Regolamento per la gestione della piattaforma ecologica comunale

Commenti

Transcript

Regolamento per la gestione della piattaforma ecologica comunale
COMUNE DI PROSERPIO
PROVINCIA DI COMO
Regolamento per la
gestione della
piattaforma ecologica
comunale
Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale nr. 21 del 22/07/2015
INDICE
Art. 1 – Finalità
Art. 2 – Funzioni della piattaforma ecologica
Art. 3 – Gestione della piattaforma ecologica
Art. 4 – Utenze ammesse
Art. 5 – Modalità ed orari di accesso
Art. 6 – Modalità di conferimento ed obblighi dell’utenza
Art. 7 – Tipologie di rifiuti
Art. 8 – Rifiuti non conferibili
Art. 9 – Divieti
Art. 10 – Sanzioni
Art. 11 – Rinvio ed entrata in vigore
2
Art. 1 – Finalità
Il presente Regolamento disciplina le modalità di accesso e di conferimento dei rifiuti urbani presso
la piattaforma ecologica comunale di Proserpio di via Fratelli Rizzi (di seguito denominata
“piattaforma ecologica”), per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani a norma delle disposizioni
statali e regionali in materia di gestione dei rifiuti urbani, nonché del vigente regolamento comunale
di gestione dei rifiuti urbani approvato con delibera di Consiglio Comunale nr.14 dell’11 maggio
2004, per quanto compatibile con la normativa nazionale.
Art. 2 – Funzioni della piattaforma ecologica
La piattaforma ecologica è un impianto di stoccaggio provvisorio dei rifiuti urbani prodotti sul
territorio comunale. Presso la piattaforma vengono, infatti, raccolti in modo separato i rifiuti
ingombranti, recuperabili e non, i rifiuti domestici pericolosi ed altre tipologie di rifiuti urbani ed
assimilati prodotti dalle utenze.
La piattaforma ecologica è operante a seguito di autorizzazione emessa, ai sensi della Legge
Regionale nr.26/2003, dalla Provincia di Como.
Art. 3 – Gestione della piattaforma ecologica
I servizi inerenti la gestione della piattaforma ecologica sono affidati, per mezzo di gara pubblica,
ad Ente o Impresa specializzata (di seguito denominato “gestore”), iscritta all’Albo Nazionale dei
Gestori Ambientali ai sensi del D.Lgs. nr.152/2006.
Durante l’orario di apertura della piattaforma ecologica è presente il servizio di custodia, munito di
apposita attrezzatura ed abbigliamento ai sensi delle vigenti normative antinfortunistiche, il quale è
tenuto a:
1. garantire il rispetto di tutte le norme previste dal presente Regolamento;
2. richiedere all’utente che accede al centro di raccolta un documento di riconoscimento, e/o tessera
magnetica ove prevista;
3. riconoscere la titolarità al conferimento da parte degli utenti al fine di accertare l’effettiva
provenienza dei rifiuti urbani;
4. richiedere all’utente apposito modulo per l’accesso alla piattaforma, debitamente firmato e
compilato, qualora previsto per conferimenti di particolari materiali;
5. assistere gli utenti nelle operazioni di conferimento delle frazioni di rifiuti urbani indirizzandoli
verso gli idonei contenitori e fornendo loro tutte le informazioni utili alla corretta gestione degli
stessi rifiuti all’interno della piattaforma. Particolare cura dovrà essere posta nell’indicare il corretto
conferimento dei rifiuti ingombranti al fine di evitare che nel cassone ad essi dedicato vengano
conferiti altri materiali appartenenti ad altre tipologie di rifiuti;
6. controllare il contenuto dei sacchi conferiti nel centro di raccolta, al fine di verificare la
conformità alle presenti norme dei materiali in essi contenuti;
7. negare l’assenso allo scarico dei rifiuti non compresi in quelli citati all’art.7, non pienamente
separati da altri rifiuti e che non presentino caratteristiche adeguate all’avvio allo smaltimento o al
recupero cui dovrà essere destinato;
8. sorvegliare affinché siano evitati danni alle strutture, alle attrezzature, ai contenitori ed a quanto
altro presente all’interno della piattaforma ecologica, di proprietà del Comune e comunicare
prontamente al Comune eventuali danni riscontrati;
9. in caso di insufficienza di spazio allo stoccaggio del rifiuto, negare l’accesso ed il relativo
conferimento alla piattaforma, rinviando l’utente ad un periodo successivo;
10. segnalare al Comune ogni e qualsiasi violazione da parte dell’utenza o di estranei;
3
11. segnalare al raccoglitore e per conoscenza all’ufficio comunale preposto, la necessità di
effettuare lo svuotamento dei contenitori e/o la raccolta dei rifiuti, curando che i ritiri di rifiuti
vengano effettuati regolarmente secondo quanto stabilito dai contratti e dalle convenzioni in essere;
12. curare la pulizia della piattaforma ecologica e in particolare delle aree circostanti i contenitori,
assicurando che in ogni momento siano mantenute le migliori condizioni igienico-sanitarie, anche
attraverso lavaggi e disinfezioni;
13. provvedere alla manutenzione ordinaria delle attrezzature, dei contenitori di raccolta dei rifiuti,
dei locali di servizio e degli uffici dedicati alle attività del personale stesso della piattaforma
ecologica;
14. segnalare tempestivamente al competente ufficio comunale, ogni eventuale disfunzione e
problematica che dovesse verificarsi nella gestione della piattaforma ecologica, nonché l’eventuale
necessità di effettuare interventi di manutenzione straordinaria presso la struttura;
15. effettuare la corretta tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti conferiti, con la
compilazione dei formulari di identificazione dei rifiuti, e qualora previsto, conservare gli eventuali
formulari di trasporto previsti dall’art. nr.193 del D.Lgs. nr.152/2006;
16. curare l’apertura e la chiusura della piattaforma ecologica negli orari e nei giorni prestabiliti;
17. eseguire ogni altro adempimento contenuto nel capitolato speciale d’appalto allegato al bando di
gara per mezzo del quale è stato affidato il servizio.
Art. 4 – Utenze ammesse
Sono autorizzati ad accedere alla piattaforma ed a conferire rifiuti:
a) i cittadini residenti ed iscritti nei ruoli per la riscossione della tassa rifiuti del Comune di
Proserpio, relativamente ai rifiuti prodotti nella proprie abitazioni e relative pertinenze;
b) i cittadini non residenti ed iscritti nei ruoli per la riscossione della tassa rifiuti dell’Ente, in
quanto proprietari e/o comunque occupanti una abitazione sita in Comune di Proserpio (es.“seconda
casa”), purché in possesso di tessera o altra tipologia di documento rilasciato dal Comune;
c) soggetti terzi autorizzati al trasporto e scarico dei rifiuti urbani differenziati in nome e per conto
del proprietario regolarmente iscritto a ruolo per il pagamento della tassa rifiuti dell’Ente,
esclusivamente se in possesso di apposita delega;
d) le utenze non domestiche con sede nel territorio comunale, che potranno usufruire del servizio
limitatamente alle tipologie di rifiuti di tipo urbano, con esclusione, quindi, di quelli assimilabili,
speciali o comunque derivanti da lavorazioni artigianali ed industriali. L’accesso alla piattaforma
ecologica da parte di queste utenze è consentito solo per le unità operative iscritte al ruolo per il
pagamento della tassa rifiuti che siano in possesso di tessera o altra tipologia di documento
rilasciato dal Comune dopo sottoscrizione di apposita convenzione.
Non saranno ammessi utenti non in regola con il pagamento della tassa sui rifiuti e/o della
convenzione stipulata con il Comune.
Art. 5 – Modalità ed orari di accesso
In caso di non attivazione della procedura di accesso mediante tessera magnetica, verrà richiesto, da
parte degli operatori addetti, l’esibizione del documento d’identità che dovrà dimostrare l’effettivo
diritto ad accedere alla piattaforma. Analogamente, qualora non in possesso di apposita tessera
magnetica, per le utenze di cui ai punti b), c) e d) del precedente art.4, sarà necessario esibire il
relativo documento attestante il diritto all’accesso.
Nel caso in cui il cittadino non presenti il documento previsto, non potrà accedere alla piattaforma.
Nel caso di attivazione della procedura di accesso mediante tessera magnetica, sarà facoltà del
personale preposto richiedere ugualmente un documento di identità al fine di prevenire possibili
abusi.
4
L’accesso da parte dell’utenza avverrà secondo gli orari determinati dalla Giunta Comunale.
Art. 6 – Modalità di conferimento ed obblighi dell’utenza
Il conferimento dei materiali presso la piattaforma avverrà con le seguenti modalità:
1. L’accesso all'utenza è consentito solo durante gli orari ed i giorni stabiliti per l’apertura della
piattaforma;
2. i rifiuti in arrivo alla piattaforma dovranno essere conferiti già separati, in modo da permettere
una facile e sicura movimentazione, senza rischi di sversamenti o di occupazione di spazi diversi o
maggiori di quelli assegnati al tipo di rifiuto;
3. il conferimento avverrà alla presenza del personale incaricato e solo dopo formale autorizzazione
allo scarico nei contenitori o negli spazi indicati;
4. i rifiuti vegetali (potature e sfalci d’erba, ramaglie, etc.) devono essere conferiti a cura degli
utenti in forma tale da limitarne il più possibile il volume. E’ consentito l’uso del materiale plastico
per sigillare e contenere i rifiuti in questione nella sola fase di trasporto alla piattaforma. All’atto del
conferimento, i rifiuti dovranno essere liberati, a cura dell’utente, da qualsiasi involucro ed immessi
nell’apposito contenitore secondo le indicazioni del personale preposto;
5. l’utente dovrà provvedere a raccogliere eventuali rifiuti caduti sul piazzale della piattaforma
durante le operazioni di scarico;
6. in caso di insufficienza di spazio allo stoccaggio del rifiuto in arrivo, il personale incaricato potrà
temporaneamente rifiutare l'accesso ed il relativo conferimento alla piattaforma, rinviando l'utente
ad un periodo successivo;
7. il personale incaricato potrà, altresì, impedire lo scarico del tipo di rifiuto non pienamente
separato da altro rifiuto;
8. il personale incaricato dovrà in ogni caso rifiutare il conferimento alla piattaforma di rifiuti non
compresi in quelli citati al successivo articolo 7;
9. l’accesso con automezzi all’interno della piattaforma è in genere consentito ad un massimo di 3
utenti contemporaneamente per non creare eccessivo affollamento e per un più tranquillo e corretto
controllo delle operazioni di scarico. Qualora gli operatori del servizio ne ravvisino la necessità, è
loro facoltà impedire o concedere l’accesso ad un numero di veicoli diverso da quello indicato;
10. il tempo di permanenza nella piattaforma ecologica deve essere limitato al tempo necessario al
conferimento. E’ vietato intrattenersi per motivi diversi dal conferimento.
Art. 7 – Tipologie di rifiuti
Presso la piattaforma ecologica comunale possono essere conferite le seguenti tipologie di rifiuti
con le modalità e le limitazioni indicate:
• materiali ferrosi, alluminio, rame, ghise e leghe, pentole, posate, reti del letto, ferri da stiro,
stendibiancheria, biciclette, pentolame, caldaiette murali, scaldabagno, mobiletti metallici, attrezzi,
ecc....
- i beni ed i prodotti costituiti da più materiali devono, ove possibile, essere smontati e suddivisi
(es: sedie in legno e metallo, ecc.);
- non possono essere conferiti con il rottame ferroso ciclomotori, motori di autoveicoli, parti
meccaniche con oli lubrificanti, filtri dell’olio, imballaggi metallici sporchi di sostanze liquide e
prodotti chimici, residui di lavorazione dei metalli quali polveri, ecc...
• carta e cartone ed imballaggi in carta e cartone;
• plastica ed imballaggi in plastica;
• ingombranti quali divani, poltrone, secchi di idropitture, moquette, linoleum, ecc..:
5
-
non possono essere conferiti vassoi ed altri contenitori in polistirolo venuti a contatto con
alimenti quali carne o pesce nonché imballaggi poliaccoppiati quali polistirolo con cartone,
ecc...;
• scarti verdi quali scarti di giardinaggio, potature, erba, piante orticole e ornamentali, foglie
derivanti dall’ordinaria manutenzione del giardino, rami e grosse ramaglie, tronchi;
- gli scarti verdi devono essere conferiti privi di vasi di terracotta o plastica, sacchi di plastica,
sassi ed altri materiali non compostabili;
- le imprese specifiche del settore, per le quali i suddetti rifiuti costituiscono scarto inerente lo
svolgimento dell’attività, anche se per conto di privati cittadini, potranno accedere alla
piattaforma ecologica a pagamento;
• legno e scarti del legno, quali mobili, cassette, bancali lastre, serramenti, ecc..:
- i mobili particolarmente voluminosi devono essere smontati o ridotti di volume e privi di
componenti costituiti da materiali diversi (specchi, vetri, metalli, plastica);
• vetro di grosse dimensioni, quale damigiane, lastre, acquari, ecc....
- non devono essere inseriti altri materiali (le damigiane devono essere private del rivestimento in
paglia, legno o plastica, dalle specchiere devono essere tolte mensole metalliche e
portalampade);
- non devono essere conferite lampade al neon o altre lampade e lampadine, ceramica, porcellana;
• materiali inerti quali macerie, cemento, gesso, vasi in cemento o terracotta, sassi, lavandini ed
altri sanitari in ceramica:
- non devono essere inseriti pannelli in cartongesso, eternit, sacchi in plastica o carta, vasi in
plastica, rubinetteria, tubi in plastica o metallo, cavi elettrici, stipiti ed altri rifiuti da
demolizione;
- il conferimento non è consentito alle imprese edili;
• componenti elettronici quali hardware, tastiere, stampanti prive di cartuccia toner/inchiostro ed
altri accessori per l’informatica;
• televisori e video;
• frigoriferi, frigo-congelatori, condizionatori
- non sono ammessi frigoriferi e banchi refrigerati di attività commerciali con dimensioni
superiori ad un normale frigorifero domestico;
• accumulatori al piombo (batterie di autoveicoli), che devono essere conferiti sigillati al fine di
evitare la dispersione degli acidi contenuti;
• oli minerali;
• oli e grassi vegetali ed animali, che devono essere conferiti senza residui di cibo;
• lampade al neon;
• pneumatici che, ove possibile, devono essere separati dai cerchioni che vanno conferiti con il
rottame ferroso.
Il gestore sarà, inoltre, tenuto a raccogliere altre tipologie di rifiuto qualora vengano indicate dal
competente ufficio comunale.
Con deliberazione di Giunta comunale saranno determinate le quantità di rifiuti conferibili ed i
relativi costi.
Art. 8 – Rifiuti non conferibili
Con riferimento alla normativa statale e regionale nonché alla regolamentazione comunale vigente
in materia di gestione rifiuti, è vietato il conferimento in piattaforma ecologica di:
1. rifiuti prodotti fuori dal territorio comunale di Proserpio;
2. rifiuti speciali non assimilati ai rifiuti urbani;
3. lastre in fibrocemento ed eternit, contenente amianto, o canne fumarie contenenti amianto, e
similari;
4. cartucce toner/inchiostro;
6
5. farmaci;
6. prodotti chimici, tossici e/o infiammabili.
Art. 9 – Divieti
In particolare, agli utenti della piattaforma ecologica, è vietato:
1. abbandonare rifiuti fuori dagli appositi contenitori/spazi;
2. arrecare danni alle strutture, attrezzature, contenitori e quant'altro presente nell’area della
piattaforma ecologica di proprietà del Comune e/o del gestore;
3. effettuare cernita e recupero di qualsiasi tipo di materiale, nonché vendere a terzi il materiale
conferito presso la piattaforma ecologica;
4. introdurre tipologie di materiali in contenitori adibiti alla raccolta di altre tipologie di materiali;
5. abbandonare all’esterno della piattaforma ecologica qualsiasi tipo di rifiuto;
6. accedere alla piattaforma ecologica fuori dai giorni ed orari di apertura al pubblico ed
approssimarsi ai contenitori di stoccaggio senza autorizzazione;
7. occultare all’interno di altri materiali rifiuti e materiali non ammessi;
8. conferire difformemente da quanto disciplinato all’art.6.
Il conferente è responsabile dei danni di inquinamento all’ambiente causato dal conferimento di
rifiuti non ammissibili.
Art. 10 – Sanzioni
Gli utenti sono obbligati a rispettare tutte le norme previste dal presente Regolamento, le cui
violazioni, fatte salve le sanzioni espressamente previste dal D.Lgs. nr.152/2006 e da altre
normative specifiche in materia, a norma del’art.7 bis del D.Lgs. nr.267/2000, sono punite con la
sanzione amministrativa pecuniaria da €.100,00 ad €.500,00.
Fatta salva l’applicazione della sanzione di cui al comma precedente, il trasgressore è in ogni caso
tenuto a sostenere le spese per il ripristino dello stato dei luoghi.
Art. 11 – Rinvio ed entrata in vigore
Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento, si rinvia alla normativa nazionale ed a
quella regionale.
Il presente Regolamento entra in vigore il 1° gennaio 2016.
7

Documenti analoghi