9 agosto 2015

Commenti

Transcript

9 agosto 2015
9
AGOSTO
2015
L' ALPE DI MOMMIO
Ritrovo ore 6.30 Piazzale Luporini e partenza in pullman o auto propie
per Cerreto Laghi.
Qui avrà inizio il nostro trekking che si svolgerà con un giro ad anello
percorrendo graziosi boschi di faggio con vari ruscelli ed una bella
torbiera. Si raggiungerà il Passo Belfiore dove a poche decine di metri
potremmo vedere il suggestivo bosco di faggi modellati dal vento.
Da qui proseguendo lungo il sentiero 00 raggiungeremo la Cima
Belfiore e il Monte la Nuda, ammirando dal punto di vista panoramico e
paesaggistico le valli dell’Alta Garfagnana con le inconfondibili Alpi
Apuane a fare da cornice, la Valle del Rosaro che scende verso Aulla,
splendida valle di origine glaciale ed infine tutto il versante emilano
coll'inconfondibile Pietra di Bismantova.
Descrizione percorso
Dal centro di Cerreto Laghi mt.1355, prendiamo il sentiero n 649 che
all’inizio si snoda per alcune strade del centro dopo di che si infila in una
fitta faggeta.
Risaliamo gradualmente e guadando diversi ruscelli che scendono dal
versante nord della Cima Belfiore, raggiungiamo in circa 2 ore l' omonimo
Passo Belfiore mt.1669 ,incrociando il sentiero 00 di crinale su cui
continueremo. Qui proseguendo a sinistra per alcune decine di metri ci
troveremo in un caratteristico bosco di piccoli faggi modellati dal vento.
Tornati indietro fino al passo, proseguiamo sul sentiero 00 in direzione
nord ovest verso la Cima Tre Potenze mt.1771 dove noteremo sia qui che
sulla successiva Cima Belfiore mt.1811 alcuni cippi di confine ( Ducato di
Lucca , Modena e Massa).
Il sentiero prosegue poco sotto il crinale roccioso della Borra
Grande( eventuale variante di salita per chi lo desidera, però faticosa e
con alcuni tratti esposti,EE) si incrocia una strada carrabile che risale dalle
piste da sci e con un ultimo strappo un po’ ripido si arriva in cima alla
vetta del monte La Nuda mt.1895 con l’ inconfondibile cabina della
vecchia stazione radio.( circa 4 ore)
Dopo aver mangiato riprendiamo la discesa dal versante ovest che porta
in pochi minuti al bivio con il sentiero 94 nei pressi di una selletta
mt.1800. Questo va verso il caratteristico dente roccioso del Gendarme e
la cresta degli Scalocchi mentre noi scendiamo a destra nel vallone
glaciale della Pezzalunga o vallone dell’ Inferno, fino a raggiungere la
graziosa costruzione del Bivacco Rosario, posto ai piedi di un grosso
roccione dove si trova anche una fonte.
Dopo circa 250 mt troveremo il bivio con il sentiero 96 che porta alla
casa cantoniera sita lungo la strada provinciale del cerreto noi
proseguiamo sempre sullo 00 fino ad imboccare il sentiero 649 C che
mantenendosi in quota costante ci riporta al punto di partenza di cerreto
laghi.
la discesa avviene in circa 2 ore.
I capi gita si riservano di variare un tratto di programma passando per il
vecchio sentiero 00 che passa sul crinale dalla cima belfiore sino alla
nuda.
Dislivello: +/- 500 mt. Totale 1000 mt. C.a.
Difficoltà : E
escursionisti tempo 6 ore c.a. pranzo al sacco.
Ritrovo : ore 6.30 parcheggio viale luporini
Quote d’iscrizione :
trasporto auto propie o pulman.
soci euro 15,00 non soci euro 25,00
La quota comprende: il rimborso auto, spese di segreteria e assicurazione obbligatoria per i non
soci.
Attrezzatura: scarponi da escursionismo, abbigliamento a strati,
mantella e/o poncio, kway
antivento e/o pioggia.
Iscrizioni in segreteria dal lunedi al venerdi dalle 18 alle 19 tel. 0583582669 cortile carrara 18
Capi gita:
Paolo Bandfiera 3471810396, Gianluca Giambastiani 3395308711