Una cura social, con iPad e cellulare

Commenti

Transcript

Una cura social, con iPad e cellulare
CRONACA
Corriere Fiorentino Venerdì 14 Agosto 2015
7
FI
BIANCA & NERA
L’installazione Omaggio a Sadako, vittima dell’atomica
MANETTE A UN PUSHER
Sottopasso alle Cure,
origami per Hiroshima
Droga a due poliziotti,
arresto in Santa Croce
Girava per piazza Santa Croce
offrendo hashish ai passanti.
Ragazzi, turisti, chiunque
potesse sembrare adatto al suo
target veniva avvicinato.
Peccato che quei due ragazzi a
cui si è rivolto intorno alle
23,30 fossero due agenti della
polizia fuori dal servizio. I due,
di fronte all’offerta, hanno
finto interesse per la droga e
quando l’uomo, un
marocchino, ha tirato fuori le
bustine che aveva con sé i due
lo hanno arrestato e portato in
questura con l’accusa di
spaccio. La stessa accusa per
cui sarà processato per
direttissima dal tribunale di
Firenze,
Nel sottopasso delle Cure da qualche giorno
svolazzano mille gru. Sono origami fatti con
pagine di riviste dal collettivo artistico
Border Papers in ricordo dell’anniversario
della bomba atomica su Hiroshima e
Nagasaki, nell’agosto del 1945. Raccontano la
storia di Sadako, piccola promessa
giapponese dell’atletica ammalatasi di
leucemia che, seguendo un’antica leggenda
secondo cui chi fosse riuscito a creare mille
gru (uccello simbolo di lunga vita) di carta
avrebbe potuto esprimere un desiderio, in
ospedale prima di morire ne realizzò oltre
1300 con le scatole di farmaci, sperando di
poter tornare a correre. L’istallazione è stata
allestita nel sottopasso perché «è un piccolo
angolo della città in cui è stato possibile
rendere legale la street art e i graffiti». (I.Z.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA
I DANNI DEL MALTEMPO
Una cura social, con iPad e cellulare
L’estate accanto a chi soffre di un medico e un’infermiera Att. «Ci siamo sempre, anche a distanza»
Nelle case
 L’Att,
associazione
tumori toscana
offre, fra i suoi
servizi,
l’assistenza
domiciliare ai
malati di
tumore
 È stata
fondata
a Firenze
dal medico
Giuseppe
Spinelli
nel 2009
«Quando l’ospedale dice al
paziente che non c’è più niente da fare, è il momento in cui
c’è più da fare». È qui che inizia il lavoro di Lorenzo Brogi e
degli altri medici dell’Associaz i o n e T u m o r i To s c a n a .
«Quando il malato viene rimandato a casa i suoi bisogni
esplodono: ha bisogno di un
medico che lo segua e controlli i valori, di infermieri che facciano flebo, di operatori sanitari che lo lavino, di uno psicologo che parli con lui e la famiglia». A tutto questo pensa
l’Att (10 dottori, 14 infermieri,
3 psicologi e cento volontari),
l’associazione che assiste, sostiene e cura a domicilio pazienti colpiti da tumore, gratuitamente, ogni giorno, 24
ore su 24. Anche in estate.
«Noi ci siamo fissi. Io vado
via 15 giorni ma per lei non
cambia nulla» assicura Lorenzo a Pietro, un anziano paziente, durante la visita settimanale. «Noi ci vediamo tra due
settimane, ma nel frattempo
per qualsiasi cosa lei chiama il
solito numero e le risponde
un mio collega che attraverso
questo “aggeggio infernale”
vede la sua situazione», dice
mostrando il tablet su cui è digitalizzata la cartella clinica di
ogni assistito, con visite, esami, medicine. Se ha bisogno
di un consiglio glielo dà per
telefono, se serve una visita
Lorenzo Brogi
e Martina
Burberi sono un
medico e una
infermiera
in forze all’Att,
l’associazione
Tumori Toscana
Sotto, il
presidente
dell’associazione
, Giuseppe
Spinelli (a
sinistra) con il
campione viola,
Giuseppe Rossi,
e la
vicepresidente
toscana, Stefania
Saccardi
viene. Lei chiami, noi rispondiamo sempre».
Il cellulare di Lorenzo infatti
continua a squillare. Il medico
se può risponde, altrimenti richiama subito. Ha in cura 150
pazienti, ogni giorno fa dalle 7
alle 12 visite. Non di più «perché bisogna dedicare tempo
alle persone», visitarli ma anche parlare con loro e i familiari. «Curare per guarire è un
concetto medicalizzato, noi
curiamo nel senso che ci prendiamo cura delle persone»
spiega Lorenzo.
La richiesta che Lorenzo si
sente fare più spesso dai pa-
zienti è quella di non soffrire,
anche all’ultimo. E lì, quando
medico e paziente sono uno
davanti all’altro e «si mette a
nudo la verità che prima non
si aveva il coraggio di affrontare», è il momento più difficile.
Martina Burberi è una delle
infermiere, lavora all’Att dal
2012. «All’inizio è stato difficile perché i pazienti li accompagni alla fine, non vedi il paziente che sta bene, puoi solo
fare in modo che sia tranquillo e sereno» racconta. «Ti viene da affezionarti a tutti. Ma
poi impari a mettere dei filtri». La sua giornata si divide
tra prelievi, medicazioni e terapie, a cui si aggiungono le
urgenze. «Diventi una della famiglia. I pazienti si affidano
completamente a te e ti insegnano a dare un valore diverso
alla vita, ti danno la forza di
aiutare gli altri. Quando vai da
loro e ti raccontano che sono
riusciti ad alzarsi e a mangiare
seduti a tavola un piatto di pasta con i nipoti, ti senti utile».
E d’estate «quando la città
si svuota e la rete di assistenza
si allenta è importante per i
malati sapere di poter contare
su qualcuno» dice il presidente dell’Att Giuseppe Spinelli,
«le persone hanno più bisogno e rispondere all’appello è
doveroso».
Ivana Zuliani
La sfida sui 178 km
L’edizione numero 69
è quella del rilancio:
il via alle 7, l’arrivo
a Lido di Camaiore
realizzata dal partner tecnico
Vifra) e vedrà al via molti dei
più forti ciclisti. Allo start,
tutto il podio della gara 2014
con l’ucraino Marlen Zmorka
vice campione europeo a cronometro la scorsa settimana
in Estonia ed i campioni italiani Davide Pacchiardo (élite) e Davide Martinelli (under
23) oltre al campione toscano
Pierpaolo Ficara e molti stranieri. Al seguito gli osservatori delle più importanti
squadre professionisti per visionare i futuri campioni, oltre al Ct della nazionale Davide Cassani ed il presidente
AGGRESSIONE IN VIA SPONTINI
Lo sbatte fuori di casa,
lui gli lancia un tombino
Nottata movimentata per gli
abitanti di via Spontini. Per
tutta la notte, un ventunenne
rumeno ubriaco ha minacciato
il suo ex compagno, un
quarantenne fiorentino, che lo
aveva allontanato dalla propria
abitazione stanco delle sue
sbornie notturne. Prima ha
inveito più volte urlando
contro l’ex, poi ha
impugnando un tombino che
aveva divelto dalla strada e lo
ha scagliato contro l’abitazione
del malcapitato. A far scaturire
la rabbia del ragazzo sarebbe
stato il rifiuto da parte
dell’uomo a farlo rientrare in
casa dopo l’ennesima sbornia.
PROVINCIA DI PISTOIA
STAZIONE UNICA APPALTANTE
Piazza San Leone, 1 - PISTOIA (P.I. 00236340477)
La Provincia di Pistoia - SUA - indice procedura aperta
per l’affidamento dei lavori di costruzione della nuova
scuola materna di Margine Coperta da realizzarsi con l’applicazione di tecnologie di prefabbricazione in legno e per
il risparmio energetico OP2111. Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa. Importo
complessivo € 1.550.104,77. Requisiti e modalità di partecipazione: si veda bando di gara, disciplinare di gara,
CSA ed elaborati progettuali pubblicati sul profilo committente http://www.provincia.pistoia.it/Indici/el_appalti_sua.asp. Le offerte dovranno pervenire, pena
l’esclusione, entro e non oltre le ore 12.00 del
16/09/2015. L’apertura delle offerte è fissata per il giorno
17/09/2015 ore 10,00.
Il Responsabile del Procedimento
Dr. Agr. Renato Ferretti
La partenza della classica di Ferragosto dei dilettanti in piazza Tasso
Scinto nell’albo d’oro, vive il
suo rilancio (grazie anche
agli sponsor Chianti Banca,
Skoda Firenze, Gallori Gomme, Neri Sottoli, Savino Del
Bene, Bmb Gestioni, Natali
Renato; Florentia Legno, Mabel, Rugi Motori; mentre la
maglia del vincitore è stata
Rimarrà chiuso fino al 19
agosto il cimitero del Pino,
devastato dalla tromba d’aria
del primo agosto corso. Tecnici
e operai del Comune stanno
ancora lavorando per togliere
gli alberi abbattuti dal vento (12
piante in tutto tra le quali 3
cipressi) con 6 pini che sono
finiti sulle tombe
danneggiandole. Subito dopo,
se i ponteggi per le riparazioni
delle strutture saranno stati
tutti allestiti, si potrà procedere
con una parziale riapertura. I
danni più ingenti si sono
verificati alle coperture, ai
vialetti pedonali a lato del viale
principale e alle sepolture del
quadrato a sterro e ai
sepolcreti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Torna domani la Firenze-Mare
Dall’Oltrarno i campioni del futuro
Scatterà alle 7 di domani,
in piazza Tasso, l’edizione
2015 della Firenze-Mare, la
classica ciclistica di Ferragosto, in tutto l’Oltrarno è pronto per la corsa che è anche un
pezzo della storia del rione.
L’edizione numero 69 della
gara vede al via circa 180 ciclisti ed è frutto dell’impegno
dei soci della A.S. Aurora, che
la inventarono nel 1946, e
della Ocip di Pistoia.
La più importante corsa
per dilettanti in Italia, con
campioni come Enzo Sacchi,
Valerio Tebaldi, Ivan Gotti,
Gianmatteo Fagnini e Luca
Il cimitero del Pino
resta chiuso fino al 19
Spettacolo Un momento dell’edizione 2014 vinta dall’ucraino Zmorka
della Federazione Renato
Rocco. I ciclisti si muoveranno alle ore 7 di domani da
piazza Tasso e percorreranno
le strade della città fino alla
partenza ufficiale (alle 7,30)
da via Pistoiese. Dopo aver attraversato Poggio a Caiano,
Pistoia, Montecatini Terme,
Prunetta, Piteglio, Bagni di
Lucca, Borgo a Mozzano, Ca-
maiore, gli atleti delle categorie i giovani élite e under
23, ovvero i ragazzi che stanno per passare al professionismo, arriveranno intorno alle
12 a Lido di Camaiore, nel viale Bernardini, dopo 178 km.
Media partner della corsa è il
Corriere Fiorentino.
Simone Spadaro
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Codice cliente: 3623296