bollettino anno 08 numero 06.pub - Parrocchia Nostra Signora della

Commenti

Transcript

bollettino anno 08 numero 06.pub - Parrocchia Nostra Signora della
PARROCCHIE N S CONCORDIA—N S STELLA MARIS
il
Leudo
Anno VIII, Numero 6—ESTATE 2016
AVVISO
Raccolta indumenti CHIUSA
Parrocchia N S Concordia
nei mesi di Luglio e Agosto
causa magazzino pieno
Si riprende a Settembre
PREGHIERA ALLA
SANTA FAMIGLIA
Gesù, Maria e Giuseppe,
in voi contempliamo
lo splendore
del vero amore,
a voi, fiduciosi, ci affidiamo.
Santa Famiglia di Nazaret,
rendi anche
le nostre famiglie
luoghi di comunione
e cenacoli di preghiera,
autentiche scuole di Vangelo
e piccole Chiese
domestiche.
Santa Famiglia di Nazaret,
mai più ci siano
nelle famiglie
episodi di violenza,
di chiusura e di divisione;
che chiunque sia stato ferito
o scandalizzato
venga prontamente
confortato e guarito.
Santa Famiglia di Nazaret,
fa’ che tutti ci rendiamo
consapevoli
del carattere sacro
e inviolabile della famiglia,
della sua bellezza
nel progetto di Dio.
Gesù, Maria e Giuseppe,
ascoltateci e accogliete la
nostra supplica.
Amen
Papa Francesco
Amoris Laetitia
5 giugno 2016
(Ri)Prenditi il tuo tempo
Sia per noi che viviamo quotidianamente in una cittadina turistica, sia per
le persone che vengono a trovarci nei
fine settimana e nel periodo estivo, il
tempo della vacanza si presenta promettente e carico di aspettative.
La vita per tutti è frenetica: lavoro,
scuola, impegni di ogni tipo, la casa, le
persone ammalate da seguire, imprevisti... Si corre! Sembra inevitabile e inesorabile: il tempo ci scappa dalle mani e
non ne abbiamo mai. Forse non ne abbiamo per quello che vorremmo davvero, per quello che sembra soddisfare la
nostra vita... e qui si apre ancora un altro dilemma: siamo talmente presi dal
correre che facciamo fatica anche a desiderare, a capire cosa veramente ci rende
felice e ci riempie la vita.
Siamo così esausti (a volte un po’
spaventati) che preferiamo trovare un
tempo vuoto, senza nulla che ci faccia
pensare, un tempo leggero nel quale –
purtroppo – regna lo stordimento o l’eccesso dei sensi, dove l’euforia nelle sue
forme più diverse ci appare come allontanamento dal nostro quotidiano... un
tempo libero dal peso di dover decidere,
sperare, desiderare... Certo non si può
neanche pensare un tempo masochistico
nel quale reprimere e farsi del male, in
onore di un sacrificio spesso senza direzione.
Eppure il tempo della vacanza mantiene il suo fascino e la sua caratteristica
attrattiva: ricercato, invocato, desiderato, necessario per rinnovare il nostro
quotidiano. Perché allora non fare quest’ultimo sforzo e provare a viverlo come occasione per rinnovare la qualità
della nostra vita nel ridefinirci in rapporto alle persone e alle cose che ci
circondano?
Un tempo nel quale trovare la
forza e il coraggio di dirsi il bene che
ci ha legato in questo anno; per fare
uscire la rabbia e la fatica; per ritrovare la bellezza di uno stare insieme
che finalmente ha tempo. Ha tempo
di stare insieme; ha tempo di trovare
linguaggi di tenerezza e di fiducia; ha
tempo per vivere con allegria quello
che normalmente non riusciamo a
fare; ha tempo di progettare insieme,
di sognare l’”altro tempo”, quello di
tutti i giorni; ha tempo per provare a
perdonarsi i limiti che non riusciamo
a superare; ha tempo per lenire e alleviare una sofferenza portata dentro
da troppo tempo...
La vacanza è anche un tempo nel
quale ritrovare un rapporto equilibrato con le cose, le nostre cose, quelle
che ci sembrano così necessarie da
riempirci le case. Siamo più inclini a
“concederci” qualcosa per vivere una
bellezza che passa anche attraverso
l’uso straordinario delle cose: un cibo
diverso, una serata particolare, un
viaggio, un regalo.
A Dio chiediamo sempre tante
cose: chiediamogli di saper vivere
bene il nostro tempo. Egli è un fedele
alleato di ogni uomo e donna che
cercano la loro felicità. È il Dio della
gioia, quella che non lascia delusi e
non si spegne. Non abbiamo il timore
di disturbarlo: è nostro Padre e vuole
il nostro bene!
don Adolfo e don Mario
Signore mio Gesù,
voglio amare tutti coloro che tu ami.
Voglio amare con te la volontà del Padre
Non voglio che nulla separi il mio cuore dal tuo,
che qualcosa sia nel mio cuore
e non sia immerso nel tuo.
Tutto quel che vuoi io lo voglio.
Tutto quel che desideri io lo desidero.
Dio mio,
ti do il mio cuore,
offrilo insieme al tuo a tuo Padre,
come qualcosa che è tuo
e che ti è possibile offrire,
perché esso ti appartiene.
Charles De Foucauld
Orario delle Messe
PARROCCHIA
N S CONCORDIA
PARROCCHIA
N S STELLA MARIS
Via Luccoli 4/1
17012 Albissola Marina (SV)
Corso Ferrari 124
17011 Albisola Superiore (SV)
Tel.:
Tel.—Fax:
019.48.02.95
019.48.98.23
E-mail:
E-mail:
[email protected] [email protected]
Parrocchia N S Concordia
Albissola Marina
Dal lunedì al venerdì, ore 9.00
Sabato,
ore 19.00
Domenica,
ore 9.00—11.00—19.00
15 agosto,
ore 9.00—11.00—19.00
Parrocchia N S Stella Maris
Albisola Capo
Dal lunedì al sabato, ore 18.30
Domenica,
ore 8.30—10.30—18.30(*)
(*) per i mesi di luglio e agosto: ore 21
15 agosto
ore 8.30—10.30—21
________________
Per le Confessioni seguire l’orario indicato
nelle chiese parrocchiali
Gesù, mostraci il Padre!
Rivelaci il Padre
e fa' che contemplando te,
guardando te,
noi possiamo comprendere
chi è il vero Dio,
il desiderio unico ed ultimo
della nostra vita.
O Dio,
che riempi la nostra esistenza,
fa’ che ci saziamo
della conoscenza di te,
della conoscenza di Gesù;
e tu, o Maria,
donaci parte
della tua conoscenza di Gesù
che hai abbracciato
e tenuto in grembo,
concedici di sentire
quello che tu hai sentito
non solo del mistero della carne
di questo bambino,
ma della conoscenza del Padre
a cui aspirano tutti gli uomini,
a cui anela tutta l’umanità,
che è la nostalgia dell’uomo
perduto e smarrito,
che è il filo rosso per ritornare
alla verità e alla pace.
Donaci, Gesù, di metterci
davvero alla tua scuola,
di imparare a conoscere Dio
e di imparare a conoscere
chi siamo noi,
come dobbiamo vivere
e come dobbiamo amarci,
come dobbiamo impostare
la nostra esistenza
e come dobbiamo fare
le nostre scelte.
Carlo Maria Martini
Essere tristi è segno di te,
o Signore
un segno che ci manchi;
e noi neppure lo sappiamo;
la mancanza di gioia
è segno della tua assenza;
uomini o chiese senza gioia
sono uomini o chiese
senza di te, Signore.
Dio, fonte della gioia,
guida i nostri passi
sulla tua via,
perché possiamo giungere
dove tu ci attendi,
e là finalmente cantare
solo canti di Gioia.
David Maria Turoldo
ORATORIO
ESTIVO
per famiglie adulti ragazzi
e giovani
al martedì sera
dalle 21 alle 23
presso campetto Santa
Cecilia
(salvo avviso contrario)
per stare insieme
giocare e divertirsi
Vi aspettiamo
Signore,
se ci innamorassimo di te,
così come nella vita ci si innamora
di una creatura
o di una povera idea,
il mondo cambierebbe.
Accresci la nostra tenerezza
per la tua Eucaristia,
verso la quale la disaffezione
di tanti cristiani
oggi si manifesta
in modo preoccupante.
Siamo diventati aridi,
come ciottoli di un greto disseccati
dal sole d’agosto.
Lascia che la nuvola della tua grazia
si inchini dall’alto
sulla nostra aridità.
Signore, in te le fatiche si placano,
le nostalgie si dissolvono,
i linguaggi si unificano,
le latitudini diverse si ritrovano,
la vita riacquista
sempre il sapore della libertà.
Insegnaci a portare
avanti nel mondo
e dentro di noi la tua Risurrezione.
Tu sei presente nel Pane,
ma ti si riconosce
nello spezzare il pane.
Aiutaci a riconoscere il tuo Corpo
nei tabernacoli scomodi
della miseria e del bisogno,
della sofferenza e della solitudine.
Rendici frammenti eucaristici,
come tante particole
che il vento dello Spirito,
soffiando sull’altare,
dissemina lontano,
dilatando il tuo “tabernacolo”.
mons. Tonino Bello