CREDITO IMPOSTA R e S

Commenti

Transcript

CREDITO IMPOSTA R e S
Credito di imposta per attività di Ricerca e Sviluppo (D.M. 27 maggio 2015)
Nella Gazzetta Ufficiale del 29 Luglio 2015, n.174 è stato pubblicato il D.M. 27 Maggio 2015 che dà
attuazione al credito d’imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo.
L’incentivo è stato introdotto per il quinquennio 2015 – 2019.
Riportiamo, di seguito, i punti salienti della normativa che sono da considerarsi puramente indicativi
e, non esaustivi.
Soggetti Beneficiari
Attività ammissibili
Costi ammissibili
Agevolazione concedibile
Tutte le imprese, indipendentemente dalla
forma giuridica, dal settore economico in cui
operano nonché dal regime contabile
adottato, che effettuano investimenti in
attività di ricerca e sviluppo a decorrere dal
periodo d’imposta successivo a quello in corso
al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al
31 dicembre 2019.
Attività di “ricerca di base o fondamentale”,
“ricerca industriale” e “sviluppo sperimentale”,
come meglio riportato nell’art. 2 del D.M.
Costi relativi al personale altamente qualificato,
quote di ammortamento delle spese di
acquisizione o utilizzazione di strumenti ed
attrezzature di laboratorio anche in locazione
finanziaria, spese relative a contratti di ricerca
stipulati con università, enti di ricerca, etc…,
competenze tecniche relative ad un’invenzione
industriale o biotecnologica, a una topografia di
prodotto a semiconduttori o a una nuova
varietà vegetale, come meglio riportato
nell’art. 4 del D. M.
Il credito d’imposta spetta, fino ad un importo
massimo annuale di euro 5 milioni per ciascun
beneficiario ed è riconosciuto a condizione che
la spesa complessiva per investimenti in attività
di ricerca e sviluppo effettuata in ciascun
periodo d’imposta in relazione al quale si
intende fruire dell’agevolazione ammonti
almeno ad euro 30.000 ed ecceda la media dei
medesimi investimenti realizzati nei tre periodi
d’imposta precedenti (2012 – 2014) a quello in
corso al 31 dicembre 2015.
Il credito di imposta è riconosciuto nella misura
del:
i)
50% sulla spesa incrementale
riferibile a costi del personale
ii)
dipendente o per contratti con
università, enti di ricerca etc. (lett.
a) e c) dell’art. 4 del D.M.)
25% sulla spesa incrementale
relativa a costi per l’acquisizione di
strumenti e attrezzature di
laboratori, competenze tecniche
relative ad un’invenzione
industriale o biotecnologica, etc…
(lett. b) e d) comma 1 art.4 del
D.M.)
Il nostro specialista leasing resta a Sua completa disposizione per qualsiasi tipo di consulenza al fine
di continuare a soddisfare le esigenze di crescita della Sua impresa.
Per ulteriori informazioni sulle possibilità di finanziamento può inviare una mail all’indirizzo:
[email protected] oppure contattare e recarsi presso la Sua filiale Credemleasing.
(Trova la filiale più comoda cliccando sul link “Vieni a trovarci”).
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. I tassi e le altre condizioni economiche e contrattuali sono rilevabili dai fogli informativi a disposizione
presso le nostre filiali e sul sito www.credemleasing.it. La concessione del leasing è soggetta all’approvazione insindacabile di Credemleasing S.p.A.

Documenti analoghi