interessa solo fare cassa!

Commenti

Transcript

interessa solo fare cassa!
Marzo 2014
2014 - I Trattamenti di Fine Servizio nel
pubblico impiego (TFS): la storia continua,
interessa solo fare cassa!
GLI INASPRIMENTI
CONTINUANO CON LA
“Legge di stabilità 2014”
(Legge nr. 147/2013)
PREMESSA
a cura di G. Marcante
Da molto (troppo) tempo si parla e si sparla
dei pubblici dipendenti, spesso senza conoscerne le effettive peculiarità, ignorandone i
numerosissimi aspetti positivi e senza tener
conto di quanto siano cambiate le condizioni
lavorative, economiche e pensionistiche specifiche.
Si parla e si scrive, ancora, di “baby pensioni” ignorando (o fingendo di ignorare) che le
norme che hanno permesso i pensionamenti
con 15 … 25 anni di servizio hanno origine
negli anni ‘50, sono state ridefinite con governi succedutisi nei primi anni ‘70 e che MAI
le organizzazioni sindacali ne hanno rivendicato i “benefici” ….
Troppo gratuito affermare che i dipendenti
pubblici sono dei fannulloni, è come
“spararew sulla croce rossa” (citando un vecchio proverbio). Poche e incerte saranno le
mani alzate per sostenere i distinguo ovvero
gli “a favore” … e quindi “dagli al dipendente
pubblico”…; blocchiamone pure i contratti di
lavoro; mettiamo in discussione la 13^ vincolandola ai risultati di quelle amministrazioni
pubbliche che non assicurano gli obiettivi di
risparmio previsti stabilendone il differimento
del pagamento, senza interessi, in tre rate
annuali posticipate; dimentichiamoci pure di
istituire Fondi pensione complementare dopo
18 (!) anni dall’entrata in vigore del provvedimento legislativo che ne prevede la possibilità; declassiamoli pure a lavoratori di serie b
… però - poi, ignoriamo che al personale
infermieristico non vengono concesse le ferie
CGIL
SERVIZI
per carenze d’organico, che la polizia penitenziaria agisce in situazioni di personale e
ambientali disastrose (dal 2000 ad oggi si
sono suicidati più 130 appartenenti al corpo),
che il personale di polizia non ha né auto né
benzina per farle andare; che nei tribunali
non ci sono le risorse per comprare la carta o
i computer; che i vigili del fuoco (spesso) ci
salvano casa e vita pur nella difficoltà di garantire il carburante per le autopompe; che
per 9 mesi l’anno affidiamo i nostri figli al personale scolastico sottopagato che, spesso,
agisce in strutture dove non esistono neppure sufficienti misure di sicurezza ambientale...
E ancora, qualcuno, tra chi legge, pensava
forse che la campagna iniziata nel 2009 fa
per “pensionare” a 65 anni le dipendenti
pubbliche non rappresentasse il varco attraverso il quale sarebbero - a breve - seguite le
lavoratrici del settore privato? …
Bene (si fa per dire): le lavoratrici del pubblico impiego, nel 2014, si pensioneranno per
vecchiaia, a 66 anni e 3 mesi rispetto ai
(pure ingiusti) 63 anni e 9 mesi previsti
per le lavoratrici private ….
… MA TORNIAMO ALLA QUESTIONE ...
Con il presente (foglione), torniamo
(ancora!) sui differimenti del pagamento
dei trattamenti di fine servizio dei dipendenti pubblici; vedremo di trattare la
questione fornendo un po’ di necessaria e
indispensabile informazione - anche storica - evitando (troppi) riferimenti a leggi e/o
disposizioni rammentando, comunque,
che il TFR/TFS dovrebbe seguire norme
uguali per tutti i lavoratori dipendenti e che
le enunciazioni dell’attuale governo si riferiscono alla volontà di garantire “equità
ed armonizzazione” …...
I lavoratori dipendenti, sia pubblici che
privati, al momento della cessazione dal
servizio o dal lavoro, hanno diritto a una
prestazione la cui entità è commisurata
alla durata del servizio o del lavoro prestato nonché alla retribuzione.
Indicativamente la prestazione in questione può essere così individuata:
1. Il T.F.R. (Trattamento di Fine Rapporto)
che attiene alle lavoratrici del settore
privato nonché ai medesimi del pubblico impiegho se assunti da gennaio
2001;
2. La buonuscita (ENPAS - I.Post.) che
si riferisce ai dipendenti dei settori stato
(civili e militari), scuola e università; i
dipendenti dell’ente poste italiane e
correlati (fino a giugno 1994) e i dipendenti delle FF.S.;
3. L’Indennita Premio Servizio (ex IPSINADEL) che riguarda i dipendenti degli
enti locali (comuni, province, regioni),
sanità, case di riposo, ecc.
Trattamento di Fine Rapporto
Il trattamento di fine rapporto è una somma in denaro – costituita da accantonamenti annuali di quote di retribuzione e
dalle relative rivalutazioni – corrisposta al
lavoratore dipendente all’atto della risoluzione del rapporto di lavoro.
Il diritto al TFR sorge alla risoluzione di un
contratto di lavoro della durata minima di
15 giorni continuativi nell’arco di un mese.
Ciò significa che nell’ipotesi di un servizio
continuativo di almeno 15 gg. effettuato
però nell’arco di due mesi (es: dal 20 aprile al 4 maggio) il lavoratore non matura il
diritto alla prestazione.
Per i mesi di 31 giorni il diritto si matura
anche se il contratto di lavoro ha avuto
inizio il giorno 17.
Solo per il mese di febbraio si fa riferimen-
CGIL VICENZA
to alla durata legale di 30 giorni con la
conseguenza che anche i rapporti di lavoro che hanno avuto inizio il giorno 16 e
sono terminati il 28 o il 29 dello stesso
mese danno diritto al TFR.
Più servizi, ognuno dei quali inferiore ai 15
giorni, ma prestati senza soluzione di continuità, fanno maturare il diritto al TFR
qualora ovviamente la loro durata complessiva sia almeno di 15 gg. nel mese.
Comparto scuola: nel caso del personale
della Scuola, i contratti di lavoro inferiori ai
15 giorni, anche se stipulati con Istituti
scolastici diversi, si sommano al fine del
raggiungimento della durata minima di
servizio necessaria per acquisire il diritto
al TFR, a condizione che tra l’uno e
l’altro contratto non ci sia soluzione di
continuità, vale a dire non ci sia nemmeno un giorno – non importa se festivo o feriale – non coperto da contratto.
Indennità di Buonuscita
L’indennità consiste in una somma di denaro “una tantum”, corrisposta all’iscritto
all’atto della cessazione dal servizio e rappresenta la prestazione obbligatoria a carico del Fondo di previdenza e credito per i
dipendenti civili e militari dello Stato amministrato dall’ex ENPAS; la sua finalità originaria era quella di assicurare il soddisfacimento dei “bisogni alimentari” del prestatore di lavoro e della sua famiglia nel momento della risoluzione del rapporto
d’impiego
Indennità Premio di (fine) Servizio
L’indennità consiste in una somma di denaro “una tantum”, corrisposta all’iscritto
all’ex INADEL al momento della cessazione del rapporto di lavoro e del rapporto
previdenziale.
Le prestazioni in questione vanno liquidate
d’ufficio nel senso che non è prevista presentazione di specifica domanda da parte
del lavoratore: considerato però che il diritto si prescrive nel termine di 5 anni
dall’insorgenza del diritto ... la domanda, a
volte, può essere opportuna.
Revoca del provvedimento di cessazione dal servizio
In caso di revoca del provvedimento di
cessazione dal servizio la somma percepita dall'interessato a titolo di buonuscita e
indennità premio di servizio deve essere
restituita all’Istituto, essendo venuto meno
il titolo per cui venne erogata; se l’iscritto
adempie a tale obbligo, la somma - al lor-
pag. 2
LEGGE DI
STABILITA’ 2014
(Legge nr. 147/2013)
Il comma 484 modifica la disciplina sui termini temporali della
rateizzazione
dell’erogazione
dei
trattamenti di fine servizio (TFS) o di fine
rapporto (TFR) dei dipendenti pubblici e
posticipa l’erogazione
degli stessi, con effetto sui soggetti che
maturino i requisiti per
il pensionamento a
decorrere dal 1° gennaio 2014:

viene ridotto da
90.000 a 50.000
euro il limite di soglia, di cui all’art.
12/7°c.,
DL
n.
78/2010, superato
il quale la liquidazione del TFS/TFR
non avviene in
un’unica soluzione;

viene innalzato a
12 mesi il precedente termine di 6
mesi di cui all’art.
3/2°c.,
D.L.
n.
79/1997, inerente
al posticipo della
liquidazione stessa.
Il comma 485 prevede
che la normativa previgente alle suddette
disposizioni del comma 484 continuerà a
trovare applicazione
per tutti quei soggetti
che hanno raggiunto il
diritto al pensionamento al 31/12/2013
CGIL VICENZA
pag.3
do dell'IRPEF ed al netto di oneri previdenziali sarà gravata di interessi legali dalla data in cui è
stata pagata sino a quella della successiva liquidazione della prestazione.
Se la revoca consegue all’accoglimento di un
ricorso dell’iscritto, gli interessi vanno applicati
dalla data di proposizione del ricorso stesso, in
quanto si deve (ragionevolmente) ritenere che da
tale data la somma risulta essere indebitamente
trattenuta.
b) se il nuovo servizio ha avuto una durata inferiore a due anni,
ma superiore ad un anno continuativo, l'interessato consegue un supplemento di buonuscita per un anno, oppure per
due anni se la frazione del secondo anno è superiore a sei
mesi, sull’ultima base contributiva;
c) se il servizio è inferiore a 12 mesi, non si procede alla liquidazione, né si restituiscono i contributi legittimamente versati;
d) se dopo la liquidazione del supplemento l’interessato viene
nuovamente riassunto per un periodo superiore a due anni
continuativi, al medesimo spetterà la riliquidazione di tutti i
servizi, compresi quelli sub b) e sub c), secondo le modalità
Trattenimento o richiamo in servizio
indicate sub a).
Nel caso in cui il dipendente sia trattenuto o richiamato in servizio senza soluzione di continuità Gli arrotondamenti ad anno intero restano immodificati; il periodo di servizio trascurato nella prima liquidazione si aggiunge al
e con percezione degli assegni di attività,
servizio complessivo maturato.
l’iscrizione prosegue per tutto il periodo di tratteQualora risulti più favorevole della riliquidazione di cui al punto
nimento o richiamo.
sub a) liquidare il supplemento della buonuscita, all'interessato
Nella quasi totalità dei casi si tratta di personale
militare e appartenenti ai Corpi di Polizia che ces- va corrisposta la
sano dal servizio permanente effettivo (militari) o prestazione limitatamente agli anni di reiscrizione al Fondo,
compreso l’eventuale arrotondamento della frazione successiva
continuativo (corpi di Polizia) al raggiungimento
del limite di età previsto per il grado, livello o qua- all’anno, superiore a sei mesi ed un giorno, nonché eventuali
lifica rivestita, e vengono ammessi al richiamo in riscatti di servizi o periodi di cui è stata chiesta la valorizzazione
durante tale ultima reiscrizione.
servizio.
Resta salva la facoltà dell’interessato di far valere Indennità Premio di Servizio (ex INADEL)
i propri diritti alla data di cessazione dal servizio, Contrariamente a quanto avviene per i dipendenti statali non
anteriore al trattenimento o richiamo.
esiste per il personale ex INADEL alcuna norma che consenta
Una diversa normativa regola la permanenza in
di procedere ad una riliquidazione per l’intero periodo di servizio
servizio a domanda del personale civile che può
in caso di cessazione del rapporto di lavoro e di quello previavvenire per esigenze dell’Amministrazione stadenziale e successiva riassunzione con soluzione di continuità.
tale o dell’Ente locale, per conseguire il raggiunL’articolo 10 del R.D. n. 2418/1933, prevede infatti che “gli iscritgimento del minimo per la pensione, oppure su
ti che riprendono servizio, dopo aver liquidata l'indennità prerichiesta dello stesso dipendente, per un biennio mio, iniziano un nuovo periodo di iscrizione all'istituto; essi pomassimo oltre il 65° anno d'età.
tranno pertanto liquidare un'altra indennità premio limitatamente
Reiscrizione
Indennità di Buonuscita
La reiscrizione avviene a seguito di riassunzione
o riammissione in servizio di un ex iscritto con
conseguente diritto alla riliquidazione
dell’indennità di buonuscita.
I criteri per la riliquidazione della buonuscita,
nell'ipotesi in cui per il primo servizio l’Istituto abbia già corrisposto l’indennità, sono dettati
dall'art. 4 del d.P.R. nr.1092/73, nel caso in cui
possono verificarsi le seguenti fattispecie:
a) se il nuovo servizio ha avuto una durata superiore a due anni continuativi, l'interessato consegue la riliquidazione di tutto il servizio, compreso quello già liquidato, sull’ultima base
contributiva. Dall'importo complessivo viene
detratta l'indennità lorda conferita, gravata
degli interessi composti al saggio annuo del
4,25%, per il periodo computato in anni interi
per difetto, tra la liquidazione e la definitiva
cessazione dal servizio;
al periodo della nuova iscrizione..”.
Pertanto, in caso di riassunzione o riammissione, i servizi che
hanno dato luogo ad una liquidazione di IPS non sono più valutabili in quella successiva, conseguente ad un nuovo rapporto
d’impiego.
Trattamento di Fine Rapporto
Laddove un iscritto abbia risolto il proprio rapporto di lavoro e
dopo un periodo di interruzione (anche di un solo giorno) venga
nuovamente assunto presso un’Amministrazione iscritta
all’INPDAP, nel caso in cui tale ultima assunzione decorra da
una data successiva al 31.12.2000, il dipendente è obbligatoriamente in regime di TFR.
In tale fattispecie non hanno più applicazione per i dipendenti
statali le norme di cui all’art. 4 del DPR 1032/73.
Passaggi di qualifica, di carriera o di amministrazione
Indennità di Buonuscita
L’art. 1 comma 267 della legge 662/96, dispone che all’iscritto al
Fondo di Previdenza per il personale Civile e Militare dello Stato
“che effettui passaggi di qualifica, di carriera o di amministrazione senza soluzione di continuità e che, comunque, dopo tali
CGIL VICENZA
pag.4
zione e/o riscattati.
passaggi, continui ad essere iscritto al Fondo stesso,
viene liquidata all’atto della cessazione definitiva dal
Personale con servizi con iscrizione ex I.Post ed ex
servizio un’unica indennità di buonuscita commisurata
ENPAS
al periodo complessivo di servizio prestato”.
La legge n. 4/1960, ha disposto che i servizi prestati con
iscrizione all’I.Post (Istituto Postelegrafonici) dal persoIndennità Premio di Servizio
nale degli Uffici locali (ricevitori, portalettere, fattorini e
La condizione indispensabile per la maturazione del
titolari di agenzie PP.TT.) sono ricongiungibili ai fini
diritto
alla corresponsione dell’IPS è la risoluzione del rappor- dell’indennità di buonuscita con i servizi prestati con iscrizione al Fondo Opera di Previdenza gestito dall’ex
to di lavoro: ne consegue che il diritto sorge quando tra
ENPAS e viceversa, sempreché non sia stata già liquidala scadenza di un rapporto di lavoro e l’inizio del nuovo
vi sia almeno un giorno di intervallo senza diritto a retri- ta l’indennità per i servizi stessi.
buzione né ad iscrizione pensionistica e previdenziale.
Nei casi in questione gli Enti si trasmettono le necessarie
Tale condizione non risulta verificarsi né nel caso di
notizie.
una avvenuta progressione di carriera presso lo stesso
La liquidazione della buonuscita (l’I.Post applica la norEnte, né nel caso in cui il personale, dimissionario da
mativa contenuta nel d.P.R. n. 1032/73) verrà calcolata
un ente iscritto, riprenda servizio senza soluzione di
sulla base dell’ultima retribuzione di attività, dell’intero
continuità presso un altro ente sempre iscritto
servizio utile ed in misura proporzionale alla durata dei
all’INPDAP.
rispettivi periodi prestati con iscrizione ai Fondi sopra
richiamati.
Ricongiunzioni ai fini dei TT.F.S
Per le cessazioni successive all’1.04.1993 la buonuscita,
L’istituto della ricongiunzione è disciplinato dalla legge
anche per il servizio reso presso l’Ente di provenienza,
n. 523/54 e prevede la possibilità di ricongiungere sia ai sarà corrisposta dall’Ente gestore del Fondo previdenziafini pensionistici sia a quelli del trattamento delle presta- le al quale il dipendente è iscritto al momento della risozioni di fine servizio i servizi resi con iscrizione all’ex
luzione del rapporto, salvo rivalsa della quota non a proINADEL con quelli prestati con iscrizione all’ex ENPAS, prio carico, sulla quale graveranno gli interessi legali, se
all’OPAFS e all’I.Post.
versata oltre il 60° giorno dalla richiesta.
La misura della prestazione si determina in base
all’intero servizio utile applicando, per la valutazione dei Tale disciplina resta valida per tutti i servizi resi sino alla
data del passaggio al TFR (01.03.1998 data di trasforsingoli servizi facenti capo alle diverse gestioni, le dimazione dell’Ente Poste in S.p.A.).
sposizioni dei rispettivi ordinamenti.
Gli Enti di appartenenza si comunicano reciprocamente In tale situazione, particolare procedura va applicata soltanto nella ipotesi in cui se all’iscritto fosse già stata liquii dati relativi alla misura della retribuzione base della
data l’indennità per un precedente servizio con iscrizione
liquidazione e dei servizi valutabili da parte di ciascun
ex ENPAS, lo stesso possa vantare ulteriori servizi con
Ente, ciascuno dei quali provvede poi al conferimento
iscrizione alla stessa gestione.
della quota a proprio carico e al relativo pagamento.
Non si deve procedere a ricongiunzione nel caso in cui i Il 21.05.1999 è stata stipulata una Convenzione tra
l’INPDAP e l’I.Post, con la quale è stato previsto il pagaservizi abbiano dato luogo ad autonome liquidazioni da
mento delle indennità di buonuscita, con rivalsa a carico
parte della gestione di provenienza dell’iscritto.
Personale con servizi con iscrizione ex INADEL - ex di ciascun Istituto della relativa quota, direttamente da
parte degli Uffici periferici.
ENPAS
Per cessazioni dal servizio decorrenti dall’1.02.2000
Personale con servizi con iscrizione IPost- ex INAl’Inpdap applica nuovi criteri di liquidazione a seguito
DEL
della sentenza n. 1188/97 della Suprema Corte di CasPer la ricongiunzione dei servizi con iscrizione IPosr- ex
sazione - Sezioni Unite che, ribadendo un precedente
orientamento (sent. n. 2702/89), ha ritenuto che l’ultima INADEL si applicano le disposizioni dettate dalla Legge
523/54 per tutti i servizi resi fino alla data del passaggio
gestione debba liquidare e corrispondere all’iscritto la
al TFR (01.03.1998), data di trasformazione dell’Ente
prestazione relativa al complessivo servizio, fatta salva
Poste in S.p.A..
la rivalsa nei confronti dell’altra gestione della quota a
La convenzione stipulata dall’INPDAP con l’I.Post riguarsuo carico.
L’ultima gestione (ex ENPAS o ex INADEL) che provve- da i servizi resi con iscrizione I.Post – ex ENPAS.
de all’intera liquidazione, quantificherà l’ammontare da Personale con servizi con iscrizione OPAFS - ex ENporre a carico della prima, in rapporto agli anni di iscriPAS
Il personale delle Ferrovie dello Stato è iscritto
all’OPAFS (Opera di Previdenza e Assistenza per i Ferrovieri dello Stato).
Ai sensi della legge nr.771/49, sono riconosciuti in via di
reciprocità dall’ex ENPAS e dall’OPAFS, i servizi resi
con iscrizione ai rispettivi Fondi, sempreché detti servizi
CGI
non abbiano dato luogo a precedente liquidazione di inL
dennità di buonuscita.
Il servizio OPAFS per alcune categorie è aumentato di
1/5 per ogni anno: detta maggiorazione è utile ai fini previdenziali.
!!
CGIL VICENZA
pag.5
Tale disciplina resta valida per tutti i servizi resi sino
Per i lavoratori privati detta aliquota di computo è pari al
alla data del passaggio del personale al TFR
7,41% della retribuzione utile, alla quale però si deve sot(01.01.1996), data di trasformazione delle Ferrovie
trarre lo 0,50% destinato al Fondo pensioni dei lavoratori
dello Stato in S.p.A.
dipendenti presso l’INPS.
Personale con servizi con iscrizione OPAFS - ex
Per i lavoratori pubblici non è ovviamente previsto tale
INADEL
versamento e quindi l’aliquota di computo è assunta al
Per la ricongiunzione dei servizi con iscrizione Onetto della stessa ed è pari al 6,91%.
PAFS - ex INADEL si applicano le disposizioni detta- Le quote accantonate, come sopra determinate, con ete dalla Legge 523/54 sino alla data del passaggio
sclusione della quota maturata nell’anno, sono incremendel personale al TFR (01.01.1996), data di trasforma- tate su base composta, al 31 dicembre di ogni anno, con
zione delle Ferrovie dello Stato in S.p.A.
l’applicazione di un tasso costituito dal 1,5% in misura fissa e dal 75% dell’aumento dell’indice dei prezzi al consuMisura & liquidazione dei Trattamenti di mo per le famiglie di operai ed impiegati accertato
dall’ISTAT, rispetto al mese di dicembre dell’anno preceFine Servizio
dente.
Indennità di Buonuscita (ENPAS-I.Post-OPAFS)
Nel caso di cessazione del rapporto di lavoro nel corso
L’indennità viene liquidata d’ufficio, all'atto della cesdell’anno, il tasso di rivalutazione dell’1,5% è determinato
sazione dal servizio dell'iscritto: è pari a tanti dodicein valore pro-quota facendo riferimento al numero dei mesi
simi del 80% dell'ultimo trattamento economico
intercorrenti fra quello di dicembre dell’anno immediata(soggetto a contributo specifico) per tredici mensilità
mente precedente e quello di cessazione mentre
“moltiplicato” per quanti sono gli anni utili ai fini della
l’incremento dell’indice ISTAT è quello risultante nel mese
buonuscita stessa (anni resi con iscrizione al Fondo,
di cessazione del rapporto di lavoro rispetto a quello di
riscattati, anzianità di servizio convenzionali la cui
dicembre dell’anno precedente.
copertura contributiva è prevista da apposite leggi).
PUBBLICO IMPIEGO: TRATTAMENTI DI FINE
Gli emolumenti corrisposti in misura ridotta comportaSERVIZIO E T.F.R.
no il computo per metà del relativo servizio con eccezione per quelli per malattia nei limiti temporali previTFS da gennaio 2014 - L’ennesimo
sti da specifiche disposizioni legislative.
intervento!
Nel totale dei servizi e periodi utili la frazione di anno
superiore a sei mesi si computa come anno intero;
Il 27 dicembre 2013 è stata pubblicata sulla Gazzetta
quella pari o inferiore si trascura.
Ufficiale la legge numero 147 del 2013, di stabilità
2014, recante "Disposizioni per la formazione del
Non si dà luogo alla corresponsione di acconti e/o
anticipi comunque denominati.
bilancio annuale e Pluriennale dello Stato".
Indennità Premio di Servizio (ex INADEL)
Trattamento di fine servizio dei dipendenti pubblici –
L’indennità viene liquidata d’ufficio, non essendo pre- Art. 1, commi 484 e 485
visto da alcuna normativa riguardante l’ex INADEL Il comma 484 modifica la disciplina sui termini temporali
l’obbligo dell’iscritto di produrre una specifica doman- della rateizzazione dell’erogazione dei trattamenti di fine
da per ottenere la prestazione di cui trattasi.
servizio (TFS) o di fine rapporto (TFR) dei dipendenti pubL’indennità è pari ad un quindicesimo della retribuzio- blici e posticipa l’erogazione degli stessi, con effetto sui
ne contributiva degli ultimi dodici mesi di servizio, soggetti che maturino i requisiti per il pensionamento a
considerata in ragione del 80%, “moltiplicata” per decorrere dal 1° gennaio 2014:
quanti sono gli anni utili e quelli eventualmente riscat- 
viene ridotto da 90.000 a 50.000 euro il limite di soglia,
tati.
di cui all’art. 12/7°c., DL n. 78/2010, superato il quale la
liquidazione del TFS/TFR non avviene in un’unica soluSe dalla somma complessiva risulta una frazione
zione;
superiore a sei mesi la stessa si computa per

viene innalzato a 12 mesi il precedente termine di 6
anno intero, quella pari o inferiore si trascura.
mesi di cui all’art. 3/2°c., DL n.79/1997, inerente al poTrattamento di Fine Rapporto
sticipo della liquidazione stessa.
La legge 29.05.1982, n. 297, che ha modificato
Ne deriva che:
l’art.2120 e seguenti del codice civile prevede, per
per il dipendente pubblico che cessa dal servizio per
ciascun anno di servizio, l’accantonamento contabile 
morte e per motivi di salute, il termine rimane quello di
di una quota pari alla retribuzione annua (utile ai fini
3 mesi,
del TF, comunque non superiore all’importo della

per il dipendente pubblico che cessa dal servizio per
retribuzione dovuta per l’anno) divisa per 13,5.
CGIL VICENZA
pag.6
raggiunti limiti di età o di servizio, oppure per riso- centemente modificato dall’art. 1, commi 22 e 23, del D.L.
luzione unilaterale del rapporto di lavoro, il termi- 13 agosto 2011, n.138, convertito con modificazioni dalla
ne si innalza da 6 mesi a 12 mesi,
legge 14 settembre 2011, n. 148.

per il dipendente pubblico che risolve il rapporto Dal 1° gennaio 2012, venendo meno sia la possibilità di
per dimissioni volontarie il termine rimane di 24 conseguire il diritto a pensione con 40 anni di anzianità
mesi.
contributiva a prescindere dall’età per chi non ha già maIl TFS/TFR verrà erogato:
turato tale requisito al 31.12.2011, sia la nozione di ana] in un’unica soluzione se, al lordo delle trattenute zianità contributiva massima (40 anni di contribuzione
fiscali non supera l’importo di 50.000 euro,
ovvero un minor numero di anni con riferimento ad alcuni
b] in due rate annuali (50.000 euro prima rata, resi- regimi speciali), tipica del sistema di calcolo retributivo,
duo seconda rata) se non supera l’importo di alle cessazioni con 40 anni di anzianità contributiva non
100.000 euro,
potrà più essere applicato il termine di 6 mesi (o quello di
c] in tre rate annuali (50.000 euro prima rata, 50.000 105 giorni previsto dalle deroghe del D.L. 138/2011) per il
euro seconda rata, residuo terza rata) se supera pagamento delle prestazioni di fine servizio.
l’importo di 100.000 euro.
Pertanto, per il personale interessato dalle nuove regole
Il comma 485 prevede che la normativa previgen- di accesso e calcolo della pensione e che cessa dal serte alle suddette disposizioni (contenute nel comma vizio senza aver raggiunto i limiti di età previsti dal proprio
484) continuerà a trovare applicazione per tutti gli ordinamento di appartenenza, i trattamenti di fine servizio
assicurati che hanno raggiunto il diritto a pensio- e fine rapporto non possono essere messi in
ne entro il 31 dicembre 2013.
pagamento prima di 24 mesi dall’interruzione del rapporto
di lavoro.
Resta tuttavia fermo il termine di 6 mesi (o quello di 105
giorni previsto dalle deroghe del D.L. 138/2011) per il
personale che ha maturato l’anzianità contributiva massiTempi (effettivi) di liquidazione
ma ai fini pensionistici (40 anni ovvero anzianità contribuDal 1997, per effetto dei contenuti di cui all’art. 3
tive inferiori con riferimento ai dipendenti appartenenti a
Legge nr.140/97, i termini entro i quali dovrà essere
regimi pensionistici speciali, per esempio il personale
provveduto alla corresponsione dei TFS sono differenti a seconda delle cause di cessazione del rappor- militare) entro il 31 dicembre 2011 anche se cessa successivamente alla predetta data.
to di lavoro:

105 giorni dalla data di cessazione per limiti d’età, Per il personale interessato dalle deroghe di cui all’art. 1,
comma 23, del D.L. 138/2011, convertito con modificaziodecesso, inabilità e limiti di servizio;

270 giorni dalla data di cessazione per destituzio- ni dalla legge n. 148/2011, e che, pertanto, ha maturato il
diritto a pensione entro il 12 agosto 2011 (31 dicembre
ne dall’impiego, dimissioni e altre cause di deca2011, se personale della scuola e del comparto AFAM),
denza.
valgono i vecchi termini di pagamento dei TFS e dei TFR
Ovviamente (!) non è prevista alcuna corresponsione
anteriori a quelli introdotti dall’art. 1, comma 22, del D.L.
di interessi di mora per “ritardato pagamento” in
quanto la precitata Legge nr.140/97 lo prevede esclu- 138/2011, con la precisazione riportata di seguito sulla
scorta delle osservazioni fornite dal Ministero del lavoro e
sivamente se la liquidazione viene effettuata oltre i
delle politiche sociali con nota prot. n. 2680 del 22 febtermini sopra indicati.
braio 2012.
Conseguentemente, le indicazioni contenute nella circola… e QUESTO fino al 12 agosto 2011 ...
re Inpdap n. 16 del 9 novembre 2011 e nella nota operativa Inpdap n. 41 del 30 novembre 2011, relative ai termini
di pagamento dei trattamenti di fine servizio e fine rapporDal 13 agosto 2011 al 31 dicembre 2013
to per gli iscritti alla gestioni previdenziali ex Inpdap (per
chi le avesse lette …), sono modificate come di seguito
indicato e riepilogato.
Termine di pagamento dei trattamenti di fine servizio
e di fine rapporto in relazione a cessazioni dal serviTermine breve: entro 105 giorni dalla cessazione
zio connesse a pensionamenti con 40 anni di anziani- In caso di cessazione dal servizio per inabilità o per detà contributiva e precisazioni sulle deroghe ai nuovi
cesso, trova applicazione il termine breve che prevede
termini previsti dall’art. 1, comma 23, del D.L. n.
che la prestazione deve essere liquidata entro 105 giorni
138/2011 convertito con modificazioni dalla legge n.
dalla cessazione.
148/2011…. e con l’applicazione dei contenuti di cui
In particolare, si ricorda che l’ente datore di lavoro è tenuall’art.24 Legge nr.214/2011
to a trasmettere all’Inps gestione ex Inpdap la documenLe modifiche introdotte dall’art. 24 L.214/2011 alle tazione necessaria entro 15 giorni dalla cessazione del
regole di accesso e calcolo per le prestazioni pensio- dipendente; questo Istituto, a sua volta, provvede a corrinistiche rendono necessarie alcune precisazioni spondere la prestazione, o la prima rata di questa, entro i
sull’ambito di applicazione dei termini di pagamento tre mesi successivi alla ricezione della documentazione
delle prestazioni di fine servizio dei dipendenti pubbli- stessa.
ci, di cui all’art. 3 del D.L. 28 marzo 1997, n. 79 con- Decorsi questi due periodi (complessivamente pari a
105 giorni) sono dovuti gli interessi.
vertito dalla legge 28 maggio 1997, n. 140, come re-
… E PRIMA DEL 2014?
CGIL VICENZA
Termine di sei mesi
La prestazione non può essere liquidata e messa in
pagamento prima di sei mesi dalla cessazione del
rapporto di lavoro quando questa è avvenuta per:

raggiungimento dei limiti di età;

cessazioni dal servizio conseguenti all’estinzione
del rapporto di lavoro a tempo determinato per
raggiungimento del termine finale fissato nel contratto stesso (NB: la circolare Inpdap n. 30 del 1°
agosto 2002 ha chiarito che questa casistica è
equiparata all’ipotesi di cessazione per limiti di
servizio);

cessazione dal servizio connesso ad un pensionamento conseguito con l’anzianità contributiva
massima ai fini pensionistici (per esempio 40 anni
per la generalità dei lavoratori dipendenti ovvero
anzianità contributive inferiori con riferimento al
personale appartenente a regimi pensionistici
speciali) se maturata entro il 31 dicembre 2011.
Nei casi rientranti nel termine in esame l’Istituto non
può procedere alla liquidazione e al pagamento della
prestazione, ovvero della prima rata di questa, prima
che siano decorsi sei mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro.
Decorso tale termine, l’istituto deve mettere in pagamento la prestazione entro 3 mesi.
Decorsi questi due periodi (complessivamente
pari a 270 giorni) sono dovuti gli interessi.
Termine di 24 mesi
La prestazione non può essere liquidata e messa in
pagamento prima di 24 mesi dalla cessazione del
rapporto di lavoro, quando questa è avvenuta per
cause diverse da quelle sopra richiamate, anche
nell’ipotesi in cui non sia stato maturato il diritto a
pensione.
Tra queste cause si ricordano in particolare:
le dimissioni volontarie, con o senza diritto a pensione;
il recesso da parte del datore di lavoro
(licenziamento o destituzione dall’impiego).
Nei casi rientranti nel termine in esame l’Istituto non
può procedere alla liquidazione e al pagamento della
prestazione, ovvero della prima rata di questa, prima
che siano decorsi 24 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro.
Scaduto il termine, l’istituto deve mettere in pagamento la prestazione entro 3 mesi.
Decorsi questi due periodi (complessivamente
pari a 27 mesi) sono dovuti gli interessi.
Deroghe
Non sono interessate dai termini sopra indicati le
pag.7
sottoelencate tipologie di dipendenti per i quali continua a
trovare applicazione la disciplina previgente all’art. 1,
comma 22, del decreto legge 13 agosto 2011, convertito
con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011, n.148:

lavoratori che hanno maturato i requisiti contributivi ed
anagrafici per il pensionamento, sia di anzianità che di
vecchiaia (raggiunti limiti di età o di servizio) prima del
13 agosto 2011;

personale del comparto scuola e delle istituzioni di alta
formazione artistica e specializzazione musicale
(AFAM) interessato all’applicazione delle regole sulla
decorrenza della pensione (rispettivamente dal 1° settembre e dal 1°novembre) di cui all’art. 59, comma 9,
della legge 27 dicembre 1997, n. 449 e che matura i
requisiti per il pensionamento entro il 31 dicembre
2011; rientra nella disciplina derogatoria anche il personale docente dipendente da istituzioni scolastiche
comunali a condizione che le stesse abbiano recepito
nei propri regolamenti le disposizioni relative
all’ordinamento dei docenti della scuola statale.
Per il personale interessato dalle deroghe sopra
indicate, quindi, i termini rimangono i seguenti:
1) termine di 105 giorni per le cessazioni dal servizio
per inabilità, decesso, limiti di età o di servizio previsti
dagli ordinamenti di appartenenza (comprese le cessazioni per limiti di età o raggiungimento della massima anzianità contributiva a fini pensionistici, a condizione che i relativi requisiti siano stati maturati entro il
12 agosto 2011, con eccezione del personale della
scuola e AFAM i cui requisiti devono essere stati maturati entro il 31 dicembre 2011) e per le cessazioni
dal servizio conseguenti all’estinzione del rapporto di
lavoro a tempo determinato per raggiungimento del
termine finale fissato nel contratto stesso;
2) non prima che siano decorsi 6 mesi dalla cessazione
del rapporto di lavoro per tutte le altre casistiche.
In relazione al punto 1), secondo quanto precisato nella
citata nota prot. n. 2680 del 22 febbraio 2012 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, la deroga di cui
all’art. 1, comma 23, del decreto legge 13 agosto 2011, n.
138, illustrata nel punto “3.5 Deroghe” della circolare n.
16 del 9 novembre 2011, va intesa nel senso che per i
lavoratori che alla data del 12 agosto 2011 abbiano maturato i requisiti congiunti di età ed anzianità contributiva
(cosiddetta “quota”) ma non abbiano ancora raggiunto il
limite di età previsto dall’ordinamento di appartenenza
ovvero l’anzianità contributiva massima, il Tfs/Tfr è erogato dopo sei mesi, anche qualora il lavoratore abbia successivamente raggiunto, al momento della cessazione, i
predetti requisiti di accesso per limiti di età ovvero di anzianità contributiva massima (es. 40 anni).
CGIL VICENZA
INPS - Messaggio nr. 8299 del 21/05/2013
OGGETTO: Chiarimenti relativi ai termini di
pagamento del trattamento di fine servizio per
il personale appartenente al comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico.
In relazione ai quesiti pervenuti e volti ad ottenere chiarimenti relativamente ai corretti termini di pagamento da applicare ai trattamenti di fine servizio spettanti al personale in oggetto che cessa dal servizio anticipatamente
rispetto al limite ordinamentale previsto per la
qualifica o grado rivestito o rispetto ai requisiti
anagrafici per la pensione di vecchiaia se differenti, si specifica quanto segue.
In coerenza con le indicazioni fornite con la
circolare 37 del 14 marzo 2012 e con il messaggio n. 8381 del 15 maggio 2012, deve essere applicato l’ordinario termine di pagamento di 24 mesi previsto dall’art. 3 del decreto legge n. 79/1997, convertito dalla legge
n. 140/1997, come successivamente modificato dal decreto legge n.138/2011, convertito
dalla legge n. 148/2011, con riferimento a tutti
i casi di collocamento a riposo avvenuti a seguito di dimissioni volontarie con diritto
(maturato dopo il 12 agosto 2011) al pensionamento anticipato rispetto ai limiti ordinamentali di età o ai requisiti anagrafici previsti
per la pensione di vecchiaia, se differenti.
Pertanto, si applica il termine ordinario di 24
mesi per i Tfs relativi alle cessazioni:
con un’età di almeno 57 anni e tre mesi ed
un’anzianità contributiva di 35 anni;
con 40 anni e 3 mesi di anzianità contributiva intervenuta prima del raggiungimento
del limite ordinamentale previsto per la
qualifica o grado rivestito o dei requisiti
anagrafici previsti per la pensione di vecchiaia se differenti.
Diversamente, nel caso in cui l’iscritto abbia
conseguito entro il 31 dicembre 2011 i 40 anni
di anzianità contributiva ai fini pensionistici, il
termine di pagamento è quello di sei mesi.
Lo stesso termine di sei mesi vale anche nel
pag.8
caso in cui l’iscritto abbia raggiunto entro la
predetta data del 31 dicembre 2011 l’aliquota
massima dell’80% della retribuzione pensionabile, a condizione che i 53 anni e 3 mesi
(per le cessazioni dal 1° gennaio 2013 al 31
dicembre 2015) siano compiuti entro la data
di collocamento a riposo.
Si sottolinea, infine, che il raggiungimento entro il 12 agosto 2011 della sola aliquota massima dell’80% della retribuzione pensionabile, non accompagnato dall’età anagrafica minima dei 53 anni compiuti entro la medesima
data, non consente di ritenere maturati alla
predetta data i requisiti per il pensionamento.
Conseguentemente questa fattispecie non
rientra nelle deroghe di cui all’art 1, comma
23, del decreto legge n. 138/2011
(conservazione del previgente termine di 105
giorni) e, pertanto, il termine di pagamento è
quello di sei mesi, sopra ricordato, sempre
che i 53 anni e tre mesi (per le cessazioni che
avvengono nell’intervallo di tempo sopra evidenziato) siano compiuti entro la data di collocamento a riposo.
PATRONATO INCA-CGIL
Legge 30 marzo 2001, n. 152

Recapiti telefonici:
Vicenza: Via Maganza, n. 96 - 0444
56 48 44
 Alte/Mont. M. - 0444 49 01 33
 Arzignano - 0444 67 57 61
 Camisano V. - 0444 41 05 81
 Chiampo - 0444 62 51 60
 Dueville - 0444 360216
 Lonigo - 0444 83 08 53
 Noventa V. - 0444 78 71 03
 Recoaro T. - 0445 78 04 90
 Valdagno - 0445 40 23 18
 Bassano d. Gr. - 0424 52 91 54
 Schio - 0445 53 06 62
 Thiene - 0445 36 89 05
 Asiago - 0424 46 33 03