scarica la scheda libro

Commenti

Transcript

scarica la scheda libro
libro, The Golden spruce.
Dati il famoso stoicismo e la reticenza degli abitanti del Primorje,
come hai fatto a suscitare una tale franchezza e testimonianze così
sorprendentemente introspettive?
Sono stato davvero sorpreso di come le persone fossero disposte – e
anche ansiose – di parlare con noi. Penso che ci fossero due ragioni
per questo: in primo luogo, il mio traduttore canadese era incredibile;
era un po' come una chiave magica in quella cultura. In qualche modo,
era in grado di mettere le persone a proprio agio quasi immediatamente. Una volta che ci eravamo seduti, la gente poteva vedere che avevamo fatto il nostro dovere e che ci stavamo avvicinando alla storia – e a
loro – in modo serio, equanime. In secondo luogo, questa era una situazione assolutamente disperata – probabilmente la serie più traumatica di eventi nella vita già difficile degli abitanti, e alcuni di loro avevano
sopportato il peso di questo da soli, per lungo tempo. Ci può essere
stato qualche sollievo nel consegnarlo fuori, ad altri. Almeno lo spero.
Markov
Trush
John Vaillant è un giornalista, autore di saggistica e reportage
per National Geographic, The New Yorker e The Atlantic . È nato a
Cambridge (Massachusetts). Ha vissuto a Vancouver per tredici anni.
Il suo primo libro, The Golden spruce (2005), racconta dell’abbattimento
di un albero di abete rosso che cresceva sulle rive del fiume Yakoun,
nell'arcipelago di Haida Gwaii, nella Columbia britannica. L’abete aveva
una rara mutazione genetica che causava il colore dorato dei suoi aghi.
Per la prima volta autore, Vaillant, che originariamente aveva già scritto
della morte dell'abete in un articolo per il New Yorker, fa il profilo del
colpevole, un messianico ambientalista che aveva abbattuto il famoso
albero - l'unico del suo genere - per protestare contro la distruzione
della foresta della Columbia britannica. Nel libro, Vaillant esplora anche
la cultura e la storia degli indiani Haida che veneravano questo albero,
scrivendo in uno stile vigoroso, evocativo. Vaillant ritrae il Pacifico nordoccidentale come una regione di conflitto e violenza, partendo dalle
battaglie tra europei e indiani intorno al commercio di lontra del XVIII
secolo. La zona è ancora, a suo dire, una terra di risorse naturali virtualmente infinite, surclassata da un ancora maggiore rapacità umana.
Attraverso questa storia archetipica Vaillant dipinge per la prima volta
un ritratto inquietante di relazione controversa dell'uomo con la natura.
È in fondo lo stesso tema presente nel suo lavoro del 2010, La tigre.
Una storia vera di vendetta e sopravvivenza. Il libro tratta infatti il caso
di una tigre mangia-uomini accaduto negli anni novanta nel Kraj Primorskij, l’estremo orientale della Russia, dove vivono la maggior parte delle
tigri di Amur del mondo. È una miscela di giornalismo investigativo, storia sociale, geografia e storia naturale. John Vaillant - giornalista e autore di reportage per National Geographic, The New Yorker e The Atlantic - ci guida sulle orme di una creatura meravigliosa e pericolosissima, e ci conduce alla scoperta di una terra incontaminata, dove mito e
natura possono ancora convivere.
Una tigre cinge d'assedio uno sperduto villaggio dell'estremo oriente
russo. Ha già ucciso, e lo ha fatto con una tale spietata violenza che
sembra guidata da un umanissimo desiderio di vendetta.
Una mattina, dunque, Jurij Trush, un veterano dell'esercito sovietico ora
a capo dell'Ispettorato Tigre, riceve una chiamata allarmante: un uomo,
Vladimir Markov, più volte sospettato di bracconaggio, è stato assalito
nei dintorni di Sobolonje, piccola comunità di tagliaboschi nel cuore della foresta. Siamo nell'estremo oriente siberiano, non lontani dal confine
cinese: il Primorje è una prova generale di inferno nascosta sotto la
superficie di uno dei territori più belli e affascinanti del globo. Ed è anche l'ultimo santuario della tigre dell'Amur.
Quando Trush giunge sul luogo dell'aggressione scopre che, malgrado
gli oltre trenta gradi sotto zero, la neve si è sciolta completamente: al
centro del cerchio scuro di sangue sono posate una mano mozza e una
testa senza volto. Più in là ricominciano le impronte, dirette verso il bosco. La tigre è ancora lì, da qualche parte, in silenzio.
Inizia così il racconto di un'incredibile e spaventosa caccia alla tigre, dei
giorni passati nella foresta e nella tundra siberiane sotto la perenne minaccia della belva, delle gesta dell'animale che arriverà ad assediare
l'intero villaggio, e dell'uomo destinato ad affrontarla.
Come in un vero e proprio giallo, prima che possa colpire ancora, Trush
si metterà sulle tracce dell'animale tra tundra e foreste gelate, in una
caccia affascinante e difficilissima in cui i ruoli dell'inseguitore e dell'inseguito si confondono «perché la fame che le tigri hanno degli uomini è
nulla in confronto alla fame che gli uomini hanno delle tigri».
Una storia vera, spaventosa ed estrema, un'avventura di sfida e ossessione che il New York Times ha paragonato a Moby Dick.
Con la voce dell’autore
Quando hai pensato per la prima volta a questa storia?
Nel 2005, un regista britannico di nome Sasha Snow fece un documentario di un'ora su questi eventi, intitolandolo "Conflict Tiger". Mi è capitato di vedere questo film a un festival, e sono stato veramente impressionato. Il film mi ha anche lasciato con molte domande in sospeso così,
appena arrivato a casa, ho chiamato Snow; mi ha dato alcuni buoni
consigli e incoraggiamenti, e, non appena ho ricevuto il mio visto, mi
sono diretto verso l'Estremo Oriente Da allora, Sasha Snow e io siamo
diventati amici. Infatti, è ora al lavoro su un documentario del mio primo