Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici

Commenti

Transcript

Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici
Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici Artistici ed
Etnoantropologici per le Province di Cagliari e Oristano
Università degli Studi di Cagliari – Facoltà di Lettere e Filosofia
Pinacoteca Nazionale
Cittadella dei Musei Cagliari
Il Medioevo in Sardegna: architettura e arti figurative
in un crocevia del Mediterraneo
Incontri del giovedì Ore 17
Pinacoteca Nazionale di Cagliari 2010-2011
14 Ottobre
Roberto Coroneo, Università di Cagliari
Sant’Andrea Priu a Bonorva: pitture bizantine in una Domus de Janas
Nella necropoli preistorica di Sant‟Andrea Priu nelle campagne di Bonorva
una domus de janas venne riutilizzata a uso cristiano, in due distinte fasi
cronologiche fra il VI e l‟XI secolo. I dipinti costituiscono una rarissima
testimonianza della pittura tardoantica e altomedievale in Sardegna.
28 Ottobre
Tiziana Onida, libera ricercatrice
I bacini ceramici nelle chiese romaniche della Corsica
I bacini ceramici nelle chiese romaniche della Corsica tra XI e XIII secolo:
importanti elementi di decorazione architettonica, giunti nell‟isola per il
tramite di Pisa, ma anche preziosi indicatori cronologici del contesto edilizio
e documenti storici capaci di fornire notizie su traffici, commercio, battaglie,
fede religiosa.
11 Novembre
Domenica Puggioni, libera ricercatrice
Il santuario di Bonarcado fra Bisanzio e il ‘400 fiorentino
Analisi del più piccolo e antico santuario mariano della Sardegna attraverso
la ricostruzione della sua complessa vicenda architettonica e dell‟effige
quattrocentesca al suo interno.
25 Novembre
Alessandra Pasolini, Università di Cagliari
Lusso e moda nell’arte del ‘400
Nel „400 l‟abito, elemento di comunicazione che segnala il potere e la
ricchezza, a causa dell‟alto costo era considerato un bene di investimento;
trasmesso in eredità, veniva riattato ed utilizzato fino alla consunzione. Per
la conoscenza del confezionamento delle vesti e dei dettagli
dell‟abbigliamento sono importanti testimonianze i dipinti che, posti in
collegamento con le fonti e i documenti (leggi suntuarie, inventari ecc.)
consentono di ripercorrere le vicende della “moda”.
16 Dicembre
Andrea Pala, Università di Cagliari
Scultura lignea medievale in Sardegna dal XII al XIV secolo. Fonti
scritte e testimonianze materiali
La più antica attestazione sulla scultura lignea risale al XII secolo e si tratta
di una dotazione di arredi sacri nella quale vengono enumerati due crocifissi
realizzati in legno. Questi manufatti si sono persi nel tempo. Si ha
testimonianza materiale di statue lignee solo nel secolo successivo con un
gruppo di Deposizione conservato nella parrocchiale di Bulzi. La presenza di
quest‟opera oltre che le testimonianze scritte così come l‟esistenza in
Sardegna di sculture ascritte al XIV secolo, permettono di tracciare i
possibili flussi di circolazione di manufatti e di maestranze che coinvolsero
l‟isola nel Mediterraneo occidentale dal XII al XIV secolo.
13 Gennaio
M. Grazia Scano Naitza, Università di Cagliari
La committenza De Doni e il retablo dell’Annunciazione.
L‟argomento è stato svolto in un recente saggio “Per un‟aggiunta ad Antonio
Baboccio” (in Scritti in onore di Francesco Abbate, “Kronos” 13/speciale,
vol.I, a cura di Letizia Gaeta, editore Congedo, 2009) in forma estremamente
sintetica e mirata a trovare una paternità per la lapide di Guido De Doni.
Con l‟attuale intervento si intende invece puntare l‟attenzione sulla
committenza del retablo del Matés.
27 Gennaio
Alessandro Ruggieri, Università di Cagliari
LABORD: Un archivio digitale per l’arte in Sardegna.
Labord (Laboratorio Risorse Digitali) del Dipartimento di Scienze
Archeologiche e Storico-artistiche dell‟Università di Cagliari è una struttura
che si occupa della catalogazione, scansione digitale e pubblicazione on-line
dell‟archivio di Dipartimento. L'archivio frutto di decenni di acquisizioni si
compone di oltre 20000 immagini cartacee più una mole ancora in via di
quantificazione di elaborati grafici e testi.
In occasione della presentazione verranno mostrate le linee guida del
progetto e il sito LABORD. IT nel quale sono già presenti i materiali
riguardanti l‟arte medievale in Sardegna.
10 Febbraio
Mauro Salis, Università di Cagliari
La scultura del Cinquecento in Sardegna e il Pulpito di Carlo V
Nel corso del Cinquecento si rilevano anche nella scultura marmorea
espressioni di quella cultura sincretistica che ha caratterizzato le
manifestazioni artistiche in territorio sardo per tutta l'età moderna (secoli
XV-XVIII). Un esempio emblematico di questa cultura è il marmoreo Pulpito
di Carlo V, proveniente dalla distrutta chiesa di San Francesco di Stampace
di Cagliari e attualmente nel loggiato d‟ingresso della chiesa di San Michele
nello stesso quartiere cagliaritano, in cui a formulari classicistici si
accostano stilemi ancora tardogotici in combinazione con quelli manieristici.
24 Febbraio
Maura Quartu, storica dell’arte
Dionigi Scano (1867-1949). Il sentimento del Medioevo di un immaginoso
medioevista
La figura di Dionigi Scano ricopre nell'ambito della cultura e della politica
sarda della prima metà del Novecento un ruolo assai importante. L'indagine
partirà dalla formazione e dalla prime esperienze di progettazione e cercherà
di restituire, così come emerge dai suoi scritti, dalle proposte di intervento e
dai restauri concretamente eseguiti, l'immagine che lo studioso aveva del
patrimonio storico-artistico di Cagliari e della Sardegna nel periodo
medioevale.
10 Marzo
Maria Passeroni - M. Francesca Porcella,
Soprintendenza BAPSAE di Cagliari e Oristano
La Madonna di Bonaria:restauro, lettura storico-artistica e iconografica.
Il recente restauro, su base rigorosamente filologica e accompagnato da
approfondite indagini diagnostiche, è stato un'occasione per riconsiderare i
molteplici influssi artistici e culturali che hanno determinato la formazione
dell'ignoto autore di ambito partenopeo, latore di un complesso bagaglio di
messaggi teologici che rendono l'opera immagine simbolo della Cristianità.
31 Marzo
M. Paola Dettori.
Soprintendenza BAPSAE di Sassari e Nuoro
Galtellì (NU). Il restauro degli affreschi medievali della Chiesa di San
Pietro
Il ciclo pittorico della Chiesa di San Pietro di Galtellì rappresenta una delle
poche, e tra le più complete, testimonianze in Sardegna delle decorazioni
pittoriche medioevali. Riemerso alla fine degli anni ‟80 durante i lavori di
rifacimento del tetto, si sviluppa sulle pareti laterali della chiesa e sulla
controfacciata. La complessità del ciclo, databile agli anni 1198-1206, e la
raffinatezza dell‟esecuzione hanno confermato i contatti tra la Diocesi
Galtellinese e il Papa Innocenzo III. Lo stato di conservazione dell‟opera
richiede un restauro che si presenta piuttosto complesso e pieno di sfide.
14 Aprile
Rossana Martorelli, Università di Cagliari,
Saturno o Saturnino?
Un interrogativo al centro della curiosità popolare, così come del dibattito
scientifico sull‟identità e la provenienza del santo, titolare di uno dei più
antichi luoghi di culto della Sardegna. La tradizione alternativamente lo
considera un africano, un cagliaritano, oppure quel Saturnino venerato a
Tolosa, che sarebbe stato introdotto a Cagliari dai monaci di San Vittore di
Marsiglia alla fine dell‟XI secolo. Nel corso della conferenza si ripercorrerà
la storia attraverso le testimonianze scritte autentiche e fantasiose,
monumentali e materiali.
28 Aprile
Gaetano Ranieri, Facoltà di Architettura:
Tecniche non distruttive per lo studio di parti murarie non accessibili:
applicazioni al complesso di S. Saturnino"
12 Maggio
Paola Meloni, Facoltà di Architettura:
Problemi di conservazione di materiali altamente vulnerabili nel
complesso di San Saturnino in Cagliari"
26 Maggio
Caterina Giannattasio, Silvana Grillo,. Antonio Cazzani, Facoltà di
Architettura:
La basilica di San Saturnino: una lettura dei restauri, della struttura e
dei materiali impiegati
Agli studenti del corso di Laura in Beni Culturali
della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università
di Cagliari, presenti ad almeno10 relazioni,
verrà rilasciato un attestato di partecipazione,
grazie al quale potranno ottenere l’attribuzione
di 1 credito formativo universitario.
Pinacoteca Nazionale di Cagliari
Cittadella dei Musei, Piazza Arsenale.
Tel 070/674054 – 070/662496
Orari: 9 – 20 dal Martedì alla Domenica.
Chiuso il Lunedì
Sito: www.sbappsaecaor.beniculturali.it
e-mail: [email protected]
Per le conferenze l‟ingresso è gratuito
A cura dei Servizi Educativi del Museo e del Territorio

Documenti analoghi