informacaritas - Caritas Italiana

Commenti

Transcript

informacaritas - Caritas Italiana
informacaritas
Anno XXIII – Numero 13
15 luglio 2014
SEF – SCUOLA ESTIVA
DI FORMAZIONE
Tessitori di prossimità
Firenze, 13-17 luglio 2014
pagina 4
Quindicinale di informazione di Caritas Italiana
disponibile nell’area riservata del sito www.caritas.it
informacaritas – Quindicinale di informazione di Caritas Italiana disponibile nell’area riservata del sito
www.caritas.it – Info: [email protected] – Direttore: Francesco Soddu – Direttore responsabile: Ferruccio
Ferrante – Sede legale: via Aurelia 796, 00165 Roma – tel. 06 66177001 – fax 06 66177602 – Autorizz. Trib. di Roma n.125/92
del 29-2-1992 – Sped. Abb. Post. DL. 353 /2003 (Conv. in LG. 46/2004) art. 1 comma 2 DCB Roma
Anno XXIII – Numero 13
15 luglio 2014
indice
Appuntamenti
03
Calendario luglio-agosto 2014
04
Sef - Scuola estiva di formazione Tessitori di prossimità > Firenze,
13-17 luglio 2014
07
Convegno La salute mentale: un’emergenza! La psichiatria in tempo
di crisi > Roma, 27 settembre 2014
Comunicazioni e Documenti
09
Elenco dei più recenti comunicati stampa di Caritas Italiana
10
Comunicazioni sul servizio civile
12
Appunti (notiziario)
14
MicroProgetti di sviluppo a sostegno delle popolazioni di: Africa;
America Latina; Asia e Oceania; Medio Oriente, Nord Africa e Corno
d’Africa; Europa > Lista n. 4/14 – Luglio 2014
Pubblicazioni
16
Rapporto 2014 sulle politiche contro la povertà in Italia
Il bilancio della crisi
17
Parrocchia e solidarietà familiare. Profezia di comunione
INFORMACARITAS TORNERÀ
IL 1° SETTEMBRE 2014
Appuntamenti
CALENDARIO LUGLIO-AGOSTO 2014
LUGLIO 2014
Convegno Dal progetto “Caschi bianchi oltre
le vendette” ai Corpi civili di pace
 Padova
8 (martedì)
Presentazione del Rapporto 2014 sulle politiche
contro la povertà in Italia Il bilancio della crisi
 Roma
11 (venerdì)
Scuola estiva di formazione Tessitori di prossimità
 Firenze
13 (domenica)
14 (lunedì)
15 (martedì)
16 (mercoledì)
17 (giovedì)
AGOSTO 2014
Terremoto Nord Italia 2012: inaugurazione
Centro di Comunità presso la parrocchia
S. Antonino Martire
 Ficarolo (FE)
2 (sabato)
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
3
Appuntamenti
SEF – SCUOLA ESTIVA DI FORMAZIONE
Tessitori di prossimità
Firenze, 13-17 luglio 2014
Caritas Italiana, dopo le positive esperienze degli
ultimi due anni, ha organizzato la terza Scuola
estiva di formazione (Sef), dal titolo Tessitori di
prossimità. La novità di quest’anno è l’ampliamento dell’offerta formativa. La Sef 2014 si articola
infatti in tre ambiti tematici (identità Caritas,
immigrazione, mondialità) che si sostanziano in
altrettante proposte di formazione “intensiva”.
IMMIGRAZIONE
Europa e immigrazione: alcune coordinate
storico-sociali
Oliviero FORTI, Caritas Italiana
MONDIALITÀ
Una sola famiglia umana, cibo per tutti:
è compito nostro
Massimo PALLOTTINO, Caritas Italiana
Sede dei lavori della Sef 2014 è la Casa per ferie
“Istituto Salesiano dell'Immacolata” in via del
Ghirlandaio 38, Firenze (www.salesianifirenze.it).
19.30 Celebrazione eucaristica
presiede: don Francesco SODDU, direttore
di Caritas Italiana
PROGRAMMA
20.30 Cena
DOMENICA 13 LUGLIO
LUNEDÌ 14 LUGLIO
15.00 Accoglienza dei partecipanti
08.00 Celebrazione eucaristica
presiede: S.Em. Card. Giuseppe BETORI,
cardinale arcivescovo di Firenze
15.30 Saluti iniziali
Don Francesco SODDU, direttore di Caritas
Italiana
Alessandro MARTINI, delegato regionale
Caritas della Toscana
16.00 L’esortazione apostolica Evangelii Gaudium:
la dimensione sociale dell’evangelizzazione
padre Giovanni RONCARI, Facoltà Teologica
dell’Italia Centrale
17.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS
La prossimità: vocazione del cristiano,
scelta della Chiesa. Prospettiva teologicopastorale
Serena NOCETI, Facoltà Teologica
dell’Italia Centrale
09.00 Evangelii Gaudium: il tempo è superiore
allo spazio
padre Giovanni RONCARI, Facoltà Teologica
dell’Italia Centrale
10.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS
Perché abbiamo bisogno di prossimità:
la dimensione socio-culturale
Riccardo PRANDINI, Università di Bologna
IMMIGRAZIONE
La mobilità in Europa. Il caso dei 28
Oliviero FORTI, Caritas Italiana
MONDIALITÀ
Cibo giusto per tutti
Gianluca BRUNORI, Università di Pisa
13.00 Pranzo
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014

4
Appuntamenti Sef – Scuola estiva di formazione
13.00 Pranzo
15.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS
Laboratorio: Chi è chiamato oggi a tessere
prossimità
Francesca LEVRONI e Giuseppe DARDES,
Caritas Italiana
IMMIGRAZIONE
Immigrazione: un rischio o un’opportunità
per l’Europa?
Oliviero FORTI, Caritas Italiana
MONDIALITÀ
 Diritto al cibo: confronto con il mondo
imprenditoriale – Visita presso “Orti dipinti”
Giacomo SALIZZONI, Fondazione
Campagna Amica
Simon QUERCI, Coldiretti Toscana
 Caso studio: Sahel
Moira MONACELLI, Caritas Italiana
15.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS
Come è possibile oggi tessere prossimità?
Roberto MAURIZIO, Fondazione Zancan
IMMIGRAZIONE
Laboratorio: Strumenti comunitari
di politica migratoria
Caterina BOCA, Caritas Italiana
MONDIALITÀ
 Laboratorio: Finanza e scuola. Costruzione
di percorsi educativi per i giovani
Piera GIODA, Cisv Torino
 Caso studio: Indonesia e Filippine
Matteo AMIGONI, Caritas Italiana
20.00 Cena
21.00 Visita alla città di Firenze
21.00 Serata Arte e Povertà presso il centro
storico di Firenze
MERCOLEDÌ 16 LUGLIO
MARTEDÌ 15 LUGLIO
08.00 Celebrazione eucaristica
presiede: S.E. Mons. Claudio MANIAGO,
vescovo di Castellaneta, già vescovo
ausiliare di Firenze
09.00 Evangelii Gaudium: l’unità prevale
sul conflitto
padre Giovanni RONCARI, Facoltà
Teologica dell’Italia Centrale
10.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS
Tessere prossimità: esperienze di sviluppo
comunitario
Roberto MAURIZIO, Fondazione Zancan
IMMIGRAZIONE
La casa comune europea: gli strumenti
comunitari di politica migratoria
Caterina BOCA, Caritas Italiana
MONDIALITÀ
Una finanza a servizio dell’uomo
Andrea BARANES, Fondazione Culturale
Responsabilità Etica
20.00 Cena
08.00 Celebrazione eucaristica
presiede: S.E. Mons. Silvano PIOVANELLI,
cardinale emerito di Firenze
09.00 Evangelii Gaudium: la realta è più
importante dell’idea
padre Giovanni RONCARI, Facoltà
Teologica dell’Italia Centrale
10.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS
Tavola rotonda con esperienze diocesane
di lavoro integrato
Prossimità come chiave del lavoro
pastorale: la necessità dell’integrazione
modera: Giuseppe DARDES, Caritas
Italiana
IMMIGRAZIONE
Il sistema d’asilo in Europa: esperienze
a confronto (PRIMA PARTE)
Caterina BOCA e Manuela DE MARCO,
Caritas Italiana
MONDIALITÀ
Relazioni di pace
Rosa SICILIANO, Mosaico di Pace,
rivista di Pax Christi
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014

5
Appuntamenti SEF – Scuola estiva di formazione
13.00 Pranzo
15.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS
Laboratorio: Le competenze dei tessitori
di prossimità
Francesca LEVRONI e Giuseppe DARDES,
Caritas Italiana
IMMIGRAZIONE
 Il sistema d’asilo in Europa: esperienze a
confronto (SECONDA PARTE)
Caterina BOCA e Manuela DE MARCO,
Caritas Italiana
 Visita al Centro Sprar di Firenze
MONDIALITÀ
Laboratorio: Percorsi di animazione
al cuore dei conflitti
Fabrizio CAVALLETTI, Caritas Italiana
09.00 Evangelii Gaudium:
il tutto è superiore alla parte
padre Giovanni RONCARI, Facoltà
Teologica dell’Italia Centrale
10.30 Gruppi di lavori tematici
IDENTITÀ CARITAS E MONDIALITÀ
(SESSIONE DI LAVORO CONGIUNTA)
Pastorale della prossimità
e “Chiesa in uscita”: ripensare
il servizio Caritas alla luce
della Evangelii Gaudium
don Salvatore FERDINANDI e Fabrizio
CAVALLETTI, Caritas Italiana
IMMIGRAZIONE
Politiche di integrazione in Europa
Anna TRIANDAFYLLIDOU, Global
Governance Programme, European
University Institute
20.00 Cena
12.30 Valutazione finale e saluti
GIOVEDÌ 17 LUGLIO
13.00 Pranzo
08.00 Celebrazione eucaristica
presiede: S.E. Mons. Riccardo FONTANA,
arcivescovo di Arezzo – Cortona – Sansepolcro
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
6
Appuntamenti
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della Cei – Caritas Italiana
CONVEGNO “LA SALUTE MENTALE: UN’EMERGENZA!”
La psichiatria in tempo di crisi
Roma, 27 settembre 2014
La malattia mentale è un’emergenza. Aumentano le persone con disturbi psichici e si abbassa l’età nella quale si manifestano i segni di sofferenza psichica. L’ansia accompagna la società
del benessere con un crescente uso di psicofarmaci per affrontare la “fatica di esistere”.
Gli esperti parlano di vera e propria emergenza, così pure l’Organizzazione Mondiale della
Sanità. Una ferita aperta e sanguinante sono
poi gli ospedali psichiatrici giudiziari la cui
chiusura è stata ancora una volta rimandata!
Aumentano le malattie mentali e aumentano
anche le persone anziane con patologie neurodegenerative. Come rispondere adeguatamente alla loro domanda di cura?
La questione si fa ancora più grave sia per i
pazienti che per le loro famiglie se si considera la necessaria spesa sanitaria e la difficoltà
dei bilanci nazionali e regionali a causa della
crisi economica e finanziaria in corso. E chi
corre il rischio di non potersi curare, come
sempre, sono i più poveri.
La comunità ecclesiale vuole ascoltare il grido,
talvolta silenzioso ma sempre grave, che giunge dai malati e dalle loro famiglie perché se la
malattia mentale è un’emergenza per la società, lo è anzitutto per le persone colpite e che
hanno diritto alle cure necessarie.
Con l’aiuto di esperti, il Convegno vuole
richiamare l’attenzione della comunità civile
ed ecclesiale su questo tema per un’adegua-
ta presa di coscienza della situazione attuale,
delle sue possibili cause, nonché delle sfide
che la malattia mentale pone oggi. La stessa
ricerca in ambito psichiatrico non è ancora
sufficientemente sostenuta e valorizzata.
Inoltre la comunità ecclesiale ha bisogno di
una nuova presa di coscienza sulla necessaria
attenzione pastorale soprattutto a livello territoriale.
Ma non può mancare in questa occasione anche
una riflessione sulla domanda di senso che in
questo campo emerge con forza singolare,
tanto più se accettiamo di stare con carità e verità accanto ai malati mentali e alle loro famiglie.
Il Convegno si svolgerà a Roma
sabato 27 settembre 2014
dalle ore 9.30 alle 13.30,
presso la Sala S. Pio X, via dell’Ospedale 1
(angolo via della Conciliazione).
La partecipazione è gratuita.
Occorre accreditarsi iscrivendosi
all’evento all’indirizzo
www.chiesacattolica.it/salute
Segreteria organizzativa:
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute
Via Aurelia 468 – 00165 Roma,
tel. 06 66398477 – fax 06 66398427
e-mail: [email protected]
PROGRAMMA
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014

7
Appuntamenti Convegno “La salute mentale: un’emergenza!”
PROGRAMMA
09.00 Accoglienza
09.30 Apertura dei lavori
don Carmine ARICE, ssc
direttore dell’Ufficio Nazionale
per la pastorale della salute della Cei
Intervengono:
S.E. Mons. Nunzio GALANTINO
segretario generale della CEI
on. Beatrice LORENZIN
ministro della Salute
10.30 FOTOGRAFIA
Lo stato dell’arte
Fabrizio OLEARI
presidente dell’Istituto Superiore
di Sanità
11.00 LE SFIDE
Indirizzi di cura in psichiatria:
dove dovremmo andare
Emilio SACCHETTI
presidente della Società Italiana
di Psichiatria; ordinario di psichiatria
presso l’Università degli Studi
di Brescia; direttore del Dipartimento
di Salute Mentale dell’Azienda Spedali
Civili di Brescia
11.30 LA RICERCA
Potenziare la ricerca sulla salute mentale
per promuovere l’implementazione
di cambiamenti efficaci e migliorare
la pratica clinica
Michele TANSELLA
Honorary Senior Adviser, WHO
Collaborating Centre for Research
and Training in Mental Health
and Service Evaluation,
University of Verona, Italy
12.00 CHIESA E PSICHIATRIA
I malati psichici e le loro famiglie
interrogano la comunità ecclesiale
Marco FABELLO, OH
direttore generale Irccs, Centro
San Giovanni di Dio di Brescia
12.00 Interventi in sala
Moderano:
Daniel CABEZAS GOMEZ
Rosaria PIOLI
13.00 Conclusioni, proposte e prospettive
Don Carmine ARICE
Mons. Francesco SODDU
direttore di Caritas Italiana
Con la consulenza scientifica di:
Daniel CABEZA GOMES, psichiatra, consultore del Pontificio Consiglio per gli Operatori
Sanitari, già Ambasciatore della Bolivia presso la Santa Sede
Francesco MARSICO, responsabile dell’Area nazionale di Caritas italiana, membro della
Commissione di indagine sulla esclusione sociale del Ministero del Lavoro e delle Politiche
sociali
Rosaria PIOLI, dirigente dell’unità operativa di psichiatria Irccs, Centro San Giovanni di Dio
Brescia
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
8
Comunicazioni e Documenti
ELENCO DEI PIÙ RECENTI
COMUNICATI STAMPA DI CARITAS ITALIANA
CS 18 | 11 luglio 2014
IL BILANCIO DELLA CRISI. LE POLITICHE CONTRO LA POVERTÀ IN ITALIA
Analisi, approfondimenti, scenari futuri nel Rapporto presentato oggi da Caritas
Italiana e consegnato al ministro Giuliano Poletti e disponibile on line su www.caritas.it
CS congiunto | 27 giugno 2014
TUTELIAMO I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI
Appello dei principali organismi che promuovono i diritti dei minori migranti
CS 17 | 24 giugno 2014
IRAQ: APPELLI ALLA PACE E AIUTI CONCRETI
L’intervento Caritas per questa nuova emergenza, nel martoriato Medio Oriente
CS congiunto | 23 giugno 2014
BILANCIO E NUOVI INTERVENTI DELLA CARITAS PER LE FAMIGLIE ALLUVIONATE
Conferenza stampa Caritas Italiana e Delegazione regionale Caritas della Sardegna
CS 16 | 19 giugno 2014
PROTEGGIAMO IL NOSTRO FUTURO
Rifugiati: i diritti chiedono asilo. Alla vigilia della Giornata mondiale del Rifugiato, dalle
Caritas del Mediterraneo un appello per canali sicuri di ingresso legale dei migranti in
Europa
CS 15 | 18 giugno 2014
CARITAS: CONCLUSI I LAVORI DI PRESIDENZA E CONSIGLIO NAZIONALE
CS congiunto | 27 maggio 2014
PRESENTAZIONE AUDIOLIBRO SU TESTI DI LA PIRA “IPOTESI DI LAVORO”
Il 28 maggio alle ore 11.30 a Firenze, Sala Teatina
CS 14 | 20 maggio 2014
IL COSTANTE IMPEGNO CARITAS ACCANTO ALLE COMUNITÀ COLPITE
Un bilancio a due anni dal terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna, con effetti anche
in Lombardia e Veneto
TUTTI I COMUNICATI IN VERSIONE INTEGRALE SU www.caritas.it
Per ulteriori informazioni: Ufficio Comunicazione,
tel. 06 66177 226 / 502 – e-mail [email protected]
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
9
Comunicazioni e Documenti
COMUNICAZIONI SUL SERVIZIO CIVILE
PRESENTAZIONE NUOVI PROGETTI
Il 16 giugno il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha pubblicato l’“Avviso” col quale vengono stabiliti ufficialmente i tempi di presentazione dei
progetti. Gli enti accreditati hanno tempo fino alle ore 14.00 del 31 luglio 2014 per
presentare progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in Italia e all’estero, «al
cui finanziamento sono destinate le risorse relative agli anni 2014 e 2015, secondo
quanto previsto nel Documento di Programmazione Finanziaria per l’anno 2014.
Nello stesso periodo gli enti sopra richiamati possono altresì presentare progetti di
servizio civile nazionale per l’attuazione del programma Garanzia giovani, finanziati
con fondi comunitari».
Per meglio comprendere quest’ultima previsione, si consiglia la lettura completa
dell’“Avviso” del 16 giugno (www.serviziocivile.gov.it/smartFiles_Data/58b6131800b2-4a8d-bd56-f28d3dde2db9_16%20GIUGNO%2014_AVVISOBANDO.pdf) e delle
successive integrazioni.
Si ricorda che nell’Area riservata del sito www.caritas.it (Servizio civile e obiezione di
coscienza > Progettazione) sono stati inseriti alcuni i materiali utili alla redazione dei
progetti che dovranno essere raccolti a livello regionale e inseriti in Helios almeno
una decina di giorni prima della scadenza del termine per consentire all’Ufficio
Servizio civile di Caritas Italiana di fare i consueti controlli e presentare formalmente
l’istanza.
LA CNESC E LA RIFORMA DEL SERVIZIO CIVILE
Il Consiglio dei ministri del 10 luglio ha approvato un disegno di legge delega per la
riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile
universale.
La Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile ha emanato il seguente comunicato
stampa:
«“La Cnesc esprime una decisa soddisfazione per l’approvazione da parte del
Consiglio dei Ministri della legge di delega al Governo per la riforma del Terzo
Settore, in particolare per la parte che riguarda la disciplina del “Servizio Civile
Universale” dichiara il presidente Licio Palazzini. “Apprezziamo in primo luogo la prospettiva che si apre di favorire fra tutti i giovani la partecipazione al Servizio Civile,
un’esperienza che somma la dimensione individuale educativa e partecipativa a quella istituzionale di contributo diretto alla coesione sociale e alla difesa non armata e
non violenta della Patria, facendogli finalmente acquisire il carattere universale e
volontario per i quali ci siamo battuti”.
“In secondo luogo perché dà nuovamente all’Italia il ruolo di leader in Europa per la
valorizzazione del servizio civile come prezioso strumento di costruzione della
dimensione europea della nostra cittadinanza, che reagisce ai nazionalismi e indirizza a scopi positivi le grandi risorse giovanili oggi compresse e sprecate”.

informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
10
Comunicazioni e Documenti Comunicazioni sul servizio civile
“Abbiamo la preziosa opportunità di proporre agli altri Stati e ai giovani europei –
durante il semestre di Presidenza dell’Unione e in maniera credibile – la prospettiva
del servizio civile europeo”.
“Siamo consapevoli che il percorso per il Scu è solo agli inizi e che potrebbero esserci discussioni e disaccordi su temi organizzativi o economici anche rilevanti ma diamo
atto a questo Governo, al Presidente del Consiglio, ai Ministri e al Sottosegretario
delegato che hanno elaborato il testo di aver collocato il Scu fra le istituzioni basilari
della società italiana, raccogliendo l’impostazione di fondo che avevamo proposto
con il Servizio Civile per ‘tutti quelli che chiedono di farlo’”.
Al testo della legge delega hanno contribuito, assieme ai parlamentari che ringraziamo, le proposte di organizzazioni come la Cnesc – che da anni opera per la promozione di un servizio civile qualificato – fatte attraverso la partecipazione alla fase di
consultazione lanciata lo scorso 13 maggio. “In coerenza con questo impianto e per
accorciarne la necessaria fase transitoria dall’attuale Servizio Civile Nazionale chiediamo al Governo – conclude Palazzini – che già nella legge di stabilità 2015 si passi
da 77 milioni a 200 milioni”».
Info: www.esseciblog.it
GLI ATTI DEL CONVEGNO DI PADOVA
Sul sito del Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova sono disponibili le registrazioni audio del Convegno nazionale Dal progetto “Caschi bianchi oltre
le vendette” ai Corpi civili di pace, svoltosi a Padova lo scorso 8 luglio e che ha visto
la presenza, tra gli altri, del sottosegretario con delega al servizio civile on. Luigi
Bobba.
L’iniziativa è stata promossa congiuntamente dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani
e dal Servizio Valorizzazione del Personale dell’Università di Padova, dall’Associazione
Comunità Papa Giovanni XXIII, dalla Caritas Italiana e dalla Focsiv, in collaborazione
con la Cnesc.
Info: http://unipd-centrodirittiumani.it/it/raccolte-audio/Dal-progetto-Caschi-bianchi-oltre-le-vendette-ai-Corpi-civili-di-pace-Universita-di-Padova-8-luglio-2014/54
ELEZIONE DEI DELEGATI REGIONALI
Sul sito www.serviziocivile.gov.it è stato pubblicato l’elenco dei candidati a delegato
regionale. Il periodo compreso tra il 9 giugno e il 18 luglio sarà dedicato alla campagna elettorale. In questa fase i candidati potranno presentare il proprio programma
elettorale nell’apposito spazio messo a disposizione nell’area riservata ai volontari
del sito del Dipartimento.
Inoltre, gli Uffici regionali del Servizio civile nazionale in collaborazione con i rappresentanti regionali dei volontari, potranno organizzare delle assemblee finalizzate alla
presentazione dei candidati e dei loro rispettivi programmi.
Per ulteriori informazioni: Ufficio Servizio civile,
tel. 06 66177 265 / 267 / 423 – e-mail [email protected]
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
11
Comunicazioni e Documenti
ppunti
UN BANDO PER I ROM
Il Dipartimento Pari Opportunità – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (Unar) promuove il “Programma sperimentale di intervento per la promozione dell’inserimento lavorativo di soggetti discriminati e svantaggiati” – Progetto DJ – Diversity on the job, finanziato
con fondi a valere sul Pon Governance e Azioni di Sistema 2007-2013 – Obiettivo
Convergenza.
Il programma è attuato da Italia lavoro e mira a realizzare obiettivi di capacity building nei
confronti dell’associazionismo non economico e di empowerment nei confronti dei target a
forte rischio di esclusione sociale. È finalizzato infatti alla creazione di reti territoriali integrate di supporto all’inclusione socio-lavorativa rivolte a soggetti vittima di discriminazione
e marginalizzazione sociale e lavorativa attraverso il coinvolgimento di associazioni e stakeholder localizzati nelle 4 regioni Ob. Convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia),
espressione dei target oggetto dell’intervento, al fine di creare le condizioni per qualificare
queste ultime nel campo della intermediazione lavorativa, mediante apposite azioni di
capacity building.
Inoltre il programma mira a promuovere l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e
a forte rischio di discriminazione, attraverso servizi di orientamento e coaching e la realizzazione di tirocini della durata di tre mesi nelle regioni Ob. Convergenza. Si intendono realizzare 246 percorsi che prevedono sia l’erogazione di un contributo ai soggetti attuatori che
una indennità di frequenza ai destinatari per la partecipazione al percorso.
I destinatari dei tirocini sono:
Linea 1: soggetti appartenenti alle categorie a rischio di discriminazione per orientamento
sessuale e identità di genere, anche con riguardo a soggetti a rischio di discriminazione multipla, residenti nelle quattro Regioni Obiettivo Convergenza: Calabria, Campania, Puglia e
Sicilia.
Linea 2: soggetti appartenenti a Comunità Rom, Sinti e Caminanti (RSC) residenti nelle quattro Regioni Obiettivo Convergenza Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con particolare riferimento alla popolazione femminile e alla popolazione giovanile disoccupata di lungo periodo e a forte rischio di esclusione sociale.
Le domande devono essere presentate entro e non oltre le ore 13.00 del 31/07/2014.
Info: www.retepariopportunita.it/DefaultDesktop.aspx?doc=4417
LA SALUTE DEGLI ITALIANI
Il 10 luglio si è svolto a Roma il convegno di presentazione dei risultati dell’Indagine Istat
sulle Condizioni di salute e il ricorso ai servizi sanitari – 2013.
Secondo l’indagine, rispetto al 2005 diminuiscono malattie respiratorie croniche e artrosi –
la popolazione che invecchia proviene da esperienze di vita sempre più sane – mentre
aumentano tumori maligni, Alzheimer e demenze senili anche perché c'è maggiore capacità di riconoscere le malattie. Migliora lo stato di salute fisico, peggiora quello mentale
rispetto al 2005: quest’ultimo diminuisce in media di 1,6 punti (71,8 controllato per età), in
particolare tra i giovani fino ai 34 anni (-2,7 punti), soprattutto maschi, e tra gli adulti di 4554 anni (-2,6). Un calo ancora più rilevante si registra nell’indice di salute mentale delle persone straniere residenti in Italia; l’indice si riduce in media di 4,7 punti, ma tra le donne
straniere la diminuzione è di 5,4 punti. La depressione è il problema di salute mentale più

informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
12
Comunicazioni e Documenti Appunti (notiziario)
diffuso e il più sensibile all’impatto della crisi: riguarda circa 2,6 milioni di individui (4,3%),
con prevalenze doppie tra le donne rispetto agli uomini in tutte le fasce di età.
Il report completo è disponibile all’indirizzo: www.istat.it/it/archivio/128176
I DATI SULLA POVERTÀ IN ITALIA
Il 14 luglio l’Istat ha diramato i dati aggiornati sulla povertà, assoluta e relativa, nel nostro
Paese, riferiti al 2013.
Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28 mila). Le persone in povertà relativa sono il 16,6% della popolazione (10 milioni 48 mila persone), quelle in povertà assoluta il 9,9% (6 milioni 20 mila). Tra il 2012 e il 2013, l’incidenza di povertà relativa tra le
famiglie è stabile (dal 12,7 al 12,6%) in tutte le ripartizioni territoriali. L’incidenza di povertà
assoluta è aumentata dal 6,8% al 7,9% (per effetto dell’aumento nel Mezzogiorno, dal 9,8 al
12,6%), coinvolgendo circa 303 mila famiglie e 1 milione 206 mila persone in più rispetto
all’anno precedente.
Il report completo è disponibile all’indirizzo: www.istat.it/it/archivio/128371
PRODOTTI ALIMENTARI PER INDIGENTI
Come è noto, con la legge di stabilità 2014, il Parlamento ha fissato in 10 milioni di euro il
finanziamento, per quest’anno, del “Fondo per la distribuzione di derrate alimentari alle
persone indigenti” creato con la legge n. 83/2012.
L’Agea (che è l’Organismo Pagatore) ha emanato due bandi di gara comunitaria per la fornitura di a) pasta di semola di grano duro e b) farina tipo “00” da distribuire per il tramite degli
organismi caritativi riconosciuti (cfr. informacaritas n. 12 – 1 luglio 2014).
È in via di definizione, inoltre, un “Programma Operativo sugli aiuti alimentari e l’assistenza
materiale” elaborato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali secondo il nuovo
“Fondo di Aiuti Europei agli Indigenti” (Fead) per il periodo 2014-2020, in continuità con il
programma Pead terminato lo scorso 31 dicembre.
Le forniture sopra citate saranno consegnate con la seguente tempistica: farina dal 1° ottobre 2014 al 31 dicembre 2014; pasta dal 1° ottobre 2014 al 31 gennaio 2015.
Gli Organismi caritativi riconosciuti dall’Agea ai fini dell’ottenimento dei prodotti alimentari
destinati agli indigenti sono quelli iscritti nell’apposito Albo istituito presso l’Agea. Gli Enti
caritativi capofila che possono presentare domanda per la pasta e la farina sono esclusivamente quelli che avevano già presentato domanda per il programma 2013.
Info: www.agea.gov.it
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
13
Comunicazioni e Documenti
MICROPROGETTI DI SVILUPPO
A SOSTEGNO DELLE POPOLAZIONI DI: AFRICA; AMERICA LATINA; ASIA E OCEANIA;
MEDIO ORIENTE, NORD AFRICA E CORNO D’AFRICA; EUROPA
Lista n. 4/14  Luglio 2014
AFRICA
MALAWI > Conservazione del cibo per la scuola
d’infanzia di Benga
Nella piccola cittadina di Benga, al centro del
Malawi, la nuova parrocchia di Maria Madre della
Chiesa ha aperto un asilo che ospita attualmente
100 bambini. Per garantire una corretta alimentazione dei piccoli, la direzione della scuola ha allestito un locale a dispensa per conservare e trattare correttamente il cibo. Il MicroProgetto prevede
l’acquisto di attrezzature per la dispensa e un
corso di economia domestica per almeno 80
mamme.
Causale: “MP 66/14 MALAWI”
Costo: € 4.000
TOGO > Motozappa per i risicoltori di Kpélé
Nella prefettura di Kpélé, Togo meridionale, si coltiva prevalentemente il riso. Il MicroProgetto prevede l’acquisto di una motozappa con rimorchio.
A beneficiarne saranno una cooperativa di risicoltori (circa 149 membri, di cui 90 donne) e una
cooperativa di orticoltori (circa 33 membri) appartenenti a 3 diversi villaggi: Adéta, Govié e Tutu. La
motozappa permetterà agli agricoltori di ottimizzare il lavoro e aumentare la produttività dei
campi.
Causale: “MP 67/14 TOGO”
Costo: € 4.900
UGANDA > Quindici MicroProgetti di sviluppo
per le comunità rurali
La Caritas nazionale dell’Uganda ha chiesto a
Caritas Italiana di sostenere, per l’anno 2014, 20
MicroProgetti di sviluppo in ambito sanitario, agricolo, idrico, lavorativo, per un ammontare complessivo di euro 60.000. L’Uganda si trova al 161°
posto su 187 Paesi, presi in esame nel 2013 dal
Rapporto sullo sviluppo umano delle Nazioni
Unite. Presenta numerose zone rurali e fasce di
popolazione in difficile situazione economica e
sociale. Ha un reddito annuo pro capite di circa
400 euro.
Causale: “MicroPVS UGANDA”
Costo medio di un MicroProgetto: € 3.000
AMERICA LATINA
HONDURAS > Microimprese per calzolai e sarti
A Tegucigalpa, capitale dell’Honduras, l’associazione “Dokita” si è fatta promotrice del rinnovamento dei macchinari per garantire a 25 microimprenditori, appartenenti a un’associazione di
calzolai e sarti, una maggiore efficienza nel lavoro
e aumentare i guadagni di ogni membro. Il
MicroProgetto prevede l’acquisto di una macchina
per cucire industriale.
Causale: “MP 69/14 HONDURAS”
Costo: € 4.000
PERÙ > Acqua potabile per la comunità campesina di Pashpa
Pashpa e Watzapampa sono due villaggi di campesinos situati nella zona centrale del Perù a
3.500 metri sul livello del mare. Il MicroProgetto
prevede l'acquisto di tubi e accessori per
costruire un acquedotto che rifornirà di acqua
potabile i due villaggi. L'acqua arriverà dalla
laguna di Cochapampa a circa 70 km dal villaggio e verrà accumulata in un serbatoio, per
interrompere la pressione, e da lì distribuita
nelle case. A beneficiarne saranno i 1.200 abitanti dei villaggi che parteciperanno al costo del
MicroProgetto fornendo gratuitamente la loro
manodopera.
Causale: “MP 59/14 PERÙ”
Costo: € 5.000

informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
14
Comunicazioni e Documenti MicroProgetti di sviluppo
ASIA
INDIA > Formazione per il reinserimento di detenuti nella società
Lo stato di Sagar-Cantt si trova nell’area nord
dell’India. Il MicroProgetto prevede corsi di formazione per riparazioni di piccoli elettrodomestici e impianti di illuminazione, e l’acquisto del
materiale necessario per la formazione. I corsi
verranno tenuti da una organizzazione locale che
si occupa dei carcerati e del loro reinserimento
nella società. A beneficiarne saranno 150 detenuti della prigione centrale di Sagar, che hanno quasi
finito di scontare la propria pena.
Causale: “MP 42 /14 INDIA”
Costo: € 1.800
INDIA > La bicicletta per studiare
La parrocchia del Sacro Cuore a Bhaskararaopeta,
nello stato Indiano dell’Andhra Pradesh, raccoglie
8 villaggi e dispone di un’unica scuola superiore.
Molti studenti abbandonano la scuola, anche perché, non disponendo di un mezzo di trasporto,
devono percorrere a piedi chilometri per raggiungerla. Il MicroProgetto prevede l’acquisto di 50 biciclette per altrettanti ragazzi poveri, che permetterà
loro di raggiungere la scuola più facilmente.
Causale: “MP 72/14 INDIA”
Costo: € 2.350
PAKISTAN > Cucine a basso consumo
Il MicroProgetto prevede l’acquisto di 6 kit per
costruire cucine a legna con bassa dispersione di
fumi e di calore munite di sportelli e canne fumarie. Beneficiarie saranno 180 donne in 6 differenti
aree rurali della diocesi di Faisalabad (30 donne
per ogni area). Esse parteciperanno a un corso di
formazione per poter costruire una cucina chiusa
a legna che non disperda i fumi all’interno della
casa e trattenga il calore più a lungo, consumando
meno legna. I fumi dei fuochi aperti per la preparazione dei pasti dentro le case sono anche causa
di tumori e di numerose malattie degli occhi per le
donne.
Causale: “MP 73/14 PAKISTAN”
Costo: € 4.900
EUROPA
MONTENEGRO > Formazione per donne disoccupate a Kotor
La Caritas diocesana di Kotor si occupa da diversi anni di sostenere le donne che, per varie ragioni (vedove, paraplegiche, affette da sordità o
mutismo), non hanno lavoro. Il MicroProgetto
prevede l’acquisto di materiale per un corso qualificato di taglio e cucito. A beneficiarne saranno
14 donne che parteciperanno a un corso di sartoria di 40 giorni, all’interno di un atelier già esistente diretto da una sarta professionista. Dopo
il corso, che sarà riconosciuto dallo stato, le
donne potranno esercitare la professione di
sarta e migliorare la propria condizione sociale
ed economica.
Causale: “MP 74/14 MONTENEGRO”
Costo: € 4.900
Per ulteriori informazioni: Ufficio MicroProgetti, tel. 06 66177 255 / 228 – e-mail [email protected]
Per sostenere i MicroProgetti di Caritas Italiana, riportare nella causale il rispettivo codice (es.: “MP
37/14 NOME PAESE”). Si può versare il proprio contributo tramite:
 c/c postale n. 347013
 Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – IBAN: IT 29 U 05018 03200 000000011113
 UniCredit, via Taranto 49, Roma – IBAN: IT 88 U 02008 05206 000011063119
 Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma – IBAN: IT 06 A 03359 01600 100000012474
 Banco Posta, viale Europa 175, Roma – IBAN: IT 91 P 07601 03200 000000347013
 CartaSi (VISA e MasterCard) telefonando a Caritas Italiana, tel. 06 66177001, orario di ufficio
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
15
Pubblicazioni
RAPPORTO 2014 SULLE POLITICHE
CONTRO LA POVERTÀ IN ITALIA
Il bilancio della crisi
Dedicato alla valutazione delle politiche contro
la povertà assoluta, il presente Rapporto vuole
essere un contributo alla riflessione sulla efficacia delle forme istituzionali di contrasto alla
povertà.
L’ambizione del Rapporto – che si avvale di
contributi e apporti di soggetti sociali diversi
per tipologia e modalità di impegno – consiste
nell’essere uno strumento aperto, pronto ad
ampliare progressivamente il raggio della
valutazione includendovi anche i modelli
regionali, e nell’offrire un punto di vista che
sappia cogliere in che misura sono realizzabili
strategie di tipo nazionale, a partire dalle
dotazioni infrastrutturali dei diversi territori.
Le attuali 131 pagine del Rapporto, disponibile online su www.caritas.it, sono destinate a essere costantemente monitorate e
aggiornate.
Indice del Rapporto
INTRODUZIONE
don Francesco Soddu
1 | LA POVERTÀ IN ITALIA
Cristiano Gori
2 | LE SCELTE DI POLITICA SOCIALE
Nunzia De Capite
3 | COME CAMBIANO GLI INTERVENTI
DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ:
SOCIAL CARD A CONFRONTO
Lorenzo Usignoli
4 | LA SPERIMENTAZIONE DELLA NUOVA
SOCIAL CARD
ActionAid
5 | LA POVERTÀ ALIMENTARE: DAL PEAD AL FEAD
Francesco Marsico, Angela Frigo
6 | LE SCELTE DI POLITICA ECONOMICA
Massimo Baldini
7 | PROPOSTE DI RIFORMA A CONFRONTO
Lorenzo Usignoli, Francesco Marsico
8 | LE POLITICHE CONTRO LA POVERTÀ
IN ITALIA. UN BILANCIO
Cristiano Gori
9 | LE POLITICHE CONTRO LA POVERTÀ
IN ITALIA. GLI SCENARI FUTURI
Cristiano Gori
CONCLUSIONI | POVERTÀ OLTRE LA CRISI:
ACCOGLIENZA, ALLEANZE, ADVOCACY
Francesco Marsico
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
16
Pubblicazioni
PARROCCHIA E SOLIDARIETÀ FAMILIARE
PROFEZIA DI COMUNIONE
Promuovere gruppi di famiglie solidali nella comunità ecclesiale locale
di Marco Giordano
con i contributi di: don Paolo Gentili,
don Francesco Soddu, Francesco Belletti,
Marco Mazzi, Giovanni Paolo Ramonda,
Giuseppe Dardes, don Silvio Longobardi
prefazione di S.E. Mons. Domenico Sorrentino
Sussidio realizzato in collaborazione con:
Caritas Italiana, Ufficio Nazionale Cei per la
pastorale della famiglia, Forum delle Associazioni
Familiari, Federazione Progetto Famiglia
EDITRICE PUNTO FAMIGLIA
GIUGNO 2014
PAGINE 232 – € 12,00
La crisi economica che si trascina da anni ripropone con forza un’esigenza di solidarietà. Solidarietà
tra le persone. Solidarietà tra i gruppi sociali e tra
le nazioni.
Ma la solidarietà ha la sua culla in famiglia. E si
può moltiplicare e irrobustire se è vissuta in una
rete di famiglie. Questa la tesi del volume.
La pubblicazione si compone di sette capitoli e di
una parte dedicata a esperienze e approfondimenti di solidarietà familiare.
Al suo interno raccoglie una serie di contributi di
esperti di tematiche familiari e pastorali che pongono l’accento sulla crisi in cui versa l’istituto
familiare e sulla necessità di promuovere l’idea
della parrocchia come "famiglia di famiglie", una
comunità cioè in cui, attraverso il calore di piccole
comunità a misura d'uomo, si possa sfuggire
all’anonimato e alla condizione esclusivamente
celebrativa o burocratica.
Dalla prefazione di
S.E. Mons. Domenico Sorrentino, vescovo
di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino
«Si tende generalmente a pensare che chi ha famiglia ha una difficoltà in più. Di fronte alle problematiche economiche, soprattutto alla disoccupazione, ne esce scoraggiata la stessa voglia di
metter su famiglia. Ma è solo un lato della medaglia. È vero anche che, in tante situazioni, la famiglia ben costituita e ispirata a sentimenti di amore
fraterno aiuta ad affrontare le asprezze della crisi.
Questo vale ancor più se essa si apre ad altre famiglie, generando una rete di solidarietà familiare».
IL VOLUME SARÀ PRESTO INVIATO A TUTTE LE CARITAS DIOCESANE. Per ulteriori informazioni:
Ufficio Solidarietà sociale, tel. 06 66177419– e-mail [email protected]
informacaritas – Anno XXIII – Numero 13 – 15 luglio 2014
17