Quest’anno
mi sento bene»
I
l presidente del Genova
Nuoto Enzo Barlocco non
riesce a nascondere la soddisfazione: «Sono felice e orgoglioso di questa edizione del
Nico Sapio. All’inizio c’era
qualche perplessità ma le risposte che ci sono arrivate sono molto importanti». E poi
continua:« Per Genova è un
trofeo molto importante che
ha portato in città 500 persone e importanti nomi del nuoto mondiale come Scozzoli e
la Dekker».
La stellina della giornata è
stata sicuramente Ilaria Scarcella, quest’anno alle Fiamme
Gialle, felice per questa gara e
per la sua nuova avventura:«
E’ stata una gara ben nuotata
in cui mi sentivo bene. Quest’anno sto lavorando molto
sulla bracciata e spero che i risultati si vedano. Nella nuova
città mi sono ambientata bene. Questi risultati fanno bene
sperare per il futuro. Tornare
a Genova è sempre bello».
Un po’ deluso Francesco Pavone anche se è solo la prima
gara della stagione: «E’ un periodo che sono stanco. Dopo
100 farfalla speravo di fare
meglio nei 200 misti. Ma comunque la stagione è lunga e i
miglioramenti ci saranno».
Ilaria Scarcella (in alto) prima, a destra, ai blocchi dei 100 rana, la competizione più attesa della giornata
Francesco Pavone (foto sopra) impegnato nella gara dei 100 farfalla, che ha vinto alla grande
In serie D il predominio spezzino non è stato minimamente scalfito, ma tre squadre genovesi hanno affilato le armi, proseguendo l’inseguimento alle prime piazze
Pontecarrega a valanga
Il Sestri a fil di sirena
E
scono tutti uno nella schedina
della quinta giornata di C regionale, un turno in cui il fattore campo ha prevalso in ogni gara. In vetta
alla classifica è un predominio spezzino, con il tris levantino che seppur
a fatica si è imposto su Villaggio, Vis
e Pontremoli, ma tre genovesi (su
cinque) sono riuscite a tenere il passo e ad avanzare nella colonna di sinistra della graduatoria.
PONTECARREGA VALANGA.
L’Agenzia 24 ha confermato anche
contro Recco di essere il miglior attacco del campionato: la compagine guidata da coach Alessandro
Ogliani ha superato per la seconda
volta quota cento punti, infliggendone ben quaranta di scarto alla
I TABELLINI
malcapitata Pro Recco, che resta fanalino di coda insieme alla Vis.
Il team genovese, con l’innesto
del nuovo play Zivanovic, viaggia
come un orologio svizzero, e tutti
gli ingranaggi sembrano aver trovato i giusti meccanismi per superare
gli avversari.
SESTRI SULLA SIRENA. È stato un “eurogol” del giovane Giulini
a fil di sirena a far tornare il sorriso
in casa sestrese; quello che era uscito sette giorni fa, con analogo tiro
della possibile vittoria sputato dal
ferro in quel di Pontremoli, questa
volta è entrato nella retina.
L’Aurora Chiavari, dal canto suo,
recita il “mea culpa” per una gara
condotta per lungo tempo, ma sen-
za mai il colpo del ko. Due punti persi lungo il cammino che fanno momentaneamente scappare il terzetto al vertice, e risucchiano l’Aurora
nel gruppone a quota sei.
FORTINO ERIDANIA.«Non ero
sicuro che avremmo vinto - racconta Dario Caorsi, allenatore del Granarolo - ma fin dall’inizio ero convinto che avremmo disputato una
buona gara». Granarolo non ha
pensato agli assenti (a Carlo Cicarelli si è aggiunto all’ultimo minuto
il pivot Michele Brancucci) ed è riuscito a condurre per tutta la partita,
passando dal +19 del 26° minuto al
+2 del 35°, prima del decisivo allungo.
«Sul -2 ho ancora sperato di raddrizzarla - ha spiegato al termine
Mirco Bottero, presidente Red - ma
la vittoria non avrebbe cambiato la
realtà di una squadra che s’è svegliata troppo tardi. Abbiamo regalato tre quarti. Dobbiamo analizzare bene questa partita perché la
squadra può dare di più».
SPAVENTO RAPALLO. Avanti
dodici a un minuto e sedici secondi
dalla fine, Rapallo ha rischiato di vedersi beffare nel finale. «Abbiamo
nuovamente giocato benino per 35
minuti - ha detto coach Luca Peccerillo - arrivando +13 (70-57) a poco
più di 3’ dalla fine e prendendo un
parziale di 14-3 nella bagarre finale
con 3 su 12 ai liberi».
«E nonostante tutto abbiamo tirato tre volte per la vittoria» commenta con un sospiro amareggiato
Giovanni Pansolin, titolare della
panchina universitaria con Luca
Maestri. Poco più di un allenamento Sarzana-Pontremoli, finita 7049 ma già decisa nel primo quarto.
Classifica: Spezia 10; Follo, Sarzana 8; Red Piscine Geirino, Aurora Chiavari, Rapallo, Pontecarrega
Agenzia 24, Granarolo 6; Villaggio
Sport, Cus, AB Sestri 4; Pontremolese 2; Pro Recco, Vis 0.
Alessandro Ardini (Granarolo) al tiro contro il Red
FEDERICO GRASSO
Gli exploit dei rispettivi cannonieri non sono bastati al Cus Genova, alla Vis e al Red. Il Granarolo è stato trascinato al successo dal suo elemento più prolifico
Dufour e Benzo
prodezze inutili
Parentini decisivo
N
DOPO GARA
on sono serviti al Cus Genova
i 28 punti realizzati da Marco
Dufour, il cui estremo tentativo
per la vittoria si è spento sul primo ferro.
Allo stesso modo i 24 messi a referto da Andrea Benzo sono serviti alla Vis soltanto per impegnare un po’ più a fondo il Follo,
che ha salutato l’innesto di Maurizio Giusti, ex serie A e vecchia
conoscenza sei parquet liguri.
Di peso specifico opposto i 22
messi a segno da Sillano sul fron-
Bolgioni 10. All. Caorsi-Caruso.
RED: Aime 7, Gorini 10, Zucca 19,
Sillano 22, Talpo 4, Bellavita 5, Cartasegna 7, Oneto, Bovone, Frisone Ne. All.
Brignoli.
73
ALCIONE RAPALLO
te Red e da Parentini per Granarolo.
51
AB SESTRI
50
AURORA CHIAVARI
13-15; 11–12; 12-11; 15–12)
SESTRI: Zenobio 5, Bochicchio D. 6,
Bochicchio M. 7, Dini, Masu 15, Giulini
5, Giulianotti, Mozzi 2, Elefante 11, Quaretti. All. Pezzi.
AURORA: Stefani 3, Melini 5, Carta 2,
Vajra, Leoni, Garibotto 15, Bianco 13,
Tealdi 2, Sciutto, Bottino 10. All. Marenco.
83
GRANAROLO
74
RED PISCINE GEIRINO
25-23; 20-14; 17-16, 21-21
GRANAROLO: Falappi, Misurale 4, Silvetti 2, Pestarino 6, Ardini 13, Grasso
14, Parentini 22, Caruso, Giacomini 12,
71
CUS GENOVA
23-12, 16-21, 18-17, 16-21
RAPALLO: Salami 5, Mortara 8, Gardella 15, Poli 2, Pieranti 6, Arata 5, Bacigalupo 18, Luongo, Stagnaro 12, Annigoni 2. All. Peccerillo
CUS GENOVA: Pittaluga, Bo, Toselli 7,
Masnata 3, Dufour 28, Capecchi 24,
Nasciuti 9, Renzone, Bastagno, Gazzano. All. Pansolin-Maestri.
62
TARROS
Marco Dufour in volo con le gambe aperte "alla Jordan"
VILLAGGIO
12-15; 17-17; 18-9; 15-9
50
SPEZIA: Giachi 11, Pipolo 3, Caluri6,
Dal Padulo 2, Giuliani, Ornati 2, Perli,
Steffanini 20, Stefanini 18, Cirillo ne. All.
Corsolini.
VILLAGGIO AUTOCHIAVARI: Sciutti 5,
Magagnotti ne, Marolato 8, Allegri 3,
Podestà 11, Ferrigni, Mancuso 4, Molinari 12, Bernardello 7, Piardi. All. Grandi.
FOLLO
76
66
VIS
22-20; 18-14; 22-11; 14-21
FOLLO: Malventi 2, Fontana 11, Russo 15, Bruni 2, Carmignani 11, Giusti 14,
Bellavista 12, Lo Torto 4, Michelini 5,
Battista n.e. All. Bonanni.
VIS: Celestri, Dagnino, Benzo 24, Gribaudo 2, Gotta 11, Endara Lara 6, Piazze
9, Costantino 4, Giovarelli 2, Della Rovere 8. All. Casella.

Documenti analoghi