Università degli Studi di Udine 1 (Affisso all`Albo Ufficiale dell

Commenti

Transcript

Università degli Studi di Udine 1 (Affisso all`Albo Ufficiale dell
Università degli Studi di Udine
(Affisso all’Albo Ufficiale dell’Università degli Studi di Udine in data 17.01.2011)
DECRETO RETTORALE
N. 880
Del 29.12.2010
Prot. 27091
Tit. VII cl I fasc.
OGGETTO: Avviso di selezione pubblica, per titoli e colloquio, per il reclutamento di un
contrattista con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato per il settore
scientifico-disciplinare ING-IND/08 presso il Dipartimento di Energetica e
Macchine
IL RETTORE
VISTA
la legge 7 agosto 1990 n. 241 concernente le nuove norme sull'accesso ai documenti
amministrativi e successive modifiche e integrazioni;
VISTA
la legge 10 aprile 1991, n. 125;
VISTO
il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa, emanato con D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 30 del 20.02.2001;
VISTA
la deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 28 novembre 2002 che ha stabilito un
versamento a carico del candidato a parziale ristoro delle spese di segreteria, determinando gli
importi;
VISTA
la deliberazione del Senato Accademico del 12 gennaio 2005 avente ad oggetto: “Procedure
concorsuali: restituzione di documentazione”;
VISTA
la legge 4.11.2005, n. 230, art. 1, comma 14;
VISTO
il Decreto Interministeriale 16.09.2009, prot. N. 94/2009;
VISTO
il Regolamento recante modalità di espletamento delle procedure per il conferimento di
contratti di diritto privato a tempo determinato per attività di ricerca e di didattica, emanato
con decreto rettorale n. 457 del 28.07.2010;
VISTA
la legge 1/2009 art. 1, comma 1;
VISTA
la Carta Europea dei Ricercatori;
VISTO
il Codice di condotta per il reclutamento dei ricercatori;
VISTA
la delibera del Consiglio di Dipartimento di Energetica e Macchine del 27.10.2010 con cui si
chiede l’avvio della procedura di reclutamento di n. 1 ricercatore a tempo determinato per il
settore scientifico-disciplinare ING-IND/08 “Macchine a fluido”;
VISTE
le specifiche fornite con nota prot. 201000121 del 14.12.2010 dal Direttore del Dipartimento in
relazione alla procedura in oggetto;
PRESO ATTO che la copertura finanziaria è a carico del Dipartimento di Energetica e Macchine e grava sui
fondi dei progetti di ricerca dell’Area di Ricerca scientifica e tecnologica di Trieste (Piano
Energia ENERPLAN) e del “POS FESR Nautica” finanziato dalla Regione FVG, responsabile
scientifico prof. Piero Pinamonti;
VISTA
la delibera del Consiglio di Facoltà di Ingegneria del 14.12.2010 che esprime parere favorevole
all’attivazione della procedura e stabilisce l’attività didattica integrativa;
VISTE
le deliberazioni autorizzative del Senato Accademico del 22.12.2010 e del Consiglio di
Amministrazione del 23.10.2010;
CONSIDERATO che le deliberazioni del Senato Accademico del 22.12.2010 e del Consiglio di
Amministrazione del 23.12.2010 definiscono i criteri richiamati dall’art. 6, comma 1, punto c),
dall’art. 7, comma 4, punto d) e art. 15, commi 1 e 2 del Regolamento emanato con decreto
RIPARTIZIONE PERSONALE
1
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
Università degli Studi di Udine
rettorale n. 457 del 28.07.2010 validi per la presente procedura e per il rapporto di lavoro ad
essa conseguente;
ACCERTATA l’opportunità di far fronte alla necessità di coprire tale posto dando immediatamente corso
all’emanazione del bando,
DECRETA
Articolo 1
E’ indetta una selezione pubblica per titoli e colloquio, mediante valutazione comparativa, per il
reclutamento di un contrattista con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato per attività di
ricerca e di didattica integrativa sulla base delle seguenti specifiche:
Dipartimento:
Dipartimento di Energetica e Macchine
Settore scientifico-disciplinare: ING-IND/08 Macchine a Fluido
Programma di ricerca:
progetti di ricerca dell’Area di Ricerca scientifica e tecnologica di
Trieste (Piano Energia ENERPLAN) e del “POS FESR Nautica”
finanziato dalla Regione FVG (allegato E)
Responsabile:
prof. Piero Pinamonti
Attività didattica integrativa:
80 ore/anno di esercitazioni ed assistenza agli esami nell’ambito
dei corsi di: Macchine I e 2 (corso di laurea in Ingegneria
Meccanica), Progetto di macchine (corso di laurea magistrale in
Ingegneria Meccanica) e Macchine (corso di laurea in Ingegneria
Gestionale)
Durata del contratto:
due anni con possibilità di rinnovo
Settori affini:
ING-IND/09
Articolo 2
Requisiti per l'ammissione alla valutazione comparativa
Sono ammessi a partecipare alla procedura i cittadini italiani e stranieri, in possesso di almeno uno dei
seguenti requisiti:
a) titolo di dottore di ricerca o equivalente, conseguito in Italia o all’estero;
b) laurea vecchio ordinamento (ante D.M. 509/99) in Ingegneria Meccanica o laurea
specialistica/magistrale (ex D.M. 509/99 e D.M. 270/04) nuovo ordinamento in Ingegneria Meccanica o
titolo accademico equivalente conseguito all’estero congiuntamente ad una elevata qualificazione scientifica
valutata dalla commissione giudicatrice;
c) studioso che abbia una elevata qualificazione scientifica.
La verifica del possesso dell’elevata qualificazione scientifica avviene da parte della Commissione
giudicatrice sulla base dei criteri elencati dall’art. 9, commi 3-4-5-6 del Regolamento recante modalità di
espletamento delle procedure per il conferimento di contratti di diritto privato a tempo determinato per
attività di ricerca e di didattica.
Non possono partecipare alle valutazioni comparative:
1) coloro che siano esclusi dal godimento dei diritti civili e politici;
2) coloro che siano stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una Pubblica Amministrazione per
persistente insufficiente rendimento;
3) coloro che siano stati dichiarati decaduti da altro impiego statale, ai sensi dell'articolo 127 lettera d) del
D.P.R. 10/1/1957, n.3.
RIPARTIZIONE PERSONALE
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
2
Università degli Studi di Udine
I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione
delle domande di ammissione alla procedura.
I candidati sono ammessi alla valutazione comparativa con riserva e l’esclusione dalla procedura per
mancanza dei requisiti prescritti è disposta con decreto motivato del Rettore, su indicazione della
commissione giudicatrice, e notificata all’interessato.
Questa Amministrazione garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l'accesso ed il
trattamento sul lavoro.
Articolo 3
Domanda di ammissione
La domanda di ammissione alla valutazione comparativa va redatta obbligatoriamente secondo lo schema
di cui all’allegato "A" per i candidati italiani – allegato “B” per i candidati stranieri, compilata in ogni sua
parte e debitamente sottoscritta, pena l’esclusione dalla procedura.
La domanda dovrà essere indirizzata all’Università degli Studi di Udine – Ripartizione Personale – Ufficio
Concorsi – Via Palladio 8, 33100 Udine.
La stessa potrà essere consegnata direttamente al Centro Gestione Documenti dell’Università (dal lunedì al
venerdì orario 9.00-13.00) o spedita a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine
perentorio, a pena di esclusione, di trenta giorni dalla pubblicazione del presente bando all’Albo Ufficiale di
Ateneo.
Qualora il termine di scadenza indicato cada in giorno festivo, la scadenza è rinviata al primo giorno feriale
utile.
La domanda di partecipazione si considera prodotta in tempo utile anche se spedita a mezzo
raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine indicato. A tal fine fa fede il timbro a data
dell’ufficio postale accettante.
Il candidato riconosciuto disabile deve specificare nella domanda l'ausilio necessario in relazione alla propria
disabilità, ai sensi della legge 05/02/1992, n.104.
Il candidato è tenuto a versare un contributo pari a € 20 sul conto corrente n. 000024683880 (ABI 07601
CAB 12300 CIN X PAESE IT CHECK DIGIT 30) presso Poste Italiane, intestato all’Università degli Studi di
Udine, o sul Conto corrente bancario
n. 000040469443 (ABI 02008 CAB 12310 CIN R IBAN
IT23R0200812310000040469443 BIC UNCRIT2BUN6) presso l’UNICREDIT BANCA Spa - Udine, intestato
all’Università degli Studi di Udine, indicando obbligatoriamente la causale: “Contributo per la selezione a
contrattista per il settore ING-IND/08 Dipartimento di Energetica e Macchine”.
La ricevuta del versamento deve essere allegata alla domanda di partecipazione.
L'Amministrazione universitaria non assume alcuna responsabilità per il caso di irreperibilità del destinatario
e per dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato o
da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda.
L'Amministrazione universitaria, inoltre, non assume alcuna responsabilità per eventuale mancato oppure
tardivo recapito delle comunicazioni relative al concorso per cause non imputabili con colpa grave
all'Amministrazione stessa ma a disguidi postali o telegrafici, a fatto di terzi, a caso fortuito o forza
maggiore.
Il candidato allega alla domanda:
1) fotocopia di documento di identità;
2) fotocopia del codice fiscale;
3) curriculum redatto in conformità all’allegato D del presente bando, sottoscritto con firma autografa
originale;
4) documenti, titoli e pubblicazioni che il candidato ritenga utili ai fini della selezione e relativo elenco
sottoscritto con firma autografa originale;
5) la ricevuta del versamento di € 20.
Il curriculum sarà prodotto anche su supporto magnetico (ad esempio CD) non modificabile in formato PDF
(Portable Document Format).
RIPARTIZIONE PERSONALE
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
3
Università degli Studi di Udine
I cittadini italiani e dell’Unione Europea possono:
- produrre i titoli in originale, in copia autenticata ovvero in copia dichiarata conforme all’originale mediante
dichiarazione sostitutiva, ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000, compilando l’allegato C;
- in alternativa, il possesso dei titoli sarà dimostrato tramite dichiarazione sostitutiva di certificazione o atto
di notorietà compilando il curriculum conformemente all’allegato D.
I cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea ma autorizzati a soggiornare in Italia ai sensi delle
disposizioni vigenti possono avvalersi delle dichiarazioni sostitutive, ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR
445/2000, limitatamente ai casi in cui siano da comprovare stati, fatti e qualità personali certificabili o
attestabili da parte di soggetti pubblici italiani, fatte salve le disposizioni che prevedono l’esibizione o la
produzione di specifici documenti e l’applicazione delle convenzioni internazionali.
I cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea e non autorizzati a soggiornare in Italia
documentano stati, fatti e qualità personali mediante certificati o attestazioni rilasciati dalla competente
autorità dello Stato estero.
Tali documenti vanno legalizzati dalle rappresentanze diplomatiche o consolari italiane all’estero nonché,
qualora redatti in lingua straniera, recare una traduzione in lingua italiana certificata conforme al testo
straniero dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale.
Qualora l’oggetto della dichiarazione sostitutiva non risulti ben identificato per la natura, la durata, la
collocazione temporale e per l’ente interessato, la Commissione giudicatrice potrà non tenerne conto.
Non verranno prese in considerazione le domande che non perverranno nel termine stabilito dal bando, né
sarà ammessa alcuna integrazione documentale.
Articolo 4
Pubblicazioni
Il candidato può produrre le pubblicazioni, compresa la tesi di dottorato, in originale, oppure dichiarando
che la copia è conforme mediante la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, compilando l’allegato
“C”.
Nelle pubblicazioni deve risultare l'anno e il luogo di pubblicazione.
Saranno prese in considerazione esclusivamente pubblicazioni o testi accettati per la pubblicazione secondo
le norme vigenti nonché saggi inseriti in opere collettanee e articoli editi su riviste in formato cartaceo o
digitale con l'esclusione di note interne o rapporti dipartimentali.
Per i lavori stampati in Italia devono essere adempiuti gli obblighi di deposito previsti dalla legge 14.4.2004,
n. 106. L’assolvimento di tali obblighi deve essere certificato da idonea documentazione oppure da
dichiarazione sostitutiva (allegato C) da allegare alla domanda.
Articolo 5
Commissione giudicatrice
La Commissione giudicatrice è così composta:
- Prof. Piero Pinamonti
- Professore ordinario Università di Udine – ssd ING-IND/09
- Prof. Diego Micheli
- Professore ordinario Università di Trieste – ssd ING-IND/08
- Prof. Giovanna Barigozzi
- Professore associato Università di Bergamo – ssd ING-IND/09
Eventuali istanze di ricusazione di uno o più componenti della Commissione giudicatrice da parte dei
candidati devono essere proposte al Rettore nel termine perentorio di trenta giorni dalla pubblicazione
nell’albo ufficiale del presente avviso di selezione. Decorso tale termine e comunque dopo l'insediamento
della commissione non sono ammesse istanze di ricusazione dei commissari.
RIPARTIZIONE PERSONALE
4
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
Università degli Studi di Udine
Articolo 6
Valutazione titoli e prove
La valutazione comparativa avviene per titoli, pubblicazioni e colloquio orale.
Il punteggio massimo attribuito a titoli, pubblicazioni e colloquio è pari a 100, così ripartito:
- titoli
20 punti
- pubblicazioni 30 punti
- colloquio
50 punti
E’ richiesta la conoscenza della lingua inglese.
I criteri per la valutazione dei titoli e delle pubblicazioni, con riferimento, ove possibile, anche a parametri
riconosciuti in ambito internazionale, sono i seguenti:
a) soddisfacimento dei requisiti relativi agli indicatori di attività scientifica e di ricerca dell’Area di
riferimento proposti dal Consiglio Universitario Nazionale;
b) rigore metodologico, originalità, innovatività e importanza di ciascuna pubblicazione scientifica;
c) congruenza di ciascuna pubblicazione con il SSD per il quale è bandita la procedura, ovvero con
tematiche interdisciplinari ad esso correlate;
d) rilevanza scientifica della collocazione editoriale di ciascuna pubblicazione e sua diffusione all'interno
della comunità scientifica, considerando come elementi qualificanti la pubblicazione in extenso e il
carattere monografico, così come la diffusione internazionale e la presenza di "peer reviewing", ove
rilevanti per il SSD di riferimento;
e) determinazione analitica, anche sulla base di criteri riconosciuti nella comunità scientifica di riferimento,
dell’apporto individuale del candidato nel caso di partecipazione del medesimo a lavori in collaborazione.
La Commissione giudicatrice valuterà la consistenza complessiva della produzione scientifica del candidato,
l’intensità e la continuità temporale della stessa, fatti salvi i periodi, adeguatamente documentati di
allontanamento non volontario dell’attività di ricerca.
Nell’ambito dei SSD in cui ne è riconosciuto l’uso a livello internazionale la Commissione giudicatrice, nel
valutare le pubblicazioni, si avvale anche dei seguenti indici:
a) numero totale delle citazioni;
b) numero medio di citazioni per pubblicazione;
c) "impact factor" totale;
d) "impact factor" medio per pubblicazione;
e) combinazioni dei precedenti parametri atte a valorizzare l'impatto della produzione scientifica del
candidato (indice di Hirsch o simili)
La commissione effettua analiticamente la valutazione comparativa dei titoli dei candidati sulla base dei
seguenti elementi debitamente documentati:
a) possesso del titolo di dottore di ricerca o equivalente, o del diploma di specializzazione conseguito in
Italia o all'estero;
b) svolgimento di attività didattica a livello universitario in Italia o all'estero;
c) prestazione di servizi di formazione e ricerca, anche con rapporto di lavoro a tempo determinato;
d) svolgimento di attività di ricerca, formalizzata da rapporti istituzionali, presso soggetti pubblici e privati
italiani e stranieri;
e) svolgimento di attività in campo clinico relativamente a quei settori scientifico-disciplinari in cui sono
richieste tali specifiche competenze;
f) realizzazione di attività progettuale relativamente a quei settori scientifico-disciplinari nei quali è
prevista;
g) organizzazione, direzione e coordinamento di gruppi di ricerca nazionali e internazionali;
h) titolarità di brevetti relativamente a quei settori scientifico-disciplinari nei quali è prevista;
i) partecipazione in qualità di relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali;
j) conseguimento di premi e riconoscimenti nazionali e internazionali per attività di ricerca.
RIPARTIZIONE PERSONALE
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
5
Università degli Studi di Udine
Il possesso del titolo di dottore di ricerca o del diploma di specializzazione ovvero l’espletamento di un
insegnamento universitario mediante contratto stipulato ai sensi del DM 242/1998 ovvero ai sensi dell’art.
1, comma 10, della L. 230/2005 costituiscono titoli preferenziali.
Dopo la valutazione dei titoli i candidati sostengono un colloquio.
Il colloquio è pubblico.
I candidati sono convocati mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno non meno di venti giorni
prima dello svolgimento della prova.
I criteri di valutazione del colloquio saranno pubblicati nel sito dell’Ateneo almeno 7 giorni prima dello
svolgimento dello stesso.
I candidati si presentano muniti di valido documento di identità o documento di riconoscimento
equipollente ai sensi dell’art. 35, comma 2 del D.P.R. 445/2000.
Al termine dei lavori la Commissione giudicatrice, sulla base dei giudizi individuali e collegiali formulati sui
titoli, sulle pubblicazioni e sul colloquio, con deliberazione assunta a maggioranza dei componenti, dichiara
il candidato vincitore e formula la graduatoria.
Articolo 7
Accertamento della regolarità degli atti
Il Rettore, entro trenta giorni dalla consegna degli atti della Commissione giudicatrice, dopo averne
accertato la regolarità formale, con proprio decreto approva gli stessi, la graduatoria finale e dichiara il
vincitore. Il decreto di approvazione atti, la relazione finale e la graduatoria finale sono resi pubblici all’Albo
ufficiale e nel sito web dell’Università degli Studi di Udine.
Alla graduatoria finale si può eventualmente attingere per la sostituzione del titolare solo in caso di
risoluzione anticipata del rapporto di lavoro.
Articolo 8
Restituzione dei documenti e delle pubblicazioni
La restituzione dei documenti e delle pubblicazioni allegati alla domanda avviene tramite invio postale al
candidato che ne abbia fatto richiesta, trascorsi 180 giorni dalla pubblicazione del decreto di approvazione
atti ed entro i successivi 30 giorni.
Le pubblicazioni presentate in originale di cui non sia stata richiesta la restituzione saranno inviate ai Centri
Interdipartimentali Bibliotecari al fine di fornire un’ulteriore fonte di accrescimento del patrimonio librario
dell’Ateneo.
Tutta la rimanente documentazione verrà eliminata secondo le disposizioni di legge.
Il candidato dovrà indicare all’atto della domanda se intende recuperare o meno la documentazione
presentata.
Articolo 9
Documenti richiesti per la stipula del contratto
Il vincitore della selezione riceve comunicazione del Rettore.
Il vincitore, se cittadino italiano o di altro Stato della Unione europea, pena la decadenza dal diritto alla
nomina, deve far pervenire la seguente documentazione entro il termine stabilito dall’Amministrazione:
1) Certificato medico rilasciato dall’Azienda Sanitaria Locale competente per territorio o dal medico di base,
da cui risulti l’idoneità fisica all’impiego. Tale certificato deve essere di data non anteriore a sei mesi dalla
data della comunicazione dell'esito del concorso.
2) Dichiarazione resa ai sensi del D.P.R. 445/2000, dalla quale risulti:
RIPARTIZIONE PERSONALE
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
6
Università degli Studi di Udine
a)
b)
c)
d)
godimento dei diritti civili e politici alla data di scadenza del bando;
carichi giudiziali pendenti alla data di scadenza del bando;
la composizione del nucleo familiare;
di non ricoprire altri impieghi alle dipendenze dello Stato, Enti locali, altre Amministrazioni pubbliche
né enti privati o, in caso affermativo, l'opzione per il nuovo impiego.
Per tutto il periodo di durata del contratto il vincitore, se dipendente delle amministrazioni statali è collocato
in aspettativa senza assegni né contribuzioni previdenziali, ovvero in posizione di fuori ruolo nei casi in cui
tale posizione sia prevista dall’ordinamento di appartenenza, parimenti senza assegni né contributi
previdenziali.
Il vincitore, se non appartenente ad uno Stato dell’Unione europea, deve presentare nel termine stabilito
dall’Amministrazione, con le modalità previste dai commi 2, 3 e 4 dell’articolo 3 del D.P.R. 445/2000, pena
la decadenza al diritto alla nomina, i seguenti documenti:
1) Certificato di nascita.
2) Certificato equipollente al certificato generale del casellario giudiziale rilasciato dalla competente
Autorità dello Stato di cui il candidato straniero è cittadino. Il candidato straniero, se soggiorna
regolarmente in Italia ai sensi dell’art. 3 del D.P.R. 445/2000, oltre al certificato anzidetto deve
autocertificare anche la mancanza di condanne penali e di carichi pendenti.
3) Certificato medico rilasciato dall’Azienda Sanitaria Locale competente per territorio o dal medico di base,
da cui risulti l’idoneità fisica all’impiego.
4) Certificato attestante la cittadinanza.
5) Certificato attestante il godimento dei diritti civili e politici alla data di scadenza del bando.
I documenti di cui ai numeri 2), 3), 4) e 5) devono essere di data non anteriore a sei mesi dalla data di
comunicazione dell'esito del concorso.
I certificati rilasciati dalle competenti autorità dello Stato di cui il vincitore è cittadino vanno legalizzati dalle
rappresentanze diplomatiche o consolari italiane all’estero nonché, qualora redatti in lingua straniera,
recare una traduzione in lingua italiana certificata conforme al testo straniero dalla competente
rappresentanza diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale.
Articolo 10
Costituzione del rapporto di lavoro
Il candidato risultato vincitore sottoscrive un contratto di diritto privato di lavoro subordinato a tempo
determinato per attività di ricerca e di didattica integrativa.
L’ instaurazione del rapporto di lavoro è in ogni caso subordinata al rispetto dei limiti previsti dalla
normativa vigente in tema di assunzioni del personale.
La durata del contratto è di anni due con possibilità di rinnovo.
Il trattamento economico annuo lordo è pari a € 41.877,67 corrispondente al 120% del trattamento
economico iniziale del ricercatore universitario confermato a tempo pieno.
L’ impegno complessivo annuo è di 1.500 ore di lavoro, di cui 80 ore dedicate ad attività didattica
integrativa.
La titolarità di tale contratto non precostituisce diritto per l’accesso ai ruoli all’Università degli Studi di
Udine.
E’ previsto un periodo di prova di due mesi. Durante il periodo di prova ciascuna delle parti può recedere in
qualsiasi momento dal rapporto senza obbligo di preavviso, con effetto immediato dalla comunicazione alla
controparte.
La valutazione sull’attività svolta dal contrattista sarà effettuata dal Dipartimento interessato, sentita la
Facoltà per la parte di didattica integrativa, sulla base della relazione prodotta dal ricercatore e del parere
del responsabile del programma di ricerca.
RIPARTIZIONE PERSONALE
7
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
Università degli Studi di Udine
Qualora sia previsto l’eventuale rinnovo del rapporto, la valutazione relativa al secondo periodo sarà
effettuata entro tre mesi dalla data di scadenza del contratto, e ancora al termine del periodo di rinnovo,
qualora sia concesso.
La valutazione finale sarà deliberata dal Consiglio di Dipartimento entro il mese successivo alla cessazione
del rapporto contrattuale.
Nel caso in cui l’esito della verifica accerti inadempienze ai doveri scientifici e didattici, anche con
riferimento all’attuazione dei programmi di ricerca, tali da non consentire il proseguimento del contratto, è
consentito il recesso per giusta causa di cui all’art. 2119 del Codice Civile.
La titolarità del contratto è incompatibile con lo svolgimento del dottorato di ricerca, con la titolarità di
assegni di ricerca ex art. 51 della legge 27.12.1997 n. 449, di borse di studio e di ricerca nonché con la
titolarità di analoghi contratti a tempo determinato già stipulati presso questa o altre sedi universitarie.
Articolo 11
Trattamento dei dati personali
Ai sensi dell’art.13 del D.Lgs. 196/2003 si informa che il trattamento dei dati contenuti nelle domande di
partecipazione è finalizzato alla gestione della procedura di selezione, all’eventuale stipulazione del
contratto di lavoro subordinato e alla gestione del conseguente rapporto con l’Università. Il trattamento dei
dati avverrà con utilizzo di procedure informatiche ed archiviazione cartacea dei relativi atti. Le medesime
informazioni potranno essere comunicate unicamente alle Amministrazioni pubbliche direttamente
interessate alla posizione giuridico-economica del candidato risultato vincitore.
Si precisa, inoltre, la natura obbligatoria del conferimento dei dati e che, in caso di rifiuto a fornire gli
stessi, il candidato non sarà ammesso alla procedura.
I candidati godono dei diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 196/2003.
Il titolare del trattamento dati è la Prof. Cristiana Compagno, Rettore dell’Università degli Studi di Udine.
Il responsabile del trattamento dei dati personali è la Rag. Mara Pugnale, Capo Ripartizione Personale.
Articolo 12
Responsabile del procedimento
Responsabile del procedimento di selezione pubblica è la Dott. Silvia De Liddo – Capo Sezione Personale
Docente - Ripartizione Personale.
Articolo 13
Pubblicità
Il presente bando è affisso all’Albo Ufficiale dell’Università e pubblicato per via telematica al sito:
http://www.uniud.it/ateneo/organizzazione/bandi_concorsi/ricercatori_tempo_determinato e sul
http://ec.europa.eu/euraxess
RIPARTIZIONE PERSONALE
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
sito
8
Università degli Studi di Udine
Articolo 14
Disposizioni finali
Per tutto quanto non previsto dal presente bando si applicano la Legge 4.11.2005, n. 230, il Decreto
Interministeriale 16.9.2009 n. 94 e il Regolamento recante modalità di espletamento delle procedure per il
conferimento di contratti di diritto privato a tempo determinato per attività di ricerca e di didattica,
emanato con Decreto Rettorale n. 457 del 28.07.2010.
f.to IL RETTORE
prof. Cristiana Compagno
RIPARTIZIONE PERSONALE
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
9
Università degli Studi di Udine
ALLEGATO E
POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO
S.S.D. ING-IND/08 “Macchine a Fluido”
PROGRAMMA DELLA RICERCA DA SVOLGERE
L’attività di ricerca per la quale si chiede il posto di Ricercatore a T.D. riguarda l’ottimizzazione dei sistemi
energetici e dei loro componenti.
In particolare le tematiche oggetto degli studi sono quelle delle macchine e dei sistemi di generazione
dell’energia cogenerativi e tri-generativi nonché di propulsione, di tipo innovativo e avanzato.
Su queste macchine/impianti saranno condotte ricerche sia sperimentali che teoriche atte all’ottimizzazione
progettuale e funzionale di componenti specifici e di sistemi energetici complessi.
L’attività sperimentale si svolgerà principalmente presso il laboratorio di Macchine del Dipartimento di
Energetica e Macchine dell’Università di Udine, e verterà sulla caratterizzazione dei campi di moto e termico
all’interno di macchine a fluido e loro componenti, oltrechè sul rilievo delle prestazioni globali di macchine e
impianti di conversione dell’energia. Altra attività sperimentale potrà essere condotta su impianti pilota
realizzati da partners esterni all’Ateneo.
L’attività teorica verterà sull’ottimizzazione di sistemi energetici innovativi, sia per quanto riguarda le
configurazioni progettuali, sia la loro migliore gestione operativa. A tal fine saranno sviluppati strumenti di
calcolo per la simulazione del funzionamento, delle prestazioni ottenibili e delle emissioni prodotte dagli
impianti. In particolare saranno considerati i sistemi energetici per la generazione distribuita di energia
co/tri-generativi di piccola taglia, anche basati su fonti energetiche rinnovabili. In questo campo saranno
studiati prototipi e soluzioni innovative di impianti ORC (Organic Rankine Cycle), trigenerativi a gas naturale
e a biomasse. Tali soluzioni impiantistiche, quando applicate alla co/tri-generazione distribuita possono
rappresentare un valida risposta al crescente fabbisogno energetico, soddisfacendolo con sistemi di
conversione molto efficienti anche da un punto di vista ambientale. L’importanza strategica ai fini di uno
sviluppo sostenibile che risiede in queste tecnologie è confermata anche da un recente finanziamento del
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per il progetto “ENERPLAN: Sostenibilità
energetica e innovazione tecnologica” che vede coinvolti, oltre al nostro Ateneo, anche altri partners
istituzionali e privati.
Un’altra tematica che verrà affrontata nello stesso ambito riguarda l’utilizzo del gas naturale liquefatto
(GNL), quale fonte energetica alternativa all’olio combustibile, nei sistemi di propulsione navale. Infatti, la
necessità sempre più stringente per il trasporto navale di limitare drasticamente le emissioni di ossidi di
azoto e di zolfo, di particolato solido e di anidride carbonica rendono estremamente attuale e innovativo
l’uso del gas naturale stoccato in forma liquida a bordo delle navi. Attività di ricerca in questo campo sono
ritenute cruciali dalle aziende del territorio regionale che operano nei settori della cantieristica e della
propulsione navale, tant’è che il nostro Ateneo, insieme ad altri partners accademici e industriali, è stato
recentemente destinatario di un finanziamento regionale orientato proprio allo studio di sistemi di
stoccaggio, distribuzione ed utilizzo del GNL come combustibile navale.
Le attività di ricerca che si dovranno sviluppare in questo ambito comprendono lo studio dell’equilibrio
liquido-vapore del GNL, inteso come fluido multicomponente, e l’individuazione delle soluzioni più
convenienti dal punto di vista energetico ed impiantistico per l'alimentazione di motori endotermici dualfuel a bordo di navi non metaniere. Sarà effettuata la modellizzazione termo-fluidodinamica dei principali
componenti del sistema (serbatoi, evaporatori, dispositivi di laminazione, piping) e la simulazione numerica
dell'intero impianto consentirà di stimare i flussi termici e di massa connessi allo stoccaggio, alla
gassificazione e alla distribuzione del combustibile.
Come già precedentemente accennato, le tematiche da affrontare nel presente programma di ricerca sono
parte fondamentale dei progetti di ricerca per i quali il Dipartimento è stato finanziato e che supporteranno
il budget del posto di Ricercatore a T.D. richiesto:
RIPARTIZIONE PERSONALE
10
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
Università degli Studi di Udine
- POS-FESR 2007-2012 NG Ship (Natural Gas for Ship Propulsion)
- ENERPLAN
RIPARTIZIONE PERSONALE
RESPONSABILE DELLA STRUTTURA: Mara Pugnale
RESPONSABILE PROCEDIMENTO: Silvia De Liddo
COMPILATORE DEL PROCEDIMENTO: Flavia Gozzi
11

Documenti analoghi