Le immagini digitali

Commenti

Transcript

Le immagini digitali
•
!
"!# !
"!
$
%&!'
("
•
)
#
%
$
('
%*!!
)
+
,
"+ #
'-
$
%& + # -
+
$
%' + #
$
.
%
#
0
%
/
$
123#
4
5 6 7'1
$
89
::%;9
:%<
3 ;%3=;
>
%
+
.
%
?
)
4 +
;9
:%<
3;
3=; @
A
7
%
++
9
7
++
5 +
%
5 +
.
+
B
Suggerimenti
1. Imposta sempre immagini con risoluzione a 72 dpi, in modo tale da permettere a tutti i tipi di
computer di poter visualizzare correttamente le vostre immagini.
2. Se devi ridimensionare un'immagine, ricordati che nel passaggio da un'alta risoluzione a una
bassa risoluzione non c'è sostanziale perdita di qualità, ma quando cambi la risoluzione di
un'immagine da una più bassa a una più alta il rischio è di perdere qualità dell'immagine.
3. Quando imposti un'immagine per il web non è difficile definire la dimensione in cui l'immagine
deve essere visualizzata, soprattutto se si usa un editor. Se lavori direttamente con il codice non
devi far altro che impostare le dimensioni dell'immagine usando gli attributi WIDTH e HEIGHT.
Qualsiasi sia la soluzione che vuoi adottare definisci sempre le dimensioni dell'immagine nel codice,
anche se sono uguali alle dimensioni reali. In questo modo faciliterai il browser a strutturare la
pagina accelerando il caricamento.
4. Non dimenticare mai di usare l'ALT TEXT, cioè il testo alternativo. Specifica un testo alternativo da
visualizzare al posto dell'immagine nei browser che non supportano la modalità grafica oppure sono
configurati per lo scaricamento manuale delle immagini. Per gli utenti non vedenti che utilizzano
sintetizzatori vocali con browser in modalità testo, questo testo viene riprodotto ad alto volume. In
alcuni browser, questo testo appare anche quando il puntatore si trova sopra l'immagine. Questa
funzione è inoltre comoda perché alcuni motori di ricerca usano questo strumento per catalogare le
pagine, usando questo testo come le parole chiave. Puoi approfondire l'argomento con la guida
all'usabilità.
5. Ultimo consiglio per questa lezione, anche se può sembrare ovvio: quando organizzi le immagini per
il tuo sito di raggruppale tutte in una cartella (directory) e di dà dei nomi standard associati alle
pagine. In questo modo sarà più agevole sostituirle o ritrovarle tra le tante per modificarle.
9
;9
:#
;
9
:
$
.
=
5 +
5 +
+ 5
9
5 +
;9
:
%
C
;9
:
'-
2
C
+
CD4
A
"+ %
%
?
+
CD4
;9
:C
;9
:
E
!
#
+
"#$
%
/
%
$C
?
CD4
@
9
?
+ 5
?
2
F
F
%
?
+ 5
C
?
;9
:
%
%
+
+
;9
:
%
?
;9
:
9
%%
#
$
&
%
9
;9
:
+ 5
=
%
3
%
%
/
C
;9
:
/
7
. + 3
3
+
+
+
9
+
5 +
+
;9
:
+
'(
;G
%*!
+ '!!&
E
4 +
<
3 ;#
<
'(
3
;
$.
#
' +% &%
"
;9
:%
$
@
%
%
%
%
+
"+
E
?
<
3 ;%
<
3;
%
<
3;
;9
:
%
<
3;
<
3;
%
?
C
<
3;
%
A
%
+
<
3 ;%
!
%
<
3;
'( ) !
/
*
%
+ %
+
HI
<
3;
7
?
@
+
<
3;
9
<
3;
G
<
3 ;%
?
+
+
9
3=; #
3
+ = 5 J;
+
$
4 [email protected]
&KK+ 5
7
;9
:
,9
3=;
/
"+ %
8
>
& +
' +
.
3=;
' +%
<
3;
9
3=;
%
4*>
;
+
23; #
2
L9
= 5 J
$
E
3=;
+
+
3
3=;
3=;
=
@
=
2
+
3=;
+ 5
9
+
%
H
3=;

Documenti analoghi