POR-FESR 2014-2020 Asse 1 – Rafforzare la ricerca, lo sviluppo

Commenti

Transcript

POR-FESR 2014-2020 Asse 1 – Rafforzare la ricerca, lo sviluppo
POR‐FESR 2014‐2020 Asse 1 – Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione Azione 1.2. – Sostegno alla valorizzazione economica dell'innovazione attraverso la sperimentazione e l'adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti e nelle formule organizzative, nonché al finanziamento dell'industrializzazione dei risultati della ricerca. Attività 1.2.a. ‐ Innovazione e industrializzazione dei risultati della ricerca STRUMENTO DI
FINANZIAMENTO
Descrizione dello
strumento
Beneficiari
POR-FESR 2014-2020
Asse1. Azione 1.2. ATTIVITA’ 1.2.A.
INNOVAZIONE E INDUSTRIALIZZAZIONE DEI RISULTATI DELLA RICERCA
Contributi a fondo perso per sostenere l’innovazione di:
processo: le attività che riguardano l'applicazione di un metodo di produzione o di
distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato;
organizzazione: le attività che riguardano l'applicazione di nuovi metodi organizzativi
nelle pratiche commerciali, nell'organizzazione del luogo di lavoro o nelle relazioni
esterne di un'impresa.
PMI e Grandi Imprese in possesso di seguenti requisiti:
a) regolarmente costituite e registrate presso il Registro delle CCIAA;
b) avere sede legale o unità operativa attiva nel territorio regionale;
c) non essere impresa in difficoltà;
d) non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento, liquidazione coatta, concordato
preventivo ed ogni altra procedura concorsuale;
e) rispettare le disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro;
f) possedere il requisito di regolarità contributiva;
g) possedere un'adeguata capacità amministrativa ed operativa per realizzare
l'iniziativa, valutata nell'ambito dei criteri di valutazione inerenti la qualità delle
competenze, la chiarezza progettuale e la pertinenza e congruità delle spese;
h) possedere un'adeguata capacità economico-finanziaria;
i) non trovarsi nelle condizioni ostative alla concessione del contributo previste dalla
vigente normativa antimafia;
j) non essere destinatarie di sanzioni interdittive.
I soggetti beneficiari devono rientrare in uno dei seguenti casi:
1. svolgono attività coerente con il progetto presentato, concernente le aree di
specializzazione Agroalimentare, Filiere produttive strategiche, Tecnologie marittime e
Smart Health individuate nell'ambito della S3 (Strategia Regionale di Specializzazione
Intelligente) dai codici Ateco indicati nella visura camerale, in coerenza con l’elenco
dei codici individuati dal bando;
2. svolgono attività nei settori produttivi industriale o terziario diversi da quelli individuati
nella S3 e realizzano un progetto in forma collaborativa con almeno un'impresa in
possesso del codice Ateco individuato nell'ambito della S3;
3. svolgono attività secondaria attinente ai codici Ateco individuati dalla S3 qualora i
progetti di innovazione riguardino tali attività.
Nel caso in cui il beneficiario sia un consorzio con attività esterna o una rete d'imprese avente
soggettività giuridica, tutti i componenti dell'aggregazione devono avere almeno una sede
operativa nel territorio regionale e la maggioranza degli stessi deve avere natura di soggetto
privato.
I progetti presentati da grandi imprese sono ammissibili esclusivamente se realizzati in
forma di progetto congiunto, ovvero in collaborazione con le PMI, nell'ambito del quale
nessuna impresa sostiene singolarmente più del 70% e meno del 10% della spesa
complessiva ammissibile del progetto e le PMI sostengono almeno il 30% della stessa.
Iniziative
finanziabili
I progetti realizzati in forma autonoma o in forma del progetto congiunto aventi per oggetto le
attività di innovazione di processo e dell'organizzazione coerenti con la S3 e rivolte
specificatamente alle aree di specializzazione Agroalimentare, Filiere produttive strategiche,
Tecnologie marittime e Smart Health ed attinenti alle relative traiettorie di sviluppo realizzate
nelle sedi o unità operative localizzate nel territorio regionale.
POR‐FESR 2014‐2020 Asse 1 – Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione Azione 1.2. – Sostegno alla valorizzazione economica dell'innovazione attraverso la sperimentazione e l'adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti e nelle formule organizzative, nonché al finanziamento dell'industrializzazione dei risultati della ricerca. Attività 1.2.a. ‐ Innovazione e industrializzazione dei risultati della ricerca Caratteristiche ed
intensità del
finanziamento
Spese ammissibili
A) Personale impiegato nelle attività di innovazione;
B) Strumenti e attrezzature specifiche (anche in leasing o tramite noleggio), nuove di
fabbrica, strettamente correlate alla realizzazione del progetto, in misura pari al
valore dell'ammortamento riferibile al periodo di effettivo utilizzo nell'ambito del
progetto, nel limite delle quote fiscali ordinarie di ammortamento
C) Servizi di consulenza qualificati per attività tecnico-scientifiche di innovazione,
studi, progettazione e similari alle normali condizioni di mercato affidati a:
- enti di ricerca in virtù di specifico contratto;
- altri soggetti esterni all'impresa, indipendenti dalla stessa, in possesso di adeguate e
documentate competenze ed esperienze professionali pertinenti alle consulenze
commissionate;
D) Prestazioni e lavorazioni necessarie all'attività di innovazione tra cui
l'effettuazione di test e prove, i servizi propedeutici alla brevettazione, le attività di
divulgazione e diffusione dei risultati e le attività di certificazione della spesa;
E) Beni immateriali quali costi diretti all'acquisto di brevetti, know-how, diritti di
licenza e software specialistici utilizzati per il progetto e acquisiti o ottenuti in
licenza da fonti esterne indipendenti alle normali condizioni di mercato, in misura
pari al valore di ammortamento riferibile al periodo di effettivo utilizzo nell'ambito
del progetto, nel limite delle quote fiscali ordinarie di ammortamento;
F) Beni materiali quali materie prime, componenti, semilavorati e loro lavorazioni e
materiali di consumo specifico, direttamente imputabili al progetto;
G) Spese generali supplementari di gestione derivanti direttamente dalla
realizzazione del progetto, da calcolarsi con modalità semplificata a tasso
forfettario nella misura del 15% dei costi relativi al personale.
Limite minimo di spesa ammissibile del progetto per ciascuna impresa:
− 30.000€ per la piccola impresa;
− 75.000€ per la media impresa;
− 150.000€ per la grande impresa.
Limite massimo di contributo concedibile a ciascuna impresa è di 1.000.000€.
Intensità del contributo
40% per micro, piccola e media impresa;
50% per . micro, piccola e media impresa che realizza il progetto in collaborazione
effettiva con altre imprese;
15% per grande impresa che realizza il progetto in collaborazione effettiva con altre
imprese.
Cumulabilità:
i contributi sono cumulabili con gli aiuti erogati sotto forma di garanzia, anche in
regime “de minimis”;
è consentito il concorso con misure agevolative fiscali aventi carattere di generalità e
uniformità non costituenti aiuti di Stato.
Gestore
Dotazione
finanziaria
Termini
presentazione
Regione FVG
9.000.000€
La domanda deve essere redatta e inoltrata per via telematica tramite il sistema FEG
(accessibile dal 16.05.2016)
Le domande possono essere inoltrate dalle ore 10.00 del giorno 7.06.2016 fino ore 12.00 del
giorno 28.06.2016