dup bilancio previsione 2017-2019

Commenti

Transcript

dup bilancio previsione 2017-2019
COMUNE DI
ROSIGNANO
MARITTIMO
www.comune.rosignano.livorno.it
(Provincia di Livorno)
Documento Unico di
Programmazione
2017/2019
Nota di Aggiornamento
Principio contabile applicato
alla programmazione
Allegato 4/1 al D.Lgs. 118/2011
2
Sommario
PREMESSA
7
1. SEZIONE STRATEGICA
1.1. Condizioni esterne
1.1.1 Gli obiettivi individuati dal Governo nei documenti di programmazione nazionale
per gli Enti Locali
1.1.1.a L’attuale contesto della Finanza Pubblica per gli enti locali
1.1.1.b
Pareggio ex art. 1, co. 463 e segg. della Legge 232/2016
1.1.1.c
L’accordo di programma per il rilancio competitivo dell'area costiera
livornese
1.1.2 Valutazione socio-economica del territorio e della domanda di servizi pubblici
1.1.2.a
Andamento demografico della popolazione residente
1.1.2.b
Il territorio e le infrastrutture
1.1.2.c
L’economia insediata
1.1.3 Evoluzione dei flussi finanziari ed economici dell’Ente e dei propri enti
partecipati
1.1.3.a
Il trend storico delle entrate e delle spese dell’Ente 2015/2019
1.1.3.b
Il trend storico dei flussi finanziari ed economici degli enti partecipati
2012/2015
13
13
14
17
19
21
22
25
1.1.4 Gli obiettivi strategici di promozione della legalità e trasparenza in attuazione della
L. 190/12 "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e
dell'illegalità' nella PA"
1.2. Condizione interne
1.2.1 Organizzazione e modalità di gestione dei servizi pubblici locali
1.2.1.a
Il sistema di gestione dei servizi pubblici locali nel territorio.
1.2.1.b
Il “Gruppo Comunale”: indirizzi generali, obiettivi di servizio e
procedure di controllo
1.2.2 Gli indirizzi generali di natura strategica relativi alle risorse a disposizione e agli
impieghi previsti dal programma di mandato
1.2.2.a
Gli investimenti e la realizzazione delle opere pubbliche
1.2.2.b Programmi e progetti di investimento in corso di esecuzione e non
ancora conclusi
1.2.2.c
I tributi e le tariffe dei servizi pubblici
1.2.2.d
La spesa corrente riconducibile alle funzioni fondamentali dell’Ente
1.2.2.e
L’analisi delle necessità finanziarie e strutturali per l’espletamento dei
programmi ricompresi nelle varie missioni
1.2.2.f
La gestione del patrimonio
1.2.2.g
Il reperimento e l’impiego di risorse straordinarie e in conto capitale
1.2.2.h
L’indebitamento con analisi della relativa sostenibilità e andamento
tendenziale nel periodo di mandato
3
33
39
53
53
55
63
66
75
79
80
1.2.2.i
Gli equilibri del bilancio
82
1.2.3 La gestione delle risorse umane dell’Ente
1.2.3.a
La macrostruttura organizzativa
1.2.3.b
Il trend storico delle spese di personale
84
87
1.2.4 Il nuovo pareggio di bilancio ex art. 1, co. 712 della L. n. 208/2015
90
1.2.5 La programmazione degli incarichi ex L. 244/2007 e s.m.i.
93
1.3 Gli obiettivi strategici individuati nel programma di mandato
1.3.1 Gli obiettivi di mandato
1.3.1.a
Non lasciare indietro nessuno
1.3.1.b
La scuola, seme del progresso
1.3.1.c
Cultura e sport motori dell’innovazione
1.3.1.d
La cura del territorio e dell’ambiente
1.3.1.e
Il lavoro speranza per il futuro
1.3.1.f
Il Comune vive e respira con la Città
96
97
98
99
100
102
104
1.3.2 Lo stato di attuazione del programma al 30/06/2016
1.3.2.a
Non lasciare indietro nessuno
1.3.2.b
La scuola, seme del progresso
1.3.2.c
Cultura e sport motori dell’innovazione
1.3.2.d
La cura del territorio e dell’ambiente
1.3.2.e
Il lavoro speranza per il futuro
1.3.2.f
Il Comune vive e respira con la Città
105
111
116
129
140
146
2. SEZIONE OPERATIVA
2.1 Gli obiettivi operativi per Missione
Missione 149 “Servizi istituzionali, generali e di gestione”
programma 150 “elezioni e consultazioni popolari - anagrafe e stato civile”
programma 151 “gestione beni demaniali e patrimoniali”
programma 152 “gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali”
programma 153 “gestione economica – finanziaria - programmazione e provveditorato”
programma 154 “organi istituzionali”
programma 155 “risorse umane”
programma 156 “segreteria generale”
programma 157 “statistica e sistemi informativi”
programma 158 “ufficio tecnico”
169
173
176
177
181
186
188
193
196
Missione 159 “Ordine pubblico e sicurezza”
programma 160 “polizia locale e amministrativa”
201
Missione 161 “Istruzione e diritto allo studio”
programma 162 “istruzione prescolastica”
programma 163 “altri ordini di istruzione”
programma 164 “servizi ausiliari all'istruzione”
204
207
210
4
Missione 165 “Tutela e valorizzazione dei beni culturali e attività culturali”
programma 166 “attività culturali e interventi diversi nel settore culturale”
214
Missione 167 “Politiche giovanili - sport e tempo libero”
programma 168 “politiche giovani”
programma 169 “sport e tempo libero”
219
222
Missione 170 “Turismo”
programma 171 “sviluppo e valorizzazione del turismo”
225
Missione 172 “Assetto del territorio ed edilizia abitativa”
programma 173 “urbanistica assetto del territorio”
228
Missione 174 “Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente”
programma 175 “tutela - valorizzazione e recupero ambientale”
programma 176 “aree protette - parchi naturali - protezione naturalistica e forestale”
programma 177 “rifiuti”
programma 178 “tutela e valorizzazione risorse idriche”
232
235
240
242
Missione 179 “Trasporti e diritto alla mobilità''
programma 180 “trasporto pubblico locale”
programma 181 “viabilità e infrastrutture stradali”
243
246
Missione 182 “Soccorso civile”
programma 183 “sistema di protezione civile”
249
Missione 184 “Diritti sociali - politiche sociali e famiglia”
programma 185 “interventi per il diritto alla casa”
programma 186 “interventi per l'infanzia - minori e asili nido”
programma 187 “interventi vari a sostegno degli anziani, disabilità, soggetti a rischio
esclusione e famiglie”
programma 188 “programmazione e governo della rete dei servizi sociosanitari e sociali”
programma 189 “servizio necroscopico e cimiteriale”
251
255
259
264
266
Missione 190 “Sviluppo economico e competitività''
programma 191 “commercio – reti distributive – tutela dei consumatori”
269
Missione 192 “Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca”
programma 193 “sviluppo del settore agricolo e del sistema agroalimentare”
273
2.2. La programmazione in materia di lavori pubblici, personale e patrimonio
2.2.1 La programmazione dei lavori pubblici
2.2.1.a Il programma pluriennale degli investimenti 2017/2019
2.2.1.b Lo stato di attuazione dei programmi deliberati negli anni precedenti e
considerazioni sullo stato di attuazione
2.2.2 La programmazione triennale del fabbisogno di personale
2.2.2.a La normativa di riferimento e relativi vincoli di finanza locale
5
277
282
283
284
2.2.2.b La programmazione dell’Ente
2.2.3 Il Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni immobiliari
2.2.3.a La normativa di riferimento e relativi vincoli di finanza locale
2.2.3.b La programmazione dell’Ente 2017/2019
287
288
2.2.4 I Piani di Razionalizzazione
2.2.4.a La normativa di riferimento
2.2.4.b La programmazione dell’Ente
292
292
2.2.5 La programmazione degli acquisti ex art. 21 del D.Lgs. 50/2016
294
6
PREMESSSA
La programmazione è il processo di analisi e valutazione che, comparando e ordinando
coerentemente tra loro le politiche e i piani per il governo del territorio, consente di organizzare, in
una dimensione temporale predefinita, le attività e le risorse necessarie per la realizzazione di fini
sociali e la promozione dello sviluppo economico e civile delle comunità di riferimento.
Il processo di programmazione - che tiene conto delle compatibilità economico finanziarie - si
conclude con la formalizzazione delle decisioni politiche e gestionali che danno contenuto a
programmi e piani futuri riferibili alle missioni dell’ente.
Attraverso l’attività di programmazione, le amministrazioni concorrono al perseguimento degli
obiettivi di finanza pubblica definiti in ambito nazionale, in coerenza con i principi fondamentali di
coordinamento della finanza pubblica emanati in attuazione degli articoli 117, terzo comma, e 119,
secondo comma, della Costituzione e ne condividono le conseguenti responsabilità.
Sulla base di queste premesse, la nuova formulazione dell’art. 170 del TUEL, introdotta dal D.Lgs.
n. 126/2014 e del Principio contabile applicato della programmazione, Allegato n. 4/1 del D.Lgs. n.
118/2011 e ss.mm., modificano il precedente sistema di documenti di bilancio introducendo la
previsione di un unico documento di programmazione strategica per il quale, pur non prevedendo
uno schema obbligatorio, stabilisce criteri e modalità con cui rappresentare le linee strategiche ed
operative dell’attività di governo di ogni amministrazione pubblica.
Il nuovo documento, che sostituisce di fatto il Piano generale di sviluppo e la Relazione
Previsionale e programmatica, è il DUP – Documento Unico di Programmazione; inserito
all’interno di un innovato processo di pianificazione, programmazione e controllo che vede il suo
incipit nel Documento di indirizzi di cui all’art. 46 del TUEL e nella Relazione di inizio mandato
prevista dall’art. 4 bis del D. Lgs. n.149/2011, e che si conclude con un altro documento
obbligatorio quale la Relazione di fine mandato, ai sensi del DM 26 aprile 2013.
All’interno di questo perimetro il DUP rappresenta il documento di collegamento e di
aggiornamento scorrevole di anno in anno fra pianificazione strategica e programmazione operativa.
7
In particolare il nuovo sistema dei documenti di bilancio si compone come segue:
-
il Documento unico di programmazione (DUP);
-
lo schema di bilancio triennale, redatto secondo gli schemi previsti dall’allegato 9 al D.Lgs.
n.118/2011, comprensivo dei relativi riepiloghi ed allegati indicati dall’art. 11 del medesimo
decreto legislativo;
-
la nota integrativa al bilancio finanziario di previsione.
Il DUP rappresenta, quindi, lo strumento che permette l’attività di guida strategica ed operativa
degli enti locali e, nell’intenzione del legislatore, consente di fronteggiare in modo permanente,
sistemico ed unitario le discontinuità ambientali e organizzative. In quest’ottica esso costituisce, nel
rispetto del principio del coordinamento e coerenza dei documenti di bilancio, il presupposto
necessario di tutti gli altri documenti di programmazione. Nelle previsioni normative il documento
si compone di due sezioni: la Sezione Strategica (SeS) e la Sezione Operativa (SeO). La prima ha
un orizzonte temporale di riferimento pari a quello del mandato amministrativo, la seconda pari a
quello del bilancio di previsione.
La Sezione Strategica (SeS) sviluppa e concretizza le linee programmatiche di mandato di cui
all’art. 46 comma 3 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e individua, in coerenza con il
quadro normativo di riferimento, gli indirizzi strategici dell’ente. Il quadro strategico di riferimento
è definito anche in coerenza con le linee di indirizzo della programmazione regionale e tenendo
conto del concorso al perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica definiti in ambito nazionale,
in coerenza con le procedure e i criteri stabiliti dall'Unione Europea. In particolare, individua - in
coerenza con il quadro normativo di riferimento e con gli obiettivi generali di finanza pubblica - le
principali scelte che caratterizzano il programma dell’amministrazione da realizzare nel corso del
mandato amministrativo e che possono avere un impatto di medio e lungo periodo, le politiche di
mandato che l’ente vuole sviluppare nel raggiungimento delle proprie finalità istituzionali e nel
governo delle proprie funzioni fondamentali, nonché gli indirizzi generali di programmazione
riferiti al periodo di mandato.
La Sezione Operativa (SeO) ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo
strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli
obiettivi strategici fissati nella SeS. In particolare, la SeO contiene la programmazione operativa
dell’ente avendo a riferimento un arco temporale sia annuale che pluriennale. Il suo contenuto,
8
predisposto in base alle previsioni ed agli obiettivi fissati nella SeS, costituisce guida ai processi di
redazione dei documenti contabili di previsione dell’ente (Bilancio di Previsione e PEG).
Il presente documento assembla, in definitiva, i singoli contributi dei settori e dei responsabili
gestionali ognuno per la parte di propria competenza secondo la documentazione conservata agli
atti d’ufficio.
9
10
SEZIONE STRATEGICA:
Condizioni Esterne
11
12
1.1.1 Gli obiettivi individuati dal Governo nei documenti di programmazione nazionale
per gli Enti Locali
1.1.1.a L’attuale contesto della Finanza Pubblica per gli enti locali
L’attuale contesto di finanza pubblica per gli enti locali è definito, se pur non ancora
compiutamente, nella Legge 11 dicembre 2016, n. 232 in materia di Legge Finanziaria per
l’esercizio 2017.
Tale norma ha intanto consentito di definire il nuovo pareggio di bilancio per gli esercizi 2017 –
2019 (ex Patto di Stabilità) coerentemente con la L. 243/2012. In sostanza gli enti locali saranno
tenuti a garantire un saldo positivo nella differenza algebrica fra entrate finali e spese finali,
computando il Fondo Pluriennale Vincolato (FPV) in entrata ed in spesa seppur al netto delle quote
finanziate dal debito (art. 1, co. 466 della L. 232/2016). Questo, di fatto, consente una maggiore
flessibilità nel programmare la spesa di investimento, anche in considerazione della complessità di
gestire la stessa secondo le nuove regole della competenza finanziaria rafforzata e del conseguente
meccanismo del fondo pluriennale vincolato. Confermato, inoltre il blocco della pressione fiscale
comunale, ad eccezione della TARI unitamente alla conferma di avvalersi della c.d. maggiorazione
TASI (ex comma 42 dell’art. 1 della legge de qua).
Permane, come nei passati esercizi, la mancata definizione, in tempi utili, del Fondo di Solidarietà
Comunale (FSC), specie per quelle amministrazioni, come la nostra, che risultano un mero
contribuente di tale meccanismo di finanza pubblica. In attesa di definizione anche talune premialità
(art. 1, co. 433 e 438 della L. 232/2016) il cui importo complessivo a livello di comparto e poi di
singolo ente necessitano dei relativi decreti attuativi.
1.1.1.b Pareggio ex art. 1, co. 463 e segg. della Legge 232/2016
In continuità con la Legge di Stabilità per il 2016 è stato confermato come detto sopra il nuovo
“pareggio di bilancio” incentrato sulla somma algebrica positiva delle entrate finali e delle spese
finali unitamente al computo del FPV al netto delle quote finanziate da debito ex art. 1, co. 466
della L. 232/2016 (si veda l’apposito paragrafo successivo).
La programmazione 2017 – 2019, come definita nel presente documento e per la quale si rimanda
all’apposito paragrafo, è conforme al conseguimento dell’obiettivo.
13
Si rileva inoltre che il pareggio di bilancio per l’esercizio 2016, ex co. 712 della L. 208/2015, nelle
more della sua certificazione risulta, dai dati di preconsuntivo, positivamente conseguito.
1.1.1.c L’accordo di programma per il rilancio competitivo dell'area costiera livornese
In relazione al perdurare della situazione di crisi economica in cui versa il territorio della costa
livornese, anche alla luce delle recenti decisioni di disimpegno da parte di grandi imprese presenti
sul territorio, con conseguente deterioramento del tessuto produttivo e manifatturiero locale, la
Regione Toscana, con DGR n. 140 del 24.02.2014 e con DGR n. 468 del 7.04.2015, ha presentato
istanza di riconoscimento, ai sensi dell'art. 1, comma 3, del Decreto Ministro dello Sviluppo
Economico del 19.11.2013, di area di crisi industriale complessa. Tale istanza ha portato alla
sottoscrizione, il giorno 8.05.2015 presso la Presidenza sella Regione Toscana, dell'Accordo di
programma per il rilancio competitivo dell'area costiera livornese da parte della Presidenza del
Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero delle infrastrutture e
dei trasporti, del Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, del Ministero del
Lavoro e delle politiche sociali, della Regione Toscana, della Provincia di Livorno, del Comune di
Livorno, del Comune di Collesalvetti, del Comune di Rosignano Marittimo, dell'Autorità Portuale
di Livorno e della Rete Ferroviaria Italiana. Tale Accordo di Programma ha per oggetto la
definizione di una complessa ed unitaria manovra di intervento sull'area urbana di LivornoCollesalvetti ed il parco produttivo di Rosignano Marittimo, mediante l'attuazione di un Progetto di
Riconversione e Riqualificazione Industriale (P.R.R.I) articolato nei seguenti ambiti di intervento:
Piano di Rilancio della competitività dell'area costiera livornese
Logistica integrata e
mobilità
Completamento infrastrutturale nodo intermodale e integrazione
piattaforma logistica costiera
1. Portualità
Realizzazione della Darsena Europa
Riconoscimento Zona Franca Doganale
2. Rete ferroviaria e logistica integrata
Raccordi ferroviari nodo intermodale di Livorno: realizzazione scavalco
ferroviario Porto di Livorno – Interporto di Guasticce
Sviluppo economico
Riqualificazione dell'area di crisi industriale di Livorno – Collesalvetti e
sviluppo del parco produttivo di Rosignano Solvay
Riconoscimento di area di crisi industriale complessa di Livorno – Collesalvetti e
Rosignano Marittimo
Consolidamento del sistema produttivo e potenziamento nuove filiere produttive
Pacchetto integrato agevolazioni per nuovi insediamenti produttivi
Polo tecnologico e incubatore di impresa/ recupero aree dismesse Comune di
14
Livorno
Formazione e lavoro
Politiche attive del lavoro, misure per il reimpiego
Azioni per la riqualificazione del personale interessato dalla crisi industriale
dell'area
Misure per il reimpiego – lavori di pubblica utilità
Intervento speciale progetto “Giovanisì”
Ammortizzatori sociali
Sostenibilità territoriale
ed energetica
Interventi di riconversione delle aree ed ottimizzazione degli assetti
energetici
Razionalizzazione e sviluppo di infrastrutture energetiche industriali
Interventi di caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica in aree SIN
Il Comune di Rosignano Marittimo sarà particolarmente interessato, per i prossimi 10 anni, da
interventi rivolti allo sviluppo del proprio parco produttivo, azione per la quale è previsto un
intervento da parte del Ministero dello Sviluppo Economico per 10.000.000,00 euro, quali
agevolazioni previste dalla Legge 181 del 1989, e da parte della Regione per 10.000.000,00 di euro
per protocolli di insediamento. La Regione Toscana provvede, inoltre, a garantire la quota di riserva
e la premialità per l'area di crisi a valere sui propri bandi di finanziamento. Di rilievo per il territorio
del Comune di Rosignano Marittimo saranno le azioni rivolte alla promozione di interventi di
efficientamento delle infrastrutture energetiche presenti e la realizzazione di nuove iniziative
industriali sul territorio volte a migliorare le condizioni ambientali, la sicurezza degli
approvvigionamenti energetici ed a mantenere o innalzare la competitività dell'apparato produttivo
anche riconsiderando l'attuale parco centrali con particolare riferimento alla loro alimentazione,
configurazione e localizzazione, anche al fine di superare le diseconomicità nei costi di produzione
di energia elettrica e vapore. Il riconoscimento dell'area di crisi industriale complessa è avvenuta
con Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, in data 7.08.2015, mentre
l'approvazione del P.R.R.I. (Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale) è avvenuta in
data 20.10.2016. Con Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 107080 del 4 novembre
2016 è stato approvato l’avviso pubblico per la selezione di iniziative imprenditoriali nel territorio
dell’area di crisi industriale complessa del Polo produttivo ricompreso nel territorio dei Comuni di
Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo tramite ricorso al regime di aiuto di cui alla legge n.
181/1989.
Il Protocollo regionale per il rilancio e la valorizzazione dell'area livornese
La Regione Toscana, con DGR n. 482 del 7.04.2015, ha approvato con la Provincia di Livorno e
con i Comuni di Livorno, Collesalvetti, Rosignano Marittimo, Castagneto Carducci e Cecina, un
15
Protocollo d'intesa per il rilancio e la valorizzazione dell'area livornese che vive una particolare crisi
economica e che necessità di interventi che consentano la ripresa dell'economia ed il reperimento di
posti di lavoro gravemente compromessi dalla chiusura di fabbriche ed attività economiche sul
territorio,. Tale protocollo si ponte come obiettivo la valorizzazione delle risorse endogene e del
patrimonio esistente, capitalizzando altresì gli interventi negli anni realizzati in un ambito sistemico,
che possa produrre valore aggiunto in termini di efficacia delle politiche di sviluppo.
In particolare gli interventi, che riguardano il Comune di Rosignano Marittimo, saranno realizzati
nei seguenti ambiti:
Piano delle azioni previste dal Protocollo regionale per il rilancio e la valorizzazione dell'area livornese
Promozione e
valorizzazione delle aree
ed infrastrutture
attrezzate per favorire
l'insediamento di nuove
imprese sul territorio
(attrazione investimenti)
Coordinamento delle
attività di valorizzazione
e promozione delle
infrastrutture del
trasferimento
tecnologico, formazione
tecnica e alta formazione
presenti sul territorio
Potenziamento
dell'offerta culturale
Promozione turistica e
valorizzazione del
territorio
•
•
•
•
Realizzare, nel quadro della programmazione regionale e locale,
interventi di promozione e valorizzazione di tali aree ed
infrastrutture per favorire investimenti produttivi;
Analizzare ed elaborare modalità di coordinamento degli interventi
finalizzati a promuovere le infrastrutture per il trasferimento
tecnologico, per l'alta formazione e il sostegno alla creazione di
impresa presenti sul territorio, in modo da favorire forme di
raccordo, razionalizzazione e cooperazione, da integrare in un
sistema più ampio di area territoriale, anche in collaborazione con
il sistema della ricerca, della formazione tecnica superiore e della
formazione universitaria;
•
Valorizzazione del Castello Pasquini;
•
Realizzazione dell'Accademia del Mare;
•
•
Riqualificazione
ambientale
Completare il censimento delle aree e delle infrastrutture destinate
ad insediamenti produttivi;
Elaborare una strategia di attrazione investimenti;
•
Elaborare e sviluppare specifiche progettualità ed interventi
connessi al turismo culturale, al turismo sportivo, al turismo
croceristico oltre che la turismo rurale;
Completare le verifiche amministrative e progettuali connesse allo
sviluppo, nell'ambito del Parco dei Monti Livornesi, del Parco del
Romito e della realizzazione di una sentieristica collegata alle
presenze archeologiche oltre che per la promozione del turismo
ambientale/paesaggistico connesso alle caratteristiche di ruralità di
porzioni significative del territorio;
Sviluppare ed analizzare delle possibili fattibilità connesse agli
interventi di bonifica nelle aree SIR e alla tematica della sicurezza
idraulica.
16
1.1.2 Valutazione socio-economica del territorio e della domanda di servizi pubblici
L’analisi demografica costituisce certamente uno degli approfondimenti di maggior interesse per un
amministratore pubblico: non dobbiamo dimenticare, infatti, che tutta l’attività amministrativa posta
in essere dall’ente è diretta a soddisfare le esigenze e gli interessi della propria popolazione da
considerare come “cliente/utente” del comune. La conoscenza pertanto dei principali indici
costituisce motivo di interesse perché permette di orientare le nostre politiche pubbliche.
Popolazione legale al censimento 2011
Popolazione residente al 31/12/2016
di cui:
Maschi
Femmine
Nuclei familiari al 31/12/2016
Comunità/Convivenze al 31/12/2016
31.889
31.311
15.047
16.264
15.420
//
Popolazione al 31/12/2016
Nati nell’anno 2016
Deceduti nell’anno 2016
SALDO NATURALE
Immigrati nell’anno 2016
Emigrati nell’anno 2016
SALDO MIGRATORIO
Confronto dei morti sui nati nel decennio
Anno
Nati
Percentuale
2007
239
0.74%
2008
282
0.87%
2009
268
0.83%
2010
240
0.74%
2011
260
0.80%
2012
242
0.74%
2013
209
0.65%
2014
238
0.75%
2015
213
0.68%
2016
170
0.54 %
Morti
392
406
361
386
368
446
422
389
410
422
Popolazione al 31/12/2016
di cui:
In età prescolare (0/6 anni)
In età scuola obbligo (7 / 14 anni)
In forza lavoro 1° occupazione (15 / 29 anni)
17
Percentuale
1.22%
1.26%
1.11%
1.18%
1.13%
1.37%
1.32%
1.23%
1.30%
1.35 %
170
422
- 252
751
650
+101
Residenti
32.098
32.310
32.449
32.587
32.653
32.521
31.951
31.671
31.481
31.311
TOTALE
Cittadini
italiani
Cittadini
stranieri
1.556
2.040
3.852
1.369
1.874
3.479
187
166
373
15.477
8.336
In età adulta (30 / 65 anni)
In età senile (oltre 65 anni)
14.061
8.269
1.416
117
Anno
Tasso di natalità Tasso di mortalità
Anno 2011
0,80%
1,13%
Anno 2012
0,74%
1,37%
Anno 2013
0,65%
1,32%
Anno 2014
0,75%
1,23%
Anno 2015
0,68%
1,30%
Anno 2016
0,54%
1,35%
La popolazione massima insediabile, come da strumento urbanistico vigente, è pari a 34.425
abitanti.
Livello di istruzione della popolazione residente: (i dati sono puramente indicativi in quanto non
costituiscono oggetto di aggiornamento)
Licenza elementare
Licenza media inferiore
Titolo di istruzione secondario che non permette l’accesso all’Università
Diploma media superiore
Diploma universitario
Laurea
5.355
8.626
217
6.798
59
1.601
Numero di componenti per famiglia, residenti nel comune al 31/12/2016:
n. componenti
n. famiglie
1
2
3
4
5
6
7
8
9
12
Totale
6.636
4.244
2.524
1.624
291
72
19
8
3
1
15.422
Di cui composte solo da
cittadini stranieri
946
170
80
115
31
14
2
1
0
1
1360
Cittadini residenti di nazionalità straniera al 31/12/2016:
COMUNITARI: n. 643, di cui: n. 204 maschi e n. 439 femmine.
Cittadinanze più ricorrenti:
18
%
43,04
27,51
16,37
10,53
1,89
0,47
0,12
0.05
0.02
0.01
100
Totale
persone
6.636
8.484
7.572
6.496
1.455
432
133
64
27
12
31.311
-
rumena, (n. 405)
-
polacca, (n. 67)
-
tedesca, (n. 40)
-
bulgara, (19)
-
francese, (n. 18)
-
britannica, (n. 19)
EXTRACOMUNITARI: n. 1.616 di cui: n. 797 maschi e n. 819 femmine.
Cittadinanze più ricorrenti:
-
albanese, (n. 312),
-
ucraina, (n. 287)
-
senegalese, (n. 205)
-
marocchina, (n. 175)
-
peruviana, (n. 75)
-
turca, (n. 54)
-
moldava, (n. 65)
-
tunisina, (n. 45)
-
russa, (n.38)
1.1.2.b Il territorio e le infrastrutture
Il Comune di Rosignano Marittimo, con i suoi 120,82 chilometri quadrati, si articola in sette
frazioni disposte in parte sulla costa- Rosignano Solvay, Vada e Castiglioncello - e in parte nelle
zone collinari - Nibbiaia, Gabbro, Castelnuovo della Misericordia e Rosignano Marittimo.
Il Piano regolatore è stato approvato con le seguenti deliberazioni del consiglio comunale:
-
Delibera CC n. 192 del 20/11/2009
-
Delibera CC n. 121 del 29/11/2013
-
Delibera CC n. 119 del 29/11/2013
-
Delibera CC n. 21 del 17/3/2014
-
Delibera CC n. 22 del 17/3/2014
-
Delibera CC n. 20 de 17/3/2014
-
Delibera CC n. 120 del 29/11/2013
-
Delibera CC n. 122 del 29/11/2013
19
-
Delibera CC n. 56 del 9/4/2014
Le infrastrutture presenti nel territorio:
ESERCIZIO IN
CORSO
TIPOLOGIA
Anno 2016
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Anno 2017
Anno 2018
Anno 2019
Asili nido
n°
3
posti
n°
176
posti
n°
176
posti
n°
176
posti
n°
176
Scuole materne
n°
10
posti
n°
702
posti
n°
702
posti
n°
702
posti
n°
702
Scuole elementari
n°
7
posti
n°
1264
posti
n°
1264
posti
n°
1264
posti
n°
1264
Scuole medie
n°
2
posti
n°
1686
posti
n°
1686
posti
n°
1686
posti
n°
1686
Strutture residenziali per
anziani
n°
5
posti
n°
149
posti
n°
149
posti
n°
149
posti
n°
149
Farmacie Comunali
n°
2
n°
2
n°
2
n°
2
Rete fognaria in km
- bianca
315
315
315
315
- nera
160
160
160
160
8
8
8
8
- mista
Strade
Statali
Km
18,98
18,98
18,98
18,98
Provinciali
Km
44,69
44,69
44,69
44,69
Comunali
Km
216,44
216,44
216,44
216,44
Vicinali
Km
12,74
12,74
12,74
12,74
Autostrade
Km
16,24
16,24
16,24
16,24
Esistenza depuratore
si
si
301,15
Rete acquedotto in km
si
301,15
301,15
si
Aree verdi, parchi, giardini
n°
65
n°
65
n°
65
n°
65
hq
290
hq
290
hq
290
hq
290
n°
8800
n°
8800
n°
8800
n°
8800
Rete gas in km
Raccolta rifiuti in quintali
- civile
industriale
- racc.
diff. ta
Esistenza discarica
si
301,15
Attuazione servizio idrico integrato
Punti di illuminazione pubblica
si
si
si
155
155
155
155
276765
276765
276765
276765
193293
193293
193293
193293
83472
83472
83472
83472
si
si
si
si
si
si
si
si
20
Mezzi operativi
n°
5
n°
5
n°
5
n°
5
Autovetture
n°
26
n°
26
n°
26
n°
26
Motoveicoli
n°
5
n°
5
n°
5
n°
5
Rimorchi
n°
1
n°
1
n°
1
n°
1
Caravan
n°
3
n°
3
n°
3
n°
3
Centro elaborazione dati
si
Personal computer
n°
Altre strutture (specificare)
si
396
n°
si
396
n°
si
396
n°
396
N. 7 Scanner
N. 7Plotter
N. 150Stampanti di cui 41in rete
1.1.2.c L’economia insediata
Il territorio comunale ha una forte vocazione industriale determinata della presenza dell’industria
chimica Solvay. Oltre al polo chimico, vi sono numerose piccole e medie imprese collegate
nell’area destinata dall’Amministrazione Comunale ad insediamenti produttivi denominata “Le
Morelline”. I dati relativi all’economia insediata ci indicano come attive sul territorio comunale
3.119 imprese che svolgono attività nei settori agricoli – artigianali - industriali - commerciali. Il
Comune di Rosignano Marittimo è anche un’importante realtà turistica ed offre infatti una svariata
gamma di strutture ricettive: 65 strutture ricettive, 27 agriturismi e 32 stabilimenti balneari. Il trend
dei flussi turistici negli anni presenta un ritmo oscillante, con periodi di grandi presenze e arrivi
intervallati da periodi con minore concentrazione turistica, che dimostra ancora una marcata
stagionalità, con una concentrazione di presenze soprattutto nei mesi estivi tra giugno e settembre
(fonte: Osservatorio turistico provinciale). Inoltre, il territorio è largamente coperto da zone rurali
(agricole e boschive) con attività agrarie indirizzate verso produzioni tradizionali e di qualità.
AGRICOLTUA, CACCIA E PESCA
Aziende
ARTIGIANATO
Aziende
INDUSTRIA
Aziende
COMMERCIO
Commercio al dettaglio e rivendite quotidiani e periodici
Somministrazione, pubblici esercizi ed altre attività di P.S.
Commercio su aree pubbliche su posto fisso
TOTALE
TURISMO E SERVIZI ALLA PERSONA
Strutture ricettive (alberghi, campeggi, affittacamere...)
Agriturismi
Stabilimenti balneari
Servizi alla persona (acconciatori, estetiste, palestre etc)
TOTALE
21
Numero al 31/12/2015
182
Numero al 31/12/2016
191
794
794
760
760
610
251
469
1.330
617
248
428
1.293
61
26
31
81
199
65
27
32
81
205
1.1.3 Evoluzione dei flussi finanziari ed economici dell’Ente e dei propri enti partecipati
1.1.3.a Il trend storico delle entrate e delle spese dell’Ente 2016/2019
Per quanto riguarda l’evoluzione dei flussi finanziari ed economici dell’ente nelle tabelle successive
si evidenziano gli andamenti di entrate e spese, classificate secondo i nuovi schemi contabili.
La programmazione 2017/2019 è caratterizzata, fra l’altro, dalle principali disposizioni normative
che seguono:
-
il D.Lgs. 118/2011 e s.m.i. e le connesse modifiche al D.Lgs. 267/2000 afferenti
all’ordinamento finanziario e contabile;
-
le Leggi di stabilità 2014, 2015, 2016 e 2017;
-
il D.L. 16/2014 “Decreto Enti Locali”;
-
il D.L. 66/2014 “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale”;
-
il D.L. 78/2015;
-
il D.L. 90/2015;
-
la L. 208/2015;
-
la L. 232/2016.
TREND ENTRATE
Nella seguente tabella è evidenziato il trend delle entrate dall’esercizio 2016 assestato fino
all’esercizio 2019:
DESCRIZIONE ENTRATE
Entrate correnti di natura tributaria,
contributiva e perequativa
Trasferimenti correnti
Entrate extratributarie
TOTALE ENTRATE CORRENTI
Entrate in conto capitale
Entrate da riduzione di attività
finanziarie
Accensione di prestiti
Anticipazioni da istituto
tesoriere/cassiere
Entrate per conto di terzi e partite
di giro
TOTALE ENTRATE
Avanzo di amministrazione
vincolato applicato alla parte
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO 2016
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
24.349.459,33
2.663.617,98
21.991.598,27
49.004.675,58
3.790.075,75
23.678.856,52
2.257.826,94
20.980.194,55
46.916.878,01
6.459.702,11
23.946.347,93
2.257.826,94
19.681.194,55
45.885.369,42
3.302.548,70
24.087.341,93
2.257.826,94
18.291.194,55
44.636.363,42
1.783.467,44
-
2.229.000,00
1.376.221,00
300.000,00
13.633.564,51
14.341.675,50
14.341.675,50
14.341.675,50
36.800.000,00
103.228.315,84
31.350.000,00
101.297.255,62
31.350.000,00
96.255.814,62
31.350.000,00
92.411.506,36
45.685,37
22
corrente
Avanzo di amministrazione
vincolato applicato alla parte
c/capitale
FPV Entrata per finanziamento
spesa in c/capitale
FPV Entrata per finanziamento
spesa corrente
TOTALE GENERALE
ENTRATE
1.876.306,87
8.762.699,79
5.081.445,70
1.687.960,50
130.000,00
361.728,03
11.046.420,06
470.423,72
5.551.869,42
536.573,72
2.224.534,22
536.573,72
666.573,72
114.274.735,90
106.849.125,04
98.480.348,84
93.078.080,08
TREND USCITE
Secondo la nuova contabilità, il Bilancio di previsione risulta articolato per Missioni e Programmi.
Le Missioni rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici dell’amministrazione:
01 Servizi istituzionali, generali e di gestione
02 Giustizia
03 Ordine pubblico e sicurezza
04 Istruzione e diritto allo studio
05 Tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali
06 Politiche giovanili, sport e tempo libero
07 Turismo
08 Assetto del territorio ed edilizia abitativa
09 Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente
10 Trasporti e diritto alla mobilità
11 Soccorso civile
12 Diritti sociali, politiche sociali e famiglia
13 Tutela della salute
14 Sviluppo economico e competitività
15 Politiche per il lavoro e la formazione professionale
16 Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca
17 Energia e diversificazione delle fonti energetiche
18 Relazioni con le altre autonomie territoriali e locali
19 Relazioni internazionali
20 Fondi e accantonamenti
50 Debito pubblico
60 Anticipazioni finanziarie
99 Servizi per conto di terzi
23
Nella seguente tabella è evidenziato il trend delle spese dall’esercizio 2016 assestato fino
all’esercizio 2019 per Missione:
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Esercizio 2016 previsione assestata
DESCRIZIONE SPESE
PER MISSIONE
Servizi istituzionali,
generali e di gestione
Ordine pubblico e
sicurezza
Istruzione e diritto allo
studio
Tutela e valorizzazione
dei beni e attività
culturali
Politiche giovanili, sport
e tempo libero
Turismo
Assetto del territorio ed
edilizia abitativa
Sviluppo sostenibile e
tutela del territorio e
dell'ambiente
Trasporti e diritto alla
mobilità
Soccorso civile
Diritti sociali, politiche
sociali e famiglia
Sviluppo economico e
competitività
Agricoltura, politiche
agroalimentari e pesca
Energia e
diversificazione delle
fonti energetiche
Fondi e accantonamenti
Debito pubblico
Anticipazioni finanziarie
Servizi per conto terzi
TOTALE SPESE
Disavanzo di
amministrazione
TOTALE GENERALE
SPESE
ANNO 2016
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
14.479.797,64
13.549.409,90
12.120.593,36
10.366.174,97
1.444.529,76
1.459.573,15
1.468.023,15
1.465.023,15
5.111.639,24
5.378.062,98
4.600.642,91
4.616.953,60
1.955.782,86
1.950.196,16
2.033.903,61
1.570.609,15
1.289.623,73
542.570,92
1.774.153,61
578.230,19
2.453.016,94
464.475,97
651.082,22
444.475,97
782.817,57
819.197,67
654.982,27
652.982,27
16.079.621,62
13.971.786,63
13.596.009,09
13.059.697,05
7.254.325,25
2.782.604,87
9.320.944,01
603.747,70
4.930.027,47
267.480,07
4.373.406,66
137.835,48
6.231.695,59
5.851.986,77
5.104.790,25
5.191.228,21
275.912,73
311.129,02
281.129,02
281.129,02
123.797,49
131.726,37
129.158,37
92.158,37
155.891,10
17.046,00
17.046,00
17.046,00
2.296.717,97
2.983.843,05
2.151.135,09
3.239.124,29
2.131.694,95
2.525.699,91
2.135.613,69
2.320.988,77
13.683.564,51
36.800.000,00
114.274.735,90
14.391.675,50
31.350.000,00
106.849.125,04
14.351.675,50
31.350.000,00
98.480.348,84
14.351.675,50
31.350.000,00
93.078.080,08
-
-
-
-
114.274.735,90
106.849.125,04
98.480.348,84
93.078.080,08
24
Nella seguente tabella è evidenziato il trend delle spese dall’esercizio 2016 assestato fino
all’esercizio 2019 per Titolo:
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Esercizio 2016 previsione assestata
DESCRIZIONE
SPESE PER TITOLO
Spesa corrente
Spesa in conto capitale
Spesa per incremento
attività finanziarie
Rimborso di prestiti
Chiusura Anticipazioni
da istituto
tesoriere/cassiere
Spese per conto terzi e
partite di giro
TOTALE SPESE
Disavanzo di
amministrazione
TOTALE GENERALE
SPESE
ANNO 2016
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
46.285.629,89
44.744.597,81
43.708.547,41
42.664.252,55
14.571.698,45
13.173.727,44
6.554.426,02
2.401.163,26
2.983.843,05
3.239.124,29
2.525.699,91
2.320.988,77
13.633.564,51
14.341.675,50
14.341.675,50
14.341.675,50
36.800.000,00
114.274.735,90
31.350.000,00
106.849.125,04
31.350.000,00
98.480.348,84
31.350.000,00
93.078.080,08
-
-
-
-
114.274.735,90
106.849.125,04
98.480.348,84
93.078.080,08
1.1.3.b Il trend storico dei flussi finanziari ed economici degli enti partecipati 2012/2015
Nel presente paragrafo sono illustrati alcuni dati relativi agli organismi partecipati del Comune di
Rosignano Marittimo. Oltre al quadro delle partecipazioni, sono illustrate le variazioni intervenute,
nel corso dell’ultimo triennio alle seguenti voci di bilancio:
- Valore della produzione;
- Costi della produzione;
- Risultato netto.
Con decreto sindacale n. 212 del 31/03/2015 è stato approvato il piano operativo di
razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie ai sensi dell’articolo 1,
commi 611/612 della Legge 190/2014 (Legge di Stabilità per il 2015).
In data 31/3/2016 il Sindaco ha inoltrato alla Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti
della Toscana, la relazione di cui all’art. 1, comma 612, della Legge 190/2014 con la quale sono
stati rendicontati i risultati raggiunti rispetto al Piano di Razionalizzazione approvato in data
31/3/2015.
25
Le attività di razionalizzazione sopra descritte hanno delineano il seguente organigramma degli enti
partecipati dall’Amministrazione Comunale:
Comune di
Rosignano
Marittimo
Società
Partecip.
controllate
Crom srl
Quota
partecip.
75,00%
Rosignano
Impianti e
Tecnologia
srl
Quota
partc.
100%
Società
Partecip.
Società
Partecip.
Società
Partecip.
IN
LIQUIDAZIO
NE
Atl srl
Quota
partecip.
11,86 %
Promo. e
Sviluppo srl
Quota
partecip.
12,03
Altri
organismi
Ealp srl
Asa spa
RetiAmbient
e spa
Casalp spa
Quota
partecip.
1,88 %
Quota
partecip
4,28 %
Quota
partecip.
14,50%
Quota
partecip
2,68 %
%
26
Polo Tecnol.
Magona
Quota
partecip.
4,00%
Procedure
Recesso
avviate
Fidi Toscana
spa
Quota
partecip
0,005 %
CROM SRL
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
anno 2012
3.694.708,00
3.930.968,00
- 270.896,00
anno 2013
3.685.892,00
3.706.777,00
- 181.208,00
anno 2014
3.797.509,00
3.837.457,00
84.909,00
anno 2015
3.979.989,00
3.928.474,00
2.772,00
4.500.000,00
4.000.000,00
3.500.000,00
3.000.000,00
2.500.000,00
Valore della produzione
Costo della produzione
2.000.000,00
Risultato netto
1.500.000,00
1.000.000,00
500.000,00
anno 2012
anno 2013
anno 2014
anno 2015
-500.000,00
ATL SRL
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
anno 2012
25.825.499,00
26.684.739,00
3.955.740,00
-
anno 2013
213,00
77.332,00
212.491,00
-
anno 2014
141,00
36.644,00
7.009,00
30.000.000,00
25.000.000,00
20.000.000,00
15.000.000,00
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
10.000.000,00
5.000.000,00
anno 2012
anno 2013
anno 2014
-5.000.000,00
27
anno 2015
anno 2015
1,00
57.651,00
- 59.768,00
EALP SRL
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
-
anno 2012
674.855,00
719.971,00
92.308,00
-
anno 2013
661.792,00
571.489,00
34.304,00
anno 2014
588.787,00
545.576,00
2.720,00
anno 2015
565.747,00
559.850,00
10.246,00
800.000,00
700.000,00
600.000,00
500.000,00
400.000,00
Valore della produzione
300.000,00
Costo della produzione
Risultato netto
200.000,00
100.000,00
anno 2012
anno 2013
anno 2014
anno 2015
-100.000,00
-200.000,00
ASA SPA
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
anno 2012
90.382.804,00
86.121.867,00
6.322.011,00
anno 2013
91.235.554,00
84.067.388,00
24.340.985,00
anno 2014
96.440.934,00
88.200.531,00
5.485.893,00
anno 2015
98.841.280,00
91.089.568,00
2.733.579,00
120.000.000,00
100.000.000,00
80.000.000,00
Valore della produzione
60.000.000,00
Costo della produzione
Risultato netto
40.000.000,00
20.000.000,00
anno 2012
anno 2013
anno 2014
28
anno 2015
RETIAMBIENTE SPA
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
-
anno 2012
40.752,00
42.501,00
31.261,00
anno 2013
26.453,00
23.754,00
4.935,00
-
anno 2014
7.358,00
5.334,00
anno 2015
29,00
12.676,00
- 10.906,00
*La società è inattiva
50.000,00
40.000,00
30.000,00
20.000,00
Valore della produzione
10.000,00
Costo della produzione
-
Risultato netto
anno 2012
anno 2013
anno 2014
anno 2015
-10.000,00
-20.000,00
-30.000,00
-40.000,00
CASALP SPA
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
anno 2012
13.167.272,00
12.781.468,00
23.228,00
anno 2013
11.939.747,00
12.099.024,00
16.466,00
anno 2014
12.079.182,00
11.645.051,00
15.349,00
anno 2015
12.272.006,00
11.685.700,00
159.164,00
14.000.000,00
12.000.000,00
10.000.000,00
8.000.000,00
Valore della produzione
Costo della produzione
6.000.000,00
Risultato netto
4.000.000,00
2.000.000,00
anno 2012
anno 2013
anno 2014
29
anno 2015
POLO MAGONA
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
anno 2012
1.180.850,00
1.142.739,00
6.493,00
-
anno 2013
762.555,00
752.779,00
29.589,00
anno 2014
778.693,00
751.855,00
9.786,00
anno 2015
778.900,00
760.524,00
694,00
1.400.000,00
1.200.000,00
1.000.000,00
800.000,00
Valore della produzione
600.000,00
Costo della produzione
Risultato netto
400.000,00
200.000,00
anno 2012
anno 2013
anno 2014
anno 2015
-200.000,00
ROSIGNANO IMPIANTI E TECNOLOGIA
SRL - bilancio consolidato
Valore della produzione
Costo della produzione
Risultato netto
30
anno 2015
40.936.911,00
38.866.775,00
1.097.674,00
1.1.4 Gli obiettivi strategici di promozione della legalità e trasparenza in attuazione della L.
190/12 "Disposizioni per la prevenzione e la repressione
della corruzione e dell'illegalità' nella PA"
La legge 190/2012, prevede che «l’organo di indirizzo definisce gli obiettivi strategici in materia di
prevenzione della corruzione e trasparenza, che costituiscono contenuto necessario dei documenti di
programmazione strategico-gestionale e del Piano triennale per la prevenzione della corruzione»
(art. 1, co. 8, come sostituito dal d.lgs. 97/2016). Con l’obiettivo di promuovere la cultura della
legalità e della trasparenza il Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo ha approvato, con
deliberazione n. 145 del 1° ottobre 2014, una mozione che invitava gli Amministratori di Rosignano
ad aderire e sottoscrivere il codice etico denominato “Carta di Pisa”. Con deliberazione di Giunta
Comunale n. 270 del 13 novembre 2014, il Sindaco e la Giunta hanno adottato e fatto proprio il
Codice Etico sottoscrivendone l’adesione a difesa della legalità e trasparenza amministrativa, in
opposizione ad ogni possibile aggressione della criminalità nel nostro territorio. I firmatari,
nell’adempimento delle funzioni pubbliche, si impegnano a conformare la loro condotta ai doveri
istituzionali, di servire la Comunità con diligenza, rettitudine e trasparenza nel rispetto dei principi
del buon andamento ed imparzialità dell’Amministrazione e dei principi di disciplina ed onore. Gli
amministratori si impegnano altresì a svolgere il loro mandato evitando situazioni e comportamenti
che
possono
nuocere
agli
interessi
o
all’immagine
della
Pubblica Amministrazione.
Al fine di una maggiore consapevolezza degli uffici per una piena promozione della legalità e della
trasparenza, l’Amministrazione ribadisce nel DUP il suo impegno sul tema attraverso i seguenti
indirizzi strategici, che saranno declinati sia nel Piano Triennale per la Prevenzione della
Corruzione sia nei documenti di programmazione gestionale dell’Ente, tra cui il piano della
performance, assicurando quindi la coerenza programmatica e l’efficacia operativa degli strumenti.
INDIRIZZI STRATEGICI - PROMOZIONE DELLA LEGALITA’
-
Garantire la trasparenza dell’azione amministrativa per il miglioramento della qualità dei
servizi e delle prestazioni;
-
Promuovere la legalità e l' interesse pubblico nella conduzione degli uffici e nelle prestazioni
di lavoro dei dirigenti e dipendenti;
-
Rendere più efficaci i meccanismi di comunicazione interna e le attività d’informazione e
comunicazione pubblica;
-
Migliorare il coordinamento tra le diverse funzioni e strutture organizzative.
31
SEZIONE STRATEGICA:
Condizioni Interne
32
1.2.1 Organizzazione e modalità di gestione dei servizi pubblici locali
1.2.1.a Il sistema di gestione dei servizi pubblici locali nel territorio
Segue tabella redatta da ogni settore competente indicato nell’ultima colonna:
Descrizione
servizio pubblico
locale
Servizio di
distribuzione del gas
naturale
*Soggetto
erogatore del
servizio (vedi
classificazione
sotto)
Modalità di
gestione e
caratteristiche
del servizio
Società
pubblica ASA
S.p.A.
Convenzione
per la
concessione del
pubblico
servizio di
distribuzione
del gas per uso
domestico,
artigianale,
commerciale,
direzionale, di
piccole aziende
industriali e di
riscaldamento
Servizio idrico
integrato
ASA Spa
Servizio di gestione
REA spa
Convenzione con
società a
controllo
pubblico
Affidamento a
33
Procedure di
controllo
dell’Amministrazione
Settore
rispetto al servizio
Competente
erogato
Disciplinate dalla
Convenzione Rep.
9078 del 14/06/1988,
come prorogata con
atto aggiuntivo Rep. n.
12010 del 19/12/2007
e da ultimo con atto
Rep. 12325 del
30/11/2011:
- corretta esecuzione
e avvio del servizio
di distribuzione del
gas naturale nella
frazione di
Nibbiaia, nei tempi
stabiliti dalla
Programmazion
convenzione;
e e sviluppo del
- verifiche su
territorio
segnalazioni
disservizi;
- verifica andamento
generale della
concessione e stato
della rete di
distribuzione, come
supporto fornito al
Comune di Livorno,
capofila per la gara da
attivare a livello di
ambito per
l’individuazione del
nuovo concessionario
del servizio di
distribuzione.
Da normativa il
controllo spetta
all’Autorità Idrica
Toscana
Programmazione
e sviluppo del
territorio
Verifiche effettuate sui
Programmazion
dei rifiuti urbani
Trasporto pubblico
locale
Società a
controllo
pubblico nelle
more del
subentro del
Gestore Unico
CTT Nord Srl
Atto d’obbligo
Gestione patrimonio
ERP
Nuovo Contratto
di servizio
Casalp Spa
approvato dal
Società pubblica Lode livornese
con delibera n. 6
del 28/12/2015
Gestione piscina
comunale
Sport
Management
S.p.a., S.S.D.
capogruppo di
RTI
Gestione parcheggi
Contratto di
servizio che
ECO COOP IL
comprende:
CAVALLO gestione
Soggetto
operativa e
individuato
sanzioni,
con gara
mantenimento
segnaletica
Concessione
servizi per la
gestione della
piscina comunale
con durata di 9
anni.
34
contenuti del Piano
Economico
Finanziario del
servizio, verifica
applicazione in fattura
dei prezzi unitari RD
contenuti nel predetto
PEF, verifica
corrispondenza
importi complessivi
delle fatture con
l’impegno economico,
verifica operatività del
servizio attraverso
sopralluoghi periodici,
gestione segnalazioni
cittadinanza,
collaborazione con la
PM, verifica fatture
conferimenti di RSU
in discarica attraverso
incrocio dati con
scarichi giornalieri
chiesti a REA Impianti
srl, verifica contenuti
Relazione consuntiva
annuale.
Controllo su rispetto del
contratto di servizio
Attraverso il contratto di
servizio e la
partecipazione al LODE
Livornese – livello
ottimale di esercizio organismo cui
partecipano tutti i
Comuni della Provincia
di Livorno
Verifiche periodiche
sull’impianto, sulla
modalità di gestione e
delle attività svolte
Verifiche mediante
sopralluoghi Polizia
Municipale e U.O.
Manutenzioni per
direttive su segnaletica
e manutenzione
e e sviluppo del
territorio
Servizi alla
persona e
all’impresa
Programmazione
e sviluppo del
territorio
Servizi alla
Persona e alle
Imprese
Servizi alla
persona e
all’impresa
Programmazion
e e sviluppo del
territorio
orizzontale e
verticale,
gestione della
ZTL della
frazione di
Castiglioncello
fino alla
scadenza
dell’affidament
o prevista il
31/12/2017
Gestione randagismo
Gestione cimiteri
Gestione
illuminazione
pubblica
Refezione scolastica
Scuolabus
Asili nido
Ass.ne
MICIFELICI
C.ro.m servizi
srl / Altro
gestore
Citelium S.p.A,
gestione in
economia
integrata da
affidamento
servizio a
soggetto
individuato
mediante gara
(RTI composto
da Sodexo Italia
e Nuovo Futuro
Cooperativa
Sociale)
Affidamento a
soggetto
individuato
mediante gara
(RTI composto
dalla ditta b &b
service società
cooperativa e
dalla ditta ecoal
srl)
gestione in
economia
integrata da
affidamento
servizio a
soggetto
individuato
mediante gara
(Contesto
Affidamento a
soggetto terzo
Affidamento in
house o
procedura ad
evidenza
pubblica per altro
gestore
Convenzione
CONSIP per il
servizio “luce 3”
Procedure
codificate
interne,Protocoll
o specifico,
capitolato di
appalto.
Reports periodici e
controllo incrociato con
AUSL
Programmazione
e sviluppo del
territorio
Verifiche periodiche
sull’attuazione del
contratto di servizio,
controllo dei bilanci e
verifiche attività svolte
Servizi alla
persona e
all’impresa
Disciplinate dalla
Convenzione Consip
Programmazione
e sviluppo del
territorio
Controllo attuazione
capitolato e contratto /
Commissione Mensa/
Attività del Capocuoco
Contratto / Protocolli
Interni
Servizi alla
persona e
all’impresa
Coordinamento
in gestione
diretta/
Capitolato di
appalto /
Regolamento
Comunale di
Servizio
Controllo attuazione
capitolato e contratto
Servizi alla
persona e
all’impresa
Procedure
codificate
interne,Progetto
Educativo
specifico,
Capitolato di
appalto.
Commissione Qualità
servizi educativi/
Capitolato di
Appalto/Regolamento
Servizi prima Infanzia
Servizi alla
persona e
all’impresa
35
Scuole dell’Infanzia
Servizi Educativi
Estivi 0/6
Assistenza disabili
nelle scuole
Infanzia
cooperativa
sociale)
gestione in
economia
integrata da
affidamento
servizio a
soggetto
individuato
mediante gara
(Contesto
Infanzia
cooperativa
sociale)
gestione in
economia
integrata da
affidamento
servizio a
soggetto
individuato
mediante gara
(Cooperativa
Sociale
Contesto
Infanzia)
servizio a
soggetto
individuato
mediante gara:
Cooperativa
Nuovo Futuro
Gestione del Polo di
impiantistico di
Scapigliato
Società
pubblica
Rosignano
Impianti e
Tecnologie
S.r.l.
Manutenzione del
verde pubblico
Società
pubblica
Rosignano
Impianti e
Tecnologie
S.r.l.
Soggetto
capofila Pro
Loco di Vada
Servizio di
informazione turistica
Procedure
codificate
interne,Progetto
Educativo
specifico,
Capitolato di
appalto.
Commissione Qualità
servizi educativi/
Capitolato di
Appalto/Regolamento
specifico
Servizi alla
persona e
all’impresa
Piano Educativo
Comunale e
Contributi
Regionali
Commissione Qualità
servizi educativi/
Capitolato di
Appalto/Regolamento
specifico
Servizi alla
persona e
all’impresa
Affidamento
tramite gara
servizio
assistenza
disabili nelle
scuole
Reportistica della scuola
e comunicazioni
pervenute dagli istituti
scolastici
Servizi alla
persona e
all’impresa
Attività di controllo
disciplinate dalla
concessione
Programmazion
e e sviluppo del
territorio
Attività di controllo
disciplinate dalla
concessione
Programmazion
e e sviluppo del
territorio
Affidamento in
concessione
come da
Delibera
Consiliare n.
112 del
16/7/2015.
Affidamento
come da
Delibera
Consiliare n.
112 del
16/7/2015.
Convenzione con
Pro Loco di
Vada, con
validità sino al
06.08.2016
Il servizio è stato
gestito secondo
gli standard
36
Controllo in sede di
rendicontazione,
relativamente
all’apertura degli uffici.
Settore Servizi
alla Persona e
all’Impresa.
previsti dalla
normativa sul
turismo.
Affidamento a
soggetto
individuato
mediante gara
(RTI con
capogruppo
l’impresa
ITouch&Tour
srl)
Servizi Sociali
Consorzio
pubblico
Società della
Salute Bassa Val
di Cecina
Gestione Emergenza
abitativa
C.ro.m servizi
srl
o
Altro gestore
Gestione farmacie
comunali
C.ro.m servizi
srl
Trasporto disabili
Società
Pubblica
Assistenza
Capitolato di
appalto inerente
la gestione dei
servizi di
informazione e
accoglienza
turistica;
prenotazione e
vendita di servizi
turistici; attività
di bookshop e
vendita
merchandising
Verifiche come da
capitolato di appalto e
rendicontazione
semestrale all’Ente dei
servizi offerti
Affidamento
diretto della
gestione dei
servizi sociali
Controllo attraverso la
verifica delle scelte
politiche e del bilancio
del Consorzio.
Servizi alla
persona e
all’impresa
Rendicontazione
periodica dei contratti in
essere
Servizi alla
persona e
all’impresa
Verifiche degli indirizzi
delle politiche
farmaceutiche attraverso
l’analisi dei bilanci
Servizi alla
persona e
all’impresa
Verifiche periodiche
sull’andamento del
servizio
Servizi alla
persona e
all’impresa
Affidamento in
house o
manifestazione di
interesse
(procedura ad
evidenza
pubblica)
Affidamento in
house della
gestione delle
farmacie
comunali
Convenzione di
gestione attività
di trasporto
disabili
CONTROLLO QUALITA’ SERVIZI – METODOLOGIA
Tra gli obblighi normativi monitorati dalla Corte dei Conti nel referto annuale sui controlli interni
rientra il controllo sulla qualità dei servizi (art 147 tuel), da formalizzare con delibera (quesito 6.2
referto 2015).
37
La Conferenza dei Dirigenti ha stilato il 19 maggio 2016 un primo elenco dei servizi da monitorare,
e a settembre 2016, i Responsabili dei Servizi hanno compilato specifiche schede con gli obiettivi
di qualità da misurare e gli indicatori da utilizzare.
Gli indicatori di monitoraggio suggeriti (a scelta) erano:
a. accessibilità delle informazioni
b. tempestività tra richiesta ed erogazione
c. trasparenza su criteri e tempi di erogazione
d. trasparenza sui costi
e. trasparenza sulle responsabilità del servizio
f. correttezza con l’utenza
g. affidabilità del servizio
h. compiutezza del servizio
i. fissazione degli standard di qualità (Carta dei servizi)
La Conferenza ha deciso di specificarne almeno 4 per ciascun servizio soggetto a controllo , tra le
tipologie suggerite dalla Corte sui servizi attualmente soggetti a monitoraggio) che sono i seguenti:
Cimiteri: accessibilità informazioni/tempestività tra richiesta ed erogazione/trasparenza sui
costi/fissazione degli standard di qualità (Carta dei servizi Riesame annuale)
Gas
naturale:
accessibilità
delle
informazioni/trasparenza
sui
costi/correttezza
con
l’utenza/affidabilità del servizio
Illuminazione pubblica: Tempestività tra richiesta ed erogazione /.Correttezza utenza/.Accesso alle
informazioni/Affidabilità del servizio
Manutenzione
del
verde:
Tempestività
tra
richiesta
ed
erogazione/Correttezza
con
l’utenza/Accesso alle informazioni/Affidabilità del servizio
Mensa scolastica: accessibilità informazioni/ trasparenza su responsabilità del servizio/affidabilità
del servizio/standard di qualità (Carta dei servizi riesame annuale)
Polo Scapigliato: istituita Commissione controllo, monitoraggio in corso di implementazione
Raccolta e spazzamento : accessibilità delle informazioni/trasparenza su criteri e tempi di
erogazione/trasparenza sui costi approvati nel PEF/affidabilità del servizio/compiutezza del
servizio
38
Trasporto scolastico: accessibilità delle informazioni/correttezza con l’utenza/affidabilità del
servizio/fissazione degli standard di qualità (Carta dei servizi riesame annuale)
Asilo nido e scuola materna: accessibilità informazioni/trasparenza su criteri e tempi di
erogazione/affidabilità del servizio/fissazione degli standard di qualità (Carta dei servizi)
Emergenza abitativa: accessibilità delle informazioni /trasparenza sui costi / correttezza con
l’utenza/affidabilità del servizio (Si prevede nuovo protocollo di intesa che definisca oneri e compiti
reciproci.)
1.2.1.b Il “Gruppo Comunale”: indirizzi generali, obiettivi di servizio e procedure di controllo
Ai sensi dell’Articolo 147-quater del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i. “L'ente locale definisce, secondo la
propria autonomia organizzativa, un sistema di controlli sulle società non quotate, partecipate dallo
stesso ente locale”. Tale attività di controllo è stata implementata dall’Ente a partire dall’anno 2009
attraverso la costruzione di una prima banca dati. L’analisi e il costante aggiornamento di tale banca
dati consente di supportare le attività che il Comune svolge in veste di socio (programmazione
finanziaria, coordinamento dei propri rappresentanti, analisi di bilancio, etc …), e di supportare le
attività relative agli obblighi di comunicazione periodica previsti dalla normativa vigente (Corte dei
Conti, Funzione Pubblica, Regione...). A decorrere dal 2014 l’Amministrazione, mediante
l’adozione di appositi atti di indirizzo, esercita la propria funzione di governance definendo gli
obiettivi economici, finanziari e gestionali delle società controllate. Sul quadro sopra rappresentato
è intervenuto il D.Lgs. 19 agosto 2016, n. 175 “Testo unico in materia di società a partecipazione
pubblica” il quale, fra l’altro, prevede:
- la revisione straordinaria delle partecipazioni pubbliche entro il 23.03 p.v. (ex art. 24)
- la necessità che le amministrazioni pubbliche socie fissino, con propri provvedimenti, nei
confronti delle proprie società controllate, obiettivi specifici annuali e pluriennali sul complesso
delle spese di funzionamento ivi comprese quelle per il personale (ex art. 19)
Per il triennio 2017/2019, con riferimento alla necessità di definire gli indirizzi di cui sopra
unitamente agli obiettivi di servizio e gestionali da conseguire, in attuazione dell’allegato 4/1 punto
8.1, si prevede quanto sotto riportato:
39
SOCIETA’ CONTROLLATE
SOCIETA’
CROM SERVIZI SRL
La Società ha per oggetto:
1. la gestione delle Farmacie; potrà acquisire altresì le
farmacie di altri soggetti nei limiti e con le modalità
consentite dalle norme disciplinanti il servizio
farmaceutico;
OGGETTO SOCIALE
2. l'espletamento dei servizi pubblici locali cimiteriali, così
come definiti dalle vigenti norme statali e regionali;
3. altri servizi e attività collegati ovvero collegabili alle
attività degli Enti Locali soci, se non in contrasto con la
normativa vigente al momento dell’affidamento.
75% Capitale sociale pari ad € 3.000.000,00
% PARTECIPAZIONE
Anno 2011 Perdita € – 103.562,00
Anno 2012 Perdita € – 270.896,00
ANDAMENTO DEI BILANCI Anno 2013 Perdita € – 181.208,00
Anno 2014 Perdita € - 84.909,00
Anno 2015 Utile € 2.771,53
Affidamento diretto gestione delle farmacie comunali, dei
SERVIZI AFFIDATI
servizi cimiteriali e dell’emergenza abitativa.
- Mantenimento dell’equilibrio economico nel triennio
2017 – 2019;
- Contenimento dei costi di funzionamento intesi quali
costi generali di amministrazione;
- Contenimento dei costi di personale;
- Invarianza o riduzione degli oneri derivanti dalla
DETERMINAZIONI
contrattazione di secondo livello di carattere non
INDIRIZZI
cogente.
- Rispetto dei contratti di servizio e altri atti equipollenti.
Resta inteso che gli sviluppi futuri di predetta società
unitamente al mantenimento dei servizi affidati saranno oggetto
di valutazione in sede di revisione straordinaria ex art. 24 del
D.Lgs. 175/2016.
SOCIETA’
OGGETTO SOCIALE
ROSIGNANO IMPIANTI E TECNOLOGIA SRL E
SOCIETA’ PARTECIPATE
La Società ha per oggetto le seguenti attività:
- gestione, in senso ampio ed a qualunque titolo, di impianti ed
aree di stoccaggio, trattamento e smaltimento di rifiuti
classificati, secondo le normative vigenti, come rifiuti urbani ed
assimilati e/o rifiuti speciali. Tale attività sarà svolta secondo le
normative vigenti e con le autorizzazioni rilasciate secondo le
predette normative;
- la ricezione dei rifiuti classificati come urbani dovrà essere
effettuata sulla base degli accordi intercorrenti con i soggetti
individuati dalla normativa come responsabili della
programmazione e gestione di tali processi;
- progettazione, realizzazione e gestione di impianti per il
trattamento e lo smaltimento rifiuti o loro frazioni, al fine di
40
% PARTECIPAZIONE
ANDAMENTO DEI BILANCI
sviluppare le migliori tecnologie in materia e garantire le
premesse per il raggiungimento di obiettivi di riduzione
dell'impatto ambientale del trattamento, il rispetto delle
percentuali di raccolta differenziata previste dalla normativa
vigente, lo sviluppo del riutilizzo, la valorizzazione energetica
ed il recupero come materie prime seconde dei rifiuti;
- promozione di studi, ricerche ed applicazioni tecnologiche in
materia di trattamento, inertizzazione e smaltimento di rifiuti al
fine di attenuarne l'impatto ambientale ed individuare e
sviluppare forme di riduzione della produzione di rifiuti, riciclo,
riutilizzo come materie prime seconde, valorizzazione
energetica;
- promozione, anche attraverso partecipazione a società o jointventure, della filiera del riutilizzo e recupero dei rifiuti di
qualsiasi natura;
- gestione di attività agricole e di mantenimento del verde
pubblico al fine di completare la filiera del trattamento dei
rifiuti e delle materie di scarto derivanti, al fine di
valorizzazione delle stesse e dell'utilizzo dei prodotti derivanti
dal loro trattamento, nonché l’attività di sfalcio dell’erba sulle
banchine stradali. La società, in via non prevalente e del tutto
accessoria e strumentale e, comunque con espressa esclusione
di qualsiasi attività svolta nei confronti del pubblico, può
compiere operazioni finanziarie e mobiliari; può inoltre
concedere fideiussioni e avalli, cauzioni, garanzie anche a
favore di terzi, e assumere, sia direttamente che indirettamente,
partecipazioni in società italiane ed estere aventi oggetto
analogo, affine o connesso al proprio e comunque
partecipazioni che possono considerarsi funzionali e/o
strumentali all’esercizio dell’attività ed al perseguimento
dell’oggetto sociale. La società potrà comunque svolgere le
attività previste dalle SOA OG12, OS14 e OS24 di cui al DPR
207/10 che, a mero titolo esemplificativo e non esaustivo,
potranno riguardare: la esecuzione di opere necessarie per la
realizzazione della bonifica e della protezione ambientale; la
costruzione e manutenzione di impianti di trattamento di
recupero dei materiali, comprensivi dei macchinari di
preselezione e compostaggio; la realizzazione e la
manutenzione del verde urbano, compreso il montaggio e la
manutenzione degli elementi non costituenti impianti
tecnologici necessari a consentire un miglior uso della città.
100% Capitale sociale pari ad € 90.000,00
La Società è stata formalmente costituita il 18/03/2014, ed è
stata inattiva fino al 1/11/2015.
Anno 2014 Perdita € - 23.747,00
Anno 2015 Utile € 55.984,00 (R.I.T. S.r.l.)
Anno 2015 Utile € 1.097.674,00 (R.I.T. S.r.l.- Bilancio
consolidato)
La Società è proprietaria della totalità delle quote di Rea
41
SERVIZI AFFIDATI
Impianti srl. Il Bilancio consolidato di cui sopra verte dunque
sul consolidamento dei predetti soggetti.
Con delibera del Consiglio Comunale n. 112 del 16/7/2015
l’Amministrazione Comunale ha approvato lo schema di
concessione del servizio di gestione del Polo Impiantistico di
Scapigliato e di affidamento del servizio di manutenzione delle
aree a verde pubblico affidando la stessa alla Società Rosignano
Impianti e Tecnologia Srl. In data 28/07/2016, repertorio 1841, è
stato sottoscritto il relativo contratto per la concessione della gestione
del Polo impiantistico di Scapigliato e di affidamento del servizio di
gestione del verde pubblico.
DETERMINAZIONI
INDIRIZZI
Da applicare alla capogruppo R.I.T. S.r.l. ed alla sua partecipata
R.E.A. Impianti S.r.l.;
- Mantenimento dell’equilibrio economico nel triennio
2017 – 2019;
- Contenimento dei costi di funzionamento intesi quali
costi generali di amministrazione;
- Contenimento dei costi di personale;
- Invarianza o riduzione degli oneri derivanti dalla
contrattazione di secondo livello di carattere non
cogente.
- Rispetto dei contratti di servizio in materia di gestione
del Polo di Scapigliato e manutenzione del verde (ex
deliberazione consiliare n. 167/2015).
Resta inteso che gli sviluppi futuri di predetta società
unitamente al mantenimento dei servizi affidati saranno oggetto
di valutazione in sede di revisione straordinaria ex art. 24 del
D.Lgs. 175/2016.
Con riferimento alle predette società controllate si prevede che la Giunta Comunale adotti apposite
deliberazioni attuative degli indirizzi di cui sopra in modo da esplicitare in maniera analitica gli
“obiettivi specifici, annuali e pluriennali” di cui all’art. 19 del D.Lgs. n. 175/2016, fatta salva la
possibilità di integrare e modificare gli indirizzi di cui sopra in sede di deliberazione consiliare della
revisione straordinaria delle partecipazioni ex art. 24 del medesimo disposto.
SOCIETÀ PARTECIPATE
SOCIETA’
OGGETTO SOCIALE
ASA SPA
La società ha per oggetto in Italia e all’estero l’impianto e la
gestione dei seguenti servizi:
1) captazione, trattamento e distribuzione delle acque
potabili e industriali, raccolta, depurazione e riciclo delle
acque reflue, trattamento dei fanghi di depurazione, raccolta
e colletta mento delle acque meteoriche, trasporto
conto/terzi per svuotatura pozzi neri;
2) acquisto e distribuzione di gas metano, gestione risorse
42
% PARTECIPAZIONE
ANDAMENTO DEI BILANCI
energetiche, produzione di energia, distribuzione del calore;
3) manutenzione delle reti stradali, di illuminazione
pubblica e della segnaletica, compresi sistemi di regolazione
del traffico
4) progettazione, realizzazione, gestione, manutenzione ed
esercizio di reti ed impianti per telecomunicazioni e la
prestazione di ogni servizio nel settore delle
telecomunicazioni.
4,28% Capitale sociale pari ad € 1.224.341,64
Anno 2011 Utile € 450.030,00
Anno 2012 Utile € 6.322.011,00
Anno 2013 Utile € 24.340.985,00
Anno 2014 Utile € 5.485.893,00
Anno 2015 Utile € 2.733.579,00
CONVENZIONE DI GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO
Convenzione tipo ex art.11 L.36/1994 e Patti Aggiunti come
emendati da provvedimenti amministrativi AATO fino alla Del.
Ass. n. 19/29.12.2009, e successivamente integrato con delibere
assembleari n. 5/6 del 2013.
CONCESSIONE
SERVIZIO
DISTRIBUZIONE
GAS
NATURALE
• Rep. n. 9078 del 14/06/1988. “Convenzione accessiva fra il
Comune di Rosignano Marittimo e l’A.M.A.G. – per la
concessione del pubblico servizio di distribuzione del gas per
uso domestico, artigianale, commerciale, direzionale, di
piccole aziende industriali e di riscaldamento.
• Rep. n. 12010 del 19/12/2007 “Atto aggiuntivo alla
convenzione accessiva fra il Comune di Rosignano Marittimo
e l’A.M.A.G., ora A.S.A. S.p.A., con sede in Livorno via del
Gazometro n. 9, per la concessione del pubblico servizio di
distribuzione del gas per uso domestico, artigianale,
SERVIZI AFFIDATI E
commerciale, direzionale, di piccole aziende industriali e di
CARATTERISTICHE DELLA
riscaldamento stipulata in data 14 giugno 1988 Reperotrio
PARTECIPAZIONE
Comune di Rosignano Marittimo n. 9078” (proroga fino al
31/12/2010).
• Rep. 12325 del 31/11/2011 “Atto aggiuntivo alla convenzione
Rep. n. 9078/1988 come integrata dall’atto Rep. 12010/2007,
tra il Comune di Rosignano Marittimo e A.S.A. s.p.a., relativa
alla concessione del pubblico servizio di distribuzione del gas
sul territorio comunale”: proroga concessione servizio
distribuzione gas naturale fino all’aggiudicazione definitiva
della gara per l’individuazione del nuovo concessionario
effettuata a livello di ambiti territoriali minimi, istituiti con
l’entrata in viogre della normativa di attuazione del D. Lgs. n.
164/2000 e della L. n. 222/2007 e s.m.i..
Ai sensi della Legge regionale 69 del 28/12/2011, L'Autorità
Idrica Toscana, ente pubblico rappresentativo di tutti i comuni
toscani, esercita le funzioni di programmazione, organizzazione
e controllo sull'attività di gestione del servizio idrico integrato.
43
Considerata la partecipazione residuale detenuta, le prerogative
di governance dell’Amministrazione sono minime.
SOCIETA’
ATL SRL IN LIQUIDAZIONE
La società ha per oggetto:
a) l'organizzazione e l'esercizio di servizi di trasporto, sia
pubblico che privato, di persone e di merci, mediante sistemi di
mobilità terrestri, sia su gomma che su ferro, marittimi, lacuali,
fluviali ed aerei;
b) la progettazione, realizzazione, adeguamento, gestione,
manutenzione e uso degli impianti, delle infrastrutture e dei
beni mobili ed immobili per l'esercizio delle attività di
trasporto, sia pubblico che privato, di persone e di merci,
nonché di zone a parcheggio;
c) la gestione di strutture ed impianti per la riparazione e la
revisione dei veicoli, comprese le attività di rimozione e
custodia di automezzi;
d) la costituzione e la gestione di agenzie di viaggio e di
turismo;
OGGETTO SOCIALE
e) l'attività di cambia valute, nell'osservanza della legislazione
vigente in materia;
f) l'impianto, la gestione e l'esercizio di magazzini e/o depositi
generali per lo stoccaggio ed il magazzinaggio di merci varie
e/o di beni mobili in genere e l'esercizio di tutte le attività affini
e connesse;
g) la consulenza e l'assistenza tecnica in materia di trasporto ad
aziende ed enti pubblici o privati;
h) l'assistenza tecnica, finanziaria ed amministrativa, compresa
la gestione del personale, a società controllate o collegate,
oppure da queste ultime controllate o ad esse collegate;
i) l'attività sociale così come definita nel presente articolo può
essere esercitata in tutto o in parte per il tramite di una o più
partecipate.
11,86% Capitale sociale pari ad € 11.864,86
% PARTECIPAZIONE
Anno 2011 Perdita € - 2.436.688,00
Anno 2012 Utile € 3.955.740,00
ANDAMENTO DEI BILANCI Anno 2013 Perdita € - 228.174,00
Anno 2014 Perdita € -7.009,00
Anno 2015 Perdita € - 59.768,00
SERVIZI AFFIDATI SERVIZI Nessun servizio affidato. La società è stata posta in liquidazione
con delibera assembleare del 22 ottobre 2013 adottata con le
AFFIDATI E
CARATTERISTICHE DELLA maggioranze previste dall’art. 2479-bis c.3 del Codice Civile.
Non sono previsti costi diretti a carico dell’Amministrazione.
PARTECIPAZIONE
SOCIETA’
OGGETTO SOCIALE
CTT NORD SRL (partecipazione indiretta)
La Società svolge l’attività di organizzazione ed esercizio di
servizio di trasporto, locale, regionale, nazionale ed
internazionale di persone e di merci. L’attività è svolta
44
% PARTECIPAZIONE
ANDAMENTO DEI BILANCI
mediante sistemi di mobilità terrestri, sia su gomma che su
ferro, marittimi, lacuali, fluviali e aerei. La Società provvede
alla progettazione, realizzazione, adeguamento, gestione,
manutenzione e uso degli impianti, delle infrastrutture e dei
beni immobili e mobili per l’esercizio dei sistemi di mobilità.
Quote indirette pari al 1,69%
Anno 2012 Perdita € - 1.714.923
Anno 2013 Perdita € - 4.564.545
Anno 2014 Perdita € - 1.762.613
Anno 2015 Utile € 429.715
In data 22/10/2012 la Società Atl spa (ora srl in liquidazione)
ha conferito il ramo di azienda dedicato alla gestione del
servizio TPL alla Società Ctt Nord srl, diventandone socia a
tutti gli effetti (quota posseduta da Atl srl pari al 14,23%)
L’Ente con la delibera n. 160 del 21.12.2012, ha approvato la
bozza di Convenzione bilaterale tra la Provincia di Livorno e
ciascun Comune con oggetto i servizi di trasporto urbano ed
extraurbano. Tale Convenzione è stata sottoscritta il
21.12.2012.
SERVIZI AFFIDATI E
CARATTERISTICHE DELLA
PARTECIPAZIONE
Con delibera n. 57 del 09.04.2014, è stata prorogata la
Convenzione bilaterale sopracitata al 31.12.2015 e comunque
non oltre il completamento della riforma regionale ovvero non
oltre il completamento della procedura di gara per
l’affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale (TPL).
Nelle more della definitiva aggiudicazione del servizio TPL da
parte della R.T., la Società sta svolgendo il servizio in
attuazione di specifici atti d’obbligo da parte della Provincia di
Livorno.
La partecipazione dell’Amministrazione Comunale è di natura
indiretta mediante ATL. Considerata la partecipazione
residuale, peraltro indiretta, le prerogative di governance
dell’Amministrazione sono minime.
SOCIETA’
OGGETTO SOCIALE
CASALP SPA
La Società assolve alle funzioni previste dalla L.R.T. n. 77/98 e
nel rispetto delle leggi vigenti in materia di ERP. Casa Livorno e
Provincia S.P.A. si impegna a svolgere, come da Statuto, le
seguenti funzioni:
a) interventi di recupero, manutenzione, gestione amministrativa
del patrimonio destinato all'ERP già in proprietà dei Comuni e
del patrimonio loro attribuito ai sensi dell'art. 3, comma 1,
L.R.T. 77/98, secondo i contratti di servizio;
b) interventi collegati alle funzioni individuate nell'art. 4,
comma 1, della L.R.T. 77/98 sulla base dei contratti di servizio;
c) interventi di recupero e di ristrutturazione urbanistica attuati
in via diretta o attraverso la partecipazione a Società di
45
Trasformazione Urbana, costituite ai sensi dell'art. 120 del D.
Lgs. 267/2000, per l'attuazione dei piani attuativi e di recupero e
di altri programmi di intervento edilizio comunque denominati,
comprese le opere di urbanizzazione primaria e secondaria dei
Comuni associati, dei singoli Comuni, ovvero di altri soggetti
pubblici e privati;
d) progettazione, finanziamento, acquisizione, cessione,
realizzazione, ristrutturazione, manutenzione e gestione di
immobili destinati ad edilizia residenziale e non, anche
convenzionata, per conto dei Comuni associati, di altri soggetti
pubblici e privati, di cooperative edilizie o anche in proprio,
nonché di alloggi destinati al mercato delle locazioni sulla base
delle leggi vigenti per conto proprio o di terzi soggetti pubblici o
privati;
e) acquisizione, cessione per conto dei comuni, realizzazione,
gestione e amministrazione ordinaria e straordinaria del nuovo
patrimonio edilizio, abitativo e non, dei Comuni associati,
ovvero della Società o di altri soggetti, pubblici e privati,
secondo appositi contratti di servizio o negozi di natura
privatistica;
f) manutenzione ordinaria e straordinaria di patrimonio proprio,
di quello conferito in gestione da altri soggetti e di quello
realizzato o, comunque, acquisito direttamente o in favore di
altri soggetti pubblici e privati;
g) interventi di trasformazione urbana, comprensivi della
progettazione, del finanziamento, del reperimento di risorse
pubbliche e private e di altre iniziative strumentali alla
realizzazione degli obiettivi individuati, in favore dei Comuni
associati o di altri soggetti pubblici e privati, anche mediante la
costituzione o la partecipazione ad altre società;
h) interventi di valorizzazione del patrimonio immobiliare,
abitativo e non, dei Comuni soci, anche mediante la costituzione
e/o la partecipazione, maggioritaria e/o minoritaria, a società di
scopo, la costituzione di fondi immobiliari aperti e chiusi ed
ogni altra forma prevista dalle leggi;
i) tutte le attività strumentali, complementari e finanziarie
connesse alla realizzazione dei compiti di cui alle precedenti
lettere.
2,68% Capitale sociale pari ad € 160.767,85
% PARTECIPAZIONE
Anno 2011 Utile € 55.627,00
Anno 2012 Utile € 23.228,00
ANDAMENTO DEI BILANCI Anno 2013 Utile € 16.466,00
Anno 2014 Utile € 15.493,00
Anno 2015 Utile € 159.164,00
Gestione del Patrimonio ERP di proprietà dell’Ente, ai sensi
della L.R.T. 77/98, in base al Contratto di Servizio approvato il
SERVIZI AFFIDATI E
CARATTERISTICHE DELLA 1/2/2005 e rinnovato il 28/12/2015. Considerata la
partecipazione residuale detenuta, le prerogative di governance
PARTECIPAZIONE
dell’Amministrazione sono minime.
46
SOCIETA’
OGGETTO SOCIALE
% PARTECIPAZIONE
ANDAMENTO DEI
BILANCI
SERVIZI AFFIDATI E
CARATTERISTICHE
DELLA PARTECIPAZIONE
SOCIETA’
OGGETTO SOCIALE
EALP SRL
La finalità principale di EALP è quella di attuare, a livello
locale, il miglioramento e la gestione della domanda di energia.
Per tale motivo promuove l’efficienza energetica, favorisce il
migliore utilizzo delle risorse locali e rinnovabili, e persegue il
miglioramento e
la protezione
dell’ambiente,
attraverso
consulenze, studi di fattibilità, pianificazione energetica,
progettazione, analisi, ricerche, organizzazione banche dati,
audits energetici, diffusione di tecnologie e risultati,
informazione, formazione ed educazione nelle scuole di ogni
ordine e grado.
1,88% Capitale sociale pari ad € 428,58
Anno 2011 Utile € 984,00
Anno 2012 Perdita € -92.308,00
Anno 2013 Perdita € -30.517,00
Anno 2014 Utile € 2.720,00
Anno 2015 Utile € 10.246,00
Al momento non si rilevano servizi affidati. Considerata la
partecipazione residuale detenuta, le prerogative di governance
dell’Amministrazione sono minime.
RETIAMBIENTI SPA
La società, sino a che i suoi soci saranno costituiti
esclusivamente dagli enti locali, o dalle loro società holding,
come indicato nello statuto, ha per oggetto lo svolgimento, in
favore dei comuni soci, di tutti i servizi e attività preparatorie,
organizzative, accessorie e strumentali al successivo
ampliamento del suo capitale ad un socio industriale avente le
caratteristiche di cui all'art.4, comma 12, del d.l. 13 agosto
2011, n.138, convertito nella 14 settembre 2011, n.148, nonché
delle altre norme contenute in detto articolo e di quelle
comunitarie concernenti società a capitale misto per la gestione
dei servizi pubblici locali aventi rilevanza economica.
Al momento in cui la compagine sociale sarà stata ampliata alla
partecipazione di un socio privato avente le caratteristiche di cui
alle norme precedentemente richiamate, la società assumerà
quale oggetto sociale il servizio di gestione integrata dei rifiuti
urbani sul territorio della Comunità d'Ambito Territoriale
Ottimale "ATO Toscana Costa", così come definita dal d.lgs. 3
aprile 2006, n.152, dalla legge regionale della Toscana 18
maggio 1998, n.25, così come modificata dalla legge regionale
22 novembre 2007, n.61, dalla Legge Regionale n. 69/2011 e
dalle altre leggi statali e regionali in materia.
Fermo restando il rinvio alle disposizioni di legge
che_individuano il servizio di gestione integrata dei rifiuti
urbani, solo in via esemplificativa e non esaustiva, sono
47
da_intendersi ricomprese nell'oggetto sociale le seguenti
attività:
a. la raccolta, il trasporto, il trattamento, lo smaltimento, il
recupero dei rifiuti;
b. la raccolta ed il trasporto, la raccolta differenziata, lo
smaltimento dei rifiuti urbani e assimilati; la spedizione
transfrontaliera e la commercializzazione dei rifiuti, la bonifica
dei siti inquinati, ove queste attività sono previste e consentite
dalla legge ed ove siano riferite ai rifiuti urbani o assimilati e/o
strettamente connesse e strumentali alla gestione dei rifiuti
urbani.
c. la gestione, la progettazione, realizzazione e la manutenzione
delle opere ed impianti necessari alla gestione integrata dei
rifiuti urbani e assimilati;
d. la realizzazione, gestione e commercializzazione di
tecnologie, anche informatiche, per la salvaguardia
dell'ambiente, in relazione all'attività di gestione integrata dei
rifiuti_urbani e assimilati;
e. tutte le attività inerenti la definizione della proposta di tariffa
di igiene ambientale, l'applicazione della tariffa e tutte le
operazioni di riscossione della stessa;
f. lo svolgimento, anche per conto terzi, di tutte le attività,
riconducibili ai servizi sopra elencati; la progettazione, la
costruzione e manutenzione di impianti e mezzi di trasporto e
autotrasporto; le attività di ricerca, programmazione e
promozione; l'esercizio di attività di autotrasporto di cose e
rifiuti in conto proprio e per conto di terzi; le attività di
sensibilizzazione ed educazione ambientale; l'informazione agli
utenti e la promozione di iniziative, anche di carattere culturale,
per la diffusione della conoscenza, della conservazione, della
responsabilizzazione sui temi ambientali e per garantire il
risparmio e il corretto utilizzo delle risorse derivanti dalla
gestione dei rifiuti;
g. le attività di studio, ricerca, consulenza, assistenza tecnica e
finanziaria ad enti pubblici nel settore dei pubblici servizi
rientranti nell'oggetto della società;
h. l'organizzazione e la gestione di ogni altra attività e servizio
inerenti il ciclo integrato dei rifiuti urbani ed assimilati come
disciplinato dalle vigenti disposizioni di legge.
14,50% Capitale sociale pari ad € 2.661.379,00
% PARTECIPAZIONE
Tale percentuale di partecipazione deriva dal conferimento della
Società Rea Spa avvenuto in data 30/6/2016.
Anno 2012 Perdita € 31.261,00
Anno 2013 Utile € 4.934,00
ANDAMENTO DEI BILANCI
Anno 2014 Perdita € - 5.334,00
Anno 2015 Perdita € -10.906,00
La Società è stata costituita dai Comuni dell’Ato Toscana Costa
SERVIZI AFFIDATI E
al fine di affidare alla stessa la concessione del servizio di
CARATTERISTICHE DELLA
gestione integrata rifiuti urbani, dallo spazzamento stradale
PARTECIPAZIONE
passando per la raccolta fino allo smaltimento, nelle province di
48
Livorno, Lucca, Massa Carrara e Pisa ad un gestore unico, ai
sensi di quanto disposto dalla L.R.T. 69/2011.
L’attuale processo, sopra descritto, prevede l’affidamento alla
Società del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti solidi urbani
per conto dei Comuni afferenti all’Ato Toscana Costa
presumibilmente entro il 31/12/2017.
Con riferimento alle modalità di governance pubblica della
predetta società si ricorda che l’Autorità d’Ambito Toscana
Costa (ATO), è il soggetto pubblico al quale la normativa
nazionale e regionale in materia, ha assegnato il compito di
affidare il servizio di gestione integrata rifiuti urbani dallo
spazzamento stradale passando per la raccolta fino allo
smaltimento, nelle province di Livorno, Lucca, Massa Carrara e
Pisa ad un gestore unico. Una volta affidato il servizio, la
funzione dell’Autorità si evolverà verso la regolazione ed il
controllo sul gestore, affinché esso rispetti quanto stabilito nel
contratto di servizio: l’Autorità svolgerà questo ruolo in
rappresentanza dei Comuni facenti parte delle suddette
province.
SOCIETA’
OGGETTO SOCIALE
FIDI TOSCANA SPA
1. La Società ha per oggetto l’esercizio del credito, in
particolare di firma, e la raccolta del risparmio, nelle forme e nei
limiti indicati dai successivi titoli III e IV.
2. La Società ha altresì per oggetto la prestazione di consulenze
e la gestione di agevolazioni nelle forme e nei limiti indicati dal
successivo titolo IV.
3. La Società può compiere ogni altra operazione necessaria al
raggiungimento dell’oggetto sociale, anche assumendo
partecipazioni in società aventi un oggetto sociale analogo o
affine al proprio ed in società di investimento a capitale
variabile, in fondi comuni di investimento in valori mobiliari e
immobiliari, di tipo aperto o chiuso, in società di gestione del
risparmio, in società finanziarie.
4. Alla Società sono precluse:
a) la raccolta del risparmio tra il pubblico sotto forma di
depositi;
b) le operazioni di credito effettuate nei confronti di imprese in
difficoltà;
c) le operazioni di credito finalizzate al rientro dei crediti
deteriorati;
d) la possibilità di stabilire accordi che configurino ipotesi di
controllo, anche di fatto, delle
imprese beneficiarie dei suoi interventi;
e) la gestione di patrimoni mobiliari per conto di terzi, con il
divieto di assumere mandati con o
senza preventivo accordo.
49
% PARTECIPAZIONE
0,001% Capitale sociale pari ad € 7.436,00
Anno 2011 Utile € 251.133,00
Anno 2012 Perdita € - 2.354.122,00
ANDAMENTO DEI BILANCI Anno 2013 Perdita € - 6.062.765,00
Anno 2014 Perdita € -3.560.205,00
Anno 2015 Perdita € -13.940.522,00
Nessun servizio affidato. L’Amministrazione ha già avviato il
SERVIZI AFFIDATI E
CARATTERISTICHE DELLA processo finalizzato al recesso da predetta società, ai sensi
dell’art. 569 e 569-bis della Legge 147/2013.
PARTECIPAZIONE
PROMOZIONE E SVILUPPO
BASSA VAL DI CECINA SRL IN LIQUIDAZIONE
La società ha per oggetto sociale la promozione dello sviluppo
di aree omogenee ideando, coordinando e supportando
programmi di sviluppo economico, propri o di terzi, ed
interessanti il territorio della Val di Cecina, dei comuni
interessati e delle aree confinanti e/o limitrofe;
- la promozione e lo sviluppo del turismo nell'area di vocazione,
anche mediante l'organizzazione di fiere, mostre ed esposizioni
e di convegni di carattere economico, culturale, scientifico,
artistico;
- la predisposizione di servizi per rivitalizzare, sviluppare,
OGGETTO SOCIALE
ristrutturare e/o supportare nel territorio di cui sopra, piccole e
medie imprese;
- la ricerca e l'acquisizione di finanziamenti e/o di contributi
comunitari regionali e comunali finalizzati all'attività oggetto
della società;
- operare per il conseguimento d'obbiettivi previsti dai
regolamenti dell'UE, presenti e futuri, svolgendo in tutto o in
parte le azioni specifiche ivi indicate usufruendo delle
provvidenze comunitarie in conformità dell'unione europea e
nazionale.
12,03% Capitale sociale pari ad € 11.364,00
% PARTECIPAZIONE
Anno 2011 Perdita € - 157.167,00
Anno 2012 Perdita € - 56.809,00
ANDAMENTO DEI BILANCI Anno 2013 il bilancio non è stato approvato
Anno 2014 il bilancio non è stato approvato
Anno 2015 il bilancio non è stato approvato
Nessun servizio affidato. La società è stata posta in liquidazione
ai sensi dell’art. 2484 c.1, del Codice Civile, con delibera
assembleare del 15 giugno 2012 adottata con le maggioranze
SERVIZI AFFIDATI E
previste dall’art. 2479-bis c.3 del Codice Civile. La causa di
CARATTERISTICHE DELLA
scioglimento prende effetto dal 28 giugno 2012, quale momento
PARTECIPAZIONE
di iscrizione nel Registro Imprese della relativa deliberazione.
SOCIETA’
Non sono previsti costi diretti a carico dell’Amministrazione.
50
SOCIETA’
CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA
Il Consorzio si propone di promuovere la ricerca tecnologica ed
il trasferimento delle innovazioni nei settori della chimica
relativi:
- alla processistica industriale
- alla processistica legata all’ambiente
- ai materiali
In tali settori si prefigge di:
1. eseguire attività di ricerca per il rinnovamento
tecnologico delle imprese associate che lo richiedono;
2. acquisire commesse di ricerca da privati o enti pubblici
nazionali o internazionali;
3. sviluppare i progetti di ricerca acquisiti;
OGGETTO SOCIALE
4. ripartire tra gli associati ed eventuali imprese, centri o
enti esterni al consorzio, le attività necessarie alla
realizzazione dei progetti acquisiti, pianificandone e
coordinandone l’esecuzione;
5. predisporre siti ed aree attrezzate per le attività di ricerca
applicata e per la realizzazione d’incubatori;
6. approntare impianti pilota e laboratori d’analisi
finalizzati alle attività di ricerca;
7. promuovere l’attività di formazione ed addestramento e
produrre documentazione scientifica e tecnica nelle
discipline di propria competenza
4,00% Capitale sociale pari ad € 7.750,00
% PARTECIPAZIONE
Anno 2011 Utile € 6.113,00
Anno 2012 Utile € 6.493,00
ANDAMENTO DEI BILANCI Anno 2013 Perdita € -29.589,00
Anno 2014 Utile € 9.786,00
Anno 2015 Utile € 694,00
Nessun servizio affidato. In data 20/04/2015 il Sindaco ha
inviato una proposta all’Assemblea dei soci in merito alle
modifiche da apportare ad alcuni articoli dello Statuto relativi
alla governance della Società. In data 22/4/2015 il Presidente
del Consorzio ha inviato al Sindaco una nota di risposta nella
quale rinviava la discussione delle proposte inoltrate al
SERVIZI AFFIDATI E
CARATTERISTICHE DELLA Consiglio di Amministrazione. In data 7/3/2016 (protocollo
11192) il Sindaco ha sollecitato la richiesta di modifica
PARTECIPAZIONE
statutaria, inviando formale comunicazione al Presidente della
Società. In data 31/3/2016 (protocollo15058) il Presidente del
Consorzio ha formalmente comunicato all’Amministrazione che
le modifiche statutarie proposte dal Sindaco saranno portate
all’attenzione prima del Cda e dopo dell’assemblea dei soci.
ENTI STRUMENTALI CONTROLLATI EX ART. 11 TER DEL D.LGS. 118/2011
La Fondazione Armunia – Castello Pasquini promuove, forma e diffonde espressioni della
cultura e dell'arte. La Fondazione è un centro di ideazione e produzione di cultura, persegue finalità
di promozione culturale, realizzando e partecipando ad iniziative ed eventi culturali, artistici e
51
sociali di ambito e di rilevanza locale e/o nazionale ed internazionale, anche attivando forme di
collaborazione con altri soggetti pubblici e privati. La Fondazione promuove la crescita culturale
della comunità locale, anche allo scopo di contribuire allo sviluppo sociale ed economico della
zona. In particolare, la Fondazione promuovere attività teatrali, svolgendo il ruolo di sostegno e di
diffusione del teatro nazionale d’arte, di tradizione e di innovazione. La Fondazione stimola e
sostiene l’innovazione culturale e la creatività, favorendo e facilitando il diritto alla cultura, la
pluralità delle idee e la partecipazione di tutti i cittadini, in particolare dei giovani, in collaborazione
con il Comune, con il sistema educativo e formativo e con altri soggetti pubblici e privati. Alla
stessa sono impartiti gli indirizzi che seguono:
- mantenimento dell’equilibrio economico nel triennio 2017 – 2019;
- contenimento dei costi di funzionamento comprensivi dei costi di personale;
- il rispetto delle convenzioni in essere con l’Amministrazione comunale e l’attuazione degli
obiettivi previsti nella specifica Missione e Programma che segue ed alla quale si rimanda.
La Giunta Comunale è deputata ad adottare apposite deliberazioni attuative e esplicative degli
indirizzi di cui sopra.
52
1.2.2 Gli indirizzi generali di natura strategica relativi alle risorse a disposizione e agli
impieghi previsti dal programma di mandato
1.2.2.a Gli investimenti e la realizzazione delle opere pubbliche
Si rimanda al successivo punto 2.2.1.a con riferimento al Programma Triennale delle Opere
Pubbliche per il periodo 2017 – 2019.
1.2.2.b Programmi e progetti di investimento in corso di esecuzione e non ancora conclusi
Di seguito elencati i progetti di investimento in corso, sia per la parte progettuale che in fase di
esecuzione secondo quanto elaborato e rimesso dal Settore Programmazione e sviluppo del
territorio.
ANNO
PIANO
DELLE
OPERE
2011
2011
2012
2014
2014
2015
2015
DESCRIZIONE
DELL’INTERVENTO
STATO DELLE PROCEDURE
ALLA DATA DEL 31/12/2016
UO Progettazione ed Esecuzione
LL.PP.
Adeguamento
ai
fini
della Progetto esecutivo con Det. N. 1022 del
prevenzione incendi del Museo 20/12/13.
Bombardieri
Lavori affidati definitivamente con Det. 569 del
21/10/15. Lavori iniziati a gennaio 2016 e
completati nel mese di giugno 2016
Manutenzione
straordinaria Progetto esecutivo con Det. 1058 del 23/12/13.
illuminazione pubblica
lavori affidati con Det. 145 del 08/04/15. Lavori
iniziati ad aprile 2016 e tutt’ora in corso.
Adeguamento e completamento Progetto preliminare con Del.G.C. n.1158 del
abbattimento
barriere 28/12/12.
architettoniche
nei
percorsi Progetto esecutivo approvato con Det. 606 del
pedonali tra Piazza Gramsci e via 28/10/15; lavori affidati con Det. 130 del
Falcone e Castelnuovo M.dia
06/04/2016. lavori iniziati a maggio 2016 e
tutt’ora in corso.
Risanamento ponte su via Aurelia Progetto preliminare del 30/12/14.
su
Fosso
Quercetano,
a Incarico per progettazione esterna con Det. 549
Castiglioncello
del 11/11/2014. in corso approvazione progetto
esecutivo.
Realizzazione sistema anticaduta Progetto esecutivo con Det. N. 199 del 11/05/15.
Palazzina di via Gramsci, a Lavori affidati con Det. 422 del 03/09/15. Lavori
Rosignano M.mo
iniziati a novembre 2015 e terminati a gennaio
2016.
Realizzazione di nuova fognatura Progetto preliminare con Del.G.C. n.239 del
bianca su Viale Trieste
25/08/15
Progetto esecutivo con Det. 634 del 05/11/15.
Lavori affidati con Det. 133 del 06/04/16. Lavori
iniziati ad aprile 2016 e conclusi al 15/06/16.
Manutenzione
straordinaria Progetto preliminare con Del. G.C. n. 249 del
53
facciate scuola media Fattori
Manutenzione
straordinaria
copertura asilo Nghè
2015
2015
Riparazione locale
strutturale
presso scuola elementare Novaro a
Vada
2015
Realizzazione nuovo blocco loculi
presso il cimitero di Rosignano
M.mo
2015
Manutenzione straordinaria della
rampa sud del cavalcaferrovia a
Rosignano Solvay
Manutenzione
straordinaria
copertura scuola Novaro a Vada
2015
2014
2014
2016
2016
2015
2015
Regimazione idraulica fiume Fine
lotto 1 e 4 primo stralcio
Messa in sicurezza e adeguamento
coperture vari immobili comunali –
1° lotto sede via Lavoratori
01/09/15
Progetto esecutivo con Det. 791 del 09/12/2015.
Lavori affidati con Det. 291 del 10/06/16: inizio
opere previsto per luglio 2016
Progetto preliminare con Del.G.C. n.251 del
01/09/15
Progetto esecutivo con Det. 797 del 10/12/15.
Lavori affidati con Det. 298 del 13/06/16: inizio
cantiere previsto per luglio 2016.
Progetto preliminare con Del.G.C. n. 250 del
01/09/15
Progetto esecutivo con Det. 854 del 16/12/2015.
Lavori affidati con Det. 293 del 10/06/16: inizio
cantiere previsto per luglio 2016.
Progetto definitivo con Del G.C. n.275 del
22/09/15.
Progetto esecutivo con Det. 609 del 28/10/15.
Lavori affidati con Det. 93 del 17/03/16. Inizio
lavori aprile 2016 e tutt’ora in corso.
Progetto preliminare con Del. G.C. 278 del
06/10/15.
Progetto esecutivo con Det. 784 del 07/12/15.
Lavori affidati con Det. 295 del 10/06/16: inizio
cantiere previsto per settembre 2016.
Progetto definitivo con Del. G.C 315 del
02/11/05.
Progetto esecutivo con Det. 882 del 18/12/15.
Lavori affidati con det. 294 del 10/06/16: inizio
cantiere previsto per luglio 2016.
Approvazione progetto definitivo 22/05/2014
Sottoscritta convenzione tra Comune, R.F.I. e
Regione Toscana nel mese di dicmbre 2015.
Lavori iniziati gennaio 2016.
Progetto esecutivo approvato con Det. 1009 del
31/12/15.
Lavori affidati definitivamente con Det. 132 del
06/04/16.
Inizio lavori a maggio 2016 e tutt’ora in corso.
Progetto esecutivo approvato ed affidati lavori
con Det. 292 del 10/06/16. Lavori attualmente in
corso.
Manutenzione
straordinaria
e
adeguamento
impianti
di
climatizzazione presso castello
Pasquini
Realizzazione discesa a mare Progetto preliminare approvato con Del G.C. 350
pubblica presso Cardellino, in del 03/12/15.
Pineta Marradi
In corso acquisizione parere Soprintendenza.
UO Manutenzioni
Interventi vari di manutenzione Interventi eseguiti
impianti sportivi sul territorio
comunale
Interventi vari di manutenzione e In esecuzione
54
2015
2015
2015
2015
2015
2015
adeguamento dei cimiteri comunali
Interventi vari di manutenzione
scuole comunali
Interventi vari di manutenzione
immobili comunali
manutenzione
straordinaria
impianti di riscaldamento e
climatizzazione
manutenzione arenili
Interventi vari di manutenzione e
adeguamento segnaletica stradale
Interventi vari di manutenzione e
adeguamento strade e fognature
Espletata gara – Riapprovati elaborati progettuali
ai sensi della nuova normativa. Avvio gara
Interventi Eseguiti
Interventi eseguiti
Intervento eseguito
Intervento in corso, eseguiti lavori per la metà
dell’importo contrattuale
Interventi eseguiti.
1.2.2.c I tributi e le tariffe dei servizi pubblici
Come già ricordato sopra la L. 232/2016 si caratterizza, per il periodo d’imposta 2016, per il blocco
della pressione tributaria comunale, ad eccezione della tassazione sui rifiuti, nonché per la
possibilità di confermare la c.d. maggiorazione TASI.
I Tributi
Emerge che per il triennio in oggetto, 2017 – 2019, è stata, sostanzialmente confermata, la pressione
tributaria complessiva applicata nell’esercizio 2016, fatto salvo, per gli esercizi 2018 e 2019,
l’incremento dell’addizionale IRPEF a compensazione dell’impossibilità di confermare la
maggiorazione TASI ex art. 1, co. 28 della L. 232/2016. Rimane immutata, in fase di bilancio di
previsione 2018 – 2020, la possibilità di ridurre di pari importo la spesa corrente al fine di abbattere
la pressione fiscale per un importo pari al gettito di predetta maggiorazione.
La Legge n. 147 del 27/12/2013 (Legge di stabilità) art. 1, comma 639, ha istituito, a decorrere dal
1° gennaio 2014, l’Imposta Unica Comunale (IUC). La IUC risulta composta dall’Imposta
Municipale Propria (IMU), dalla TASI e dalla TARI ossia la tassa rifiuti finalizzata a finanziare
integralmente i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.
Con riferimento all’IMU la previsione di entrata, a parità di pressione fiscale,
conferma lo
stanziamento IMU 2016 (integralmente accertato se si considera la possibilità di operare in
accertamento convenzionale causa tardivo recupero dell’Agenzia delle Entrate del FSC 2015 ex
Corte dei Conti Liguria deliberazione n.66/2015 e n. 100/2016)
ridotto di una maggiore
decurtazione a titolo di FSC 2017 pari ad euro 258.286,59 in applicazione dell’art. 1, co. 449 e 450
della L. 232/2016. Il predetto Fondo di Solidarietà Nazionale 2017 è dunque stimato in –
55
6.509.548,44 euro (al lordo della riduzione per mobilità ex Ages) e lo stanziamento 2016 IMU è
conseguentemente determinato in euro 10.421.901,50. Stimata attività di recupero evasione pari ad
euro 500.000,00, in riduzione rispetto a quanto realizzato nell’esercizio 2016. Per gli esercizi 2017 e
2018 si stima un lieve incremento di gettito inferiore all’1% su base 2016 anche a fronte della
rilevante attività di recupero evasione (circa 700.000 euro nell’esercizio 2016).
In materia di TASI la conferma della maggiorazione dello 0,7 per mille per le c.d. abitazioni a
disposizione, in applicazione dell’art. 1, co. 42 della L. 232/2016, consente di riapplicare
nell’esercizio 2017 l’importo stanziato nell’esercizio 2016 pari ad euro 2.367.897,94, in quanto, al
momento, complessivamente già accertato ad eccezione di circa 35.000,00 (importo per il quale si
attendono successivi riversamenti da F24). Gli esercizi successivi scontano la possibilità che non
venga riconfermata tale maggiorazione con una riduzione previsionale e prudenziale di oltre
1.200.000,00 per ogni esercizio. Prevista anche attività di recupero evasione in linea con quanto
previsto ed accertato nell’esercizio 2016.
La previsione di entrata, in riduzione, afferente il gettito ordinario TARI, è stato costruita mediante
analisi della documentazione preliminare fornita unitamente al computo delle voci previste dal DPR
158/1999.
Nel 2014 è stata introdotta l’addizionale IRPEF con una soglia di esenzione pari ad euro 15.000,00
(che non ha valore di franchigia ma è volta esclusivamente ad esentare dal tributo chi percepisce
reddito pari o inferiore a tale soglia) ed aliquote determinate sulla base degli scaglioni di reddito
IRPEF “nazionali” in termini di progressività: 0,44%, 0,45%, 0,60%, 0,79%, 0,80%.
L’Amministrazione conferma tale disciplina anche per l’esercizio 2017 pur prevedendo in termini di
entrata una riduzione di euro 350.000,00 rispetto allo stanziamento dell’esercizio 2016
conseguentemente all’andamento degli incassi effettivi rispetto alla media stimata dall’apposito
Portale sul Federalismo Fiscale ed in applicazione dei riformulati principi contabili per tale
tipologia di spesa
(vedi
commissione ARCONET del 20.01.2016). Per gli esercizi 2018 e
successivi è previsto un incremento nell’eventualità di non potere confermare la maggiorazione
TASI di cui sopra, fatta salva la riduzione della spesa corrente in sede di previsione di Bilancio
2018 – 2020.
Con D.Lgs. 14 marzo 2011 n. 23 “Disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale”, è stata
introdotta la possibilità “…di istituire, con delibera di consiglio, un’imposta di soggiorno a carico
di coloro che alloggiano nelle strutture ubicate sul proprio territorio, da applicare secondo i criteri di
56
gradualità in proporzione al prezzo, fino a 5,00 euro a notte di soggiorno; il relativo gettito è
destinato a finanziare interventi in materia di turismo, di manutenzione, fruizione e recupero dei
beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali”. Questa
Amministrazione con Delibera consiliare n. 69 del 02.05.2011 ha istituito l’Imposta di Soggiorno ed
ha provveduto ad approvare il Regolamento per l’applicazione dell’imposta con deliberazione di
Consiglio Comunale n. 25 del 29.03.2012 e successive modifiche e integrazioni. Con deliberazione
di Giunta Comunale n. 65 del 26.04.2012, e successive modifiche, sono state approvate le tariffe.
Anche per gli esercizi 2017 - 2019 non sono previsti, incrementi dell’imposta e dunque è
confermata la previsione 2016.
In riferimento all’Imposta di Pubblicità e ai diritti sulle Pubbliche Affissioni si confermano
sostanzialmente gli andamenti relativi alle annualità precedenti, anche in relazione alla invarianza
della tariffazione, fatti salvi minimi incrementi.
Permane l’impegno dell’Amministrazione a contrastare fenomeni di evasione/elusione fiscale, in
particolare si segnala l’incremento già conseguito nel 2017 rispetto al 2016 in materia di
imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare: accertati oltre 700.000,00 (raddoppiato il risultato
contabile dell’esercizio 2016). Tale attività, specie quella riferita alle c.d. residenze fittizie, consente
di consolidare il gettito ordinario per il quale è previsto un lieve incremento a partire dagli esercizi
2018 e 2019 con esclusivo riferimento all’IMU. La previsione, per ciascuno degli esercizi, 2017 –
2019 dell’entrata da recupero evasione è comunque prudenziale e dunque inferiore ai risultati
conseguiti nel 2016.
Le Tariffe
TARIFFE SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA
(*) l’Amministrazione si riserva il riesame delle tariffe sotto riportate sulla base dei costi rilevati in
sede di approvazione del bilancio di previsione 2017-2019
CON ISEE INFERIORE A €. 6.550,00 ESENZIONE
DA GENNAIO 2015 A GIUGNO 2015, DA SETTEMBRE 2015 A GIUGNO 2016, DA SETTEMBRE
2016 A GIUGNO 2017 E DA SETTEMBRE 2017 A DICEMBRE 2018:
IMPORTO
QUOTA
A PASTO
RIDOTTA (*)
I FASCIA DA €. 6.550,01 A €. 9.000,00
€. 2,56
€. 2,05
II FASCIA DA €. 9.000,01 A €. 12.000,00
€. 3,43
€. 2,74
III FASCIA DA €. 12.000,01 A €. 15.000,00 €. 3,73
€. 2,99
IV FASCIA DA €. 15.000,01 A €. 18.000,00 €. 4,11
€. 3,29
V FASCIA DA €. 18.000,01 A €. 21.000,00 €. 4,52
€. 3,61
VI FASCIA OLTRE €. 21.000,01
€. 4,97
€. 3,98
(*) Riduzione 20% giornaliera per 2 o più figli che usufruiscono contemporaneamente di più servizi
57
TARIFFE ASILI NIDO
(*) l’Amministrazione si riserva il riesame delle tariffe sotto riportate sulla base dei costi rilevati in
sede di approvazione del bilancio di previsione 2017-2019
CON ISEE INFERIORE A €. 6.550,00 ESENZIONE
DA GENNAIO 2015 A GIUGNO 2015, DA SETTEMBRE 2015 A GIUGNO 2016, DA SETTEMBRE
2016 A GIUGNO 2017 E DA SETTEMBRE 2017 A DICEMBRE 2018:
TOTALE
PER GG.
PER GG.
APERTURA
PRESENZA
I FASCIA DA €. 6.550,01 A €. 9.000,00
€. 8,18 €.
€.4,09
€. 4,09 (*)
II FASCIA DA €. 9.000,01 A €. 12.000,00
€.11,04
€. 5,52
€. 5,52 (*)
III FASCIA DA €. 12.000,01 A €. 15.000,00
€.12,28
€. 6,14
€. 6,14 (*)
IV FASCIA DA €. 15.000,01 A €. 18.000,00
€.13,50
€. 6,75
€. 6,75 (*)
V FASCIA DA €. 18.000,01 A €. 21.000,00
€.14,86
€. 7,43
€. 7,43 (*)
VI FASCIA OLTRE €. 12.000,01
€.16,34
€. 8,17
€. 8,17 (*)
V FASCIA DA €. 18.000,01 A €. 21.000,00
€.14,86
€. 7,43
€. 7,43 (*)
VI FASCIA OLTRE €. 12.000,01
€.16,34
€. 8,17
€. 8,17 (*)
(*) Riduzione 20% giornaliera per 2 o più figli che usufruiscono contemporaneamente di più servizi
TARIFFE TRASPORTI SCOLASTICI
(*) l’Amministrazione si riserva il riesame delle tariffe sotto riportate sulla base dei costi rilevati in
sede di approvazione del bilancio di previsione 2017-2019
CON ISEE INFERIORE A €. 6.550,00 ESENZIONE
, DA SETTEMBRE 2016 A GIUGNO 2017 E DA SETTEMBRE 2017 A DICEMBRE 2018:
IMPORTO
QUOTA
INTERO
RIDOTTA (*)
OLTRE €. 6.550,01
€. 23,53
€. 18,82
(*) Riduzione 20% giornaliera per 2 o più figli che usufruiscono contemporaneamente di più servizi
Nel 2017 sono state integrate le tariffe relative al rimborso di spese di fotocopie, stampe, scansioni e
collegamenti ad internet presso la Biblioteca ed Informagiovani. In relazione all'attivazione della
Carta di Identità Elettronica dovrà essere aggiornato quanto previsto dalla delibera n. 32/2011 in
materia di diritti di segreteria ed il rimborso spese.
Previsto anche l’adeguamento delle spese di notifica delle violazioni al codice della strada.
Con riferimento alla C.O.S.A.P., sia temporanea che permanente, i cespiti imponibili restano più o
meno stabili rispetto al trend storico tenendo conto che non sono al momento previste variazioni
delle relative tariffe e dunque rimangono costanti le previsioni del relativo gettito. L’introito
previsto, è comunque prudenzialmente determinato in misura inferiore a quanto già accertato
nell’esercizio 2016.
58
Riepilogo delle principali deliberazioni relative all’applicazione di tariffe, imposte e tributi agli atti
dell’Amministrazione Comunale, alla data del 31/12/2016, fatta salva la possibilità di portare
modifiche ed integrazioni alle stesse nell’ambito delle attività propedeutiche all’approvazione del
Bilancio di previsione 2017 - 2019:
DELIBERE CONSIGLIO COMUNALE
1. Delibera C.C. n. 31 del 26/02/2008 relative alle modifiche apportate al Regolamento delle
concessioni COSAP;
2. Delibera C.C. n. 11 del 13/1/2009 relativa alle modifiche apportate al Regolamento
dell'imposta di pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni;
3. Per quanto riguarda le tabelle parametriche in materia di oneri di urbanizzazione e
contributo costo di costruzione, le stesse sono state approvate con delibera consiliare n. 99
del 21.6.1994 e modificate, a seguito della L. R. del 14-10-1999 n. 52, per quanto riguarda
gli oneri ed il C.C.C., con deliberazione consiliare n. 20 del 11.02.2000, successivamente
modificate a seguito delibera G.R.T. n. 767 dell'11-07-2000, con atto G.C. n. 305 del 09-112000 e ulteriormente modificate, per quanto attiene ai valori medi da applicare agli
interventi di edilizia residenziale pubblica e all'integrazione delle tabelle relative agli importi
di diritti di segreteria con deliberazione di C.C. n. 51 del 14/3/2006 e n. 64 del 27/06/2013
relativa all’aggiornamento degli oneri di urbanizzazione;
4. Delibera C.C. n. 69 del 02-05-2011 istituzione imposta di soggiorno;
5. Delibera C.C. 25 del 29-03-2012 relativa all’approvazione del Regolamento Imposta di
Soggiorno, modificata con DCC 38 del 30/04/2013;
6. Delibera C.C. n. 99 del 6/06/2013 relativa alla approvazione del regolamento di
monetizzazione delle aree a standard pubblico e dei parcheggi privati;
7.
Delibera C.C. n. 37 del 30/04/2013 relativa alla derterminazione delle rate di versamento
del tributo comunale sui rifiuti e servizi (tares);
8. Delibera C.C. n. 15 del 12/03/2013 (modificata con delibera C.C. 123 del 29/11/2013)
relativa all’approvazione del regolamento di gestione del demanio marittimo, regolamento
che include la tabella relativa alle spese di istruttoria dovute;
9. Delibera C. C. n. 96 del 12/08/2014 relativa alla individuazione della quantità, qualità e
prezzo delle aree destinate ad insediamenti;
10. Delibera C.C. n. 119 del 30/07/2015 relativa a “Piano delle alienazioni e valorizzazione del
patrimonio immobiliare”;
59
11. Delibera C.C. n. 74 del 29/04/2014 relativa all’”Approvazione regolamento in materia di
“imposta unica comunale” (iuc), determinazione aliquote e relativa disciplina attuativa in
materia di imu, tasi e tari”, successivamente modificata ed integrata con Delibera C.C. n.
100 del 12/8/2014 e Delibera C.C. 29 del 24/3/2016 ;
12. Delibera C.C. n. 98 del 12/08/2014 relativa all’Approvazione Regolamento applicazione
dell’addizionale comunale dell’Imposta redditi persone fisiche (IRPEF) e determinazione
delle relative aliquote;
13. Delibera C.C. n. 113 del 16/07/2015 relativa all’approvazione di modifiche ed integrazioni
al regolamento i.u.c. - componente tari.
14. Delibera C.C. n. 124 del 30/07/2015 relativa alla determinazione delle tariffe tari per il
periodo d'imposta 2015.
15. Delibera C.C. n. 32 del 24/03/2016 relativa all’ addizionale comunale all'irpef per il periodo
d'imposta 2016 - conferma delle aliquote e dell' esenzione applicata per il periodo d'imposta
2015.
16. Delibera C.C. n. 33 del 24/03/2016 relativa alla determinazione delle aliquote i.m.u. e t.a.s.i.
per il periodo d' imposta 2016;
17. Delibera C.C. n. 31 del 24/03/2016 relativa alla determinazione scadenza saldo TARI per il
periodo di imposta 2016.
DELIBERE GIUNTA COMUNALE
4. Delibera G.C. n. 33 del 20/1/1996 per le tariffe relative al servizio di demuscazione e
disinfezione nelle campagne;
5. Delibera G.C. n. 270 del 01/04/1997 relativa alla lotta al parassita del pino;
6. Delibera G.C. n. 254 del 18/02/2000 relativa al rimborso per il servizio di notificazione degli
atti;
7. Delibera G.C. n. 47 del 05/03/2002 relativa alla tariffa per il rilascio copie atti incidenti
stradali;
8. Delibera G.C. n. 140 del 30/07/2002 relativa al compenso per controllo regolarità dello
svolgimento di lotterie, tombole e pesche di beneficenza;
9. Delibera G.C. n. 206 del 19/11/2002 relativa alla determinazione delle quote di
compartecipazione ai costi di gestione delle palestre comunali;
10. Delibere sul rimborso spese istruttoria per il rilascio/rinnovo concessioni demaniali (delibera
G.C. n. 6 del 30/01/2003 integrata con delibera G.C. n. 66 del 22.04.2003);
60
11. Delibera G.C. n. 13 del 13/02/2003 relativa alle tariffe per la rimozione forzosa di veicoli in
sosta vietata;
12. Delibera G.C. 14 del 13/02/2003 relativa alla tariffa per la custodia dei veicoli sottoposti a
sequestro;
13. Delibera G.C. n. 26 del 4/3/2003 relativa alle quote a carico dei soggetti utilizzatori di
strutture e locali comunali;
14. Delibera G.C. n. 47 del 25.3.2003 relativa al rimborso del costo di notificazione dei verbali
di accertamento e contestazione delle violazioni al codice della strada e leggi complementari
da porre a carico del trasgressore e\o obbligato in solido, modificata con DGC n 4 del
20/01/2011, con DGC n. 17 del 19/02/2013 e con D.G.C. n. 6 del 14/01/2014 avente ad
oggetto l’”applicazione della riduzione del 30% delle sanzioni
anche agli “avvisi di
accertamento” di violazione alle norme del codice della strada”;
15. Delibera G.C. n. 66 del 22/04/2004 relativa alla tariffa per il rilascio di autorizzazioni
scarichi domestici;
16. Delibera G.C. n. 140 del 27/09/05 relativa alla modifica delle tariffe per il rilascio di copie
da sistemi di videoscrittura;
17. Delibera G.C. n.66 del 2/5/2006 relativa alla tariffe cimiteriali;
18. Delibera G.C. n. 52 del 10/5/2007 relativa all’aggiornamento per la indennità al Comune per
risarcimento spese in merito a servizi di scorta e trasporti a veicoli eccezionali richiesti da
privati, ditte e società, effettuati dagli addetti al Corpo di Polizia Municipale, nelle strade
comunali;
19. Delibera G. C. n. 21 del 14/02/2008 relativa alle tariffe di utilizzo della casa comunale
denominata “Colonia sei rose Gavinana”;
20. Delibera G.C. n. 89 del 15/04/2014 relativa “gestione amministrativa del randagismo.
approvazione delle tariffe relative agli interventi di cattura animali vaganti effettuati da parte
di soggetto incaricato quale la soc. pubblica assistenza e mutuo soccorso di rosignano
(onlus)”;
21. Delibera G.C. 5 del 20/01/2010 (modificata n. 99 del 6/6/2013) relativa alle modifiche delle
tariffe di monetizzazione delle aree destinate a parcheggio;
22. Delibera G.C. n. 51 del 13-04-2010 relativa all’approvazione tariffe navetta in
Castiglioncello estate 2010;
23. Delibera G.C. n. 106 del 13/07/2010 relativa alle tariffe del parcheggio autocaravans e
roulottes in località Mazzanta;
61
24. Delibera G.C. n. 107 del 13/07/2010 relativa all’aggiornamento delle tariffe dei parcheggi
estivi in Castiglioncello;
25. Delibera G.C. 1 del 10-01-2011 servizio urbano di trasporto pubblico locale – Adeguamento
sistema tariffario e G.C. 95 DEL 19-07-2011 Integrazione sistema tariffario, modificata con
Delibera G.C. n. 175 del 25/10/2012 relativa al servizio urbano di trasporto pubblico locale.
approvazione nuovo assetto tariffario da applicare a seguito dell'affidamento del servizio ai
sensi della l.r.t. 65/2010;
26. Delibera G. C. n. 21 del 08/03/2011 relativa all’approvazione delle tariffe del canone
occupazione spazi ed aree pubbliche – approvazione tariffa per l’anno 2011;
27. Delibera G.C. n. 30 del 31/3/2011 relativa alla determinazione fasce e quote di
compartecipazione relative ai costi dei servizi socio educativi per l’anno 2011;
28. Delibera G.C. n. 32 del 31/03/2011 relativa alle determinazioni diritti di segreteria e
rimborso spese per rilascio documentazione amministrativa;
29. Delibera G.C. n. 34 del 23/2/2016 relativa a Servizi a Domanda Individuale –determinazione
costi e relativa copertura per l’esercizio 2016 Ricognizione;
30. Delibera G.C. n. 39 del 06/04/2011 relativa all’allestimento della segnaletica provvisoria ai
fini della modifica della viabilità in occasione di manifestazioni e sagre;
31. Delibera G.C. n. 97 del 25-07-2011 adozione della tabella oneri d’uso delle sale conferenze
anno 2012;
32. Delibera G.C. n. 65 del 26-04-2012 modificata con Delibera n. 75 del 11-05-2012
approvazione tariffe Imposta di soggiorno, integrata con delibera G.C. n. 71 del 7/05/2013
relativa alla determinazione del periodo di applicazione per l’anno 2013;
33. Delibera G.C. n. 187 del 07/11/2013 avente ad oggetto “atto di indirizzo ed approvazione
tariffe tarsu ex art. 5, comma 4-quater del d.l. 102/2013 convertito dalla legge 28 ottobre
2013, n. 124”;
34. Delibera G.C. n. 50 del 9/04/2013 relativa all’aggiornamento degli importi a suo tempo
determinati per la cessione in proprietà delle aree già concesse in diritto di proprietà e di
superficie nei peep di rosignano marittimo, rosignano solvay e vada est;
35. Delibera G.C. n. 64 del 25/03/2014 relativa all’approvazione delle tariffe di conferimento
nella discarica comunale di Scapigliato per l’anno 2014;
36. Delibera G.C. n. 42
del 25/02/2014 avente ad oggetto: “aggiornamento importo tassa
concorso”;
62
37. Delibera G.C. n. 52 del 11/03/2014 avente ad oggetto: “approvazione disciplinare per
l'utilizzo della sala conferenze/ambito polivalente presso centro culturale "le creste", via
della costituzione a rosignano solvay”;
38. Delibera G.C. n. 94 del 22/04/2014 avente ad oggetto: “politiche inerenti funerali gratuiti”;
39. Delibera G.C. n. 102 del 29/04/2014 relativa alla disciplina dei parcheggi a pagamento;
40. Delibera G.C. n. 197 del 04/12/2012 relativa all’affidamento in concessione della gestione
della piscina comunale sita in loc. la mazzanta per il periodo 1° settembre 2013 - 31 agosto
2015. autorizzazione a impegnare somme oltre bilancio pluriennale 2012/2014 e contestuale
determinazione delle tariffe di utilizzo;
41. Delibera G.C. n. 219 del 02/09/2014 relativa a Diritti di segreteria e di istruttoria per pratiche
edilizie, urbanistiche e SUAP. Aggiornamento casistiche e importi;
42. Delibera G.C. n. 352 del 30/12/2014 relativa a Delibera di indirizzo in materia di saldo TARI
2014 e determinazione scadenze per l’esercizio fiscale 2015;
43. Delibera G.C. n. 47 del 10/03/2015 relativa a Celebrazione matrimoni civili: Individuazione
sedi, orari, tariffe.
44. Deliberazione G.C. n° 119 del 14/05/2015 relativa agli indirizzi in materia di esenzione e
riduzione tassa comunale sui rifiuti (TARI) ANNO 2014 e determinazione di ulteriore
copertura finanziaria.
45. Deliberazione G.C. n. 77 del 30/3/2016 relativa alla individuazione delle aree da adibire a
parcheggio a pagamento e determinazione tariffe – aggiornamento anno 2016.
46. Deliberazione G.C. n° 249 del 9/8/2016 relativa al museo archeologico - palazzo
Bombardieri adeguamento prezzi biglietti ingresso.
47. Deliberazione G.C. n° 364 del 20/12/2016 relativa alla determinazione corrispettivi per
fotocopie, stampe, scansioni, collegamenti internet biblioteca e informa giovani.
1.2.2.d La spesa corrente riconducibile alle funzioni fondamentali dell’Ente
L’articolo 14, comma 27, D.L. 78 del 2010 e s.m.i.,come riformulato dall’art. 19 del D.L. 95/2012
convertito in legge, ha stabilito le “funzioni fondamentali” dei Comuni, ai sensi dell’articolo 117,
secondo comma lettera p) della Costituzione:
a) organizzazione generale dell'amministrazione, gestione finanziaria e contabile e controllo;
b) organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito comunale, ivi compresi i
servizi di trasporto pubblico comunale;
c) catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente;
63
d) la pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale nonché la partecipazione alla
pianificazione territoriale di livello sovracomunale;
e) attività, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei
primi soccorsi;
f) l'organizzazione e la gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e recupero dei
rifiuti urbani e la riscossione dei relativi tributi;
g) progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative
prestazioni ai cittadini, secondo quanto previsto dall'articolo 118, quarto comma, della
Costituzione;
h) edilizia scolastica per la parte non attribuita alla competenza delle province, organizzazione e
gestione dei servizi scolastici;
i) polizia municipale e polizia amministrativa locale;
l) tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e compiti in materia di servizi anagrafici
nonché in materia di servizi elettorali, nell'esercizio delle funzioni di competenza statale;
l-bis) i servizi in materia statistica.
Restano esclusi dall’elenco alcuni settori di intervento, quali:
· la cultura,
· il settore sportivo e ricreativo,
· il turismo,
· lo sviluppo economico e i servizi produttivi.
MISSIONE
PROGRAMMA
Servizi istituzionali, Organi
generali e di gestione istituzionali
Segreteria
generale
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO 2016
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
711.479,29
772.701,16
750.240,34
712.201,16
2.387.906,49
2.049.838,85
1.941.667,84
1.828.167,84
Gestione
economica,
finanziaria,
programmazione e
provveditorato
2.386.484,89
2.608.507,12
2.598.665,78
2.592.128,79
Gestione delle
entrate tributarie e
servizi fiscali
629.199,16
476.213,34
475.513,34
465.513,34
1.501.550,91
1.616.393,72
1.404.166,45
1.299.802,58
Gestione dei beni
demaniali e
patrimoniali
64
1.593.010,05
1.474.542,62
1.399.813,21
1.399.095,64
Elezioni e
consultazioni
popolari Anagrafe e stato
civile
386.290,27
274.406,17
442.760,39
272.760,39
Statistica e sistemi
informativi
810.434,75
851.156,34
833.953,21
832.692,43
498.795,15
578.394,34
538.146,00
538.146,00
85.666,80
151.666,80
149.666,80
149.666,80
1.339.072,88
1.412.251,30
1.420.701,30
1.417.701,30
716.229,39
795.096,02
796.346,01
796.346,01
239.815,05
235.967,91
210.582,27
210.018,96
Ufficio tecnico
Ordine pubblico e
sicurezza
Istruzione e diritto
allo studio
Risorse umane
Altri servizi
generali
Polizia locale e
amministrativa
Istruzione
prescolastica
Altri ordini di
istruzione non
universitaria
Istruzione tecnica
superiore
Servizi ausiliari
all'istruzione
1.000,00
2.000,00
1.000,00
1.000,00
3.325.854,39
3.362.265,28
3.356.201,86
3.373.075,86
Diritto allo studio
44.859,44
16.512,77
16.512,77
16.512,77
661.202,17
664.182,27
649.982,27
647.982,27
1.456.978,17
1.446.901,73
1.433.995,81
1.374.911,75
12.262.294,76
11.584.220,27
11.506.231,44
11.278.985,30
9.800,00
12.000,00
13.000,00
12.800,00
1.683.764,08
1.530.935,91
1.685.935,90
1.685.935,90
2.123.315,56
2.095.656,42
2.103.941,05
2.016.541,24
147.648,66
140.699,30
139.301,41
137.835,48
1.636.703,73
1.639.896,08
1.572.834,48
1.565.684,10
958.000,00
900.000,00
700.000,00
650.000,00
25.000,00
25.000,00
25.000,00
20.000,00
Assetto del territorio Urbanistica e
ed edilizia abitativa assetto del
territorio
Tutela,
valorizzazione e
Sviluppo sostenibile recupero
e tutela del territorio ambientale
e dell'ambiente
Rifiuti
Servizio idrico
integrato
Trasporto pubblico
locale
Trasporti e diritto
Viabilità e
alla mobilità
infrastrutture
stradali
Sistema di
Soccorso civile
protezione civile
Diritti sociali,
politiche sociali e
famiglia
Interventi per
l'infanzia e i
minori e per asili
nido
Interventi per la
disabilità
Interventi per
soggetti a rischio
esclusione sociale
65
Interventi per le
famiglie
Interventi per il
diritto alla casa
362.011,37
265.443,23
235.943,23
235.943,23
270.109,24
221.000,00
167.000,00
167.000,00
1.714.424,06
1.681.505,19
1.716.505,19
1.666.505,19
67.405,00
66.905,00
13.000,00
13.000,00
590.708,07
40.627.013,78
591.163,56
39.543.422,70
564.507,35
38.863.115,70
563.095,69
37.941.050,02
Programmazione e
governo della rete
dei servizi
sociosanitari e
sociali
cooperazione ed
associazionismo
Servizio
necroscopico e
cimiteriale
TOTALE SPESA CORRENTE
1.2.2.e L’analisi delle necessità finanziarie e strutturali per l’espletamento dei programmi
ricompresi nelle varie missioni
Nel contesto strutturale e legislativo proposto, si inserisce la situazione finanziaria dell’ente.
L’analisi strategica, richiede, infatti anche un approfondimento sulla situazione finanziaria del
nostro ente così come determinatasi dalle gestioni degli ultimi anni. A tal fine sono presentati, a
seguire, i principali parametri economico finanziari utilizzati per identificare l’evoluzione dei flussi
finanziari ed economici.
Qualsiasi programmazione finanziaria deve necessariamente partire da una valutazione dei risultati
delle gestioni precedenti. A tal fine nella tabella che segue si riportano per ciascuno degli ultimi tre
esercizi chiusi:
- le risultanze finali della gestione complessiva dell’ente;
- il saldo finale di cassa;
- l’indicazione riguardo l’utilizzo o meno dell’anticipazione di cassa.
Descrizione
2013
2014
2015
Risultato di amministrazione
6.190.653,46
19.327.091,99
24.067.231,66
Fondo cassa al 31/12
3.642.253,97
4.105.290,38
10.507.710,00
Utilizzo di anticipazioni di tesoreria ex art. 222 Tuel
NO
SI
NO
66
Con riferimento all’esercizio 2016, in fase di rendicontazione, si osserva che il Fondo di Cassa al
31/12/2016 è stato pari ad euro 12.275.387,03 e l’Amministrazione non ha utilizzato anticipazioni
di tesoreria ex art. 222 del D.Lgs. 267/2000 nel corso dell’esercizio 2016.
Nei paragrafi che seguono sono riportati, con riferimento alle entrate ed alla spesa, gli andamenti
degli ultimi esercizi, presentando questi valori secondo la nuova articolazione di bilancio prevista
dal D.Lgs. n. 118/2011.
Le Entrate
L'attività di ricerca delle fonti di finanziamento, sia per la copertura della spesa corrente che per
quella d'investimento, ha costituito, per il passato ed ancor più costituirà per il futuro, il primo
momento dell'attività di programmazione del nostro ente. Rinviando per un approfondimento alla
sezione operativa del presente documento, in questa parte si evidenzia l’andamento storico e
prospettico delle entrate assestate nell’ultimo esercizio 2016 ed i dati previsionali 2017 – 2019.
Le entrate tributarie
Il Titolo 1 delle Entrate comprende le entrate aventi natura tributaria. Si tratta di entrate per le quali
l'ente ha una discrezionalità impositiva, limitata nel 2017 dalla L. 232/2016, che si manifesta
attraverso l’approvazione di appositi regolamenti, nel rispetto della normativa-quadro vigente.
L’andamento delle entrate tributarie dell’Ente è riportato nella tabella seguente:
ENTRATE TRIBUTARIE
Imposta municipale propria Totale
Imposta comunale sugli immobili (ICI)
Totale
Addizionale comunale IRPEF Totale
Imposta di soggiorno Totale
Tassa smaltimento rifiuti solidi urbani
Totale
Imposta comunale sulla pubblicità e
diritto sulle pubbliche affissioni Totale
Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi
Totale
Tassa sui servizi comunali (TASI)
Totale
Altre imposte, tasse e proventi n.a.c.
Totale
TOTALE ENTRATE TRIBUTARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO 2016
10.680.188,09
ANNO 2017
10.421.901,50
ANNO 2018
10.521.901,50
ANNO 2019
10.621.901,50
500.000,00
1.744.819,00
304.742,00
500.000,00
1.394.819,00
304.742,00
500.000,00
2.639.824,95
304.742,00
500.000,00
2.680.818,95
304.742,00
40.398,80
53.470,00
53.470,00
53.470,00
151.119,82
160.820,56
160.820,56
160.820,56
8.535.193,68
8.450.000,00
8.595.024,17
8.595.024,17
2.392.897,94
2.392.897,94
1.170.359,23
1.170.359,23
100,00
24.349.459,33
205,52
23.678.856,52
205,52
23.946.347,93
205,52
24.087.341,93
67
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Per la motivazione delle previsioni tributarie si rimanda al precedente paragrafo 1.2.2.c.
Le entrate da trasferimenti
Il Titolo 2 delle Entrate comprende le entrate da trasferimenti dello Stato e di altri enti del settore
pubblico allargato, finalizzate alla gestione corrente. Si rileva il decremento dei trasferimenti da
parte dello Stato acuito dai meccanismi di funzionamento del Fondo di Solidarietà Comunale sopra
descritti oltre al mancato rifinanziamento nel 2017 del c.d. fondo perequativo IMU- TASI.
In questo contesto di riferimento deve essere letto il titolo 2 delle entrate, nel quale le varie
categorie misurano la contribuzione da parte dello Stato, della regione, di organismi dell'Unione
europea e di altri enti del settore pubblico allargato finalizzata sia ad assicurare l'ordinaria gestione
dell'ente che ad erogare i servizi di propria competenza. L’andamento delle entrate da trasferimenti
dell’Ente è riportato nella tabella seguente:
ENTRATE DA TRASFERIMENTI
Trasferimenti correnti da
Amministrazioni CENTRALI
Trasferimenti correnti da
Amministrazioni LOCALI
Trasferimenti correnti da Imprese
TOTALE ENTRATE DA
TRASFERIMENTI
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO 2016
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
952.497,85
722.034,64
722.034,64
722.034,64
1.672.544,93
38.575,20
1.535.792,30
-
1.535.792,30
-
1.535.792,30
-
2.663.617,98
2.257.826,94
2.257.826,94
2.257.826,94
Le entrate extra-tributarie
Le entrate di natura extratributaria sono costituite per la maggior parte da proventi di natura
patrimoniale propria o dai servizi pubblici erogati. Le Entrate extratributarie (titolo 3)
contribuiscono, insieme alle entrate dei titoli 1 e 2, a determinare l'ammontare complessivo delle
risorse destinate al finanziamento della spesa corrente. L’andamento delle entrate extra-tributarie
dell’Ente è riportato nella tabella seguente:
ENTRATE EXTRA-TRIBUTARIE
Vendita di beni Totale
Entrate dalla vendita e dall'erogazione di
servizi Totale
Proventi derivanti dalla gestione dei
beni Totale
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO 2016
80.831,36
ANNO 2017
80.831,36
ANNO 2018
80.831,36
ANNO 2019
80.831,36
1.560.204,85
1.529.952,03
1.539.952,03
1.539.952,03
17.652.751,30
16.260.892,92
15.011.892,92
13.791.892,92
68
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Entrate da famiglie derivanti dall'attività
di controllo e repressione delle
irregolarità e degli illeciti Totale
Altri interessi attivi Totale
Entrate derivanti dalla distribuzione di
dividendi Totale
Indennizzi di assicurazione Totale
Rimborsi in entrata Totale
Altre entrate correnti n.a.c. Totale
TOTALE ENTRATE EXTRATRIBUTARIE
804.782,15
491.455,29
775.976,91
614.700,00
775.976,91
414.700,00
775.976,91
414.700,00
231.550,54
66.700,00
528.322,78
575.000,00
800.000,00
43.500,00
299.341,33
575.000,00
800.000,00
13.500,00
469.341,33
575.000,00
800.000,00
13.500,00
299.341,33
575.000,00
21.991.598,27
20.980.194,55
19.681.194,55
18.291.194,55
In particolare l’importo afferente ai Proventi derivanti dalla gestione dei beni è caratterizzato
dall’entrata afferente al c.d. Polo di Scapigliato, rispetto al quale gli importi previsti sono
decrescenti in virtù dello schema di concessione approvato con deliberazione consiliare n. 167/2015
e sottoscritto in data 28/07/2016 (repertorio 1841).
I trasferimenti e le altre entrate in conto capitale
Le entrate in conto capitale sono costituite da tre titoli:
-
il "Titolo 4" costituito da entrate derivanti da alienazione di beni e da trasferimenti dello
Stato o di altri enti del settore pubblico allargato che, a differenza di quelli riportati nel
Titolo II, sono diretti a finanziare le spese d'investimento;
-
il “Titolo 5” costituito da entrate da riduzione di attività finanziarie;
-
il "Titolo 6 " costituito da entrate per accensione prestiti.
Le entrate del titolo 4, a differenza di quelle analizzate fino ad ora, contribuiscono, insieme a quelle
del titolo 5 e 6, al finanziamento delle spese d'investimento, cioè all'acquisizione di quei beni a
fecondità ripetuta, cioè utilizzati per più esercizi, nei processi produttivi/erogativi dell'ente locale.
L’andamento delle entrate in conto capitale dell’Ente è riportato nella tabella seguente:
ENTRATE C/CAPITALE
Imposte da sanatorie e condoni Totale
Contributi agli investimenti da
amministrazioni pubbliche Totale
Altri trasferimenti in conto capitale da
Famiglie Totale
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO 2016
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
276.000,00
230.000,00
230.000,00
230.000,00
88.322,00
2.845.000,00
1.155.000,00
-
75.000,00
30.000,00
430.000,00
30.000,00
69
Altri trasferimenti in conto capitale da
Imprese Totale
Alienazione di beni materiali Totale
Cessione di Terreni e di beni materiali non
prodotti Totale
Permessi da costruire Totale
Accensione mutui
TOTALE ENTRATE C/CAPITALE
1.186.924,80
104.000,00
153.000,00
153.000,00
672.294,94
1.794.273,74
5.555,55
5.555,55
50.000,00
1.406.428,37
2.229.000,00
8.688.702,11
1.328.993,15
1.376.221,00
4.678.769,70
1.364.911,89
300.000,00
2.083.467,44
90.000,00
1.401.534,01
3.790.075,75
Al fine di meglio affrontare la programmazione delle spese e nel rispetto delle prescrizioni del
principio il ricorso all'indebitamento, oltre che a valutazioni di convenienza economica, è
subordinato al rispetto di alcuni vincoli legislativi. Si ricorda, in particolare, la previsione
dell’articolo 204 del TUEL in materia di limiti al ricorso all'indebitamento. Premettendo che le
previsioni espresse nel presente documento permettono di assicurare il rispetto del suddetto limite.
La Spesa
Le risorse raccolte e brevemente riepilogate nei paragrafi precedenti sono finalizzate al
soddisfacimento dei bisogni della collettività. A tal fine le tabelle che seguono riportano
l’articolazione della spesa per titoli con riferimento al periodo 2016 (previsione assestata) ed ai dati
previsionali 2017-2019.
La spesa corrente
Passando all'analisi della spesa per natura, la spesa corrente costituisce quella parte della spesa
finalizzata ad assicurare i servizi ed all’acquisizione di beni di consumo. Con riferimento al nostro
Ente la tabella evidenzia l’andamento storico e quello prospettico ordinato secondo la nuova
classificazione funzionale per Missione e Programma.
MISSIONE
PROGRAMMA
Servizi istituzionali, Organi
generali e di gestione istituzionali
Segreteria
generale
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO 2016
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
711.479,29
772.701,16
750.240,34
712.201,16
2.387.906,49
2.049.838,85
1.941.667,84
1.828.167,84
Gestione
economica,
finanziaria,
programmazione e
provveditorato
2.386.484,89
2.608.507,12
2.598.665,78
2.592.128,79
Gestione delle
entrate tributarie e
servizi fiscali
629.199,16
476.213,34
475.513,34
465.513,34
70
Ordine pubblico e
sicurezza
Istruzione e diritto
allo studio
Tutela e
valorizzazione dei
beni e attività
culturali
Politiche giovanili,
sport e tempo libero
Turismo
Gestione dei beni
demaniali e
patrimoniali
1.501.550,91
1.616.393,72
1.404.166,45
1.299.802,58
Ufficio tecnico
1.593.010,05
1.474.542,62
1.399.813,21
1.399.095,64
Elezioni e
consultazioni
popolari Anagrafe e stato
civile
386.290,27
274.406,17
442.760,39
272.760,39
Statistica e sistemi
informativi
810.434,75
851.156,34
833.953,21
832.692,43
498.795,15
578.394,34
538.146,00
538.146,00
85.666,80
151.666,80
149.666,80
149.666,80
1.339.072,88
1.412.251,30
1.420.701,30
1.417.701,30
716.229,39
795.096,02
796.346,01
796.346,01
239.815,05
235.967,91
210.582,27
210.018,96
Risorse umane
Altri servizi
generali
Polizia locale e
amministrativa
Istruzione
prescolastica
Altri ordini di
istruzione non
universitaria
Istruzione tecnica
superiore
Servizi ausiliari
all'istruzione
1.000,00
2.000,00
1.000,00
1.000,00
3.325.854,39
3.362.265,28
3.356.201,86
3.373.075,86
Diritto allo studio
44.859,44
16.512,77
16.512,77
16.512,77
Valorizzazione dei
beni di interesse
storico
334.874,78
284.060,55
277.275,50
278.981,04
1.462.173,03
1.526.135,61
1.356.628,11
1.291.628,11
726.827,18
463.553,61
451.416,94
449.482,22
Giovani
199.172,09
131.600,00
131.600,00
131.600,00
Sviluppo e
valorizzazione del
turismo
252.570,92
288.230,19
204.475,97
184.475,97
661.202,17
664.182,27
649.982,27
647.982,27
1.456.978,17
1.446.901,73
1.433.995,81
1.374.911,75
12.262.294,76
11.584.220,27
11.506.231,44
11.278.985,30
9.800,00
12.000,00
13.000,00
12.800,00
Attività culturali e
interventi diversi
nel settore
culturale
Sport e tempo
libero
Assetto del territorio Urbanistica e
ed edilizia abitativa assetto del
territorio
Tutela,
valorizzazione e
recupero
Sviluppo sostenibile
e tutela del territorio ambientale
e dell'ambiente
Rifiuti
Servizio idrico
integrato
71
Trasporti e diritto
alla mobilità
Soccorso civile
Diritti sociali,
politiche sociali e
famiglia
Trasporto pubblico
locale
1.683.764,08
1.530.935,91
1.685.935,90
1.685.935,90
Viabilità e
infrastrutture
stradali
Sistema di
protezione civile
2.123.315,56
2.095.656,42
2.103.941,05
2.016.541,24
147.648,66
140.699,30
139.301,41
137.835,48
Interventi per
l'infanzia e i
minori e per asili
nido
Interventi per la
disabilità
1.636.703,73
1.639.896,08
1.572.834,48
1.565.684,10
958.000,00
900.000,00
700.000,00
650.000,00
25.000,00
25.000,00
25.000,00
20.000,00
362.011,37
265.443,23
235.943,23
235.943,23
270.109,24
221.000,00
167.000,00
167.000,00
1.714.424,06
1.681.505,19
1.716.505,19
1.666.505,19
67.405,00
66.905,00
13.000,00
13.000,00
590.708,07
591.163,56
564.507,35
563.095,69
131.427,67
163.356,20
133.356,20
133.356,20
144.485,06
147.772,82
147.772,82
147.772,82
123.797,49
131.726,37
129.158,37
92.158,37
Fonti energetiche
17.046,00
17.046,00
17.046,00
17.046,00
Fondo di riserva
Fondo crediti di
dubbia esigibilità
360.000,00
374.979,55
353.923,49
353.923,49
1.856.241,89
1.622.714,21
1.632.778,31
1.632.778,31
50.000,00
46.285.629,89
50.000,00
44.744.597,81
10.000,00
43.708.547,41
10.000,00
42.664.252,55
Interventi per
soggetti a rischio
esclusione sociale
Interventi per le
famiglie
Interventi per il
diritto alla casa
Programmazione e
governo della rete
dei servizi
sociosanitari e
sociali
cooperazione ed
associazionismo
Servizio
necroscopico e
cimiteriale
Commercio - reti
Sviluppo economico distributive - tutela
e competitività
dei consumatori
Reti e altri servizi
di pubblica utilità
Agricoltura,
Sviluppo del
politiche
settore agricolo e
agroalimentari e
del sistema
pesca
agroalimentare
Energia e
diversificazione delle
fonti energetiche
Fondi e
accantonamenti
Fondi e
accantonamenti
Restituzione
anticipazione di
tesoreria
TOTALE SPESA CORRENTE
Anticipazioni
finanziarie
72
La spesa in c/capitale
Le Spese in conto capitale si riferiscono a tutti quegli oneri necessari per l'acquisizione di beni a
fecondità ripetuta indispensabili per l'esercizio delle funzioni di competenza dell'ente e diretti ad
incrementarne il patrimonio. Rientrano in questa classificazione le opere pubbliche.
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Esercizio 2016 previsione assestata
DESCRIZIONE SPESE PER
MISSIONE
Servizi istituzionali, generali e
di gestione
ANNO 2016
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
3.488.979,88
2.695.589,44
1.586.000,00
276.000,00
Ordine pubblico e sicurezza
105.456,88
47.321,85
47.321,85
47.321,85
Istruzione e diritto allo studio
783.880,97
966.221,00
220.000,00
220.000,00
158.735,05
140.000,00
400.000,00
-
363.624,46
290.000,00
1.179.000,00
290.000,00
1.870.000,00
260.000,00
70.000,00
260.000,00
121.615,40
155.015,40
5.000,00
5.000,00
2.350.548,69
928.664,63
642.781,84
393.000,00
3.447.245,61
2.634.956,21
5.694.351,68
463.048,40
1.140.150,52
128.178,66
670.929,52
-
607.334,12
461.073,71
110.000,00
310.000,00
153.441,33
13.173.727,44
144.993,15
6.554.426,02
148.911,89
2.401.163,26
Tutela e valorizzazione dei beni
e attività culturali
Politiche giovanili, sport e
tempo libero
Turismo
Assetto del territorio ed edilizia
abitativa
Sviluppo sostenibile e tutela del
territorio e dell'ambiente
Trasporti e diritto alla mobilità
Soccorso civile
Diritti sociali, politiche sociali e
famiglia
Sviluppo economico e
competitività
Agricoltura, politiche
agroalimentari e pesca
Energia e diversificazione delle
fonti energetiche
Fondo crediti di dubbia
esigibilità
TOTALE SPESE
-
138.845,10
80.476,08
14.571.698,45
La spesa per rimborso di prestiti
Il titolo 4 della spesa presenta gli oneri da sostenere nel corso dell'anno per il rimborso delle quote
capitale riferite a prestiti contratti negli anni precedenti. Si ricorda, infatti, che la parte della rata
riferita agli interessi passivi è iscritta nel macroaggregato 7 del Titolo 1 della spesa.
73
Esercizio 2016 previsione
assestata
DESCRIZIONE SPESE
PER MISSIONEPROGRAMMA
Debito pubblico - rimborso
prestiti
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO 2016
ANNO 2017
2.983.843,05
ANNO 2018
3.239.124,29
2.525.699,91
ANNO 2019
2.320.988,77
Si segnala che l’importo afferente all’esercizio 2017 pari ad euro 3.239.124,29 è costituito per euro
617.214,97 da riduzione anticipata del debito correlata all’eventuale alienazione di beni immobiliari
ai sensi del D.L. 63/2013 e del D.Lgs. 85/2000.
Con riferimento alla programmazione dei flussi di cassa afferenti all’esercizio 2017, la previsione
dell’andamento degli stessi è sintetizzato nella tabella seguente:
Fondo di cassa iniziale 1/1/2017
titolo I - entrate tributarie
titolo II - entrate da trsferimenti
titolo III - entrate extra-tributarie
+
+
+
12.275.387,03
25.994.164,80
2.982.638,42
29.648.098,34
Totale titoli I,II,III - entrate correnti (A)
titolo I - Spese corrente (B)
titolo IV - Rimborso prestiti (C)
-
58.624.901,56
54.920.727,66
3.242.533,78
Totale titoli I - IV - spese correnti (B + C)
Differenza di parte corrente (D=A-B-C)
titolo IV - entrate c/capitale
58.163.261,44
titolo V - entrate riduzione attività finanziarie
+
titolo VI - accensione prestiti
+
461.640,12
9.753.106,87
0
4.464.224,13
Totale titoli IV,V, VI - Entrate c/capitale (E)
titolo II - spesa c/capitale (F)
titolo III - spesa incremento attività finanziarie (F)
-
14.217.331,00
17.570.045,85
0
+
Totale titoli II - III Spesa c/capitale
Differenza di parte capitale (G=E-F)
Entrate titolo VII Anticipazione tesoreria
Spesa titoloV chiusura anticipazione tesoreria
Entrate titolo IX entrate c/terzi e partite giro
Spese titolo VI spese c/terzi e partite giro
Fondo di cassa iniziale 31/12/2017
17.570.045,85
+
+
-
-3.352.714,85
14341675,5
14341675,5
32.289.392,36
32.733.782,51
8.939.922,15
La stessa è stata determinata mediante un’elaborazione statistica delle movimentazioni
dell’esercizio 2016 alla data del 31/12/2016 sottoposta a singola valutazione dei Dirigenti
responsabili della relativa spesa ed entrata.
74
1.2.2.f La gestione del patrimonio
Così come definito dal TUEL, il patrimonio degli Enti Locali è costituito dal complesso dei beni e
dei rapporti giuridici, attivi e passivi, di pertinenza di ciascun ente; attraverso la rappresentazione
contabile del patrimonio è determinata la consistenza netta della dotazione patrimoniale.
I beni immobili appartenenti a qualsiasi titolo al Comune si suddividono, ai sensi degli artt. 822 e
seguenti c.c., in:
- beni del demanio comunale, destinati, per loro natura o per le caratteristiche conferite loro dalla
legge, a soddisfare prevalenti interessi pubblici;
- beni del patrimonio indisponibile, destinati ai fini istituzionali del Comune e al soddisfacimento di
interessi pubblici;
- beni del patrimonio disponibile, non destinati a fini istituzionali, posseduti dall’Ente in regime di
diritto privato e destinati a produrre reddito.
I beni del demanio e patrimonio comunali son censiti e inseriti nell’inventario immobiliare
dell’Ente, gestito mediante un programma informatico e aggiornato ogni qual volta intervenga una
modifica alla consistenza dei beni stessi.
La consistenza numerica del patrimonio al 31/12/2015 è di seguito sintetizzata:
Consistenza patrimoniale
Alloggi destinati ad Edilizie
Residenziale Pubblica (ERP)
Impianti e strutture destinate
allo sport
Strutture destinate ad attività
commerciali
Sedi scolastiche, di cui:
ANNO
ANNO
ANNO
ANNO
ANNO
ANNO
2010
N.
2011
N.
2012
N.
2013
N.
2014
N.
2015
N.
264
292
302
295
294
294
23
23
23
23
23
23
21
21
21
21
20
20
20
20
19
19
19
20
- n. 3 asili nido
- n. 1 centro giochi
- n. 7 scuole elementari
- n. 7 scuole materne
- n. 2 scuole medie
Fabbricati destinati
esclusivamente a sede di
uffici comunali
Sedi destinate ad attività
culturali
Cimiteri comunali
Sale conferenze
10
10
10
10
10
10
8
8
9
9
9
13
6
4
6
4
6
4
6
4
6
4
6
4+1
(La sala a Villa Celestina è
in locazione passiva)
75
Aree a festa
Farmacie comunali
Fondi destinati ad
ambulatorio medico
Colonia Montana
Chiesa
terreni
4
3
3
4
3
3
4
3
3
4
3
3
4
3
3
4
3
3
1
1
Particelle
2300
1
1
Particelle
2300
1
1
Particelle
1304
1
1
Particelle
1304
1
1
Particelle
1600
1
1
Particelle
1766
(COMPRESO
PARTICELLE CON
DESTINAZIONE
STRADA PUBBLICA
DA PASSARE AL
CATASTO STRADE)
Il conto del patrimonio approvato con l’ultimo rendiconto sintetizza la situazione contabile al 31
dicembre 2015, come esposta nella seguente tabella:
76
77
Le attività connesse alla gestione dei beni comunali debbono essere orientate al perseguimento dei
seguenti obiettivi:
-
razionalizzazione nella gestione degli immobili finalizzata all’ottenimento di risparmi per
l’Ente (anche mediante la riduzione progressiva delle locazioni e concessioni passive);
78
-
gestione orientata al rispetto di specifici criteri ambientali, inseriti come clausola vincolante
negli atti che disciplinano i rapporti tra il Comune e i soggetti gestori;
-
alienazione del patrimonio disponibile non finalizzato all’esercizio di funzioni proprie del
Comune, al fine di reperire le risorse necessarie a garantire la manutenzione del patrimonio
esistente;
-
valorizzazione ambientale, ricreativa, culturale e sociale dei beni di proprietà e nella
disponibilità dell’Ente (sale conferenze, aree verdi destinate a orti sociali e raccolta olive,
aree a festa, centri civici);
-
riscossione dei proventi derivanti dall’utilizzo dei beni da parte dei terzi.
1.2.2.g Il reperimento e l’impiego di risorse straordinarie e in conto capitale
Nel triennio di riferimento per finanziarie la parte corrente del bilancio si prevede di ricorrere alle
seguenti entrate straordinarie, così come individuate dalla dottrina in materia:
Esercizio 2016 previsione
assestata
Risorse
straordinarie
correnti
Recupero evasione
tributaria
Sanzioni per
violazione al codice
della strada
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Anno 2016
Anno 2017
Anno 2018
Anno 2019
598.051,01
611.470,00
611.470,00
611.470,00
533.01,89
520.652,46
520.652,46
520.652,46
Per la parte in c/capitale saranno invece impiegate le seguenti risorse straordinarie:
Esercizio 2016 previsione
assestata
Risorse
straordinarie
c/capitale
Permesso da
costruire
Imposte da sanatorie
e condoni
Contributo privati messa in sicurezza
del fiume fine -
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
Anno 2016
Anno 2017
Anno 2018
Anno 2019
1.401.534,01
1.406.428,37
1.328.993,15
1.364.911,89
276.000,00
230.000,00
230.000,00
230.000,00
1.000.000,00
0
0
0
79
decreto dirigente
165/2014
Sanzioni per
violazione al codice
della strada
175.891,94
188.251,37
188.251,37
188.251,37
1.2.2.h L’indebitamento con analisi della relativa sostenibilità e andamento tendenziale nel
periodo di mandato
Da segnalare come l’Amministrazione Comunale stia operando per l’azzeramento del debito
pubblico. La tendenza al debito 0 è rappresentata dalla tabella che segue:
ESERCIZIO
CHIUSO
Anno
Residuo debito
Nuovi prestiti
Prestiti rimborsati
Estinz. Anticip./riduz.mutui Rettifiche da allineamento
Totale fine anno
ESERCIZIO
ASSESTATO
2015
19.663.483,16
2016
15.891.329,76
3.675.521,31
96.632,09
15.891.329,76
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
2.983.843,05
2017
12.907.486,71
2.229.000,00
3.239.124,29
2018
11.897.362,42
1.376.221,00
2.525.699,91
2019
10.747.883,51
300.000,00
2.320.988,77
12.907.486,71
11.897.362,42
10.747.883,51
8.726.894,74
TREND STORICO INDEBITAMENTO
40.000.000,00
35.000.000,00
35.390.997,70
31.605.274,92
30.000.000,00
27.218.444,74
25.000.000,00
23.437.711,48
20.000.000,00
19.663.483,16
15.891.329,76
12.907.486,71
15.000.000,00
11.897.362,42
10.747.883,51
10.000.000,00
8.726.894,74
5.000.000,00
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
Gli oneri finanziari per ammortamento prestiti ed il rimborso degli stessi in conto capitale registrerà
il seguente andamento nel triennio 2017/2019:
80
TIPOLOGIA
Oneri finanziari
Quota capitale
Totale fine anno
2016
ASSESTATO
2015
PREV
2017
PREV
2018
PREV
2019
594.990,70
476.096,77
397.973,77
392.027,18
355.460,87
3.675.521,31
2.983.843,05
3.239.124,29
2.525.699,91
2.320.988,77
4.270.512,01
3.459.939,82
3.637.098,06
2.917.727,09
2.676.449,64
ANDAMENTO ONERI FINANZIARI E RIMBORSO CAPITALE
5.000.000,00
4.500.000,00
4.000.000,00
3.500.000,00
3.000.000,00
2.500.000,00
2.000.000,00
1.500.000,00
1.000.000,00
500.000,00
-
Oneri finanziari
Quota capitale
20
19
PR
EV
20
18
PR
EV
RE
V
P
20
16
AS
S
ES
T
AT
20
17
O
20
15
20
14
Totale fine anno
L’importo annuale degli interessi sommato a quello dei prestiti (mutui, prestiti obbligazionari ed
apertura di credito) precedenti assunti ed a quello derivante dalle garanzie prestate ai sensi dell’art.
207 del TUEL, al netto dei contributi statali e regionali in conto interessi non deve superare l’10%
delle entrate relative ai primi tre titoli (primi due titoli per le comunità montane) del rendiconto del
penultimo anno precedente quello in cui viene prevista l’assunzione del prestito.
Gli interessi passivi relativi alle operazioni di indebitamento garantite con fidejussione rilasciata
dall’ente ai sensi dell’art. 207 del TUEL ammontano ad euro 141.758,02. Segue verifica rispetto dei
limiti ex art. 204 del T.U.E.L.:
VERIFICA LIMITI INDEBITAMENTO ART. 204 DEL
TUEL
Interessi passivi su mutui (macroaggregato 7)
Interessi su garanzie fideiussorie rilasciate
Entrate Correnti (2015-ass2016-prev 2017)
% su entrate correnti
Limite art. 204 del TUEL
anno 2017
397.973,77
78.738,59
57.366.701,99
0,83
10,00%
anno 2018
392.027,18
75.177,59
49.004.675,58
0,95
10,00%
anno 2019
355.460,87
71.415,36
46.916.878,01
0,91
10,00%
Ciò conferma il livello minimo dell’indebitamento dell’ente e soprattutto il basso impatto sulla
spesa corrente.
81
1.2.2.i Gli equilibri del bilancio
Ai sensi dell’articolo 162, comma 6, del D.Lgs. 267/2000 sono definiti gli equilibri di competenza
coerentemente con la programmazione delle entrate e delle spese per gli esercizi 2017 – 2019
rappresentata ai paragrafi precedenti.
EQUILIBRIO ECONOMICO FINANZIARIO
fondo cassa all'1/1/2017
A) FPV per spese correnti
AA) recupero disavanzo di
amministrazione esercizio precedente
B) Entrate Titoli 1 - 2 - 3
(+)
ANNO 2017
12.275.387,03
470.423,72
(-)
(+)
536.573,72
46.916.878,01
45.885.369,42
44.636.363,42
-
-
-
44.744.597,81
43.708.547,41
42.664.252,55
536.573,72
1.622.714,21
536.573,72
1.632.778,31
536.573,72
1.632.778,31
(-)
-
-
-
(-)
3.239.124,29
2.525.699,91
2.320.988,77
596.420,37
187.695,82
187.695,82
(+)
(-)
di cui:
fondo pluriennale vincolato
fondo svalutazione crediti
E) Spese Titolo 2.04 - Trasferimenti in
conto capitale
F) Spese Titolo 4 - quote capitale amm.to
mutui e prestiti obbligazionari
ANNO 2019
536.573,72
di cui per estinzione anticipata di prestiti
C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli
investimenti direttamente
destinati al rimborso dei prestiti da
amministrazioni pubbliche
D) Spese Titolo 1 - spese correnti
ANNO 2018
di cui per estinzione anticipata di prestiti
G) Somma finale (G= A-AA+B+C-D-E-F)
-
ALTRE POSTE DIFFERENZIALI, PER ECCEZIONI PREVISTE DA NORME DI LEGGE E DA PRINCIPI
CONTABILI, CHE HANNO EFFETTO SULL'EQUILIBRIO EX ART. 162, COMMA 6, DEL TUEL
H) Utilizzo risultato di amministrazione
presunto per spese correnti
(+)
di cui per estinzione anticipata di prestiti
I) Entrate di parte capitale destinate a
spese correnti in base a specifiche
disposizioni di legge o dei principi contabili
(+)
784.671,74
555,55
555,55
(-)
188.251,37
188.251,37
188.251,37
(+)
-
-
-
0,00
0,00
0,00
-
-
di cui per estinzione anticipata di prestiti
L) Entrate di parte corrente destinate a
spese di investimento in base a
specifiche disposizioni di legge o dei
principi contabili
M) Entrate da accensione di prestiti
destinate a estinzione anticipata dei
prestiti
EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE
O=G+H+I-L+M
P) Utilizzo risultato di amministrazione per
spese di investimento
(+)
82
Q) Fondo pluriennale vincolato per spese
in conto capitale
R) Entrate Titoli 4.00-5.00-6.00
(+)
(+)
5.081.445,70
8.688.702,11
1.687.960,50
4.678.769,70
130.000,00
2.083.467,44
C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli
investimenti direttamente destinati al
rimborso dei prestiti da amministrazioni
pubbliche
(-)
-
-
-
(-)
784.671,74
555,55
555,55
(-)
-
-
-
(-)
-
-
-
(-)
-
-
-
(+)
188.251,37
188.251,37
188.251,37
(-)
-
-
-
(+)
13.173.727,44
6.554.426,02
2.401.163,26
1.687.960,50
130.000,00
130.000,00
-
-
-
-
-
0,00
0,00
0,00
(+)
-
-
-
(+)
-
-
-
(+)
-
-
-
(-)
-
-
-
(-)
-
-
-
(-)
-
-
-
0,00
0,00
0,00
I) Entrate di parte capitale destinate a
spese correnti in base a specifiche
disposizioni di legge o dei principi contabili
S1) Entrate Titolo 5.02 per Riscossione
crediti di breve termine
S2) Entrate Titolo 5.03 per Riscossione
crediti di medio-lungo termine
T) Entrate Titolo 5.04 relative a Altre
entrate per riduzioni di attività finanziaria
L) Entrate di parte corrente destinate a
spese di investimento in base a specifiche
disposizioni di legge o dei principi
contabili
M) Entrate da accensione di prestiti
destinate a estinzione anticipata dei
prestiti
U) Spese Titolo 2.00 - Spese in conto
capitale
di cui fondo pluriennale vincolato
V) Spese Titolo 3.01 per Acquisizioni di
attività finanziarie
E) Spese Titolo 2.04 - Trasferimenti in
conto capitale
EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE
Z = P+Q+R-C-I-S1-S2-T+L-M-U-V+E
S1) Entrate Titolo 5.02 per Riscossione
crediti di breve termine
S2) Entrate Titolo 5.03 per Riscossione
crediti di medio-lungo termine
T) Entrate Titolo 5.04 relative a Altre
entrate per riduzioni di attività finanziaria
X1) Spese Titolo 3.02 per Concessione
crediti di breve termine
X2) Spese Titolo 3.03 per Concessione
crediti di medio-lungo termine
Y) Spese Titolo 3.04 per Altre spese per
acquisizioni di attività finanziarie
EQUILIBRIO FINALE
W = O+Z+S1+S2+T-X1-X2-Y
(+)
(+)
-
-
83
1.2.3 La gestione delle risorse umane dell’Ente
1.2.3.a La macrostruttura organizzativa
L’assetto organizzativo del Comune è articolato in Settori, quali strutture di massima dimensione
affidate alla responsabilità gestionale di professionalità con qualifica dirigenziale. Ciascun dirigente
istituisce, in seno al Settore/i assegnato/i, Unità organizzative per la gestione di una pluralità di
funzioni.
Con Delibera di Giunta n. 183 del 30/06/2015, di modifica ed integrazione della precedente
deliberazione n. 50/2015, è stata ridefinita la struttura organizzativa dell’Ente in tre macro-aree in
luogo delle precedenti cinque, con conseguente soppressione di due posizioni dirigenziali ritenute
non funzionali alla medesima. Con la medesima delibera si è altresì collocato il Comando di Polizia
Municipale (Corpo di Polizia Municipale e dipendenti afferenti allo stesso) alle dipendenze
funzionali del Sindaco, e si è allocato il personale dipendente fra i nuovi settori organizzativi, al fine
di garantire la massima efficienza ed economicità della nuova struttura. Nuove competenze sono
state attribuite in staff al Segretario Generale.
La medesima risulta dal presente Organigramma (Allegato 1 alla suddetta deliberazione n.
183/2015).
84
Al 31.12.2016 il personale dipendente dell’Ente è così composto:
CATEGORIA
PERSONALE DI RUOLO
QUALIFICA
MASCHI
dirigente
D3
D1
Dirigente
Funzionario
Istruttore Direttivo
C
B3
B1
Istruttore
Collaboratore
Esecutore
Totale
FEMMINE
UNITA'
1
8
10
1
16
45
2
24
55
54
20
8
101
102
16
6
186
156
36
14
287
FASCE ETA’ MASCHI FEMMINE TOTALE
0/19
0
20/24
0
25/29
1
1
30/34
4
4
8
35/39
10
16
26
40/44
10
32
42
45/49
10
40
50
50/54
22
39
61
55/59
38
42
80
60/64
6
13
19
OLTRE 64
0
TOTALE
101
186
287
PERSONALE PER FASCE DI ETA'
90
80
70
60
50
FEMMINE
40
MASCHI
30
20
10
85
60
/6
4
O
LT
R
E
64
55
/5
9
50
/5
4
45
/4
9
40
/4
4
35
/3
9
30
/3
4
25
/2
9
20
/2
4
0/
19
0
Al 31.12.2016 il personale dipendente risulta avere la seguente composizione rispetto all’età e al
titolo di studio:
MASCHI
FEMMINE
TOTALE
15
69
0
17
101
12
106
3
65
186
27
175
3
82
287
fino alla scuola
dell'obbligo
licenza media superiore
laurea breve
laurea
TOTALE
PERSONALE PER TITOLO DI STUDIO
120
106
100
80
69
65
MASCHI
60
FEMMINE
40
20
15
17
12
0
3
0
fino alla scuola
dell'obbligo
licenza media
superiore
laurea breve
laurea
Con deliberazioni di Giunta Comunale n. 5 del 19.01.2016 e n. 310 del 26.10.2016 si è provveduto
a nuove revisioni della dotazione organica e del fabbisogno di personale, così come stabilito in
termini di indirizzo dalle deliberazioni di Giunta Comunale n. 50/2015 e n. 183/2015, e dal DUP
approvato con deliberazione consiliare n. 205 del 22/12/2015. Ciò ha determinato l’eliminazione
dalla dotazione organica dell’ente dei seguenti posti:
n. 1 agronomo cat. D3
n. 1 Funzionario SEC cat. D3
n. 2 istruttori direttivi amministrativi cat. D1,
n. 1 istruttore direttivo SEC cat. D1,
n. 2 istruttori tecnici cat. C,
86
n. 2 istruttore tecnico contabile cat. C.
n. 4 Istruttori amministrativi cat. C
n. 1 collaboratore professionale idraulico cat. B3,
n. 1 collaboratore professionale falegname cat. B3
1.2.3.b Il trend storico delle spese di personale
La spesa del personale è stata pianificata in conformità con la programmazione del fabbisogno del
personale, del piano delle assunzioni e di quanto ad oggi determinato in materia di contrattazione
decentrata e salario accessorio; risulta in particolare rispettosa dei vincoli normativi, che seguono:
-
art. 3, comma 5 e segg., del D.L. 90/2014 e s.m.i. e L. n. 208/2015;
-
art. 9, comma 28, del D.L. n. 78/2010 sulla spesa per personale a tempo determinato. Da
evidenziare che le limitazioni dettate dai primi sei periodi dell’art. 9, comma 28, del D.L. n.
78/2010, in materia di assunzioni per il lavoro flessibile, alla luce dell’art. 11, comma 4-bis,
del D.L. 90/2014 (che ha introdotto il settimo periodo del citato comma 28), non si
applicano agli enti locali in regola con l’obbligo di riduzione della spesa di personale di cui
ai commi 557 e 562 dell’art. 1, L. n. 296/2006, ferma restando la vigenza del limite massimo
della spesa sostenuta per le medesime finalità nell’anno 2009, ai sensi del successivo ottavo
periodo dello stesso comma 28 (Corte dei conti Sezione Autonomie. Delibera n. 2/2015) e
tenendo conto dell’art. 16, co. 1 del D.L. 113/2016 in materia di spese escluse dal computo;
-
obbligo di riduzione della spesa di personale disposto dall’art. 1, comma 557 e segg., della
Legge n. 296/2006.
Si rileva che il predetto D.L. 113/2016 ha abrogato l’obbligo di ridurre il rapporto tra le spese di
personale e le spese correnti di cui al comma 557, lett. a) della legge n. 296/2006 così come
interpretato dalla Sezione Autonomie della Corte dei Conti (deliberazione n. 27 del 18/9/2015 )
relativa all’obbligo per gli enti locali di ridurre il rapporto tra le spese di personale e le spese
correnti di cui al comma 557, lett. a) della legge n. 296/2006.
Con riferimento alla riduzione della spesa di personale in attuazione dell’art.1, comma 557 e segg.
della Legge 296/2006, si rimette la rilevazione, effettuata sulla base dei principi interpretativi di cui
alla deliberazione n. 13/2015 della Sezione Autonomie della Corte dei Conti, che segue:
87
SPESA
TIPOLOGIA DI SPESA
MEDIA
PERSONALE
ANNO 2017
ANNO 2018
ANNO 2019
10.671.082,05
10.724.982,05
10.722.982,05
502.099,96
502.099,96
502.099,96
2011/2013
SPESA MACROAGGREGATO 1
SPESA
MACROAGGREGATO
11.470.252,51
10
(Accantonamento FPV)
-
A) TOTALE SPESA
11.470.252,51
A) SPESA MACROAGGREGATO 3
109.274,95
11.173.182,01
11.227.082,01
11.225.082,01
193.368,64
191.368,64
191.368,64
568.006,73
572.256,73
572.256,73
34.473,76
34.473,76
34.473,76
12.025.181,14
12.023.181,14
3.078.021,57
3.076.021,57
3.076.021,57
470.423,72
536.573,72
536.573,72
72.416,42
72.416,42
72.416,42
8.348.169,43
8.340.169,43
8.338.169,43
78.888,84
A) SPESA MACROAGGREGATO 2
A)
SPESA
MACROAGGREGATO
666.669,50
10
(Accantonamento FPV)
-
TOTALE SPESA PERSONALE "A"
12.325.085,80
COMPONENTI ESCLUSE "B"
2.967.942,44
11.969.031,14
*Spesa di personale (compresa Irap) imputata
dall’esercizio
precedente
(COMPONENTE
ESCLUSA B1)
*Componente esclusa (integrazione di B) per
assunzione di agenti di PM ex art. 5, co. 5 del
D.L. 78/2015
COMPONENTI
ASSOGGETTATE
LIMITE DI SPESA A-(B+B1)
AL
9.357.143,36
* Il computo della spesa di personale (vedi componenti con asterisco) è stato effettuato sulla base delle indicazioni contenute nei
questionari rimessi dalla Corte dei Conti al fine del monitoraggio sul Rendiconto della Gestione 2014 per gli enti in sperimentazione
(ex deliberazione della Sezione Autonomie n. 13/2015).
In applicazione del comma 557 quater della Legge 296/2006 così come introdotto dall’art. 3,
comma 5bis del D.L. 90/2014 convertito in legge, si rileva la situazione che segue:
TIPOLOGIA DI SPESA
ANNO 2011
ANNO 2012
ANNO 2013
spesa personale sostenuta soggetta al limite (comma 557 della legge 296/2006)
9.534.978,94
9.327.913,42
9.208.537,73
* dati rilevati dalle Relazioni dell’Organo di revisione ai rendiconti di Gestione
Media Triennale della spesa di cui sopra = euro 9.357.143,36. Tale limite massimo di spesa è stato
assoggettato a riduzione di euro 257.530,47 per l’esercizio 2016 e di euro 404.393,85 a decorrere
dall’esercizio 2017 a fronte delle deliberazioni di Giunta Comunale n. 50/2015, n. 5/2016, e n. 310
del 26.10.2016 (ivi calcolati in questa sede ulteriori risparmi pari ad euro 24.459,33 per risoluzione
anticipata anno 2016, ed € 146.755,98 per risoluzione anticipata anno 2017, dei contratti afferenti
88
alla delibera n. 310/2016), unitamente all’applicazione del principio di riduzione della spesa di
personale a seguito di eccedenze di personale.
Il limite massimo di spesa di cui sopra è quindi determinato nella misura di euro 8.952.749,51
a decorrere dal 2017.
Con riferimento al contenimento della spesa per “lavoro flessibile”, essendo l’Amministrazione in
linea con la disciplina stessa (ex D.L. 90/2014 convertito), si applica l’art. 9, co. 28, ottavo periodo,
del D.L. 78/2010 secondo l’interpretazione della Corte dei Conti Sezione Autonomie, Delibera n.
2/2015, ovvero il rispetto del tetto di spesa costituito dalla spesa sostenuta nell’esercizio 2009 a
titolo di personale a tempo determinato o con convenzioni ovvero con contratti di collaborazione
coordinata e continuativa, contratti di formazione lavoro, altri rapporti formativi, somministrazione
di lavoro, lavoro accessorio di cui all’art. 70, co. 1, lett. d), del decreto legislativo 276/2003. In tal
senso si rileva la situazione che segue:
Spesa di personale per la fattispecie di cui sopra anno 2009: euro 591.656,77
Spesa di personale per la fattispecie di cui sopra anno 2017: euro 212.359,97
Spesa di personale per la fattispecie di cui sopra anno 2018: euro 170.811,21
Spesa di personale per la fattispecie di cui sopra anno 2019: euro 170.811,21
N.B. Gli importi di cui sopra sono computati al lordo della spesa afferente agli agenti di p.m., ai
tirocini formativi, ai lpu e ad altre fattispecie assimilabili. La spesa afferente alle assunzioni ex art.
110, comma 1, D.Lgs. n. 267/2000 non è compresa nel tetto di spesa ex art. 9, comma 28, DL
78/2010, ai sensi dell’art. 16, comma 1 quater, D.L. n. 113/2016.
89
1.2.4 Il nuovo pareggio di bilancio ex art. 1, co. 463 e segg. della Legge 232/2016
Si rimette prospetto afferente al rispetto a preventivo del pareggio di bilancio ex art. 1, co. 463,
della Legge 232/2016 elaborato sulla base della programmazione delle entrate e delle spese
rappresentate ai paragrafi precedenti.
BILANCIO DI PREVISIONE
PROSPETTO VERIFICA RISPETTO DEI VINCOLI DI FINANZA PUBBLICA
(da allegare al bilancio di previsione e alle variazioni di bilancio )
EQUILIBRIO DI BILANCIO DI CUI ALL'ART. 9
DELLA LEGGE N. 243/2012
COMPETENZA ANNO
DI RIFERIMENTO DEL
BILANCIO
2017
COMPETENZA ANNO
2019
COMPETENZA ANNO
2018
A1) Fondo pluriennale vincolato di entrata per
spese correnti (dal 2020 quota finanziata da
entrate finali)
(+)
470.423,72
536.573,72
536.573,72
A2) Fondo pluriennale vincolato di entrata in
conto capitale al netto delle quote finanziate
da debito (dal 2020 quota finanziata da
entrate finali)
(+)
3.596.219,07
1.058.178,66
130.000,00
A3) Fondo pluriennale vincolato di entrata per
partite finanziarie (dal 2020 quota finanziata
da entrate finali)
(+)
-
-
-
A) Fondo pluriennale vincolato di entrata
(A1 + A2 + A3)
(+)
4.066.642,79
1.594.752,38
666.573,72
B) Titolo 1 - Entrate correnti di natura
tributaria, contributiva e perequativa
(+)
23.678.856,52
23.946.347,93
24.087.341,93
C) Titolo 2 - Trasferimenti correnti validi ai
fini dei saldi finanza pubblica
(+)
2.257.826,94
2.257.826,94
2.257.826,94
D) Titolo 3 - Entrate extratributarie
(+)
20.980.194,55
19.681.194,55
18.291.194,55
E) Titolo 4 - Entrate in c/capitale
(+)
6.459.702,11
3.302.548,70
1.783.467,44
F) Titolo 5 - Entrate da riduzione di attività
finanziarie
(+)
-
-
-
90
G) SPAZI FINANZIARI ACQUISITI
(1)
(+)
-
-
-
H1) Titolo 1 - Spese correnti al netto del fondo
pluriennale vincolato
(+)
44.208.024,09
43.171.973,69
42.127.678,83
H2) Fondo pluriennale vincolato di parte
corrente (dal 2020 quota finanziata da entrate
finali)
(+)
536.573,72
536.573,72
536.573,72
H3) Fondo crediti di dubbia esigibilità di parte
corrente (2)
(-)
1.622.714,21
1.632.778,31
1.632.778,31
H4) Fondo contenzioso (destinato a confluire
nel risultato di amministrazione)
(-)
40.000,00
40.000,00
40.000,00
H5) Altri accantonamenti (destinati a confluire
nel risultato di amministrazione) (3)
(-)
7.863,72
7.863,72
7.863,72
H) Titolo 1 - Spese correnti valide ai fini dei
saldi di finanza pubblica (H=H1+H2-H3-H4H5)
(-)
43.074.019,88
42.027.905,38
40.983.610,52
I1) Titolo 2 - Spese in c/ capitale al netto del
fondo pluriennale vincolato
(+)
11.485.766,94
6.424.426,02
2.271.163,26
I2) Fondo pluriennale vincolato in c/capitale al
netto delle quote finanziate da debito (dal
2020 quota finanziata da entrate finali)
(+)
1.058.178,66
130.000,00
130.000,00
I3) Fondo crediti di dubbia esigibilità in
c/capitale (2)
(-)
153.441,33
144.993,15
148.911,89
I4) Altri accantonamenti (destinati a confluire
nel risultato di amministrazione) (3)
(-)
-
-
-
I) Titolo 2 - Spese in c/capitale valide ai fini
dei saldi di finanza pubblica (I=I1+I2-I3-I4)
(-)
12.390.504,27
6.409.432,87
2.252.251,37
L1) Titolo 3 - Spese per incremento di attività
finanziaria al netto del fondo pluriennale
vincolato
(+)
-
-
-
91
L2) Fondo pluriennale vincolato per partite
finanziarie (dal 2020 quota finanziata da
entrate finali)
(+)
-
-
-
L) Titolo 3 - Spese per incremento di
attività finanziaria (L=L1 + L2)
(-)
-
-
-
(-)
-
-
-
1.978.698,76
2.345.332,25
3.850.542,69
M) SPAZI FINANZIARI CEDUTI(1)
(N) EQUILIBRIO DI BILANCIO AI SENSI
DELL'ARTICOLO 9 DELLA LEGGE N.
243/2012 (4)
(N=A+B+C+D+E+F+G-H-I-L-M)
(*) Per il bilancio di previsione 2017 - 2019, "n" corrisponde a 2017, "n+1" corrisponde a 2018, e "n+2" corrisponde a 2019.
1) Gli spazi finanziari acquisiti o ceduti attraverso i patti regionalizzati e nazionali sono disponibili all'indirizzo
http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/ - Sezione “Pareggio bilancio e Patto stabilità” e all'interno dell'applicativo del pareggio al
modello VARPATTI. Nelle more della formalizzazione dei patti regionali e nazionali, non è possibile indicare gli spazi che si prevede di
acquisire. Indicare solo gli spazi che si intende cedere..
2) Al fine di garantire una corretta verifica dell'effettivo rispetto del saldo, indicare il fondo crediti di dubbia esigibilità al netto
dell'eventuale quota finanziata dall'avanzo (iscritto in variazione a seguito dell'approvazione del rendiconto).
3) I fondi di riserva e i fondi speciali non sono destinati a confluire nel risultato di amministrazione. Indicare solo i fondi non finanziati
dall’avanzo.
4) L'ente è in equilibrio di bilancio ai sensi dell'articolo 9 della legge n. 243 del 2012 se la somma algebrica degli addendi del prospetto,
da (A) a (M) è pari a 0 o positivo, salvo gli enti cui è richiesto di conseguire un saldo positivo, che sono in equilibrio se presentano un
risultato pari o superiore al saldo positivo richiesto.
92
1.2.5 La programmazione degli incarichi
Codifica di Bilancio
01021.03.03000380
01101.03.02000235
01101.03.02001235
01101.03.02001286
01031.03.02000261
01031.03.02001261
Settore/
Responsabile
D.ssa MARIA
CASTALLO
Dott.
MIRKO
CANTINI
Dott.
MIRKO
CANTINI
Dott.
MIRKO
CANTINI
Dott.
MIRKO
CANTINI
Dott.
MIRKO
CANTINI
Vari capitoli di spesa
c/capitale
PST
01061.03.01001186
PST
01061.03.01002186
PST
01031.03.02000286
Dott.
MIRKO
CANTINI
Importo*
anno 2017
Prestazione
imposta da
legge
Studio,
Ricerca o
Consulenza
Patrocini Legali
60.000,00
NO
NO
CORSI FORMAZIONE PERSONALE
58.000,00
NO
NO
CORSI FORMAZIONE PERSONALE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL
LAVORO e Membri di commissioni di
concorso
10.701,84
NO
NO
Membri di commissioni di concorso
pubblico
1.649,14
NO
NO
COMPENSI REVISORI
39.000,00
SI
NO
COMPENSI NIVV
Incarichi per lavori pubblici ex art. 24 e
46 del D.Lgs. 50/2016 (C.C. Toscana
n. 10/2009)
SERVIZI VARI PER
PROGETTAZIONE OPERE
SERVIZI DI CONSULENZA
CONCESSIONI ED INVESTIMENTI
DLGS 50/2016
8.820,00
NO
NO
100.000,00
NO
NO
50.000,00
NO
NO
50.000,00
NO
NO
16.000,00
NO
SI
Oggetto Prestazione
SERVIZI CONNESSI ALLE SOCIETA’
PARTECIPATE
*Totale
355.820,06
Note: *trattasi di importo massimo previsto per collaborazioni autonome, fatta salva la possibilità di altro impiego in applicazione del
PEG.
93
SEZIONE STRATEGICA:
Gli obiettivi strategici
individuati nel programma di
mandato
94
95
1.3.1 Gli obiettivi di mandato
L’art 46 c. 3 del D.Lgs 267/2000 stabilisce che entro il termine fissato dallo statuto, il Sindaco o il
Presidente della Provincia, sentita la Giunta, presenta al Consiglio le linee programmatiche relative
alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato. Tale documento è stato presentato al
Consiglio Comunale che ha preso atto con l’approvazione della Delibera n. 93 del 12/08/2014. Le
linee programmatiche deliberate dal Consiglio rappresentano l’esplicitazione del programma
elettorale in una struttura schematica organizzata in maniera gerarchica su 4 livelli: assi strategici
Missioni Progetti strategici Indirizzi per la definizione degli obiettivi gestionali.
Le linee programmatiche approvate individuano 6 assi strategici, assi che rappresentano varie
tematiche svincolate dalle suddivisioni tra vari assessorati, pertanto affrontabili anche in maniera
trasversale, quali:
1. “Non lasciare indietro nessuno”;
2. “La scuola, seme del progresso”;
3. “Cultura e sport motori di innovazione”;
4. “La cura del territorio e ambiente”;
5. “Il lavoro, speranza per il futuro”;
6. “Il Comune vive e respira con la Città”.
Per ciascun asse sono stati individuate le missioni, i progetti strategici e sono stati determinati gli
indirizzi per la definizione degli obiettivi gestionali da assegnare alla struttura organizzativa
attraverso il Peg/Piano della Performance.
Di seguito viene riportata la struttura dei 6 assi strategici e dei relativi obiettivi strategici.
96
1.3.1.a Non lasciare indietro nessuno
97
1.3.1.b La scuola, seme del progresso
98
1.3.1.c Cultura e sport motori dell’innovazione
99
1.3.1.d La cura del territorio e dell’ambiente
100
101
1.3.1.e Il lavoro speranza per il futuro
102
103
1.3.1.f Il Comune vive e respira con la Città
104
1.3.2 Lo stato di attuazione del programma al 31/12/2016
Di seguito si riporta lo stato di attuazione dei programmi alla data del 31/12/2016 così come
elaborati da ciascun settore organizzativo competente in materia.
1.3.2.a Non lasciare indietro nessuno
Programma n. 185 “Interventi per il diritto alla casa”
Gestione contributo affitto
In seguito all’istruttoria delle n.299 richieste pervenute, è stata predisposta la graduatoria definitiva
del Bando per l’assegnazione dei contributi ad integrazione dei canoni di locazione anno 2016 e
si è provveduto ad anticipare l’erogazione della 1° prima rata del contributo ai richiedenti aventi
diritto collocati nella fascia A utilizzando il fondo integrativo comunale di € 55.000, previo
controllo sulle attestazioni ISEE, analogamente a quello che viene fatto, in collaborazione con la
Guardia di Finanza, per tutte le attestazioni ISEE rilasciate per l’ottenimento di agevolazioni sociali.
In seguito ai controlli eseguiti, sono state attivate le procedure per il recupero delle somme
indebitamente percepite.
Gestione ERP
Nel 2016 sono stati assegnati n. 9 alloggi ERP. A seguito dell'entrata in vigore della nuova
normativa regionale in materia di Edilizia Residenziale Pubblica, l’Ufficio ha collaborato alla
predisposizione del nuovo Regolamento ERP approvato dalla Conferenza dei Sindaci del Lode
Livornese in data 27 maggio e ha predisposto gli atti necessari per renderlo operativo (attivazione
nuove riserve di legge, nomina commissione ERP, programma mobilità).
E’ stato predisposto il Bando Generale ERP anno 2016 , in pubblicazione dal 28 novembre al 27
gennaio. E’ proseguita la collaborazione con CASALP per attività di controllo dei requisiti per la
permanenza degli inquilini negli alloggi ERP al fine di richiederne il rilascio nel caso di occupanti
senza titolo; le verifiche delle morosità al fine di individuare eventuali casi sociali da prendere in
carico come Amministrazione Comunale.
Gestione Emergenza Abitativa
L’attività del Comune per fare fronte all’emergenza abitativa, svolta in collaborazione con CROM,
ha comportato, per il 2016, interventi per oltre 400.000,00 €, a testimonianza delle difficoltà
presenti sul territorio per il reperimento e mantenimento degli alloggi da parte delle famiglie. La
crisi economica ha comportato un aumento di sfratti dovuti a morosità e maggiori difficoltà per i
105
non abbienti nel reperimento di alloggi. Gli interventi di emergenza abitativa sono disciplinati da un
Regolamento approvato dal Consiglio Comunale e che tra l’altro prevede case per soli uomini, case
per sole donne ed il cohousing fra famiglie aventi il problema casa. Tale Regolamento permette un
certo contenimento della spesa. Nel periodo estivo per far fronte ad ulteriori situazioni emergenziali
sono state posizionate tre roulottes in un campeggio del territorio.
Gestione del fondo regionale per la prevenzione degli sfratti esecutivi per morosità incolpevole
In seguito all’emanazione dell’Avviso Pubblico anno 2016 è stata curata l’istruttoria delle domande
pervenute e sono stati erogati n.6 contributi utilizzando il fondo statale disponibile di € 38.622,90.
Inoltre è stato predisposto il nuovo Avviso Pubblico per l’anno 2017 già in pubblicazione dal 12
dicembre.
Gestione accordo territoriale per la stipula dei contratti di locazione agevolati di cui all’art.3
comma 2 della L. 431/98
In seguito all’entrata in vigore del nuovo Accordo Territoriale per i contratti a canone concordato,
l’ufficio ha continuato a fornire ai cittadini interessati consulenza sulle modalità di calcolo del
canone di locazione, sulle agevolazioni fiscali previste e sull’ubicazione degli alloggi da affittare in
relazione alle micro zone censuarie comunali e alle zone omogenee individuate dall’OMI. Inoltre
l’ufficio ha continuato a fornire consulenza in generale sull’applicazione della legge 431/98 sulle
locazioni abitative.
Gestione attestazioni ISEE
L’Ufficio Casa ha fornito servizio di consulenza sulla nuova normativa ISEE, in particolare sulle
modalità di compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica necessaria per il rilascio
dell’attestazione ISEE. Inoltre ha provveduto al rilascio della attestazione ISEE ai richiedenti che si
sono rivolti direttamente all’Ufficio Casa invece che ai CAF e ha controllato la regolarità delle
attestazioni ISEE presentate per accedere alle prestazioni sociali agevolate concesse (contributi
affitto e contributi prevenzione sfratti).
Programma n. 186 “Interventi per i minori e per asili nido”
Asili Nido
Gli obiettivi individuati per la prima fase dell’anno educativo, relativamente a:
1) accoglienza delle domande
2) inserimento su posti disponibili
106
3) riunioni individuali
4) riunioni di sezione
sono stati completamente raggiunti attraverso le varie attività. E’ stato realizzato l’inserimento di
un bambino su uno dei due posti riservati ai figli dei dipendenti comunali in attuazione della
strategia di rendere il servizio pubblico comprensivo di una funzione aziendale (indicata dalla
Regione Toscana tra le strategie di sviluppo del sistema educativo territoriale). Attuata
adeguatamente e verificata in maniera positiva anche la modalità di inserimento dei “molto piccoli”
in quanto, in base al nuovo regolamento, i bambini sono potuti essere accolti anche se nati
successivamente alla scadenza del bando, non inficiando però il diritto dei bambini già nati a tale
data di scadenza. L’attività degli asili nido si è svolta attraverso la puntuale organizzazione delle
varie procedure di gestione diretta dei servizi per l’Infanzia ed, inoltre, mediante la collaborazione
con la Cooperativa Contestoinfanzia incaricata dei servizi integrativi. Si è confermata
l’utilizzazione del ribasso nell’offerta dell’appalto pubblico per far frequentare n°14 bambini
aggiuntivi rispetto agli anni precedenti, riducendo sensibilmente la lista di attesa.
Per consentire la frequenza dei bambini in lista di attesa nei Servizi Privati Autorizzati ed
Accreditati, si è provveduto ad assegnare i Buoni Regionali per i Servizi Educativi, in questo modo
le famiglie hanno potuto chiedere tale beneficio e servirsi di una struttura alternativa agli asili nido
comunali.
E’ stata realizzata la prima fase di assegnazione dei posti e si continua ad effettuare la verifica per
assegnare con celerità eventuali posti che per motivazioni varie si rendono liberi.
La lista di attesa risulta molto ridotta in quanto sono calate le domande per il servizio di asilo nido .
Contestualmente sono stati riorganizzati gli ambiti di gestione complessivi ed è stata riattivata la
formazione del personale; l’ambito educativo è stato verificato in ciascuno dei Collettivi dei Servizi
0/6 Comunali con cadenza mensile e sono state svolte le riunioni iniziali con le famiglie per offrire
loro la possibilità di inserirsi adeguatamente nel contesto di cui usufruiscono i loro bambini. Si sono
svolte anche le riunioni con ciascuna famiglia, per parlare solo del loro figlio. Si è svolta
l’Assemblea Generale delle Famiglie ed anche la Commissione Mensa a cui le famiglie hanno
potuto partecipare attraverso la presenza dei loro rappresentanti allo scopo nominati. Durante
l’Assemblea delle Famiglie si è potuto svolgere il programma di formazione e condivisione del
progetto pedagogico come stabilito dalla Regione Toscana. Sono attive tutte le iniziative derivanti
dall’ utilizzazione dei finanziamenti PEZ infanzia e sono stati definiti i corsi dedicati al Personale
ed ai genitori, con la costituzione di gruppi di riflessione e laboratori pedagogici attivi, come
indicato nelle linee guida progettuali, basate sulla pedagogia della pratica psicomotoria metodo
107
Bernard Aucouturier, che il Comune di Rosignano Marittimo attua da oltre trenta anni nei propri
servizi per l’infanzia.
Sono iniziate le verifiche iniziali per la costituzione del Coordinamento Pedagogico Comunale di
questo anno scolastico
che vede la presenza della Coordinatrice Pedagogica dell’Ente e le
Insegnanti/Educatrici facenti parte della Commissione Qualità. L’organizzazione dei tempi e dei
modi per il regolare insediamento sono stati definiti nella riunione apposita .
Si è compiuta a cura della Dirigenza e dell’Assessorato una nuova modalità di gestione associata
che, esprimendo una armonizzazione ed ottimizzazione delle risorse del territorio ampio, possa
consentire al Comune di espletare compiutamente il ruolo di Capofila che la Regione attribuisce ai
Comuni con popolazione scolastica più numerosa, essendo così di supporto effettivo anche ai
Comuni di Cecina, Castagneto Carducci e Bibbona.
L’obiettivo di non lasciare indietro nessuno, pensato per i bambini e le loro famiglie, in un ambito di
promozione della cultura dell’infanzia, si andrà maggiormente sviluppando nel corso del 2017
infatti è in fase di definizione la costituzione del Centro della Documentazione Pedagogica inserito
nel Programma di mandato del Sindaco, utilizzando anche l’ innovativa modalità di diffusione dei
contenuti educativi sul territorio, dato che il CED e l’U.O. Servizi Educativi hanno creato una
infrastruttura sul sito web comunale che ha avuto molto successo consentendo alle famiglie
l’accesso protetto alle documentazioni ed alle bacheche virtuali dei Servizi Educativi. Il progetto,
denominato “Comun Educare”, è stato attualizzato con il nuovo sito del Comune realizzazione per
la prima fase, la seconda fase avverrà da settembre 2016 a novembre 2016. Ogni ambito di
realizzazione risulta quindi adeguatamente processato, in linea con le attese ed in miglioramento
con elementi significativi di innovazione.
Colonie
Nell’anno 2016 è proseguito il progetto denominato “Estate in Collina” che da diversi anni
sostituisce i servizi estivi di accoglienza di minori presso la colonia di Gavinana, rivolto
prevalentemente ai bambini delle frazioni collinari di età compresa tra i 5 ed i 12 anni. Di seguito le
iniziative realizzate nelle diverse frazioni:
- SOS Vacanze in Collina: attività in contesto extrascolastico a sostegno/aiuto per l’esecuzione dei
compiti, rivolta ai ragazzi frequentanti le scuole elementari e medie:
- Favole in collina: attività di invio alla lettura mediante l’uso di diverse tecniche di animazione,
realizzata nelle frazioni di Gabbro e Nibbiaia, rivolta ai bambini dai 6 ai 13 anni;
- Campi verdi: campi estivi realizzati nella frazione di Castelnuovo della Misericordia per bambini
dai 5 ai 10 anni;
108
- Giochi al Castello: attività di tipo aggregativo – didattico realizzata nella frazione di Rosignano
Marittimo diretta a minori da 5 a 12 anni.
Al fine di far fronte alle situazioni di disagio minorile presenti sul territorio, inoltre, nel 2016 si è
deciso di finanziare l’apertura dei Centri Diurni per Minori fino al mese di agosto anziché
destinare le risorse ai Centri Estivi Marini e Montani (CEMM) come negli anni precedenti.
Inoltre, al fine di migliorare la qualità di vita estiva dei diversamente abili gravi e delle loro
famiglie, sono state previste ore aggiuntive di assistenza di base.
Programma n. 187 “Interventi vari a sostegno degli anziani, disabilità, soggetti a rischio
esclusione e famiglie”
Di seguito una sintesi degli interventi di sostegno sociale messi in atto nell’annualità 2016.
Sono state rinnovate n° 212 attestazioni di esenzione dalla spesa sanitaria (esenzione ticket) e ne
sono state rilasciate n° 107 di nuove, numeri in linea con i dati 2015.
Le domande di assegno di maternità sono state n° 17 (di cui n° 4 prive dei requisiti necessari per la
concessione dell’agevolazione); n° 19 le richieste di contributo per famiglie numerose (di cui n° 8
prive dei requisiti necessari).
Nel 2016 sono state rilasciate n. 12 certificazioni di idoneità di alloggio con finalità di
ricongiungimento familiare; n° 40 quelle pervenute finalizzate all’ottenimento del permesso di
soggiorno e/o esercizio di attività lavorativa di competenza del Dipartimento di Prevenzione
dell’Azienda Toscana Nord Ovest.
Nel mese di maggio è stato pubblicato il Bando pubblico per l’erogazione di contributi economici
finalizzati al sostegno del pagamento di utenze domestiche gas e luce (SGATE) e agevolazioni
tariffarie per utenze idriche da parte di ASA spa–anno 2016 unendo, in unico bando, i due
contributi al fine di facilitare il cittadino nella presentazione delle domande.
Il contributo a sostegno delle utenze domestiche è stato interamente finanziato dal Comune per
25.00,00 € mentre l’agevolazione tariffaria alle utenze idriche è stata finanziata da ASA.
Dalle graduatorie definitive pubblicate a fine luglio si evince che sono pervenute n. 187 richieste
per il contributo utenze e n° 155 per il contributo idrico.
Per le prime l’Ufficio ha redatto
un’ulteriore graduatoria in base ai valori ISEE ed erogato i contributi alle prime 140 domande
idonee mentre per i contributi idrici istruttoria e pagamento sono di competenza di ASA spa.
Nel mese di agosto è stato attivato il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA), nuova misura
sperimentale di contrasto alla povertà voluta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e
finanziata con fondi nazionali. Tale sostegno, erogato attraverso l’attribuzione di una carta di
pagamento elettronica utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità, è rivolto alle famiglie in
109
condizioni economiche disagiate (ISEE inferiore ai 3.000 €; presenza di almeno un componente di
minore età o disabile o donna in stato di gravidanza, etc.). Per tali famiglie, inoltre, è prevista
l’attivazione di un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, da parte dei servizi
sociali del Comune, in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari e le scuole, oltre che con
soggetti privati attivi nel contrasto alla povertà (come gli enti non profit).
Nel mese di giugno è stato pubblicato il Bando del Pacchetto Scuola - a.s. 2016-2017 in cui si
prevede l’erogazione di un contributo a sostegno delle spese scolastiche per famiglie con ISSE
inferiore a €. 15.000,00; pervenute 85 istanze delle quali 79 idonee.
Sempre nell’ambito del Diritto allo Studio, sulla base delle schede PEI, sono stati messi a
disposizione educatori scolastici per 50 alunni disabili residenti.
Nel 2016 sono stati forniti servizi di assistenza domiciliare per n.7 disabili gravi, servizio
antecedentemente fornito dalla Società Della Salute.
Programma n. 188 “Programmazione e governo della rete dei servizi sociosanitari e sociali”
Sintesi dei servizi socio- sanitari affidati alla Società della Salute.
Le risorse erogate nel 2016 alla Società Della Salute per la gestione dei servizi socio-sanitari
ammonta ad €. 1.140.000,00. La presenza presso il Comune di uno Sportello Sociale, finanziato
nell’ambito di detta cifra, consente di offrire ai cittadini che comunque si rivolgono in prima istanza
al Comune per le loro necessità, informazione e orientamento in materia di servizi sociali e sanitari
presenti sul territorio, con riferimento sia a quelli gestiti dalla SDS che quelli gestiti direttamente
dal Comune o da altre Istituzioni. Allo Sportello si sono rivolte n° 86 soggetti, di cui n° 3 già in
carico al servizio sociale, e n° 27 nuovi utenti.
E’ stata assicurata la Guardia Medica Turistica a Vada per il mese di luglio con contributo di
€4.859,00 in favore dell’Azienda U.S.L. Toscana Nord Ovest Zona Bassa Val di Cecina.
Programma n. 189 “Servizio necroscopico e cimiteriale”
Servizi e politiche cimiteriali.
Nel 2016 si è posta particolare attenzione nelle attività di direzione, supervisione e controllo delle
prestazioni e dei servizi erogati dalla società che gestisce i cimiteri comunali, C.RO.M servizi srl,
al fine di vedere attuate le politiche comunali volte a riduzione la cementificazione dei cimiteri e ad
indirizzare i cittadini verso pratiche e modalità di sepoltura più sostenibili e rispettose delle risorse
ambientali.
110
In attuazione degli indirizzi di politica cimiteriale approvati dalla Giunta con la delibera n. 375 del
25/12/2015, è stata avviata la nuova procedura per l'accreditamento delle imprese incaricate di
fornire servizi di onoranza e trasporto funebre in favore di indigenti;
in realtà la fascia dei
beneficiari è stata ampliata con quanti in possesso di attestazione ISEE con ISE non superi €.
10.000,00; la spesa per il 2016 è stata di €. 9.263,35, in linea con quella dell’esercizio precedente.
1.3.2.b La scuola, seme del progresso
Il Sistema Scolastico Comunale presenta una componente di attività gestite direttamente ed una
componente gestita mediante appalto; la rete dei servizi e la stretta collaborazione tra pubblico e
privato nella corretta gestione complessiva riesce a costituire un elemento di forza in quanto
consente, mediante una attenta programmazione delle attività , oltre all’elaborazione dei capitolati
ed una puntuale attività di controllo del fornitore, di adeguare celermente i servizi ai bisogni
dell’utenza, dato che trattasi di servizi
suscettibili di variare molto e con molta celerità. Il
funzionamento delle varie attività è legato al calendario scolastico, con un andamento dinamico in
ragione del mutevole numero di utenti frequentanti annualmente i vari plessi, della risposta a
possibili variazioni normative in materia rispetto ai differenti ambiti di competenza.
Le finalità scolastiche sono state realizzate in linea con gli obiettivi definiti e riguardano gli ambiti
comprendenti tutte le fasce di età ed ogni ordine e grado di scuola.
Attualmente le attività preventivate sono state regolarmente svolte e gli obiettivi raggiunti. Trattasi
di servizi a gestione diretta e di servizi regolati dai capitolati di gara delle tre procedure di evidenza
europea ai sensi dell’art. 55 del D.Lgs. n. 163/06 e s.m.i., per l’affidamento, con il criterio
dell’offerta economicamente più vantaggiosa, per il periodo settembre 2015 - giugno 2020 ( servizi
di Refezione scolastica, di Scuolabus ed i Servizi attinenti le Attività Educative integrative).
Il funzionamento delle varie attività è legato al calendario scolastico, con un andamento dinamico in
ragione del mutevole numero di utenti frequentanti annualmente i vari plessi, della risposta a
possibili variazioni normative in materia rispetto ai differenti ambiti di competenza.
Le finalità scolastiche sono state realizzate in linea con gli obiettivi definiti e riguardano gli ambiti
comprendenti tutte le fasce di età ed ogni ordine e grado di scuola.
In considerazione delle complessive necessità scolastiche è stato riattivato l’ Organismo comunale
Innovativo e di grande potenzialità in merito alla verifica del contesto complessivo per la ricerca di
soluzioni, denominato Tavolo di Coordinamento Scuola, che si è riunito già due volte dall’inizio
dell’anno scolastico, consentendo la gestione coerente e trasparente delle varie necessità emergenti
nei vari plessi e per le varie attività.
111
Si tratta di un organismo politico di cui le scuole possono avvalersi periodicamente e che consente
all’assessore, con l’apporto dei Tecnici Comunali, di individuare ambiti di razionalizzazione
(economica ed operativa) e/o soluzioni, in una nuova e produttiva ottica di programmazione
accurata.
La situazione di carenza numerica del personale di ruolo dipendente Comunale è in fase di gestione
attenta per garantire il servizio scolastico e la necessaria qualità educativa nel sistema 0/6 a titolarità
comunale e per la copertura del posto vacante in ufficio derivante dal congedo per pensionamento
di un D istruttore Amministrativo.
Sono stati raggiunti gli obiettivi specifici ed è emerso un quadro migliorativo del sistema
complessivo, attraverso un monitoraggio finalizzato al controllo del rispetto dei capitolati di appalto
da parte dei fornitori. Anche il coordinamento complessivo delle attività, costituenti il sistema
integrato Comune-Scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio, ha dimostrato l’azione
migliorativa praticata attraverso azioni di comunicazione utili al maggior coinvolgimento.
Programma n. 162 “Istruzione prescolastica”
Risulta raggiunto l’obiettivo per il progetto “Istruzione prescolastica” che, in questa fase dell’anno,
risulta svolto in maniera adeguata e ben articolata, consentendo la stabilizzazione delle attività
educative programmate e consolidando le organizzazioni delle azioni educative e dei servizi
collaterali.
Negli Asili Nido sono stati accolti bambini segnalati dai Servizi Sociali e tali azioni sono state rese
necessarie per esigenze emergenti e necessità imprevedibili, il risultato emerso ha dimostrato sia
una adeguata azione di problem solving che una precisa ottimizzazione del sistema con correttivi
funzionali al caso, a partire dalla verifica del benessere dei bambini accolti.
Nella seconda parte dell’anno scolastico si prevede una maggiore attuazione delle linee di
coordinamento pedagogico comunale e la realizzazione di un miglioramento in ambito di rete e
continuità educativa, tra i vari Servizi educativi rivolti ai bambini fino ai 6 anni, sia internamente al
sistema Comunale che in relazione al sistema statale e privato paritario.
Programma n. 163 “Altri ordini di istruzione”
Lo stato di attuazione del progetto “Altri Ordini di Istruzione” risulta adeguata e ben articolata alla
conclusione dell’anno scolastico, infatti ogni istituto scolastico ha svolto la progettazione definita
dal proprio Piano dell’Offerta Formativa, realizzando le attività educative programmate. Tramite il
sistema Comunale sono state supportate le esigenze emergenti ed anche diverse necessità
imprevedibili che l’ambito scolastico, per la sua complessità, comporta. Attraverso il monitoraggio
112
si è garantito che la dimensione complessiva dello stato di attuazione risultasse in linea con le
attese. Emerge, tra le evidenze risultanti dai report analizzati, un impegno consolidato e
migliorativo dell’Ente e degli Istituti Scolastici verso la realizzazione di proficuo raccordo;
pertanto negli anni a venire sarà dato stimolo e compiuto un rafforzato sistema di miglioramento del
coordinamento delle necessità emergenti, istituendo anche un tavolo di raccordo, di analisi, di
verifica e di possibile sviluppo di iniziative per la popolazione scolastica.
Programma n. 164 “Servizi ausiliari all’istruzione”
Le attività ad oggi realizzate sono state pienamente rispondenti agli obiettivi delineati in quanto è
stato svolto completamente il complesso e dettagliato sistema di monitoraggio delle prestazioni ed i
rapporti con l’utenza, Direzioni Didattiche e Famiglie, attraverso i diversi ambiti di intervento
inerenti i “Servizi Ausiliari all’Istruzione”. La prima parte dell’anno scolastico
rispondente ai bisogni ed anche
migliorata grazie alla
risulta quindi
pianificazione precedentemente
effettuata(periodo estivo) ed anche grazie all’accurata gestione del complesso sistema delle attività.
Il Servizio Refezione Scolastica,
attivato anticipatamente rispetto alle previsioni inserite nei
conteggi della Gara di appalto, ha consentito di offrire la mensa aderendo alle necessità espresse
dalle famiglie, grazie alla decisione dell’Ente di impegnare risorse economiche ed organizzative
dedicate a questo risultato di miglioramento, ha dimostrato la capacità di assolvere con
immediatezza ai bisogni dei vari istituti scolastici ed alle differenti tipologie di moduli orari che
comportano variabilità significativa di presenze giornaliere al pasto. Il menù è stato adeguatamente
organizzato su 4 settimane e tutte le informazioni possono sempre essere verificate sul sito del
Comune dove sono riportati i menù per fascia di età ed i menù speciali relativi a diverse patologie
ed esigenze alimentari particolari. Sempre sul sito del Comune, oltre che presso ciascuna istituzione
scolastica, sono verificabili i
dettagli dei prodotti in uso per la realizzazione dei pasti e le
grammature definite dal disciplinare della Regione Toscana. Sul sito può essere visionata anche la
composizione della Commissione mensa che tiene rapporti con i Comitati mensa di ciascuno dei
plessi scolastici, il verbale della riunione svolta per la verifica di fase ed ogni altra informazione sul
sistema in essere.
L’appalto per la refezione scolastica prevede due specifiche filiere produttive:
- il sistema in Global Service (cibi + servizi vari) dedicato ai circa 950 pasti realizzati per la scuola
primaria;
- il Progetto 0/6 per i circa 750 pasti forniti ai bambini da tre mesi a sei anni, la cui preparazione
avviene nelle cucine comunali.
113
Il costo pasto - costituito da un complesso sistema organizzativo (predisposizione e gestione Piani
di Autocontrollo, formazione del personale, organizzazione della piattaforma produttiva per le varie
e differenti responsabilità di sistema, acquisto dei prodotti, stoccaggio, lavorazione materie prime,
cottura e confezionamento, trasporto ai refettori, porzionamento nei piatti, somministrazione dei
pasti al tavolo a ciascun commensale, pulizia, rigovernatura stoviglie, sanificazione finale dei
refettori, raccolta e differenziazione rifiuti, monitoraggio infestanti) - è di € 7,23 per la scuola
primaria, in quanto la ditta fornitrice esegue tutti i servizi previsti in filiera, e di euro 5,36 per il
progetto 0/6 poiché la suddetta filiera non comprende il lavoro di cucina in quanto il Comune di
Rosignano Marittimo ha la gestione diretta delle tre cucine comunali, collegate agli asili nido
Mammolo, Nghè ed Arcobaleno che producono per tutto il sistema 0/6.
L’Ufficio ha ristrutturato il proprio programma di monitoraggio sulla base del nuovo appalto e sono
state effettuate sia le fasi di monitoraggio e verifica che le fasi di programmazione per i mesi
successivi. Complessivamente, e varie esigenze risultano ben gestite sia dal sistema in economia
che dalla ditta dell’appalto, pur rimanendo necessaria la puntuale attenzione sulla produzione dei
pasti e la somministrazione del cibo che la ditta incaricata sta svolgendo, essendo necessario un
intervento migliorativo sul sistema del subappalto che la ditta ha correttamente realizzato ma ancora
va assestato per la giusta qualità complessiva. Le iscrizioni al servizio sono state tutte accolte con
esito positivo e tutti i bambini frequentanti le scuole vengono forniti del pasto; soddisfatte anche
eventuali domande giunte in ritardo (per trasferimenti successivi) che vengono sempre
positivamente accolte , così che gli alunni vengono immediatamente ammessi al servizio nella
propria scuola.
Il Servizio Scuolabus, realizzato per servire tutti gli alunni che hanno diritto in base al Regolamento,
ha consolidato l’organizzazione definita a seguito di attento monitoraggio svolto dall’ufficio nel
periodo estivo; la nuova organizzazione delle tratte risulta adeguata alle esigenze degli utenti e
delle scuole.
Esistendo ancora una certa quantità di richiedenti, pur non aventi diritto, sono state verificate le
tratte ed i posti che si sono resi liberi per rinunce, tale verifica ha consentito di ampliare il numero
di famiglie/alunni soddisfatti dal servizio comunale, con particolare attenzione alle Frazioni
Collinari.
Il nuovo progetto di mobilità sostenibile “Car Pooling” con estensione anche verso un ulteriore
innovazione del sistema di mobilità scolastica “pedi bus” ha un riscontro diversificato per le due
progettualità. Gli equipaggi automobilistici di condivisione al momento non hanno riscontrato
giusta valorizzazione tra le famiglie ed occorre rinforzare le attività di comunicazione attraverso
114
mirate attività partecipative. Invece il pedi bus si sta realizzando anche spontaneamente ed emerge
l’impegno consapevole di un nutrito gruppo di famiglie che credono nella sostenibilità del progetto
e lo sostengono con riscontri molto positivi, la Frazione di Vada ha il livello esponenziale maggiore
di bambini coinvolti e famiglie partecipanti attivamente alle fasi di conoscenza e organizzazione del
sistema. Apposite attività sono in fase di ulteriore programmazione.
La piattaforma on-line è stata predisposta in attesa dell’avvio delle attività, perciò gli obiettivi
previsti sono stati adeguatamente raggiunti e si prospetta una fase ulteriormente soddisfacente per le
migliorie sensibili che tali progetti innovativi potenzialmente porteranno.
Il servizio Scuolabus risulta rispondente alle attese e copre le sette Frazioni del Comune, servendo il
territorio nel suo complesso, per un totale di 1522 km giornalieri.
L’Ufficio attività educative ha raggiunto ogni obiettivo previsto ed ha dedicato la necessaria
attenzione ai vari ambiti di lavoro, che risultano diversificati e complessi, con particolare riguardo
propositivo alle attività di formazione del personale, per ciascuna delle diverse figure professionali
dipendenti del comune.
E’ stata compiuta anche l’organizzazione di iniziative pubbliche quali momenti nei quali si svolge
una riflessione sulle varie attività con il coinvolgimento degli operatori scolastici e delle famiglie.
Un ruolo rilevante nell’attività dell’Ufficio è stato verificato nella gestione del PEZ - Piano
Educativo Zonale per i servizi educativi comunali 0/6 e del PEZ zonale per quanto riguarda i
finanziamenti regionali sempre per la fascia di età 0/6. Altro obiettivo pienamente raggiunto è la
costituzione del Coordinamento Pedagogico Zonale dei servizi 0/6 a responsabilità del Comune di
Rosignano Marittimo quale Capofila per la Regione Toscana, che svolge la funzione di
progettazione innovativa di ambito territoriale e promuove il superamento delle frammentazioni
municipali, in ottica di rete dei servizi educativi zonali, per i bambini fino ai sei anni e le loro
famiglie. Nella fase iniziale dell’anno scolastico sono state realizzate le analisi e prodotti i report di
chiesti dalla Regione Toscana per i vari interventi che si svolgono in rete.
Il Diritto allo Studio è stata svolta l’attività di concessione di libri di testo scolastici gratuiti e sono
stati attribuiti contributi specifici alle varie scuole per le necessità igieniche e per le diverse
progettualità dei POF- Piani Offerta Formativa. Sono stati attribuiti anche contributi economici
finalizzati alle uscite didattiche sul territorio. Sono state realizzate compiutamente anche alcune
azioni peculiari derivante da esigenze occasionali ed impreviste della popolazione scolastica di
riferimento, come per esempio gli alunni con nuova residenza o i trasferimenti di nuclei familiari
115
con figli in età di scuola dell’obbligo che hanno, in tempi adeguati, beneficiato del sistema
comunale del diritto allo studio.
1.3.2.c Cultura e sport motori dell’innovazione
Programma n. 166 “Attività culturali e interventi diversi nel settore culturale”
La Biblioteca Comunale
Inserita nel nuovo Centro Culturale “Le Creste”, ha ampliato l’orario di apertura al pubblico nei
mesi da gennaio a luglio (compreso) e da settembre a dicembre (compreso) aggiungendo l’apertura
pomeridiana del sabato dalle ore 13.00 alle ore 18.00 che amplia quella già ordinariamente svolta
(nei giorni feriali dal lunedì al venerdì compreso l’apertura è ad orario continuato dalle ore 9:00 alle
ore 19.00 e il sabato dalle ore 9.00 alle ore 18.00).
La Biblioteca continua a registrare un numero considerevole di ingressi in forte aumento rispetto
all’anno precedente: dal 1° gennaio al 15 dicembre: 92.702 (+ 4723 utenti rispetto al 2015).
E’ stato incrementato il patrimonio librario e multimediale (1546 nuove acquisizioni), il numero
dei prestiti giornalieri (18.209) in aumento rispetto al 2015 di 2737 unità, mentre risultano
sostanzialmente stabili i prestiti interbibliotecari n° 202 e l’offerta dei servizi multimediali, utenti
totali 6054.
Oltre che del sistema rilevazione presenze, della App dedicata, del servizio di auto prestito si è
dotata di altri servizi volti a renderla sempre più facilmente e piacevolmente fruibile, SebinaYOU.
Attività Didattiche (in collaborazione con la Cooperativa Il Cosmo): interventi con le classi
gennaio-giugno e settembre – dicembre, n° 112 per un totale di 2452 partecipanti.
Promozione della lettura (aperture dalle ore 19.00 alle ore 23:00 nel giorno di venerdì): 7 interventi
per un totale di 285 presenze; nei weekend 2016 interventi 42, per un totale di 3814 presenze.
E’ stato attivato con grande partecipazione “Nati per leggere” un progetto nazionale che si propone
di offrire agli utenti della fascia d’età 0 – 3 anni e ai loro genitori, un vasto calendario di
appuntamenti utili ad avvicinarli al modo della lettura e dei libri, ma anche ad approfondire le
tematiche pediatriche con figure altamente specializzate come pediatri della zona, logopedisti,
ostetriche ed esperti in picture books, n° appuntamenti 8 e n° partecipanti 158.
Senza costi aggiuntivi, rispetto la gara in corso per l’appalto della biblioteca, tramite una diversa
organizzazione del personale è stata istituita il sabato pomeriggio nei mesi invernali “L’ora del
racconto”, un’ora di lettura ad alta voce dedicata ai bambini della fascia d’età da quattro a sei anni,
n° appuntamenti 20 e n° partecipanti 85.
116
E’ stato ripreso il percorso di approfondimento sulla filosofia con l’organizzazione di conferenze
tematiche molto partecipate tenute da docenti universitari, n° 4 appuntamenti per un totale di n° 240
partecipanti (Adriano Fabris: Etica delle nuove tecnologie; Roberta De Monticelli: Al di qua del
bene e del male; Ines Testoni: L’ultima nascita e il suo mistero. Dall’illusione al sapere quel che è
da sapere; Salvatore Natoli: Il rischio di fidarsi.)
Il Museo Archeologico
Nella prima metà dell’anno si è dato seguito all’insieme dei lavori di adeguamento impiantistico
presso il Museo Archeologico (necessari
all’ottenimento della CPI) tanto da permetterne la
riapertura nel mese di Agosto. Una nuovo avvio avvenuto all’insegna di un allestimento più
adeguato, rinnovando ed ampliando l’esposizione già in essere. All’inaugurazione hanno partecipato
circa 350 persone, autorità locali, il Sottosegretario ai Beni Culturali. Oltre a garantire la
conservazione dei reperti, la struttura è tornata a promuovere, con maggiore impegno e
articolazioni, la tradizionale proposta culturale, scientifica ed educativa (attività didattiche, Amico
Museo con 2 appuntamenti in collaborazione con la Coop.Capitolium e Amici di M.Ar.Co , Notti
dell’Archeologia, ecc. ). Nella stessa ottica, tale proposta, si è saldata alla valorizzazione del Museo
Milani di Castiglioncello (Museo Archeologico Nazionale), ormai definitivamente allestito e
fruibile (tra l’altro recentemente dotato di una didascalizzazione a mezzo digitale) che riaperto al
pubblico (nei giorni di sabato e domenica), ha permesso di registrare da Pasqua al mese di agosto
circa 500 visitatori.
L’attività didattica con le scuole, è proseguita, pur con le difficoltà dovute alla chiusura nella
prima parte dell’anno degli spazi museali, sia all’interno di alcuni locali del Museo, sia nei plessi
scolastici, sia nelle aree archeologiche del territorio. Sono così state effettuate circa 50 attività (pari
a 220 ore circa) prevalentemente rivolte alle scuole elementari, con circa 2.500 contatti.
Si è provveduto allo svolgimento dell’annuale campagna di scavo presso il sito di San Gaetano che
dalla prima settimana di luglio, ha visto impegnati per ben quattro settimane circa venti studenti non
solo italiani (Summer school, con la partecipazione di studenti stranieri, provenienti da Università
americane, australiane, olandesi e cinesi e campagna ordinaria condotta da ricercatori e studenti
dell’Università di Pisa).
Nei mesi di luglio-settembre, si è dato vita ad iniziative estive dedicate ad adulti (conferenze,
itinerari, visite guidate etc.) e a “Gioca Museo” (6 appuntamenti per un totale di circa 180
presenze) dedicato ai bambini, dando seguito da ottobre in poi, alla tradizionale attività didattica
legata al Museo Archeologico.
117
E’ proseguita infine la collaborazione in campo scientifico e divulgativo con le Reti Museali cui il
Museo aderisce a livello provinciale (Rete dei Musei e Parchi della provincia di Livorno) e
regionale (AMAT).
Il Museo ha collaborato con il Settore Lavori Pubblici e la Soprintendenza per i Beni Archeologici
della Toscana per alcuni interventi di Archeologia preventiva in occasione dell’apertura di alcuni
cantieri in prossimità della foce del fiume Fine.
Presso Il “Salone Internazionale del Libro”, Lingotto Fiere, Torino (Stand Regione Toscana), in
data 14 maggio 2016 è stato presentato il volume Taste Archaeology, Campagna di scavi
gastronomici nelle ricette della nostra storia (Pacini Editore). Successivamente a questa data, tale
volume è stato quindi presentato e promosso in ulteriori sedi.
In questi ultimi mesi del 2016 si è provveduto a impostare le procedure di gara per l’individuazione
del soggetto gestore dei servizi Museali nel prossimo biennio (con possibilità di successiva
proroga). Tutto questo, nell’intento di attivare nuove strategie per la sempre maggiore versatilità
delle diverse strutture nei confronti dell’utenza (che ricomprendono sia i Musei Archeologici, sia
l’Archivio Storico, già trasferito e riordinato in nuova sede, che quello di Storia Naturale, in attesa
di trasferimento in nuova sede, il Centro di Educazione Ambientale, ecc.) e la promozione di un
programma integrato.
Archivio Storico e Museo P. Gori
Si è provveduto alla gestione della struttura, alla tutela e inventariazione del patrimonio archivistico
in essa conservato; si è proposta attività di accoglienza: reference, assistenza alla ricerca e
consultazione per conto dei vari uffici comunali e dei ricercatori esterni. L’archivio è stato
regolarmente aperto al pubblico il martedì e giovedì pomeriggio dalle ore 14,15 alle ore 17,15,
soddisfacendo le richieste di 18 utenti, mentre le presenze per consultazioni presso la sede sono
state 22. A tali dati vanno aggiunti molteplici contatti telefonici. Inoltre sono state svolte ricerche
per conto dei vari uffici comunali (in particolar modo Anagrafe e Uffici Tecnici) e richieste
genealogiche pervenute tramite lettera o e-mail. Sono stati proposti progetti didattici che hanno
interessato scuole materne, elementari e medie della zona. Progetti didattici offerti: 44 classi
coinvolte, 232 ore, circa 880 bimbi e ragazzi coinvolti (alcune classi hanno aderito a più progetti) .
Percorsi didattici promossi dall’Archivio Storico:
•
“Le Frazioni” : 1 classe scuola elementare “Novaro” di Vada (4 ore)
•
“La Bonifica di Vada”: 1 classe scuola elementare “Novaro” Vada (2 ore),
•
“Antichi mestieri: pescatore, tessitore, apicoltore, contadino, il formaggiaio, il fornaio, la
carta” 3 classi scuola elementare “E.Solvay” di Rosignano Solvay (8 ore), 3 classi scuola
118
elementare “Fucini” di Castiglioncello (5 ore), 1 classe scuola elementare “Carducci” di
Rosignano Marittimo (4 ore), 1 classe scuola materna “Ciari” di Vada (8 ore), 10 classi
scuola elementare “Novaro” di Vada (57 ore), 3 classi scuola materna “Rodari” di
Rosignano Solvay (26 ore), 3 classi scuola materna “Regina Pacis” di Vada (8 ore), 3 classi
scuola elementare “Europa” di Rosignano Solvay (14 ore), 1 classe scuola elementare
“Lega” di Gabbro (2 ore), 1 classe scuola materna di Castelnuovo (2 ore)
•
“Il Risorgimento”: 1 classe scuola elementare “Novaro” di Vada (4 ore), 4 classi scuola
elementare “E. Solvay” di Rosignano Solvay (16 ore)
•
“Le migrazioni” : 1 classe scuola elementare “Novaro” di Vada (8 ore)
•
“L’Archivio Storico” : 1 classe scuola elementare “Carducci” di Rosignano Marittimo (2
ore), 1 classe scuola elementare “E.Solvay” di Rosignano Solvay (2 ore) .
•
“I Macchiaioli” e centro “Diego Martelli” : 2 classi scuola elementare “Novaro” di Vada (8
ore), 2 classi scuola elementare “Fucini” di Castiglioncello (8 ore),
2 classi scuola
elementare “E. Solvay” di Rosignano Solvay (4 ore).
Progetto di inventariazione
Inserimento deliberazioni per Consiglio Comunale su supporto informatico.
Progetto “Archivi Aperti”
L'Archivio Storico ha partecipato al progetto che si è svolto nella settimana dal 7 al 13 novembre
registrando la presenza di 7 persone. Il fondo “Pietro Gori” è stato invece visitato da 8 persone.
Centro Educazione Ambientale Villa Celestina - CEA
Le attività didattiche nell’anno scolastico 2015-16 si sono concentrate sulle tematiche dei
cambiamenti climatici e della risorsa idrica, di concerto con le indicazioni dell’Amministrazione.
Nei primi mesi dell'anno scolastico si sono svolti, con i docenti, gli incontri di programmazione dei
percorsi di educazione ambientale e fissato un calendario di appuntamenti. Il giorno di attività
presso l’ufficio di Villa Celestina è stato il mercoledì mattina, durante il quale sono state svolte sia
la programmazione delle attività didattiche che tutte le mansioni di ufficio del Centro di Educazione
Ambientale. Durante i primi mesi dell’anno sono state organizzate e realizzate anche diverse attività
extradidattiche sia a Villa Celestina che presso il centro culturale Le Creste.
Si riportano di seguito i percorsi realizzati con le scuole nell’anno scolastico 2015-2016:
•
“L’Omino della pioggia”: sul tema dei cambiamenti climatici abbiamo animato e
personalizzato con travestimenti la storia di Gianni Rodari per i bambini della scuola
dell’infanzia, per poi riflettere insieme sui fenomeni delle alluvioni e sul problema della
119
siccità. Le cassi coinvolte, tutte della scuola materna, sono state 7 con un totale di 185
bambini.
•
Il Clima sta cambiando? Rivolto alle scuole primarie, classi quarte e quinte. Con le due
quinte partecipanti della scuola Carducci di Rosignano Marittimo e le due quarte della
scuola Ernesto ( 33 + 48 alunni) abbiamo svolto un primo incontro introducendo il concetto
di clima e discusso sulle problematiche legate a questa tematica; quindi abbiamo offerto un
questionario da sottoporre all’attenzione di familiari per verificare i cambiamenti della
stagionalità dei prodotti tipici della nostra terra. I questionari una volta raccolti e letti, hanno
permesso di riflettere su alcuni spostamenti di abitudini e consuetudini legate alle variazioni
climatiche.
•
Cambiamenti climatici: Con il materiale consegnato durante il corso di formazione svolto
dalla regione Toscana, insieme alla rielaborazione delle puntate della trasmissione televisiva
“Scala Mercalli”, abbiamo organizzato e svolto due incontri in classe con i ragazzi delle
prime Liceo Tecnologico dell’Isis Mattei: la visione di filmati, di immagini, il confronto di
dati e realtà tanto diverse e lontane da noi, ci hanno permesso di discutere e riflettere,
insieme ai ragazzi, su questa tematica di grande attualità.(2 classi prime del liceo con 44
studenti).
•
L’impronta idrica: percorso con le Scuole Superiori, articolato in due incontri successivi,
svolti in classe con l’ausilio di supporti multimediali. La scoperta che per produrre tutto ciò
che è intorno a noi occorrono grandi quantità di acqua è stato il punto forte di questo
percorso che è stato seguito dai ragazzi del liceo tecnologico con interesse e partecipazione
(1 classe con 20 studenti).
•
L’acqua: risorsa preziosa e impronta idrica: il percorso è stato affrontato, a un livello più
semplice con alcune terze a quarte classi della scuola Primaria del primo e secondo circolo
didattico (quarta Castelnuovo, terza Fucini e terza Europa = 60 alunni). Gli incontri, svolti in
classe, sono stati due: (1) sugli usi reali e virtuali dell’acqua, (2) abbiamo calcolato
l’impronta di ogni bambino rivolgendo un’attenzione particolare alla situazione idrica di
tutto il mondo.
•
Con i bambini della scuola dell’infanzia Regina Pacis abbiamo realizzato in via sperimentale
il percorso che ha preso il titolo dal libro “Il fantastico viaggio del signor Acqua” di
Agostino Traini: Il Signor acqua: abbiamo affrontato con un linguaggio adeguato ai bambini
il ciclo dell’acqua e le problematiche legate alla risorsa idrica attraverso le avventure del
fantomatico signor Acqua. (1 classe con 20 bambini).
120
•
I sensi in classe: incontrato i bambini della prima classe della scuola primaria nell’aula di
motricità e svolto esperienze e attività con l’uso dei sensi preparate appositamente. (18
alunni).
•
Mare chi sei?: un’uscita al mare per un approccio sensoriale con gli elementi naturali
caratteristici dell’ambiente marino (osservazione, ascolto, tatto, odorato per scoprire ciò che
ci circonda, confrontando direttamente su una delle spiagge del nostro territorio elementi
della natura e elementi antropici, andando alla ricerca di resti spiaggiati per farne tesori.
Coinvolgiamo i bambini, entusiasti dell’esperienza, anche in attività ludiche e di disegno su
sabbia o con i colori sul cartoncino. (classe dei 4 anni della scuola Piccole Tracce di
Castiglioncello con 28 bambini e classe 4 anni scuola infanzia Gianburrasca con 30
bambini).
•
“C’era una volta… un fiore”: abbiamo inventato la storia di un fiore che nasce dall’incontro
di alcuni oggetti di scarto e che decidono di mettersi insieme perché si sentono soli e
abbandonati… I bambini sono colpiti da queste amicizie che si creano per caso e imitando il
racconto sono aiutati a costruire il loro fiore marionetta che diventa un loro amico da portare
a casa. Grande successo per questo (3 classi con 26+25+25). Con la classe dei Coniglietti
delle Piccole Tracce abbiamo organizzato il percorso in due incontri distinti, uno per la
storia e uno per il laboratorio.
•
Con la classe dei tre anni della scuola Rodari abbiamo è stato costruito un grande albero con
l’utilizzo di materiali poveri e di recupero. Il percorso che abbiamo nominato “Il nostro
amico Albero” si è svolto in due incontri con il coinvolgimento di 20 bambini).
•
La qualità dell’aria e i bioindicatori: questo percorso è da considerare come un modulo della
tematica dei cambiamenti climatici svolto sulla scorta della programmazione dell’anno
precedente in via sperimentale sempre per alcune classi del primo circolo didattico di
Rosignano, ampliato in base alle nuove richieste delle insegnanti (4 classi terze Ernesto e la
classe terza Fucini, totale 106 alunni) Il percorso ha previsto un’uscita sul territorio con la
messa in posa di alcuni fazzolettini di stoffa e di alcuni cartoncini plastificati in punti a
maggiore traffico urbano per il rilevamento dell’inquinamento dell’aria. All’uscita ha fatto
seguito un incontro in classe (valutazione e confronto dei campioni raccolti e momenti di
discussione e riflessione).
•
Semine a scuola: abbiamo offerto il nostro supporto ai bambini della seconda elementare
della scuola Fucini per mettere a dimora semi e piantine di mais, grano, fagioli e ceci,
accompagnando l’attività di giardinaggio con l’osservazione dei diversi tipi di semi e con
alcune storie fantastiche dove i semi la fanno da protagonisti (25 bambini).
121
•
Con una classe della scuola dell’infanzia Modì, abbiamo svolto un’attività di semina, per
scoprire la riproduzione delle piante, promuovere l’attesa, la pazienza, la cura e l’amore per
un semino che deve trasformarsi. Abbiamo danzato seguendo il ritmo della canzone del
semino temerario e giocato a realizzare il nostro piccolo pupazzo “dai capelli verdi”
utilizzando materiali riciclati (28 bambini) Con un’altra classe abbiamo invece organizzato
la semina del mais (con l’aiuto delle mamme) e costruito con i bambini uno spaventapasseri
(28 bambini). Con l’altra classe sempre della scuola Modì, abbiamo realizzato l’allestimento
di un lombricaio, nell’ambito del progetto Terra della scuola, recuperando un acquario in
pvc non più utilizzabile (28 bambini).
•
“La biomappa”: questo è il titolo del percorso, che insieme a quello dell’impronta idrica e
dei cambiamenti climatici era stato sostenuto dall’Assessore di riferimento. Il percorso è
stato svolto con le due terze classi di Castelnuovo e con la quarta della scuola Fucini ( 31 e
24 bambini e due incontri per ciascuna classe)andando a realizzare attraverso i disegni e il
lavoro dei bambini coinvolti la biomappa del paese collinare e quella della zona di
Portovecchio.
•
“La bonifica nella piana di Vada”: il percorso comprende la storia della bonifica di Vada
insieme all’aspetto naturalistico dell’ex palude, affrontati in collaborazione con l’Archivio
storico e il Consorzio di Bonifica delle colline Livornesi. L’uscita per la visita all’ambiente
umido della Mazzanta e agli impianti di bonifica è stata preceduta da un incontro in classe
sugli elementi naturali che caratterizzano un ambiente umido. La classe che ha partecipato al
percorso è stata la quarta TP di Vada con 25 alunni.
•
“Ri-gioco”: Percorso di educazione Ambientale con le Scuole che ha visto coinvolti 149
alunni, 13 insegnanti 2 operatori ambientali (incontro introduttivo 7 classi).
•
“Aria”: Percorso di educazione Ambientale con le Scuole che ha visto coinvolti 20 bambini,
2 insegnanti 1 operatori ambientale (2 incontri in classe - 1 classe).
•
“Animali a rischio”: Percorso di educazione Ambientale con le Scuole che ha visto coinvolti
65 alunni, 4 insegnanti, 1 operatore. (2 incontri in classe - 3 classi).
•
“Il gioco dell’acqua”: Percorso di educazione Ambientale con le Scuole che ha visto
coinvolti 43 studenti, 4 insegnanti, 1 operatore, (2 incontri in classe - 2 classi).
Insieme dei dati relativi ai contatti della didattica: totale classi partecipanti: 52, alunni partecipanti:
1178, numero dei contatti: 1679. Per le altre iniziative: 412.
A questi si aggiungono le presenze alla premiazione delle scuole partecipanti (circa 1000 persone) e
alla mostra della Fondazione, al momento ancora in corso.
In collaborazione con Biblioteca e centro culturale “Le Creste”:
122
Nel mese di febbraio in collaborazione con le Cooperative che gestiscono il Centro
Culturale delle Creste, alla realizzazione della festa di Carnevale per bambini, le operatrici
del Cea hanno allestito un laboratorio pratico per la realizzazione di un sacchetto porta stelle
filanti su cui ogni bambino ha raffigurato un clown (120 partecipanti).
In occasione dell’iniziativa di M’illumino di meno, abbiamo condiviso l’esperienza con la
Biblioteca Comunale, organizzando un incontro nella saletta dei bambini con la visione del
cartone “Il Treno Verde di Legambiente” e la riflessione sullo spreco energetico. Quindi
abbiamo guidato i bambini nella realizzazione delle loro piccole lanterne riciclose (20
partecipanti).
Per la giornata della Terra, celebrata nella struttura delle Creste il 15 aprile, un’operatrice
del Cea, ha promosso un laboratorio pratico per la realizzazione delle “bombe di semi” con
l’utilizzo di argilla, terriccio e semi di fiori e piante da orto. (10 bambini).
I pomeriggi del Cea alle Creste, sono stati:
o Marzo: “La Pasqua è alle porte!”- laboratorio: La gallina coccodè (17 partecipanti)
o Aprile: “Il ragno e la sua tela” . laboratorio: Una ragnatela da sogno (11 partecipanti)
o Maggio: “L’unione fa la forza: la società delle formiche”- laboratorio: Facciamo la
fila (12 ragazzini).
o Settembre/Dicembre: “Testa di Zucca”, “Halloween-eco pipistrelli, “Chi dorme non
prende freddo”, “Tra poco è natale” che hanno coinvolto 77 utenti, accompagnati dai
familiari con l’ausilio di 2 operatori.
A cadenza mensile, da novembre (2015) a dicembre (2016), sono stati invitati a frequentare
il centro di educazione ambientale di villa Celestina i ragazzi del centro diurno “Lupo
Albero” di Rosignano per svolgere insieme a noi operatrici un laboratorio pratico- artisticocreativo con la realizzazione di semplici manufatti da portare al centro o presso le loro case.
Il numero dei ragazzi coinvolti sono stati 20 circa, sempre accompagnati da almeno due
educatori, anch’essi coinvolti con piacere nei laboratori organizzati.
Nel mese di maggio, il Cea è stato coinvolto e come negli anni passati, nella progettazione e
allestimento della mostra della XII “Settimana dei beni culturali e ambientali della
Fondazione Livorno “I vecchi mestieri” presso le sale espositive del Castello Pasquini
(guardiania, e smontaggio della stessa). Le stesse operatrici sono state impegnate anche in
occasione della presentazione dei lavori partecipanti presso il Teatro Solvay di Rosignano. Il
Cea ha provveduto anche alla gestione della struttura e dei suoi diversi spazi, alla proposta
di attività didattica e formativa, alla gestione dei rapporti con la Regione Toscana e le altre
agenzie formative del territorio. Il Centro è stato regolarmente aperto presso la sede di
123
“Villa Celestina” a Castiglioncello, dove viene coordinata la didattica per tutte le scuole del
territorio di ogni ordine e grado.
Inoltre, in collaborazione col Settore Ambiente è stata promossa l’iniziativa ”Puliamo il
mondo” (coinvolti 90 bambini, 13 insegnanti, 1 uscita, 1 incontro a scuola per laboratorio - 4
classi). Parimenti è stata promossa (in collaborazione con Rea) la “Festa dell’albero”
(coinvolti 79 alunni, 8 insegnanti, 2 operatori).
I servizi Culturali
Parlare di cinema a Castiglioncello
Nel 2016 "Parlare di cinema a Castiglioncello" ha festeggiato la sua XII edizione proponendo un
programma incentrato sull’approfondimento del nuovo cinema italiano “scritto e diretto” dagli
esordienti. La rassegna cinematografica ha coinvolto Castiglioncello (Centro per l’Arte Diego
Martelli, il cinema arena estiva “La Pineta” Castiglioncello e la Limonaia, oltre a varie attività
economiche locali) e Rosignano Solvay (Centro culturale Le Creste) articolandosi in:
•
n°3 incontri pomeridiani presso “La Limonaia” nel parco del castello Pasquini, finalizzati
soprattutto a mettere a confronto le esperienze di registi esordienti le cui opere sono state
presentate e commentate, divenendo motivo di confronto -in diretta- col pubblico di
Castiglioncello. Ad integrazione di tali appuntamenti una riflessione di attori ed attrici che si
sono misurati con i diversi linguaggi di cinema e televisione.
•
n°2 seminari mattutini rivolti a studenti e appassionati di cinema presso il Centro Culturale
Le Creste dedicati a Hitchcock/Truffaut di Kent Jones e il “Mago. L’incrediubile vita di
Orson Welle a cura del critico e giornalista Antonello Catacchio. I seminari hanno avuto una
buona partecipazione, e complessivamente si sono registrati 50 partecipanti.
•
n°3 proiezioni serali gratuite presso il cinema arena estiva “La Pineta” di Castiglioncello di
film italiani e non solo di registi esordienti, introdotte dal critico Mereghetti – direttore
artistico della manifestazione e dai vari registi.
•
n°1 Mostra fotografica “Il Cinema italiano a Castiglioncello” a cura di Antonio Maraldi
allestita presso il Centro per l'Arte Diego Martelli, in piazza della Vittoria. Una lunga
panoramica per ripercorrere il cammino compiuto in questi anni e sfogliare l’album
fotografico delle pellicole e degli ospiti passati a Castiglioncello, dalla prima edizione del
2005 a quella del 2015, offerta dal Centro Cinema Città di Cesena, è stta inaugurata in data
23 giugno alla presenza dell’onore Sonia Bergamsco ed è rimasta aperta (ingresso gratuito)
per 11 giorni.
124
L’iniziativa, della durata di 3 giorni, ha ricevuto il patrocinio della Regione Toscana e della
Fondazione Sistema Toscana Mediateca Regionale. La partecipazione di registi e attrici del calibro
di Sonia Bergamasco, Paolo Sorrentino Christian De Sica e Caterina Carone, ha garantito una
notevole presenza del pubblico.
Premio Suso
Il 21 luglio 2016 ha avuto luogo presso la Limonaia, parco del Castello Pasquini, ha avuto luogo la
V Edizione del Premio per la sceneggiatura “Suso Cecchi d’Amico”, organizzato dal Comune di
Rosignano Marittimo in collaborazione con il Centro Studi Commedia all’italiana, la Fondazione
Armunia e il Cinema Arena “La pineta”, Castiglioncello. Quest’anno il Premio è stato assegnato a
Filippo Gravino, Fracesca Manieri e Matteo Rovere per il fil “Veloce come il vento”. Nella stessa
giornata ha avuto luogo la presentazione del volume “Suso a Lele. Lettere (dicembre 1945-marzo
1947)”, a cura di Silvia d’Amico e Masolino d’Amico.
Premio Cultura Politica “Giovanni Spadolini”
In data 23 luglio 2016 presso la Limonaia, Parco del Castello Pasquini, ha avuto luogo l’XI
Edizione del Premio di Cultura politica “giovanni Spadolini”, promossa dal Comune di Rosignano
Marittimo in collaborazione con la Fondazione Giovanni Spadolini-Nuova Antologia e sotto l’alto
patronato del Presidente della Repubblica. Quest’anno in occasione dei centocinquanta anni de “La
Nuova Antologia, Rassegna di lettere scienze ed arti”, è stato assegnato il premio a Stefano Folli.
Mostra “L’istante è – e il Jazz”
Dal 5 al 28 agosto 2016 è stata promossa dal Comune di Rosignano Marittimo, in collaborazione
con la Pro Loco “Amici di Castiglioncello” la Mostra con ingresso gratuito dal titolo “L’istante è –
e il Jazz” che si è svolta presso il Centro per l’Arte ”Diego Martelli. Si è trattato di una personale
fotografica di Stefano Baldini con “la storia di un violoncello e una statua” di Fabio Provinciali.
Mostra “Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati”
Dal 15 luglio al 4 settembre / Sale del Castello Pasquini di Castiglioncello. Il progetto è una
coproduzione ViDi e Agema Spa. La Mostra, promossa dal Comune di Rosignano Marittimo in
collaborazione con Armunia, è stata curata da Paolo Barcucci e da Silvano Mezzavilla con la
consulenza scientifica di Daniele Barbieri, Sergio Brancato, Stefano Cristante e Enrico Fornaroli,
Pierluigi Gaspa, Giulio Giorello e Luca Raffaelli. Si è trattato di una panoramica sull’arte del
fumetto composta da quaranta romanzi grafici. L’avvio data dal 1967, anno in cui iniziò la
pubblicazione di “Una ballata del mare salato”, capolavoro di Hugo Pratt in cui appare per la prima
volta il personaggio di Corto Maltese; proseguendo nei decenni successivi con straordinari lavori tra
cui “Sheraza-De” di Sergio Toppi, “Le straordinarie avventure di Pentothal” di Andrea Pazienza,
125
“Fuochi” di Lorenzo Mattotti, “Max Fridman” di Vittorio Giardino, “Cinquemila chilometri al
secondo”, di Manuele Fior, “Dimentica il mio nome” di Zerocalcare, passando dal romanzo a
puntate ai graphic novel. Partecipanti 1350.
Incontri al Castello (luglio/agosto)- Mese di Luglio (13/31 luglio) - Mese di agosto (3/12 agosto)
Il Comune ha organizzato nel mese di luglio 5 incontri (presenze medie 165) ed nel mese di agosto
4 incontri (presenze medie 180). Interessanti appuntamenti con scrittori e giornalisti a cura di Gloria
De Antoni, relativi ai percorsi di educazione non formale rivolti ai residenti e turisti, al fine di
promuovere la lettura nel pubblico adulto. Essi si sono svolti ad ingresso libero, presso la Limonaia
all’interno del Parco del Castello Pasquini. Tra gli ospiti: Walter Veltroni, Gianna Schelotto,
Benedetta Craveri, Giorgio Panariello, Simonetta Agnello Holby, Massimo Cirri.
Conversazioni alla Limonaia Caffè
Il Comune, nella seconda metà di agosto (18-27 agosto), ha promosso presso il Castello Pasquini
cinque incontri con gli Autori tra cui Elisabetta Arrighi, Maurizio Bellandi, Gemma Vignocchi,
Lamberto Giannini, Pierdante Piccioni.
Stagione Teatrale 2016/2017 Teatro Solvay Rosignano
L’amministrazione Comunale in vista dell’acquisizione del Teatro Solvay, ha programmato per
l’autunno-inverno 2016/17, una stagione teatrale nata dalla collaborazione con la Fondazione
Toscana Spettacolo (FTS onlus), circuito multidisciplinare (prosa, danza, musica) della Regione
Toscana; una sinergia che prevede il supporto tecnico della Fondazione Armunia Castello Pasquini.
Gli appuntamenti previsti sono 6, di cui i primi due hanno già avuto luogo l’uno nel mese di
novembre (26 novembre: ORTEensemble “Non solo opera”, brani strumentali da Rossini, Puccini e
Verdi), e l’altro nel mese di dicembre (Marco Paolini, Numero Primo - Studio per un nuovo
album”). Gli artisti e le compagnie che si alterneranno sul palcoscenico del taetro Solvay sono tra i
massimi esponenti nel loro ambito: da Rocco Papaleo a Alessandro Benvenuti, da Stefano Accorsi e
Marco Valiani, passando per la performance della Compagnia Opus Ballett.
Mostra Il valore del Segno “Da Léger a Botero- Opere su carta”
Dal 3 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017, è stata promossa la Mostra“Da Léger a Botero- Opere su
carta” presso il Centro dell’Arte Diego Martelli in collaborazione con l’Associazione “Il valore del
segno”. La Mostra ad ingresso gratuito, è stata curata da Luciano Caprile e patrocinata dal
Ministero dei Beni per le Attività Culturali e del Turismo e dalla Regione Toscana. Essa ripercorre il
panorama artistico degli ultimi cento anni con 34 opere di protagonisti della scena internazionale,
tra i quali Picavia e Masson, il Gruppo CoBrA, Tàpies, Hartung, Fautrier, Cesar, Botero, e Haring.
Rapporti con Associazioni
126
Oltre a curare la gestione delle proprie strutture e dei progetti generali i Servizi Culturali hanno
offerto la propria collaborazione e puntato alla valorizzazione del ruolo propositivo e di
partecipazione delle numerose Associazioni culturali presenti sul territorio (Armunia, Ordigno,
A.Bacchelli, Amici della natura Rosignano, Università Popolare, Schola Cantorum, Gruppo
Filarmonico Solvay, Il Valore del Segno, Fabbricaimmagini, Comitato Gemellaggio ecc.)
provvedendo previa valutazione di un percorso condiviso, al riordino ed all’avanzamento delle
relazioni di collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e le stesse, attraverso la stesura ex
novo (sottoscrizione) o il rinnovo di apposite Convenzioni, finalizzate all’ulteriore valorizzazione e
promozione della cultura nel nostro territorio.
Il Gemellaggio
Sono stati curati i rapporti con le città gemellate Champigny-sur-Marne, Pardubice, Musselburgh e
Zug (ove necessario in collaborazione con ufficio di supporto organi di governo) nonché i rapporti
con il locale Comitato di Gemellaggio (approvazione e condivisione programma annuale attività,
monitoraggio attività).
Tra le attività avviate nel 2016 dal Comitato stesso -come ormai da 19 anni- c’è stata la messa a
punto e lo svolgimento del tradizionale programma di ospitalità garantito a circa n. 10 bambini (+ 2
accompagnatori) Saharawi.
Programma n. 168 “Politiche giovanili”
Si è concluso, con la costituzione dell’associazione “CreaLab Rosignano”, il progetto “Spiders,
progetto con il quale il Comune si è posto l’ambizioso obiettivo di rilanciare le politiche giovanili,
attraverso la formazione di giovani del territorio, offrendo loro l'opportunità di acquisire nuove
competenze, accedere a borse di studio e poter realizzare un vero e proprio progetto imprenditoriale,
con percorsi di responsabilizzazione ed assunzione di ruoli gestionali di rilievo.
E’ proseguita con successo l’attività di accoglienza, supporto e informazione del CIAF – CENTRO
GIOVANI – INFORMAGIOVANI, con gli sportelli “curriculum”, “Orientamento Universitario” e
Eurodesk”. Le attività proseguono all’interno dello “Spazio Giovani”, con la navigazione Internet,
le attività ludiche, il disegno libero, la proiezione di films, l’ascolto della musica e vari spazi di
lettura. .
Per quanto riguarda lo Spazio Giovani le attività svolte sono state quelle relative al gioco,
all’utilizzo di internet, il disegno libero, la visione di video nonché la lettura di riviste.
Altre attività, di rilievo, realizzate sono state:
•
Collaborazione con l’Associazione CreaLab,
127
•
Collaborazione con Agave Teatro per il progetto di Teatro Sociale ‘Parto per un viaggio
nella mia città, al quale stanno partecipando alcuni ragazzi che frequentano lo Spazio
Giovani.
•
Collaborazione con le Scuole Superiori di Rosignano Solvay per il progetto “Nuovo Luogo,
Nuovo Logo’, che ha avuto come obiettivo la creazione da parte degli studenti del nuovo
logo dello Spazio Giovani. ;
•
Collaborazione con la scuola superiore I.I.S.S. Mattei per il progetto “Alternanza scuola
lavoro” che ha visto nel mese di novembre l’inserimento in vari uffici del comune di n.8
studenti e che anche negli anni passati ha conseguito ottimi risultati.
•
Prosecuzione dell’attività dello Sportello Eccofatto/Bottega della Salute ubicato a
Nibbiaia, nell’ambito di un progetto del servizio civile regionale presentato con Uncem,
tramite una ragazza che ha partecipato e vinto il precedente bando regionale. Nel febbraio
2016 Uncem ed il Comune hanno ripresentato il progetto Ecco Fatto/Bottega della Salute
per il Servizio Civile Regionale con la previsione di inserimento di due ragazzi/e per
proseguire l’attività nel 2017, progetto finanziato dalla Regione Toscana che ha emanato il
bando per i giovani nel mese di dicembre .
Programma n. 169 “Sport e tempo libero”
Attività di promozione dello Sport e gestione degli impianti comunali.
Ad agosto 2016, a seguito di bando di gara, l’U.O. Servizi Sociali ha provveduto ad affidare in
concessione il servizio di gestione della piscina comunale sita il loc. Mazzanta, a Vada all’ASD
Sport Management, in qualità di capogruppo, del costituito RTI tra la società stessa e la ditta Paolo
Barchi srl. La durata della concessione è stabilita in 9 anni con scadenza 30/09/2025 e molti sono i
benefici economici ottenuti in termini di assunzione dei costi di gestione e manutenzione ordinaria
da parte del concessionario nonché il suo impegno nell’effettuare rilevanti interventi di
manutenzione straordinaria nel corso di durata del contratto. L’Ufficio ha inoltre provveduto, con
proprio provvedimento, ad avviare con urgenza l’esecuzione del servizio dal primo ottobre 2016.
Sono state attivate le attività di verifica della corretta gestione del servizio e della programmazioned
egli interventi sopra detti da parte del concessionario.
Sono stati formalizzati gli atti di proroga temporanea dei contratti di gestione degli impianti
sportivi in essere al fine di avviare un nuovo percorso di affidamento mediante procedura
concorsuale ad evidenza pubblica, come peraltro previsto dalla LRT n.21/2015 la quale inoltre
prevede espressamente l’adozione di una specifica regolamentazione di gestione per gli impianti
sportivi.
128
Il nuovo Regolamento è stato approvato dal Consiglio Comunale nel mese di dicembre a seguito di
un percorso condiviso con le associazioni sportive del territorio e con l’Agenzia di Rosignano per lo
Sport. Detta regolamentazione prevede, appunto, l’affidamento delle strutture sportive comunali a
società sportive ed associazioni sportive dilettantistiche mediante Avviso Pubblico, salvo i casi di
esito infruttuoso di dette procedure per cui, ad invarianza di condizioni, si potrà andare
all’affidamento diretto anche a soggetti diversi.
Già nel mese di settembre 2016 si è proceduto mediante evidenza pubblica per l’affidamento delle
due palestre comunali, ITI e Testoni, per le quali le associazioni gestrici avevano presentato formale
rinuncia; le Manifestazioni di Interesse hanno consentito di individuare due nuovi gestori con i
quali è stata sottoscritta nel mese di ottobre idonea convenzione di durata triennale.
Ad inizio nuovo anno scolastico (mese di ottobre) sono stati redatti gli atti necessari a definire i
rapporti tra le scuole del territorio, l’Agenzia dello Sport ed Efesto al fine di promuovere e
sostenere l’associazionismo sportivo presente sul territorio e la diffusione delle diverse discipline
sportive.
Nel corso del 2016 si è posta particolare attenzione nell’aggiornamento costante del nuovo sito
turistico-sportivo denominato “Visit Rosignano” con gli eventi sportivi in programma da parte dei
diversi operatori sul territorio, nonché il sito web del comune, relativamente ai canali tematici ed
agli aspetti di competenza, in attuazione dello specifico obiettivo trasversale di performance.
1.3.2.d La cura del territorio e dell’ambiente
Programma n. 158 “Ufficio tecnico” aggiornato al 30/06/2016
Il Programma comprende, tra gli altri, gli interventi manutentivi sugli immobili comunali,
soprattutto nell’ambito dell’edilizia scolastica e dell’impiantistica sportiva.
Al 31/12/2015 risultavano completati e/o avviati i seguenti interventi:
-
manutenzione delle spiagge libere attraverso opere di rinascimento;
-
realizzazione di alcuni passi pedonali rialzati;
-
straordinaria manutenzione delle pavimentazioni stradali in asfalto e delle relative
pertinenze delle strade del comune di Rosignano M.mo;
-
adeguamento di alcuni locali presso la scuola elementare di Gabbro;
-
riqualificazione parco giochi in Pineta Marradi a Castiglioncello;
-
completamento opere di urbanizzazione via Buccari;
-
adeguamento ai fini della prevenzione incendi del Teatro Ordigno a Vada;
129
-
manutenzione straordinaria e adeguamento palazzetto dello Sport G. Balestri a Rosignano
Solvay;
-
manutenzione straordinaria del perlinato in legno della piscina comunale sita a La Mazzanta.
-
avviati i lavori di messa in sicurezza idraulica del Fiume Fine a seguito di sottoscrizione di
convenzione tra Commissario Straordinario delegato (per l’attuazione dell’accordo di
programma tra il MATTM e la Regione Toscana del 03/11/2010), Rete ferroviaria Italiana
SPA e comune di Rosignano Marittimo;
-
avviati lavori di realizzazione del sistema anticaduta e manutenzione generale della
copertura della palazzina di via Gramsci, a Rosignano M.mo.
Al 31/12/2015 erano state approvate le progettazioni esecutive relative ai seguenti interventi:
• Realizzazione nuovo blocco loculi presso il cimitero di Rosignano M.mo;
• manutenzione straordinaria delle facciate della scuola media Fattori a Rosignano Solvay;
• manutenzione straordinaria della copertura dell’asilo Nghè;
• manutenzione straordinaria della rampa sud del cavalcaferrovia a Rosignano Solvay;
• riparazione locale strutturale di porzione della scuola Novaro a Vada;
• manutenzione straordinaria della copertura di porzione della scuola elementare Novaro a
Vada;
• adeguamento e completamento passerelle tra Piazza Gramsci e Via Falcone a Castelnuovo
M.dia.
Per quanto riguarda le attività della UO Progettazioni nel primo semestre 2016, sono stati portati a
compimento i lavori di manutenzione della copertura e realizzazione delle linee vita della palazzina
di via Gramsci. In particolare, sfruttando il ribasso d’asta ed il ponteggio già montato, è stato
possibile realizzare anche un intervento di manutenzione della facciate dell’immobile, che si
presentavano piuttosto degradate.
Nel gennaio 2016 sono poi partiti i lavori di adeguamento alle norme di prevenzione incendi del
Museo Bombardieri a Rosignano M.mo: questa importante struttura era putroppo chiusa da tempo,
vista la mancanza di adeguamento normativo, e finalmente con l’esecuzione dei lavori è possibile
programmarne la riapertura al pubblico. L’esecuzione dei lavori ha presentato alcuni imprevisti
dovuti principalmente alla vetustà dell’immobile, ma sono stati comunque completati con successo
e dal 15 giugno gli ambienti sono stati riconsegnati all’Ufficio Cultura, che ne dovrà curare il
riallestimento espositivo per la nuova apertura al pubblico. L’importo complessivo dell’intervento è
stato di € 140.000.
130
Ad aprile 2016 sono iniziati i lavori di realizzazione di un nuovo tratto di fognatura bianca su Viale
Trieste, a Rosignano Solvay: si tratta di un intervento di importo complessivo € 80.000; i lavori
sono stati regolarmente compiuti e completati senza particolari imprevisti.
Sono poi stati avviati i lavori del sub stralcio funzionale dei lavori di “Regimazione idraulica del
fiume Fine lotto I e lotto IV – I stralcio” relativo all’ampliamento della sezione idraulica degli
attraversamenti del fiume Fine da parte della linea Ferroviaria Tirrenica e della strada comunale ex
Aurelia, nonché alla realizzazione degli argini in sinistra idraulica tra i due rilevati ferroviario e
stradale.
Sempre nel mese di aprile sono partiti i lavori di realizzazione di un nuovo blocco di loculi presso il
Cimitero di Rosignano M.mo. L’importo complessivo dell’intervento è di € 160.000 e l’esecuzione
sta procedendo regolarmente.
A maggio sono iniziati i lavori di adegumento e completamento dei percorsi pedonali tra Piazza
Gramsci e Via Falcone a Castelnuovo M.dia. Si tratta di andare a realizzare delle nuove passerelle
pedonali al posto delle vecchie ormai abbattute, oltre ad una serie di altri lavori di riqualificazione
dell’area a verde inteerssata dai percorsi. L’importo complessivo dell’intervento è di € 165.000. I
lavori sono tutt’ora in corso.
Alla fine di maggio sono stati avviati alcuni lavori di manutenzione straordinaria presso la sede
comunale di via dei Lavoratori: si tratta dell’adeguamento della copertura della torretta e della
manutenzione della facciata dell’immobile lato campino da calcio. L’importo totale dell’intervento
è di € 110.000.
Nel mese di giugno è stata approvata la progettazione ed affidati i lavori per un intervento di
manutenzione straordinaria all’impianto di climatizzazione delle sale espositive del Castello
Pasquini: importo totale dei lavori € 37.000. I lavori saranno realizzati nel prossimo mese di luglio.
Nel primo semestre 2016 sono poi state completate le procedure di aggiudicazione dei lavori di:
manutenzione straordinaria delle facciate della scuola media Fattori a Rosignano Solvay manutenzione straordinaria della copertura dell’asilo Nghè - manutenzione straordinaria della
rampa sud del cavalcaferrovia a Rosignano Solvay - riparazione locale strutturale di porzione della
scuola Novaro a Vada - manutenzione straordinaria della copertura di porzione della scuola
elementare Novaro a Vada. I lavori per questi interventi partiranno nella prossima estate.
Al 30/06/16, come sopra illustrato, risultano quindi completati i seguenti interventi:
-
realizzazione linee vita palazzina via Gramsci;
-
adeguamento prevenzione incendi Museo Bombardieri;
-
realizzazione di un nuovo tratto di fognatura bianca su Viale Trieste.
131
Al 30 giugno 2016, l’ufficio gare unico, anche in qualità di Centrale Unica di Committenza per i
Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti e Rosignano Marittimo, ha
concluso le 15 procedure di gara avviate nel mese di dicembre 2015 con altrettante aggiudicazioni
definitive ed ha avviato ulteriori n. 9 procedure di gara per lavori, servizi e forniture, delle quali n. 4
procedure aperte da aggiudicare con il criterio dell’offerta più vantaggiosa (di cui una sopra soglia
comunitaria), n. 1 procedura negoziata da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente
più vantaggiosa e n. 4 procedure negoziate da aggiudicare con il criterio del prezzo più basso: le
sedute pubbliche si sono tenute in parte nel corso del mese di giugno 2016 e in parte si terranno nel
corso del mese di luglio 2016. Sono in corso di istruttoria per verifica delle progettazioni pervenute,
ulteriori quattro gare (di cui due sopra soglia comunitaria), che saranno avviate secondo la modalità
della procedura aperta da aggiudicarsi, tutte, con il criterio dell’offerta economicamente più
vantaggiosa.
Tra le procedure in corso si segnalano, per complessità: le due gare di rilevanza comunitaria per
l’aggiudicazione dei servizi assicurativi del Comune di Rosignano Marittimo (7 lotti) e del Comune
di Cecina (9 lotti); la gara per la concessione del servizio di gestione della piscina comunale; la
procedura di rilevanza comunitaria relativa al servizio di ristorazione scolastica per il Comune di
Castagneto Carducci e Cecina.
Nonostante la complessità delle procedure e l’entità notevole delle gare effettuate, non sono stati
presentati ricorsi per le aggiudicazioni già intervenute.
Per effetto della convenzione istitutiva della Centrale Unica di Committenza (art. 9), tutti i Comuni
associati (Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina e Collesalvetti) hanno incaricato la C.U.C. della
gestione di alcune procedure di gara; l’ufficio, pertanto, è stato investito di questa competenza ed ha
assicurato il supporto anche per la fase della progettazione.
A seguito dell’entrata in vigore del Nuovo Codice dei Contratti e delle Concessioni, D.Lgs 50/2016,
sono state effettuate, nei mesi di maggio e giugno, tre giornate di formazione rivolte al personale
dei comuni associati alla Centrale Unica di Committenza.
Programma: n. 173 Urbanistica assetto del territorio
Con riferimento all’avvio di una fase di riqualificazione urbanistica ed edilizia, di rigenerazione
urbana e ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente sono state svolte le seguenti attività:
-
avviato l’iter per la revisione dello strumento urbanistico. Nel mese di Dicembre
2014 è stato conferito l’incarico per la realizzazione dello studio di
microzonazione sismica del territorio, propedeutico all’adozione del nuovo
strumento di pianificazione urbanistica, e con delibera C.C. n. 84 del 26/06/2015 è
132
stato avviato il procedimento del Piano Operativo ai sensi dell’art. 17 della L.R:
65/2014. Nel mese di dicembre si è definita la prima fase del procedimento di
valutazione ambientale strategica con il recepimento dei contributi da parte degli
Enti esterni sul documento preliminare. Nello stesso mese si è conclusa la
procedura per l’affidamento del servizio per la realizzazione di studi a supporto del
Piano Operativo comunale. In data 16/06/2016 è stato sottoscritto il disciplinare
d’incarico.
Secondo gli obiettivi fissati in data 29 luglio è stata richiesta alla Regione Toscana
l’attivazione della Conferenza di copianificazione ai sensi dell’art. 25 della L.R.
65/2014 per la verifica delle proposte di pianificazione di nuovi impegni di suolo
esterni al perimetro del territorio urbanizzato. In data 5 ottobre la Conferenza di
copianificazione ha verificato la conformità al PIT e si è espressa favorevolmente
alle proposte.
Nel mese di settembre si è tenuta un’iniziativa partecipativa al Castello Pasquini in
cui l’Amministrazione Comunale ha avviato dei tavoli di lavoro tematici rivolti ad
operatori di settore, associazioni, imprese e cittadini, con l’obiettivo di avere dei
focus specifici su alcuni aspetti caratterizzanti il Piano Operativo Comunale.
Nella seconda metà del mese di ottobre si sono tenuti 5 tavoli tematici al fine di
conoscere le esigenze di sviluppo del territorio com.le.
A seguito del pronunciamento positivo della Conferenza regionale e dei contributi
pervenuti nei tavoli tematici si è conclusa alla fine di novembre, con ritardo
rispetto ai tempi previsti, da parte della Giunta com.le, la definizione degli obiettivi
di sviluppo del territorio e delle trasformazioni degli assetti insediativi.
In data 22 dicembre è stata consegnata una prima bozza all’ UO Pianificazione
Territoriale ( completa al 90%) degli studi geologici a supporto del nuovo
strumento urbanistico mentre proseguono i lavori per gli altri studi di supporto e
per la stesura della nuova cartografia e degli altri allegati.
Nella prima quindicina del mese di gennaio 2017 inizieranno degli incontri con i
responsabili della struttura regionale sulle varie materie che compongono il POC
al fine di confrontarsi con gli stessi sui temi del nuovo strumento al fine
dell’adozione.
Nel corso del 2016:
133
-
sono state adottate due varianti urbanistiche in Castiglioncello ( modifica
norme area interessata dal campo sportivo e intervento di recupero immobile del
Ciucheba), attualmente in corso di osservazione;
-
è stato dato avvio del procedimento di formazione della variante per la
realizzazione di un comparto turistico ricettivo in loc. Paltratico in Castelnuovo
della Misericordia;
-
È stato aggiornato il Regolamento urbanistico vigente con la correzione di
meri errori ( luglio 2016) ;
Nel mese di aprile è stato modificato ed aggiornato il Regolamento di Gestione del
Demanio M.mo .
-
sono in corso di programmazione gli incontri con i liberi professionisti per
aggiornamento e informazione sia in materia edilizia sia sulla pianificazione. Per
quanto concerne il nuovo strumento urbanistico, a seguito di espressa richiesta
della GC, si sono svolti nel mese di dicembre una serie di incontri con il Tavolo di
concertazione per recepire contributi/segnalazioni finalizzate alla stesura delle
Norme Tecniche di Attuazione . Essendo il lavoro molto complesso, vista la nuova
legge regionale, il nuovo Regolamento sulle aree agricole e l’implementazione
paesaggistica del PIT gli incontri non si sono conclusi e termineranno nel mese di
gennaio.
-
relativamente alla “revisione regolamentazione edilizia”, è stata consegnata la
relazione ed una proposta di modifica del regolamento delle strutture temporanee
all'organo politico ;
-
sta proseguendo l’implementazione dell’Archivio Nazionale degli stradari e dei
numeri civici in attuazione della convenzione del 21.06.2010 tra l’Istat e l’Agenzia
del Territorio. E’ stato effettuato il completamento della procedura di
aggiornamento/inserimento dei civici sul sito dell’Agenzia del Territorio attraverso
il “Portale per i Comuni”. Sono stati aggiornati/inseriti n. 21980 civici. La base
dei civici e dei toponimi esistenti sul territorio è completata.
Programma n. 175 “Tutela, valorizzazione e recupero ambientale”
Il servizio di salvamento è garantito nelle spiagge libere del territorio comunale, già segnalate dalla
Capitaneria di porto di Livorno, dal 15 giugno al 15 settembre 2016. Le frazioni di Vada e
Castiglioncello hanno ottenuto, anche per quest’anno, il riconoscimento della “Bandiera blu”. Il
134
servizio di pulizia delle spiagge è stato affidato ed è stata effettuata la pulizia delle spiagge del
litorale a parte la movimentazione delle alghe.
E’ stata effettuata l’attività di posizionamento delle boe di delimitazione acque sicure ed in atto la
sorveglianza periodica in mare.
Ai fini della tutela ambientale viene dato seguito alla programmazione ed esecuzione dei controlli
sui taciti rinnovi degli scarichi in ambiente implementando altresì verifiche mirate
all’individuazione di scarichi ed allacci abusivi nelle zone più critiche del territorio.
E’ stato effettuato il servizio di demuscazione nelle zone rurali nonché la derattizzazione e
monitoraggio HCPP.
E’ stata svolta l’attività educativa “Tetti di sola” in alcune scuole del territorio.
Sono stati approvati i regolamenti acustico e di tutela degli animali da affezione.
Programma n. 176 “aree protette – parchi naturali – protezione naturalistica e forestale”
L’impegno dell’Amministrazione per la tutela e la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale
del territorio si è tradotto nell’approvazione della delibera G.C. n. 339 del 26 novembre 2015.
Con tale delibera sono stati definiti alcuni importanti obiettivi e posto le basi per il prossimo lavoro:
1. si è approvato un progetto denominato “Via della Costa Etrusca – La dorsale Costiera Livornese
nel Parco dei Monti Livornesi”, redatto con i Comuni di Livorno e Collesalvetti, con l’obiettivo
di reperire finanziamenti per la valorizzazione della sentieristica ed il rilancio turistico dell’area;
2. si è avviato il percorso per l’inserimento del sentiero 00 nella Rete Escursionistica Toscana RET, secondo quanto previsto dalla normativa vigente (LRT n.17/98);
3. è stata disposta la costituzione di un gruppo di lavoro interno al Comune per presidiare la
gestione del Parco, dialogare con le associazioni, stimare gli interventi prioritari, seguire nel suo
complessivo il progetto. Nel gruppo sono presenti, con diversificati livelli di coinvolgimento nel
tempo, un operatore, tre tecnici ed un amministrativo;
4. sono state accolte le nove richieste avanzate dalle associazioni di “Occhi sulle colline” con la
nota del 26 luglio 2015 ed è stata data una prima risposta con la costituzione di un gruppo di
lavoro interno al Comune per potere presidiare la gestione del Parco, dialogare con le
Associazioni, stimare gli interventi prioritari.
Con decreto sindacale n. 1835 del 24 dicembre 2015 è stato costituito il gruppo di lavoro Parco dei
monti livornesi, di cui alla delibera n. 339/2015.
Il confronto con la Regione, portato avanti di concerto con i Comuni di Livorno e Collesalvetti ha
consentito di procedere nell’individuazione delle procedure per l’inserimento in RET del sentiero
00 e di avere aggiornamenti relativi alle prossime modifiche della L.R.T. n. 30/2015, su cui il 26
135
agosto 2015 è stato organizzato un Focus, con la partecipazione di numerosi esperti in materia
ambientale.
Nel 2015, si è partecipato a 16 riunioni con i soggetti, pubblici e privati, coinvolti nella tutela del
patrimonio naturale e culturale del territorio e si è partecipato a tre tavoli tecnici con la Provincia, i
Comuni di Livorno e Collesalvetti e le associazioni del progetto “Occhi sulle colline”.
Infine, l’impegno per la realizzazione di una sentieristica delle Colline Livornesi si è tradotto nel
contributo economico, di cui alla determina n. 912 del 22 dicembre 2015, a sostegno dell’attività
delle associazioni ed in particolare della realizzazione della segnaletica, volta a favorire la pratica
dell’escursionismo.
Programma n. 177 “Rifiuti”
Con l’obiettivo di aumentare la raccolta differenziata si è conclusa la fase progettuale del
potenziamento raccolta nelle frazioni collinari attività per la quale si è pronti ad incrementare il
servizio. E’ stato avviato il servizi di raccolta dell’organico sul lungomare di Solvay-Castiglioncello
I servizi volti alla rimozione dei rifiuti abbandonati hanno mostrato efficienza paragonabile a quella
dello scorso biennio, in più è stato implementato il programma di videosorveglianza di diverse
postazioni della raccolta e discariche abusive
E’ stato approvato il regolamento rifiuti in Consiglio Comunale.
Programma n. 178 “Tutela e valorizzazione delle risorse”
In relazione al ciclo delle acque si sono concluse le attività di concerto con il gestore di verifica dei
non corretti allacci alla fognatura bianca nell’area di Rosignano Solvay prospiciente il lungomare
Colombo.
Programma n. 180 “Trasporto pubblico locale”
Il 2016 ha fortemente risentito del clima di incertezza generatosi nell’esercizio precedente con
l’assegnazione provvisoria della gara regionale per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico
locale ad un nuovo gestore; il trasferimento del deposito di Livorno ha compromesso la
disponibilità del gestore alla ridefinizione di percorsi ed orari delle linee urbane e quindi
l’integrazione di alcune linee urbane con il servizio di trasporto scolastico.
Prosegue l’attività ordinaria dell’Ufficio trasporti per il reperimento e la liquidazione delle
competenze destinate al TPL secondo le modalità di cui all’atto d’obbligo in essere con la
Provincia; la gestione del micro lotto; la collaborazione con l’Ufficio scuola per gli aspetti legati al
136
trasporto scolastico mediante TPL e, più in particolare, per lo sviluppo di modalità dolci (car
pooling scolastico, etc.).
In particolare, in questa fase di ulteriore transizione, dovuta al ricorso dell’attuale gestore
dell’aggiudicazione della gara regionale, si è provveduto:
a partecipare al sopralluogo dei beni comunali messi a disposizione del gestore del servizio di
TPL con la Regione e con il nuovo aggiudicatario;
a partecipare alle riunioni con il gestore ed ai sopralluoghi congiunti per la modifica dell’area a
disposizione del deposito.
A seguito dell’interruzione del traffico sull’Aurelia per i lavori di regimazione idraulica del fiume
Fine, comprendenti anche la realizzazione degli attraversamenti sulla strada Aurelia e sulla linea
ferroviaria, si è provveduto ad impegnare a favore di una ditta locale il corrispettivo per il servizio
navetta su Rosignano Solvay da venerdì 20 maggio a martedì 7 giugno.
Le segnalazioni di utenti sono state trasmesse agli enti competenti e si è provveduto a coordinare
gli interventi da effettuare per la sostituzione di fermate provvisorie con impianti definitivi.
Nel secondo semestre 2016, il processo attivato dalla Regione Toscana per la gara regionale di
affidamento del trasporto pubblico locale, comprendente anche i servizi programmati per il bacino
provinciale livornese, non è stato concluso; pertanto, l’Ufficio trasporti ha continuato a redigere gli
atti di impegno e liquidazione del corrispettivo sulla base degli atti d’obbligo con cui la Provincia
ha assicurato la prosecuzione del servizio.
La gestione associata, fino al 31 dicembre 2016 sulla base della delibera C.C. n. 204 del
22.12.2015, è stata rinnovata per il prossimo triennio con una nuova Convenzione approvata dal
Consiglio del 29.12.2016. Con questa nuova Convenzione, oltre a far fronte al periodo transitorio, si
è assicurata la successiva gestione “a regime” del Contratto con il nuovo gestore del Lotto unico,
senza soluzione di continuità, fino al 31.12.2021, favorendo al contempo l’autonomia funzionale del
Comune, coinvolto nel processo complessivo la gestione associata sia utile anche per favorire il
coordinamento di alcune funzioni di area vasta.
La locazione sperimentale del mercato di Vada nel primo tratto di via Aurelia Sud, iniziata da
venerdì 18 novembre, con cadenza settimanale fino a marzo, ha richiesto una serie di sopralluoghi e
riunioni con la Polizia Municipale, i servizi manutentivi e il gestore del servizio TPL, per la
definizione delle variazioni dei percorsi di alcune linee urbane ed extraurbane.
E’ proseguita nel secondo semestre l’attività di distribuzione degli abbonamenti mensili per il
servizio urbano di TPL ai fruitori della mensa di Rosignano Marittimo, mediante la collaborazione
con l’Associazione “La Sorgente del Villaggio” e il supporto del gestore del servizio di TPL. Si è
137
registrato un incremento del numero dei fruitori della mensa, a cui corrisponde un aumento medio
del 30% dei richiedenti l’abbonamento.
PIANO DI MOBILITA’ SOSTENIBILE (PUMS)
Nel 2016 è stato attivato il percorso per la redazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
(PUMS), piano strutturale e strategico che orienta la mobilità in senso sostenibile per garantire alti
livelli di accessibilità.
Azioni al 31.12.2016:
richiesta di tre preventivi a società del settore (primo trimestre del 2016);
ricevimento tre preventivi (22.03.2016);
gara su start Toscana: 01-03.06.2016;
impegno di spesa per l’affidamento del servizio di supporto in materia di mobilità sostenibile ed
elaborazione del PUMS alla costituenda ATI Artù e Innolabs: determina n. 332 del 21.06.2016;
costituzione del gruppo di lavoro intersettoriale PUMS (delibera G.C. n. 211 del 19.07.2016);
nomina componenti gruppo di lavoro PUMS (decreto sindacale n. 1357 del 28.07.2016;
inizio lavori: prima riunione (04.07.2016);
aperiPUMS: primo incontro pubblico di presentazione PUMS – presso l’area Arena del popolo
a Rosignano Solvay (21.07.2016;
incontro di presentazione del PUMS in occasione della riunione con i genitori dei bambini
esclusi dal trasporto scolastico, ai quali è stato proposto il servizio di car pooling (21.07.2016);
incontro pubblico di presentazione PUMS presso La Limonaia a Castiglioncello, in occasione
dell’aggiornamento dell’OTD (02.08.2016);
incontro con società supporto PUMS per analisi dati trasporto pubblico locale (18.08.2016);
rapporto di autovalutazione (documento intermedio PUMS, 25.08.2016);
riunione gruppo di lavoro PUMS presentazione dei primi scenari e dell’analisi SWOT
(08.09.2016);
riunione programmazione percorso partecipativo (26.09.2016);
riunione del gruppo di lavoro intersettoriale per la socializzazione del materiale da presentare
nel percorso partecipativo (03.10.2016);
focus group con associazioni sportive; associazioni sindacali e di categoria; Assemblea di
frazione di Gabbro; Nibbiaia; Castiglioncello; Vada; con Pro Loco Rosignano Solvay e CCN;
con Pro Loco Castiglioncello e CCN; con Pro Loco Vada e CCN; con Pro Loco Rosignano
Marittimo e CCN; con Pro Loco Castelnuovo; con Assemblea di frazione di Rosignano Solvay
e associazioni culturali, per un totale di 13 riunioni (dal 03 al 18.10.2016);
138
riunione del gruppo di lavoro intersettoriale propedeutica all’avvio della seconda fase del
percorso partecipativo; focus su stato avanzamento progetto PIU e coordinamento con PUMS
(07.11.2016);
focus group feedback con Pro Loco Rosignano Marittimo e CCN; con rappresentanti
Assemblee di frazione delle frazioni collinari e Pro Loco Castelnuovo; con associazioni
sindacali e di categoria; con Pro Loco, CCN e Assemblea di frazione di Castiglioncello; con
Assemblea di frazione e Pro Loco di Vada (dal 07 al 10.11.2016);
riunione del gruppo di lavoro intersettoriale a conclusione della terza fase (06.12.2016).
Programma n. 181 “Viabilità e infrastrutture stradali” aggiornato al 30/06/2016
Si è proceduto ad indire nel mese di febbraio la Conferenza dei servizi per il progetto relativo al
ponte sulla strada urbana comunale “ex Aurelia” in
corrispondenza del Fosso Quercetano a
Castiglioncello: risanamento delle strutture e realizzazione di nuovo marciapiede predisponendo la
progettazione definitiva ed esecutiva.
Nel febbraio 2015 sono stati definitivamente affidati i lavori relativi alla realizzazione delle opere di
urbanizzazione in via Buccari. Si tratta di opere di urbanizzazione rimaste nell’ambito di una
lottizzazione privata, ma rimaste irrealizzate allo scadere della convenzione urbanistica della
lottizzazione stessa. Il Comune si è sostituito al lottizzante inadempiente, incamerando le polizze
fideiussorie e progettando le opere mancanti, che consistono principalmente in una area a verde
attrezzato, in un parcheggio pubblico, in un tratto di marciapiede, in alcuni tratti di fognatura
bianca. I lavori, che comportano una spesa complessiva lorda di circa € 300.000,00, sono iniziati nel
marzo 2015 e sono stati regolarmente completati alla metà del mese di settembre. RELATIVO AL
2015.
Per quanto riguarda le infrastrutture, nel bilancio 2015 è stato prevista la realizzazione di una nuova
fognatura bianca su Viale Trieste, per un importo di € 80.000,00, la cui progettazione preliminare è
stata approvata con Del. G.C. n.239 del 25/08/15. Il progetto esecutivo è stato approvato con
determina n. 634 del 05/11/15. Al 31/12/15 era stata avviata la gara di appalto ed i relativi lavori
sono stati ultimati il 15/06/2016.
Nel primo semestre 2016 è stata redatta la nuova progettazione per l’asfaltatura di alcune strade del
territorio comunale per un importo totale di circa €.500.000,00 che è in fase di approvazione.
Programma n. 183 “Sistema di protezione civile” aggiornato al 30/06/2016
Sono proseguiti, nel corso del primo semestre 2016, i rapporti con le associazioni di volontariato sia
per le attività di prevenzione ed estinzione degli incendi boschivi (Pubblica Assistenza) sia per le
139
attività di protezione civile (Croce Rossa Italiana e Misericordia di Gabbro), in forza di convenzioni
pluriennali già stipulate negli scorsi anni o rinnovate. È proseguito anche il servizio di reperibilità,
garantito dalle strutture interne, per gli interventi di protezione civile. E’ stato dato avvio alla
reperibilità H24 per i 4 comuni della gestione associata ed è stato dato corso alle procedure per la
redazione del piano intercomunale di protezione civile. E’ in corso di approvazione il protocollo per
il coordinamento del volontariato dei 4 comuni associati.
In data 11/04/2016 è stata affrontata l’emergenza dovuta allo sprigionamento di acido solfidrico da
parte della Società Ecomar nella zona di Polveroni. Il personale del servizio protezione civile ha
partecipato al CCS e personale dell’UO Manutenzioni ha provveduto di concerto con la Polizia
Municipale alla chiusura delle viabilità interessate.
1.3.2.e Il lavoro speranza per il futuro
Programma n. 157 “Statistica e sistemi informativi”
Dematerializzazione PA e Sicurezza Informatica
L’Ente ha proseguito con la dematerializzazione dei principali atti amministrativi dell’Ente
(delibere, determine, contratti e ordinanze) introducendo la produzione digitale dei decreti sindacali
e dirigenziali implementando l’uso della firma digitale. L’azione amministrativa quindi si è resa più
efficiente e trasparente, facilitando l'accesso e la partecipazione della cittadinanza.
I dati relativi al periodo 01 gennaio-31 dicembre 2016 mostrano il volume della dematerializzazione
dell’Ente: totale di protocolli in entrata: 37270; n. totale di protocolli in uscita 21647; n. di PEC/
Interpro/[email protected] in entrata: 17322; n. protocolli Iride/Suap: 988; n. documenti scansionati: 18960;
n. fatture digitali pervenute e trattate 4461; delibere CC: 154; delibere GC: 358; Determinazioni:
846; Ordinanze: 626; decreti: 2398; liquidazioni 1608.
Il canale dei Servizi on-line, accessibile dalla home del sito, creato nel marzo 2014 ed è collegato al
portale www.poliscomuneamico.it (439 nuovi utenti registrati dal 01/01/2016 al 31/12/2016); la
piattaforma fornisce una serie di servizi (autocertificazione assistita, iscrizione alle scuole
dell'infanzia, comunicazione ISEE etc.).
Il canale dei Servizi on-line, sempre in continuo aggiornamento è strutturato nelle seguenti aree :
•
Servizi Anagrafici: consultazione scheda anagrafica, cambio di via all’interno del Comune,
iscrizione all’Albo dei Presidenti di seggio e degli Scrutatori.
•
Servizi Scolastici: autodeterminazione ISEE; mensa e trasporto; iscrizione scuole materne
ed asili.
140
•
Servizi Sociali: Richiesta di erogazione contributi economici (pagamento utenze)
•
Ufficio Tributi: inoltro richieste rimborsi; imposta di soggiorno (attivazione portale
autonomo previa formazione); calcolo IMU; dichiarazione di variazione IMU.
•
Servizi Vigilanza: circolazione urbana; rilascio contrassegno disabili - permanenti e
temporanei; rinnovo contrassegno disabili; richiesta accesso a zone interdette; richiesta
accesso temporaneo ZTL; info e pagamento contravvenzioni.
•
Area dedicata ai pagamenti on-line.
•
Modulistica generica: candidatura elenco legali di fiducia
•
Bandi e avvisi vari: domande di partecipazione a concorsi
•
Contributi
•
Partecipazione: iscrizione albo delle associazioni; domanda di partecipazione alla cpo;
domanda di partecipazione al progetto spiders - il sistema dei social hub diffusi
Nel corso del 2016 le aree sono state implementate di nuovi servizi: pacchetto scuola nell’area
“servizi scolastici”; partecipazione di concorso al bando generale Erp nell’area “Servizi sociali”;
richiesta contributo idrico e contributo salva sfratti nell’area “contributi”.
L’area pagamenti on-line, accessibile dalla home del sito, consente di effettuare una serie di
pagamenti direttamente on-line (asilo nido, oneri di urbanizzazione, Cosap, Pubblicità e affissioni
etc.). Gli accessi totali dal 01/01/2016 al 16/12/2016 sono stati 18.369 per una cifra complessiva di
639 pagamenti effettuati e completati a fronte di 730 richieste di pagamento (110 pagamenti online
non andati a buon fine).
Le Segnalazioni on-line sono effettuabili dal portale dedicato, accessibile dalla home del sito
istituzionale; il portale, attivo dal gennaio 2014, consente una comunicazione diretta tra
Amministrazione e cittadini tramite l’inoltro, on-line, di segnalazioni riguardanti disagi e criticità
del territorio; gli accessi totali alla pagina web relativa alle segnalazioni dal 01/01/2016 al
16/12/2016 sono stati 161 per un totale di 409 segnalazioni (di cui 162 via web).
Nell’ambito della dematerializzazione rientrano, infine, altre specifiche attività, quali: attivazione
delle funzioni di CNS (attivazioni fascicoli sanitari, cambi PIN revoche e sospensioni di certificati)
– n. di accessi: 1051 (di cui 264 al Polisportello, 278 al PASS di Vada, 509 allo Sportello Ecco
Fatto!).
Smart City: Progetti volti a facilitare l’innovazione sul territorio – banda larga – infrastruttura di
rete comunale – Adesione al progetto MIUR Open City Platform (OCP) e all’Osservatorio
nazionale Smart City di Anci
141
Obiettivo prioritario è agevolare lo sviluppo di innovazione sul territorio per una trasformazione
smart di operatori e cittadini mediante la disponibilità di infrastrutture abilitanti.
Il primo obiettivo conseguito è l’attivazione della Banda Larga presso le Morelline tramite la
società Infracom con la quale è stata stipulata apposita convenzione iscritta al repertorio dei
contratti dell’Ente con n. 12550 in data 16/06/2016.
Consapevoli che l’innovazione sia una sfida difficile che non può essere giocata stando isolati nella
propria realtà, il Comune di Rosignano ha deciso di partecipare in qualità di partner sperimentatore
al Progetto Open City Platform, finanziato dal MIUR, nell’ambito dei bandi Smart Cities and
Communities, che garantisce l’opportunità di mettere a punto sul territorio nuove tecnologie di
Marketplace e servizi SaaS di video sorveglianza e gestione ZTL.
Con la stessa ottica l’Ente ha aderito all’Osservatorio Smart City di ANCI che propone un metodo
di lavoro basato su una pianificazione dello sviluppo intelligente dei diversi settori che qualificano
un territorio.
Il concetto di Smart City/Community è infatti declinabile in vari significati che traducono l’impatto
della filosofia smart nella gestione del territorio e dei cittadini che lo abitano: Smart People, Smart
Living, Smart Environement, Smart Governement, Smart Economy. Per ognuno di questi esiste
apposita sezione sul sito istituzionale.
Sito web istituzionale
Per migliorare la comunicazione dell’Ente e la fruibilità del Sito web è iniziato un lavoro di
revisione in relazione alla nuova veste grafica e organizzazione dei contenuti pubblicati. Tra gli
utenti del Polisportello è stata svolta un’indagine per verificare le eventuali difficoltà riscontrate
nella consultazione delle informazioni pubblicate sul web. Tale rilevazione ha evidenziato che la
maggior parte de cittadini che si sono rivolti al Polisportello non utilizzavano il sito web e che la
minoranza di questi pur consultandolo trovava difficoltà nel reperire le informazioni. Da qui la
necessità di riorganizzare i contenuti del sito anche con una nuova veste grafica della home page
che è stata completata l’8 giugno. Sono seguiti una serie di incontri con i vari uffici dell’Ente, in
collaborazione con il Supporto Organi di Governo, per la riorganizzazione di contenuti del sito e la
valutazione di eventuali necessità. E’ stata svolta attività di sensibilizzazione con le P.O. per
individuare i vari redattori. Sono stati predisposti corsi relativi alla gestione del nuovo sito.
Programma n. 171 “Sviluppo e valorizzazione del turismo”
142
L’attività si è esplicata nell’istruttoria di pratiche per strutture turistico-ricettive, professioni
turistiche, mercatini e manifestazioni fieristiche, acconciatori ed estetiste, tinto-lavanderie, piscine
ad uso collettivo, opere dell’ingegno .
Sulla base di un espresso atto di indirizzo della Giunta Comunale, con determina dirigenziale sono
stati approvati gli atti relativi all’indizione della procedura di gara per l’affidamento del servizio di
informazione ed accoglienza turistica fino al 6 febbraio 2018. Alla procedura di gara ha
partecipato un raggruppamento temporaneo di imprese, con capofila la società ITouch&Tour, che, a
seguito della valutazione da parte di un’apposita commissione giudicatrice, è risultata aggiudicataria
del servizio. Il soggetto affidatario ha già avviato, in collaborazione con l’Amministrazione
Comunale, un percorso di promozione e valorizzazione del territorio comunale, abbinando al
classico servizio di informazione ed accoglienza turistica, l’attività di prenotazione e vendita di
servizi e pacchetti turistici. A tal fine sono stati avviati proficui rapporti con gli operatori del settore
turistico e con le associazioni culturali, ricreative e sportive del territorio comunale, al fine di
arrivare ad elaborare un planning condiviso di iniziative ed eventi che possano rendere più
appetibile l’offerta turistica, proponendo un pacchetto di attività che possano spaziare dal mare alla
collina.
In attesa dell’aggiudicazione e considerato l’avvio della stagione turistica, il servizio di
informazione ed accoglienza è stato affidato, sino al 6 agosto 2016, alla Pro Loco di Vada, in
qualità di capofila delle Pro Loco di Vada, Castiglioncello e Rosignano Marittimo, con la stipula di
una specifica convenzione.
In attuazione del regolamento vigente, con apposito provvedimento dirigenziale, è stato approvato il
calendario dei mercatini. Nel 2015 e nel 2016 si è assistito ad un notevole incremento del numero
delle iniziative temporanee, concentrate soprattutto nei mesi di luglio ed agosto e nei punti di
maggiore interesse delle frazioni a mare. Per riequilibrare il rapporto tra il commercio in sede fissa,
il commercio su aree pubbliche e le c.d. iniziative temporanee, la cui principale caratteristica
dovrebbe essere proprio quella della straordinarietà, il regolamento è stato rivisto, con l’obiettivo
di contenere il numero dei mercatini.
Con la convenzione rep. 12531 del 20 aprile 2016, l’amministrazione comunale e il CCN di
Castiglioncello hanno stipulato un protocollo d’intesa, avente validità triennale, per la realizzazione
di iniziative ed attività di promozione e di valorizzazione del territorio comunale. In particolare il
CCN, in collaborazione con i centri commerciali naturali nonché con le altre realtà associative del
territorio comunale, ha curato la rassegna “Mangia in Giro 2016”, che si è articolata nello
svolgimento, tra la fine di aprile e i primi di giugno, di 5 apprezzati appuntamenti enogastronomici,
in varie parti del territorio comunale, che hanno preso l’avvio a Castiglioncello con il Foodies
143
Festival, divenuto ormai un evento irrinunciabile per gli estimatori del cibo di strada e non solo. Il
ciclo, incentrato sulla valorizzazione di tipicità e piatti tradizionali, ha visto la partecipazione di
chef stellati, che si sono dilettati nell’organizzazione di taste show degustativi, riscuotendo grande
successo di pubblico e turisti e contribuendo ad incrementare la ricettività alberghiera ed extra alberghiera.
Sempre lo strumento della convenzione ha consentito all’Amministrazione di avvalersi dell’opera
della Pro Loco di Marittimo, come capofila delle realtà associative locali, per la realizzazione
delle iniziative della spettacolazione estiva. A Marittimo si è svolta la sesta edizione del Festival
dell’arte di strada noto con il nome “Il Paese dei Balocchi”, che ha richiamato migliaia di spettatori,
alla ricerca delle emozioni che gli artisti e il borgo riescono sempre a suscitare. Tutte le iniziative in
programma hanno comunque riscontrato un notevole successo di pubblico e di critica.
L’Amministrazione ha collaborato con il Comune di Livorno nel coordinamento dell’evento “Notte
Blu,” appuntamento ormai collaudato, che si svolge nel mese di giugno e che coinvolge tutti i
comuni.
Per quanto concerne l’Osservatorio Turistico di Destinazione (OTD), il gruppo di lavoro,
costituito con decreto sindacale n. 1075 del 26/08/2015 ha continuato a lavorare, in riferimento alle
10 tematiche NECSTOUR. A seguito di incontri singoli con i diversi uffici interessati, sono stati
acquisiti i dati riferiti agli indicatori di sostenibilità (n. 81 calcolati e n. 90 diretti) e di competitività
(n. 85 calcolati e n. 114 diretti), relativi all’anno 2015, che sono stati caricati sulla piattaforma
regionale entro il 31 ottobre 2016. In collaborazione con il partner scientifico CNR-IBMET è stato
altresì prodotto un documento di sintesi sulle azioni sinora svolte, focalizzando in particolare
l’attenzione sull’analisi dei punti di forza e di debolezza, sulle minacce e le opportunità, emerse nel
corso dell’analisi SWOT. E’ stata infine predisposto il Piano di Azione Locale, che individua
l’insieme coordinato degli interventi pubblico-privati da porre in essere nel breve, medio e lungo
periodo per rendere il comune di Rosignano Marittimo una destinazione turistica di eccellenza.
Il lavoro di aggiornamento e confronto tra l’Amministrazione Comunale e le realtà economiche ed
associative locali mira a trasformare l’Osservatorio Turistico di Destinazione in un laboratorio
permanente sul turismo, con l’obiettivo ambizioso di impostare un modello di gestione sostenibile
del turismo locale e di orientare le politiche di pianificazione e programmazione strategica degli
interventi sul territorio. L’Osservatorio è inoltre uno strumento privilegiato di accesso ai
finanziamenti pubblici sia per il Comune che per gli imprenditori locali, i quali facendo parte di un
comune in cui è attivo un OTD, possono partecipare a finanziamenti dai quali altrimenti sarebbero
esclusi.
144
Per quanto concerne il sito web turistico, il soggetto affidatario del servizio, in stretta
collaborazione con tutti gli uffici interessati, ha realizzato la struttura del portale, che è stata
pubblicata all’inizio di agosto. Il sito si propone di promuovere e valorizzare le risorse territorio,
attraverso una comunicazione semplice ed intuitiva. Nel portale si trovano indicazioni e
informazioni utili per turisti e non, una galleria fotografica sui luoghi di maggior interesse, le
schede informative sugli eventi, sulle strutture ricettive e sulle attività di
ristorazione e di
intrattenimento nonché una serie di link che indirizzano rapidamente verso i siti più utili ai
visitatori. Una delle sezioni di maggiore interesse, sia per i turisti che per i cittadini, e senz’altro
quella dedicata agli eventi; cliccando sulla data prescelta vengono visualizzate le iniziative in
programma, che possono essere corredate da materiale fotografico e descrizioni. L’interfaccia che è
stato messo on line viene ormai utilizzato da tutti gli uffici interessati e dal gruppo di lavoro per la
promozione (costituito con decreto della dirigente del Settore Servizi alla Persona e all’impresa, n.
794 del 10/7/2015, all’interno del settore medesimo con competenze trasversali), come uno
strumento per coordinare e pubblicizzare le iniziative turistiche, culturali e sportive, promosse
dall’Amministrazione Comunale e dalle realtà associative locali.
Programma n. 191 “Commercio – reti distributive – tutela dei consumatori”
L’attività si è esplicata nell’istruttoria e nella formalizzazione di: pratiche in materia di commercio
in sede fissa, commercio su aree pubbliche, polizia amministrativa, spettacoli viaggianti,
somministrazione alimenti e bevande; licenze di vendita di prodotti alcolici; rilascio tesserini e
autorizzazioni impiego gas tossici; attivazione e variazione di impianti di radiocomunicazione;
impianti di distribuzione carburanti; acconciatori, estetisti, attività di tatuaggi e piercing ,
agenzie di affari di cui all’art. 115 del T.U.L.P.S., istruttori di tiro, fochini, palestre private, tintolavanderie; pratiche propedeutiche al rilascio di atti unici da parte dello Sportello Unico delle
imprese ai sensi del DPR n. 160/2010 nonché al rilascio di autorizzazioni uniche ambientali e di
atti abilitativi per varie attività imprenditoriali. Dal luglio 2015 il programma annovera tra le sue
competenze il rilascio delle concessioni di suolo pubblico (con canone Cosap) temporanee e
permanenti. Nel corso del 2016 sono già state istruite 415 pratiche di concessioni di suolo pubblico,
a carattere temporaneo, dopo aver codificato il nuovo iter procedurale con tutti gli uffici coinvolti.
E’ stata predisposta la bozza di modifica del regolamento Cosap, per rivederne aspetti contenutistici
e di forma nonché per adeguarlo alle mutate esigenze organizzative.
Con delibera di Giunta Comunale n. 47 del 25.02.2016 è stato approvato il nuovo Regolamento di
organizzazione e funzionamento dello Sportello Unico. La complessiva rivisitazione dell’atto
regolamentare è stata dettata dalla necessità di adeguarsi alla normativa e alle specifiche tecniche
145
informatiche dettate dalla Regione Toscana nonché di disporre di uno strumento di lavoro più
semplice e snello, che consenta una lettura più agevole sia per gli utenti esterni che per gli addetti ai
lavori.
Programma n. 193 “Sviluppo del settore agricolo e del sistema agroalimentare”
L’attività si è esplicata nell’istruttoria di pratiche in materia di agriturismo, vendita da parte di
imprenditori agricoli e pescatori professionisti dei prodotti, programmi di miglioramento
agricolo ambientale, pareri su annessi agricoli amatoriali, svincoli di fideiussioni a garanzia dei
programmi suddetti .
Con determina n. 280 del 07.06.2016 il Comune ha rinnovato l’adesione all’associazione Città
dell’olio, Città della Chianina, al Consorzio strade del vino e dell’olio, importanti volani delle
attività agricole e delle peculiarità del nostro territorio agricolo, nonché di organizzazione eventi e
iniziative di promozione.
Anche quest’anno, a marzo, con la collaborazione dell’ APOT, è stato organizzato il corso per
tecniche di coltivazione e potatura olivi, a cui hanno partecipato 63 persone. Alle classiche 5 lezioni
pratiche di potatura sono state aggiunte 2 lezioni teoriche, con invio di materiale ai partecipanti.
A seguito di una procedura ad evidenza pubblica, si è poi proceduto ad affidare il servizio di
fornitura gabbriccio per la manutenzione delle strade interne di servitù agricola. La consegna del
materiale verrà effettuata alle aziende agricole che ne hanno fatto richiesta, seguendo
un elenco, redatto dal Servizio Agricoltura del Comune .
1.3.2.f Il Comune vive e respira con la Città
Programma n. 150 “Elezioni e consultazioni popolari, anagrafe e stato civile” MORETTI
I servizi correlati al presente programma, (anagrafe, stato civile, elettorale e leva), sono stati curati
ed eseguiti nel rispetto dei termini e delle scadenze previste per legge o per regolamento. In
particolare, si evidenziano i seguenti dati statistici, utili allo scopo di fornire un quadro almeno
indicativo, dell’attività svolta:
procedure
Al 20/12/2016
Iscrizioni anagrafiche
612
Emigrazioni
630
Cambio di indirizzo all’interno del comune
721
146
A.I.R.E. (iscrizioni, variazioni, cancellazioni)
140
Rilascio attestazioni soggiorno permanente
18
Verifiche anagrafiche su richiesta scritta di privati/sogg. pubblici
2.500 (dato stimato)
Risposta a richiesta di informazioni, (telefonicamente/e mail)
25/30 al giorno in media
Rilascio certificati/estratti di stato civile
3.393
Rilevazioni statistiche gestite
4 mensili - 3 annuali
Revisioni elettorali effettuate
10
Revisione Albi effettuate
2
Cittadinanze
146
Atti di morte
440
Atti di nascita
285
Atti di matrimonio
215
Separazioni/divorzi
44
Pubblicazioni di matrimonio
113
Decreti di cancellazione anagrafica/annullamento
54
Provvedimenti di rettifica indirizzo anagrafico
25
Procedure di accertamento anagrafico gestite
119
Allineamento posizioni / c.f. - agenzia delle entrate
220 posizioni regolarizzate
Diagnostica e risoluzione anomalie per passaggio in anpr
600 su 10.000 circa
Separazioni e divorzi davanti all’Ufficiale di Stato Civile
Il 2016 è stato contrassegnato dall’entrata a regime della L. n. 162/2014 che ha introdotto la
possibilità di concludere procedimenti di separazione e divorzi consensuali di cittadini italiani
e/o stranieri di fronte all’Ufficiale di stato civile del luogo di residenza o in cui si è celebrato il
matrimonio. Dopo una prima fase di formazione e verifica dei presupposti e delle condizioni di
attuabilità delle nuove procedure, è stato attuato il nuovo servizio, con contestuale inserimento sul
sito dell’ente, di una informativa a disposizione del cittadino. Ad oggi, risultano avviate/concluse n.
44 procedure di separazione/divorzio. L’esperienza maturata fin qui evidenzia una crescente
richiesta di accesso al servizio in questione che, seppur ben delimitato nei requisiti di accessibilità,
ha dimostrato di intercettare una reale esigenza di definizione dei rapporti interpersonali, favorita,
sicuramente, dalla possibilità di accedervi sostanzialmente “a costo zero”, (per ciascuna procedura è
previsto il pagamento di un diritto fisso pari a €. 16,00=, senza altri oneri), a fronte dei maggiori
costi derivanti dal ricorso ad altre opzioni previste dalla legge.
L’incremento delle richieste è stato in parte determinato anche dalla L. 6/05/2015 n. 55 e ss.mm.ii.,
che, modificando alcune disposizioni della L. n. 898/1970, ha drasticamente ridotto i tempi di attesa
147
prima di poter richiedere lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio a seguito
di separazione tra i coniugi.
Gli accertamenti nell’ambito delle procedure di immigrazione/cambio di indirizzo
Le recenti disposizioni in materia di controllo e contrasto dell’abusivismo, introdotte con il D.L.
28/03/2014 n.47 del 28/03/2014 conv. in L. 23/05/2014 n.80 "Lotta all'occupazione abusiva di
immobili" - art. 5 - ha ampliato l’ambito degli accertamenti e delle verifiche necessarie per le
procedure di iscrizione anagrafica/cambio di indirizzo, imponendo l’acquisizione e successiva
verifica delle dichiarazioni in merito al titolo di possesso/disponibilità dell’immobile nel quale si
dichiara di andare ad abitare. Ad oggi sono state aperte oltre 1.350 pratiche di variazione anagrafica,
(cambi di abitazione/immigrazioni), per ognuna delle quali è stato effettuato il controllo
documentale e la verifica delle dichiarazioni in merito al titolo di possesso/disponibilità
dell’immobile in cui si va ad abitare, anche mediante accesso alla banca dati del Catasto urbano.
Questa attività, ovviamente, comporta un costante aggravio del procedimento, soprattutto alla luce
della scarsa attendibilità, in ordine alla individuazione topografica degli immobili, dalla discordanza
tra i dati contenuti nei rogiti notarili e quelli della banca dati catastale.
Dematerializzazione archivi anagrafici
Si incrementa il sistema di trasmissioni telematiche (mod. 3d in formato .xml) in occasione delle
revisioni delle liste elettorali e la conseguente formazione dei fascicoli personali elettronici che
sostituiscono il tradizionale cartaceo, destinato ad esaurirsi. Il nuovo sistema, a fronte dell’indubbio
vantaggio di eliminare la circolazione della carta, evidenzia una serie di problematiche tecniche e
tecnologiche, (peraltro frequenti anche in altri campi, soprattutto nelle fasi di passaggio), correlate
alla funzionalità e interoperabilità dei sistemi informatici. In ogni caso, ad oggi il nuovo sistema
può dirsi a regime.
Si è concluso il percorso di dematerializzazione mediante scannerizzazione dei cartellini di
identità da parte della ditta affidataria del servizio ed il conseguente caricamento dei dati
digitalizzati su JDemos per l’inserimento del documento digitalizzato all’interno del programma
informatico di gestione anagrafica SICRAWEB. Ad oggi è possibile la ricerca e consultazione
informatica, con il superamento di fatto del sistema di archiviazione cartaceo.
148
A.n.p.r.
Prosegue il processo di adeguamento ai fini del subentro dell’Anagrafe Nazionale della
Popolazione residente all’Indice Nazionale delle Anagrafi e all’Anagrafe Nazionale cittadini
italiani Residenti all’Estero. Obiettivo finale:
-
unificazione in unica banca dati di tutte le informazioni anagrafiche della popolazione
residente in Italia, cui faranno riferimento tutte le pubbliche amministrazioni e gestori di
pubblici servizi;
-
integrazione della medesima con l’archivio informatizzato dei registri di stato civile e i dati
delle liste di leva; collegamento con l’Anagrafe degli Assistiti per il miglioramento
dell’erogazione dei servizi sanitari, (entro il 2018).
Nel primo semestre di quest’anno l’attività principale è consistita in:
-
Monitoraggio della normativa e prassi in materia, con particolare riguardo alle circolari
ministeriali inerenti le operazioni da effettuare per il passaggio al nuovo sistema di
gestione dei servizi demografici;
-
Verifica degli interventi tecnologici che si renderanno necessari per l’adeguamento dei
sistemi informatici in uso alle nuove disposizioni, in collaborazione con la software house;
Nel secondo semestre l’attività si è concentrata sulle seguenti attività
-
Bonifica delle banche dati in vista del passaggio a A.N.P.R, consistente in:
•
bonifica anomalie interne a SICRAWEB
•
verifica e correzione anomalie mediante confronto con la banca dati
dell’Agenzia delle entrate
•
avvio dell’analisi e bonifica denominazione vie presenti sulla banca dati
anagrafica e confronto con le risultanze del regolamento urbanistico
Unioni civili e convivenze di fatto
La L. 20/05/2016, n. 76, entrata in vigore il 5 giugno u.s., ha introdotto due nuovi istituti giuridici
che impattano fortemente sull’attività dei servizi demografici.
Unioni civili per quanto riguarda questo istituto, pur essendo scaduti i termini di legge, si
attendono ancora i decreti applicativi che andranno a modificare le competenze dell’ufficiale di
stato civile, introducendo ulteriori competenze ed adempimenti. In attesa, si sono svolte n. 2
procedure di unione civile, seppure in modalità provvisoria
Convivenze di fatto in questo caso la norma, formalmente, è già operativa, in quanto interviene
esclusivamente nel campo anagrafico, non incidendo sugli atti di stato civile. Ad oggi, nessuna
procedura è stata attivata.
149
Sono state predisposte e pubblicate sul sito, informative in materia di unioni civili e convivenze di
fatto Si è proceduto all’adeguamento della modulistica in funzione delle possibili richieste in
merito, compatibilmente con la scarsità dei dati normativi presenti.
⇒ Consultazioni referendarie
Il servizio ha provveduto all’organizzazione delle tornate elettorali del 17/04/2016 e del 4/12/2016
relativa nel rispetto dei tempi e delle modalità previste dalla legge. Attualmente è in corso la fase di
rendicontazione delle spese ai fini del rimborso delle medesime da parte dello Stato della seconda
consultazione.
Programma n. 151 “Gestione dei beni demaniali e patrimoniali”
L’U.O. Patrimonio ha curato la gestione amministrativa delle utenze comunali di energia elettrica,
acqua e metano, segnalando tempestivamente agli uffici tecnici competenti i consumi anomali
rilevati mediante controllo della fatturazione e/o sopralluoghi presso i contatori.
Con riferimento alle utenze di energia elettrica, a seguito del rifiuto, da parte dell’aggiudicatario
della gara nazionale Consip, di accettare l’ordinativo di fornitura del Comune, le utenze sono
passate automaticamente nel mercato di salvaguardia. Al fine di evitare un aumento dei costi,
l’ufficio ha attivato il percorso di adesione al protocollo d’intesa con Anci Toscana e CET per
aderire alla convenzione stipulata a livello regionale. Nel 2016 è stato pertanto attivato il nuovo
rapporto di fornitura che potrà consentire, rispetto alla convenzione Consip nazionale, un risparmio
stimato annuo di circa l’11%.
Per quanto riguarda le utenze gas metano, non ricomprese nel contratto gestione calore (Cofely), già
nel 2014 era stato effettuato ordinativo di fornitura in adesione alla Convenzione Consip Gas
Naturale 6, che avrebbe dovuto decorrere dal 01/01/2015. Tuttavia, per cause non dipendenti dal
Comune, tale fornitura ha avuto inizio solo dal 01/07/2015, per concludersi il 30/06/2016. Al fine di
assicurare continuità nella fornitura di gas naturale, nel mese di maggio 2016, è stato effettuato un
nuovo ordinativo di fornitura per aderire alla convenzione CONSIP Gas Naturale 8, a decorrere dal
01/07/2016.
Sono state curate le procedure inerenti la gestione del patrimonio di proprietà e nella disponibilità
del Comune (concessioni patrimoniali attive e passive, concessioni di suolo pubblico, locazioni
attive e passive, comodati attivi e passivi, assegnazioni varie), e in particolare:
-
comodato con Misericordia di Gabbro per l’utilizzo di due locali: atto sottoscritto in data
30/05/2016;
150
-
rinnovo concessione alla soc. Solvay per terreno comunale destinato ad attività di
campionamento: atto sottoscritto in data 18/05/2016;
-
rinnovo convenzione per uso parcheggio pubblico in Vada, Loc. Mazzanta: atto sottoscritto
in data 14/01/2016;
-
subentro contratto di locazione ambulatorio Nibbiaia: atto Rep. n. 12518 del 23/12/2015 –
decorrenza 01/01/2016
-
rinnovo affidamento aree comunali ubicate in loc. Lillatro: atto Rep. n. 12502 del
03/11/2015 – decorrenza 01/01/2016;
-
rinnovo concessione demaniale marittima di aree ubicate in Vada: atto Rep. n. 12534 del
29/04/2016;
-
rinnovo concessione demanio forestale per campo calcetto e acquedotto ubicati in Vada: in
attesa di formalizzazione atto da Corpo Forestale dello Stato;
-
rinnovo locazione passiva terreni adibiti a verde pubblico in Vada. Deliberazione G.C. N.
133 del 16/05/2016 ad oggetto “Locazione aree di proprietà Istituto Diocesano per il
Sostentamento del Clero (I.D.S.C.) da destinare ad attività di interesse pubblico - atto di
indirizzo”: pervenuto nulla osta al rinnovo da Agenzia del Demanio – in attesa rinnovo alla
scadenza;
-
rinnovo locazione passiva terreni adibiti a orti sociali di Rosignano Solvay e Vada.
Deliberazione G.C. n. 322 del 10/11/2015 ad oggetto “Rinnovo locazione aree di proprietà
Solvay Chimica Italia S.P.A. adibite a orti sociali - atto di indirizzo”: Contratto Rep. n.12574
del 04/10/2016;
-
Affidamento temporaneo torre medicea di Castiglioncello fino al 30/10/2016: Deliberazione
G.C. n. 171 del 16/06/2016. Consegnata con verbale di consegna in data 30/06/2016 e
ripreso in consegna in data 16/11/2016.
-
Affidamento area feste Gabbro a Arci – Misericordia e Acli Pio XII: atto sottoscritto in data:
30/05/2016;
-
Affidamento temporaneo sala Don Nardini ad Associazione Armunia. Deliberazione G.C. n.
104 del 26/04/2016 ad oggetto “Concessione temporanea della sala Don Nardini
all’Associazione Culturale Armunia Festival Costa degli Etruschi”: Consegnata con verbale
di consegna in data 20/06/2016 e ripreso in consegna in data 15/07/2016;
-
Consegna locali presso stazione ferroviaria Castiglioncello a CCN e Giacomo ONLUS:
verbale sottoscritto in data 12/05/2016
-
Rinnovo concessione terreno per attività apistica: Contratto Rep. n.12571 del 15/09/2016
151
-
Concessione area di proprietà comunale in Piazza Quattro Repubbliche Marinare: atto
concessorio sottoscritto in data 24/05/2016;
-
Rinnovo concessione demaniale marittima per mantenimento manufatti in legno
prefabbricati in loc. Pietrabianca: atto Rep. n. 12533 del 29/04/2016;
-
Affidamento in gestione aree concessione demaniale Marittima in loc. Pietrabianca: atto
sottoscritto 21/06/2016;
-
Rinnovo concessione area demaniale marittima in Vada: atto Rep. n. 12534 del 29/04/2016;
-
Affidamento in gestione aree concessione demaniale Marittima in Vada: atto sottoscritto
04/07/2016
-
Rinnovo concessioni demanio forestale per strade pubblica utilità: inviate istanze a Corpo
Forestale dello Stato;
-
Concessione locali piano Primo ex Ludoteca Piazza Risorgimento: Associazioe AIMA Verbale di consegna del 02/11/2016;
-
Concessione demanio ferroviario per mantenimento parallelismo fognatura: concessione in
fase di definizione.
Con riferimento alle procedure di gara per l’affidamento di immobili comunali, il Patrimonio ha
curato i seguenti procedimenti:
-
espletamento della gara per l’affidamento della gestione di alcuni parcheggi a pagamento a
Castiglioncello: atto sottoscritto in data 21/01/2016 ;
-
pubblicato avviso per l’affidamento in concessione della falegnameria comunale, con
scadenza a fine gennaio 2016: in esito alla procedura è stata ricevuta una sola
manifestazione d’interesse. L’immobile è stato consegnato alla Cooperativa Arnera a fine
dicembre 2016.
Erano stati altresì predisposti, in esecuzione della Deliberazione G. C. n. 89 del 07/04/2016 gli atti
per la concessione di servizio relativa alla gestione dei parcheggi camper di proprietà comunale
ubicati in loc. Caletta e loc. La Mazzanta. Nelle more della pubblicazione degli atti medesimi è
intervenuta l’entrata in vigore del nuovo codice dei Contratti (D. Lgs. n. 50/2016) e, pertanto, al
fine di scongiurare la mancata gestione dei parcheggi medesimi per la stagione 2016, si è proceduto
mediante affidamento diretto, fino al 30 settembre. Sono state curate le procedure inerenti la
gestione dei centri civici, sale conferenze e terreni per orti.
Inoltre, sono stati assegnati n. 2 terreni alle scuole di Gabbro e Rosignano Marittimo da destinare a
orti per attività didattiche. E’ altresì in fase di definizione l’assegnazione di un terreno alla scuola di
Castelnuovo M.dia da destinare ad attività didattiche e ricreative.
152
In merito ai contenziosi patrimoniali, oltre alla gestione di quelli in essere, è stata disposta
l’attivazione di una causa di usucapione per rivendicare l’uso pubblico del passo a mare della
Cianciafera, di cui alla Delibera G.C. n. 150 del 03/06/2015. Causa attualmente in corso, seguita
dall’ufficio legale dell’Ente.
Sono stati definiti n. 3 procedimenti per la rinuncia al diritto di prelazione e n. 6 autorizzazioni alla
vendita su alloggi di edilizia economica.
L’ufficio ha, inoltre, provveduto alla ridefinizione degli accordi con la parrocchia di Santa Croce di
Rosignano Solvay e alla successiva stipula dell’atto di donazione riferito alla piazza adiacente alla
parrocchia: deliberazione G.C. n. 242 del 25/08/2015 e Rep. 141179 del 08/06/2016 - Notaio
Cavallini Marco.
I contratti di Trasformazione Diritto Superficie stipulati nel 2016 sono i seguenti:
•
Contratto Rep.
1076 del 13/01/2016 notaio Dal Canto Jessica
•
Contratto Rep. 140929 del 29/01/2016 notaio Cavallini Marco
•
Contratto Rep. 57089 del 17/06/2016 notaio d’Abramo Gaetano
•
Contratto Rep. 141247 del 18/07/2016 notaio Cavallini Marco
I contratti di compravendita definiti nel 2016 sono di seguito elencati:
•
Alienazione area in Via dei Ginepri: Rep. 114080 del 17/05/2016 notaio Francesco Paolo
Tamma
•
Alienazione area in Via Marconi: Rep. 56943 del 19/04/2016 notaio Gaetano d’Abramo
•
Acquisizione passo pedonale vicolo Pescaiola-P.zza Carducci: Rep. 140930 del 29/01/2016
notaio Marco Cavallini
•
Acquisizione porzioni via delle Pescine: Rep. 1743 del 16/02/2016 notaio Francesco
Carsillo
•
Acquisizione piazza Don Emilio Vukich: Rep. 141179 del 08/06/2016 notaio Marco
Cavallini
•
Acquisizione area a parcheggio via dei Cavalleggeri a Vada: Rep. 141178 del 08/06/2016
notaio Marco Cavallini
Ulteriori contratti di natura immobiliare definiti nel 2016:
•
Contratto Rep. 114093 del 24/05/2016 notaio Francesco Paolo Tamma - deroga distanza dai
confini a Rosignano Solvay – Terrazza Le Quattro Repubbliche Marinare
Programma n. 152 “Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali”
Pur in un contesto di crescente complessità normativa ed interpretativa l’Amministrazione
Comunale ha provveduto, entro i termini di approvazione del Bilancio di Previsione, ad approvare
153
le deliberazioni consiliari utili al fine di disciplinare e determinare i tributi di propria competenza.
In tale contesto si evidenzia che il livello della pressione fiscale comunale è sceso, nel 2016, in virtù
delle novità introdotte dalla L. 208/2015 con particolare riferimento all’abrogazione della TASI
sull’abitazione principale.
Si rilevano gli ottimi risultati conseguiti in materia di recupero evasione ICI/IMU, tanto che si è
realizzato, nel 2016, un incremento dei risultati già conseguiti nel 2015 rispetto al 2014 con
riferimento agli importi accertati e definitivamente notificati (oltre 700.000, 00 euro), anche
mediante il recupero di evasione/elusione dalla fattispecie delle c.d. residenze fittizie e dei c.d.
immobili fantasma, con conseguente incremento del gettito ordinario. Da segnalare inoltre il
complesso lavoro di aggiornamento della banca dati TARI derivante dalle dichiarazioni tardive e
spesso imprecise prodotte dai contribuenti oltre che dal riconoscimento delle agevolazioni ISEE in
materia. Sempre in materia di TARI, sono state introdotte nuove agevolazioni con riferimento alle
attività stagionali e lotta alle ludopatie.
Anche in materia di recupero evasione sulla Tassa Rifiuti sono stati raggiunti buoni risultati per un
importo complessivo di circa 78.000 euro.
In linea con le attese le attività gestionali afferenti all’imposta di soggiorno, imposta sulla
pubblicità, pubbliche affissioni, cosap.
Programma n. 153 “Gestione economica, finanziaria, programmazione e provveditorato”
L’attività ordinaria si è svolta secondo la programmazione annuale, senza particolari scostamenti
rispetto a quanto programmato:
•
Predisposizione e aggiornamento del Documento Unico di Programmazione DUP 2016-2018;
•
Predisposizione del Bilancio di previsione 2016-2018 applicando i nuovi principi contabili di
cui al D.Lgs. 118/2011 e s.m.i.., con particolare riferimento al Fondo Pluriennale Vincolato, al
principio della competenza finanziaria rafforzata, al Fondo crediti di dubbia esigibilità;
•
Predisposizione del Bilancio di previsione 2017-2019 applicando i nuovi principi contabili di
cui al D.Lgs. 118/2011 e s.m.i.., con particolare riferimento al Fondo Pluriennale Vincolato, al
principio della competenza finanziaria rafforzata, al Fondo crediti di dubbia esigibilità;
•
predisposizione del PEG 2016-2018;
•
verifica patto di stabilità anno 2015 e trasmissione della relativa certificazione;
•
predisposizione del Rendiconto di gestione 2015, riconciliazione debiti/crediti con le società
partecipate, gestione contabilità economica;
•
monitoraggio nuovo saldo di Finanza Pubblica (art. 1, comma 719 della Legge n. 208/2015);
154
•
Controllo atti dirigenziali, liquidazioni, emissione mandati di pagamento, verifica requisiti in
materia di tracciabilità dei flussi finanziari e verifiche inadempimenti Equitalia spa, emissione
reversali di incasso;
•
Gestione dei rapporti con il Tesoriere, registrazioni contabili e fiscali, emissione e registrazione
fatture, gestione IVA, statistiche, pubblicazione albi dei beneficiari, verifiche agenti contabili;
•
Controllo di gestione e controllo strategico su aziende partecipate, in particolare:
-
entro il 31/3/2016 è stato effettuata la verifica dello stato di attuazione del piano di
razionalizzazione delle società partecipate redatto nel 2015 con contestuale invio della
Relazione alla Corte dei Conti;
-
in attuazione del D.L. 174/2012 in materia di governance delle società controllate e dell’art.
8 del Regolamento dei Controlli interni che disciplina il controllo sugli organismi gestionali
esterni, con Delibere di Giunta comunale num. 137-138-139 del 16/5/2016 sono stati
approvati, in attuazione alla delibera consiliare num. 35/2016, gli atti di indirizzo alla società
in house Crom Servizi srl, alle società Rosignano Impianti e Tecnologie srl e alla controllata
Rea impianti srl, e alla società Rea spa.
-
E’ stato predisposto altresì l’atto di indirizzo afferente ai vincoli normativi di finanza
pubblica per la Fondazione Armunia, approvato con delibera di giunta n. 198 del 5/7/2016.
-
In data 27/06/2016 è stato trasmesso al sindaco, agli assessori, al presidente del Consiglio
Comunale e al segretario comunale il rapporto annuale sulle società partecipate elaborato ai
sensi dell’art. 8 c. 3 del regolamento dei Controlli Interni.
-
L’ufficio preposto si è inoltro occupato della predisposizione delle modifiche da apportare
agli Statuti delle Società controllate, così come previsto dal D.Lgs. 175/2016.
•
Liquidazione indennità, gettoni, rimborsi spese amministratori e datori di lavoro;
•
Sostituto d’imposta.
Da rilevare anche per il secondo semestre del 2016 l’attenzione puntuale circa la programmazione e
la gestione dei flussi di cassa ed il connesso miglioramento dell’indice di tempestività dei
pagamenti ex art. 41 del D.l. 66/2014 sceso a 2,76 giorni nel 2015 e a – 0,19 giorni nel terzo
trimestre 2016.
E’ proseguita l’attività dell’ufficio in materia di cessione di crediti, pignoramenti e certificazioni dei
crediti attraverso l’utilizzo dell’apposita piattaforma elettronica predisposta dal MEF. Con l’entrata
in vigore del DL 35/2013 convertito con legge 64/2013, sono stati effettuati tutti gli adempimenti
imposti dalla normativa con particolare riferimento all’attività di ricognizione dei debiti esistenti da
comunicare attraverso la stessa piattaforma ministeriale. Nello specifico entro il 30 aprile 2016 è
155
stata effettuata la comunicazione relativa alle posizioni debitorie anno 2015 e mensilmente l’ufficio
provvede a trasmettere le comunicazioni inerenti i dati riferiti alle fatture e alle relative scadenze di
pagamento, come disposto dall’art. 7 bis DL 35/2013.
A seguito dell’entrata in vigore dal 1 gennaio 2015 del c.d. split payment disposto dalla L. 190/2014
in materia di riversamento dell’IVA per le PA,
l’ufficio verifica e registra, nella contabilità
dell’Ente, tutte le fatture soggette allo split payment e con cadenza mensile provvede al
riversamento dell’iva a favore dell’Agenzia dell’Entrate.
Con l’introduzione dell’obbligo della fattura elettronica nei rapporti con le pubbliche
amministrazioni, l’amministrazione provvede a rigettare le fatture che pervengano alla stessa al di
fuori del sistema di interscambio (SDI). Tutte le fatture elettroniche recepite dal protocollo
dell’ente, sono smistate all’ufficio ragioneria il quale, una volta eseguito un primo controllo sulla
regolarità formale delle stesse, provvede ad inoltrarle a tutti i servizi interessati per la verifica
accettazione e/o rifiuto nei termini di legge.
E’ proseguita anche per il primo semestre 2016 l’attività di implementazione e aggiornamento del
nuovo sistema di contabilità alle disposizioni del D.Lgs. 118/2011 e s.m.i..
Le attività relative all’Economato si sono svolte nel rispetto sostanziale della programmazione
annuale e delle competenze previste. Da segnalare in particolare:
-
l’analisi e la ricognizione del parco mezzi dell’Ente, unitamente al monitoraggio dei
consumi delle autovetture. Nel secondo semestre dell’anno sarà indetta una nuova procedure
su e-bay per l’alienazione dei mezzi;
-
la gestione delle spese economali, della cassa economale e delle altre spese afferenti
l’attività svolta dalla UO Economato e Magazzino, con un impegno volto ad una costante
riduzione della spesa;
-
la gestione delle spese per missioni di dipendenti ed Amministratori ed il loro monitoraggio
in quanto tipologia di spesa soggetta a vincolo come disposto dal DL 78/2010 e s.m.i.;
-
la prosecuzione delle attività di acquisizione delle forniture e dei servizi di importo inferiore
a 40.000,00 di supporto all’Ente e di competenza dell’ufficio, nel rispetto delle disposizioni
normative in materia e delle procedure di acquisizione (CONSIP, MEPA, START);
-
la Predisposizione del programma annuale per l’acquisizione di beni e servizi ai sensi dell’
art. 29 L.R. Toscana n. 38/2007 e trasmissione dello stesso alla Regione Toscana tramite il
portale Sitat entro i termini di legge;
156
-
l’analisi e l’istruttoria svolta dall’ufficio al fine di valutare il passaggio alla convenzione
consip per l’acquisto di ticket restaurant;
-
l’analisi e l’istruttoria svolta relativa al noleggio delle fotocopiatrici presso la stamperia
comunale.
L’attività relativa all’officina si è svolta regolarmente, in linea con la programmazione annuale e le
competenze previste. Da rilevare l’impegno nell’attività di collaborazione e supporto tecnico fornito
per la valutazione e la gestione dei sinistri R.C.T. sotto franchigia contrattuale aperti nei confronti
dell’amministrazione.
Programma n. 154 “Organi istituzionali”
Supporto Organi di Governo
Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016 la U.O. Supporto Organi di Governo ha portato avanti le
seguenti attività:
-
Supporto logistico all’attività degli Organi di Governo, compresa la cura dei rapporti di
Sindaco e Giunta con i cittadini: attività di segreteria, pianificazione degli appuntamenti e supporto
all’attività di ricevimento al pubblico;
-
Supporto agli Organi di Governo (Sindaco e Giunta) per il collazionamento di documenti a
seguito di Interrogazioni e Interpellanze (al 31/12/2016 sono state evase n. 55 interrogazioni e
interpellanze a risposa scritta);
-
Cura del procedimento per la concessione dei patrocini (al 31/12/2016 sono stati rilasciati n.
93 patrocini deliberati dalla Giunta);
-
Predisposizione/monitoraggio dei Decreti sindacali;
-
Cura delle attività di informazione dell’Ente, comprensive dell’attività dell’ufficio stampa:
produzione di comunicati (al 31/12/2016 stati prodotti, diffusi e pubblicati sul sito istituzionali n.
468 comunicati), organizzazione di conferenze stampa, cura dei rapporti con gli organi
d’informazione per l’Ente nella sua totalità, realizzazione di informative alla cittadinanza, nonché
approfondimenti su temi di particolare utilità;
-
Organizzazione e gestione della rappresentanza e del cerimoniale, delle manifestazioni
istituzionali e di eventi occasionali:
•
Convegno organizzato in collaborazione con ANCI “Shake up your city” (11 e 12 marzo) –
convegno riservato agli iscritti presso il Teatro Solvay e momento pubblico aperto alla
cittadinanza, con esposizione dei progetti, presso il Centro Culturale le Creste.
157
•
Tour nazionale per la sicurezza (19 maggio) – Organizzazione della 18^ tappa in
collaborazione con l’ANMIL, iniziative rivolte alle scuole e alle imprese.
•
Festa dell’albero (21 novembre) – piantumazione di alberi, in loc. Scapigliato con i bambini
della scuola elementare “S. Lega” del Gabbro” e in piazza delle Repubbliche Marinare con i
bambini della scuola elementare “Europa” di Rosignano Solvay.
•
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre) – tavola rotonda
organizzata presso il Centro Le Creste in collaborazione con la Commissione Pario
Opportunità (CPO) del Comune per riflettere sulla denuncia e il contrasto alla violenza di
genere.
•
Festa della Toscana: 30/11 organizzazione del Consiglio comunale dei ragazzi ad oggetto
“Toscana terre di riforme e diritti tra passato e presente”, consegna di una pergamena alla
famiglia di Filomena Chiellina, prima donna eletta nel consiglio comunale di Rosignano
Marittimo nel 1946 – concerto presso il Centro Le Creste e organizzazione “Serata dei
Diritti” in collaborazione con i ragazzi della scuola media “G. Fattori” - 4/12 visita guidata
storica in loc. La Mazzanta “Il Granduca Pietro Leopoldo e la bonifica di Vada”.
Per quanto riguarda gli obiettivi specifici è stato potenziato il “Progetto Memoria”, proseguendo e
coltivando i rapporti con scuole e istituzioni al fine di favorire la conoscenza dei fatti che hanno
segnato il nostro territorio nel periodo del regime fascista, della seconda guerra mondiale e della
Resistenza, per educare le nuove generazioni alla Pace:
•
Giorno della Memoria (27 gennaio) – organizzazione evento per le scuole presso il Teatro
Solvay: presentazione di un libro; inaugurazione di una targa ai caduti della grande guerra a
Gabbro
•
Commemorazione di Oberdan Chiesa (29 gennaio) – manifestazione con associazioni,
cittadini, autorità civili e militari
•
Manifestazione in ricordo dell’Operazione Herring (17 aprile) – evento rivolto ai cittadini,
organizzato in collaborazione con i Reggimenti Paracadutisti “Folgore” e “Nembo”, per
ricordare l’impegno militare nella guerra di Liberazione e l’ex aeroporto militare di Vada.
•
Anniversario della Liberazione (25 aprile) – iniziativa in Piazza Carducci a Rosignano
M.mo e in Piazza Risorgimento a Rosignano Solvay
•
Iniziativa rivolta alle scuole in collaborazione con il Comitato livornese per i valori
risorgimentali (9 maggio)
•
Celebrazione del 70° anniversario della Repubblica e del 70° anniversario del voto alle
donne: attività laboratoriale rivolta alle scuole in merito al suffragio femminile e alla
partecipazione delle donne alla vita pubblica e politica (8 marzo – 1 giugno) – Consiglio
158
comunale aperto rivolto alla cittadinanza, con la partecipazione degli studenti che hanno
partecipato al progetto e delle cittadine di Rosignano che hanno votato per il referendum del
2 giugno 1946 (1 giugno).
•
Commemorazione Eccidio di Vada (20 giugno) - manifestazione con associazioni, cittadini,
autorità civili e militari
•
Anniversario delle Forze Armate (4 novembre) – manifestazione con associazioni, cittadini e
scuole medie.
Inoltre l’U.O. Supporto Organi di Governo si è occupata della comunicazione delle iniziative
organizzate dal servizio stesso e di quelle trasversali o non attribuibili ad uno specifico settore
dell’Ente, come ad esempio:
•
Assemblee pubbliche per presentare il progetto di ASA Spa. per la separazione dei sistemi
fognari di via Sgarallino e Via Buontalenti a Nibbiaia (22 e 23 marzo)
•
Assemblea pubblica “La Pineta Marradi di Castiglioncello: verso una razionale
riqualificazione del patrimonio arboreo” (21 maggio)
•
Assemblea pubblica “Quale futuro per Villa Celestina?” (17 giugno)
•
Evento conclusivo SPIDERS (28 giugno) – presentazione del progetto alla cittadinanza
•
Iniziative di comunicazione e partecipazione al Piano Operativo Comunale (POC) Presentazione pubblica 26/9, Castello Pasquini - Tavolo Sport 18/10, Centro culturale Le
Creste – Tavolo Turismo 20/10, Villa celestina – Tavolo Agricoltura 25/10, Villa Pertusati –
Tavolo Attività produttive 28/10, Sede Incubatore d’Impresa Rosignano - Tavolo Città
Accessibile 28/10, Sala Auditorium Piazza del Mercato
•
Progetto “Rosignano città laboratorio per la prevenzione oncologica” – Assemblea pubblica
30/9, Sala Auditorium Piazza del Mercato – Tavoli di lavoro: Monitoraggio ambientale, Stili
di vita, Prevenzione secondaria, 15/10 Centro culturale Le Creste.
•
Assemblea pubblica per la presentazione dei progetti di riqualificazione urbana – PIU
WAYS il 21/11, alle ore 21.15, presso la Sala Auditorium di Piazza del Mercato.
Inoltre l’U.O. si è occupata del coordinamento delle attività di comunicazione, sulla base della
nuova metodologia di lavoro approvata dalla giunta per favorire e migliorare il flusso interno ed
esterno delle informazioni. Ad inizio 2016 è stato avviato il lavoro, in collaborazione con la UO
Sistemi Informativi, per rinnovare il sito internet: decidendo di realizzare una veste grafica diversa,
che ne renda più semplice la navigazione da smartphone, e di rivedere i contenuti per garantirne una
maggiore fruibilità da parte dei cittadini. Per quanto riguarda più nel dettaglio le attività di
coordinamento di competenza della UO Supporto Organi di Governo sono state effettuate nel 1°
159
semestre 2016 le ricognizioni periodiche delle attività avvalendosi del tavolo delle PO recentemente
istituito. Inoltre gli elenchi sono stati sottoposti alla Conferenza dei Dirigenti per l’individuazione
delle priorità ed esaminati dalla Giunta comunale, che ha condiviso le attività da comunicare, la
tempistica e le modalità da utilizzare. E' proseguita la gestione delle varie piattaforme social
dell'Ente (profilo facebook istituzionale e profilo twitter istituzionale), armonizzandola con le altre
iniziative di comunicazione dell'ente, nella consapevolezza che l'utilizzo dei social media
rappresenta una modalità di ascolto e di raccolta dei feedback dei cittadini.
Per quanto concerne le Strategie di Innovazione sono stati presi in carico i procedimenti relativi
all’Accordo di Programma per il rilancio competitivo dell'area costiera livornese e del Protocollo
regionale per il rilancio e la valorizzazione dell'area livornese: partecipando a n. 2 riunioni del
Comitato esecutivo dell’Accordo di programma, tenutesi presso il Ministero per lo Sviluppo
Economico a Roma, e n. 2 riunioni della Cabina di Regia presso la Presidenza della Regione
Toscana. Insieme alle Istituzioni coinvolte nell’ Accordo di Programma sono state portate avanti
tutte le attività istruttorie per la definizione della Manifestazione di Interesse (CALL) finalizzata
all’individuazione delle iniziative imprenditoriali da realizzarsi all’interno del territorio dell’area di
crisi complessa, per l’approvazione del Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale
(P.R.R.I) avvenuta il 20.10.2016 e per la predisposizione dell’avviso pubblico per la selezione di
iniziative imprenditoriali nel territorio dell’area di crisi industriale complessa del Polo produttivo
ricompreso nel territorio dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo tramite
ricorso al regime di aiuto di cui alla legge n. 181/1989 approvato con Circolare del Ministero dello
Sviluppo Economico n. 107080 del 4 novembre 2016; in particolare sono state organizzate due
iniziative specifiche con le imprese del territorio per illustrare ed approfondire i contenuti
dell’Accordo di Programma e le forme di incentivazione in esso contenute. L’U.O. Supporto Organi
di Governo, in coordinamento con l’U.O. Suap e l’U.O. Ambiente, ha partecipato a n.5 incontri
presso la sede della Regione Toscana per definire gli iter amministrativi di n. 2 iniziative
imprenditoriali da realizzarsi all’interno del territorio comunale. Al fine di predisporre, in
collaborazione con l’Agenzia Invitalia, un pacchetto localizzativo sull’area comunale di Rosignano
è stato monitorato ed aggiornato l’Avviso esplorativo per l’individuazione di aree e immobili da
destinare all’attrazione di investimenti.
In attuazione del Protocollo d’Intesa Regionale l’ufficio è stato fortemente impegnato nella
predisposizione dei piani di sviluppo dell’area di crisi, sulla base delle strategie generali indicate
dalla DG Attività produttive della regione, in stretta collaborazione con tutti gli aderenti al
160
Protocollo. In particolare sono stati predisposti e coordinati progetti che riguardano lo sviluppo e la
promozione del turismo nelle sue 4 declinazioni (culturale, escursionistico, sportivo ed enogastronomico), per lo sviluppo delle politiche giovanili, per i sostegno delle nuove forme di
impresa, ed infine per lo sviluppo delle infrastrutture culturali con particolare attenzione alla
riqualificazione del Castello Pasquini. L’Ufficio Strategie di Innovazione ha curato il
Coordinamento interno tra le U.O. coinvolte.
Sempre in tema di Innovazione, in merito alla valorizzazione dell'Incubatore di imprese di
Rosignano, inserito all'interno del Sistema degli Incubatori della Toscana Costiera, sono state
monitorate le attività poste in essere dal gestore Polo di Navacchio Spa. e le attività di
comunicazione e promozione dei servizi per le imprese.
Con l’obiettivo di sviluppare un’economia sostenibile in cui il valore dei prodotti, dei materiali e
delle risorse sia mantenuto quanto più a lungo possibile e la produzione di rifiuti sia ridotta al
minimo, l’Ufficio si è fatto promotore di un accordo di collaborazione per la predisposizione di un
progetto di innovazione sull’economia circolare. I soggetti firmatari di questo accordo sono, oltre al
Comune di Rosignano, gli Istituti di Management e Bio-Robotica della Scuola Superiore Sant’Anna
di Pisa, il CNR di Pisa, Confservizi Cispel Toscana, Anci Toscana, la Camera di Commercio della
Maremma e del Tirreno e Rea Impianti srl. Con questo progetto si vuole sviluppare presso il Polo
Impiantistico di Scapigliato un centro di competenze che trasformi una frazione significativa di
rifiuto in materia prima secondaria da re immettere nel processo produttivo, con significative
ricadute sull’ambiente e sulle emissioni di carbonio.
Per quanto riguarda i Finanziamenti Comunitari l’Ufficio ha curato l’iter istruttorio per la
partecipazione dell’Ente a n.3 partenariati nell’ambito del Programma Transfrontaliero ItaliaFrancia Marittimo, due dei quali (ADAPT e FOOD AND WINE MARKET PLACE) sono risultati
ammessi a finanziamento. Nel corso del mese di novembre l’ufficio è stato impegnato, insieme al
partenariato, alla rimodulazione del budget a fronte della riduzione del 15% imposta dalla Regione
Toscana a tutti i progetti. A seguito del finanziamento ottenuto con il Progetto PULCR-LAV,
candidato sul Bando Regionale per Progetti per Lavori di Pubblica Utilità, che prevede l’assunzione
a tempo determinato per 6 mesi, part-time a 20 ore settimanali, di 10 lavoratori disoccupati o
inoccupati iscritti ad un Centro per l’Impiego della Regione Toscana che abbiano esaurito gli
ammortizzatori sociali e non percepiscono trattamenti pensionistici, l’Ufficio ha seguito, in
collaborazione con l’U.O. Gestione del Personale, le attività istruttorie finalizzate alla pubblicazione
161
degli avvisi per l’assunzione dei lavoratori. L’Ufficio ha altresì seguito tutto l’iter istruttorio per la
predisposizione del progetto PULCR-REA, in partenariato con il Comune di Collesalvetti e con Rea
spa, candidato sull’edizione 2016 del Bando regionale Lavori di Pubblica Utilità
L’Ufficio ha curato l’iter istruttorio per la presentazione, nell’ambito del Programma Comunitario
LIFE+, di un progetto a carattere ambientale per la tutela della biodiversità denominato
“TERRITORI4LIFE” in partenariato con Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Comune
di Capannori, comune di Cutigliano-Abetone e Anci Toscana.
L’Ufficio ha altresì curato la partecipazione dell’ente al Bando nazionale Anci “Giovani
Rigenerazioni Creative” con la predisposizione del progetto “(RE)GENERATION FACTORY” che
tuttavia non è stato ammesso a finanziamento.
Con la presentazione del progetto PIU WAYS: INNOVAZIONI X UNA ROSIGNANO +
INCLUSIVA, nel periodo gennaio- maggio sono state realizzate alcune iniziative di promozione del
progetto stesso tra le quali la realizzazione di un video esplicativo e di un opuscolo con la sintesi
delle azioni previste dal progetto. Sempre nell’ambito del Bando regionale Progetti di Innovazione
Urbana l’Ufficio ha risposto con puntualità alle richieste di integrazione e precisazione ricevute da
parte dell’ente regionale. Successivamente alla comunicazione dell’ammissione a finanziamento del
progetto PIU WAYS l’Ufficio, in stretta collaborazione con l’U.O. Progettazione Lavori Pubblici,
ha avviato l’iter istruttorio relativo alla fase di co-progettazione. L’ufficio è stato individuato quale
supporto all’attività del Segretario Generale, che ha assunto in ruolo di Autorità Urbana, con
compiti delegati dall’Autorità di Gestione del POR FESR 2014-2020, responsabile della
valutazione e selezione delle operazioni che andranno a comporre il definitivo progetto PIU WAYS.
Nell’ambito della fase di co-progettazione l’ufficio ha partecipato a n. 3 incontri tecnici presso il
settore Urbanistica della regione Toscana.
L’U.O. Supporto Organi di Governo ha curato nel mese di gennaio la realizzazione dell’iniziativa
“La Città Resiliente” in collaborazione con Anci Toscana che ha visto la partecipazione, tra gli altri,
del Sottosegretario all’Ambiente On. Silvia Velo. Nel mese di marzo, in collaborazione con le U.O.
Attività Culturali e Attività Sociali, è stata curata la realizzazione dell’evento nazionale ANCI
“Shake Up Your City”, a conclusione dei progetti vincitori del bando Meet Young Cities.
Nell’ambito del Progetto Regionale Garanzia Giovani (POR FSE) è stato rinnovato di 6 mesi il
tirocinio formativo in essere presso l’U.O. Supporto Organi di Governo.
Supporto Organi Istituzionali
162
Nel corso del secondo semestre del 2016, l’Ente ha provveduto alla ripubblicazione del bando delle
Assemblee di Frazione per la revisione degli elenchi dei suoi componenti, ai sensi del vigente
regolamento, art 18 c. 5. con lo scopo di ampliare la partecipazione degli abitanti delle Frazioni alla vita
amministrativa del Comune.
Dopodiché si proceduto, con decreto dirigenziale n. 1831 del 06/10/2016, all’approvazione dei nuovi
elenchi:
l’APF di Castiglioncello è passata da n. 3 ad n.11 membri, quella di Nibbiaia da n. 6 a n. 7 e quella di
Rosignano Solvay da n. 4 a n. 6, per le APF di Vada e Nibbiaia non sono pervenute nuove domande e
pertanto il numero dei componenti rimane invariato, mentre rimangono non costituite le APF di Rosignano
Marittimo e Castelnuovo Misericordia.
La Commissione Pari Opportunità nel corso del secondo semestre non si riunita con cadenza mensile;
segnaliamo solo n. 2 convocazioni.
Per quanto riguarda l’attività del Consiglio Comunale e Commissioni Consiliari anche per questa
parte dell’anno è stata garantita la piena conoscibilità attraverso la digitalizzazione delle sedute e la
pubblicazione sul sito: registrazione, trascrizione, archiviazione automatica audio e video a cui
abbiamo aggiunto anche la pubblicazione di un verbale presenza.
Programma n. 155 “Risorse umane”
L’attuazione del programma è stato caratterizzato dalla ridefinizione della struttura organizzativa
con effetti di razionalizzazione dell’organizzazione stessa (vedi deliberazioni di Giunta Comunale
n. 50/2015 e 183/2015). In tale ambito si è dunque provveduto:
-
alla ridefinizione dell’organigramma contestualmente ad una nuova distribuzione
delle competenze amministrative (c.d. funzionigramma);
-
alla riallocazione del personale secondo la ripartizione delle competenze;
-
alle connesse modifiche al vigente Regolamento di organizzazione degli uffici e dei
servizi.
Tale ridefinizione ha comportato, fra l’altro la riduzione delle posizioni dirigenziali in organico
unitamente alla riduzione del personale delle categorie (vedi da ultimo la deliberazione di Giunta
Comunale n. 310 del 26.10.2016).
E’ stata data attuazione alla programmazione triennale dei fabbisogni di personale, con particolare
riferimento:
-
alle assunzioni a tempo determinato, a carattere stagionale, di agenti di polizia
municipale, da finanziare mediante proventi derivanti dal Codice della Strada, e
dunque per le finalità previste dall’art. 208 della stessa disposizione;
163
-
all’assunzione a tempo determinato di 5 unità afferenti al Progetto “PULCR-LAV:
Lavori di Pubblica Utilità Livorno, Collesalvetti e Rosignano promosso dalla
Regione Toscana nell’ambito del FSE;
-
all’assunzione di n. 1 addetto stampa – part time - ex art. 90 del TUEL;
-
all’assunzione a tempo indeterminato di un educatore di asilo nido.
Si sono altresì avviate le procedure per l’assunzione di n. 3 agenti di P.M. a tempo indeterminato
mediante mobilità ex comma 424 della L. 190/2014, e di n. 2 insegnanti di scuola dell’infanzia.
Per quanto attiene la sicurezza sui luoghi di lavoro, sono stati completati i corsi di formazione in
materia di sicurezza avviati già nel 2015, si è provveduto all’analisi dei bisogni formativi,
all’aggiornamento della documentazione della sicurezza e delle schede di rischio dei dipendenti di
cui all’allegato 3A del D.Lgs. 81/2008, da avviare a sorveglianza sanitaria, alla rilevazione dello
stress lavoro correlato, mediante somministrazione di questionari ai dipendenti, la cui analisi è in
corso.
Programma n. 156 “Segreteria generale”
A seguito della costituzione di una avvocatura interna con professionista iscritto all'albo speciale di
avvocati di enti pubblici, l'incarico di rappresentanza processuale e difesa in giudizio di buona parte
del contenzioso amministrativo e civile che riguarda il Comune è stato affidato al predetto legale
interno, compatibilmente con il carico di lavoro e con eventuali motivi ostativi di natura legale o di
opportunità. Ciò ha comportato un notevole risparmio sulla spesa per incarichi di tutela legale e un
controllo diretto delle pratiche giudiziali, a stretto rapporto con gli uffici interessati. Inoltre l'ufficio
consente un costante supporto agli uffici comunali in termini di pareri su questioni di natura
giuridica e la gestione diretta (salvo i sinistri sopra franchigia, di competenza assicurativa) delle
procedure di negoziazione assistita.
Nel secondo semestre 2016 è proseguita l’attività dell’Ufficio con 7 nuovi procedimenti di
contenzioso giurisdizionale, con costituzione in giudizio deliberata dal 01.07.2016 al 31.06.2016. Il
patrocinio legale di tutte le pratiche è stato affidato all’avvocatura interna. Ad essi vanno aggiunti
ulteriori 4 incarichi esterni, 2 in primo grado 2 in appello, con gestione lite di competenza
assicurativa, pertanto senza oneri aggiuntivi per il bilancio comunale.
Per quanto riguarda la conclusione dei contenziosi si segnalano nello stesso periodo tre giudizi
conclusi in primo grado: una causa civile presso il Tribunale di Livorno per risarcimento danni e
due giudizi amministrativi presso il TAR Toscana. A queste si aggiungano due transazioni giudiziali
164
con estinzione dei relativi giudizi, rispettivamente presso il Giudice di Pace di Cecina e il Tribunale
di Livorno.
Per quanto concerne l ‘Ufficio Assicurazioni sono state ricevute al 31 dicembre 2016 le seguenti
pratiche:
Ramo RCT: n. 91 richieste di risarcimento danni di cui: – n. 25 in istruttoria – n. 66 chiuse.
Ramo tutela legale: n. 5 pratiche avviate, di cui: n. 3 in istruttoria – n. 2 chiuse.
Ramo furto: l’Ente ha subito n. 3 furti presso le Scuole comunali. L’Ufficio ha concluso
positivamente n. 2 pratiche, n.1 pratica non ha trovato copertura assicurativa.
Ramo Infortuni: n. 2 sinistro in corso di istruttoria.
Per quanto riguarda i sinistri con danni al patrimonio comunale, l’ufficio ha avuto notizia di n. 8
sinistri. Conclusa l’attività istruttoria, ha ottenuto il risarcimento del danno per tutte le pratiche.
Per quanto riguarda le gare dei servizi assicurativi, al 31/12/16 l’Ufficio ha concluso l’affidamento
dei vari rischi, tra cui:
RCT/O;
RC Patrimoniale;
Tutela legale,
All Risk’s Property;
Infortuni;
Kasko;
All risk’s opere d’arte.
Rilevata la necessità di adottare una disciplina di dettaglio in materia di risarcimento danni al fine di
coordinare l’attività svolta dai vari uffici coinvolti nelle fasi del procedimento istruttorio delle
istanze risarcitorie, l’Ufficio ha redatto apposito regolamento approvato con delibera di G.C. n.
190/2016.
Programma 160 “Polizia locale e amministrativa”
Per quanto riguarda la Polizia Municipale, alla data del 31 dicembre lo stato di attuazione del
programma previsto per l’anno 2016 è il seguente:
•
Controllo del territorio in materia di abusivismo cosap
- Controlli occupazioni suolo pubblico n. 600
165
•
Sicurezza stradale
- posti di controllo n. 450
- violazioni contestate n. 9.584
- Conducenti sottoposti al “alcoltest” n. 336
• Educazione alla legalità
•
-
ore di incontri educazione stradale n. 142
-
classi incontrate n. 111
Sicurezza nella fruibilità degli spazi pubblici e residenziali con controlli mirati circa
l’abbandono di rifiuti
- Controlli sul fenomeno di abbandono rifiuti (verifiche effettuate su luoghi segnalati o
individuati dall’ufficio) n. 131
- Controlli sul fenomeno di abbandono rifiuti (verifiche effettuate sulla documentazione
video prodotta dal sistema di sorveglianza) documenti verificati n. 90.650
- Sanzioni per abbandono rifiuti n. 39
- Veicoli abbandonati rimossi n. 4
•
Prevenzione e contrasto all’abusivismo commerciale ed alla contraffazione
- Interventi organizzati n. 15
- Sanzioni accertate n. 52
- Sequestri effettuati n. 21
•
Sicurezza sui luoghi di massima diffusione turistica
- Interventi effettuati in materia di corretto utilizzo dei velocipedi n. 16
- Interventi effettuati in materia di randagismo n. 16
- Sanzioni accertate n. 0
Si rileva, in definitiva, che lo stato di attuazione del progetto è in linea con le attese.
166
SEZIONE OPERATIVA:
Gli obiettivi operativi
per Missione
167
168
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 150 “ELEZIONI E CONSULTAZIONI POPOLARI – ANAGRAFE E
STATO CIVILE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- ELETTORALE-ANAGRAFE-STATOCIVILE-LEVA
Servizi di Stato Civile: gestione dei procedimenti inerenti gli eventi principali della vita dei cittadini
italiani e stranieri residenti e, in alcuni casi, anche non residenti: nascita, matrimonio, morte,
filiazione, acquisto della cittadinanza italiana nelle sue varie modalità, (es. “iure sanguinis”)
mediante redazione atti (attività istruttoria per la verifica dei requisiti di legge, iscrizione,
annotazione, trascrizione atti, istanze di rettifica, separazione, divorzio, riconoscimento figli,
adozione ed ogni altro atto afferente lo stato civile); rilascio copie, estratti, autorizzazioni inerenti
dette pratiche, ivi comprese le autorizzazioni post-mortem (seppellimento, cremazione, dispersione
ed affidamento delle ceneri); gestione delle procedure di separazione e divorzio, in attuazione della
L. n. 132/2014 e ss.mm.ii., nonché delle modifiche introdotte alla L. n. 898/70, (cd. “divorzio
breve”); attivazione del nuovo istituto delle unioni civili ex L. n. 176/2016.
Servizi di Anagrafe: iscrizioni/rettifiche/cancellazioni anagrafiche APR e AIRE, di cittadini
stranieri, (comunitari ed extra comunitari), variazioni di indirizzo, etc. a seguito di immigrazione,
emigrazione, irreperibilità, operazioni censuarie, etc. anche a seguito di accertamenti, in attuazione
delle recenti normative 2014, (cd. “norme contro l’abusivismo”); attività statistica periodica
inerente anagrafe, stato civile, altro; trasmissione quotidiana/periodica dati I.N.A - SAIA (Indice
Nazionale Anagrafico) e ANAGAIRE, (anagrafe italiani residenti all’estero); aggiornamento patenti
di guida per cambio residenza/indirizzo; attestazioni di soggiorno/soggiorno permanente per
cittadini comunitari; rilevazione ed aggiornamento dei ruoli matricolari; cura del back office degli
adempimenti anagrafici passati al Polisportello, (gestione contabile e rendicontazione degli introiti
da rilascio certificati, carte di identità, autodichiarazioni; rendicontazione delle carte di identità e
relativi rapporti con gli organismi pubblici interessati, (Prefettura e Questura); rilascio informazioni
169
anagrafiche/stato civile/elettorali, telefoniche e per iscritto, (posta, fax, email); gestione passaggio
all’A.N.P.R., (anagrafe nazionale della popolazione ), attivazione del nuovo istituto delle
convivenze di fatto ex L. n. 176/2016.
Servizi Elettorali: gestione delle procedure elettorali per Elezioni Politiche, Europee, Regionali,
Amministrative, Referendum, primarie; tenuta Albi degli Scrutatori, dei Presidenti di Seggio, dei
Giudici Popolari per l’Albo di Corte d’Appello, dei Giudici Popolari per di Corte d’Assise
d’Appello; gestione iscrizione liste aggiuntive, Schedario Elettorale, revisione ordinaria e
straordinaria liste elettorali; adeguamento alle norme che dispongono il graduale passaggio alle
comunicazioni, trasmissioni ecc. online anche in elettorale;
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
L’attività svolta dall’U.O. Servizi Demografici è riconducibile, nella sua sostanziale totalità, a
funzioni di competenza statale, esercitate dal Sindaco nella veste di Ufficiale di Governo tramite
suoi delegati. Tali funzioni sono interamente disciplinate da norme di legge, che fissano contenuti,
modalità, tempi di esecuzione delle medesime in modo spesso molto rigoroso. L’estensione delle
competenze in materia di stato civile ad istituti di natura prettamente civilistica, quali unioni
civili, divorzi e separazioni, ha comportato e comporterà per l’ufficio l‘acquisizione di specifiche
conoscenze e competenze di natura appunto civilistica, che vanno ad ampliare quelle
tradizionalmente necessarie per la gestione della materia
Analogo discorso va fatto per quanto riguarda i servizi anagrafici, ove, le recenti e complesse
innovazioni introdotte negli ultimi anni soprattutto nelle procedure di variazione anagrafica, sia
in tema di accertamenti, sia in tema di documentazione da acquisire e valutare per il
perfezionamento delle pratiche, (verifica dei contratti, relazioni proprietario – richiedenti la
residenza, acquisizione e verifica dati catastali, ecc….), hanno ampliato notevolmente l’ambito
delle competenze richieste fino a pochi anni fa per gestire la materia.
OBIETTIVI GENERALI: premesso quanto specificato sopra in merito alla natura delle funzioni
rientranti nel programma, questi sono riconducibili a:
-
attuazione degli adempimenti, nel rispetto delle procedure e delle tempistiche previste per
legge;
-
studio ed attuazione delle nuove procedure/adempimenti introdotte da nuove disposizioni
normative: in particolare attivazione ed operatività delle nuove procedure connesse
all’entrata in vigore e ella disciplina sulle unioni civili e coppie di fatto
170
-
monitoraggio delle attività svolte;
-
analisi degli orientamenti dell’utenza rispetto ai servizi offerti ed adeguamento delle
modalità operative, con particolare riguardo allo sviluppo delle modalità informatiche ed
online.
OBIETTIVI SPECIFICI: in particolare, si evidenziano i seguenti filoni di attività:
1) subentro in A.N.P.R. (Anagrafe Nazionale della Popolazione). Il progetto, avviato
operativamente nel 2016, prevederà, al netto dei ritardi operativi dovuti alle necessità di
allineamento delle banche dati che confluiscono in A.N.P.R., la riorganizzazione degli
adempimenti anagrafici alla luce del nuovo sistema, dalla formazione del personale,
all’adeguamento dei sistemi informatici in uso, alla riorganizzazione dei servizi. Tale attività
riguarderà, per la parte di competenza, anche il Polisportello. A partire da fine 2017 è
ipotizzabile anche l’avvio della parte relativa alla digitalizzazione dei registri di stato civile,
la cui conclusione è prevista entro il 2018. Nella prima parte del 2017 l’U.O. sarà impegnata
nella verifica e sistemazione delle posizioni scartate da ANPR, attività comunque
propedeutica al passaggio. Le posizioni da analizzare e correggere sono più di 10.000.
2) Implementazione di nuovi servizi/revisione dei servizi attivi sul portale “servizi online”,
nell’ambito del più ampio progetto di digitalizzazione delle procedure dell’ente;
3) Revisione e implementazione delle informazioni inerenti i servizi, sul sito dell’Ente;
4) Riesame e ridefinizione dell’organizzazione dei servizi con particolare riguardo all’aspetto
relativo all’orario di apertura al pubblico, alla luce delle variazioni previste sotto il profilo
del personale assegnato, dell’analisi dei flussi di utenti e del carico di lavoro costituito da
attività di back office, successivo alla cessione di una parte dell’attività (e di personale), al
Polisportello, da tempo assegnato ad altra U.O. del settore;
5) Digitalizzazione e fascicolo informatico: creazione della struttura ed avvio della
fascicolazione informatica. Si fa presente che per i sevizi demografici, come
presumibilmente per tutti coloro che gestiscono ed erogano servizi a richiesta del privato
cittadino, l’attuazione del fascicolo informatico, così come attualmente strutturato, comporta
un notevole aggravio di lavoro, imponendo la “digitalizzazione manuale” di tutto ciò che
non perviene tramite PEC e quindi tramite protocollo. Questa è la situazione almeno del 6070% delle pratiche di variazione anagrafica, (nel 2015 sono state complessivamente circa
2.200)
171
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (10%)
n. 1 funzionario responsabile P.O. (100%)
n. 5 istruttori amministrativi
n. 1 collaboratore amministrativo
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 7 postazioni di lavoro
n. 7 personal computer
n. 5 stampanti
n. 1 apparecchio fax
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 150 ELEZIONI E CONSULTAZIONI
POPOLARI - ANAGRAFE E STATO
CIVILE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
346.590,77
10.000,00
356.590,77
172
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
274.406,17
274.406,17
ANNO
2018
442.760,39
442.760,39
ANNO
2019
272.760,39
272.760,39
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione
PROGRAMMA 151 “GESTIONE BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- UFFICIO PATRIMONIO
Il Progetto si occupa della gestione del patrimonio di proprietà e nella disponibilità del Comune, in
particolare di:
•
gestione dei beni di natura immobiliare dal momento della loro acquisizione e
destinazione al demanio o al patrimonio del Comune, fino al momento della loro
eventuale dismissione e alienazione;
•
espropriazioni per opere di pubblica utilità;
•
costituzione di tutti i rapporti giuridici aventi ad oggetto beni immobili: occupazioni
temporanee, servitù, permute, concessioni di aree in diritto di superficie, acquisizioni e
alienazioni immobiliari, trasformazioni di diritti di superficie in diritto di proprietà,
affrancazioni di livello, autorizzazioni alla vendita, etc…;
•
valutazioni tecniche, anche di interesse degli altri settori/servizi, pareri, stime
immobiliari, verifiche catastali e ipotecarie, visure in conservatoria e in catasto, rapporti
con l’Agenzia delle Entrate e pratiche catastali;
•
gestione dell’inventario immobiliare e redazione annuale del Conto del Patrimonio;
•
contenzioso in materia patrimoniale;
•
partecipazione ai procedimenti inerenti Convenzioni Urbanistiche, Piani Attuativi e
Pratiche Edilizie;
•
Edilizia Residenziale Pubblica: rapporti con CASALP S.p.A. e LODE Livornese
limitatamente alle alienazioni immobiliari;
•
procedure e rapporti per concessioni, in favore del Comune, di aree e fabbricati afferenti
al demanio forestale, ferroviario, idrico, provinciale e marittimo e loro eventuale
affidamento a terzi;
•
concessione del servizio di distribuzione del gas metano sul territorio comunale;
173
•
procedure e atti per l’affidamento in gestione a terzi di fabbricati e aree afferenti al
patrimonio e demanio comunale (concessioni, comodati, locazioni, consegne
temporanee, ecc) di competenza del settore;
•
monitoraggio delle strutture affidate in gestione a terzi;
•
gestione del servizio di pulizia e custodia degli immobili comunali;
•
gestione dei parcheggi a pagamento di competenza del settore;
•
gestione diretta delle strutture ricettive comunali: Colonia di Gavinana, sale conferenze e
centri civici;
•
gestione assegnazione aree per orti comunali e raccolta delle olive;
•
gestione delle utenze di acqua, metano ed energia elettrica degli immobili comunali;
•
sistema di Gestione Ambientale ISO 14001:2004: redazione e aggiornamento degli
indicatori di competenza, controllo appaltatori e fornitori di beni e servizi, controllo
assegnatari immobili di proprietà e nella disponibilità del Comune.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Gli obiettivi che si pone l’U.O. sono riconducibili alle attività di:
-
ricognizione e buone pratiche gestionali, valorizzazione sociale, ambientale e turisticoricreativa della dotazione immobiliare di proprietà e nella disponibilità dell’Ente;
-
ottimizzazione e razionalizzazione della gestione dei beni pubblici nell’ottica del risparmio
delle risorse finanziarie e ambientali, anche mediante la dismissione delle locazioni passive;
-
implementazione del nuovo programma informatico per la gestione dell’inventario
comunale e collegamento dei dati con il conto del patrimonio comunale e il conto del
patrimonio del Ministero dell’Economia e della Finanze. Realizzazione di un Sistema
Informativo Patrimoniale completo che agevoli anche la pubblicazione dei dati patrimoniali
ai fini degli obblighi sulla trasparenza di cui al D.Lgs. n. 33/2013;
-
Implementazione di strumenti di monitoraggio dei costi e consumi di energia elettrica e
acqua relativi ad immobili di proprietà e nella disponibilità dell’Ente.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (per quota parte – 14,29%)
n. 1 funzionario Tecnico-Contabile cat. D3 con Posizione Organizzativa
n. 3 istruttori tecnici geometra cat. C
n. 4 istruttori amministrativi cat. C
n. 1 istruttore tecnico cat. C
174
n. 1 collaboratore amministrativo cat. B
n. 1 istruttore direttivo amministrativo cat. D
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 7 auto (a disposizione di tutto il settore PST eccetto manutenzioni e protezione civile)
n. 11 PC
n. 2 stampanti di rete di cui una con funzione anche di fotocopiatrice
n. 1 stampante non di rete
n. 2 scanner di cui uno non più funzionante
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 151 GESTIONE BENI DEMANIALI E
PATRIMONIALI
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
735.283,05
632.344,15
1.367.627,20
175
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
929.161,32
238.023,48
1.167.184,80
ANNO
2018
758.833,86
ANNO
2019
730.774,54
758.833,86
730.774,54
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 152 “GESTIONE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E SERVIZI FISCALI”
Responsabile Dott. Mirko Cantini
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
-
AFFISSIONI E PUBBLICITA’
-
TRIBUTI
La gestione delle entrate tributarie ed i servizi fiscali ricoprono all’interno della struttura
organizzativa dell’ente un ruolo di natura strategica: ciò sia direttamente, dato il compito di
semplificare gli adempimenti dei contribuenti, sia indirettamente, dato che il contrasto
all’evasione/elusione fiscale ha come finalità ultima la riduzione della pressione fiscale o
l’incremento quantitativo o qualitativo dei servizi erogati, anche mediante un’estensione della base
imponibile. Tali responsabilità, oggi allocate alla competenza della U.O. Gestione Entrate, sono
caratterizzate dall’elevata complessità della materia tributaria, acuita negli ultimi anni da continui
interventi normativi, talvolta contraddittori e quindi di difficile interpretazione ed applicazione.
Soprattutto, il rafforzamento del decentramento fiscale, in particolare nell’ultimo biennio, ha creato
nuove fattispecie impositive che hanno incrementato i carichi di lavoro del personale: significativa
l’introduzione, a decorrere dal 1° gennaio 2014, dell’Imposta Unica Comunale (IUC) per effetto
dell’art. 1, comma 639, della L. n. 147/2014 unitamente alla complessità della gestione della
componente TARI, anche rispetto al precedente prelievo TARSU applicato fino al 2013
dall'Amministrazione Comunale. In particolare la TARI è caratterizzata da una continua attività di
aggiornamento della banca dati su impulso dei contribuenti siano essi utenze domestiche che attività
di natura commerciale o industriale.
L’ente cura direttamente anche la riscossione spontanea delle entrate tributarie, mentre per la
riscossione coattiva si avvale di Equitalia S.p.a.
L’ufficio inoltre gestisce in economia il contenzioso tributario mediante il funzionario responsabile
unitamente alle procedure di fallimento o altre procedure affini, per le quali si procede
all’insinuazione al passivo dopo aver verificato la sussistenza di crediti di natura tributaria.
In materia di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni la U.O. Gestione Entrate provvede
all’attività di accertamento attraverso dichiarazioni spontanee dell'utente e sopralluoghi sul
176
territorio, in collaborazione con il Comando di Polizia Municipale. Il Servizio di attacchinaggio
manifesti viene effettuato attraverso un appalto esterno ad una ditta incaricata, alla quale è affidata
anche la ordinaria manutenzione degli impianti.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
La finalità è quella di garantire un’efficiente gestione dei tributi di competenza ed agevolare il
contribuente al corretto adempimento tributario, oltre a perseguire azioni di contrasto
all'evasione/elusione fiscale. In tale senso sono stati programmati sfidanti obiettivi di recupero
evasione specie in materia di IMU e TASI e l’intensificazione dell’attività di recupero evasione
sulla tassazione sui rifiuti.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 responsabile tempo determinato con p.o. ex art. 110 TUEL
n. 7 istruttori amministrativi tempo indeterminato cat. C (di cui 1 part-time al 83,33%) considerata
A. S. dal 19/12/2016
n. 1 istruttore tecnico tempo indeterminato geometra cat. C
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 2 stampanti/scanner
n. 2 stampanti per bollettini
n. 9 PC
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 152 GESTIONE DELLE ENTRATE
TRIBUTARIE E SERVIZI FISCALI
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
671.486,78
671.486,78
177
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
518.491,66
518.491,66
ANNO
2018
514.140,80
514.140,80
ANNO
2019
504.140,80
504.140,80
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 153 “GESTIONE ECONOMICO-FINANZIARIA-PROGRAMMAZIONE E
PROVVEDITORATO”
Responsabile Dott. Mirko Cantini
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
-
RAGIONERIA
-
VARIE RAG.
-
MAGAZZINO-ECONOMO
-
OFFICINA
Nell’ambito delle amministrazioni pubbliche locali le competenze attribuite dall’ordinamento al
Servizio Finanziario risultano essenziali per il funzionamento generale della macchina
amministrativa. Il lavoro dell’U.O. è quindi contraddistinto da tutte quelle attività strettamente
previste all’ordinamento finanziario e contabile, attività che garantiscono l’efficace svolgimento
dell’azione amministrativa nell’ambito di una sana gestione finanziaria, finalizzata, da ultimo, alla
salvaguardia degli equilibri di bilancio.
La gestione ordinaria si caratterizza per lo svolgimento delle seguenti attività:
•
Predisposizione e aggiornamento del Documento Unico di Programmazione DUP 2017-2019, e
del Bilancio di previsione, Predisposizione PEG 2017-2019, verifiche e monitoraggio del nuovo
saldo di finanza pubblica, predisposizione del Rendiconto di gestione, riconciliazione
debiti/crediti con le società partecipate, gestione contabilità economica, approvazione nei
termini di legge di deliberazioni consiliari in materia di salvaguardia degli equilibri e
assestamento di Bilancio, predisposizione dei questionari e rilevazione richieste dai Ministeri e
dalla Corte dei Conti;
•
Controllo atti dirigenziali, liquidazioni, emissione mandati di pagamento, verifica requisiti in
materia di tracciabilità dei flussi finanziari e verifiche inadempimenti Equitalia spa, emissione
reversali di incasso;
•
Gestione dei rapporti con il Tesoriere, registrazioni contabili e fiscali, emissione e registrazione
fatture, gestione IVA, statistiche, pubblicazione albi dei beneficiari, verifiche agenti contabili;
178
•
Controllo di gestione e controllo strategico su aziende partecipate, con approvazione di un
report annuale di controllo;
•
Liquidazione indennità, gettoni, rimborsi spese amministratori e datori di lavoro;
•
Sostituto d’imposta;
•
Gestione del fiscale (dichiarazione dei redditi 770, dichiarazione IVA e Irap);
•
Gestione del Magazzino-Officina.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Le finalità sono quindi riconducibili all’efficace ed efficiente svolgimento delle competenze sopra
richiamate. In ottica pluriennale, sono da consolidare gli strumenti di governance delle società
controllate mediante la sensibilizzazione degli amministratori di predette società, l’attivazione di
azioni di spending review con particolare riferimento al contenimento delle c.d “spese di
funzionamento”, la razionalizzazione delle procedure amministrative di natura contabile, seppur in
un contesto normativo complesso, talvolta contraddittorio ed in continuo divenire.
A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 118/2011 e s.m.i. relativo alla riforma contabile, gli uffici
saranno impegnati anche nel corso del biennio 2017/2019 nell’implementazione del nuovo sistema
di contabilità. Nel corso del triennio 2017/2019 dovranno altresì essere attuati i seguenti
adempimenti:
o l’aggiornamento delle procedure informatiche necessarie per la contabilità economico
patrimoniale;
o l’aggiornamento dell’inventario;
o la codifica del’inventario secondo il piano patrimoniale del piano dei conti integrato
(allegato n. 6 al DLgs 118/2011);
o la valutazione delle voci dell’attivo e del passivo nel rispetto del principio applicato della
contabilità economico patrimoniale;
o la ricognizione del perimetro del gruppo amministrazione pubblica e la successiva
predisposizione del bilancio consolidato;
o l’adozione della revisione straordinaria delle partecipazioni ex D.Lgs. 175/2016.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 responsabile p.o.
n. 3 istruttore direttivo tempo indeterminato cat. D
n. 9 istruttori amministrativi cat. C
n. 3 collaboratori amministrativi cat. B
179
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
16 Pc
15 telefoni fissi
2 fax
3 telefoni cellulari
5 stampanti
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 153 GESTIONE ECONOMICAFINANZIARIA-PROGRAMMAZIONE E
PROVVEDITORATO
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
5.093.583,77
280.272,11
5.373.855,88
180
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
4.812.222,13
309.237,36
5.121.459,49
ANNO
2018
4.736.607,66
164.993,15
4.901.600,81
ANNO
2019
4.704.655,93
168.911,89
4.873.567,82
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 154 “ORGANI ISTITUZIONALI”
Responsabile D.ssa Maria Castallo
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
-
SEGRETERIA CONSIGLIO COMUNALE
-
PARTECIPAZIONE
L’ufficio Supporto Organi Istituzionali e Partecipazione si occupa del supporto logistico –
organizzativo al Consiglio Comunale ed alle sue articolazioni interne (Presidente, Consiglieri e
Conferenza dei Capigruppo) come previsto dal relativo regolamento, inclusa la gestione della sala
consiliare; dello Status dei consiglieri comunali; cura di eventuali iniziative di rappresentanza legate
al mandato dei consiglieri come da Regolamento del Consiglio Comunale; istruisce e liquida i
gettoni presenza e i rimborsi ai datori di lavoro; il coordinamento operativo del diritto di iniziativa e
diritto di accesso dei consiglieri; le Commissioni Consiliari; cura dei rapporti e supporto logistico
organizzativo degli organismi di partecipazione (Commissione Pari Opportunità; Assemblee
Permanenti di Frazione; Albo delle Associazioni) ad eccezione delle Consulte Tematiche.
Al programma è riconducibile anche l’attività che il Segretariato svolge relativamente ai lavori della
Giunta per quanto riguarda la redazione dell’ordine del giorno e la formalizzazione e pubblicazione
delle deliberazioni.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Digitalizzazione attività supporto Consiglio Comunale:
a seguito dell’introduzione del
fascicolo informatico si è deciso di gestire gli atti e le richieste d’accesso provenienti dai
Consiglieri Comunali con il software gestionale integrato utilizzato dall’Amministrazione
facendo pervenire le richieste tramite il protocollo informatico. Quest’ultimo oltre che garantire
una maggior sicurezza, autenticità, archiviazione e conservazione degli atti permette il
collegamento tra il documento ed il fascicolo informatico favorendo così una più efficiente
organizzazione dei documenti.
Commissioni Consiliari: le commissioni consiliari continuano ad essere gestite in maniera
accentrata da parte dell’ufficio Supporto Organi Istituzionali con l’obiettivo di razionalizzare il
181
numero delle persone coinvolte ed ottimizzare tempi di lavoro, anche grazie all’utilizzo della
strumentazione informatica.
Assemblee di Frazione: attività di supporto amministrativo agli organismi di partecipazione.
Con cadenza annuale, secondo il regolamento vigente, si provvede alla ripubblicazione del
bando al fine di ampliare e rendere attiva ed effettiva la partecipazione degli abitanti della
Frazione all’attività amministrativa del Comune, sia come singole persone che come gruppi e
organismi sociali presenti sul territorio e favorire la trasparenza e la partecipazione dei cittadini
ai processi decisionali strategici.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 2 istruttore ammin.vo C di cui 1 al 61,1
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 2 personal computer
n.1 stampante
182
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- ORGANI DI GOVERNO
-
Supporto logistico all’attività degli Organi di Governo, compresa la cura dei loro rapporti con i
cittadini;
-
Cura delle attività di informazione dell’Ente, attraverso le competenze dell’ufficio stampa
esercitate con la produzione di comunicati, l’organizzazione di conferenze stampa e la cura dei
rapporti con gli organi di informazione per l’Ente nella sua totalità;
-
Comunicazione e pubblicizzazione delle iniziative organizzate dal servizio stesso;
monitoraggio e coordinamento delle attività da comunicare all’esterno, tra quelle svolte dai vari
uffici e servizi, al fine di supportare la Giunta nella pianificazione delle strategie comunicative e
nella definizione di priorità, tempistiche e modalità di diffusione;
- Organizzazione e gestione della rappresentanza e del cerimoniale, delle manifestazioni
istituzionali e di eventi occasionali, compresa la cura del “Progetto Memoria”;
-
Coordinamento delle strategie di innovazione e sviluppo; nonché monitoraggio delle
opportunità di finanziamento presenti a livello europeo e nazionale per l’attuazione del
programma di mandato del Sindaco.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
•
Garantire un costante feed-back tra uffici, cittadini e Amministratori, curando sia il
rapporto diretto con gli utenti sia le relazioni con gli organi di informazione, in modo da
migliorare la comunicazione interna ed esterna della macchina comunale, permettendo
l’accessibilità alle informazioni e un contatto diretto e bidirezionale con gli Organi di
Governo;
•
Definire un programma strutturato di eventi e manifestazioni istituzionali, affinché
commemorazioni e celebrazioni non siano vuote formalità ma punti di partenza per
diffondere la conoscenza storica locale, i principi cardine della Costituzione, la cultura della
legalità ed incentivare percorsi di cittadinanza attiva e democratica;
•
Coltivare i rapporti con associazioni, scuole ed istituzioni, anche grazie al “Progetto
Memoria”, al fine di educare le nuove generazioni alla Pace e promuovere la conoscenza dei
fatti che hanno segnato il nostro territorio durante la seconda guerra mondiale e la
Resistenza;
•
Coordinare le azioni da intraprendere, tramite i singoli uffici competenti, per lo sviluppo
del territorio, seguendo le strategie definite di concerto con la Regione e il Ministero dello
183
Sviluppo Economico nell'ambito dell'Accordo di Programma per il rilancio competitivo
dell'area costiera livornese e del Protocollo d'intesa per il rilancio e la valorizzazione
dell'area livornese;
•
Proseguire l’implementazione e la valorizzazione dell'Incubatore di imprese di
Rosignano, inserito all'interno del Sistema degli Incubatori della Toscana Costiera, che
rappresenta un'occasione per lo sviluppo di muove imprese giovanili e start up;
•
Nell’ambito dell’obiettivo trasversale dell’Ente “Migliorare la comunicazione dell’Ente
e la fruibilità del sito web”, l’UO Organi di Governo è impegnata direttamente in una serie
di attività trasversali e di coordinamento per favorire e migliorare il flusso interno ed esterno
delle informazioni e l’adeguamento del sito internet.
•
Digitalizzazione di interrogazioni e interpellanze a risposta scritta:
a seguito
dell’introduzione del fascicolo informatico si è deciso di gestire le richieste provenienti dai
Consiglieri Comunali utilizzando il protocollo informatico e il software gestionale integrato
dell’Amministrazione, che garantisce sicurezza, autenticità e semplicità di archiviazione e
conservazione, grazie a collegamenti tra documenti ed il fascicoli informatici.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 responsabile D in P.O.
2 D (1 istruttore direttivo, 1 addetto stampa part-time 50% )
3 istruttori amministrativi C
1 B con funzioni di autista di rappresentanza
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
7 pc
fotocopiatori/stampanti di rete
3 stampanti
1 auto di rappresentanza e 1 auto di servizio in condivisione
3 cellulari di servizio
184
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 154 ORGANI ISTITUZIONALI
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
775.788,29
96.850,18
872.638,47
185
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
828.941,10
1.255,30
830.196,40
ANNO
2018
798.964,68
798.964,68
ANNO
2019
765.925,50
765.925,50
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 155 “RISORSE UMANE”
Responsabile Dott. Mirko Cantini
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- SICUREZZA
- GESTIONE PERSONALE E ORGANIZZAZIONE
La gestione del personale rappresenta un prerogativa strategica all’interno delle pubbliche
amministrazioni. Si tratta dunque di gestire l’organizzazione quale strumento per il conseguimento
degli obiettivi di interesse pubblico dell’Amministrazione, garantendo un clima organizzativo
sereno e produttivo, capace di valorizzare il merito. In tale contesto priorità è rappresentata
dall’attuazione del D.Lgs. 81/2008 in materia di sicurezza suoi luoghi di lavoro.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Nel corso del triennio si darà attuazione ad un adeguamento della struttura organizzativa dell’ente
finalizzata all’allocazione ottimale del personale rispetto agli obiettivi dell’Amministrazione ed ai
carichi di lavoro dei settori.. Parimenti saranno da attuare strumenti ed iniziative volte al
perseguimento del benessere organizzativo ed alla valorizzazione del merito mediante le premialità
previste dal quadro ordinamentale e contrattuale. Ciò in un contesto normativo ed interpretativo
complesso, talvolta contradditorio, caratterizzato da vincoli tesi a limitare l’autonomia organizzativa
e decisionale degli enti.
In materia di sicurezza suoi luoghi di lavoro si darà attuazione al D.Lgs. 81/2008 per le parti di
competenza.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 istruttore direttivo amministrativo cat. D1 (Responsabile U.O. Gestione del personale)
n. 1 istruttore amministrativo contabile cat. C (Responsabile del Servizio di prevenzione e
Protezione comunale)
n. 5 istruttori amministrativi cat. C
n. 1 esecutore amministrativo cat. B1
186
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
8 pc
4 stampanti
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 155 RISORSE UMANE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
844.122,70
844.122,70
187
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
971.953,40
971.953,40
ANNO
2018
915.934,65
915.934,65
ANNO
2019
615.934,65
615.934,65
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 156 “SEGRETERIA GENERALE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGETTO:
- SEGRETERIA GENERALE
- VARIE SEGR.
Afferiscono al centro di costo “Segreteria Generale anche” gli uffici del Protocollo, completamente
informatizzato; la gestione degli archivi fisici: archivio corrente presso la sede di via dei Lavoratori
e archivio di deposito in località Le Morelline (con esclusione dell’archivio storico); l’accesso agli
atti.
Fanno capo a questo centro di costo i servizi ausiliari di uscieriarato, centralino, stamperia; i servizi
di notificazione degli atti: pubblicità legale degli atti amministrativi del Comune e su richiesta di
soggetti esterni (Messi Notificatori); la gestione dell’Albo Pretorio on Line.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Protocollo ed Archiviazione sono ambiti focali del processo di digitalizzazione della PA e
strettamente legati all’implementazione degli strumenti di ITC. Il processo è circolare e si completa
con la produzione e gestione in modalità totalmente digitale degli atti e dei procedimenti.
L’Ente diventa quindi trasparente ed completamente accessibile.
A questo fine nel 2016 si è avviata l’attuazione di quanto contenuto nel nuovo Manuale di
Gestione Documentale con la fascicolazione da parte di ciascuna UO dei documenti all’interno del
sistema di gestione documentale per una successiva corretta conservazione.
Contestualmente il processo di digitalizzazione consente di rivedere procedure e prassi, snellire e
semplificare.
A seguito della valutazione costi/benefici per il trasferimento dei dati dell’Ente presso il TIX di
Regione Toscana, si potrà prevedere un piano di disaster recovery utilizzabile per la sicurezza
informatica dell’Ente in caso di gravi anomalie al sistema di gestione. Si proseguiranno i percorsi
avviati di digitalizzazione del flusso documentale e di conservazione sostitutiva a norma e il
consolidamento del parco macchine e della sostituzione delle strumentazioni obsolete (pc,
server…).
188
In questa ottica il servizio di protocollo è diventato, per un verso, completamente digitale e, per
l’altro, è confluito nelle attività del Polisportello per quanto concerne l’accesso diretto dei cittadini
garantendo una fruibilità maggiore dei servizi con ampliamento sostanziale dell’orario di apertura al
pubblico.
Ulteriore strumento cardine del processo è il sito istituzionale, luogo largamente utilizzato per
informare in tempo reale la cittadinanza anche al di la degli specifici obblighi di trasparenza
derivanti dal DLgs. n. 33/2013, smi, e strumento efficace di partecipazione ed attuazione di una
democrazia digitale.
In base al Regolamento europeo relativo alla protezione dei dati dovranno essere adeguate entro
maggio 2018 le procedure ivi previste per la salvaguardia delle banche dati dell’Ente e dovrà
essere gestita la tutela della privacy attraverso l’istituzione di un gruppo di lavoro che racchiuda le
competenze necessarie.
Il Comune, certificato ISO 14001:04 fin dal 2007 intende mantenere il controllo della conformità
della propria azione alle normative ambientali, proseguire nel percorso di miglioramento continuo
della gestione utilizzando il proprio Sistema di Gestione Ambientale e conseguendo il rinnovo della
certificazione.
Nel mese di giugno 2016 l’ente di certificazione accreditato IMQ CSQ, ha realizzato la verifica
ispettiva ed ha rinnovato la certificazione ambientale dell’Ente per il triennio 2016-2019.
L’obiettivo prossimo è avviare il transito del Sistema di Gestione Ambientale alla versione 2015
della norma, obbligatoria a decorrere dal 14 settembre 2018. Per quella data il personale
direttamente dedicato dovrà implementare il Sistema di Gestione Ambiente adeguando la parte
documentale e rendendo operativo il nuovo standard, coinvolgendo sempre più la parte
manageriale: la nuova norma, ne rafforza il ruolo, per competenza e influenza, a proposito degli
obiettivi e azioni da realizzare. E’ condizione necessaria provvedere alla formazione tecnica del
personale direttamente dedicato che diverrà, nel proseguo, un intervento capillare calibrato sulle
esigenze emergenti.
Sono stati individuati criteri per valutare la qualità dei servizi erogati dall’ente con particolare
riferimento a quelli gestiti tramite fornitori, partendo da quelli di maggiore impatto utilizzando le
direttive ministeriali e le procedure già operative nell’ambito del Sistema di Gestione Ambientale.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 Dirigente – 30%
n. 1 funzionario amministrativo D (archivista)
n. 3 istruttori amministrativi C
189
n. 1 operatore tecnico B
n. 1 ausiliari B
n. 1 centralinista B
n. 2 istruttori amministrativi (messi notificatori) C
PROGRAMMA 156 “SEGRETERIA GENERALE”
Responsabile D.ssa Maria Castallo
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGETTO:
- SEGRETERIA GENERALE
- VARIE SEGR.
L’ufficio Segretariato supporta il Segretario Generale nelle sue attribuzioni di legge ed in quelle
conferitegli dall’ordinamento comunale e dai provvedimenti del Sindaco, quali l’assistenza al
Segretario nella verbalizzazione delle sedute del Consiglio Comunale, l’assistenza e verbalizzazione
nelle funzioni di Presidenza Ufficio procedimenti disciplinari, la Presidenza della Conferenza
Dirigenti, Rappresentante della Direzione per l’Ambiente, la Presidenza della Delegazione
Trattante, la Presidenza del Nucleo Indipendente di Verifica e Valutazione (NIVV). Inoltre si occupa
della predisposizione di metodologie di controllo strategico a supporto degli organi di indirizzo e
controllo politico circa l'adeguatezza delle scelte in termini di congruenza tra risultati conseguiti e
obiettivi predefiniti. Relativamente al Piano di prevenzione della corruzione le attività riguardano la
predisposizione, aggiornamento, cura e attuazione del piano e dei suoi allegati in collaborazione con
i referenti dell’ente ed il supporto normativo al responsabile della trasparenza. Ulteriori attività
riguardano il controllo di regolarità amministrativa successivo: predisposizione, aggiornamento e
attuazione delle metodologie mediante la struttura permanente di controllo ed il Servizio ispettivo ai
sensi del regolamento per la disciplina degli incarichi esterni del personale Dipendente, in
collaborazione con l’UO gestione del personale.
Nel programma è incluso l’Ufficio Legale ed Assicurativo a cui viene destinato personale
amministrativo specializzato al fine di presidiare con maggiore professionalità le attività e le azioni
legate al contenzioso ed alle assicurazioni ed anche agire direttamente a tutela dell’Ente.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Per quanto concerne il Segretariato:
190
Controllo strategico: monitoraggio obiettivi strategici. Prosecuzione del monitoraggio degli
obiettivi dirigenziali, attraverso il controllo strategico, al fine di aggiornare periodicamente la
Giunta, in modo da evidenziare eventuali criticità e apportare così modifiche più rispondenti alle
linee di mandato;
Prevenzione della corruzione: aggiornamento annuale del piano 2017-2019, monitoraggio
stato di attuazione. in collaborazione con la Dirigenza, anche attraverso specifici referti,
monitoraggio della formazione dell’Ente, considerata misura essenziale per la prevenzione dei
fenomeni corruttivi. Nell'attività di monitoraggio si potrà utilizzare strumenti informatici, anche
per assicurarne la tracciabilità e modalità di controllo a campione;
Newsletter anticorruzione e controlli interni. Il presente obiettivo intende accrescere la
qualità dell’attività dell’anticorruzione e controlli interni con la prosecuzione del servizio a
disposizione dei Dirigenti e P.O. Al fine ottenere ed instaurare un feedback verrà coinvolta la
conferenza PO nell’analisi delle novità normative e dei più recenti orientamenti presenti nella
newsletter con il compito di analizzare e proporre alla Conferenza dei Dirigenti le
considerazioni e le proposte operative più efficaci per la piena attuazione della normativa.
Digitalizzazione attività di segretariato: implementazione utilizzo documenti digitali
Controllo di qualità: implementazione metodologia in collaborazione con i vari Settori.
Studio di fattibilità sul mantenimento presso il settore delle funzioni istruttorie dei “Contratti :
stipula dei contratti a rogito del Segretario Comunale, scritture private e tenuta del repertorio”
previa valutazione dei carichi di lavoro verificati e tenuto conto del ruolo di Responsabile
Anticorruzione. Attualmente tale attività viene svolta in via sperimentale dal Segretariato e dall’Ufficio
Assicurativo.
Per quanto concerne l’Ufficio Legale ed Assicurativo:
Ottimizzazione avvocatura interna.. attraverso il monitoraggio dell’andamento del giudizio e
delle relative fasi, affidamento degli incarichi di tutela legale e gestione dei relativi contratti di
servizio. Implementazione/razionalizzazione, compatibilmente con l’andamento dei carichi di
lavoro e la complessità delle procedure, degli incarichi giudiziali interni per le azioni di tutela
dell’Ente.
Monitoraggio dell’andamento delle pratiche risarcitorie in ogni loro fase.
Digitalizzazione del procedimento civile e amministrativo secondo la normativa di
riferimento. con particolare attenzione all’entrata in vigore del processo amministrativo
telematico
Attività di supporto e consulenza per Settori/Servizi: razionalizzazione del servizio mediante
apposita regolamentazione
191
Fascicolazione digitale delle pratiche di contenzioso : repertoriazione delle nuove pratiche e
creazione di fascicoli condivisi con l’ufficio assicurativo per le pratiche che prevedono una
gestione condivisa e con diverse fasi e responsabilità di gestione
Coordinamento Commissione, costituita da un soggetto della P.M., un soggetto della U.O.
Manutenzione e dalla Dott.ssa Stiavetti,che si riunirà periodicamente per analizzare la statistica dei
sinistri, la gestione della segnaletica, e per elaborare delle proposte di prevenzione tramite interventi sul
territorio, così da elaborare un piano di attività delle manutenzioni
Fascicolazione digitale delle pratiche di risarcitorie : repertoriazione delle nuove pratiche e
creazione di fascicoli condivisi con l’ufficio legale per le pratiche che prevedono una gestione
condivisa e con diverse fasi e responsabilità di gestione
Studio di fattibilità sul mantenimento presso il settore delle funzioni istruttorie dei “Contratti :
stipula dei contratti a rogito del Segretario Comunale, scritture private e tenuta del repertorio”
previa valutazione dei carichi di lavoro verificati e tenuto conto del ruolo di Responsabile
Anticorruzione. Attualmente tale attività viene svolta in via sperimentale dal Segretariato e dall’Ufficio
Assicurativo.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
Segretariato e Ufficio Legale ed Asssicurativo
n. 1 funzionario amministrativo D3 (avvocato)
n. 3 istruttori ammin.vi C (di cui uno al 50% e uno al 33%)
n. 1 istruttore tecnico contabile
n. 1 collaboratore amministrativo B3
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 156 SEGRETERIA GENERALE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
1.967.980,88
15.722,00
1.983.702,88
192
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
1.656.683,77
1.656.683,77
ANNO
2018
1.595.543,77
1.595.543,77
ANNO
2019
1.504.043,77
1.504.043,77
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 157 “STATISTICA E SISTEMI INFORMATIVI”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
DATI INFORMAZIONI
L’U.O. Sistemi Informativi, Innovazione Tecnologia e Polisportello è il servizio deputato allo
sviluppo dell’innovazione ed all’implementazione delle nuove tecnologie di ICT per la produzione
degli atti, l’erogazione dei servizi, la gestione delle pratiche, l’accesso e la comunicazione; è, in
poche parole, il volano per il cambiamento della PA, verso se stessa, verso il territorio e la
collettività.
La competenza dell’U.O. è volta ad assicurare la funzionalità e la sicurezza dell’infrastruttura di
rete (oltre 500 strumenti informatici) e dei suoi collegamenti esterni; dei sistemi operativi, dei
servizi a rete (posta elettronica; p.e.c., DNS, navigazione internet); del sistema di gestione unitaria
fonia-dati (su IP) e mobile; la gestione rete del Progetto Rosignano WiFi; la piattaforma dei servizi
e dei pagamenti online; l’assistenza del personale per l’utilizzo di strumentazione e programmi.
L’UO è deputata alla configurazione del sito web istituzionale e alla pubblicazione dei contenuti.
La gestione delle banche dati consente all’U.O. di produrre statistiche di vario genere.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Sul fronte dell’Innovazione la sfida si chiama SMART CITY, ovvero la realizzazione di una città
intelligente che sappia, attraverso la promozione di adeguate policy urbane e un sapiente utilizzo
delle tecnologie ICT, creare un territorio che miri in primis al benessere dei propri cittadini (PIU,
PUMS). Gli attori con cui si costruirà ROSIGNANO SMART CITY saranno i cittadini e le
imprese. Per facilitare questo processo il Comune deve mettere in campo tutti i settori organizzativi
a servizio della specifica strategia.
L’U.O. segue l’evoluzione normativa dell’Agenzia per l’Italia Digitale relativo allo sviluppo di un
MODELLO STRATEGICO di EVOLUZIONE del SITEMA INFORMATIVO della PA: in
particolare l’implementazione di sistemi quali Pago PA; SPID; ANPR; NoiPA previsti dal Governo
entro il 2017.
193
L’U.O. facilità l’infrastrutturazione del territorio necessaria per l’uso diffuso delle nuove tecnologie.
A questo fine si è partiti con la messa in rete tramite fibra ottica delle sedi comunali.
Sarà possibile ampliare e trasferire in fibra ottica su un anello di proprietà i collegamenti tra le sedi
comunali (ad esempio, le scuole presenti in Rosignano Solvay e Rosignano Marittimo) ove abilitati
dal gestore del teleriscaldamento ad utilizzare cavidotti già presenti sul territorio.
Ulteriori interventi infrastrutturali per le ICT sono subordinate all’utilizzo delle infrastrutture
esistenti di pubblica illuminazione.
A favore dei cittadini proseguiranno le politiche volte al miglioramento del rapporto con la Pubblica
Amministrazione. E’ in fase di modifica infatti il portale dei Servizi On line al fine di creare un
luogo virtuale unico attraverso il quale il cittadino potrà interfacciarsi con la PA ed usufruire dei
servizi comunali in alternativa al doversi recare presso gli uffici. L’Ente ha aderito al sistema
elettronico dei pagamenti (PagoPA) che è ancora in fase di implementazione.
Il miglioramento dei servizi on line sarà perseguito attraverso il rafforzamento dell’utilizzo dei
servizi messi a disposizione da regione Toscana, già avviato con l’adesione al progetto VILLAGGI
DIGITALI, nonché attraverso la promozione degli stessi attraverso specifiche campagne di
sensibilizzazione.
Secondo quanto previsto dal Piano di Informatizzazione dell’Ente, proseguirà l’analisi e la
mappatura di tutti i procedimenti amministrativi in essere. Questo permetterà di implementare i
servizi online disponibili sul sito dell’ente e permetterà a cittadini ed imprese di poter presentare a
distanza le proprie istanze e contemporaneamente seguirne l’iter.
Il Polisportello si è rivelato per i servizi offerti e per l’ampio orario di apertura al pubblico
strumento efficace per la fruibilità dei servizi da parte dei cittadini. Nell’ottica di avvicinare i servizi
comunali ai cittadini si proseguirà inoltre con la collaborazione già avviata con gli sportelli diffusi
sul territorio, implementando l’esperienza maturata con il coinvolgimento dello sportello
Informagiovani e cercando un’eventuale collaborazione con altre associazioni.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente - 30%
n. 1 funzionario tecnico inf. D3, P.O.
n. 2 istruttore direttivo tecnico inf., D
n. 6 istruttori ammin.vi C,
194
n.2 ausiliare B
n. 3 istruttore tecnico inf. C
n. 1 collaboratore servizi B
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 157 STATISTICA E SISTEMI INFORMATIVI
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
809.626,74
65.000,00
874.626,74
195
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
858.756,34
50.000,00
908.756,34
ANNO
2018
841.553,21
31.000,00
872.553,21
ANNO
2019
835.292,43
31.000,00
866.292,43
Missione 149 “ Servizi istituzionali, generali e di gestione”
PROGRAMMA 158 “UFFICIO TECNICO”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- GESTIONE AMMINISTRATIVA LAVORI
- UFFICIO TECNICO
- MANUTENZIONI IMMOBILI
L’U.O. Gare e gestione amministrativa lavori (adesso U.O. Gare, contratti e supporto
amministrativo) funge da supporto per l’attuazione del programma dei lavori pubblici, curando tutta
la parte amministrativa che va dall’affidamento dei lavori, ivi compresa la gestione degli incarichi
professionali, sino alle liquidazioni a favore delle imprese esecutrici. In essa sono previste le
dotazioni finanziarie per l’acquisto di attrezzature, computer, programmi informatici di carattere
tecnico, cancelleria, cartografie, ecc.
All’interno dell’U.O. “Gare, contratti e supporto amministrativo” sono collocati l’Ufficio contratti
(dal 10 luglio 2015), che cura tutti gli adempimenti connessi alla stipula di atti a contenuto
negoziale dell’Ente, l’Ufficio gare unico dell’Ente, che cura tutte le procedure concorrenziali di
affidamento dei contratti pubblici dei vari settori comunali, e l’Ufficio finanziamenti, che cura la
ricerca delle risorse comunitarie, statali e regionali, l’istruttoria della pratica di candidatura, il
monitoraggio dei progetti finanziati e tutti gli adempimenti previsti dai decreti di finanziamento,
nonché il coordinamento per la presentazione di candidature in progetti multidisciplinari anche di
natura sovra comunale.
Dal 2015 nell’ambito dell’Ufficio Gare Unico è attiva la Centrale Unica di Committenza (CUC) in
forza della Convenzione sottoscritta il 10/03/2015 tra i comuni di Rosignano M.mo, Cecina,
Bibbona, Castagneto C.cci e Collesalvetti.
Il centro di costo relativo al funzionamento dell’ufficio tecnico comprende tutte le spese per il
personale, per la cancelleria, per i consumi energetici nonché per l’acquisto o il rinnovo di software
e attrezzature.
Il Progetto “Manutenzioni” opera - in amministrazione diretta o mediante affidamenti a terzi – nei
seguenti ambiti:
196
o manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili e dei relativi impianti
compresi montacarichi ed ascensori, impianti antincendio e antintrusione;
o gestione del calore;
o abbattimento opere abusive;
o interventi nei casi di pericolo alla pubblica incolumità (immobili sia pubblici che
privati);
o manutenzione delle strade (marciapiedi, parcheggi, interventi richiesti dai Consigli di
frazione etc.);
o autorizzazioni transito di carichi eccezionali;
o autorizzazione agli scavi;
o sinistri su strade comunali;
o ripristino danni al patrimonio;
o manutenzione fognature bianche e gestione dei nuovi allacci;
o rimozione e smaltimento delle alghe, ripascimento degli arenili, manutenzione dei
passi a mare;
o segnaletica stradale (orizzontale e verticale), cartellonistica spiagge;
o manutenzione sugli impianti elettrici dei fabbricati e della pubblica illuminazione;
o gestione e manutenzione dell’arredo urbano;
o gestione e manutenzione delle attrezzature ludiche;
o gestione e manutenzione del verde pubblico, delle fontane e degli impianti irrigui;
o allestimento seggi elettorali ed altre manifestazioni;
o controllo opere pubbliche eseguite da privati.
Il centro di costo “Manutenzione immobili” comprende risorse destinate alla manutenzione
ordinaria e straordinaria degli edifici di proprietà comunale, ivi comprese le scuole anche statali, e
dei relativi impianti, compresi montacarichi e ascensori, impianti antintrusione ed antincendio,
impianti di riscaldamento, impianti elettrici, l’abbattimento di opere abusive, l’allestimento di seggi
elettorali e di altre manifestazioni, gli interventi nei casi di pericolo alla pubblica incolumità relativi
ad immobili sia pubblici che privati. In particolare si darà corso all’esecuzione di due importanti
interventi di adeguamento ai fini delle norme di prevenzione incendi: quello relativo al Teatro
Ordigno e quello relativo al Museo Bombardieri.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
197
Il Programma di Mandato del Sindaco destina la quasi totalità delle risorse ad interventi di carattere
manutentivo, sia per garantire la pulizia ed il decoro urbano, anche in funzione di un territorio
turisticamente più attrattivo, sia per migliorare la sicurezza e la qualità delle strutture comunali,
soprattutto
nell’ambito
dell’edilizia
scolastica.
L’intenzione,
quindi,
nell’ambito
della
“Manutenzione immobili”, è quella di dare priorità agli interventi conservativi nelle scuole (punto
“La scuola, seme del progresso”) e negli impianti sportivi (punto “Cultura e sport motori di
sviluppo e innovazione”). Mentre, nell’ottica del turismo, sono riproposti gli interventi di
manutenzione delle spiagge attraverso opere di rinascimento degli arenili.
Oltre agli interventi di carattere manutentivo, l’ufficio tecnico coordinerà l’esecuzione degli
interventi di messa in sicurezza idraulica del fiume Fine, di cui una parte è stata oggetto di una
convenzione sottoscritta il 28.12.2015 tra il Commissario governativo, RFI e l’Amministrazione
comunale, mentre la restante parte è stata oggetto di apposita convenzione sottoscritta nel mese di
maggio 2016 tra Comune, Solvay chimica S.p.A. e Rosaelectra S.r.l. Sarà, inoltre, sviluppata la
progettazione degli interventi da effettuarsi sul fosso Vallecorsa, sempre nell’ottica di realizzare
l’obiettivo strategico della messa in sicurezza idraulica del territorio comunale, come evidenziato al
punto “La cura del territorio e dell’ambiente” del Programma di Mandato del Sindaco.
Ulteriore obiettivo strategico dell’Amministrazione, evidenziato al punto “La scuola, seme del
progresso” del Programma di Mandato del Sindaco, è rappresentato dagli studi di fattibilità della
nuova scuola delle frazioni collinari. L’ufficio tecnico, a seguito della progettualità didattica curata
dal settore competente, curerà gli studi di fattibilità sia tecnica che economica relativi alla
realizzazione di tale struttura: dal punto di vista tecnico, la fattibilità sarà valutata, anche e
soprattutto, sulla base della scelta del sito ove dovrà essere costruito l’edificio; dal punto di vista
economico, saranno approfonditi i diversi strumenti che la contrattualistica pubblica mette a
disposizione per realizzare opere come questa (si ipotizza al momento il ricorso a strumenti di
partenariato pubblico-privato quale il contratto di disponibilità ecc.).
Altro compito dell’Ufficio Tecnico è l’approvazione ed il controllo delle opere realizzate da privati
in ambiti convenzionali a scomputo degli oneri di urbanizzazione.
L’entrata in vigore del nuovo codice dei contratti pubblici (d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50) ha
comportato la necessità di revisione delle procedure di affidamento e, conseguentemente, degli atti
da adottare, attività, questa, di competenza dell’U.O. Gare, contratti e supporto amministrativo.
Attraverso le attività dell’U.O. Gare contratti e supporto amministrativo si intende, inoltre, porre in
198
essere misure efficaci di contrasto alla corruzione nella P.A. Già elaborato ed adottato, in tale
ambito, un codice etico per la partecipazione alle gare e per l’esecuzione dei contratti (delibera
Consiglio Comunale n. 59 del 9.4.2014). Allo scopo, è stata prevista, accanto al proseguimento
delle misure specifiche già adottate, l’adozione di un’ulteriore misura specifica, quale l’adozione di
un regolamento per gli affidamenti sotto soglia comunitaria. Poiché l’Autorità Nazionale
Anticorruzione è stata investita, dal legislatore, di una funzione integrativa della disciplina
contrattuale pubblica mediante l’adozione di apposite linee guida negli argomenti individuati dal
nuovo codice, tra i quali le procedure sotto soglia, l’attività di regolamentazione dell’Ente dovrà,
necessariamente, attendere l’adozione di tali atti per verificare la propria coerenza con essi. Intanto,
per agevolare le attività degli uffici, l’U.O. Gare, contratti e supporto amministrativo ha adottato
una circolare interna, focalizzata sugli acquisti infra 40.000 euro. Con delibera consiliare n. 206 del
23/12/2014 è stata approvata la convenzione per la costituzione della Centrale Unica di
Committenza (C.U.C.) tra i comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti e
Rosignano M.mo, individuando il Comune di Rosignano Marittimo quale Ente capofila assumente
le funzioni della C.U.C.; i procedimenti ricadenti nell’ambito di gestione della C.U.C., iniziati già
nel 2015, investiranno anche tutto l’anno 2016, e riguarderanno, principalmente, i contratti che i
diversi Comuni non potranno affidare autonomamente, in virtù della disciplina dettata dal nuovo
codice dei contratti.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 Dirigente al 14 %
(dopo riorganizzazione e solo U.O. Gare)
1 funzionario D3 amministrativo D3 P.O.
1 istruttore direttivo amministrativo D1
1 istruttore direttivo amministrativo D1 part time al'83,33%
5 istruttori amministrativi C
2 istruttori amministrativi C part time al 83,33%
1 istruttore amministrativo C part time al 66,66%
1 collaboratore professionale B3
(dopo riorganizzazione e solo U.O. Manutenzioni)
1 funzionario D3 tecnico D3 P.O.
3 istruttori direttivi tecnici D1
6 istruttori tecnici C
1 istruttore assistente edile C
199
1 istruttore geometra C
13 collaboratori professionali B
3 esecutori manovali B
1 operaio tecnico manutentivo B
1 istruttore amministrativo part-time 91,66% C
1 istruttore amministrativo C
(dopo riorganizzazione e solo U.O. Progettazione ed esecuzione lavori)
1 funzionario D3 tecnico D3 P.O.
1 funzionario tecnico D
1 funzionario tecnico D part-time 50%
1 funzionario tecnico ingegnere D part-time 50%
1 istruttore direttivo tecnico D
1 istruttore tecnico C
1 istruttore geometra C
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
23 automezzi comprese macchine operatrici
38 PC di cui 1 portatile
5 stampanti laser di rete
4 fotocopiatrice
2 fax
38 telefoni fissi
28 telefoni cellulari
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 158 UFFICIO TECNICO
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
2.277.121,87
823.569,74
3.100.691,61
200
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
2.070.449,39
405.670,30
2.476.119,69
ANNO
2018
1.954.507,20
505.000,00
2.459.507,20
ANNO
2019
1.882.899,82
225.000,00
2.107.899,82
Missione 159 “ Ordine pubblico e sicurezza”
PROGRAMMA 160 “POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA”
Comandante Dalida Cosimi - Dirigente amministrativo Mirko Cantini
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
POLIZIA MUNICIPALE
La Polizia Municipale offre alla comunità una serie diversificata di servizi: dalla prevenzione al
controllo, dall’informazione all’orientamento, dalla tutela alla repressione.
Le attività realizzate dalla Polizia Municipale afferiscono a tanti ambiti differenti: sicurezza
stradale, commercio, edilizia, ambiente, protezione civile, pubblica sicurezza, ecc. E’ interessante
rilevare che alle funzioni di polizia amministrativa tradizionali si aggiungono oggi funzioni spesso
non rintracciabili in alcuna norma o regolamento, ma assai sviluppate nella prassi, di contrasto alla
criminalità, di coesione e regolazione sociale, di rassicurazione e di prevenzione. Tali nuove
funzioni impongono trasformazioni organizzative e della prassi quotidiana e comportano
l’instaurarsi di nuove relazioni della Polizia Municipale con i cittadini, con l’apparato politico e
amministrativo, con le altre forze di polizia. Oltre alle attività d’istituto normalmente svolte, riveste
importanza il controllo integrato del territorio finalizzato ad infondere una maggiore sicurezza al
cittadino e in particolare rivolto a tutelare le categorie più deboli, quali anziani, disabili e minori.
Esso viene realizzato con tipologie di interventi diversi:
a) sicurezza della circolazione (mobilità urbana e rispetto delle norme del C.d.S.);
b) tutela del cittadino e convivenza civile (con particolare attenzione alle categorie più deboli);
c) tutela del territorio con particolare attenzione all’ambiente (controllo del territorio relativo
all’abbandono dei rifiuti, disturbi alla quiete pubblica);
d) sicurezza sociale e certezza della legalità (attività volta a contrastare fenomeni di vandalismo,
bullismo giovanile, prevenzione comportamenti devianti).
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Le finalità di carattere triennale sono così rappresentate:
-
Sviluppo sul territorio di una rete attiva di presidio, conoscenza e monitoraggio, con
l’attuazione anche di diverse forme di collaborazione con le altre Forze di Polizia (controllo
201
occupazioni abusive della sede stradale, posti di controllo concordati, controlli per la
prevenzione stragi sabato sera).
-
Incremento delle attività di controllo di polizia stradale, atte a prevenire e ridurre gli
incidenti stradali. In particolare: maggiori controlli mirati all’accertamento della velocità dei
veicoli con lo strumento in dotazione (Autovelox), con il quale è possibile effettuare
controlli “mobili” con la presenza degli operatori della Polizia Municipale, che potranno, tra
l’altro, integrare l’attività con l’accertamento della guida in stato di ebbrezza alcolica per
mezzo del precursore per il pre-test e l’etilometro, nonché con l’accertamento di eventuali
violazioni riguardanti l’autotrasporto di persone e merci, utilizzando lo strumento per la
lettura del cronotachigrafo sugli autocarri ed autobus.
-
Crescita della fiducia dei cittadini verso le istituzioni e verso la loro capacità di garantire
tutela, attraverso un’ampia offerta di corsi di educazione alla legalità alle scuole di ogni
ordine e grado, nonché realizzazione di azioni formative sulla sicurezza stradale per i
giovani adolescenti, in merito ai danni prodotti dall’uso ed abuso di sostanze alcoliche.
-
Sicurezza nella fruibilità degli spazi pubblici e residenziali, collaborazione per la vigilanza
sulle aree pubbliche - in particolare delle scuole - tra Polizia Municipale e organismi di
volontariato e di promozione sociale. Intensificazione della prevenzione e vigilanza
ambientale sul territorio comunale, in modo da scoraggiare l’abbandono dei rifiuti,
rafforzando i controlli e l’attività sanzionatoria.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Posizione Organizzativa Comandante PM CAT. D
n. 3 Istruttori direttivi di vigilanza CAT. D
n. 25 Istruttori di vigilanza CAT. C
n. 3 Istruttori di vigilanza CAT. C (posti vacanti)
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 11 autoveicoli
n. 5 motoveicoli
n. 19 stazioni p.c.
n. 6 macchine fotografiche
n. 2 apparecchi per la misurazione di velocità (telelaser e autovelox)
n. 1 etilometro
n. 12 radio portatili
202
n. 13 radio veicolari
n. 4 p.c. portatili
n. 1 etilometro precursore
n. 1 dispositivo per lettura cronotachigrafo digitale
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 160 POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
1.339.072,88
105.456,88
1.444.529,76
203
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
1.412.251,30
47.321,85
1.459.573,15
ANNO
2018
1.420.701,30
47.321,85
1.468.023,15
ANNO
2019
1.417.701,30
47.321,85
1.465.023,15
Missione 161 “ Istruzione e diritto allo studio”
PROGRAMMA 162 “ISTRUZIONE PRESCOLASTICA”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- SCUOLE dell’INFANZIA COMUNALI
Scuole dell’infanzia comunali
Il Comune gestisce direttamente n.3 scuole destinate ai bambini in età compresa tra i 3 ed i 6 anni:
“Stacciaburatta” a Rosignano Marittimo, “Bruno Ciari” a Vada, “Una Finestra sul Mondo” a
Nibbiaia, tutte dichiarate “paritarie” dal Ministero e vengono in parte sovvenzionate dal Ministero
stesso e dalla Regione Toscana in quanto garantiscono standard gestionali e di qualità educativa
riscontrabili e misurabili attraverso le modalità indicate dalla normativa di riferimento.
Tali scuole rappresentano un contesto di continuità importante per la formazione dei bambini in
quanto, verticalmente con l’asilo nido e la scuola primaria, orizzontalmente con le altre scuole
dell’infanzia, si impegnano nella realizzazione dei progetti formativi necessari, anche dando priorità
alla pedagogia dell’accoglienza e della valorizzazione delle diversità che possono caratterizzare
ciascuno dei bambini .
Le scuole dell’infanzia sopra dette sono gestite con personale comunale integrato, se occorre, con
progetti didattici oggetto di appalto; in ciascun plesso sono presenti Collettivi di lavoro autonomo
composto da Insegnanti dipendenti del Comune che, al bisogno, vengono integrate con progetti
finalizzati al mantenimento del parametro numerico tra adulti e bambini e per la garanzia della
qualità pedagogica complessiva.
Le Linee Guida utilizzate per la gestione dei plessi sono basate sulla pedagogia della pratica
psicomotoria metodo Bernard Aucouturier applicata da oltre trenta anni che, intercalata da piste
educative differenziate e innovative in ciascun anno scolastico, garantisce la rispondenza
dell’intervento scolastico rispetto alle necessità psicologiche e complessive dei bambini.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Formazione ed educazione dei bambini dai tre ai sei anni di età.
204
Le Scuole sono ambiti educativi per i bambini ed anche opportunità di formazione per le famiglie,
caratterizzate da complessità rilevanti e da bisogni culturali oltre che organizzativi, sociali e
strettamente educativi.
Il Comune mediante la gestione diretta delle tre Scuole dell’Infanzia si pone l’obiettivo di dare
supporto alle famiglie oltre che ai minori. Per il supporto all’handicap si fa ricorso a specifico
progetto di sostegno in collaborazione con operatore esterno.
La sinergia in rete con il territorio e con gli altri servizi educativi è uno degli aspetti fondamentali di
questo ordine di scuole e si mantiene molto forte l’impegno nella realizzazione del percorso di
continuità con i servizi 0/3 e le scuole dell’infanzia statali/ private paritarie, oltre che con le scuole
primarie per la realizzazione di un ambito di continuità 0/6 significativo e caratterizzante per la
qualità dimostrata. Consolidamento dell’attività di monitoraggio anche mediante questionari per le
famiglie e del progetto ComunEducare per sviluppare la comunicazione telematica tra scuola e
famiglie; si ipotizza, inoltre lo sviluppo di un progetto di maggiore integrazione (Centro di
Documentazione) in corso di configurazione.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (quota parte)
n. 20 Insegnanti scuole dell’infanzia di Ruolo
n. 3 Collaboratrice scolastica
n. 1 Autista di ruolo
n. 1 Capo cuoco di ruolo
n. 8 cuochi di ruolo
n. 1 funzionario Responsabile P.O. cat. D
n. 1 Istruttore Direttivo cat. D - VACANTE
n. 3 Istruttore Amministrativo cat. C di ruolo
n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
n. 72,82% un Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 14 personal computer
n. 11 stampanti distribuiti sui servizi.
n. 1 autocarri per mense scolastiche.
n. 1 autocarro per i trasporti scolastici.
205
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 162 ISTRUZIONE PRESCOLASTICA
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
681.693,25
573,33
682.266,58
206
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
761.559,88
140.000,00
901.559,88
ANNO
2018
763.559,88
150.000,00
913.559,88
ANNO
2019
763.559,88
763.559,88
Missione 161 “ Istruzione e diritto allo studio”
PROGRAMMA 163 “ALTRI ORDINI DI ISTRUZIONE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- ISTRUZIONE SECONDARIA MEDIA INFERIORE STATALE
- ISTRUZIONE SECONDARIA MEDIA SUPERIORE STATALE
- SCUOLE PRIMARIE STATALI
- SCUOLE dell’INFANZIA STATALI
Sul territorio comunale, oltre ai Nidi ed alle Scuole dell’Infanzia comunali, sono presenti le seguenti
scuole:
Scuole dell’Infanzia Statali : n.4 Plessi scolastici suddivisi tra le 2 Direzioni Didattiche Statali.
Scuole Primarie Statali: n.7 Plessi scolastici suddivisi tra le 2 Direzioni Didattiche Statali.
Scuole Secondarie di Primo Grado : n.1 Istituto di Istruzione Secondaria di primo Grado, Scuola
Media “Giovanni Fattori” che si suddivide in 2 distinti plessi scolastici.
Istruzione secondaria istituti superiori: n.1 Istituto (ISIS) comprensivo di I.P.S. Alberghiero, I.P.S.
Industria e Artigianato, Istituto Tecnico Industriale Liceo Tecnologico. Forma di gestione Statale.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
In un contesto scolastico così ampio una pianificazione educativa è fondamentale, a maggior
ragione se, come prevedono le Linee Guida regionali per la Programmazione e Progettazione
Educativo Integrata territoriale (DGR n.475/2016) occorre fare riferimento alla Zona costituita dai
4 comuni di Rosignano Marittimo, Cecina, Bibbona e Castagneto Carducci e ad entrambi gli ambiti,
scolare (da 3 a 18 anni) e prima infanzia (fascia 0/3). Il Comune è capofila della Zona e pertanto
responsabile del coordinamento degli interventi proposti e della coerenza della pianificazione
dell’offerta educativa del territorio.
Al fine di rendere efficace l’azione della Zona, è stata indetta mediante procedura ad evidenza
pubblica la ricerca per l’individuazione di un soggetto qualificato in grado di effettuare la raccolta e
l’analisi dei dati afferenti l’istruzione per l’intera Zona sulla base dei quali effettuare proposte di
207
programmazione efficaci da presentare alla Regione. Il lavoro verrà seguito da tutti i referenti dei 4
Comuni ed in particolare da Rosignano in quanto Capofila durante tutto il 2017 e gli esercizi futuri.
Il Comune, consapevole della strategicità dell’istruzione per la comunità, ha avvito un Tavolo di
confronto con la Dirigenza scolastica e con gli altri portatoti di interesse di ambito scolastico i cui
lavori proseguiranno nel 2017 e negli esercizi futuri, al fine di affrontare la pluralità delle tematiche
secondo un percorso partecipato e condiviso.
Il Comune, anche tramite
dell’Offerta Educativa (POF)
i Servizi Culturali e Sociali, tradizionalmente supporta il Piano
mediante una molteplicità di servizi e contributi che rendono
possibile lo svolgimento di attività didattiche in ambito musicale, sportivo, museale, della lettura,
dell’educazione ambientale, di fornire ulteriore supporto alla disabilità, etc..
Mediante i Servizi Sociali, l’Ente partecipa attivamente all’esperienza Scuola-Lavoro degli Istituti
Superiori.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (quota parte)
n. 1 Autista di ruolo
n. 1 Capo cuoco di ruolo
n. 8 cuochi di ruolo
n. 1 funzionario Responsabile P.O. cat. D
n. 1 Istruttore Direttivo cat. D - VACANTE
n. 3 Istruttore Amministrativo cat. C di ruolo
n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
n. 72,82% un Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 14 personal computer
n. 11 stampanti distribuiti sui servizi.
n. 1 autocarri per mense scolastiche.
n. 1 autocarro per i trasporti scolastici.
RISORSE FINANZIARIE
208
PROGRAMMA 163 ALTRI ORDINE DI ISTRUZIONE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
240.815,05
732.198,78
973.013,83
209
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
237.967,91
826.221,00
1.064.188,91
ANNO
2018
211.582,27
70.000,00
281.582,27
ANNO
2019
211.018,96
220.000,00
431.018,96
Missione 161 “ Istruzione e diritto allo studio”
PROGRAMMA 164 “SERVIZI AUSILIARI ALL’ISTRUZIONE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- REFEZIONE SCOLASTICA
- SCUOLABUS
- UFFICIO ATTIVITA’ EDUCATIVE
Refezione scolastica
La domanda di servizio è elevata e differenziata; il Comune vi fa fronte da anni con una politica di
estrema attenzione alla qualità del cibo prodotto e dei servizi di correlati di distribuzione,
sporzionamento, pulizia locali, etc. (prodotti biologici, igp, a km 0, certificazione del processo
produttivo, etc).
La fornitura dei pasti scolastici riguarda tutti i bambini del contesto educativo Asili Nido e Scuole
dell’Infanzia, tutti gli alunni delle scuole Primarie, per un totale giornaliero di circa 1.760 pasti, di
cui circa 700 per il sistema 0/6 e circa 1.060 per la scuola Primaria, comprendenti circa 125 diete
differenziate prodotte ogni giorno per bisogni soggettivi certificati.
La produzione dei pasti è svolta in parte con personale comunale, in parte mediante fornitore
esterno aggiudicatario della gara di valenza europea svolta nel corso del 2015 per il periodo
settembre 2015/giugno 2020.
Nel dettaglio, il servizio è erogato mediante due specifiche filiere produttive:
-
Global Service (cibi + servizi vari) per circa 1.070 pasti destinati alla scuola primaria;
-
gestione diretta presso le cucine comunali per i circa 710 pasti destinati ai bambini da tre
mesi a sei anni.
Il menù resta organizzato su 4 settimane e tutte le informazioni possono sempre essere verificate sul
sito del Comune dove sono riportati i menù per fascia di età ed i menù speciali relativi a diverse
patologie ed esigenze alimentari particolari. Sul sito e presso ciascuna istituzione scolastica sono
verificabili i dettagli dei prodotti in uso per la realizzazione dei pasti e le grammature definite dal
disciplinare della Regione Toscana.
210
Il monitoraggio dei servizio di refezione scolastica, oltre che dal personale comunale preposto,
viene seguito dai Comitati Mensa di ciascuno dei plessi scolastici e dalla Commissione Mensa la
cui attività è visionabile sul sito istituzionale dell’Ente.
Scuolabus
Il Servizio di Scuolabus riguarda gli alunni che vivono in abitazioni distanti dalla rete urbana ed
extraurbana del Trasporto Pubblico Locale ed è molto articolato in quanto copre l’intero territorio
comunale che è molto vasto e costituito da sette Frazioni dislocate a molta distanza l’una dall’altra
con differenti necessità logistiche. Trattandosi di frazioni collinari e costiere, contraddistinte da
ampie aree di campagna e con presenza di numerose abitazioni isolate, il Servizio di Scuolabus
diviene la risorsa imprescindibile attraverso la quale molti alunni possono avere la garanzia del loro
diritto scolastico.
Sono a disposizione degli utenti n°10 scuolabus che trasportano circa 400 bambini, suddivisi per
fasce di età (scuola dell’infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di primo grado); è assicurata
la sorveglianza durante i percorsi per i bambini della fascia 3/6.
I primi tragitti riguardano la scuola media che ha orario d’inizio lezioni in prima mattina;
successivamente gli stessi scuolabus svolgono il servizio per gli alunni della scuola primaria; in
seguito, gli stessi scuolabus, effettuano il servizio per i bambini della scuola dell’infanzia.
Il Servizio è affidato all’esterno per la durata di 5 anni, settembre 2015 – giugno 2020, a seguito di
gara europea. L’Ufficio comunale preposto che si avvale anche di un coordinatore operativo, ne
pianifica e monitorizza giornalmente l’andamento.
La ditta B&B /ECOAL Service, aggiudicataria dell’appalto, sta svolgendo il servizio in conformità
al capitolato ed effettua il collegamento CASA/SCUOLA/CASA per un totale di circa 1525 km
giornalieri; si è dotata inoltre di un sistema informatizzato di controllo dei percorsi in tempo realte.
Ufficio Attività Educative
L’Ufficio si occupa delle questioni attinenti l’istruzione; coordina i lavori della Zona e quelli del
Tavolo Scuola di recente istituzione; si fa carico delle competenze in materia direttamente attribuite,
delegate o trasferite; gestisce gli spetti di informazione e comunicazione di competenza, sia
internamente, in relazione al proprio personale, che con l’utenza esterna, le Dirigenze Scolastiche,
la Regione, etc.; gestisce i servizi necessari ad attuare il Diritto allo Studio: refezione, scuolabus,
uscite didattiche, fornitura di libri di testo, erogazione di contributi per pulizie ed igiene scolastica,
contributi a supporto della pianificazione dell’azione educativa della scuola.
211
Rendiconta periodicamente l’uso delle risorse regionali del PEZ - Piano Educativo Zonale - per i
servizi educativi comunali 0/6 e monitora l’andamento de PEZ zonale.
Organizzazione del Settembre Pedagogico come momento tradizionale di approfondimento,
partecipazione e comunicazione sulle tematiche educative.
Per quanto concerne i servizi educativi 0/6 comunali, gestisce il personale ed i contratti relativi.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Le attività relative ai servizi di refezione e scuolabus, insieme alla gestione dei servizi per
l’infanzia, risultano prioritarie per l’Amministrazione.
Refezione scolastica
Il servizio mensa, da avviare ogni anno in stretta prossimità con l’avvio dell’anno scolastico, viene
calibrato sulla base delle specifiche esigenze; sono elemento di alta qualità e gradimento da parte
dei bambini, delle famiglie e delle scuole , le rotazioni degli alimenti che danno origine ad un menù
molto vario organizzato su 4 settimane e per fasce di età. Il sito resta lo strumento informativo più
celere ed efficace per tutte le informazioni riguardanti i servizi erogati. E’cura dell’Ufficio
monitorare nel dettagli espletamento dei servizi aggiuntivi offerti dall’appaltatore in sede di gara
che rivestono particolare interesse.
Servizio Scuolabus
Emerge la necessità di ottimizzare il trasporto scolastico nella Frazione di Rosignano Solvay dove
sono presenti sia il servizio di Scuolabus che il TPL laddove la presenza di quest’ultimo interdice la
possibilità di ricorre
allo scuolabus. Per fare questo il Comune
ha
avviato iniziative di
sensibilizzazione per la creazione di una rete spontanea di CAR POOLING su piattaforma on-line
che deve essere nuovamente promossa ed intende avviare, in collaborazione con le Direzioni
Didattiche, un progetto per invogliare i bambini a percorrere “a piedi” il tragitto casa/scuola/casa,
Progetto PEDIBUS, al fine di diffondere abitudini salutari oggi un po’ perse e buone pratiche di
mobilità sostenibile.
Ufficio attività educative
Rilevante per il 2017 e gli esercizi seguenti sono:
-
l’attività del Tavolo Scuola in quanto consente di valutare meglio i bisogni della comunità
locale al fine di dare servizi migliori ed operare scelte strategiche sulla localizzazione degli
edifici scolastici;
212
-
i lavori della Conferenza Zonale in quanto consentiranno ai 4 Comuni di avere elementi di
conoscenza indispensabili per pianificare in maniera adeguata la dotazione scolastica del
territorio.
Necessario mantenere elevato il livello di formazione del personale caratterizzato dalla presenza di
diversificate figure professionali; rilevare e monitorare adeguatamente i contratti di servizio e
l’erogazione dei contributi comunali nonché l’erogazione delle risorse regionali (Pez infanzia e Pez
scolare).
Rientra tra le azioni da contestualizzare più precisamente il “Settembre Pedagogico” e la “Giornata
dei servizi educativi” che potrebbe divenire “del sistema scolastico” da realizzare a maggio per
verificare/monitorare le attività didattiche svolte.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (quota parte)
n. 1 Autista di ruolo
n. 1 Capo cuoco di ruolo
n. 8 cuochi di ruolo
n. 1 funzionario Responsabile P.O. cat. D
n. 50% un Istruttore Direttivo cat. D
n. 3 Istruttore Amministrativo cat. C di ruolo
n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
n. 72,82% un Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 14 personal computer
n. 11 stampanti distribuiti sui servizi.
n. 1 autocarri per mense scolastiche.
n. 1 autocarro per i trasporti scolastici.
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 164 SERVIZI AUSILIARI ALL'ISTRUZIONE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
3.284.852,97
3.284.852,97
213
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
3.278.917,19
3.278.917,19
ANNO
2018
3.272.103,76
3.272.103,76
ANNO
2019
3.288.977,76
3.288.977,76
Missione 165 “ Tutela e valorizzazione dei beni culturali e attività culturali”
PROGRAMMA 166 “ATTIVITA’ CULTURALI ED INTERVENTI DIVERSI NEL
SETTORE CULTURALE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- BIBLIOTECA
- MUSEO
- SERVIZI CULTURALI
- PROMOZIONI TURISTICO-CULTURALI
- GEMELLAGGIO
Il Comune di Rosignano Marittimo ha operato la scelta di impegnarsi a favore della promozione
della cultura intesa come politica di cittadinanza e fattore di sviluppo umano e sociale. Si cerca,
quindi, di promuovere politiche culturali coinvolgenti e partecipate, capaci di indurre curiosità,
produrre intrecci e relazioni, sperimentare forme nuove di produzione e circolazione della
conoscenza.
In questo sforzo riveste un ruolo centrale l’azione formativa, considerata elemento cardine intorno
al quale costruire un quadro integrato capace di coinvolgere numerosi soggetti, promuovere buone
pratiche, avviare processi sociali, alimentare e diffondere la riflessione sui saperi fondamentali.
Si vogliono cercare e offrire gli strumenti per favorire la capacità di leggere nel presente i segni
della evoluzione storica e per valutare le possibilità di trasformazione futura, nella convinzione che
tali abilità stiano alla base di una cittadinanza consapevole e di una corretta azione amministrativa.
In questa prospettiva avranno un ruolo centrale la ricerca della innovazione di qualità e socialmente
utile e la valorizzazione della creatività giovanile. Coscienti che la cultura ha grandi capacità di
attrarre risorse positive e attivare circoli virtuosi, si punta all’aumento e alla differenziazione della
offerta culturale anche al fine di favorire lo sviluppo dell’indotto costituito da servizi, lavoro e
mercato.
Si punterà ancora una volta ad un programma il più possibile coordinato che mirerà principalmente
alla valorizzazione delle strutture (Archivio Storico, Biblioteca, Centro di Educazione Ambientale,
Museo Archeologico ecc.) e dei beni culturali, librari, documentari e archivistici in esse conservati;
si cercherà, per quanto possibile, di continuare a investire nelle attività di promozione culturale con
214
valenza didattica (formale e non formale) volte ad offrire una conoscenza approfondita delle
peculiarità che riguardano il territorio comunale; si cercherà di mantenere la tradizionale
collaborazione con istituti universitari, soprintendenze e/o istituzioni culturali di rilievo nazionale,
al fine di garantire la qualità scientifica dei programmi culturali promossi dalla Amministrazione
Comunale; si cercherà sempre più di creare produttive sinergie tra la proposta culturale e la offerta
turistica che la zona può esprimere.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Le finalità di carattere triennale sono così rappresentate:
La Biblioteca Comunale, inserita nel nuovo Centro Culturale Le Creste, grazie alle specifiche
caratteristiche architettoniche, logistiche e gestionali dell’innovativo complesso, si configurerà
sempre più efficacemente come luogo di fusione tra saperi e innovazione. Oltre ai tradizionali
compiti di conservazione e incremento del patrimonio e dei servizi di consultazione e prestito, essa
dovrà divenire sempre più un luogo di informazione e formazione, di esperienze e di incontri,
capace di offrire efficaci strumenti per orientarsi nella complessità del contemporaneo e operare
incursioni nella propria interiorità, per attivare confronti tra esperienze, progetti e generazioni
diverse, tra politiche sociali, educative, culturali, dell’intrattenimento e del gusto.
Nel 2017 si intende puntare ad un maggior coordinamento delle attività presenti nel Centro
(Biblioteca, CIAF, Sala conferenze/Spazio polivalente, Caffetteria) e al più ampio coinvolgimento
di soggetti esterni capaci di interessare ampie fasce della cittadinanza, con l’obiettivo anche di
mantenere/incrementare il livello di presenze registrato a seguito della apertura nella nuova sede.
Il ruolo del Centro “Le Creste” sarà ulteriormente valorizzato nel quadro del Progetto di
Innovazione Urbanistica che si intende rivolgere all’area di Rosignano Solvay , nella quale il Centro
stesso è presente.
Il nuovo allestimento del Museo Archeologico di Rosignano Marittimo, seguito ai lavori di
adeguamento impiantistico, è stato arricchito di una sezione destinata a esposizione temporanea e
rinnovato in relazione alle collezioni permanenti, con una particolare attenzione rivolta alla
documentazione del fondamentale legame del territorio con il mare. Oltre a garantire la
conservazione dei reperti, la struttura può tornata a promuovere, con maggiore impegno e
articolazioni, la tradizionale proposta culturale, scientifica ed educativa (attività didattiche, Amico
Museo, Notti dell’Archeologia, ecc. ).
Tale proposta, unitamente alla valorizzazione nella stessa ottica del Museo Milani di
Castiglioncello, ormai definitivamente allestito e fruibile (tra l’altro recentemente dotato di una
didascalizzazione a mezzo digitale) e al tradizionale sostegno rivolto agli Scavi di S. Gaetano, sarà
215
progettata e promossa come parte di un vero e proprio “sistema archeologico”. Nella impossibilità
di creare un reale Parco archeologico, per problemi legati alla sicurezza e alla logistica, si studierà
la possibilità di valorizzare in senso scientifico e turistico l’intero sistema facendo ricorso ai nuovi
strumenti informatici e tecnologici.
Con la gara avviata a fine 2016 per l’individuazione del soggetto gestore dei servizi Museali per il
prossimo biennio, si apre uno scenario di nuove opportunità per la promozione delle strutture e
dell’intero territorio comunale che verranno approfondite e seguite con attenzione anche
nell’intento di fare rete tra le realtà comunali (Archivio Storico, già trasferito e riordinato in nuova
sede, Musei Archeologici, Museo di Storia Naturale, in attesa di trasferimento in nuova sede,
Centro di Educazione Ambientale, ecc.) avvalendosi di competenze di operatori qualificati.
Si cercherà di continuare a valorizzare il ruolo propositivo delle numerose Associazioni presenti sul
territorio, rispetto alle esigenze della cittadinanza, rivolgendo loro un sostegno strategico che cerchi
di sopperire a quello direttamente economico che non sarà più possibile mantenere nei termini e nei
modi adottati sino ad oggi.
L’Archivio Storico (insieme al Fondo P. Gori e nel quadro delle politiche regionali) sarà elemento
cardine di un sistema condiviso di conservazione e valorizzazione della memoria storica.
Il Museo di Storia Naturale si qualificherà sempre più come punto di riferimento per la diffusione
della cultura scientifica, che avrà come base la conoscenza approfondita delle specificità del
territorio e cercherà di creare occasioni di formazione anche professionale per gli interlocutori
giovanili.
Il Centro di Educazione Ambientale, nel quadro di una azione educativa rivolta a tutti, durante tutto
l’arco della vita, continuerà a promuovere iniziative rivolte alle scuole e alla cittadinanza
concentrando la sua attenzione sui temi dei cambiamenti climatici e dell’acqua e in generale sugli
atteggiamenti virtuosi da adottare nei confronti dell’ambiente, al fine di contribuire alla creazione di
una società sostenibile nel presente e nel futuro.
Attraverso sinergie con Università, Soprintendenze, Istituti culturali si cercherà di mantenere alto il
livello culturale dei programmi che sarà ancora possibile promuovere attraverso le strutture sopra
ricordate, che si caratterizzeranno per il legame con la storia e le tradizioni culturali dei nostri
luoghi, ma anche per l’attenzione alla contemporaneità e alla sua complessità: promozione della
lettura, offerta di approfondimenti sulla letteratura, la cultura politica contemporanea, il cinema, il
paesaggio ecc.
Attraverso la sinergia con la Fondazione Armunia si continuerà ad investire nell’ormai tradizionale
percorso di rilancio delle attività teatrali e musicali sul territorio e in quei progetti più precisamente
216
educativi (formali, non formali, laboratoriali e professionali) ad esse connessi. Si punterà a
rafforzare il sistema di relazioni tra artisti e territorio e di iniziative di formazione del pubblico.
Da un proficuo rapporto con la Regione Toscana è nata la possibilità di intervenire in maniera
conservativa sul Castello Pasquini e di pensare ad un nuovo Progetto culturale che veda tale
struttura al centro di relazioni di collaborazione con i più importanti soggetti della costa Toscana,
impegnati in un rilancio e rinnovamento della promozione culturale, a tutto campo.
A fine 2017 il Castello e tutte le aree di sua pertinenza dovrebbero essere chiuse al pubblico per
permettere l’intervento di adeguamento strutturale.
Si prevede che la sede della Fondazione Armunia venga spostata presso il Castello di Rosignano
Marittimo, in spazi interni al Castello che permetteranno la prosecuzione delle attività legate al
Progetto Residenze, fortemente voluto dal Ministero e dalla Regione.
L’acquisizione del Teatro Solvay, rispetto al quale l’Amministrazione Comunale ha già provveduto
a programmare per l’autunno - inverno 2016/’17 una stagione teatrale nata dalla collaborazione con
la Fondazione Toscana Spettacolo, offrirà un nuovo importante polo territoriale per il tradizionale
impegno del Comune nel campo dello spettacolo.
Grazie al rafforzamento della collaborazione con i più qualificati soggetti operanti nel campo del
turismo si cercherà di sottolineare e incrementare la valenza promozionale e turistica che la
programmazione culturale può esprimere.
Nel campo del Gemellaggio, si offrirà il consueto sostegno alle attività del locale Comitato, si
collaborerà con i progetti più istituzionali dell’ente e ci si coordinerà con le politiche sociali volte a
facilitare quegli scambi culturali tra tradizioni e esperienze di cittadinanza diverse.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (quota parte)
n. 1 funzionario D6 in PO
n. 1 funzionario D6
n. 1 istruttore direttivo D4
n. 1 istruttore direttivo D1 (personale in aspettativa)
n. 4 istruttori amministrativi C
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 24 pc di cui 1 assegnato al Dirigente, 5 alla Biblioteca - postazioni internet pubblico)
n. 1 MAC
n. 6 pc portatili (di cui 1 assegnato al Dirigente)
217
n. 6 fotocopiatrici (di cui 1 anche con funzioni di stampante, 1 assegnata alla Biblioteca con
tessera magnetica per utilizzo da parte del pubblico)
n. 9 stampanti (di cui 4 con scanner incorporato, 1 con funzioni di fotocopiatrice)
n. 1 stampante per etichette libri (assegnata alla Biblioteca)
n. 3 scanner
n. 4 proiettori multimediali
n. 3 fax
n. 3 televisori
n. 10 iPad (assegnati alla Biblioteca)
n. 15 e-book reader (assegnati alla Biblioteca)
n. 4 lettori dvd
n. 4 lettori vhs
n. 2 fotocamere digitali
n. 1 videocamera digitale
n. 5 cuffie stereo
n. 4 calcolatrici elettriche
n. 1 lavagna luminosa
n. 2 saldatrici a caldo per plastificazione documenti
n. 1 taglierina elettrica
n. 1 taglierina manuale
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 166 ATTIVITA' CULTURALI E INTERVENTI
DIVERSI NEL SETTORE CULTURALE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
1.837.047,81
1.855.541,69
3.692.589,50
218
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
1.847.696,16
1.984.844,33
3.832.540,49
ANNO
2018
1.632.403,61
1.430.000,00
3.062.403,61
ANNO
2019
1.569.109,15
1.569.109,15
Missione 167 “ Politiche giovanili – sport e tempo libero”
PROGRAMMA 168 “POLITICHE GIOVANILI”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
PROGETTO GIOVANI
Il progetto si base sulle seguenti linee essenziali:
-
Gestire ed organizzare le attività del CENTRO GIOVANI e INFORMAGIOVANI - CIAF
collocato all’interno del Centro Le Creste al fine di creare comunicazione e momenti di
aggregazione per i Giovani, fornire accoglienza, informazione e supporto attraverso gli
sportelli “curriculum”, “Orientamento Universitario” e Eurodesk”; attività specifiche dello
“Spazio Giovani”, dove son disponibili la navigazione gratuita in Internet, le attività ludiche,
il disegno libero, la proiezione di films, l’ascolto della musica e vari spazi di lettura.
-
Promuovere e creare percorsi indirizzati al sostegno ed alla formazione dell’imprenditoria
giovanile anche attraverso rapporti di collaborazione con l’INCUBATORE d’IMPRESA ed
accessibilità a fondi europei;
-
Sviluppare e sostenere la creatività giovanile, individuando anche spazi dove i giovani
possano incontrarsi, fare musica, arte e spettacolo.
-
Presentazioni progetti per il servizio civile regionale, tra cui lo sportello per i cittadini “Ecco
Fatto – Botteghe della salute” nella frazione di Nibbiaia e gestione dei progetti dei giovani
inseriti.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Obiettivo triennale n. 1: Gestione CIAF – Centro Giovani – Informagiovani
Le attività per il triennio 2017-2019 sono rivolte ad incrementare l’offerta verso il target giovani per
quanto concerne l’informazione e l’orientamento in materia di studio, lavoro, tempo libero,
volontariato, etc.. Un ruolo importante è svolto dall’Informagiovani, che dovrà avere sempre più la
capacità di promuovere le politiche giovanili locali, ampliare il proprio orario renderlo flessibile,
promuovendo la partecipazione ed il coinvolgimento dei ragazzi andare presso le scuole; guidare gli
utenti verso scelte consapevoli, favorire l’accesso ai servizi pubblici, accrescere la sensibilità
pubblica e sociale riguardo alla condizione giovanile (cittadinanza sociale dei giovani), favorire la
219
semplificazione delle procedure inerenti ai settori dell’Istruzione, Formazione, Lavoro e tempo
libero (soggiorni all’estero, campi di lavoro, associazionismo internazionale, ecc).
Obiettivo triennale n. 2: progetto “Spiders: il sistema dei social hub diffusi”
A seguito della conclusione nel 2016 del il progetto “Spiders: il sistema dei social hub diffusi”, si
prevede la continuazione del supporto dell’Ente all’Associazione di Giovani che hanno partecipato
al progetto e che hanno avviato la loro attività innovativa (fab-lab, ludoteca, ecc.).
Obiettivo n. 3: Favorire la costruzione di reti tra il sistema educativo/formativo e quello
imprenditoriale.
L’obiettivo è quello di avviare un percorso che migliori la sinergia tra mondo educativo/formativo
e mondo del lavoro attraverso l’attivazione percorsi ad hoc di alternanza scuola-lavoro, anche in
collaborazione con le imprese del territorio ed altre iniziative correlate. Il primo step da affrontare,
in tal senso, dovrebbe essere quello informativo, favorendo la partecipazione di tutti i soggetti
interessati, imprese, scuole, agenzie formative e studenti, garantendo così l’avvio di un percorso
condiviso, con l’obiettivo ultimo di costituire una rete che attivi momenti di scambio e
progettazione di attività congiunte che migliorino l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. In
sinergia con le azioni messe in campo sul tema da altri soggetti, vedi Camera di Commercio di
Livorno. Si prevede l’adesione ad un protocollo attuativo “Alternanza Scuola lavoro e
orientamento” per le scuole superiori di secondo grado della provincia di Livorno, in attuazione
della L. 107/2015 e relative linee guida del MIUR.
Obiettivo n. 4: Interventi per il diritto allo studio- Pacchetto Scuola.
L’obiettivo è quello di erogare contributi per il sostegno alle famiglie per le spese di frequenza
scolastica, con la pubblicazione di bando, istruttoria delle domande e pubblicazione delle
graduatorie. Si prevede, inoltre, un monitoraggio dei servizi erogati in favore dei minori sia
scolastici che extra-scolastici nel territorio comunale.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (quota parte)
n. 1 Responsabile dell’U.O. P.O (per quota parte)
n. 1 Funzionario amm.vo part-time 50% ( per il 10%)
n. 1 Istruttore Direttivo Amministrativo 60%
n. 1 Istruttore direttivo SEC al 10%
220
n. 1 Istruttore Amministrativo 20%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 6 pc,
n. 3 stampanti,
n. 4 calcolatrici,
n. 2 fotocopiatrici
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 168 POLITICHE GIOVANILI
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
202.427,09
202.427,09
221
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
135.510,00
600.000,00
735.510,00
ANNO
2018
127.510,00
1.800.000,00
1.927.510,00
ANNO
2019
125.510,00
125.510,00
Missione 167 “ Politiche giovanili – sport e tempo libero”
PROGRAMMA 169 “SPORT E TEMPO LIBERO”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
-
PISCINA
-
IMPIANTI SPORTIVI E UFFICIO SPORT
Il progetto consiste principalmente in:
-
contribuire alla crescita di una cultura ludico-motoria ovvero sportiva di base promossa e
sperimentata nell’ottica dello Sport per tutti;
-
legare lo sport al turismo perché il nostro territorio per la propria struttura morfologica
presenta condizioni favorevoli allo svolgimento di qualsiasi attività sportiva. Il turismo
sportivo dovrà essere un’occasione di sviluppo del territorio;
-
dare risposte mirate alle diverse esigenze che si manifestano nel campo dello sport, per
migliorare e riqualificare le dotazioni tecniche di una parte degli impianti e delle strutture,
per sviluppare gli interventi finalizzati alla crescita della partecipazione sportiva non
agonistica e multidisciplinare;
-
Nuova gestione della piscina comunale con miglioramento del servizio ed interventi di
manutenzione straordinaria, a seguito di bando di gara.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Obiettivo triennale n. 1: Sport e turismo:
Partendo dalla constatazione che il territorio del nostro Comune permette la pratica a diretto
contatto con la natura di sport come la canoa, il surf, il kite-surf, il sup, la vela, il nuoto, il trekking,
la mountain-bike, il ciclismo, la pesca sportiva, il tiro con l’arco ed il cicloturismo, occorre
cogliere questa opportunità affinché, anche attraverso la capacità che hanno le società sportive di
organizzare manifestazioni ed eventi di grande rilievo, tali iniziative siano un’occasione di
promozione complessiva del turismo e di crescita dello sport. Si prevede nel triennio 2017-2019 la
predisposizione di un programma di iniziative di promozione di turismo sportivo sulla base delle
proposte dell’Agenzia dello Sport di recente costituzione. Inoltre si è attivata nel 2016 e proseguirà
nel triennio 2017/2019 l’implementazione e la gestione di una sezione dedicata allo sport sul nuovo
222
sito web turismo. Si prevede anche l’implementazione del canale tematico sul sito web del comune
dedicato allo sport.
Obiettivo triennale n. 2: Promozione dello Sport
L’obiettivo è quello della diffusione della cultura e della pratica delle attività sportive e ludico –
motorie - ricreative fra tutti i cittadini residenti, senza alcun tipo di distinzione di età, sesso e
condizione sociale, considerando lo sport come attività finalizzata al benessere della persona, alla
prevenzione delle malattie e di qualsivoglia disagio, attraverso il coordinamento di eventi e
manifestazioni sportive in collaborazione con l’Agenzia dello Sport.
Obiettivo triennale n. 3: Impianti Sportivi
In attuazione del nuovo Regolamento comunale di gestione degli impianti sportivi, le strutture
verranno affidate agli Enti di promozione dello sport ed alle Associazioni Sportive mediante
procedure selettive ad evidenza pubblica. L’adozione del regolamento, che è stato oggetto di
confronto politico e con le associazioni del territorio, costituisce un punto di riferimento importante
sia per le modalità di assegnazione degli impianti che per quanto concerne la regolamentazione dei
rapporti con gli enti sportivi nella gestione degli impianti. Sarà attuato un controllo sulla gestione
degli impianti affidati e proseguirà la collaborazione con l’U.O. Manutenzioni per la
programmazione degli interventi di manutenzione da compiere nei vari impianti sportivi. Sarà
attivato, in ottemperanza alle legge regionale 22/2013, il controllo sulla installazione negli impianti
sportivi e il conseguente corretto utilizzo dei defibrillatori semiautomatici.
Obiettivo triennale n. 5: Piscina comunale
A seguito dell’espletamento della procedura del bando di gara aperto e della stipula del contratto di
concessione di servizio per la gestione, per 9 anni, della Piscina Comunale della Mazzanta, alla fine
del 2016, con S.P.A. S.S.D. Sport Management, in qualità di capogruppo, si prevede il controllo
dell’Ente sulla corretta gestione e corretta attuazione degli impegni contrattuali e degli interventi di
manutenzione straordinaria prevista.
Il nuovo affidamento amplia le possibilità di utilizzo anche nel periodo estivo della piscina e
l’offerta qualitativa del servizio a fronte di una notevole riduzione di costi di gestione e di
investimento per il Comune.
Obiettivo triennale n. 6: Sostegno alle manifestazioni sportive
223
Sviluppo e promozione, con la collaborazione dell’Agenzia dello Sport e delle scuole del territorio
di attività sportive mediante azioni di coordinamento gestionale e iniziative di orientamento, così
come previsto dalla Legge Regione Toscana n. 21/2015 ad oggetto “Promozione della cultura e
della pratica delle attività sportive e ludico – motorie - ricreative e modalità di affidamento degli
impianti sportivi”, che annovera tra le finalità la tutela e valorizzazione dell’associazionismo e del
volontariato sportivo e la diffusione di tutte le discipline sportive per fornire pari opportunità di
accesso alla pratica sportiva;
Si prevede la stipula di convenzioni con associazioni sportive e non e con le scuole del territorio
per la realizzazione di progetti fondati sul riconoscimento dello sport nel suo valore di benessere,
condivisione, integrazione crescita per tutte le fasce d’età, alla valorizzazione delle eccellenze
sportive del territorio ed inoltre dello sport visto anche come integrazione sociale e formazione per
bambini e ragazzi;
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (quota parte)
n. 1 Responsabile dell’U.O., P.O. (per quota parte)
n. 1 Funzionario amm.vo part-time al 50% ( per il 50%)
n. 1 istruttore direttivo amm.vo ( 20%)
n. 1 Istruttore Amministrativo (60%)
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 5 pc,
n. 3 stampanti,
n. 3 calcolatrici,
n. 1 fotocopiatrice
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 169 SPORT E TEMPO LIBERO
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
726.827,18
363.624,46
1.090.451,64
224
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
463.553,61
579.000,00
1.042.553,61
ANNO
2018
451.416,94
70.000,00
521.416,94
ANNO
2019
449.482,22
70.000,00
519.482,22
Missione 170 “ Turismo”
PROGRAMMA 171 “SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DEL TURISMO”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
TURISMO
Il progetto consiste principalmente nelle seguenti attività:
-
gestione dei procedimenti inerenti le strutture turistico-ricettive, le professioni turistiche,
le manifestazioni fieristiche ed espositive, le piscine ad uso collettivo, la vendita di opere
dell’ingegno;
-
approvazione di convenzioni e protocolli d’intesa con le associazioni del territorio per la
realizzazione e gestione di iniziative di intrattenimento e di rassegne enogastronomiche ;
-
concessione contributi ad organismi ed associazioni per iniziative con finalità turistiche;
-
gestione attività inerente l’informazione e l’accoglienza turistica;
-
gestione dei procedimenti inerenti iniziative turistico-commerciali temporanee e
straordinarie (mercatini);
-
realizzazione di strumenti di promozione del territorio, attività del gruppo di lavoro per
la promozione della cultura, del turismo e dello sport e più in generale di promozione e
valorizzazione del territorio, predisposizione di calendari coordinati delle iniziative ed
eventi del territorio e di comunicazione delle varie iniziative;
-
gestione dell’Osservatorio Turistico di Destinazione ed aggiornamento dei dati inseriti
sulla piattaforma regionale;
-
gestione dell’attività amministrativa relativa a progetti di promozione promossi
dall’amministrazione;
-
gestione del sito web, sia per quanto riguarda i canali tematici che per quanto concerne
gli adempimenti per l’amministrazione trasparente;
-
Realizzazione, pubblicazione e gestione del sito web turistico.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Il progetto si propone di incentivare e sostenere le iniziative di promozione con finalità turistiche,
sia eno-gastronomiche che di spettacolazione, promosse dalle associazioni presenti sul territorio,
225
mediante l’approvazione di convenzioni e protocolli d’intesa finalizzati alla collaborazione nella
gestione delle iniziative e all’erogazione di contributi.
Un obiettivo in particolare concerne la riorganizzazione della gestione degli uffici turistici: a seguito
della partecipazione ad un’apposita procedura di gara, è risultato aggiudicatario un raggruppamento
temporaneo di imprese, con capofila la società ITouch&Tour. Il soggetto affidatario ha già avviato,
in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, un percorso di promozione e valorizzazione
del territorio comunale, abbinando al classico servizio di informazione ed accoglienza turistica,
l’attività di prenotazione e vendita di servizi e pacchetti turistici. A tal fine sono stati avviati proficui
rapporti con gli operatori del settore turistico e con le associazioni culturali, ricreative e sportive del
territorio comunale, al fine di arrivare ad elaborare un planning condiviso di iniziative ed eventi che
possano rendere più appetibile l’offerta turistica, proponendo un pacchetto di attività che possano
spaziare dal mare alla collina.
La promozione e la valorizzazione delle risorse turistiche del territorio passa anche attraverso la
gestione di un sito web turistico, la cui realizzazione è stata affidata ad una ditta tramite una
procedura ad evidenza pubblica. Il soggetto affidatario del servizio, in stretta collaborazione con
tutti gli uffici interessati, ha realizzato la struttura del portale, che è stato pubblicato all’inizio di
agosto 2016. Il sito, che dovrà essere implementato e tenuto costantemente aggiornato, si propone
di promuovere e valorizzare le risorse del territorio, attraverso una comunicazione semplice ed
intuitiva. Una delle sezioni di maggiore interesse, sia per i turisti che per i cittadini, e senz’altro
quella dedicata agli eventi; cliccando sulla data prescelta vengono visualizzate le iniziative in
programma, che possono essere corredate da materiale fotografico e descrizioni. L’interfaccia che è
stato messo on line continuerà ad essere utilizzato da tutti gli uffici interessati come uno strumento
per coordinare e pubblicizzare le iniziative turistiche, culturali e sportive, promosse
dall’Amministrazione Comunale e dalle realtà associative locali.
A seguito della costituzione dell’Osservatorio Turistico di Destinazione, che si pone come un
sistema permanente di confronto e misurazione nell’ottica della competitività e sostenibilità dei
processi di sviluppo, continueranno le attività di tale organismo previste dall’adesione al progetto
regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (per quota parte);
n. 1 Cat. D Posizione Organizzativa al 20%
n. 1 Cat. D dipendente di ruolo al 70%
n. 1 Cat. C dipendente di ruolo al 100%
226
n. 1 Cat. C dipendente di ruolo al 70%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 3 personal computer
n. 2 stampanti
n. 1 scanner
auto da utilizzare in gestione al Settore Programmazione e sviluppo del territorio.
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 171 SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DEL
TURISMO
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
212.570,92
160.000,00
372.570,92
227
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
248.230,19
290.000,00
538.230,19
ANNO
2018
203.475,97
260.000,00
463.475,97
ANNO
2019
183.475,97
260.000,00
443.475,97
Missione 172 “ Assetto del territorio ed edilizia abitativa”
PROGRAMMA 173 “URBANISTICA – ASSETTO DEL TERRITORIO”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- URBANISTICA (EDILIZIA PRIVATA) le modifiche in rosso
- PIANIFICAZIONE TERRITORIALE le modifiche evidenziate in giallo
Il progetto consiste principalmente in:
-
definizione e gestione degli strumenti della pianificazione, sia territoriale che urbanistica, e
loro varianti comprese le connesse valutazioni ambientali;
-
predisposizione atti di competenza comunale relativi a procedure di VIA provinciale,
regionale e statale;
-
predisposizione, gestione e monitoraggio delle convenzioni urbanistiche;
-
gestione del sistema informativo territoriale comunale e dei data base per la predisposizione
delle cartografie;
-
gestione della toponomastica e della numerazione civica;
-
predisposizione dei certificati di destinazione urbanistica e vidimazione frazionamenti;
-
gestione del demanio marittimo;
-
predisposizione bandi pubblici per assegnazione aree demaniali marittime procedure e atti
per l’affidamento in gestione di aree afferenti al demanio marittimo;
-
definizione e gestione del piano regolatore portuale;
-
gestione delle convenzioni del porto turistico;
-
valutazioni urbanistiche anche di interesse degli altri settori/servizi, pareri, verifiche
catastali, verifiche demaniali m.me, rapporti con l’Agenzia delle Entrate, l’Agenzia del
Demanio, Capitaneria di Porto.
-
procedimenti e attività inerenti permessi di costruire, le S.C.I.A. e le Comunicazioni Inizio
Lavori comprensivo della gestione oneri di urbanizzazione;
-
procedimenti e attività inerenti l'agibilità dei fabbricati;
-
gestione delle competenze comunali in materia di attestazione di prestazione energetica;
-
accertamenti di conformità ex art. 209 LR 65/2014;
-
condoni edilizi;
228
-
gestione dei procedimenti sanzionatori in materia di abusi edilizi e supporto tecnico al
comando di polizia municipale nel controllo e verifica dell'attività edilizia sul territorio;
-
procedure relative al vincolo paesaggistico: autorizzazioni, accertamenti di compatibilità,
ecc..;
-
gestione delle competenze comunali in materia di vincolo idrogeologico;
-
autorizzazioni sulle attività estrattive;
-
gestione del contenzioso: redazione memorie e controdeduzioni su ricorsi in materia di
pianificazione territoriale, edilizia privata e demanio m.mo;
-
procedimenti sanzionatori ex Legge n. 689/1981, nelle materie di competenza;
predisposizione ordinanze;
-
cura di eventuali manifestazioni e promozioni settoriali;
-
gestione bilancio di competenza; rapporti con l’ufficio personale; rapporti con gli uffici
economato e CED; gestione cancelleria e strumentazioni in dotazione; richiesta DURC;
-
partecipazione alle seguenti gestioni associate:
- catasto della Bassa Val di Cecina in scadenza nel 2017
-
regolamento edilizio in scadenza nel 2017
- supporto dell’Ufficio SIT all’ufficio associato “Catasto incendi boschivi”
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Revisione degli strumenti urbanistici, partendo dalla identificazione delle priorità economiche,
ambientali e sociali del territorio, per avviare una fase di riqualificazione urbanistica ed edilizia, di
rigenerazione urbana e ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente, che preveda il minor
consumo di suolo possibile per l’edilizia residenziale e favorisca gli investimenti produttivi in
agricoltura, nel turismo, nel commercio e nell’industria. Nella fase preliminare a supporto del
nuovo strumento di pianificazione urbanistica si procederà alla realizzazione dello studio di
microzonazione sismica del territorio.
La finalità da conseguire, alla luce della nuova normativa regionale e all’entrata in vigore del Piano
Paesaggistico regionale, è l’adeguamento degli strumenti urbanistici vigenti alle nuove disposizioni
e la predisposizione di specifiche varianti urbanistiche parziali al Regolamento Urbanistico vigente.
Monitoraggio ed eventuale revisione della regolamentazione comunale con particolare attenzione
alla disciplina delle strutture temporanee sia su suolo pubblico che privato alla luce delle eventuali
normative sopravvenute .
Saranno organizzati incontri di aggiornamento/informazione per i liberi professionisti che operano
nel territorio comunale per garantire un costante aggiornamento e informazione, sulle novità
229
normative e procedurali in materia di edilizia ed urbanistica, titoli abilitativi edilizi e sulle
normative regolamentari comunali.
Sarà curata l’implementazione dell’Archivio Nazionale degli stradari e dei numeri civici in
attuazione della convenzione del 21.06.2010 tra L’Istat e l’Agenzia del Territorio.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
U.O. Edilizia Privata
n. 1 unità Cat. D6 PO funzionario tecnico
n. 1 unità Cat. D4 istruttore direttivo tecnico
n. 1 unità Cat. D3 geologo (part-time al 50%)
n. 1 unità Cat. D1 istruttore direttivo tecnico
n. 2 unità Cat. C5 istruttore geometra
n. 3 unità Cat.C4 Istruttore tecnico (di cui uno part-time al 91,66)
n. 1 unità Cat. C1 Istruttore tecnico
n. 1 unità Cat. C3 Istruttore amministrativo
n.___ unità Cat. C Istruttore amministrativo (?)
U.O. Pianificazione :
n. 1 unità Cat. D5 – P.O.
n. 2 unità Cat. D1 - istruttore direttivo tecnico
n. 2 unità Cat D1 istruttore direttivo
n. 1unità Cat. C5 - istruttore geometra
n. 1 unità Cat. C2 - istruttore geometra
n. 1 unità Cat. C3 - Istruttore amministrativo
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
U.O. Edilizia Privata:
n. 1 Computer portatile
n. 1 Fotocopiatrice multifunzione
n. 11 +_ PC
n. 1 scanner
n. 1 stampanti laser
n. 2 Telefoni cellulari di servizio
n. 1 macchina fotografica digitale Olympus
230
n. 1 chiavetta USB
n. 2 auto (a disposizione di tutto il Settore Programmazione e sviluppo del Territorio)
U.O. Pianificazione:
N. 9 8 personal computer fissi
N. 1 personal computer portatile
N. 2 plotter
N° 1 stampante laser a colori Hp 5550
N°. 1 fotocopiatrice con funzioni di stampante e scanner Olivetti Generic 35C-3/30
N°. 1 scanner hp scanjet 4500c su postazione
N. 1 macchina fotografica NIKON
N. 1 Macchina fotografica digitale OLIMPUS
N. 1 Videocamera digitale CANON
N. 1 POS
N. 1 GPS Geoxsplorer TRIMBLE
N. 2 GPS Garmin 60S
N. 1 Taglierina da tavolo formato A4
N. 1 taglierina formato A0
N. 1 videoproiettore + schermo
N. 2 Telefoni cellulari di servizio
N. 1 Chiavetta USB
N. auto (a disposizione di tutto il Settore)
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 173 URBANISTICA E ASSETTO DEL
TERRITORIO
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
662.559,69
121.515,40
784.075,09
231
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
665.182,27
155.015,40
820.197,67
ANNO
2018
649.982,27
5.000,00
654.982,27
ANNO
2019
647.982,27
5.000,00
652.982,27
Missione 174 “Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente”
PROGRAMMA 175 “TUTELA – VALORIZZAZIONE E RECUPERO AMBIENTALE”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
UFFICIO AMBIENTE
Fanno capo a questo centro di costo tutte le attività relative agli adempimenti normativi in materia
di ambiente, alla tutela delle varie matrici ambientali ed alla salvaguardia della salute pubblica oltre
alla gestione dei rapporti con le Autorità preposte al controllo ambientale e con i Gestori dei Servizi
Pubblici a rilevanza ambientale. Afferiscono inoltre a questo centro di costo le attività legate ad
interventi di tutela igienico-sanitaria, le istruttorie tecniche e il rilascio delle autorizzazioni agli
scarichi in ambiente e quelle relative alle procedure di bonifica, i pareri tecnici istruttori per il
rilascio delle AUA, il rilascio di deroghe acustiche per attività di cantiere, controllo e rimozione
scarichi abusivi, istruttorie e pareri tecnici di competenza comunale per procedure di AIA, VIA,
emissioni in atmosfera e scarichi idrici. Aggiornamento degli strumenti di pianificazione e
regolamentazione acustica. Sono di competenza l’attività di rimozione delle carcasse animali, la
derattizzazione negli edifici e nelle aree pubbliche, la rimozione dei materiali lignei ed antropici
spiaggiati lungo tutto il litorale, l’aggiornamento e il rinnovo di concerto con le autorità competenti
della cartellonistica relativa a salvamento, balneabilità, bandiera blu e arenili, costituzione del
canale di kite surf ove previsto. All’ufficio competono le pratiche di erogazione contributi amianto,
emissione ordinanze di tematica ambientale e tutela della salute. Fanno capo inoltre a questo centro
di costo le attività svolte per la gestione di esposti e segnalazioni e l’effettuazione della
demuscazione nelle campagne ove richiesta dai cittadini, la programmazione della disinfestazione
della zanzara sul territorio. E’ in capo all’ufficio lo svolgimento della procedura per l’ottenimento
della Bandiera Blu di cui si è referenti. Attività volte all’educazione ambientale, il risparmio
energetico e dell’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili oltre all’ organizzazione di eventi relativi a
tematiche ambientali. E’ previsto l’affidamento del servizio di sorveglianza della costa per motivi di
sicurezza in mare e per la segnalazione di inquinamenti ambientali; è inoltre previsto l’affidamento
del servizio di salvamento sulle spiagge.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
232
Il territorio comunale è caratterizzato da flussi turistici considerevoli, che rendono necessario
approntare misure a garanzia della sicurezza dell’utenza. Per questo, ogni anno il Comune assicura
il servizio di salvamento nelle spiagge libere, coprendo, con postazioni ubicate in maniera
strategica, gran parte della fascia costiera di pertinenza. Viene altresì assicurato il servizio di pulizia
delle spiagge in vista della stagione balneare nonché il controllo, la fornitura e la sostituzione della
cartellonistica in queste aree legata anche agli adempimenti di Bandiera Blu, titolo di che il Comune
si impegna a mantenere di anno in anno.
Viene inoltre eseguito il servizio di pulizia delle spiagge al fine di garantirne la fruibilità ed il
monitoraggio dello stato di balneabilità delle acque attraverso i campionamenti ARPAT.
Ai fini della tutela ambientale viene dato seguito alla programmazione ed esecuzione dei controlli
sui taciti rinnovi degli scarichi in ambiente implementando altresì verifiche mirate
all’individuazione di scarichi ed allacci abusivi nelle zone più critiche del territorio.
Viene garantito il proseguimento delle attività di bonifica ambientale del territorio nonché il rilascio
della autorizzazioni allo scarico e delle deroghe acustiche di cantiere
Viene garantito il servizio di demuscazione nelle zone rurali nonché la derattizzazione e
monitoraggio HCPP.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 dirigente al 5%
1 funzionario D3 al 50%
1 funzionario D3 tecnico ambientale
1 istruttore direttivo tecnico D1
1 istruttore tecnico geometra C1
1 istruttore amministrativo C1
1 collaboratore professionale demuscazione B3
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
4 Pc
1 stampante
233
1 scanner
1 fotocopiatore
5 telefoni fissi
5 telefoni cellulari
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 175 TUTELA VALORIZZAZIONE E
RECUPERO AMBIENTALE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
577.253,50
130.000,00
707.253,50
234
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
570.304,22
570.304,22
ANNO
2018
562.404,22
562.404,22
ANNO
2019
508.704,22
508.704,22
Missione 174 “Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente”
PROGRAMMA 176 “AREE PROTETTE – PARCHI NATURALI – PROTEZIONE
NATURALISTICA E FORESTALE”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
PARCHI E GIARDINI
Fanno parte di questo centro di costo le attività di gestione del verde pubblico, delle fontane e degli
impianti irrigui, dei parchi giochi, delle staccionate e dell’arredo urbano.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Il servizio di gestione del verde pubblico è affidato alla società controllata RIT S.r.l.: per questo, il
bilancio prevede lo stanziamento della somma da corrispondere annualmente al gestore per effetto
della convenzione sottoscritta.
L’Amministrazione ha affidato, inoltre, al Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentarie
Agroambientali dell’Università di Pisa nel 2014, un indagine relativa alle condizioni sanitarie e
meccaniche delle piante arboree presenti nella pineta Marradi di Castiglioncello e in altre aree verde
di particolare interesse per età e mole delle alberature, dislocazione e frequentazione. Lo studio è
finalizzato al mantenimento e riqualificazione del verde, con l’individuazione di eventuali criticità
su cui intervenire con tagli, potature e rinnovo. Nella pineta Marradi nell’ottica del mantenimento
del valore socio-culturale e paesaggistico dell’intera area è stato affidato un incarico per la
redazione della progettazione della riqualificazione agronomica
comprensiva della messa in
sicurezza delle alberature esistenti e delle piantumazione di nuove essenze.
Sempre nella pineta Marradi, anche a seguito degli esiti del concorso di progettazione svoltosi
nell’anno 2013, l’ufficio ha avviato uno studio di fattibilità per realizzare il parcheggio previsto ove
adesso è localizzato il campo sportivo, mediante attivazione della procedura di finanza di progetto,
volendo coinvolgere il privato nel finanziamento e nella gestione della struttura. La priorità di
questo triennio, anche nell’ambito del verde pubblico, è data dagli interventi di carattere
conservativo-manutentivo, così da realizzare l’obiettivo, individuato nel punto “La cura del
territorio e dell’ambiente” del Programma di Mandato del Sindaco, di avere un territorio ben curato
negli arredi urbani, nel verde e nella pulizia.
235
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 dirigente al 5%
1 funzionario responsabile del servizio D3
1 geologo D part-time 50%
1 istruttore geometra C part-time 50%
2 istruttori geometra C
2 istruttori direttivi tecnico D
1 istruttore assistente edile C
2 istruttori tecnici C
13 collaboratori professionali B
3 esecutori manovali B
1 operaio tecnico manutentivo B
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
10 Pc
1 stampante
1 fotocopiatore
3 telefoni fissi
3 telefoni cellulari
236
PROGRAMMA 176 “AREE PROTETTE – PARCHI NATURALI – PROTEZIONE
NATURALISTICA E FORESTALE”
Responsabile dott.ssa Angela Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA :
•
PARCHI NATURALI
Il Parco dei Monti Livornesi si estende su territori dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e
Rosignano Marittimo e comprende le aree del Parco Provinciale, l’area demaniale denominata
Colline Livornesi, il Parco dei Poggetti (comprendente gli immobili denominati Villa Pertusati e
Casale Poggetti) e le Aree Naturali Protette di Interesse Locale – ANPIL presenti nei territori dei 3
Comuni.
Dopo una prima fase di collaborazione nella gestione tra la Provincia ed i Comuni (Protocollo
d’Intesa del 1998) è seguita una successiva fase di gestione associata da parte della Provincia
(Convenzione del 2003) che ha visto la fattiva collaborazione delle numerose Associazioni locali
operanti a vario titolo sul territorio che hanno dato vita al Progetto “Occhi sulle colline” volto a
diffondere fruizione e valorizzazione del Parco (stipula di un Protocollo d’intesa e costituzione del
Tavolo Tecnico per la definizione della sentieristica e relativa segnaletica; approvazione di un
Disciplinare per la manutenzione della sentieristica)
A causa delle modifiche normative intervenute nel 2015 (cessazione della competenza provinciale e
abolizione delle Aree Protette, come stabilito dalla L.R.T. 30/2015) si è reso necessario il riesame
complessivo dell’assetto del Parco in termini di perimetrazione delle aree oggetto di tutela, vincoli
naturalistici e gestione.
A fine 2015 il Comune di Rosignano ha iniziato a farsi carico in prima persona delle questioni
attinenti al Parco ed ha, in primo luogo, approvato il “Progetto di valorizzazione della sentieristica
di dorsale costiera” (G.C, n. 339/2015) frutto di un annoso lavoro condiviso trai i 3 Comuni e le
Associazioni e, successivamente, costituito un Gruppo di Lavoro interno dedicato coordinato dal
Settore SPI.
Durante tutto il 2016, il confronto con i nuovi referenti regionali (dal primo gennaio 2016 la
Regione Toscana è subentrata alla Provincia di Livorno negli aspetti gestionali e amministrativi) è
stato finalizzato al rilancio della richiesta delle associazioni di “Occhi sulle colline” di una nuova
237
sottoscrizione del Protocollo d’Intesa, alla sollecitazione della ripresa dei Tavoli tecnici e alla
consultazione ai fini della riclassificazione delle aree protette.
L’attivazione formale del percorso amministrativo con la Regione Toscana della verifica delle aree
protette ha costituito un primo step nella comprensione delle modalità di tutela e valorizzazione
naturalistiche prospettate dalla L.R.T. 30/2015. Dal successivo costante confronto con la Regione e
con i Comuni di Livorno e Collesalvetti è emersa l’eccessiva frammentazione delle aree comprese
nel Parco, nelle Anpil e nei Sir; da ciò consegue la necessità di procedere con una proposta di
riclassificazione congiunta, che valorizzi l’ambiente con una tutela coerente e sistemica.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
L’obiettivo è collegato all’Asse 4 “La cura del territorio e ambiente”, Missione 9 “Sviluppo
sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente”, in collegamento con l’Asse 5 “Lavoro e crescita
economica” - Progetto strategico “turismo – Realizzazione di politiche turistiche integrate e
coordinate” – 01 Sviluppo e valorizzazione del turismo.
Coerentemente con il lavoro impostato e con quello già svolto, si formulano i seguenti obiettivi:
1. Produzione di una cartografia condivisa con i Comuni di Livorno e Collesalvetti, avente gli
stessi tematismi, in modo da evidenziare aree geografiche con analoghe caratteristiche.
2. Valutazione dei possibili scenari relativi alla ridefinizione del sistema delle aree protette sulla
base delle L RT. n. 30/2015, smi, per quanto concerne le Anpil ed i SIR al fine di garantirne la
tutela, con specifici incontri tra i 3 Comuni e la Regione.
3. Ridefinizione dei confini del Parco al fine di dare continuità e coerente tutela del territorio.
4. Definizione delle modalità di gestione: Parco o Riserva Regionale. L’ufficio ha elaborato uno
schema relativo ai pro e contro delle varie ipotesi di riclassificazione e gestione tramite un
lavoro congiunto con gli altri Comuni.
5. Analisi delle condizioni per l’inserimento di alcuni sentieri nel catasto della Rete Escursionistica
Toscana - RET (LRT n.17/1998 “Rete escursionistica della Toscana e disciplina delle attività
escursionistiche”) con il gruppo di lavoro: ripristino uso pubblico della viabilità, verifiche
catastali, elaborazione del progetto secondo le Linee Guida RET.
6. Analisi della disciplina del transito dei mezzi motorizzati sui sentieri, al fine di individuare le
possibili ipotesi di regolamentazione dell’accesso finalizzate all’inserimento dei sentieri in RET.
7. Valorizzazione della sentieristica e delle aree protette, anche mediante ricerca di canali di
finanziamento, mediante la partecipazione alle riunioni dell’associazione dei Comuni toscani
238
(ACT), al fine di proseguire il lavoro congiunto. Ipotesi di candidatura su Progetto IN
ETRURIA (“Itinerario degli approdi etruschi”).
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (per quota parte)
n. 1 istruttore direttivo amministrativo Cat. D1 pos. D4 part-time all’83,33% (quota parte)
n. 1 stagista.
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 1 personal computer
n. 2 auto (a disposizione di tutto il Settore Servizi alla persona e all’impresa).
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 176 AREE PROTETTE - PARCHI NATURALI
- PROTEZIONE NATURALISTICA E
FORESTALE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
879.367,15
764.033,80
1.643.400,95
239
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
875.597,51
838.664,63
1.714.262,14
ANNO
2018
871.591,59
642.781,84
1.514.373,43
ANNO
2019
866.207,53
243.000,00
1.109.207,53
Missione 174 “Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente”
PROGRAMMA 177 “RIFIUTI”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGETTO:
•
RACCOLTA
Gestione segnalazioni cittadinanza su abbandoni e servizio di raccolta, gestione del servizio di
rimozione dell’amianto abbandonato, tenuta del registro di C/S dei rifiuti comunali e relativi
adempimenti informatici, supporto agli uffici per la gestione dei propri rifiuti e relativa
compilazione del MUD, supporto alle iniziative di formazione e informazione anche al livello
scolastico sulla riduzione rifiuti, tenuta dei procedimenti amministrativi relativi agli abbandoni
(intimazione, ordinanze), sopralluoghi sul territorio per la verifica dei depositi incontrollati di
rifiuti, pratiche di rilascio dei compositori domestici.
Valutazione della documentazione inviata dal Gestore della raccolta, supporto su richiesta del
Gestore alle attività di organizzazione del servizio, coordinamento con il Gestore delle attività di
rimozione rifiuti abbandonati, valutazione delle proposte del gestore per l’incremento della RD,
Le attività sono volte ad incrementare la raccolta differenziata ed a ridurre la produzione dei rifiuti,
all’adeguamento degli attuali centri di raccolta alla vigente normativa, nonché alla gestione raccolta
rifiuti abbandonati sul territorio.
•
TUTELA ANIMALI E GESTIONE ASSOCIATA RANDAGISMO
Gestione Associata del Randagismo in cui si opera come Comune Capofila anche per conto degli
altri 9 Comuni della Bassa Val di Cecina.
Organizzazione del servizio cattura animali d'affezione (cani e/o gatti) ritrovati vaganti e/o feriti.
Organizzazione del servizio custodia cani randagi c/o canile privato convenzionato.
Organizzazione del servizio di Pronto Soccorso Veterinario nei confronti degli animali (cani/gatti)
randagi che necessitano di interventi, in quanto malati e/o feriti.
Attività legate all'acquisto e/o costruzione di un canile comprensoriale di proprietà comunale.
240
Al di fuori della gestione associata, secondo quanto previsto dalla normativa regionale, viene
seguita la questione delle colonie feline (gatti) presenti sul territorio comunale.
Attività di tutela animali da affezione.
Procedimenti amministrativi sanzioni con relative ordinanze ingiuntive.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Le attività sono volte a mantenere un efficiente sistema di raccolta di rifiuti sul territorio
incrementando la raccolta differenziata, a ridurre la produzione dei rifiuti, all’adeguamento degli
attuali centri di raccolta alla vigente normativa, nonché alla gestione raccolta rifiuti abbandonati sul
territorio. A tal fine nell’anno 2016 è prevista l’approvazione del Regolamento rifiuti del Comune.
Inoltre le attività di tutela degli animali è volta a gestire le attività amministrative legate ai
procedimenti inerenti gli animali da affezione sul territorio comunale ed il randagismo.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 dirigente al 5%
1 funzionario responsabile del servizio D3 al 50%
1 istruttore direttivo tecnico ambientale D1
1 collaboratore amministrativo C4
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
3 Pc
1 stampante
1 fotocopiatore
3 telefoni fissi
3 telefoni cellulari
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 177 RIFIUTI
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
12.042.388,02
1.571.610,89
13.613.998,91
241
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
11.584.220,27
11.584.220,27
ANNO
2018
11.506.231,44
11.506.231,44
ANNO
2019
11.278.985,30
11.278.985,30
Missione 174 “Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente”
PROGRAMMA 178 “TUTELA E VALORIZZAZIONE RISORSE IDRICHE”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
CICLO DELLE ACQUE
Il Progetto prevede la manutenzione delle due Fontanelle pubbliche AQ installate
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Le attività relative a tale progetto sono principalmente volte a fornire acqua potabile alla
cittadinanza tramite fontanelle pubbliche Alta Qualità. Nel corso del 2016 sono state effettuate le
attività di manutenzione per mantenere in efficienza le 2 fontanelle presenti sul territorio.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 dirigente al 5%
1 funzionario responsabile D3 al 10%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
2 Pc
1 stampante
1 fotocopiatore
2 telefoni fissi
2 cellulari
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 178 TUTELA E VALORIZZAZIONE RISORSE
IDRICHE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
9.800,00
1.978.924,80
1.988.724,80
242
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
12.000,00
332.420,00
344.420,00
ANNO
2018
13.000,00
13.000,00
ANNO
2019
12.800,00
150.000,00
162.800,00
Missione 179 “Trasporti e diritto alla mobilità”
PROGRAMMA 180 “TRASPORTO PUBBLICO LOCALE”
Responsabile dott.ssa Angela Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA :
•
TRASPORTI
Dal marzo 2016 Autolinee Toscane Spa - società del gruppo Ratp è il nuovo concessionario del
servizio di Trasporto Pubblico Locale - TPL. Nei confronti dell’esito della gara regionale è
pendente ricorso al TAR Toscana promosso dal secondo classificato. La sospensiva non è stata
concessa, ma con l’udienza di merito, del 21.09.2016, è stato annullato il piano finanziario
presentato dai due concorrenti. E’ stato quindi chiesto ai due concorrenti di riformulare dei nuovi
piani finanziari di sostenibilità.
Prosegue pertanto la fase transitoria, in cui il servizio è svolto dal precedente gestore sulla base
degli atti d’obbligo relativi alla gestione associata curati dalla Provincia.
Il Comune impegna e liquida i servizi di competenza e segue le fasi di transizione e passaggio del
deposito e dei beni strumentali tra i due operatori.
L’Ufficio opera come referente territoriale del TPL per residenti e turisti, recependo proposte,
proteste e richieste degli utenti in merito a linee, fermate, orari e nuove esigenze. Sono stati eseguiti
vari sopralluoghi di verifica in relazione a richieste di spostamento delle fermate e adeguate le
relative paline.
Prosegue l’iniziativa per l’utilizzo gratuito del TPL da parte dei fruitori della mensa di Rosignano
Marittimo mediante la collaborazione tra l’Associazione “La Sorgente del Villaggio” ed il gestore
del servizio di TPL.
La gestione associata dei servizi di TPL a livello provinciale ha garantito la continuità del servizio
dal 12 dicembre 2010, data della scadenza della proroga semestrale del contratto di servizio vigente.
A fine dicembre, è stata approvata con una nuova Convenzione, che conferma la gestione associata,
con scadenza 31.12.2021, così da governare in maniera ottimale il passaggio tra la gestione del
trasporto pubblico locale nel periodo transitorio e la successiva gestione “a regime” del Contratto
con il nuovo gestore del Lotto unico, senza soluzione di continuità, favorendo al contempo
l’autonomia funzionale degli Enti locali firmatari.
243
Il Comune di Rosignano, in linea con gli indirizzi comunitari, ha attivato il percorso per dotarsi di
un Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), un piano strutturale e strategico che orienta la
mobilità in senso sostenibile per garantire alti livelli di accessibilità. Proiettato su un arco di almeno
dieci anni, ma con verifiche e monitoraggi a intervalli di tempo predefiniti, il PUMS intende
sviluppare una visione di sistema della mobilità e si correla e coordina con i piani settoriali ed
urbanistici a scala sovraordinata e comunale.
In considerazione delle interdipendenze esistenti tra i vari Piani di settore, il PUMS diventa lo
strumento fondamentale di coordinamento con cui compiere le scelte sulle priorità dei singoli piani
e la relativa allocazione delle risorse. Il supporto del PUMS, affidato all’ATI Artù Srl (capofila) e
Innolabs Srl è finanziato con € 48.068,00 a carico del Comune.
Terminate la prima fase propedeutica, di reperimento dati, la seconda, di definizione dei possibili
scenari e la terza, che ha coinvolto la cittadinanza in un percorso partecipativo, sta procedendo la
quarta ed ultima fase, di redazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
In relazione agli esiti della gara regionale, occorrerà affrontare la fase di transizione e gestire il
primo periodo di affidamento di due anni, in cui il servizio rimarrà sostanzialmente quello attuale. Il
procrastinarsi delle procedure di gara rende necessaria una verifica del Programma di esercizio
contenuto nel capitolato, al fine di aggiornare il servizio urbano alle esigenze degli utenti.
Gli obiettivi sono così sintetizzati:
1. redazione degli atti di impegno e liquidazione, da impostare in coerenza con gli atti di
affidamento (attualmente, atti d’obbligo ed in futuro contratto di servizio);
2. partecipazione alle riunioni per la definizione dell’accordo per l’utilizzo del deposito comunale
e comunicazione dei nuovi contenuti ed estremi alla Regione;
3. definizione con il soggetto aggiudicatario dell’accordo per la prosecuzione della distribuzione
degli abbonamenti gratuiti agli ospiti della mensa per gli indigenti dell’associazione “La
sorgente del Villaggio”;
4. valutazione delle richieste degli utenti e del gestore e trasmissione agli enti competenti;
5. verifica ed aggiornamento del Programma di esercizio del servizio urbano di Trasporto pubblico
locale;
6. Redazione del PUMS;
7. Programmazione di interventi di miglioramento previsti dal PUMS relativamente a: mobilità
dolce; sosta e intermodalità; sharing e pooling; TPL; accessibilità e sicurezza; cartellonistica.
244
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (per quota parte)
n. 1 istruttore direttivo amministrativo Cat. D1 pos. D4 part-time all’83,33% (quota parte)
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 1 personal computer
n. 2 auto (a disposizione di tutto il Settore Servizi alla persona e all’impresa)
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 180 TRASPORTO PUBBLICO LOCALE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
1.683.764,08
1.683.764,08
245
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
1.530.935,91
1.530.935,91
ANNO
2018
1.685.935,90
1.685.935,90
ANNO
2019
1.685.935,90
1.685.935,90
Missione 179 “Trasporti e diritto alla mobilità”
PROGRAMMA 181 “VIABILITA’ E INFRASTRUTTURE STRADALI”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
-
VIE E PIAZZE
-
PUBBLICA ILLUMINAZIONE
Le attività gestionali che fanno capo a questo centro di costo riguardano interventi di
riqualificazione di specifiche zone del territorio comunale, la manutenzione ordinaria e straordinaria
delle strade e delle relative infrastrutture, delle fognature bianche, la manutenzione ordinaria della
segnaletica orizzontale e verticale, l’allestimento delle ZTL estive, le autorizzazioni al transito di
carichi eccezionali, agli scavi e di allaccio alle fognature bianche, il funzionamento della squadra di
pronto intervento per le manutenzioni da effettuarsi nel territorio consistenti in copertura di buche,
muratura di elementi di marciapiedi, pozzini e griglie, raddrizzamento e muratura di pali della
segnaletica abbattuti, l’organizzazione del servizio di reperibilità, il controllo delle opere pubbliche
eseguite da privati nell’ambito dei rapporti convenzionali. Inoltre la U.O. preposta verifica la
corretta gestione del contratto per tutti i servizi connessi alla gestione della pubblica illuminazione,
e in particolare: fornitura di energia elettrica, manutenzione degli impianti, interventi di
adeguamento ed efficentamento energetico, nonché la gestione degli impianti semaforici affidato
tramite Convenzione Consip al RTI - Citelum S.A., Co.Ge.I. – Compagnia Gestione Illuminazione
S.r.l., Atlantico S.r.l., ExitOne S.p.A., CEIE POWER S.p.A., Siram S.p.A.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
La priorità degli interventi da attuarsi nel triennio di riferimento è riconosciuta ai lavori di
manutenzione della viabilità del territorio, come evidenziato nei punti “La cura del territorio e
dell’ambiente” e “Il lavoro, speranza per il futuro” del Programma di Mandato del Sindaco. Tra
questi interventi assume particolare rilevanza la manutenzione del ponte in località Quercetano a
Castiglioncello, per l’evidente degrado del calcestruzzo dovuto alla vicinanza al mare e, quindi alla
costante azione erosiva. Nel corso del 2016 è prevista l’approvazione del progetto esecutivo, per
poter realizzare le opere nell’autunno del medesimo anno.
246
Altro intervento di manutenzione straordinaria da segnalare è quello che riguarda il cavalcaferrovia
sulla Via Aurelia a Rosignano Solvay: nel 2016 è prevista la spesa per realizzare un importante
intervento di risanamento della rampa sud, che presenta un notevole degrado e potrebbe generare
situazioni di pericolo. Sempre nel bilancio 2016 è stato prevista la realizzazione di una nuova
fognatura bianca su Viale Trieste, per un importo di € 80.000,00, la cui progettazione preliminare è
stata approvata con Del. G.C. n.239 del 25/08/15. Sono stati aggiudicati definitivamente ed affidati
nel mese di dicembre i lavori di asfaltatura di alcune strade del territorio comunale per l’importo di
circa €.400.000,00.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 dirigente al 14%
1 funzionario responsabile del servizio D3 al 30%
2 istruttori direttivi tecnici D1
4 istruttori tecnici C1
1 istruttore assistente edile C
1 funzionario D3 tecnico D3 P.O.
1 funzionario tecnico ingegnere D part-time 50%
3 istruttori geometra C
1 funzionario D3 tecnico D3
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
3 automezzi compreso macchine operatrici
13 Pc
1 stampante
1 fotocopiatore
1 fax
13 telefoni fissi
14 telefoni cellulari
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 181 VIABILITA' E INFRASTRUTTURE
STRADALI
SPESA CORRENTE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
2.123.515,56
247
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
2.123.778,82
ANNO
2018
2.132.063,45
ANNO
2018
2.044.663,64
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
3.600.994,71
5.724.510,27
248
5.694.351,68
7.818.130,50
1.140.150,52
3.272.213,97
670.929,52
2.715.593,16
Missione 182 “Soccorso civile”
PROGRAMMA 183 “SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE”
Responsabile Ing. Andrea Immorali
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO
Fanno capo a questo centro di costo le seguenti attività gestionali:
-
Gestione della protezione civile comunale e intercomunale
-
Coordinamento con Prefettura, Regione e Provincia e associazioni di volontariato
-
Coordinamento tecnico e partecipazione alle attività del Centro Intercomunale di Protezione
Civile istituito dal coordinamento dei sindaci con compiti di centro di supporto in Protezione
Civile
-
Prevenzione incendi boschivi
-
Reperibilità Direttore Operazioni spegnimento incendi boschivi
-
Formazione degli addetti comunali e intercomunali
-
Informazione alla cittadinanza anche mediante opuscoli
-
Coinvolgimento delle Associazioni di volontariato nelle operazioni di Protezione Civile
-
Reperibilità intercomunale H24 (Centro Situazioni)
-
Coordinamento del volontariato in eventi di PC
-
Elaborazione del nuovo Piano di Protezione Civile Intercomunale
-
Gestione Ufficio Comune di Protezione Civile in collaborazione con gli altri Comuni
associati
-
Responsabilità dell'Ufficio Comune di Protezione Civile
-
Assemblee pubbliche per l'informazione alla popolazione dei nuovi Piani di Emergenza
Esterna degli stabilimenti industriali
-
Elaborazione piano di Protezione Civile
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Il programma prevede la prosecuzione dei rapporti con le varie associazioni di volontariato presenti
sul territorio con le quali sono state stipulate apposite convenzioni negli anni scorsi: Pubblica
249
Assistenza con riferimento agli interventi di prevenzione ed estinzione degli incendi boschivi,
Croce Rossa Italiana e Misericordia di Gabbro per le attività di protezione civile.
E’ stata eseguita l’attività di informazione della cittadinanza sui rischi del territorio e di reperibilità
H24 per garantire il coordinamento del pronto intervento nei casi di calamità. Il comune è capofila
della gestione associata del Servizio di Protezione civile della Bassa Val di Cecina comprendente i
Comuni di Rosignano, Cecina, Bibbona e Castagneto. E’ stato affidato un incarico per il supporto
alla redazione del piano intercomunale di protezione civile ad ANCI innovazione che comprendeva
anche la formazione per amministratori e per il personale addetto. E’ stata eseguita la formazione ed
è in corso di ultimazione la redazione del Piano di protezione Civile.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
1 dirigente al 10%
1 funzionario responsabile del servizio D3 al 20%
1 istruttore amministrativo C1
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
1 automezzo
3 Pc
1 Pc portatile
1 stampante
1 fotocopiatore
1 fax
1 telefoni fissi
3 telefoni cellulari
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 183 SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
147.648,66
656.031,41
803.680,07
250
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
140.699,30
220.628,40
361.327,70
ANNO
2018
139.301,41
128.178,66
267.480,07
ANNO
2019
137.835,48
137.835,48
Missione 184 “Diritti sociali – politiche sociali e famiglia”
PROGRAMMA 185 “INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLA CASA”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
UFFICIO CASA
Il progetto ha lo scopo di dare alcune risposte, che certamente non saranno esaustive sul problema
casa ed emergenza abitativa. La diminuzione dei redditi delle famiglie a causa della crisi economica
ha fatto sì che i canoni di locazione del libero mercato non siano più sostenibili, e la mancanza di
risorse statali da destinare all’edilizia residenziale pubblica ha fatto sì che le “case popolari”
disponibili, non siano sufficienti a soddisfare le crescenti esigenze della cittadinanza. Anche la la
ristrettezza delle risorse pubbliche, impedisce la programmazione da parte dell’Ente di investimenti
immobiliari. Sempre più famiglie sono sottoposte a procedure esecutive di sfratto, nella
maggioranza dei casi riconducibili a morosità incolpevoli. E’ necessario trovare una soluzione equa
che, senza eludere la necessaria responsabilità delle persone, consenta loro di non perdere l’alloggio
per non cadere in una situazione di gravissima difficoltà, che rischia di degenerare, sempre più, in
un problema di ordine pubblico. Occorre, quindi, un’azione che affianchi lo strumento indiretto del
sostegno alla persona, il “contributo alla locazione” previsto dalla Legge 431/98 e il “contributo
salva sfratti per morosità incolpevole”, quale il finanziamento di piani di investimento edilizio in
nuove costruzioni o recuperi, cosa sulla quale l’Amministrazione sta attualmente lavorando.
L’ufficio provvede ad istruire e rilasciare le attestazioni di idoneità alloggi in relazione ai
ricongiungimenti familiari dei cittadini extracomunitari, in collaborazione con i tecnici dell’U.O.
Edilizia privata di questo Ente.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Obiettivo triennale n. 1: Edilizia Residenziale Pubblica.
In seguito all'entrata in vigore della nuova normativa regionale ERP, L.R. 31/03/2015 n. 41 ed
all’approvazione del relativo regolamento di attuazione da parte della conferenza dei sindaci del
Lode Livornese, in data 27 maggio 2016, l'Ufficio Casa deve rivedere le regole per la gestione dei
bandi di concorso, delle graduatorie ERP e del programma di mobilità. La riforma modifica
l’attuale normativa toscana sull’assegnazione e la gestione degli alloggi Erp, risalente al 1996. La
legge introduce il calcolo del reddito Isee come strumento di misurazione delle condizioni
251
economiche per l’accesso alle prestazioni sociali, e quindi per l’assegnazione degli alloggi ERP,
nonché rinnova le condizioni per l’accesso: radicamento territoriale da almeno 5 anni, assenza di
titolarità di beni immobili e mobili (come auto di lusso o imbarcazioni) e non aver preso parte a
occupazioni abusive di beni pubblici o privati negli ultimi 5 anni. Ciò al fine di ridurre il disagio
abitativo di chi non è in grado di accedere alla locazione di alloggi nel libero mercato, garantire il
rispetto dei principi di economicità ed equità da parte dell’ edilizia residenziale pubblica sociale e,
favorire i processi di razionalizzazione introducendo requisiti di accesso più rigorosi. L’Ufficio sarà,
inoltre, impegnato nella gestione delle graduatorie, delle nuove assegnazioni e revoca degli alloggi
per cessazione dei requisiti. Nella gestione della mobilità degli alloggi e relazioni con Ente Gestore
CASALP e LODE Livornese.
Obiettivo triennale n. 2: Alloggi di edilizia agevolata in locazione permanente a canone concordato
L’Ente svolge un’attività di controllo dei requisiti degli assegnatari dei 18 alloggi di proprietà del
Consorzio Etruria ubicati in via Alessandrini n. 19 a Rosignano Solvay sia al momento della prima
assegnazione che al momento del rinnovo del contratto di locazione.
Obiettivo triennale n. 3: Contributi alla locazione abitativa
Attivazione mediante specifico bando della procedura per l’individuazione degli aventi diritto, e
successiva erogazione dei contributi alla locazione abitativa di cui all’art.11 della n.431/98. Il fondo
assegnato annualmente dalla Regione, ogni anno in misura inferiore, viene incrementato con risorse
comunali, al fine di rispondere ad un numero maggiore di richieste. L’obiettivo che si intende
perseguire è quello di aiutare i cittadini meno abbienti a pagare regolarmente la locazione, cercando
di migliorare la loro qualità della vita.
Obiettivo triennale n. 4: Azioni in favore della popolazione in stato di disagio connesse
all’emergenza abitativa
L’Amministrazione si avvale ad oggi della società CROM servizi s.r.l., la cui attività ha come
obiettivo, fra gli altri, quello di facilitare l’accesso al mercato abitativo per quella fascia di
popolazione che, pur essendo in grado di pagare un ragionevole corrispettivo, trova difficoltà nel
reperimento di alloggi nel mercato privato. L’attività è disciplinata dal Regolamento Comunale per
l’emergenza abitativa ed è condotta in sinergia tra Comune, Servizi Sociali e CROM al fine di dare
una risposta immediata a coloro che, trovandosi in una situazione di precarietà e debolezza, ai limite
dell’emarginazione e senza una prospettiva, non riescono autonomamente a risolvere il problema
della casa.
252
Si prevede, nell’arco del 2017, di attribuire la gestione di questo servizio tramite procedura selettiva
ad evidenza pubblica. L’entrata in vigore della nuova normativa ERP comporta la modifica del
Regolamento per l’emergenza alloggiativa per quanto concerne i requisiti di accesso che devono
essere omogenei.
Con il Regolamento citato è stato introdotto il co-housing con l’obiettivo di ridurre gli appartamenti
di emergenza abitativa in carico al Comune e dare risposte a più famiglie. Nel periodo estivo è
prevista la concessione di roulotte nei campings della zona.
Obiettivo triennale n. 5: Consulenza ai cittadini sulla normativa delle locazioni abitative Legge
431/98 "Locazioni abitative":
Gestione dell’accordo territoriale, definito tra le organizzazioni sindacali degli inquilini e della
proprietà edilizia, obbligatorio per la stipula dei contratti di locazione agevolati (durata anni 3+2) ai
sensi dell’art.3 comma 2 della legge 431/98. Consulenza ai cittadini sull'applicazione generale della
legge 431/98 sulle locazioni abitative, soprattutto in relazione alla tipologia dei contratti, alle
agevolazioni fiscali e alle procedure di sfratto. Consulenza su contratti di locazione stipulati
antecedentemente alla L.431/98, con leggi "equo canone” e "patti in deroga". L’obiettivo che si
intende perseguire è quello di favorire l’aumento dell’offerta delle case in locazione sul libero
mercato, e la conseguente stipula di regolari contratti per combattere il fenomeno delle “locazioni al
nero”.
Obiettivo triennale n. 6 : Contributi per la prevenzione degli sfratti esecutivi per morosità
incolpevole:
Attivazione mediante specifico avviso pubblico redatto a livello interprovinciale, della procedura
per l’individuazione degli aventi diritto, e successiva erogazione del contributo relativo. L’obiettivo
che si intende perseguire è quello di garantire la permanenza nell’abitazione in locazione alle
famiglie che, con la perdita o la diminuzione della loro capacità reddituale, non hanno più la
possibilità di pagare regolarmente i canoni di locazione.
Obiettivo triennale n. 7 : Consulenza ai cittadini sulla normativa ISEE e controllo della regolarità
delle attestazioni ISEE:
Servizio di consulenza sulla nuova normativa ISEE, sulle modalità di compilazione della
Dichiarazione Sostitutiva Unica e rilascio della relativa attestazione ISEE. Controllo delle regolarità
253
delle attestazioni ISEE presentate per accedere alle prestazioni sociali agevolate concesse
(contributi locazione, contributi prevenzione sfratti, contributi utenze, contributo idrico, esenzione
ticket ecc.) Gli obiettivi che si intendono perseguire sono quelli di fornire ai cittadini le
informazioni necessarie al fine di prevenire errori nella compilazione della D.S.U., e di garantire
l’accesso alle prestazione sociali agevolate esclusivamente agli aventi diritto, al fine di evitare la
concessione di indebiti benefici.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (quota parte)
n. 1 Responsabile dell’ U.O. P.O. (quota parte)
n. 1 Funzionario amm.vo part-time al 50% ( 10%)
n. 1 istruttore direttivo (SEC) al 20%
n. 1 Istruttore Amministrativo 100%
n. 1 Istruttore amm.vo 10%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE (risorse assegnato all’U.O.)
n. 6 pc,
n. 3 stampanti,
n. 3 calcolatrici,
n. 2 fotocopiatrici,
n. 1 programma informatico specifico.
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 185 INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLA
CASA
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
270.109,24
100.000,00
370.109,24
254
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
221.000,00
50.000,00
271.000,00
ANNO
2018
167.000,00
50.000,00
217.000,00
ANNO
2019
167.000,00
50.000,00
217.000,00
Missione 184 “Diritti sociali – politiche sociali e famiglia”
PROGRAMMA 186 “INTERVENTI PER L’INFANZIA – MINORI E ASILI NIDO”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
COLONIE
Per il prossimo triennio si ritiene opportuno proporre attività che coinvolgano ragazzi di tutto il
territorio comunale, attraverso progetti che coinvolgano le associazioni del territorio che si svolgano
sia nelle frazioni costiere, che in quelle collinari. Altro punto focale del programma è l’estate per
tutti e cioè prevedere azioni nei confronti dei diversamente abili e di ragazzi in situazione di disagio
sociale.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
L’obiettivo del progetto consiste prevalentemente nell’organizzazione di attività estive per minori,
che rappresentino momenti di aggregazione, di svago, di gioco e di socializzazione. Tutto questo
partendo da una cultura che li indirizzi alla conoscenza del territorio, dell’ambiente, del rispetto di
se stessi e degli altri. Tutto questo senza lasciare indietro nessuno e quindi prevedendo azioni sia per
ragazzi diversamente abili, sia per coloro che si trovano in situazioni di disagio sociale, al fine di
una reale integrazione ed una politica che interagisca con i ragazzi e con le loro famiglie e sia
rispondente ai loro bisogni. In particolare si prevede un’attività di sostegno ai compiti estivi rivolti
ai ragazzi frequentanti le scuole elementari e medie; un’attività di invito alla lettura nelle frazioni
collinari rivolte ai bambini dai 6 ai 13 anni e l’organizzazioni di campi estivi nella frazione di
Castelnuovo della Misericordia e altre attività di intrattenimento nella frazione di Rosignano
Marittimo.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (quota parte)
n. 1 Responsabile dell’ U.O. P.O. (quota parte)
n. 1 Istruttore Amministrativo 10%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
255
n. 3 pc,
n. 2 stampante,
n. 3 calcolatrici
n. 2 fotocopiatrice
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
ASILI NIDO
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
Attività socio-educative per bambini 0/3 anni.
Il Comune gestisce n. 6 Asili Nido di cui n. 3 direttamente con personale comunale e n. 3 mediante
appalto.
Gli Asili Nido a gestione diretta, sono autonomi nella loro gestione che viene svolta dal collettivo di
lavoro composto da Educatrici dipendenti del Comune che, al bisogno, vengono integrate con
progetti finalizzati al mantenimento del parametro numerico tra adulti e bambini e per la garanzia
della qualità pedagogica complessiva; il personale Assistente Educativo coadiuva le Educatrici in
ciascuna delle sezioni di riferimento svolgendo un ruolo di cura e di supporto qualificato.
Le linee guida educative sono basate sulla pedagogia della pratica psicomotoria metodo Bernard
Aucouturier applicata da oltre trenta anni che, intercalata da programmi educativi differenziati e
innovativi in ciascun anno educativo, garantisce la rispondenza dell’intervento pedagogico rispetto
alle necessità psicologiche e complessive dei bambini.
Gli Asili Nido in appalto attuano lo stesso progetto organizzativo ed educativo, riferendosi quindi al
metodo Bernard Aucouturier; la qualità dei servizi e la coerenza progettuale vengono conseguite
attraverso la supervisione comunale e lo svolgimento di corsi di aggiornamento e formazione
comuni a tutto il personale.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Obiettivo prioritario è quello di offrire alla popolazione residente una sufficiente quantità di posti di
asilo nido anche attraverso la partecipazione a bandi regionali, sempre mantenendo ambiti educativi
rispondenti ai bisogni complessivi dei bambini e con il coinvolgimento delle famiglie.
Obiettivo strettamente correlato al precedente è quello di mantenere la qualità dell’offerta educativa
attraverso la formazione costante di tutto il personale coinvolto.
256
Annualmente, al fine di ampliare l’offerta di servizi sul territorio, il Comune partecipa ai
finanziamenti regionali a sostegno dell'offerta di servizi per la prima infanzia (3-36 mesi) che
comporta l’assegnazione di Buoni Servizi da utilizzare per la frequenza di asilo nido privati
autorizzati ed accreditati, cioè rispondenti alle norme dettate dalla stessa Regione.
Ciò determina la costituzione di una rete di servizi a cui partecipano soggetti pubblici e privati in
grado di fornire un’offerta educativa di qualità per i bambini oltre che un servizio di grande utilità
sociale per le famiglie.
Nel 2017 e nel 2018 sarà nel pieno del suo funzionamento, il progetto ComunEducare all’interno
del Progetto più ampio del Centro di Documentazione che il Comune ha in programma di attivare e,
conseguentemente, la rete comunicativa sarà ottimizzata a favore della trasparenza e della
conoscenza per migliorare il sistema in rete tra Servizi Educativi e famiglie.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 dirigente (quota parte)
n. 16 Educatrici Asilo Nido di Ruolo
n. 6 Assistenti Educative
n. 1 Autista di ruolo
n. 1 Capo cuoco di ruolo
n. 8 cuochi di ruolo
n. 1 funzionario Responsabile P.O. cat. D
n. 50% un Istruttore Direttivo cat. D
n. 3 Istruttore Amministrativo cat. C di ruolo
n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
n. 72,82% un Collaboratore Professionale Amministrativo cat. B di ruolo
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 14 personal computer
n. 11 stampanti distribuiti sui servizi.
n. 1 autocarri per mense scolastiche.
n. 1 autocarro per i trasporti scolastici.
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 186 INTERVENTI PER L'INFANZIA MINORI E ASILI NIDO
Esercizio 2016 previsione
assestata
257
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
ANNO
2016
1.643.303,73
118.051,41
1.761.355,14
258
ANNO
2017
1.646.486,08
25.000,00
1.671.486,08
ANNO
2018
1.579.424,48
1.579.424,48
ANNO
2019
1.572.274,10
1.572.274,10
Missione 184 “Diritti sociali – politiche sociali e famiglia”
PROGRAMMA 187 “INTERVENTI VARI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI, DISABILITA’,
SOGGETTI A RISCHIO ESCLUSIONE E FAMIGLIE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
UFFICIO SOCIALE
Il progetto va contestualizzato nel tessuto socio economico del nostro territorio, che risente della
crisi socio economica che investe il nostro paese. La crisi del mercato del lavoro ha fatto precipitare
una situazione già critica, e le famiglie, che una volta erano considerate a rischio, ora si trovano in
difficoltà concreta e spesso non riescono a far fronte alle spese ritenute di ordinaria
amministrazione, quotidiane. Il Comune, quale Ente Locale più vicino al cittadino, è la prima
interfaccia per quest’ultimo, al quale richiede la soluzione del proprio disagio, sempre più
complesso e allarmante, e che spesso risulta di difficile gestione, data la scarsità delle risorse
disponibili. Si conferma, purtroppo, il costante aumento della povertà: sempre più numerose sono
le famiglie che si rivolgono ai servizi sociali per richieste economiche: erogazione di somme una
tantum – derrate alimentari, sostegno spese per utenze. Pertanto gli interventi in ambito sociale sono
indirizzati al sostegno delle famiglie e delle persone in difficoltà e le politiche sono indirizzate al
contrasto del disagio sociale:
-
Assegno di maternità I.N.P.S.” quale contributo economico erogato dall'INPS, in favore
delle madri che non hanno una maternità pagata;
-
“Nucleo per familiare Numeroso I.N.P.S.”, quale contributo economico annuale, a sostegno
dei nuclei familiari in cui siano presenti almeno tre figli minori di anni18 anni, così come ai
sensi del DPCM 452/2000;
-
Contributo Legge Regionale n. 82 che, all'articolo n. 5, che prevede un contributo
finanziario annuale a favore delle famiglie con figli minori di 18 anni disabili;
-
Istruttoria delle pratiche relative al “Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe
Energetiche, S.G.A.t.e.”, quali agevolazioni sulla spesa sostenuta dai clienti domestici per la
fornitura di energia elettrica e gas;
-
“Contributo in favore di Asa spa” per cittadini residenti morosi. L’Amministrazione, prevede
nel proprio bilancio delle risorse, per contrastare la morosità della bolletta dell'acqua, onde
259
evitare l’interruzione dell’utenza idrica per i cittadini che non riescono a pagare, date le
condizioni economiche precarie in cui versano;
-
“Bando Idrico” con Delibera dell’Autorità idrica della Toscana (AIT) è stato approvato il
“Regolamento per l'attuazione delle agevolazioni tariffarie a carattere sociale - conferenza
territoriale n. 5”, con cui è stato istituito un contributo di solidarietà finalizzato a consentire
agevolazioni economiche relative alla spesa per la fornitura idrica sostenuta, a favore delle
cosiddette utenze deboli corrispondenti a nuclei familiari residenti nel Comune di Rosignano
Marittimo;
-
”Esenzione Ticket” per la spesa sanitaria, in favore dei cittadini dichiarati indigenti per
motivi di reddito. Per questo tipo di esenzione la spesa è interamente a carco del Comune di
Rosignano Marittimo. L’esenzione dal pagamento del ticket si applica al cittadino o al
nucleo familiare residente nel Comune di Rosignano Marittimo, da almeno tre anni, purché
l’attestazione dell’ISEE del nucleo non superi la somma di €. 6.550,00;
-
“Contributo Utenze”, intervento totalmente a carico dell’Amministrazione, che prevede un
contributo forfettario per il pagamento delle utenze per famiglie in difficoltà economica,
come da Bando Pubblico emanato dall’Amministrazione
-
“Trasporto disabili” servizio gestito in Convenzione dalla Società di Pubblica Assistenza e
Mutuo Soccorso di Rosignano Marittimo Onlus. Il servizio in questione ha lo scopo di
garantire alle persone diversamente abili, che ne fanno richiesta, la regolare frequenza alle
strutture scolastiche, educative, lavorative e riabilitative del territorio.
-
“Servizio di assistenza specialistica”, agli alunni in situazione di Handicap frequentanti gli
Asili Nido Comunali, le Scuole dell’Infanzia e le Scuole Primarie e Secondarie di Primo
Grado, di questo Comune, è gestito dalla cooperativa Consorzio Nuovo Futuro, con
scadenza agosto 2017. Nell’anno 2017 sarà cura dell’ufficio provvedere a predisporre ogni
atto per la nuova procedura di gara, per l’affidamento del servizio in questione per gli aa.ss.
2017-2018 e 2018-2019. Il servizio di assistenza specialistica ha l’obiettivo di migliorare la
qualità della vita dello studente diversamente abile, assicurare il diritto allo studio,
l’integrazione, la socializzazione attraverso il miglioramento delle capacità comunicative, la
valorizzazione delle abilità professionali e dove possibile, un progressiva autonomia spaziotemporale;
-
SPRAR: Prosegue nell’anno 2017, la gestione dei finanziamenti del Ministero relativi ai
rifugiati e richiedenti asilo politico;
-
Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA): si tratta di una nuova misura sperimentale di
contrasto alla povertà voluta nel 2016 dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e
260
finanziata con fondi nazionali. Tale sostegno, erogato attraverso l’attribuzione di una carta di
pagamento elettronica, utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità, è rivolto alle
famiglie in condizioni economiche disagiate, in possesso di un’attestazione ISEE inferiore ai
3.000 euro, che nel nucleo familiare sia presente almeno un componente di minore età o un
figlio disabile, oppure donna in stato di gravidanza accertata, e che sia effettuata una
valutazione del bisogno mediante una scala multidimensionale (che tiene conto dei carichi
familiari, della situazione economica e della situazione lavorativa), da parte dei servizi
sociali di riferimento. Inoltre, le famiglie ritenute idonee, dovranno successivamente aderire
ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, che viene predisposto dai
servizi sociali del Comune, in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari e le scuole,
oltre che con soggetti privati attivi nel contrasto alla povertà (come gli enti non profit). Il
progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per
adulti e bambini, che vengono individuati sulla base di una valutazione globale delle
problematiche e dei bisogni.
-
Sportello Sociale”, il quale svolge funzioni di informazione e orientamento, circa i servizi
sociali e sanitari presenti sul territorio, con riferimento sia a quelli gestiti dal Comune che da
altre istituzioni. A seconda della domanda del cittadino, l’operatore si occupa
dell'accoglienza, lo ascolta, lo informa sulle risorse presenti rispetto al problema portato, sia
all'interno dei servizi che sul territorio, e lo indirizza.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Obiettivo triennale n. 1: Azioni in favore della popolazione in stato di disagio.
Obiettivo primario sarà quello di mantenere inalterati gli interventi sostanziali, necessari per
garantire un vivere dignitoso, ai cittadini in difficoltà. L’Ufficio, attraverso l’espletamento della
gara ad evidenza pubblica, intende garantire l’assistenza specialistica agli alunni diversamente abili,
negli asili nido, nelle scuole dell’infanzia, elementari e medie, affidando il servizio per gli aa.ss.
2017-2018 e successivi. Inoltre, nel corso del triennio, si prevede di stanziare una somma in favore
di ASA spa, per sopperire alle difficoltà economiche di coloro che non riescono in alcun modo a
pagare le bollette del servizio idrico, pertanto si eviterà il distacco dell’utenza idrica e numerosi
disagi ai cittadini già in gravi difficoltà economiche. Si conferma il mantenimento dell’esenzione
del ticket per le prestazioni sanitarie, e lo stanziamento economico per il triennio 2017-2019, in
favore dei residenti, da almeno tre anni nel territorio comunale, in condizione di disagio economico,
rappresentato da un valore ISEE inferiore a €. 6.550,00. Si conferma, inoltre, lo stanziamento
economico per l’anno 2017, volto a garantire e assegnare le risorse, agli aventi diritto del contributo
261
economico a sostegno delle utenze domestiche. Contributo che verrà erogato, ai richiedenti
risultanti idonei nella graduatoria definitiva,
una - tantum fino ad esaurimento delle risorse
specificatamente assegnate. Altro obiettivo sarà quello di garantire alle persone diversamente abili,
che ne fanno richiesta, la regolare frequenza alle strutture scolastiche, educative, lavorative e
riabilitative del territorio, tramite il servizio in convenzione del trasporto diversamente abili.
Obiettivo triennale n. 2: Azioni in favore della popolazione anziana.
Proseguirà il programma denominato “Nonni Civici” e svolto in collaborazione con l’Auser
Rosignano, che prevede iniziative di animazione-socializzazione ed azioni di sostegno pratico al
senso civico.
Obiettivo triennale n. 3: Azioni in favore della popolazione immigrata.
Continuerà l’impegno dell’Amministrazione Comunale nell’ambito del Progetto relativo al Sistema
di Protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR), che è stato approvato e finanziato dal
Ministero degli Interni per l’anno 2017. Lo Sportello Immigrati continuerà a fornire attività di
assistenza e consulenza agli immigrati presente sul nostro territorio.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (quota parte)
n. 1 Responsabile dell’ U.O. P.O. (quota parte)
n. 1 Funzionario Amministrativo part-time 50% (per quota parte) 20%
n. 1 Istruttore Direttivo SEC 30%
n. 1 Istruttore Direttivo amm.vo 20%
n. 1 Istruttore Amministrativo 20%
n. 1 Istruttore Amministrativo 30%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n.7 pc,
n. 3 stampanti,
n. 6 calcolatrici,
n. 2 fotocopiatrici
RISORSE FINANZIARIE
262
PROGRAMMA 187 - INTERVENTI VARI
A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI,
DISABILITA', SOGGETTI A RISCHIO
ESCLUSIONE E FAMIGLIE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
1.845.253,37
149.047,00
1.994.300,37
263
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
1.703.185,23
55.838,00
1.759.023,23
ANNO
2018
1.419.780,23
1.419.780,23
ANNO
2019
1.364.780,23
1.364.780,23
Missione 184 “Diritti sociali – politiche sociali e famiglia”
PROGRAMMA 188 “PROGRAMMAZIONE E GOVERNO DELLA RETE DEI SERVIZI
SOCIOSANITARI E SOCIALI”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGETTO:
•
SERVIZI SOCIALI (SOCIO-SANITARI)
Le competenze socio-assistenziali, di cui l’Ente Locale è titolare, sono espletate in forma coordinata
con la Società della Salute, con la quale verranno monitorati costantemente le situazioni di difficoltà
presenti sul territorio. Sempre congiuntamente alla Società della Salute verranno attuati interventi a
sostegno delle situazioni di disabilità.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Per il triennio 2017-2019, si confermano gli interventi destinati all’assistenza domiciliare per
disabili gravi direttamente e il consolidamento del servizio di mobilità per disabili sia sul territorio
comunale sia sul territorio extracomunale. Inoltre, per assicurare le competenze socio-assistenziali,
che la normativa assegna all'ente locale da esercitarsi in forma coordinata con la Azienda Sanitaria
Locale, anche per il triennio 2017-2019, i comuni della zona assegnano all’ASL uno stanziamento
cospicuo per il Bilancio Sociale; la cifra prevista pro-capite ad abitante è di €.44,00. Per mantenere
un rapporto di diretto tra Cittadini, Comune e Società della Salute è previsto uno Sportello Sociale
che vedrà la presenza di una figura qualificata (Assistente Sociale) per il primo accesso dei cittadini
ai servizi.
E’ prevista inoltre l’attivazione di una procedura selettiva per i contratti relativi al servizio di
assistenza specialistica disabili negli asili nidi e scuole del territorio e per assistenza domiciliare
disabili gravi, servizi sempre più richiesti al Comune.
E’ in corso di verifica la possibilità di un accorpamento della SdS Bassa Val di Cecina con la Val di
Cornia: conseguentemente dovranno essere modificati i relativi atti.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (quota parte)
n. 1 Responsabile dell’ U.O. P.O. (quota parte)
264
n. 1 Istruttore Direttivo Sec 40%
n. 1 Istruttore Amministrativo 20%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 4 pc,
n. 3 stampante,
n. 4 calcolatrice,
n. 2 fotocopiatrice
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 188 PROGRAMMAZIONE E GOVERNO
DELLA RETE DEI SERVIZI
SOCIOSANITARI E SOCIALI
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
1.401.984,06
1.401.984,06
265
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
1.369.065,19
1.369.065,19
ANNO
2018
1.404.065,19
1.404.065,19
ANNO
2019
1.354.065,19
1.354.065,19
Missione 184 “Diritti sociali – politiche sociali e famiglia”
PROGRAMMA 189 “SERVIZIO NECROSCOPICO E CIMITERIALE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
•
CIMITERI
Il programma assegna al Comune funzioni di indirizzo e controllo sui plessi cimiteriali. Soggetto
gestore dei servizi cimiteriali è attualmente CROM Servizi s.r.l., società pubblica in house costituita
dai Comuni di Rosignano M.mo, Castellina M.ma e Montescudaio. Il Comune definisce la politica
cimiteriale e gli indirizzi per la gestione su base di medio e lungo periodo; gli aspetti operativi
relativi alla gestione dei processi e dei plessi sono definiti nel contratto di servizio approvato con
atto di C.C. n°140 del 30/09/2008. Le politiche cimiteriali individuano nel contenimento degli
immobilizzi, un obiettivo strategico per perseguire un “virtuoso rapporto con l’ambiente” in termini
di riduzione o contenimento degli ampliamenti. L’attività è rivolta al recupero delle vecchie
sepolture e alla divulgazione della cultura della sostenibilità anche in ambito cimiteriale, da
promuovere anche mediante una capillare politica di incentivazione economica a favore di pratiche
di inumazione, cremazione, recupero di spazi e manufatti. Al momento si prevede l’erogazione di
funerali gratuiti in favore di cittadini residenti nel Comune e in possesso di attestazione ISEE con
valore ISEE inferiore ad €. 10.000,00 finalizzata alle pratiche di inumazione e cremazione.
Per i RESIDENTI è prevista:
-
Inumazione gratuita;
-
contributo forfettario di €.150,00 per le salme destinate alla cremazione;
-
concessione gratuito per anni 5 di ossario per l’accoglienza dell’urna cineraria (per prima
sepoltura);
-
concessione gratuito per anni 10 di ossario per i resti derivanti da retrocessione volontaria
della sepoltura (tomba o loculo);
-
inumazione gratuita a seguito di retrocessione volontaria della sepoltura.
Mentre, per gli INDIGENTI è previsto:
-
funerale gratuito per le salme destinate alla cremazione e all'inumazione in presenza di ISEE
inferiore ad €.10.000,00, oppure la cui indigenza sia attestata da relazione dei servizi sociali
e la cui rete familiare (parenti di 1° grado) risulti essa stessa avere detto valore ISEE;
266
-
contributo del 100% del costo di cremazione;
-
erogazione di funerali gratuito con successiva inumazione e/o cremazione, in favore di
coloro che risultano senza fissa dimora e/o valido permesso di soggiorno presenti sul
territorio comunale.
Le seguenti agevolazioni a sostegno delle politiche cimiteriali:
-
Loculo gratuito per anni 5 per una cineraria per prima sepoltura.
-
Ossario gratuito per 10 anni per i resti derivanti da retrocessione volontaria
-
Inumazione gratuita a seguito di retrocessione volontaria della sepoltura.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
L’Amministrazione intende sviluppare il progetto per il recupero e la riqualificazione dei plessi
cimiteriali. In un’ottica di riduzione della cementificazione e di rispetto delle politiche ambientali,
un ruolo importante ha il riciclo ed il recupero di vecchie sepolture, nonché l’individuazione di
azioni tese al sostegno dell’inumazione e della cremazione. Il Comune intende approfondire il
regime dei costi e degli standard gestionali previsti dal contratto nonché il permanere o meno, alla
luce del nuovo Codice dei Contratti e Decreti Madia, delle motivazioni che hanno fino ad ora
consentito l’affidamento in house di questi servizi. Nel frattempo si continua ad esercitare un ruolo
attivo nell’indirizzo e nel controllo dei servizi cimiteriali svolti da Crom Servizi srl. .
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (quota parte)
n. 1 Responsabile dell’U.O. P.O. (quota parte)
n. 1 Funzionario Amm.vo part-time al 50% ( per il 10%)
n. 1 istruttore amm.vo 10%
n. 1 Istruttore Amministrativo 20%
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n.5 pc
n° 3 stampanti
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 189 SERVIZIO NECROSCOPICO E
CIMITERIALE
Esercizio 2016 previsione
assestata
267
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
ANNO
2016
590.708,07
240.235,71
830.943,78
268
ANNO
2017
591.163,56
330.235,71
921.399,27
ANNO
2018
564.507,35
60.000,00
624.507,35
ANNO
2019
563.095,69
260.000,00
823.095,69
Missione 190 “Sviluppo economico e competitività”
PROGRAMMA 191 “COMMERCIO – RETI DISTRIBUTIVE – TUTELA DEL
CONSUMATORE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
- COMMERCIO
- FIERE E MERCATI
- PROMOZIONE ECONOMICA
- SPORTELLO UNICO
Il progetto consiste principalmente nel ricevimento e nel controllo delle c.d. Segnalazioni
Certificate Inizio Attività (SCIA) e nel rilascio delle autorizzazioni in materia di:
-
commercio in sede fissa e su aree pubbliche; vendita di stampa quotidiana e periodica;
-
somministrazione di alimenti e bevande; attività artigianali alimentari; stabilimenti
balneari;
-
polizia amministrativa,
locali e attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento,
trattenimenti vari, autorimesse, noleggio auto con e senza conducente, gestione ed
installazione degli apparecchi e congegni automatici da gioco e trattenimento,
autorizzazioni accessorie di pubblica sicurezza presso pubblici esercizi;
-
deroghe alle emissioni sonore prodotte da attività temporanee rumorose;
-
gestione della commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo;
-
procedimenti inerenti le concessioni di suolo pubblico (con canone COSAP ) temporanee e
permanenti (limitatamente alle edicole e alle concessioni accessorie al servizio di strutture
che svolgono la loro attività su proprietà privata)
-
vendita di prodotti fitosanitari, trasporto animali vivi ed altre autorizzazioni sanitarie;
-
riconoscimento degli stabilimenti di produzione e lavorazione di prodotti di origine
animale;
-
attività di controllo per lo svolgimento delle tombole, lotterie, ecc;
-
gestione delle graduatorie dei mercati, finalizzata al calcolo delle assenze;
-
richieste di certificazioni e nulla osta antimafia, penale e DURC;
269
-
procedimenti inerenti l’avvio/modifica/cessazione di attività economiche, di cui al D.P.R.
160/2010, ivi comprese le prestazioni di servizio di cui al D.Lgs n. 59/2010, nonché gli
interventi di edilizia produttiva,compreso l’eventuale rilascio dell’Atto Unico;
-
autorizzazione unica ambientale, denuncia di impianti di messa a terra, licenza di vendita
prodotti alcolici;
-
rilascio tesserini e autorizzazioni all’impiego di gas tossici;
-
impianti di radiocomunicazione;
-
intese e accordi con gli enti esterni e funzioni di sportello unico associato nel rapporto con
il comune di Santa Luce;
-
impianti di distribuzione carburanti;
-
acconciatori, estetisti, attività di tatuaggi e piercing , agenzie di affari di cui all’art. 115 del
T.U.L.P.S., istruttori di tiro, fochini, palestre private, tinto-lavanderie.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Il progetto si pone l’obiettivo di predisporre strumenti normativi per un migliore governo del
territorio, per una maggiore certezza di azione e trasparenza nei confronti degli operatori economici,
oltreché il rispetto dei tempi previsti dalla normativa.
Relativamente ai procedimenti per il rilascio delle concessioni di suolo pubblico, in un’ottica di
maggiore trasparenza degli atti medesimi e di certezza dell’azione amministrativa, dovrà essere
rivisto il vigente regolamento Cosap in coordinamento e coerenza con l’eventuale revisione di altri
atti a contenuto più tecnico, quale il regolamento delle strutture temporanee, allegato al regolamento
edilizio.
L’U.O. segue inoltre le procedure costanti di adeguamento, a seguito di disposizioni normative e
regolamentari, delle pratiche per avvio, modifica, cessazione, subingresso delle attività produttive e
prestazioni di servizi che sono presentate obbligatoriamente in modo telematico, tramite il portale
SUAP che costituisce una piattaforma comune a tutti gli uffici ad esso collegati. Tale attività
comporta un continuo adeguamento organizzativo e formativo. A febbraio 2016 è stata approvata la
rivisitazione complessiva del Regolamento per il funzionamento dello Sportello Unico delle
Imprese (SUAP), in previsione dell’entrata in funzione dell’accettatore unico regionale e in
attuazione delle modifiche tecniche informatiche e delle emanande disposizioni regionali e
nazionali (Legge Madia e atti conseguenti). A giugno 2016 è stato realizzato il previsto
adeguamento alle nuove specifiche tecniche regionali ed in particolare al cosiddetto accettatore
unico, una piattaforma predisposta dalla Regione Toscana, che ha comportato l’adeguamento del
programma di gestione nonché attività di formazione-informazione alle imprese ed ai dipendenti.
270
Tale nuova modalità operativa, costituendo un unico interfaccia di front-office per l’invio delle
pratiche in tutta la Regione Toscana, dovrebbe consentire di superare le problematiche evidenziate
dai tecnici in merito all’utilizzo di portali diversi nei diversi comuni.
A seguito della pubblicazione dei decreti Madia sulla conferenza dei servizi, sulla SCIA e sui regimi
amministrativi applicabili alle diverse tipologie di attività, il Regolamento per il funzionamento
dello Sportello Unico delle Imprese (SUAP) dovrà essere ulteriormente rivisto.
In applicazione del Decreto Legislativo 26 marzo 2010 n. 59 di recepimento della direttiva
Bolkestein, cui ha fatto seguito l’Intesa della Conferenza Unificata Stato-Regioni del 5 luglio 2012,
le concessioni di suolo pubblico per l’attività di vendita su aree pubbliche, a partire dalla primavera
del 2017, non potranno più essere rinnovate tacitamente ma dovranno essere riassegnate attraverso
una procedura ad evidenza pubblica. Considerata la cospicua presenza di posteggi sul territorio
comunale (mercati, fiere, posteggi fuori mercato annuali e stagionali, chioschi per edicole e bazar),
gli uffici dovranno predisporre i bandi di assegnazione. Questo complesso lavoro di predisposizione
degli atti di gara, dovrà essere preceduto da una complessiva rivisitazione del Regolamento per la
disciplina dello svolgimento del commercio su aree pubbliche, necessario per allineare l’articolato
normativo alle linee guida del documento delle regioni del 24 gennaio 2013, della D.G.R.T.
424/2013 di recepimento del documento e del protocollo d’intesa Regione nonché alle indicazioni
contenute nel regolamento comunale tipo approvato dalla Regione il 22 gennaio 2015. I bandi
dovranno essere pubblicati a febbraio/marzo 2017.
A seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Acustico, sono state rielaborate le
procedure inerenti lo svolgimento di attività istituzionale, per il rilascio delle autorizzazioni per i
trattenimenti musicali e relative deroghe (DPRG 8/01/2014 n.2/R).
In stretta sinergia con la U.O. Ambiente, in ottemperanza ai rilievi emersi in sede di rinnovo della
certificazione ISO14001 e al fine di poter predisporre di un utile strumento di conoscenza del
territorio e dei suoi punti di vulnerabilità, sono state valutate le modalità per predisporre, ai sensi
dell’art. 216 del R.D. n. 1265 del 1934, l’elenco delle industrie insalubri del territorio che utilizzano
sostanze chimiche e i prodotti individuati con decreto ministeriale.
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (per quota parte);
n. 1 Cat. D Posizione Organizzativa per il 60%
n. 1 dipendenti di ruolo per il 100% Cat. D
n. 1 dipendente di ruolo per il 30% Cat. D
n. 1 dipendente di ruolo part/time al 53,33 % Cat. D (in pensione dal 08.02.2016)
271
n. 5 dipendenti di ruolo al 100% Cat C
n. 1 dipendente di ruolo con part/time ( 66,67 % ) Cat. C
n. 1 dipendenti al 60% Cat. C
n. 2 dipendenti al 30% Cat. C
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 8 personal computer
n. 3 stampanti
n. 1 scanner
utilizzo di auto in gestione al Settore Programmazione e Sviluppo del Territorio.
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 191 COMMERCIO - RETI DISTRIBUTIVE TUTELA DEL CONSUMATORE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
237.285,27
237.285,27
272
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
271.810,84
271.810,84
ANNO
2018
242.501,56
242.501,56
ANNO
2019
242.501,56
242.501,56
Missione 192 “Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca”
PROGRAMMA 193 “SVILUPPO DEL SETTORE AGRICOLO E DEL SISTEMA
AGROALIMENTARE”
Responsabile D.ssa Angela Maria Casucci
DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA
CENTRI DI COSTO INTERESSATI NELL’ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA:
AGRICOLTURA
•
Il progetto consiste principalmente in:
-
istruttoria e definizione dei piani di miglioramento agricolo ambientale, pratiche di
deruralizzazione ed attività agrituristiche ed itti-turistiche;
-
attività di controllo d’ufficio e tramite sopralluoghi;
-
partecipazioni inerenti ad istruttorie per la realizzazione di annessi agricoli amatoriali;
-
procedimenti inerenti la vendita da parte di imprenditori agricoli, pescatori professionali, e
mercati della filiera corta;
-
rilascio tesserini per raccolta tartufi, per la vendita prodotti fitosanitari e per esercizio
della caccia;
-
pratiche inerenti l’attività venatoria, compresa la disciplina dei fondi chiusi;
-
attività connesse ad operazioni censuarie - ISTAT;
-
attività di promozione e sostegno alle iniziative rivolte al settore agricolo;
-
adesioni e sostegni economici ad Associazioni Nazionali di valorizzazione di prodotti
agroalimentari.
OBIETTIVI DA CONSEGUIRE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE
Il progetto si pone l’obiettivo di valorizzazione del comparto agricolo che comprende una buona
parte di economia del territorio, favorendo le produzioni locali, la filiera corta, i prodotti tipici e
agroalimentari e tutta l’attività agricola, promuovendo la partecipazione del comune a esposizioni
universali, eventi a livello nazionale etc, riconoscendole anche un importante ruolo di tutela del
territorio e del paesaggio.
Inoltre provvede all’adeguamento organizzativo e strumentale, a seguito della continua evoluzione
normativa.
273
A seguito di una procedura ad evidenza pubblica, si procederà ad affidare il servizio di fornitura di
gabbriccio per la manutenzione delle strade interne di servitù agricola. La consegna del materiale
verrà effettuata alle aziende agricole che ne faranno richiesta, seguendo un elenco,
redatto dal Servizio Agricoltura del Comune
RISORSE UMANE DA IMPIEGARE
n. 1 Dirigente (per quota parte);
n. 1 Cat. D Posizione Organizzativa al 20%
n. 1 dipendente di ruolo part/time al 53,33 % Cat. D (in pensione dal 08.02.2016)
n. 1 agronomo con contratto part-time al 66,67% Cat. D
n. 1 dipendente di ruolo al 40% Cat. C
RISORSE STRUMENTALI DA UTILIZZARE
n. 2 personal computer
n. 1 stampante
n. 1 fotocopiatrice (a disposizione dell’U.O. SUAP)
utilizzo di auto in gestione al Settore Programmazione e Sviluppo del Territorio
RISORSE FINANZIARIE
PROGRAMMA 193 SVILUPPO DEL SETTORE AGRICOLO E
DEL SISTEMA AGROALIMENTARE
SPESA CORRENTE
SPESA C/CAPITALE
TOTALE RISORSE FINANZIARIE
Esercizio 2016 previsione
assestata
ANNO
2016
123.797,49
123.797,49
274
PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE
ANNO
2017
132.417,09
132.417,09
ANNO
2018
129.158,37
129.158,37
ANNO
2019
92.158,37
92.158,37
SEZIONE OPERATIVA:
La programmazione in
materia di lavori pubblici,
personale e patrimonio
275
276
2.2.1 La programmazione dei lavori pubblici
2.2.1.a Il programma pluriennale degli investimenti 2017/2019
Di seguito rappresentiamo il programma dei lavori pubblici 2017/2019 come elaborato dal Settore
Programmazione e Sviluppo del Territorio e approvato con Delibera di Giunta n. 365 del
23/12/2016:
277
278
279
280
281
2.2.1.b Lo stato di attuazione dei programmi deliberati negli anni precedenti e considerazioni
sullo stato di attuazione
Si rimanda al punto 1.2.2.b della presente relazione
282
2.2.2 La programmazione triennale del fabbisogno di personale
2.2.2.a La normativa di riferimento e relativi vincoli di finanza locale
Si ricorda che in materia di contenimento della spesa di personale e di limite alle correlate
assunzioni sono vigenti i vincoli derivanti dal combinato disposto dei commi 557 e segg. della L.
296/2006 - così come modificati da disposizioni successive – ed il D.L. 78/2010, il D.L. 90/2014
ed il D.L. 78/2015, convertiti in legge. In sintesi, la riduzione della spesa di personale rispetto alla
media triennale 2011 – 2013, i limiti al turnover innovati dalla L. 208/2015 e dalla L. 232/2016, il
contenimento della spesa per lavoro flessibile ed istituti analoghi.
Dato atto che questa Amministrazione non incorre nel divieto di assunzione di personale in quanto:
-
ha rideterminato la dotazione organica del personale negli anni 2016 e precedenti (cfr. da ultimo
la su citata Deliberazione Giunta comunale n. 310 del 26.10.2016;
-
ha approvato il Piano Triennale di azioni positive triennio 2015 - 2017 (ex art. 48, comma 1 del
D.Lgs. 198/2006) con deliberazione n. 341 del 30.12.2014;
-
ha approvato il Peg/Piano della Performance 2016-2018 con deliberazione di Giunta Comunale
n. 184 del 29/6/2016 (ex art. 10, comma 5, del D.Lgs. n. 150/2009 per quanto di non diretta
applicazione);
-
ha conseguito, rispetto ai dati di preconsuntivo dell’anno 2016, il pareggio di bilancio ex comma
712 della L. 208/2015 e la programmazione della spesa 2017 – 2019 consente il conseguimento
a preventivo del pareggio di bilancio ex L. 232/2016 unitamente alla constatazione del rispetto
del c.d. patto di stabilità anche negli esercizi precedenti;
-
ha rispettato nell’anno 2016 le misure di contenimento della spesa di personale (giusta
deliberazione consiliare n. 147 del 29.11.2016) ovvero il vincolo di riduzione della spesa di
personale così come disposto dall’art. 1, comma 557 quater, della Legge n. 296/2006 e s.m.i.,
unitamente alla constatazione che il rispetto di tale limite è garantito anche con riferimento alla
programmazione finanziaria 2017 – 2019 ivi contenuta;
-
ha rispettato nell’esercizio 2016 il limite di spesa per lavoro flessibile ex art. 9, co. 28 del D.L.
78/2010 e s.m.i. e la programmazione finanziaria per gli esercizi 2017 – 2019 è coerente con
detto limite;
-
ha approvato nei termini di legge il bilancio preventivo 2016 – 2018, il Rendiconto della
Gestione 2015 e trasmesso, nei termini di legge, le informazioni sui propri conti alla Ragioneria
Generale dello Stato tramite BDAP;
-
ha attivato la piattaforma telematica per la certificazione dei crediti;
-
ha rispettato le disposizioni del patto di stabilità interno o pareggio di bilancio nell’ultimo
283
triennio unitamente alla constatazione che la presente deliberazione non pregiudica il rispetto
del pareggio di bilancio ex L. 232/2016 per il triennio 2017 – 2019;
-
non versa, attualmente, in situazione strutturalmente deficitaria così come definita dagli artt. 242
e 243 del D.Lgs. n. 267/2000;
-
ha rispettato i termini massimi di pagamento di cui all’art. 41 del D.L. 66/2014 convertito con
modificazioni.
Si rileva che le assunzioni che seguono risultano compatibili con il contenimento della spesa di
personale ex art. 1 comma 557 della L. 296/2006 e s.m.i. ed ex art. 9, co. 28 del D.L. 78/2010 e
s.m.i. così come motivato dal paragrafo 1.2.3.b) del presente Documento e che le capacità
assunzionali (ex L. 208/2015 e L. 232/2016) per il triennio in oggetto sono ad oggi determinate
in euro 151.390,64.
2.2.2.b La programmazione dell’Ente
Dato atto di quanto deliberato nel DUP 2016 -2018 e della conformità ad esso delle deliberazioni di
Giunta Comunale in materia di programmazione dei fabbisogni di personale assunte nel corso
dell’esercizio 2016 (D.G..C. n. 5 del 19.01.2016, n. 12 del 21/01/2016, n. 45 del 23/02/2016, n. 83
del 05/04/2016, n. 152 del 26/05/2016, n. 310 del 26.10.2016, n. 367 del 23.12.2016).
Sulla base delle proposte dei Dirigenti, verificato che dalle stesse non emergono situazioni di
soprannumero o comunque eccedenza di personale in relazione alle esigenze funzionali o alla
situazione finanziaria ex art. 33 del D.Lgs. 165/2001, con riferimento al periodo 2017 – 2019 la
Giunta Comunale, è autorizzata a valutare ed a provvedere con proprie deliberazioni, nell’arco
temporale di riferimento del DUP, alla necessità di:
- copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto vacante in dotazione organica di agente di Polizia
Municipale, Categ. C, a completamento dell’organico della stessa assicurando priorità
all’espletamento di mobilità volontaria ex art. 30 del D.Lgs. 165/2001 in quanto capace di
assicurare risparmi complessivi in termini di finanza pubblica unitamente alla possibilità di
conservazione delle capacità assunzionali;
- copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto vacante di istruttore direttivo amministrativo, categ.
D1 presso il Settore Servizi alla persona ed all’impresa, assicurando priorità all’espletamento di
mobilità volontaria ex art. 30 del D.Lgs. 165/2001 in quanto capace di assicurare risparmi
complessivi in termini di finanza pubblica unitamente alla possibilità di conservazione delle
capacità assunzionali nonchè alla necessità di provvedere, in attesa della copertura de qua, al
conferimento di mansioni superiori ad idoneo soggetto di categoria C;
284
- incremento di part- time anche fino al completamento dell’orario contrattuale di lavoro con
particolare riferimento alla categ. B1 esecutore usciere e categ. B3 collaboratore professionale
amministrativo;
- copertura - mediante utilizzo delle residue capacità assunzionali ad esito di quanto sopra o
mediante attivazione per quanto compatibile del piano straordinario ex art. 1, co. 228bis e segg.
della L. 208/2015 – di posti vacanti dall’01.01.2017 di insegnanti di scuola dell’infanzia, categoria
C.
In subordine a quanto sopra la Giunta Comunale è altresì autorizzata a valutare, e successivamente
provvedere con proprio atto, il miglior utilizzo del personale in servizio mediante la possibilità di
disporre il mutamento di profili professionali o del tempo lavoro dei dipendenti (part time/full
time); programmare ed avviare procedure di interscambio del personale; provvedere ad eventuali
assunzioni a tempo indeterminato, con particolare riferimento ai profili professionali individuati
come infungibili o specialistici.
In materia di lavoro flessibile la Giunta Comunale è autorizzata a valutare ed a provvedere con
proprie deliberazioni, nell’arco temporale di riferimento del DUP, alla necessità di:
-
assunzioni a tempo determinato, in particolare per sopperire al bisogno di sicurezza e
controllo del territorio nei mesi di maggior impatto dei flussi turistici (polizia municipale);
-
assunzione a tempo determinato, per la durata di 2 anni, di un istruttore direttivo
amministrativo cat. D 1 presso il Settore Servizi alla persona ed all’impresa, al fine di
sviluppare progetti gestionali connessi alle strutture ed alle attività oggetto di finanziamenti
straordinari da attivare con il Bilancio di Previsione 2017, in particolare i progetti PIU
finanziati dalla Regione Toscana mediante il FESR (vedi interventi sulla ex Biblioteca,
realizzazione della Music Box ed interventi su altre strutture con vocazione e finalità di
promozione e sviluppo del territorio) unitamente ad altri finanziamenti di natura regionale
volti al rilancio della funzione storico-culturale del Castello Pasquini.
In subordine da valutare anche eventuali ed ulteriori esigenze di carattere eccezionale e temporaneo,
ivi compreso iniziative di rango statale e regionale in materia di LPU o fattispecie assimilabili.
Da ultimo la Giunta Comunale, è autorizzata a valutare ed a provvedere con proprie deliberazioni,
285
alla programmazione di progetti di incentivazione del personale ai sensi dell’art. 15, co. 5 del
CCNL 1/4/1999 fatta salva la propria prerogativa in materia di impiego delle risorse ex art. 15, co. 2
e 4 del CCNL 1/4/1999.
286
2.2.3 Il Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni immobiliari
2.2.3.a La normativa di riferimento e relativi vincoli di finanza locale
La normativa in materia di demanio e patrimonio immobiliare pubblico si caratterizza per una
frammentarietà e disorganicità delle disposizioni che si trascina nel tempo. In particolare, nel corso
degli anni ‘90, i provvedimenti legislativi che si sono occupati di dismissione del patrimonio
immobiliare pubblico sono andati moltiplicandosi, a partire dal D.L. n. 310/1990 e il D.L. n.
5/1991. Inoltre, sempre a partire da quegli anni, quasi tutte le leggi finanziarie si sono occupate
della tematica, cercando di stimolare gli enti a migliori condizioni di utilizzazione e fruizione
pubblica del patrimonio stesso.
Un primo punto di approdo significativo è rinvenibile nella legge n. 244/2007, che all’art. 2 c. 594599 ha previsto l’obbligo della predisposizione di piani triennali di razionalizzazione dell’utilizzo
dei beni immobili ad uso abitativo o di servizio, prevedendo anche una ricognizione propedeutica ai
piani stessi.
Il più recente punto di arrivo di questa lunga evoluzione normativa volta a valorizzare o dismettere
il patrimonio immobiliare di proprietà di enti pubblici è rappresentato dall'art. 58 del D.L. n.
112/2008, convertito con L. n. 133/2008. La disposizione in questione prevede al comma 1 che “Per
procedere al riordino, gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di Regioni, Province, Comuni e
altri Enti locali, nonché di società o Enti a totale partecipazione dei predetti enti, ciascuno di essi, con
delibera dell'organo di Governo individua, redigendo apposito elenco, sulla base e nei limiti della
documentazione esistente presso i propri archivi e uffici, i singoli beni immobili ricadenti nel territorio di
competenza, non strumentali all'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione
ovvero di dismissione. Viene così redatto il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari allegato al
bilancio di previsione..”
Ai fini della predisposizione del Piano, ogni anno, a cura del competente Settore Programmazione
e Sviluppo del Territorio viene effettuata una ricognizione del patrimonio comunale non strumentale
all’esercizio delle funzioni istituzionali dell'Ente, per l'individuazione di un elenco di singoli beni
immobili suscettibili di dismissione, nell'ambito di una strategia complessiva di razionalizzazione
delle risorse immobiliari; inoltre, sono individuati i beni suscettibili di valorizzazione attraverso lo
strumento della concessione/locazione, ai fini della loro riqualificazione e riconversione tramite
interventi di recupero, restauro, ristrutturazione, anche con l'introduzione di nuove destinazioni
d'uso finalizzate allo svolgimento di attività economiche o attività di servizio.
287
2.2.3.b La programmazione dell’Ente 2017/2019 - "Piano delle alienazioni e valorizzazioni
patrimoniali – Annualità 2017-2019"
Segue rappresentazione del "Piano delle alienazioni e valorizzazioni patrimoniali – Annualità 20172019" come elaborato dal Dirigente del Settore Programmazione e Sviluppo del Territorio e
contenuto nella proposta dei deliberazione di Giunta Comunale n. 4/2014 depositata in
approvazione.
288
N
Immobile
1 Ex lavanderia
2 Posti auto via Aurelia
3
Fabbricato Via Fucini e
porzione di area antistante
4 Area via Terracini
5
Fondo via Aurelia (ex
gemellaggio)
6 Ex dispensario di Via Giusti
7 Area in Via Collodi
8 Area Via Lungomonte
9 Immobile Via Zug
10 Area Via Fattori
PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI
ANNUALITA' 2017-2019
IMMOBILI SUSCETTIBILI DI ALIENAZIONE
Ubicazione
Note
Importo base d’asta
Castelnuovo
N. 7 Aste precedenti andate deserte.
Ultimo base d'asta € 9,527,70
M.dia
Chioma
N. 3 Aste precedenti andate deserte.
Ultimo base d'asta € 37.000,00
Castiglioncello N. 3 Aste precedenti andate deserte.
Ultimo base d'asta € 260.347,50
Rosignano
Solvay
N. 1 Asta precedente andata deserta
Ultimo base d'asta € 11.400,00
Rosignano
Solvay
N. 1 Asta precedente andata deserta
Ultimo base d'asta € 310.000,00
N. 1 Asta precedente andata deserta
Ultimo base d'asta € 450.000,00
N. 1 Asta precedente andata deserta
Ultimo base d'asta € 11.400,00
Rosignano
Solvay
Rosignano
Solvay
Rosignano
Solvay
Castiglioncello
Regolarizzazione patrimoniale per accesso
carrabile a condominio
Base d'asta € 4.600,00
Immobile acquisito mediante federalismo
demaniale
€ 665.827,07
Procedura di gara in corso
Castiglioncello Regolarizzazione patrimoniale
11
Area Via G. Leopardi c/o Bagni
Castiglioncello Regolarizzazione patrimoniale
Salvadori
12
Area presso c/o Centro
Commerciale Unicoop
Vada
Permuta di aree
289
€ 3.900,00
Permuta con conguaglio € 3.000,00
procedura in corso
€ 6.000,00 procedura in corso
13
Area nuovo distretto socio
sanitario
14 Chiesa di S.Ilario
15
Varie trasformazioni diritto di
superficie
Rosignano
Solvay
Area da alienare all'ASL di Livorno
Rosignano
M.mo
Chiesa consacrata, trasferimento gratuito
della proprietà alla parrocchia di Rosignano
Marittimo
Varie Frazioni
Regolarizzazione patrimoniale
Vada
Aree residuali accordo transattivousucapione loc. Fanfani
18 Area in Va Ombrone
Castiglioncello
Area da frazionare di accesso ad abitazioni
private
19 Aree in Via Falcone
Castelnuovo
M.dia
Aree residuali da frazionare
17
N
n.2 Posti Auto via Tommaso
Campanella
Immobile
Cessione gratuita
€ 20.000,00
Rosignano
Solvay
16 Area via Buccari
€ 1.112.000,00
€ 1.000,00
Complessivi € 7.500,00
€ 10.000,00
Complessivi € 47.000,00
IMMOBILI SUSCETTIBILI DI VALORIZZAZIONE
Ubicazione
Indirizzi per la valorizzazione
1 Colonia Gavinana
San Marcello
Pistoiese
2 Centro della Nautica
Vada
3 Stanza c/o ambulatorio
Castelnuovo
M.dia
4 Locali P.zza Musselburg
Rosignano Solvay Valutare nuove possibilità di valorizzazione del bene dopo riqualificazione PIU
In attesa adeguamento norme prevenzione incendi
Avviare percorso per valorizzazione della parte di immobile non ancora utilizzata, in
accordo con la Provincia di Livorno, comproprietaria
Primo avviso pubblico andato deserto. Attendere esito verifica interesse storico da
Sovrintendenza e parere ASL per bagno disabili.
290
5 Bar Ristorante in loc. Lillatro
6
Bar-ristoro ubicato nel Parco
del Fortullino
Rosignano Solvay
Procedere con rinnovo della concessione in scadenza il 31/12/2017 nelle more della
definizione dei rapporti contrattuali per le aree a parcheggio limitrofe
Castiglioncello
Proroga della concessione fino al 31/12/2017 nelle more della definizione
dell'acquisizione dell'adiacente parcheggio con le Ferrovie e avviare istruttoria tecnica
propedeutica a una gara ad evidenza pubblica.
7 Circolo Bocciofilo
Rosignano Solvay Si conferma l’indirizzo per predisposizione bando per concessione di valorizzazione
8 Villa Mirabello
Gabbro
9 Parco I. Bandiera
Vada
10 Torre Medicea
11
Minigolf e Cinema all’aperto
Predisporre studio per la valorizzazione dell’immobile
Parco pubblico recintato e non utilizzato. Valutare le possibilità di valorizzazione
attraverso coinvolgimento Associazioni.
Castiglioncello
In attesa adeguamento norme prevenzione incendi
Castiglioncello Pineta Marradi
Si conferma l’indirizzo per predisposizione studio per valorizzazione da attivare dopo
la scadenza dei contratti vigenti.
291
2.2.4 I Piani di Razionalizzazione
2.2.4.a La normativa di riferimento
Il D.L. n. 98/2011, convertito in L. n. 111/2011, ed in particolare l’articolo 16 rubricato
“Contenimento delle spese in materia di pubblico impiego”, dispone nei commi 4/6 che:
-
fermo restando quanto previsto dall’articolo 11, le amministrazioni di cui all’articolo 1,
comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, possono adottare entro il 31 marzo di ogni anno piani
triennali di razionalizzazione e riqualificazione della spesa, di riordino e ristrutturazione
amministrativa, di semplificazione e digitalizzazione, di riduzione dei costi della politica e
di funzionamento, ivi compresi gli appalti di servizio, gli affidamenti alle partecipate e il
ricorso alle consulenze attraverso persone giuridiche. Detti piani indicano la spesa sostenuta
a legislazione vigente per ciascuna delle voci di spesa interessate e i correlati obiettivi in
termini fisici e finanziari;
-
In relazione ai processi di cui al comma 4, le eventuali economie aggiuntive effettivamente realizzate
rispetto a quelle già previste dalla normativa vigente, dall’articolo 12 e dal presente articolo ai fini
del miglioramento dei saldi di finanza pubblica possono essere utilizzate annualmente, nell’importo
massimo del 50 per cento, per la contrattazione integrativa, di cui il 50 per cento destinato alla
erogazione dei premi previsti dall’articolo 19 del D. Lgs. n. 150/2009…omissis…Le risorse di cui al
precedente periodo sono utilizzabili solo se a consuntivo è accertato, con riferimento a ciascun
esercizio, dalle amministrazioni interessate, il raggiungimento degli obiettivi fissati per ciascuna
delle singole voci di spesa previste nei piani di cui al comma 4 e i conseguenti risparmi. I risparmi
sono certificati, ai sensi della normativa vigente, dai competenti organi di controllo…omissis…I
piani adottati dalle amministrazioni sono oggetto di informazione alle organizzazioni sindacali
rappresentative.”
2.2.4.b La programmazione dell’Ente
I piani di razionalizzazione 2016 - 2018 sono stati approvati con deliberazione di Giunta Comunale
n. 76 del 30/03/2016, in attuazione degli indirizzi contenuti nel DUP 2016 – 2018, e sono finalizzati
a conseguire economie in materia di:
-
Razionalizzazione della spesa per la gestione degli interventi per emergenza abitativa.
-
Accorpamento/razionalizzazione rapporti patrimoniali passivi
-
Razionalizzazione delle utenze comunali di acqua
-
Razionalizzazione delle utenze comunali di energia elettrica
-
Razionalizzazione delle utenze comunali di metano
-
Internalizzazione del servizio di vigilanza/presidio della Colonia di Gavinana
292
-
Recupero e riutilizzo di materiali didattici dei Servizi Educativi
-
Risparmi di spesa in materia di fonia mobile.
-
riorganizzazione del servizio Assicurativo – monitoraggio e gestione casistica sinistri
finalizzata all’adeguamento del contratto di polizza ramo RTC alle esigenze dell’Ente.
La Giunta Comunale, anche per il periodo 2017 – 2019, è autorizzata a valutare ed a provvedere
con proprie deliberazioni, da intendersi attuative e dunque integrative del presente Documento, alla
programmazione di ulteriori iniziative di razionalizzazione e risparmio nei termini previsti dalla
normativa sopra richiamata ovvero entro il 31/03 di ogni anno. In particolare, rivestono particolare
rilevanza tutte le iniziative volte a conseguire economie sulle spese di parte corrente, specie se
connesse all’ordinario funzionamento degli uffici, in quanto lodevole modalità di gestione delle
risorse pubbliche.
293
2.2.5 La programmazione degli acquisti ex art. 21 del D.Lgs. 50/2016
La definizione della programmazione ai sensi dell’articolo 21 del D.Lgs. 50/2016 in materia di
“Programma delle acquisizioni delle stazioni appaltanti” si applica a decorrere dal bilancio di
previsione 2018 ai sensi della novella prevista dall’art. 1, co. 424 della L. 232/2016.
294
295

Documenti analoghi