L`acqua non sarà più distribuita

Commenti

Transcript

L`acqua non sarà più distribuita
LA SICILIA
42.
GIOVEDÌ 30 APRILE 2015
CATANIA PROVINCIA
Calatino
L’Atrio del Castello scricchiola Grammichele, operai nella cabina Enel
Militello. «Condizioni critiche». Interventi per l’adeguamento antisismico
«L’edificio comunale dell’Atrio del Castello – ex plesso scolastico e attuale
sede municipale – presenta condizioni strutturali critiche, che si legano
alla sua vulnerabilità sismica».
Lo ha riferito, in una nota, il responsabile dell’Area tecnica del Comune di
Militello, arch. Michele Dell’Uomini,
che ha sollecitato all’amministrazione
una nuova valutazione delle condizioni statiche del Municipio e dei
maggiori fattori di rischio. La missiva
recepisce anche una perizia geologica
del dott. Carlo Coriolani, nonchè una
relazione del 2009 del consulente,
ing. Giovanni Conticello.
Diversi “rumors” si sono susseguiti
dall’estate del 2010, dopo l’evacuazione di tutte le aule dell’ex istituto di
scuola media inferiore.
Meno razionale è apparsa, invece, la
soluzione di ubicare, negli ultimi
quattro anni, i settori e gli uffici dell’Ente locale, con tutto il personale
dipendente (a tempo indeterminato e
precario) e i componenti degli organi
istituzionali d’indirizzo politico.
La segnalazione è stata esaminata
dalla Giunta, che ha ufficialmente deliberato, durante una riunione collegiale, l’adesione a una proposta di
contratto di ricerca con l’Università
degli Studi di Catania. Sarà il Dipartimento di Ingegneria e Architettura ad
eseguire, secondo le previsioni di un
accordo bilaterale, gli opportuni accertamenti di carattere strumentale e
tecnico.
in breve
MINEO
Presentazione protocollo d’intesa
g. c.) Sarà presentato stamani il protocollo
d’intesa per la promozione e la realizzazione di
attività di orientamento, formazione e
inserimento lavorativo nel settore turistico
alberghiero stipulato tra il Consorzio Sol. Calatino,
Comune di Mineo, l’Ipssar “Dalla Chiesa” di
Mineo, l’Università Telematica “Pegaso”, e la
Cooperativa Laborintegra. La conferenza stampa
si terrà alle ore 10,30 nei locali di Palazzo Ballarò.
MILITELLO
Apertura cappella Maria Ss. della Stella
lu. gam.) Alle 19 di domani, a Militello, mons.
Pietro Gisana, vescovo di Piazza Armerina, aprirà
le porte della cappella della protettrice della città,
Maria Santissima della Stella, nell’omonimo
Santuario. L’iniziativa rientra nel programma
delle manifestazioni liturgiche e delle attività
parrocchiali del mese mariano.
VIZZINI
Nomina organo revisione contabile
l. g.) Il Consiglio comunale di Vizzini si riunirà
stasera alle 18, per discutere i punti all’ordine del
giorno riguardanti l’integrazione della nomina
dell’organo di revisione contabile, l’adeguamento
dei costi di costruzione e degli oneri di
urbanizzazione per il 2015.
LICODIA EUBEA
Partendo dai risultati delle ultime
prove su calcestruzzo e acciaio, saranno effettuati ulteriori accertamenti, mediante i quali potranno essere
indicati i più opportuni interventi per
l’adeguamento antisismico della
struttura.
Saranno passati ai “raggi x” pure le
fondazioni e le armature.
I rapporti del contratto di ricerca
sono stati regolati in cinque pagine,
con la sottoscrizione del sindaco Giuseppe Fucile e del responsabile dell’Ateneo, prof. Aurelio Ghersi. Sarà l’Ufficio tecnico comunale a dover predisporre in tempi brevi, infine, tutti gli
atti di pertinenza.
LUCIO GAMBERA
e il quartiere resta senza luce per 8 ore
I LAVORI NELLA CABINA ENEL
Gravi disagi
durante i lavori
in via Foscolo
L’Enel esegue lavori di manutenzione del vano cabina elettrica di via Foscolo e lascia senza luce per 8 ore un intero quartiere. Questa la
situazione di ieri, quando è stata interrotta l’erogazione dell’energia elettrica per abitazioni,
negozi e uffici della I sezione topografica. «Per
la seconda volta nel giro di 10 giorni – tuona il
prof. Angelo Vanella, dell’omonima farmacia –
l’Enel dovendo eseguire lavori di muratura
esterna nella cabina di via Foscolo, ha interrotto l’erogazione dell’energia dalle ore 8,30 alle
16 costringendo commercianti, bar, farmacia
e negozi all’inoperosità con gravi danni economici e deperimento di prodotti, riservandosi
di adire le vie legali per il risarcimento dei
danni da parte dell’Enel».
Danni, disagi e richiesta di risarcimenti che
hanno messo in ginocchio non solo le attività
commerciali, ma anche private abitazioni i
cui residenti sono stati costretti ad usare piatti, posate e bicchieri di carta e lavarsi con l’acqua di una bacinella faticosamente presa dai
rubinetti di pianoterra e portata ai piani alti.
«Siamo arrivati da Trento – dice una signora e abbiamo avuto la sgradita sorpresa di ritrovarci senza luce e senza acqua e ci siamo lavati con l’acqua minerale». Va bene che l’Enel
aveva preventivamente avvisato gli utenti a
mezzo manifesti fatti affiggere sui muri, ma
non è pensabile che si lascia una larga fetta
della città solo per eseguire dei lavori esterni
ad una cabina di trasformazione senza pensare a quanti danni e fastidi si recano agli utenti fra i quali ci sono anziani soli e malati alcuni dei quali usano indispensabili mezzi medicali alimentati esclusivamente dall’energia
elettrica.
NUCCIO MERLINI
CONSORZIO BONIFICA DI CALTAGIRONE. I 74 lavoratori senza stipendio inaspriscono la protesta
«L’acqua non sarà più distribuita»
Si inasprisce la protesta dei 74 lavoratori a tempo indeterminato del Consorzio
di bonifica di Caltagirone, senza stipendio dallo scorso novembre. E le ripercussioni rischiano di abbattersi pesantemente sulla prossima stagione irrigua, con l’annunciato blocco di ogni
attività propedeutica alla distribuzione
dell’acqua agli agricoltori consorziati.
«I dipendenti del Consorzio – sottolineano Fai, Flai e Filbi in una nota inviata ieri al presidente della Regione Rosario Crocetta, all’assessore regionale all’Agricoltura Antonino Caleca, al prefetto di Catania Maria Guia Federico e ad
altre autorità - a causa della mancanza
assoluta di fondi (sia propri, sia dell’ente), non sono più in grado di espletare alcun tipo di attività lavorativa e
non possono, quindi, garantire alcun
genere di servizio. Pertanto, non saranno effettuate le prenotazioni per la
stagione irrigua 2015 e non sarà distribuita l’acqua sino a quando non si provvederà al pagamento di tutte le spettanze dovute agli stessi lavoratori».
Alla base della recrudescenza della
protesta c’è la decisione, assunta dalla
Giunta di Governo, di non votare la delibera (che pure era stata promessa)
che avrebbe liberato le somme neces-
RAMACCA
Parco Wagner con piscine e giochi
il Comune lo darà in gestione
UN GRUPPO DI LAVORATORI DEL CONSORZIO DI BONIFICA
sarie attraverso il ricorso all’apposito
fondo di riserva e di scegliere, invece, la
strada di un provvedimento da inserire nella Finanziaria «con un pericolosissimo allungarsi dei tempi – denunciano i lavoratori – che è tutto a discapito
nostro».
I 74 lavoratori chiedono invece alla
Regione di sciogliere al più presto il
“nodo” dell’ente calatino, su cui grava
un atto di pignoramento per 4 milioni
700mila euro dell’impresa (la Impregilo) che si è occupata della costruzione
della diga di Pietrarossa prima dello
stop ai lavori per il ritrovamento di un
sito archeologico.
Durante la riunione dello scorso 1
aprile con “vertici” del Consorzio, sindacati e lavoratori, l’assessore Caleca si
era impegnato a reperire le somme per
chiudere la “partita” con Impregilo e
rendere così possibile lo sblocco della
situazione di grave stasi.
Il Governo regionale aveva anticipato che avrebbe attinto, attraverso apposita delibera, al fondo di riserva per i
consorzi di bonifica. Adesso, invece, il
passo indietro che ha mandato lavoratori e sindacati su tutte le furie.
L’amministrazione comunale di Ramacca ha predisposto un
bando, peraltro già pubblicato, per l’affidamento del Parco
Wagner. Il dirigente dell’Utc, Salvatore Consoli, sta
predisponendo gli atti per indire la gara, ai fini della
concessione ai privati. Il progetto prevede la realizzazione di
due piscine, di cui una per adulti e una per bambini, di un
campo di bocce e di beach volley, di un impianto
d’illuminazione e perfino un’area da destinare allo
“sgambamento” per cani. Il concessionario dovrà altresì
prevedere l’individuazione di altri due percorsi, a loro volta
da destinare agli amanti della pratica del jogging e della
mountain bike. A darne notizia è il sindaco Zappalà. «La
proposta – dice Zappalà – per la nostra comunità, ha una
duplice valenza: da una parte consentirà di valorizzare una
macro area a verde che ricade in pieno centro abitato e,
dall’altra, di ampliare la dotazione dei servizi, a beneficio di
ogni fascia di età». Il parco Wagner, che è già dotato di ampi
spazi verdi, si estende per almeno una decina di ettari e sarà
dotato anche di un parco giochi per bambini. Mediante
l’affidamento a privati, che potranno beneficiare di una
struttura da adibire a bar, il parco sarà tutelato per prevenire
atti vandalici. Un progetto, insomma, innovativo, specie per
la realizzazione delle piscine.
MARIANO MESSINEO
GIANFRANCO POLIZZI
Rendiconto finanziario in Consiglio
l. g.) Il presidente Alessandro Astorino ha
convocato il Consiglio comunale di Licodia Eubea
per oggi alle 19. L’assise sarà chiamata a votare il
rendiconto finanziario del 2014 e due istanze
presentate dalla minoranza.
MINEO
Nuovi orari pomeridiani cimitero
g. c.) Nuovo orario di apertura pomeridiana del
cimitero. Se si mantiene inalterato quello di
mattina - dalle 9 alle 12 - sino al 31 maggio
prossimo il cancello sarà aperto dalle 16 alle 18.
Dall’1 giugno cambierà ancora: dalle 17 alle 19.
LE FARMACIE DI TURNO
CALTAGIRONE - Gulino – viale Milazzo, 161/A
(30/04); CASTEL DI IUDICA (Giumarra) – Gavini –
via Montenegro, 22; GRAMMICHELE – Corsaro –
via R. Failla, 91; MILITELLO – Alessi & Palacino –
via P. Carrera, 2; MINEO – Costa V. – piazza Buglio,
23; MIRABELLA I. – Polizzi – via Profeta, 2;
PALAGONIA – Astuti – via Isonzo, 5; RAMACCA –
La Morella – viale M. Rapisardi, 27; S. CONO –
Amoroso – piazza Umberto I, 8; SCORDIA –
Francavilla – via P. pe di Piemonte, 29; VIZZINI –
Giarrusso – piazza Umberto, 8.
VIZZINI
S. MICHELE: IL 22ENNE RESTA NELLA MAGGIORANZA
Il Primo intervento pediatrico
è garantito fino al 31 maggio
Nicastro si dimette da capogruppo
«Ora sarò più libero in Consiglio»
Non basteranno probabilmente nemmeno le
2.700 prestazioni erogate nei soli fine settimana
e nei festivi degli ultimi due anni e mezzo, per
scongiurare il trasferimento del servizio di primo
intervento pediatrico dal Punto territoriale di
assistenza di Vizzini all’ospedale «Basso Ragusa»
di Militello in Val di Catania. Paradossi di un presidio sanitario di cui si è finora servito un’utenza proveniente anche da Licodia Eubea e Mineo
e che sembrerebbe destinato a un cambio di sede sul quale pesa la “spending rewiev” che investe la sanità siciliana. Il taglio dei fondi regionali avrebbe spinto l’Asp di Catania a una riduzione dei Ppi pediatrici, portati a uno per ogni distretto sanitario e accorpati ai presìdi ospedalieri. Nel distretto di Caltagirone sarebbe l’ospedale di Militello a beneficiare del nuovo assetto,
mentre il Pta di Vizzini perderebbe l’ennesimo
Ha rinunciato alla carica con molta sobrietà, senza rancore e soprattutto senza far volare gli stracci. Il 22enne Salvatore Nicastro, studente di terzo anno dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, non è più il capogruppo di maggioranza, tra
le cui fila era stato eletto nella tornata elettorale
del maggio 2012.
Il giovane Nicastro, che non è iscritto ad alcun
partito politico, ha deciso di compiere questo
passo nel giorno della “Liberazione”, giunto dopo un lungo periodo di riflessione. Adesso la
maggioranza dovrà individuare al più presto il
sostituto e far fronte a qualche altro “mal di pancia” che serpeggia al suo interno, come ha dimostrato l’ultima seduta del civico consesso in cui il
consigliere Mario Scarlata è stato l’unico ad
esprimere voto contrario al bilancio di previsione 2015.
“pezzo”. La sopravvivenza del Ppi pediatrico nella cittadina verghiana è per ora garantita fino a fine maggio grazie a un intervento economico diretto da parte dell’Asp, che per il servizio nell’intera provincia spende circa 600mila euro e che il
mese scorso ha disposto una proroga per permettere la fusione delle graduatorie dei medici.
Nell’ambulatorio pediatrico si alternano, tra
sabato e domenica, 6 specialisti, equamente suddivisi tra convenzionati e non convenzionati.
Fugato ogni dubbio sull’utilità del Ppi, pensato
per ridurre gli accessi al Pronto soccorso trattando direttamente con un pediatra i casi equivalenti a codici bianchi e verdi, bisognerà adesso attendere la fine del prossimo mese per capire se
Vizzini perderà effettivamente un altro servizio
di un Pta ridotto ormai all’osso.
LIVIO GIORDANO
«La mia decisione – ha spiegato Salvatore Nicastro – scaturisce solo da ragioni politiche, perché intendo agire per il futuro ragionando in
modo analitico sulla propria identità e sulla propria libertà decisionale. Da capogruppo, fino ad
oggi, ho sempre sostenuto la voce della maggioranza, rinunciando spesso alle mie personali posizioni. Mi dimetto perché sono stato impossibilitato di dire e di fare ciò che per me era giusto. Da
oggi sarò più libero di portare in Consiglio comunale il tanto malcontento che si ha all’esterno».
Sembra che la goccia che ha fatto traboccare il
vaso, sia stata l’applicazione dell’Imu terreni
agricoli, vicenda che mise in dubbio fino all’ultimo il suo voto al bilancio di previsione. Per il momento, non è prevista una sua uscita definitiva
dalla maggioranza.
MARTINO GERACI
LE VISITE DELLE SCUOLE DELLA PROVINCIA ALLO STABILIMENTO DELLA ETIS 2000
SCIENTIFICO «MAJORANA» SCORDIA CLASSE I A
SCIENTIFICO «E. MAJORANA» SCORDIA CLASSE II A
SCIENTIFICO «E. MAJORANA» SCORDIA CLASSE II C
ALUNNI: Nilde Arcidiacono Chiara Bevilacqua Antonio Caniglia Ludovica
ALUNNI: Luna Agnello Vittoria Alba Gaetano Barbuto Azzurra Cannizzaro
D’Agosta Carmelo D’Aquila Edward De Liquori Paola Guercio Clarissa Lombardo
Diletta Marcianò Vincenzo Orologio Nataly Pappalardo Giulia Senia Giuseppe
Vitellino
Morena Carnazzo Rocco Catanese Giuseppe Corsaro Giusy D’Aquila Marco
D’Avola Angela Frischetto Giulia Boverna Alicia Guliazia Tracy Guttuso Giada
Leonardi Simone Raimondo Luigi Rizzo Selenia Tomagra Kimberly Tomasello
Sefora Vitellino
INSEGNANTE Riccardo Cacciola
ALUNNI: Gessica Agnello Marica Compagnino Simone Fagone Emanuela
Maugeri Siria Orefice Ersilia Ragusa Alice Rizzo Sebastiano Salemi Giulia Smecca
Giulia Solano Sofia Straniero Carolina Tenerezza Sara Vitale Camilla Zappalà
Marika Zappulla
INSEGNANTE Michelangelo Petruzzella
INSEGNANTE Monica Cutrona