12 Sognando l`India - "Giovanni Pascoli"

Commenti

Transcript

12 Sognando l`India - "Giovanni Pascoli"
SOGNANDO L’
L’INDIA
(E. Nava – K. Mazzoleni, Piemme Junior)
In Italia i bambini non fanno un fico secco: non apparecchiano, non
cucinano, non rifanno il letto. Così i loro genitori li trattano come
dei neonati e per punizione non li lasciano mai andare a scuola da
soli. E gli raccontano anche un sacco di sciocchezze: attenti al lupo,
alla strega, all’uomo con l’anello al naso. Io in India trasportavo il
fieno sulla testa, seminavo l’orto, friggevo le frittelle piccanti. Un
giorno con i miei amici ho costruito persino una barca.
In India, quando una persona è
stanca, si fa fare un massaggio
con i piedi e sta subito meglio. Chi
ha figli o nipoti è fortunato: i
bambini sono leggeri e se
camminano sulla schiena non fanno
male. Io il massaggio, lo faccio
ancora, anche se ormai sono
vecchio e ho quasi undici anni.
Alla mensa della scuola si
mangia molta carne: pollo,
tacchino, mucca, maiale. [...]
In India, quando volevamo
mangiare il pollo, io e i miei
amici ci mettevamo a
correre per acchiappare
quello più lento. Era sempre
un
bel
polletto
che
razzolava libero nei prati.
In India, a febbraio, per salutare l’inverno
che se ne va, c’è una festa bellissima che
si chiama Holi. È un po’ come il carnevale
in Italia, ma invece dei coriandoli e delle
stelle filanti grandi e bambini si lanciano
tante manciate di polveri colorate. Io e i
miei amici ce le lanciavamo sempre e alla
fine le nostre facce diventavano blu,
rosse e a strisce.
Quando abitavo in Bihar, qualche volta
andavo in moschea. Mi lavavo la faccia, le
braccia e i piedi. Poi entravo scalzo e
pregavo, inchinandomi più volte su un
tappetino steso a terra. All’uscita i grandi
mi regalavano una merenda: anguria, riso,
zucchero filato, biscotti.
In India la mucca è sacra. Se ne vedono
tante che girano anche per le strade delle
città e rovistano nelle aiuole
sotto i semafori o tra i
sacchi della spazzatura.
Ricerca informazioni sull’India: lingua, religione, tradizioni, feste popolari, alimentazione, ...
Khurshid è nato in India ma è stato
adottato e vive in Italia.
Descrive, in modo divertente, la sua vita
in India e ci fa conoscere usi e tradizioni
di un paese lontano.