eBOOK - lautoradio

Commenti

Transcript

eBOOK - lautoradio
#territori
#lautoradio
#realtà
#webradio
#musica
#attualità
#sociale
#eventi
#blog
#collettivo
#rubrica
#storie
#università
#mondi
#Perugia
#politica
BlogBook
2
c
2014
lautoradio.com
Indice
1 2014
1.1
1.2
1.3
7
gennaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7
Unità di strada CABIRIA (2014-01-23 08:56) - cabiria . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7
C.U.C. Collettivo Univesità Critica (2014-01-23 12:21) - cuc . . . . . . . . . . . . . . . .
8
Centro Sociale Occupato Autogestito Ex Mattatoio (2014-01-27 00:26) - csaoexmattatoio
9
LAUTORADIO - CHI SIAMO (2014-01-28 17:08) - lautoradio . . . . . . . . . . . . . . .
9
Presentazione SONICO BLOG – LAUTORADIO (2014-01-30 12:05) - dom78 . . . . . .
10
Sonico Blog - recensione Antony/Battiato Del Suo Veloce Volo (2014-01-30 12:10) - dom78
11
febbraio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
12
CARTA DI LAMPEDUSA - prima giornata (2014-02-01 01:10) - csaoexmattatoio . . . .
12
CARTA DI LAMPEDUSA: PORTA APERTA SUL MONDO (2014-02-06 13:25)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13
PAUSE.PLAY REC. (2014-02-11 22:53) - csaoexmattatoio
. . . . . . . . . . . . . . . . .
15
DALLA PARTE DELLA STRADA (2014-02-18 12:35) - cabiria . . . . . . . . . . . . . .
17
Presentazione Ya Basta! Perugia (2014-02-23 19:49) - YaBasta . . . . . . . . . . . . . . .
20
Presidio del Coordinamento Umbro contro le Devastazioni Territoriali (2014-02-24 21:42)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
20
Le notti di Cabiria | INFORMARSI NON E’ REATO ...
NEMMENO LA
PROSTITUZIONE! (2014-02-26 14:54) - cabiria . . . . . . . . . . . . . . . . .
22
Presentazione del blog Le vite degli altri (2014-02-26 16:13) - f-dipietro . . . . . . . . . .
24
Iniziativa Carta di Lampedusa - Libertà e diritti per tutt* (2014-02-26 16:28)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
24
Le vite degli altri | aiutami cugino (2014-02-26 17:51) - f-dipietro . . . . . . . . . . . . .
25
Le vite degli altri | i documenti per papà (2014-02-26 17:53) - f-dipietro . . . . . . . . . .
25
Presentazione de LAUTORADIO (2014-02-28 00:37) - lautoradio . . . . . . . . . . . . .
26
Grande distribuzione e sfruttamento dei migranti (2014-02-28 14:11) - YaBasta
. . . . .
27
marzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
29
Le vite degli altri | il signor X ed il signor Y (2014-03-04 08:09) - f-dipietro . . . . . . .
29
MST | LA PILLOLA DI OGGI (2014-03-06 16:05) - cabiria . . . . . . . . . . . . . . . .
31
Presentazione Carta di Lampedusa (2014-03-07 17:27) - lautoradio . . . . . . . . . . . . .
32
AIDS E HIV | LA PILLOLA DI OGGI (2014-03-12 11:04) - cabiria . . . . . . . . . . . .
33
c
2014
lautoradio.com
3
BlogBook
1.4
INDICE
Le vite degli altri | Due sorelle, rom. (2014-03-16 08:10) - f-dipietro . . . . . . . . . . . .
35
RISULTATI E CONSIDERAZIONI DEL QUESTIONARIO AUTOPRODOTTO
(2014-03-20 11:54) - cuc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
38
LETTERE DAL PRESIDENTE | ASFALTO (PRE)ELETTORALE (2014-03-25 10:07)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
41
LA PILLOLA DI OGGI | TEST HIV (2014-03-25 14:55) - cabiria . . . . . . . . . . . . .
42
ABBIAMO GIA’ PAGATO (2014-03-29 10:45) - csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . .
43
Siamo Ponte Solidale! all’insegna dell’economia solidale. (2014-03-29 12:44) - ponte . . .
45
aprile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
47
STARE IN BUONA SALUTE. Conoscere i propri diritti e i servizi sanitari della città per
vivere meglio (2014-04-01 11:40) - cabiria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
47
PRESIDENTE | CATENA ALIMENTARE (2014-04-03 08:10)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
49
LETTERE
1.5
4
DAL
LA PILLOLA DI OGGI | CONSULTORIO (2014-04-08 14:40) - cabiria . . . . . . . . . .
50
LETTERE DAL PRESIDENTE | LA STORIA DEL BILIARDINO parte 1
(2014-04-09 20:02) - csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
51
Caicocci Terra Sociale - Una custodia sociale contro le privatizzazioni (2014-04-10 12:50)
- YaBasta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
52
Iniziativa per il diritto alla mobilità e verso il 12 Aprile (2014-04-11 18:38) - csaoexmattatoio
56
Le vite degli altri | Click. Polizia (2014-04-13 18:00) - f-dipietro . . . . . . . . . . . . . .
56
Sonico Blog - recensione Pixies Indie Cindy (2014-04-14 15:14) - dom78 . . . . . . . . . .
58
LA PILLOLA DI OGGI | CONTRACCEZIONE (2014-04-15 10:03) - cabiria . . . . . . .
59
Palestina. Campagna per la liberazione dei prigionieri (2014-04-17 15:41) - YaBasta . . .
62
LETTERE DAL PRESIDENTE | LA STORIA DEL BILIARDINO parte seconda
(2014-04-18 11:46) - csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
64
VITA NEI CAMPI (2014-04-19 09:53) - YaBasta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
66
LA PILLOLA DI OGGI | PRESERVATIVO (2014-04-23 19:14) - cabiria . . . . . . . . .
67
LETTERE DAL PRESIDENTE | 25 APRILE (2014-04-25 08:17) - csaoexmattatoio . . .
69
LA PILLOLA DI OGGI | FEMIDOM (2014-04-29 09:07) - cabiria . . . . . . . . . . . . .
70
LETTERE DAL PRESIDENTE | 1° MAGGIO (2014-04-30 08:45) - csaoexmattatoio . . .
72
maggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
73
HighWay 318 (2014-05-03 16:47) - HighWay318
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
73
COSMIC OCTAVE ((( MercuriO ))) (2014-05-03 17:08) - HighWay318 . . . . . . . . . .
74
COSMIC OCTAVE – #2 ///VenerE (2014-05-04 19:47) - HighWay318 . . . . . . . . . .
76
LA PILLOLA DI OGGI | LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO (2014-05-06 08:00) - cabiria
79
LETTERE DAL PRESIDENTE | UNA NUOVA RELIGIONE (2014-05-07 21:23)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
80
LA PILLOLA DI OGGI | LA PILLOLA ANTICONCEZIONALE (2014-05-13 09:01)
- cabiria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
81
LETTERE AL PRESIDENTE | PANZE, PANZONI E PANZANE (2014-05-14 18:58)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
83
c
2014
lautoradio.com
INDICE
1.6
BlogBook
Trattative commerciali UE-USA. Zero controlli per gli OGM (2014-05-15 06:00) - YaBasta
84
LA PILLOLA DI OGGI | CEROTTO CONTRACCETTIVO (2014-05-20 07:22) - cabiria
85
Cosmic Octave ///VenerE - report (2014-05-20 18:17) - HighWay318 . . . . . . . . . . .
87
LETTERE DAL PRESIDENTE | BARBARI E BERBERI, OVVERO IL SENTIRSI
STOCAZZO NEI SECOLI (2014-05-21 22:13) - csaoexmattatoio . . . . . . . . .
89
CAICOCCI. CONTINUA LA BATTAGLIA PER LA TERRA BENE COMUNE.
(2014-05-22 11:12) - YaBasta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
90
LA PILLOLA DI OGGI | ANELLO VAGINALE (2014-05-27 15:02) - cabiria . . . . . .
92
LETTERE DAL PRESIDENTE | ELE ELE ELEZIONI!!
(2014-05-28 10:35)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
94
Una riflessione sull’EXPO 2015, vetrina di un vizio diffuso (2014-05-30 10:33) - YaBasta
96
Saturday bloody Saturday (2014-05-31 11:42) - Bruno Aloisio . . . . . . . . . . . . . . . .
97
giugno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
98
LETTERE DAL PRESIDENTE | IL CERCHIO E LE BOTTE (2014-06-04 22:59)
- csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
98
PERUGIA
05.06.14
-
DIRITTO
ALLA
MOBILITA’
VERSO
L’11
LUGLIO
(2014-06-05 14:23) - csaoexmattatoio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
99
LAUTORADIO FEST Alt(r)e Frequenze (2014-06-10 14:51) - lautoradio . . . . . . . . .
100
Sonico Blog – recensione Afterhours “Hai Paura Del Buio (reloaded)” (2014-06-12 11:53)
- lautoradio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
101
c
2014
lautoradio.com
5
BlogBook
6
INDICE
c
2014
lautoradio.com
Capitolo 1
2014
1.1
gennaio
Unità di strada CABIRIA (2014-01-23 08:56) - cabiria
L’unità di strada Cabiria nasce nel 1997. A seguito di una partecipata formazione, si è costituita
una équipe di operatrici e mediatrici sociali che lavora nell’ambito della prostituzione. Contattare lungo
le strade le donne e le trans che lavorano sia di notte che di giorno, ci rende osservatrici privilegiate del
mondo della prostituzione, dei cambiamenti che lo caratterizzano. Ad oggi ci occupiamo di:
- mappatura e rilevazione del fenomeno della prostituzione in strada e indoor;
- attività di primo contatto, secondo una politica di “riduzione del danno”, fornendo informazioni sulle
malattie a trasmissione sessuale, sulla salute in generale e sulla normativa in materia di immigrazione e
prostituzione nel nostro Paese;
- attività di mediazione sociale;
- sperimentazione di azioni volte all’emersione dello sfruttamento sessuale indoor, mediante l’analisi degli
annunci sui mezzi di comunicazione locali e il contatto telefonico.
È un lavoro dinamico, stimolante che ci permette di affrontare tematiche disparate, che abbracciano vari
ambiti: salute, migrazione, tratta e sfruttamento, integrazione, transessualità.
CONTATTI:
e-mail: [email protected]
Cell: 3496349916
c
2014
lautoradio.com
7
BlogBook
1.1. gennaio
C.U.C. Collettivo Univesità Critica (2014-01-23 12:21) - cuc
Il Collettivo Università Critica nasce dalla comune esigenza di riportare al centro del dibattito le quetioni
del welfare scolastico e della precarietà giovanile, da troppo tempo ormai subordinate alle politiche di
austerità e alle logiche della governance finanziaria.
Contro la privatizzazione del sapere, attraverso forme di lotta sociale e radicale, il C.U.C si pone come
strumento per rivalutare il concetto stesso di università, non come mezzo di produzione, ma come luogo
di formazione prima di tutto politico-sociale.
Il C.U.C è autogestione,è riappropriazione e riqualificazione degli spazi pubblici, è antifascismo e antirazzismo; il cuc è ancora collettivizzazione e diffusione dei saperi, finalità comuni al progetto Lautoradio
che
si
pone
come
alternativa
al
sistema sempre più corrotto e manipolato dei mezzi di comunicazione. STAY C.U.C STAY REBEL
8
c
2014
lautoradio.com
1.1. gennaio
BlogBook
Centro Sociale Occupato Autogestito Ex Mattatoio (2014-01-27 00:26) - csaoexmattatoio
I centri sociali sono ormai una realtà consolidata del contesto italiano, non solo a livello politico, ma anche
a livello culturale, con produzioni musicali, letterarie e molto altro, e a livello sociale, creando luoghi di
incontro e socialità accessibili a [email protected]
Da 13 anni il centro sociale EX MATTATOIO è stato protagonista e promotore della creazione di
uno spazio politico dal basso con l’obiettivo di contrastare le politiche neoliberiste, dalle grandi mobilitazioni contro la guerra in Iraq al referendum contro la privatizzazione dell’acqua. Inoltre ha fornito uno
spazio di libera espressione per gruppi musicali, teatrali e artisti in generale.
Con la partecipazione al progetto Lautoradio vogliamo cercare, sviluppando strumenti per noi nuovi, di comunicare le nostre attività e allo stesso tempo creare un luogo di scambio di informazioni, per
costruire nuovi percorsi di libertà e indipendenza.
LAUTORADIO - CHI SIAMO (2014-01-28 17:08) - lautoradio
Il progetto “Lautoradio” nasce dalla volontà, di diverse realtà sociali che operano sulla città,
di incontrarsi e lavorare in sinergia mettendo in rete e socializzando conoscenze, esperienze, saperi
e valorizzando la pluralità e la molteplicità dei contributi che i singoli soggetti che prendono parte al
progetto offrono.
Per questi motivi abbiamo deciso di servirci dell’aggregatore di blog e di una web radio per realizzare uno
spazio di incontro, virtuale e reale, e di scambio con l’obiettivo di valorizzare esperienze di integrazione e
partecipazione come questa e fornire informazione altra che nasce da esperienze dirette.
c
2014
lautoradio.com
9
BlogBook
1.1. gennaio
Presentazione SONICO BLOG – LAUTORADIO (2014-01-30 12:05) - dom78
SONICO BLOG – LAUTORADIO
Sonico Blog è un blog nel quale si tratteranno tematiche musicali a 360 gradi, verranno periodicamente
inserite delle recensioni di nuove e vecchie uscite senza distinzioni di genere o tendenza e si cercherà
l’interazione con gli utenti tramite commenti o il lancio di vere e proprie discussioni aperte. Si aprirà
anche una sezione dedicata alle news del mondo musicale per cercare di avere anche una rete informativa
che cerchi sempre una partecipazione attiva dell’utente. Inoltre verranno anche prese in considerazione le
perfomance live e quando possibile saranno disponibili interviste con gli artisti direttamente interessati.
Stay tuned!!!
Do.C.
10
c
2014
lautoradio.com
1.1. gennaio
BlogBook
Sonico Blog - recensione Antony/Battiato Del Suo Veloce Volo (2014-01-30 12:10)
- dom78
Antony/Battiato
Del Suo Veloce Volo
2013 (Universal) | pop, songwriter
Raramente capita, tra le tante uscite pre-natalizie, dove regna la banalità commerciale dei vari “Jingle Bells” più o meno rock, di trovare progetti che hanno il fascino di questa splendida collaborazione.
Nella cornice suggestiva dell’Arena di Verona si esibiscono due artisti dal repertorio quasi antitetico ma
che hanno dimostrato di dare vita ad una fusione quasi perfetta: Franco Battiato e Antony Hegarty.
Il tutto viene accompagnato da un’encomiabile Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Rob Moose e
dalla presenza di Alice che aggiunge quel tocco di classe in più. La partenza è affidata ad Antony con
“Cripple And The Starfish”, dove archi e fiati regalano un perfetto tappeto a quella voce capace di scaturire
suggestive emozioni e da “For Today I Am A Boy” dove l’arrangiamento orchestrale conferisce ulteriore
pathos a questo piccolo capolavoro. Il primo pezzo dove i nostri si incontrano è “You Are My Sister” e già
si intuisce una certa affinità timbrica tra i due che sembrano incrociarsi con estrema naturalezza. Parte la
batteria e incalza il repertorio del cantautore siculo: “Il Re del Mondo” induce a pause riflessive di elevato
spessore ed altrettanto fa “Tutto l’Universo Obbedisce all’Amore” anche se aumenta leggermente il beat.
E si propone la prima cover dell’esibizione: “As Tears Go By” rende omaggio ai padri Rolling Stones ed
è molto romantica la sua nuova veste orchestrale dove le voci dei duettanti ricamano con estrema cura.
Antony che interpreta Beyoncé in uno dei suoi pezzi più celebri, “Crazy in Love”,è strepitoso ed è la
dimostrazione lampante che in musica nulla è impossibile. Si continua con Salt Silver Oxygen dove si
possono apprezzare i sontuosi saltelli vocali di Antony. A questo punto si impone la title-track “Del Suo
Veloce Volo” che porta la mente ai ricordi più intimi e romantici e la conduce ad una specie di catarsi:
la magnificenza del pezzo fa di esso una foto da incorniciare estrapolandola dagli album dei sempre più
apprezzati concerti all’Arena di Verona. Mr Hegarthy continua ad estasiare con “Hope There’s Someone”,
apoteosi della delicatezza di quella voce eterea. Ed ora il cameo di Alice, prima nella cover di “La Realtà
Non Esiste” del compianto Claudio Rocchi, poi con “I Treni Di Tozeur” suggellando un sodalizio artistico
di vecchia data. Partono poi i classiconi: “La Cura”, “E Ti Vengo A Cercare” e il medley “Bandiera
Bianca-Up Patriots To Arms” che sottolineano le azzeccatissime scelte orchestrali. La chiusura è affidata
a “Inners Auge”,un po lo specchio dei giorni nostri devastati dalla pochezza dei nostri governanti dove
spicca la frase “Uno dice che male c’è a organizzare feste private con delle belle ragazze per allietare
primari e servitori dello stato? Non ci siamo capiti e perché mai dovremmo pagare anche gli extra a
dei rincoglioniti?”. In conclusione questo disco dovrebbe essere uno stimolo anche per altri artisti nel
ricercare l’originalità nella contaminazione facendo sempre attenzione a non cadere nelle forzature che a
volte costituiscono una trappola che rischia di svilire anche gli intenti più nobili.
Do.C.
c
2014
lautoradio.com
11
BlogBook
1.2
1.2. febbraio
febbraio
CARTA DI LAMPEDUSA - prima giornata (2014-02-01 01:10) - csaoexmattatoio
Gia’ dall’arrivo in aeroporto a Lampedusa siamo state contagiate dall’atmosfera di entusiasmo e grandi
aspettative rispetto alla tre giorni che sta per iniziare.
Gli/le isolani/e hanno dimostrato da subito un coinvolgimento attivo e sentito. L’accoglienza e’ stata
calorosa, e non era scontato che lo fosse.
Già dal primo incontro, nonostante le difficoltà logistiche, eravamo numerosi/e e entusiasti: la sala non ci
conteneva!
Dopo la presentazione introduttiva di inizio lavori, la giornata di oggi e’ stata dedicata alla conoscenza e
allo scambio reciproco di opinioni e riflessioni delle varie realtà’ arrivate sull’isola dalle varie parti d’Italia
e d’Europa.
I punti condivisi da tutti/e sono e resteranno quelli che sono alla base della costruzione della carta di
Lampedusa stessa:
- libertà di circolazione,
- chiusura dei CIE,
- tutela dei diritti di tutti/e,
- costruzione di un percorso comune che risignifichi lo spazio euromediterraneo.
Gia’ dal primo intervento del sindaco di Lampedusa, Giusy Nicolini, e’ emersa la volontà che l’isola diventi
un modello di nuova accoglienza e che da qui inizi un percorso comune che prosegua, a tappe, e che non
resti ancorato a discorsi territoriali, ma che si allarghi ad un discorso europeo comune, costruito dal basso.
Il desiderio che questa tre giorni sia un punto di inizio e’ stato condiviso anche dagli interventi successivi
degli abitanti dell’isola.
Ognuno riportando la propria esperienza e il proprio punto di vista, ma trovandosi concordi sulla necessita’
di invertire le dinamiche attuali e la gestione delle politiche migratorie, reinventando invece, nuovi approcci
12
c
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
per la tutela dei diritti di tutti/e, migranti e non.
Fiduciose e cariche aspettiamo le prossime giornate!
Ciccia e Sara
CARTA DI LAMPEDUSA: PORTA APERTA SUL MONDO (2014-02-06 13:25)
- csaoexmattatoio
In attesa di partire per Lampedusa eravamo già consapevoli di star prendendo parte a qualcosa
di estremamente significativo e ritornate dall’Isola possiamo affermare che, non solo le prime sensazioni
erano giuste, ma che quello che abbiamo vissuto e contribuito a creare supera le nostre aspettative.
L’entusiasmo che ha caratterizzato la realizzazione della Carta di Lampedusa lo abbiamo visto
già dalle prime web conference, dalla partecipazione attiva e costante di diverse realtà anche nei lavori
preparativi, dall’animato dibattito nella mailing list.
Sull’isola tutto è diventato più reale. Partendo dalla grande partecipazione numerica, abbiamo
visto convergere realtà diverse tra loro: dalle realtà di movimento ad associazioni varie, da sigle sindacali
a organizzazioni non governative, ma soprattutto tante singolarità provenienti dall’altra sponda del
Mediterraneo e dall’Europa arrivate sull’isola per dare il proprio contributo e prendere parte al processo
di costruzione della Carta.
La grande ricchezza della Carta di Lampedusa sta nell’essere il risultato di un processo realizzato dal basso, dalla partecipazione attiva e diretta di tutti e tutte. La sfida è mettere a valore i
contenuti della carta, rendendoli, così, concreti e praticabili.
Lampedusa ha innescato un percorso che deve coinvolgere realtà nuove, che si deve estendere al
nord e a sud dell’Europa, che deve vedere tutti e tutte partecipi nel rendere reali i diritti di cittadinanza,
che non sono solo diritti dei e delle migranti, ma sono diritti di tutti e tutte noi.
Nella Carta si parla di libertà di movimento, libertà di scelta, libertà di restare, libertà di costruzione e realizzazione del proprio progetto di vita in caso di necessità di movimento, libertà personale
e libertà di resistere. Si apre a nuove forme di cittadinanza legate alla residenza e quindi a tutta una
serie di tutele che ne derivano, dal diritto all’istruzione, alla cultura, alla salute, al lavoro, all’abitare,
alla partecipazione alla vita sociale e politica. Si parla di aprire le frontiere, di un nuovo modello di
accoglienza, ma soprattutto di un nuovo diritto di asilo europeo, che supera Dublino e che prevede la
reale libertà, da parte di chi arriva, di scegliere dove andare e che garantisce uniformità dei livelli di
trattamento da parte di tutti gli Stati.
c
2014
lautoradio.com
13
BlogBook
1.2. febbraio
Fondamento alla base dell’intero processo è la definitiva e immediata chiusura dei
centri di identificazione ed espulsione e l’abolizione di qualunque altra forma di detenzione
amministrativa.
Siamo fortemente convinte delle enormi possibilità che la Carta di Lampedusa apre, anche in
territori come quello umbro dove da anni le istituzioni portano avanti politiche securitarie e razziste,
rendendosi, inoltre, protagoniste di numerosi rimpatri forzati effettuati dall’aeroporto di San’Egidio, il cui
utilizzo come base Frontex è stato oggetto di campagna elettorale da parte del Sindaco di Perugia.
Tante sono le proposte emerse dall’assemblea conclusiva su come procedere da qui in avanti e
tante altre da inventare, introducendo percorsi di lotta, al fine di rendere concreto quanto è emerso dal
confronto e l’incontro di questi mesi.
Impariamo da Lampedusa che nonostante le diversità, sono i punti in comune che
dobbiamo mettere a valore nel processo che la Carta ha solo innescato.
5 Febbraio 2014
Anna Grazia e Sara
LA CARTA DI LAMPEDUSA
http://www.meltingpot.org/La-Carta-di-Lampedusa-18912.html #.UvKYZBB5Mgd
Aderisci e sottoscrivi la Carta di Lampedusa
https://docs.google.com/forms/d/1QLymcIJ7dyLuPV-DI-9LWizqPrOkDzt d2R9m zoJnM/viewform
14
c
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
PAUSE.PLAY REC. (2014-02-11 22:53) - csaoexmattatoio
Pause.play.rec.
SIAMO IN ONDA!
L’ immaginiamo un po così, in quel del C.S.O.A.Ex Mattatoio di Perugia, l’inizio della “puntata zero”
de LAUTORADIO. L’ immaginiamo ancora, ma sappiamo benissimo che sarà un percorso collettivo
impegnativo, un lavoro che vedrà la partecipazione di tanti. Sappiamo benissimo anche, di avere tra le
mani un mezzo di comunicazione “reale e virtuale” capace di sfruttare i canali multimediali per
dare voce a molti.
Uno strumento per prendere parola, per prendere posizione.
E mentre continuiamo ad immaginarlo, ecco che il tutto prende forma, che tutto diventa più reale, più
chiaro, più nitido. Vite su vite, bullone su bullone, pannello su pannello.
E allora vale la pena raccontarvi questa storia, almeno fino a questo punto. Alza il volume!
Sono passati già un po di mesi da quando, all’ombra delle palme del centro socialeZona 22 (S.Vito
Chietino) durante il campeggio, l’assemblea discuteva sulla volontà d’intraprendere un percorso politico comune che: mettesse in evidenza la riproduzione delle pratiche web-radiofoniche come
strumento di aggregazione, di narrazione delle lotte, di messa in condivisione dei saperi e
delle capacità di autoformazione.
A quell’assemblea c’eravamo e abbiamo scelto di “starci dentro” per davvero.
c
2014
lautoradio.com
15
BlogBook
1.2. febbraio
Starci dentro perchè, anche qui a Perugia, si sentiva da tempo il bisogno di aprire un progetto webradiofonico libero dalle logiche dell’industria musicale, libero di esprimere dissenso, capace di
aprire vertenze e di determinare un’alternativa reale al sistema dell’informazione, sempre più corrotto
e manipolato.
Cosi che a settembre, con l’estate alle spalle e il centro sociale Ex Colorificio di Pisa che apriva i cancelli
per “Common Properties”(tre giorni di iniziative,seminari e tavoli di lavoro sui temi della proprietà e
del comune), presenti al tavolo di “Proprietà e Saperi”, abbiamo riportato il punto di vista di una piccola
realtà come quella perugina. Il confronto e la discussione collettiva hanno fatto il resto. Hanno individuato
la volontà di proseguire il percorso inerente la costruzione di un network radiofonico, e la
necessità di discutere tematiche come il diritto d’autore e il monopolio della SIAE.
Un percorso politico che nasce quindi dal basso e parte dai centri sociali; che vede partecipare le realtà
web-radiofoniche che questi spazi, liberati e restituiti alle città, sono stati in grado di costruire. Un
percorso che si propone nell’ottica della riappropriazione dei saperi, degli spazi e del welfare.
Il nodo di una rete, il punto d’ incontro, lo spazio di confronto e di agire comune.
Il mezzo: un network radiofonico che funzioni da altoparlante, che amplifichi la voce delle resistenze
territoriali, delle lotte sociali, delle richieste di diritti, raggiungendo anche le più piccole realtà.
In questo senso ci viene immediato pensare alla riproduzione di questo modello sul territorio in cui
viviamo.
È così che Lautoradio viene pensata. Un progetto che coinvolge tante persone (singoli,associazioni e
collettivi) che a Perugia vivono, lavorano, studiano, svolgono funzione sociale, politica e associativa. Un
progetto che non si prefigga un punto di arrivo, ma che, tramite la partecipazione attiva e collettiva ,sia
in “divenire”.
Un progetto dove l’idea di redazione venga ribaltata e pensata come amplia e condivisa; dove tutt*
debbano saper fare tutto .
Lautoradio si struttura in primis come “aggregatore di blog” ( lautoradio.com ), cioè un luogo virtuale
dove far defluire le notizie, le informazioni,le iniziative che le singole realtà perugine portano avanti
nei loro percorsi. Il tutto arricchito dall’aspetto “transmediale” consistente nella produzione e messa
in condivisione sui social di testi, immagini e video per permettere una più semplice comprensione e
diffusione delle informazioni. La caratteristica transmediale si amplia con il passaggio al secondo step:
registrazione e trasmissione web-radiofonica.
Grazie anche e sopratutto, alla disponibilità di Radiosonar.net (web-radio romana) di condividere
inizialmente il proprio palinsesto, Lautoradio muoverà i primi passi in questo verso, in attesa di acquisire
quelle capacità che ci permetterebbero di lavorare in completa autonomia.
Lo spazio virtuale e il lavoro reale collettivo; la necessità e l’esigenza di prendere posizione; la volontà di
mettersi in gioco per inventare il futuro.
Lautoradio, il nome TUTTOATTACCATO, vuole stimolare alle menti quella condizione (lauto) di
ricchezza sociale, culturale e politica di cui siamo impregnat* così come i territori che viviamo; quella
16
c
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
condizione di abbondanza di idee e cospicua necessità d’informazione libera che sentiamo.
Condizioni necessarie per aprire un percorso alternativo e di dissenso comune che parta dalla
socializzazione delle conoscenze, delle esperienze, dei saperi, e che valorizzi le pluralità offerte.
La progettualità de Lautoradio prevede,oltre la costruzione e la messa in funzione dello studio negli
spazi del C.S.O.A. Ex Mattatoio, anche delle lezioni di autoformazione sulla gestione del sito e
sull’aspetto tecnico “in radio”, logicamente aperte a tutt*.
Parallelamente, come “Lautoradio.Alt(r)e Frequenze”, siamo in corsa per il bando Forme Creative
del comune di Pg che stanzia finanziamenti fino ad un massimo di 1500 euro per progetti de* giovani e
rivolti a* giovani. In attesa di risultati.
Con la speranza che esperienze di integrazione, partecipazione e autorganizzazione come questa possano nascere ovunque, che le persone tornino ad occuparsi della collettività che ci
circonda, e con la consapevolezza di essere in un momento storico in cui non possiamo permetterci ne
di stare in silenzio, ne di abbassare la voce...siamo ostinati nel dire
ALZA IL VOLUME!
Manu
DALLA PARTE DELLA STRADA (2014-02-18 12:35) - cabiria
L’ “Unità di strada Cabiria” nasce tra il 1997/1998 come progetto, promosso da Arcisolidarietà Ora d’Aria
Perugia e finalizzato alla prevenzione e alla riduzione del danno dell’HIV e delle malattie sessualmente
trasmissibili tra le prostitute immigrate. Approvato e finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei
Ministri (Dip. Affari Sociali), il progetto si è avvalso della collaborazione dell’ASL n. 2, del Comune
di Perugia, della Regione dell’Umbria, ed è stato inserito all’interno di una rete costituita da enti ed
associazioni che si occupano di questioni relative all’immigrazione (sindacati, associazioni degli immigrati,
cooperative sociali, servizio ASL per immigrati).
Il progetto concretizzò la fase operativa dopo il corso di formazione per Operatori ed Operatrici
di Strada “Prevenzione e riduzione del danno delle malattie sessualmente trasmesse” durato 4 mesi.
Negli anni a seguire, l’attività dell’unità di strada è proseguita monitorando il fenomeno della
prostituzione in continua trasformazione, anche se ogni anno si ripresenta il rischio che il progetto non
venga rifinanziato.
Attualmente l’attività dell’unità di strada “Cabiria è parte del progetto “NonSiTratta” (art.
13 della L. N. n. 228/2003, concernente misure contro la tratta di esseri umani), in rete con il progetto
“Fuori dal Labirinto” (nell’ambito dei programmi di assistenza ed integrazione sociale previsti dall’art.
18 del D.Lgs. 286/98) di cui è capofila la regione dell’Umbria; nello specifico l’unità di strada di
Arcisolidarietà si occupa di:
- mappatura e rilevazione del fenomeno della prostituzione in strada e indoor;
- attività di primo contatto, secondo una politica di “riduzione del danno”, di persone prostitute
donne e transessuali, fornendo informazioni sulle malattie a trasmissione sessuale, sulla salute in generale
e sulla normativa in materia di immigrazione e prostituzione nel nostro Paese;
c
2014
lautoradio.com
17
BlogBook
1.2. febbraio
- attività di mediazione sociale;
- sperimentazione di azioni volte all’emersione dello sfruttamento sessuale indoor, mediante l’analisi degli annunci sui mezzi di comunicazione locali e il contatto telefonico.
Le operatrici si muovono per le strade del territorio umbro, con particolare riferimento alle zone
di Perugia, Terni, Gubbio, Camporeggiano, Pantano, Todi e Spoleto contattando le donne e le transessuali
che esercitano la prostituzione outdoor.
Il primo contatto che si ha con i/le sex-workers avviene tramite la distribuzione di preservativi
e una presentazione generale del servizio, si lascia quindi un volantino informativo in lingua con il
numero telefonico di riferimento dell’unità di strada. Per chi li desidera, si offre una bevanda
o uno snack. Le operatrici cercano di instaurare con le persone incontrate un rapporto di fiducia e di
confidenza tali da permettere di raccogliere informazioni sul loro vissuto, di promuovere la prevenzione
delle malattie a trasmissione sessuale e dei comportamenti a rischio, il sesso sicuro e la contraccezione,
di far conoscere le modalità di trasmissione delle MTS (malattie a trasmissione sessuale), dell’HIV, e le
problematiche relative alla gravidanza e al parto o all’interruzione volontaria di gravidanza; pertanto,
forniscono anche indicazioni sui servizi del territorio ai quali potersi rivolgere. Si punta a stabilire
relazioni significative che, sollecitando la domanda di tutela della salute, rendano naturale l’invito a
rivolgersi al medico per controlli, analisi, visite generali e specialistiche.
Quando si ravvisa una situazione di ipotetica tratta o grave sfruttamento si effettua un colloquio di counselling che indirizza la persona al Numero Verde Antitratta 800290290 o direttamente agli
operatori/operatrici art.13 e art.18 sul territorio.
Ove necessario e/o richiesto, le operatrici distribuiscono alle sex-workers anche depliant informativi: il manuale di orientamento alla salute e ai servizi della città di Perugia “Stare in salute”, fotocopie
di ordinanze comunali relative al lavoro di prostituzione in strada e testi legislativi relativi a norme
sull’immigrazione.
Le informazioni delle operatrici di Arcisolidarietà Ora d’Aria sono finalizzate alla promozione
della capacità da parte delle persone che incontrano di gestire la sfera della propria salute, alla
responsabilizzazione verso la cura del proprio corpo e al contenimento dei rischi legati all’attività
prostitutiva, nell’ottica dell’auto-tutela e dell’empowerment.
Durante le uscite in strada le operatrici prendono nota delle presenze compilando una griglia i
cui dati verranno elaborati nelle relazioni trimestrali.
A scadenze regolari l’équipe effettua anche uscite di mappatura sia diurne che notturne, al
fine di monitorare la trasformazione del fenomeno della prostituzione su strada, anche dietro segnalazioni
della cittadinanza e delle stesse sex-workers.
Attualmente l’intera équipe dell’Unità di Strada Cabiria è composta da5 operatrici e una coordinatrice.Di norma, prendono parte alle uscitenotturne e diurne 2-3 operatrici, che percorrono le strade
interessate dal fenomeno della prostituzione outdoor a bordo di un’autovettura riconoscibile.
L’accompagnamento ai servizi sanitari del territorio è un altro momento centrale del lavoro dell’unità di strada. Per chi è interessato all’accompagnamento diurno presso un servizio sanitario, si
prende il nominativo e il numero di telefono, in vista di un appuntamento che di norma viene concordato
per telefono, nel corso della riunione di équipe.
Nella fase dell’accompagnamento, l’operatrice accompagna la singola utente.
18
Durante l’accompac
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
gnamento ai servizi sanitari il rapporto è uno a uno: questa è l’occasione per approfondire la conoscenza
reciproca e cercare di capire a fondo le condizioni in cui la persona si trova a vivere la sua condizione,
cogliendo eventuali disagi o situazioni di pericolo. In questo ambito le operatrici dell’unità di strada
sono tenute a dare, in casi attentamente vagliati insieme, informazioni sulle possibilità di fuoriuscita dal
mondo della prostituzione tramite l’attivazione di programmi di protezione sociale di competenza degli
altri segmenti del sistema anti-tratta coordinato dalla Regione Umbria.
Gli accompagnamenti più frequenti sono all’Ambulatorio Immigrati di via XIV settembre, dove
viene effettuato il test HIV e vengono prescritte le analisi generali; alla Asl di piazzale Europa, per le
analisi e l’emissione del tesserino STP (Stranieri Temporaneamente Presenti); ai consultori di Ellera o
Madonna Alta per le visite ginecologiche. Si effettuano anche accompagnamenti abbastanza frequenti al
day hospital di malattie infettive, al day hospital di ginecologia, all’ambulatorio di tisio-pneumologia, dal
dentista o dal dermatologo. Dopo la prima fase dell’accompagnamento le operatrici di Cabiria puntano a
sviluppare l’autonomia dei soggetti, che diventano in grado di muoversi da soli.
Di base si lavora con un metodo di osservazione, ascolto, contatto; ma è durante gli accompagnamenti che si sviluppano colloqui di approfondimento.
L’équipe al completo si incontra una volta a settimana per pianificare l’attività di uscite, mappatura e accompagnamento ai servizi socio-sanitari. In équipe si approfondiscono i singoli casi incontrati
sia in strada che durante gli accompagnamenti.
Quando possibile, si cerca di lavorare per un coordinamento esterno in un’ottica di lavoro di rete con gli altri attori del progetto e dei servizi con cui si entra in contatto, e di svolgere azioni di
sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza.
Prima dell’istituzione del tesserino sanitario per stranieri temporaneamente presenti (STP), Cabiria rappresentava l’unica possibilità di accesso al sistema sanitario per le straniere irregolari perlopiù
extracomunitarie che lavoravano in strada. Attualmente si lavora soprattutto con il tesserino STP, che di
fatto inscrive la persona irregolare nel sistema sanitario nazionale, assegnandole, per esempio, anche il
medico di base, strumento fondamentale di inclusione sociale.
Il codice STP, difatti, è rivolto agli/alle stranieri/e extracomunitari temporaneamente presenti,
che non essendo in regola con il permesso di soggiorno non sono iscrivibili al Servizio Sanitario Nazionale.
A costoro la legge assicura le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o comunque essenziali, ancorché
continuative, a parità di condizioni con il cittadino italiano per quanto riguarda le quote di partecipazione
alla spesa (ticket).
E’ qui che emerge una delle maggiori difficoltà che l’unità di strada Cabiria si trova ad affrontare, in seguito sia alle trasformazioni del fenomeno della prostituzione che all’allargamento dell’Unione
Europea, che ha fatto sì che intere categorie di persone in precedenza irregolari diventassero neocomunitarie. La quasi totalità delle donne neocomunitarie (la maggior parte romene, ma anche bulgare o
polacche), infatti, non risulta assistita dagli Stati di provenienza e non ha i requisiti per l’iscrizione al
Servizio Sanitario Nazionale. La Regione Umbria non prevede in questi casi il rilascio di un tesserino
come quello STP per gli/le extracomunitari/e, il che comporta problemi per assicurare loro la tutela della
maternità, l’interruzione volontaria di gravidanza, la diagnosi e la cura delle malattie infettive, un medico
di base e il pediatra ai/alle loro figli/e, ovvero l’accesso gratuito, o comunque a parità di condizioni con
il cittadino italiano per quanto riguarda le quote di partecipazione alla spesa (ticket), alle prestazioni
sanitarie essenziali.
c
2014
lautoradio.com
19
BlogBook
1.2. febbraio
Presentazione Ya Basta! Perugia (2014-02-23 19:49) - YaBasta
L’associazione YA BASTA! Perugia nasce nell’ottobre del 2011 dalla volontà di
ragazzi e ragazze laureatisi presso l’Università di Perugia, di non disperdere il patrimonio di saperi,
relazioni e capacità gestionali appreso negli anni di studio.
Le diverse esperienze professionali acquisite, integrate con i percorsi informali di anni di attività nel
territorio, ci hanno portato alla costituzione di un’associazione di promozione sociale capace di garantire
la centralità della modalità cooperativa nel nostro agire.
Le motivazioni ed i principi che ci hanno portato alla creazione dell’associazione sono:
1. promuovere pratiche e realizzare interventi per la difesa e la gestione partecipata dei beni comuni;
2. realizzare e sviluppare un’efficace azione di empowerment per rimuovere gli ostacoli formali e
informali che impediscono lo sviluppo delle potenzialità individuali e collettive;
3. sostenere il commercio equo e solidale come forma di cooperazione per realizzare scambi commerciali
con produttori partners che valorizzino produzioni a basso impatto, saperi e culture dei territori, in
una dimensione locale e internazionale;
4. attraverso il dialogo interculturale, promuovere pratiche che mirino al pieno inserimento dei migranti
nel tessuto sociale, politico e culturale del territorio e sostenere percorsi per l’affermazione dei nuovi
diritti di cittadinanza;
Presidio
del
Coordinamento
Umbro
contro
le
Devastazioni
Territoriali
(2014-02-24 21:42) - csaoexmattatoio
La difesa del territorio come bene comune è stata evidente a Perugia in una giornata, quella del 22 Febbraio, che ha visto nei pressi dell’uscita dell’E45 di
Collestrada (Pg) la partecipazione di più di cento attivist*, al presidio indetto dal Coordinamento Umbro
contro le Devastazioni Territoriali, in occasione della giornata nazionale di solidarietà per i/le 4 attivist*
20
c
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
No TAV e contro le devastazioni ambientali.
La trasformazione della superstrada E45 (Orte-Mestre) in autostrada e la realizzazione del gasdotto
trans-adriatico TAP sono due dei progetti contro cui si esprime il coordinamento, progetti che bene
si collocano nell’ottica neoliberista e nella logica economicista della speculazione sui beni comuni e sul
territorio.
La conversione della Orte-Mestre in autostrada risale a una decisione del governo Monti, che la inserì
fra le opere da realizzare in project financing, una trovata che permette al privato di turno di realizzare
un’opera pubblica (per esempio un’autostrada) con la possibilità di essere in parte o del tutto rimborsato
dallo Stato attraverso la gestione dell’opera. Ecco che quello che dovrebbe essere un servizio pubblico
viene trasformato in una mera occasione di fare affari per i soliti speculatori. Di fronte a tale affare
vengono messe in secondo piano soluzioni alternative e meno dannose, come ad esempio un miglioramento
delle condizione della superstrada. A questo punto è la logica del guadagno a prevalere e poco importa
dell’utilità effettiva del progetto per la popolazione, e tanto meno dei danni che questo provoca al territorio
e a chi lo abita.
Il 22 Febbraio, il Coordinamento ha messo in risalto anche la questione della costruzione del tratto di
gasdotto che trasporterà il gas metano dall’imbocco del TAP, che approderà sulle coste della provincia
di Lecce, nonostante l’opposizione di innumerevoli gruppi e associazioni locali per la salvaguardia del
territorio salentino. Dalla Puglia, infatti, il tubo dovrà attraversare l’Italia scorrendo lungo la cresta della
catena appenninica.
Mai sugli Appennini era stato pensato di creare niente di più drastico e compromettente rispetto alla
loro conformazione interna, prevalentemente rocciosa e quindi immune da infiltrazioni acquifere. Il passaggio sotterraneo del gasdotto dal territorio montuoso umbro (per la presenza di rocce, l’esproprio è
più economico da effettuare per quei terreni) provocherebbe secondo gli esperti una maggiore possibilità
per l’acqua di infiltrarsi nelle faglie create per il passaggio dello stesso tubo. E’ intuitivo pensare che
l’ultima conseguenza di tutto ciò sarà una serie di frane, l’innaturale mutamento e quindi la devastazione
del territorio, per mano di chi è accecato dalla quantità di denaro che la società di cui è proprietario potrà
ricavare dalla costruzione del gasdotto, o dalla compravendita del gas che vi passa dentro, proveniente
dal Kazakistan e diretto nel resto dell’Europa. Un affare inutile per l’Italia, la cui rete di gasdotti e la
quantità di gas sono più che sufficienti al fabbisogno della popolazione. Il vero motivo è ancora la sete di
guadagno del privato e di nuovo poco importa se a lungo termine questa manovra possa provocare danni
irreparabili all’ambiente e quindi alla popolazione.
La giornata dello scorso 22 ha inoltre testimoniato che
sono molti coloro che si sono stancati di vedere il proprio territorio soggiogato a tali pratiche speculative,
dalla privatizzazione dei servizi pubblici all’inquinamento prodotto dalla combustione di rifiuti a fini di
guadagno; ma il pensiero di tutt* i/le presenti al presidio è senz’altro volato verso chi queste lotte le porta
avanti attivamente da decenni e che, per aver affermato le proprie posizioni in difesa del proprio territorio,
la Val Susa, si ritrova ora a dover affrontare un processo per difendersi dalla ridicola accusa di terrorismo.
Il CSOA ex Mattatoio sostiene chi mette in discussione la logica del profitto prima di tutto. Poiché tali
pratiche sempre più avallate dalla legge mettono in pericolo la stabilità dell’ambiente e delle comunità
c
2014
lautoradio.com
21
BlogBook
1.2. febbraio
coinvolte, a favore del profitto di pochi.
No TAV
Liber* tutt*, liber* subito!
L.F.
Le notti di Cabiria | INFORMARSI NON E’ REATO ...
PROSTITUZIONE! (2014-02-26 14:54) - cabiria
NEMMENO LA
REGIA: Federico Fellini.
ATTORI: Franca Marzi, Giulietta Masina,Amedeo Nazzari, Dorian Gray, François Périer.
GENERE: Drammatico
22
c
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
PELLICOLA: b/n
DURATA: 110 min.
PAESE: Italia
ANNO: 1957
L’Unità di strada “Cabiria”, col suo nome, rende omaggio a un lungometraggio del 1957 del regista italiano
Federico Fellini, alla cui sceneggiatura collabora Pier Paolo Pasolini, dal titolo “Le notti di Cabiria”.
Racconta, appunto, la storia di Cabiria, una prostituta romana, che lavora nell’area della passeggiata
archeologica, uno degli usuali luoghi dove viene esercitata la prostituzione; una Roma che Fellini descrive
anche nel suo aspetto urbanistico - che poi è parte integrante, causa ed effetto di quello antropologico - con
le immagini di quartieri popolari ubicati in un paesaggio desolato e di conseguenza desolante; una Roma
con tutte le contraddizioni che il confronto tra sottoproletariato e ricca borghesia genera. La condizione
di povertà e miseria di Cabiria la porta a guadagnarsi da vivere vendendo il suo corpo. Gli episodi della
vita di Cabiria che costruiscono il film sono tenuti legati da questo personaggio che è prima di tutto
persona. La realtà è sempre presente e emerge con forza e commozione, anche nei momenti in cui si
entra in una dimensione magica e visionaria, tipica di Fellini, nei momenti di spettacolo e di finzione, con
l’illusionista e il circo. Sicuramente il mondo della prostituzione che si indaga nel film non è quello di oggi.
Gli elementi fondamentali, infatti, che nel nostro lavoro come Unità di strada rileviamo sono in primo
luogo una estrema diversificazione e specializzazione di servizi che caratterizza oggi il mercato del sesso, il
fenomeno della tratta e del traffico di esseri umani, elementi questi che hanno prodotto e producono forme
e significati della prostituzione nuovi. Eppure ci sono aspetti del film che lo rendono ancora estremamente
attuale in relazione al tema della prostituzione, e sono: la costante tensione tra visione (legata, in una
prospettiva attuale appunto, anche all’uso di alcol e droghe) e realtà, bonarietà e arroganza, ingenuità e
cinismo, tra corruttibilità dell’animo umano e innocenza, tra libertà e oppressione. Significativa e carica di
valore è la scena finale del film. All’uscita del film nel 1957 il critico cinematografico francese André Bazin
affermò: “quando Giulietta Masina [Cabiria] si gira verso la cinepresa e il suo sguardo incrocia il nostro
[&] Cabiria è certamente ancora la protagonista delle avventure che ha vissuto davanti a noi, dietro la
maschera dello schermo, ma è anche, ora, quella che ci invita con lo sguardo a seguirla sulla strada che ha
ripreso. Invito pudico, discreto, sufficientemente incerto perché noi possiamo far finta di credere che sia
rivolto ad altri; sufficientemente certo e diretto anche per strapparci dalla nostra posizione di spettatori.”
È proprio l’invito di quello sguardo la molla del nostro lavoro di operatrici dell’Unità di strada. È proprio
l’invito di quello sguardo che dovrebbe imporre a ciascuno di noi - in qualità di spettatore che si è fatto
già un’idea o meno, che ha potere politico o meno, indignato, critico, appassionato, curioso, partecipe,
coinvolto, disgustato, aperto o ottuso che sia - di sospendere qualsiasi giudizio e cercare sempre una
riflessione consapevole e attenta alla complessità della realtà.
c
2014
lautoradio.com
23
BlogBook
1.2. febbraio
Presentazione del blog Le vite degli altri (2014-02-26 16:13) - f-dipietro
Le vite
degli altri e’ un contenitore blog di storie di donne e di uomini, delle loro vicende e sofferenze, dei
loro desideri. Ogni giorno incrociamo decine di persone, per strada, sul bus, sul metro. Le osserviamo,
a volte ci parliamo. Ognuno di loro ha una storia. Ed ogni storia e’ degna di essere narrata, anche con
poche righe. A volte la storia che ognuno ha dentro esce fuori da sola. Basta guardare bene una persona
in volto per scoprire la sua storia. Le vite degli altri raccoglie tutto ciò.
Iniziativa Carta di Lampedusa - Libertà e diritti per tutt* (2014-02-26 16:28)
- csaoexmattatoio
La Carta di Lampedusa è il risultato di un processo costituente e di costruzione di un diritto dal basso
che si è articolato attraverso l’incontro di molteplici realtà e persone che si sono ritrovate a Lampedusa
dal 31 gennaio al 2 febbraio 2014.
24
c
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
Nella Carta si parla di libertà di movimento, libertà di scelta, libertà di restare, libertà di costruzione e
realizzazione del proprio progetto di vita in caso di necessità di movimento, libertà personale e libertà di
resistere.
Da Lampedusa si è dato il via ad un percorso che deve vedere tutti e tutte partecipi nel rendere reali i
diritti di cittadinanza, che non sono solo diritti dei e delle migranti, ma sono diritti di tutti e tutte.
La sfida è mettere a valore i contenuti della carta, rendendoli, così, concreti e praticabili.
Vi aspettiamo venerdì 7 marzo alle 17 e 30, presso la sala di Santa Chiara(Porta Santa Susanna).
Ne discutiamo con:
Margherita Barocci : Ambasciata dei diritti (AN)
evento: qui.
more info su:
http://www.meltingpot.org/La-Carta-di-Lampedusa-18912.html #.UwfVmoWfics
sottoscrivi la Carta di Lampedusa:
https://docs.google.com/forms/d/1QLymcIJ7dyLuPV-DI-9LWizqPrOkDzt d2R9m zoJnM/viewform
Le vite degli altri | aiutami cugino (2014-02-26 17:51) - f-dipietro
L’hanno usato. L’hanno messo in mezzo, come capita spesso. Di sicuro non sapeva cosa vi fosse in quel
pacco. O forse un po’ lo sospettava, ma i soldi che gli hanno dato gli avrebbero permesso di mantenere
moglie e due figli in Marocco per un bel po’.
Fatto sta che sette chili son tanti. La condanna era per traffico di stupefacenti. Tre anni e sei mesi.
Paga il debito con la giustizia, sconta la pena in carcere. Condotta irreprensibile. Ben voluto dalle guardie
carcerarie e dai volontari.
Fine pena, esce di carcere. Ma fine pena e’ a volte anche inizio irregolarità o, come dicono altri,
clandestinità.
Sette chili son tanti. E se si tratta di cocaina son tantissimi.
E’ un pericolo per l’ordine pubblico, ritiene la questura. E revoca il permesso di soggiorno.
Avvocato, posso farti una domanda? - mi chiede in uno stentato italiano - tu sei Calabrese, vero?
Rispondo di si e gli chiedo se fosse vissuto in Calabria.
Cugino! - esclama - sono in Italia da 30 anni, sono stato a Vibo Valentia, a Lamezia.
Sei stato anche a Nicotera? Vendevi sulla spiaggia di Nicotera marina? - chiedo io.
Si! Nicotera, Tropea, Pizzo! Aiutami, cugino! Voglio solo poter stare in Italia per lavorare. Sono un
venditore ambulante.
Ed in quel momento, per un attimo mi rivedo bambino sulla spiaggia di Nicotera marina a giocare con
mio fratello più piccolo e con i miei cugini.
E ricordo i venditori ambulanti marocchini che si fermavano ai nostri ombrelloni, col loro carico di teli da
mare, vestiti per donne, occhiali da sole.
Cugini, li chiamavamo in Calabria con fare amichevole (erano vu cumpra’, altrove). Ed anche loro
chiamavano noi cugini. Era da tanto che non sentivo più questa parola.
Il cugino che oggi viene a chiedermi di aiutarlo per il suo problema di soggiorno in Italia, tanti anni fa era
sulla spiaggia di Nicotera, e magari si sarà fermato al mio ombrellone, avrà scherzato con noi ed avrà riso
alle battute di zio Peppino.
Le vite degli altri | i documenti per papà (2014-02-26 17:53) - f-dipietro
Fai prendere i documenti a mio papà. La voce e’ squillante e lo sguardo e’ vispo ed ha la felicità di chi ha
tutta la vita davanti.
Non credo si renda conto di cosa siano i documenti. Come fa a rendersi conto una bambina di sei anni
nata in Italia da mamma marocchina e papà tunisino, che il papà non ha più il permesso di soggiorno e
c
2014
lautoradio.com
25
BlogBook
1.2. febbraio
che non potrà stare più con loro? Come spiegare una cosa così assurda ad una bambina di sei anni?
Lui è un bravo papà. Lo si capisce. Viene spesso da me assieme alla bimba. Lo capisco subito che è un
bravo papà. E lo capiscono anche gli assistenti sociali che lo seguono nell’affidamento in prova ai servizi
sociali.
Perché si: lui ha scontato una pena per diversi reati. Sono tanti e tutti inerenti gli stupefacenti. Sempre
lo spaccio di quella maledetta polvere bianca.
Diverse condanne per diversi errori del passato.
Ma la nascita della figlia lo cambia. Basta così. Basta con quella maledetta polvere bianca. Basta col
venderla. Basta col consumarla.
Lavora adesso. I servizi sociali gli hanno trovato un posto. E lavora sodo. Si fa ben volere anche dal suo
datore.
Si comporta bene. Liberazione anticipata ed ecco il fine pena.
Ma i precedenti penali erano tanti e non consentivano il rinnovo. Ed ecco arrivare quella brutta parola
che tanto odiamo ma che da il senso: clandestinità.
Vuole lavorare. Ed il lavoro lo avrebbe anche. Ma non ha il permesso ed ha una espulsione misura di
sicurezza. E’ socialmente pericoloso, scrisse il giudice: i reati erano tanti.
Non era facile risolvere.
Ma lui era cambiato, era diverso, voleva un gran bene alla figlia.
Lo scrissero i servizi sociali nella loro relazione e venne quindi revocata l’espulsione misura di sicurezza.
Ma rimaneva il problema del permesso. Non dormiva. Era disperato di non poter contribuire al mantenimento della famiglia. La sola a lavorare era la moglie, nonostante il suo handicap.
Andiamo al tribunale per i minori. Qui c’è la figlia piccola. Ha bisogno del suo papà. Date lui un
permesso.
Ma i precedenti erano tanti ed il giudice non lo ritiene un buon padre.
La soluzione arriva, però. Ed arriva da Roma.
Lei, la moglie, aveva presentato domanda di cittadinanza italiana. Domanda ferma da cinque anni,
nonostante il termine di legge sia di due anni.
Sollecitiamo. Scriviamo. Arriva il decreto di concessione cittadinanza. Giuramento. Ora lui è marito di
cittadina italiana: ha diritto ad un permesso di soggiorno.
Da grande voglio fare pure io l’avvocato. La voce e’ sempre squillante. Lo sguardo e’ sempre vispo.
Non può aver capito tutte queste vicende da adulti, fatte di giudici, questura, ministero.
Ma ha capito che deve esser accaduto qualcosa di bello. Lo capisce vedendo che il papà adesso e’ sereno.
E ne è felice.
Presentazione de LAUTORADIO (2014-02-28 00:37) - lautoradio
DOMENICA 16 MARZO , alle ore 18.00 presso il C.S.O.A. Ex Mattatoio, si terrà l’incontro pubblico de
Lautoradio che si articolerà su 2 livelli: presentazione e discussione del progetto e autoformazione sulle
tecniche di gestione della web radio.
Lautoradio nasce dalla volontà, di diverse realtà sociali che operano in città, di incontrarsi e lavorare in sinergia mettendo in rete e socializzando conoscenze, esperienze, saperi e valorizzando la pluralità e
la molteplicità dei contributi dati.
Questo progetto si inserisce in un percorso politico dal basso che, partendo dai centri sociali, si pone
nell’ottica della riappropriazione dei saperi, degli spazi e del welfare.
Grazie anche e soprattutto al sostegno e alla collaborazione di Radiosonar.net (web radio romana) Lautoradio, che comprende oltre alla web radio anche un aggregatore di blog, sta crescendo e realmente vedendo
la partecipazione di tanti e tante.
Proprio Radiosonar.net sarà presente all’iniziativa per contribuire al dibattito e fornire gli strumenti
26
c
2014
lautoradio.com
1.2. febbraio
BlogBook
e le conoscenze necessarie alla realizzazione pratica della web radio.
SIETE TUTT* INVITAT* A PARTECIPARE AL PROGETTO E A CONTRIBUIRE CON LE VOSTRE
IDEE!!!
“NON ABBASSARE LA VOCE...ALZA IL VOLUME!”
IFRAME: //www.youtube.com/embed/w0ck SzpGLo
evento fb : qui
LAUTORADIO
Grande distribuzione e sfruttamento dei migranti (2014-02-28 14:11) - YaBasta
Lo sfruttamento dei
migranti come forza lavoro nella produzione agricola in Italia è una realtà molto diffusa nel normale funzionamento del sistema della grande distribuzione. Il basso costo dei prodotti permette alla grossa catena
di supermercati che li acquista di avere un ampio margine di guadagno nella vendita, pur mantenendo
un prezzo competitivo, poichè a pagare tale prezzo è il bracciante, reale colonna portante del sistema di
produzione e vendita.
Les récoltes de la honte è il titolo di un’inchiesta svolta lo scorso Settembre dalla tv francese France2. Nell’inchiesta emergono le condizioni di lavoro dei braccianti in Puglia, per lo più stranieri migranti,
impiegati nella coltivazione e lavorazione di ortaggi venduti poi ai grossi supermercati francesi. Venduti
a prezzi tanto bassi che hanno spinto qualche giornalista d’oltralpe a chiedersi cosa permettesse una
tale economicità della forza lavoro in Italia. La logica attualmente perseguita dal sitema della grande
distribuzione sfrutta la disperazione con la quale il migrante (ma non solo, spesso si tratta di disoccupati
provenienti da qualche azienda in crisi) si presenta a cercare lavoro, disposto com’è, o meglio, costretto,
a subire pratiche di caporalato, e ad accettare uno stipendio a nero, senza nessun tipo di assistenza in
condizioni ai limiti della schiavitù. L’estremo bisogno del bracciante consente all’azienda per cui egli
lavora, di vendere il prodotto alle grosse catene di supermercati a prezzi stracciati, con grave danno per i
produttori che decidano di far lavorare in condizioni dignitose e con un giusto stipendio i propri dipendenti.
Spesso si parla del fenomeno sfruttamento riferendosi al meridione d’Italia, ma è vero, anche se meno
noto, che queste pratiche sono diffuse anche al Nord. Un esempio è dato dai vigneti della Franciacorta,
una zona collinosa compresa fra Brescia e il lago d’Iseo, dove il sitema del caporalato permette di sfruttare
lavoratori, anche qui per la maggior parte migranti, nella produzione di vini venduti per la loro qualità a
prezzi altissimi. Ma si capisce che di tale ricchezza il bracciante non vedrà che il suo solito stipendio di
gran lunga inferiore al minimo consentito.
c
2014
lautoradio.com
27
BlogBook
1.2. febbraio
IFRAME: //www.youtube.com/embed/HxKwqrazwTs
Anche nel resto d’Europa qualcuno è stato incuriosito dal sistema della produzione agricola italiana, tanto
che lo scorso Ottobre si è tenuto un incontro tra sindacati norvegesi e sindacati italiani finalizzato a
promuovere in Italia la conoscenza degli standard etici da far seguire ai produttori riguardo il rapporto
con i lavoratori.
E’ in questo contesto che il gruppo Il Popolo delle Arance ha deciso di presentare una petizione alla COOP, per ottenere una maggiore trasparenza dei prezzi, azione che rappresenta una denuncia pubblica
delle contraddizioni presenti nel sistema della grande distribuzione e del non rispetto da parte di queste
aziende, o in questo caso cooperative, della dignità dei lavoratori, a cui esse devono la loro fortuna.
Sono passati pochi anni dai fatti che videro ribellarsi, nel 2010, i migranti sfruttati per produzione
di arance a Rosarno, RC, (rivolta grazie la quale nacque il progetto di commercio equo, Equosud - SOS
Rosarno) e, nel 2011, fu la volta dei migranti impiegati nei campi di pomodori di Nardò, LE. Segnali,
questi, di come sia ancora possibile sperare in un sistema che tenga conto della dignità umana prima di
tutto, a prescindere dalle condizioni economiche.
Un grande passo in avanti in questo senso è stato d’altra parte fatto con la stesura e la diffusione
di quel patto sociale di rilevanza europea scaturito dal basso che è la Carta di Lampedusa, sorta dal
bisogno di cambiare le inappropriate politiche internazionali riguardanti l’immigrazione e tutto ciò che
ne consegue. Nel suo testo si promuove infatti: libertà di movimento, libertà di scelta, libertà di restare,
libertà di costruzione e realizzazione del proprio progetto di vita in caso di necessità di movimento, libertà
personale e libertà di resistere. Elementi che, se perseguiti concretamente, costituirebbero un’importante
occasione per tutt* di non trovarsi mai più a dover svendere anche la loro dignità per poter guadagnare
qualcosa per sopravvivere.
L.F.
LA PETIZIONE - Richiesta de Il Popolo delle Arance a COOP ITALIA: Chiediamo un prezzo TRASPARENTE, realmente SOSTENIBILE per i produttori agricoli e per i braccianti
http://www.change.org/it/petizioni/coop-italia-chiediamo-un-prezzo-t rasparente-realmente-sostenibileper-i-produttori-agricoli-e-per-i -braccianti
LA CARTA DI LAMPEDUSA - Leggi e sottoscrivi anche tu!
-SCOPRILA CON NOI: https://www.facebook.com/events/1544334152457450/?ref newsfeed story type=regular
-LEGGI LA CARTA: http://www.meltingpot.org/La-Carta-di-Lampedusa-18912.html #.UxBrw l5PT8
-PER ADERIRE: https://docs.google.com/forms/d/1QLymcIJ7dyLuPV-DI-9LWizqPr OkDzt d2R9m
zoJnM/viewform
L’INCHIESTA - France2 - Inchiesta Les récoltes de la honte
28
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
1.3
BlogBook
marzo
Le vite degli altri | il signor X ed il signor Y (2014-03-04 08:09) - f-dipietro
Pensiamo per un attimo ad un signore (lo chiameremo signor X).
Il signor X vive in Italia, a Milano. Lavora: è un funzionario dell’ufficio del catasto. E’ sposato, ha due
figli piccoli. Ha una casa di proprietà: un appartamento in un condomino. Ha un’automobile. Fa parte
della cosiddetta “middle class”.
Ed adesso dimentichiamo il signor X, e concentriamo la nostra attenzione su un altro signore (lo
chiameremo signor Y).
Il signor Y vive nella favela di Rio de Janeiro.
La mattina si alza presto. Non ha un lavoro. Vive di espedienti. Abita in una baracca di legno, lamiere e
cartone, fredda e maleodorante, senza servizi igienici. Ha moglie e quattro figli da mantenere, ed a stento
riesce a farlo.
Sia il signor X che il signor Y sono consapevoli della loro posizione nella società, del loro status
sociale, delle loro ricchezze piuttosto che delle loro miserie, delle loro fortune piuttosto che dei loro
problemi.
Ma assumiamo che nessuno di loro conosca il proprio posto nella società, la propria posizione di
classe o il proprio status sociale, le proprie fortune nella distribuzione delle doti e delle capacità naturali,
le proprie forze, le proprie intelligenze, i propri progetti di vita, le proprie aspettative, le proprie
caratteristiche fisiche.
Assumiamo, inoltre, che nessuno di loro conosca le circostanze specifiche della propria società;
sono all’oscuro della situazione politica ed economica dell’Italia e del Brasile; sono all’oscuro del livello di
civilizzazione e di ricchezza del proprio Paese. Anzi, non sanno affatto quale sia il Paese in cui vivono.
Per calarci meglio in questa situazione di ignoranza, pensiamo ad una fase dell’esistenza (o preesistenza) in cui tutti gli uomini, ma proprio tutti, si trovano in una stessa ed identica situazione.
Pensiamo ad un uomo prima della sua nascita, nel grembo materno, che galleggia nel liquido
amniotico.
Prima della nascita, tutti noi siamo circondati solo da liquido amniotico.
Poi, una volta nati, vi sarà chi sarà deposto in una comoda culla in una stanza di una clinica
svizzera, circondato dagli sguardi felici del papà industriale brianzolo e della mamma soubrette televisiva.
E vi sarà invece chi sarà deposto in una sudicia amaca di una maleodorante tenda nel deserto dell’Africa
sahariana, circondato dagli sguardi, spenti e provati dalla miseria, dei genitori.
Prima, tutti uguali a galleggiare nel liquido amniotico. Poi, chi in una comoda culla in una ridente villa
di Beverly Hills ed un vestitino pulito con tanti bei ricamini; e chi nudo in una baracca maleodorante
delle favelas di Rio de Janeiro.
Ma ritorniamo ai momenti in cui siamo tutti nel grembo materno.
Attorno a noi è buio. Solo liquido amniotico ed un cordone ombelicale.
In quel momento siamo tutti uguali. Non c’è chi veste un bell’abito “griffato” e chi è invece seminudo ed
infreddolito. Solo liquido amniotico.
E’ buio nel grembo materno. Non sappiamo cosa ci sarà lì fuori. Cosa ci aspetterà. Siamo
ignoranti su tutto.
Chiediamo a noi stessi: “Nascerò in una capanna delle favelas di Rio o in una clinica svizzera?”; “Nascerò
c
2014
lautoradio.com
29
BlogBook
1.3. marzo
sano o malato, alto o basso, bello o brutto, intelligente o ritardato?”; “I miei genitori, lì fuori che mi
aspettano, sono ricchi o sono poveri?”, “Sarò figlio del milanese signor X o del brasiliano signor Y?”.
Non lo sappiamo. Non sappiamo nulla. E’ la situazione originaria di ignoranza. Siamo ignoranti su tutto. E ciò ci spaventa.
Ma abbiamo anche delle speranze e delle aspettative.
Speriamo certamente di nascere sani; figli di genitori benestanti; in un Paese ricco, civile ed evoluto.
Speriamo di nascere in Europa anziché in Africa. Speriamo di nascere in una clinica anziché in una
capanna. Speriamo di essere i figli del signor X e non del signor Y.
Noi speriamo.
Ma siamo anche consapevoli che potrà andare diversamente da quanto speriamo.
Sappiamo che vi è la concreta possibilità di nascere malati, poveri, in mezzo ad una guerra o ad una
carestia.
Ed è qui, allora, che facciamo un patto con noi stessi; con quelli che come noi sono ancora nel
grembo materno e con coloro che sono già nati.
Diciamo a noi stessi: “Se dovessi nascere sano, in una famiglia ed in un Paese ricco, mi impegno ad aiutare coloro che invece, diversamente da me, nasceranno malati e poveri”.
E nel prendere questo impegno, confidiamo che tutti gli altri, nel grembo materno, anche loro ignoranti,
facciano la stessa cosa a nostro favore. Confidiamo, cioè, nel fatto che anche gli altri assumano uno stesso
impegno nei nostri confronti.
E così, sia pur ignoranti, ci sentiamo più sicuri ed abbiamo meno paura.
Se lo cose dovessero andare diversamente rispetto a quel che speriamo, se cioè dovessimo nascere poveri o malati, allora confideremmo nello stesso impegno assunto dagli altri in nostro favore: sappiamo
quindi che vi sarà chi ci aiuterà, una volta nati.
Pensiamo: “Spero che lì fuori ad aspettarmi vi siano due amorevoli e benestanti genitori. Spero
di nascere in una ricca metropoli europea. Qualora dovesse essere così, mi impegno ad aiutare, nella mia
vita futura che sta per iniziare, colui che, sfortunato, è invece nato nella favela di Rio. Ma qualora dovessi
essere io a nascere in una povera baracca confido nel pari impegno assunto dagli altri e confido quindi
nell’aiuto di essi verso di me”.
Oggi sulle nostre coste sbarcano centinaia di persone che fuggono da guerre, carestie, miseria e
persecuzioni. Molti muoiono nell’attraversare il Sahara, molti muoiono annegati nel Mediterraneo.
Essi ci ricordano del patto che tutti noi abbiamo assunto, quando eravamo nel grembo materno.
Noi siamo stati fortunati. Si è realizzato quanto speravamo: siamo nati in un Paese civile ed
industrializzato, in Italia.
Loro no! Sono nati in mezzo ad una delle tanti guerre civili; o nell’arido deserto; o in mezzo a persecuzioni
di ogni genere.
Adesso dobbiamo tener fede all’impegno assunto, quando eravamo ignoranti, con noi stessi e con
loro.
30
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
MST | LA PILLOLA DI OGGI (2014-03-06 16:05) - cabiria
Lo sapevi che &
Esistono malattie definite MST (Malattie Sessualmente Trasmesse) ovvero malattie infettive che si
trasmettono e/o diffondono principalmente, ma non solo, per contagio diretto tramite rapporti sessuali
completi, orali e anali non protetti.
Tra queste ci sono:
• la sifilide;
• la gonorrea;
• le uretriti specifiche;
• l’Herpes genitalis;
• i condilomi;
• la clamidia;
• la tricomoniasi (Tricomonas);
• la candidosi (Candida)
• l’epatite B e C;
• l’AIDS (virus HIV).
Sono in larga parte malattie curabili. È molto importante che la diagnosi sia tempestiva.
Si consiglia quindi, in caso di secrezioni vaginali anomale, bruciori, prurito e/o dolore alla minzione,
piccole escrescenze sull’apparato genitale o anche solo quando si hanno dubbi sui rapporti sessuali avuti,
di ricorrere ad una consulenza con il proprio medico, ginecologa/o, androloga/o.
Puoi avere consulenze presso il consultorio più vicino. Il consultorio è gratuito e rivolto a tutte e
tutti, anche se non sei residente, non hai un medico di base né un permesso di soggiorno.
Il medico è senz’altro in grado di fare diagnosi o suggerire gli accertamenti indispensabili e consigliare poi
la terapia più opportuna.
Se sei studente, studentessa, lavoratore e lavoratrice fuori sede senza residenza hai diritto a un medico provvisorio.
c
2014
lautoradio.com
31
BlogBook
1.3. marzo
In ogni modo bisogna ricordare che le malattie sessualmente trasmesse riguardano entrambi i/le partner e
sono, quindi, entrambi/e che devono essere trattati/e, impedendone così l’ulteriore diffusione.
COME PROTEGGERSI DALLE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE?
• utilizzare sempre il preservativo;
• prestare una particolare attenzione al proprio stato di salute, effettuando periodicamente visite
mediche (e non l’autodiagnosi);
• usare solo siringhe monouso e comunque evitare assolutamente lo scambio e il riutilizzo delle siringhe;
• ricordarsi che molte malattie possono essere contratte non solo con la penetrazione vaginale ma
anche con quella anale e nei rapporti orali.
Ricordati che solo l’uso corretto del preservativo, applicato all’inizio del rapporto e non
poco prima dell’eiaculazione, può costituire una protezione dalle malattie a trasmissione
sessuale.
Presentazione Carta di Lampedusa (2014-03-07 17:27) - lautoradio
È iniziata da poco la presentazione della Carta di Lampedusa.
L’evento potrà essere seguito attraverso la diretta streaming su Youtube del nostro canale, inoltre verranno
inseriti aggiornamenti sulla nostra pagina Twitter.
IFRAME: //www.youtube.com/embed/G0aUsWcr05o
32
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
AIDS E HIV | LA PILLOLA DI OGGI (2014-03-12 11:04) - cabiria
LO SAPEVI CHE
L’AIDS è la “Sindrome di Immunodeficienza acquisita” causata dal Virus HIV.
L’INFEZIONE si trasmette attraverso il sangue, lo sperma, le secrezioni vaginali e il liquido pre-eiaculatorio
di una persona che ha il Virus tramite:
• rapporti sessuali a rischio;
• scambio di siringhe infette;
• ferite provocate da aghi o oggetti contaminati;
• contatto con strumenti e oggetti contaminati (per esempio aghi per tatuaggi, lamette per la barba,
spazzolini da denti).
Il VIRUS può essere trasmesso anche dalla madre infetta al bambino durante la gravidanza, il parto o nel
periodo dell’allattamento al seno, ma c’è un iter da seguire per le donne incinta sieropositive grazie al
quale puoi avere un bambino sano.
Come non si trasmette il virus?
• dalla saliva (baciare, leccare, starnutire, bere dallo stesso bicchiere)
• dal sudore
• dalle lacrime
• stringersi la mano, toccarsi
• masturbarsi reciprocamente
• dalle punture di insetti
• dall’uso comune di servizi igienici.
I SINTOMI più comuni sono:
c
2014
lautoradio.com
33
BlogBook
1.3. marzo
• febbre;
• perdita di peso;
• affaticamento;
• sudorazione;
• diarrea;
• emicranie;
• ingrossamento del fegato e della milza.
Chi si contagia con il virus HIV diventa sieropositivo, ma non significa avere l’AIDS, ma
essere portatori del virus che può essere trasmesso ad altri.
ATTENZIONE!
Anche se non hai i sintomi puoi avere l’infezione!
Fai un controllo per essere sicura/o!
Il test del sangue è gratis e viene consegnato solo a te.
Se il TEST è POSITIVO hai il virus ma non necessariamente hai già la malattia.
Devi fare subito altre analisi e se sarà necessario il dottore ti darà la terapia.
Puoi fare tutto gratis e anche senza documenti!
Oggi l’AIDS è trattabile; quindi è importante conoscere il proprio stato di salute perché se
hai
l’AIDS i medici potranno seguirti e permetterti di vivere una vita normale pur avendo il virus.
34
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
Se il test è negativo NON hai il virus.
Ma è opportuno rifare il test periodicamente per essere sempre sicura/o di non avere il VIRUS!
La PREVENZIONE è l’unico modo per proteggerti!
Per evitare il contagio:
USA SEMPRE il PRESERVATIVO e fai controlli periodici!
Nella prossima “Pillola del Giorno” tutte le info sul test HIV!
Le vite degli altri | Due sorelle, rom. (2014-03-16 08:10) - f-dipietro
Sei solo un’anima fragile con il peso di un corpo, scrisse secoli fa un poeta.
S è un anima fragile e con un corpo minuto. Anzi è la sua stessa corporatura a rivelare quanto sia
sensibile, quanto sia delicata.
S ha una sorella, L.
S e L sono Rumene e vivono in Umbria da tre anni.
S e L sono Rom. E sarebbe una precisazione inutile ed irrilevante. Quasi stupida. Purtroppo ancora
qualcuno non considera ciò un fatto irrilevante. Uno stupido.
S e L vengono da Timisoara. Speranze, una vita migliore in Italia.
L è malata. Di una grave malattia. La chemioterapia le fa perdere i capelli. Un foulard in testa e via così.
S e L vivono in Umbria da tre anni.
Dovete fare ulteriori esami, ma qui non possiamo farli - dice loro il medico.
Prendono il treno alla volta di una grande città, alla volta del Nord Italia.
L è stanca.
La chemioterapia la distrugge.
L’ansia di sapere l’esito degli esami la distrugge.
S ed L escono dall’ospedale di questa grande città del Nord Italia.
Faceva freddo quel giorno di febbraio, in quella città, e pioveva.
Vogliono tornare a casa. In Umbria.
Sono entrambe stanche. Il viaggio. L’ansia. La pioggia. Il freddo.
S va a comprare i biglietti e salgono sull’autobus che li porterà in stazione. Quindi treno e casa.
c
2014
lautoradio.com
35
BlogBook
1.3. marzo
In Umbria.
L è stanca. La chemioterapia distrugge.
La natura è spesso crudele. Ma ancora più spesso gli uomini lo sono ancora di più.
S ed L salgono sul bus. S sostiene dal braccio la sorella L e la aiuta a sedersi.
Stai bene? Sei stanca? - chiede S alla sorella.
S ed L sono Rom.
S ha parlato nella loro lingua, in Romanes.
Un controllore era sul bus. Era seduto. Appena le sente parlare, si volta, nota che erano salite
due Rom, si alza e si dirige verso di loro: Biglietti!
Con fare autoritario.
Eppure c’erano anche altre persone sul bus. Ma chiede i biglietti solo a loro due.
Alle due sorelle.
Alle due sorelle Rom. Venute in Italia da Timisoara, venute da lontano.
S i biglietti li ha. Li ha comprati poco prima. Ma non li aveva ancora timbrati. Appena salita
sul bus si era subito preoccupata di fare sedere la sorella. Li avrebbe timbrati subito dopo.
Ecco i biglietti, li ho in borsa. - Risponde S.
Estrae i biglietti dalla borsa, con l’intento di timbrarli. Li aveva comprati. Che motivo avrebbe avuto a
non timbrarli? Mica avrebbe potuto usarli altrove, in Umbria.
Il controllore però glieli strappa prepotentemente di mano, prima che potesse timbrarli.
Fatemi vedere i documenti! - Dice con la stessa prepotenza.
Perché? - Chiede stupita S.
Devo fare la sanzione. Non avete timbrato i biglietti! - Risponde il controllore, ormai preso dal suo ruolo
di tutore della legge.
Non è possibile! - Dice S - Per favore, ridatemi i biglietti. Io non vi mostro nessun documento!
Un anziano signore era sul bus: Vergogna! Lasciate in pace queste povere ragazze. Fate timbrare il biglietto!
Il tutore della legge si sente messo sotto accusa. E ma qui ne va del mio ruolo! - Avrà pensato.
E chiama la polizia.
Intima alle due sorelle di scendere dal bus.
Stanche, spaventate, obbediscono.
La polizia arriva. Arriva subito. Una volante.
Documenti! - Chiedono anche i poliziotti.
S ed L esibiscono subito le loro carte d’identità.
Poi il poliziotto chiede cosa sia successo.
Il controllore dice: Si son rifiutate di mostrarmi i documenti. Ancor più preso dal suo ruolo e anzi esaltato
per la presenza del poliziotto. Mancava solo che lo chiamasse collega.
Non è così! Noi i biglietti li abbiamo e lui ce li ha strappati di mano! E’ un abuso: ha chiesto
i biglietti solo a noi! Non è giusto! - Si lamenta S.
Ed intanto le due sorelle stavano sotto la pioggia, al freddo.
Per favore, fateci andare via. Siamo venute qui per degli esami medici.
E’ stata operata due mesi fa. Fa la chemioterapia. - Chiede S al poliziotto.
Mi dispiace, ma dovete restare qui. - Risponde il poliziotto.
36
Mia sorella e’ malata.
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
Fate almeno andar via mia sorella. E’ stanca, non si regge in piedi.
Dovete restare qui!
Il poliziotto prende i documenti delle due sorelle e sale sulla volante.
Nel frattempo sono giunte sul posto altre due volanti.
Tre volanti, sei poliziotti, tre controllori della società di trasporto pubblico.
E due sorelle rom.
In strada, sotto la pioggia, in una fredda giornata di febbraio.
La gente passava e guardava. Guardava le due sorelle e pensava chissà cosa.
Tre volanti e sei poliziotti: sarà accaduto qualcosa di grave. Le due ragazze avranno commesso un reato.
La gente passava e le guardava.
E facevano male quegli sguardi. Erano sguardi cattivi. Sembravano dire: Eccoli. I rom. Vengono qui e
rubano. Meno male che li hanno presi!
La gente passava e le guardava.
Pure il tempo passava.
Da quando eran state fatte scendere dal bus eran passate quattro ore.
Ad attendere in strada, sotto la pioggia ed al freddo.
Dopo quattro ore, ecco di nuovo il poliziotto con quattro fogli in mano.
Sono due sanzioni da 87 euro della società di trasporto pubblico. Motivo: non aver timbrato il biglietto.
Gli altri due fogli sono della polizia, squadra volante. E viene chiesto loro di firmare.
S dice che vuol prima leggere.
art. 161 CPP, nomina difensore.
Ma non capisce bene quelle parole: Verbale elezione domicilio,
Difensore? Indagini? Per cosa? E’ una denuncia penale? Cosa abbiamo fatto?
Tante domande in quel singolo momento, nella mente di S.
Poi le spiegano che è una denuncia penale per il fatto di essersi rifiutate di esibire i documenti al
controllore.
Questo significa rifiuto di fornire le proprie generalità scritto su quei due fogli.
Se non firmate per voi le cose peggioreranno. - Dice il poliziotto.
Firmano. Sono stanche. Vogliono solo tornare a casa. In Umbria.
[Questo accadeva in Italia, il mese scorso. In una grande città.]
c
2014
lautoradio.com
37
BlogBook
1.3. marzo
RISULTATI E CONSIDERAZIONI DEL QUESTIONARIO AUTOPRODOTTO
(2014-03-20 11:54) - cuc
In quest’ultimo periodo ci siamo spesso interrogati su quali fossero le reali esigenze della composizione
studentesca perugina, in relazione non solo agli spazi fisici dell’università ma anche, e soprattutto, in
relazione al vivere all’interno di una città ricca di complessità e contraddizioni.
L’esigenza di questo fare inchiestante assume maggiore convinzione dalle vicende di quest’autunno in
cui sono state rilanciate dinamiche e pratiche di lotta proprio a partire dal bisogno comune e non da
punti fermi o preconcetti.
Siamo state/i tra la gente, nei luoghi più centrali e affollati; ci siamo resi conto della complessità e delle
diversità che attraversavano quei luoghi e abbiamo capito che bisogna partire proprio da quelli se si vuole
radicalizzare un certo modo di pensare e d’agire.
Nostro obiettivo non è e non è stato agire per effettuare una ricognizione di classe all’interno dei luoghi
del sapere; si è agito piuttosto sui diversi aspetti della vita quotidiana che poi non sono altro che gli
indicatori della nuova precarietà. Ed è questo che emerge da una prima lettura dei risultati, un’aspettativa
di precarietà che precede la precarietà stessa, una condizione che finisce per agire per forza di cose su
tutti gli aspetti dell’istruzione (dalla scelta della facoltà al motivo per cui si è intrapresa questa carriera
ecc). La produzione dell’uomo precario precede e innerva la precarietà stessa diceva qualcuno.
Abbiamo di seguito analizzato quattro macro-aree (ABITARE - COSTO DELLA VITA - MOBILITA’ CULTURA e SOCIALE) che potessero in qualche modo riassumere la quotidianità di uno studente senza
con questo voler semplificare la sua vita. Non è con i dati, ma stando a contatto con la gente che si
comprende la vera natura delle cose; questo è per noi (e spero anche per altri) un modo per aprire ad
un percorso fatto di autodeterminazione e autogestione all’interno di un contesto ancora eccessivamente
legato alla rappresentanza delle proprie vite.
38
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
Il campione di studenti inchiestato è di 108 ragazze e ragazzi con età media di 21.55 anni.
ABITARE - Quella dell’abitare è sicuramente una delle questioni più delicate da affrontare. Per quanto
riguarda la composizione studentesca perugina l’81,84 % degli studenti risiede in strutture private,
percentuale nettamente superiore a quelli che invece vivono nelle strutture collegiali (il restante 18,52 %).
Una discrepanza netta che va letta nell’ottica di un altro importante dato; la maggior parte degli studenti
infatti (oltre il 66 %) pensa che il prezzo delle strutture in cui abita non sia adeguato alle condizioni
in cui le stesse versano. Se consideriamo inoltre che il 74 % degli inchiestati non beneficia di alcuna borsa
di studio i dati appena citati assumono anche maggiore rilevanza.
Bisogna considerare ancora che il 48 % viene mantenuto esclusivamente dai genitori mentre un altro 31 %
avrebbe necessità anche di lavorare per ovviare alle spese basilari.
Si può ben capire (ovviamente attraverso una lettura solo parziale rispetto a quella che è la complessità
della realtà) che solo rispetto alla questione abitativa le famiglie sono tenute ad uno sforzo economico
per nulla irrilevante; ma che l’istruzione (e prima ancora l’accesso all’istruzione) dipendesse ormai
da fattori quasi esclusivamente economici non è cosa nuova.
E’ necessario partire dal presupposto perciò che l’abitare non può essere considerato come un lusso, ma
piuttosto come un diritto inalienabile e presupposto di una stabilità di vita necessaria sia in campo
formativo così come in quello professionale. Non può perciò la casa divenire un ulteriore barriera all’esercizio di un diritto basilare quale l’istruzione, così come non può esserlo in nessun’altra circostanza.
Infine, i recenti fatti della conversione del padiglione A del collegio Innamorati (rinominato ITACA) sono
uno schiaffo morale se si considerano i dati parziali sopra elencati. Mentre infatti la struttura del collegio
Innamorati versa in uno stato a dir poco vergognoso (e non è poca la documentazione che abbiamo
raccolto), i dirigenti A.Di.S.U. stanziano ingenti finanziamenti per creare una struttura extra-lusso dalla
dubbia proprietà e dalla ancor più dubbia destinazione (si parla a quanto pare di alloggi per relatori e
professori che transitano da perugia per qualche convegno).
COSTO DELLA VITA - I soggetti inchiestati hanno un’età media di 21/22 anni, su una fascia fra
i 19 e i 25. Tutti gli intervistati sono studenti dell’università di Perugia o dell’ università per stranieri,
con sede sempre a Perugia. La maggiorparte di essi frequenta l’università per poter entrare in un futuro
nell’ambito lavorativo (più del 66 %), una percentuale crede che la laurea possa permettegli di trovare un
impiego più velocemente rispetto alle altre strade perseguibili e una piccola parte, già inserita nel mondo
del lavoro, necessita di un titolo di studio idoneo a ottenere una qualifica maggiore oppure a intraprendere
una carriera maggiormente gratificante. Soltanto un’esigua percentuale frequenta l’università per ampliare
le proprie conoscenze.
Rispetto al passato, dunque, l’università ha perso la sua funzione primaria di luogo di formazione, frequentato solo perché considerato trampolino di lancio per l’attività lavorativa.
I livelli di precarietà e disoccupazione però, conducono gli studenti a una crescente insoddosfazione nel
corso del tempo. L’insoddisfazione e il senso di frustrazione sono aumentati dalle difficoltà economiche
che si incontrano durante il percorso universitario.
L’87 % degli studenti considera i costi delle tasse universitarie eccessivi, sia a fronte dell’attuale situazione economica, sia in rapporto ai servizi offerti. Il 65 % degli studenti considera infatti inadeguati i
c
2014
lautoradio.com
39
BlogBook
1.3. marzo
servizi e le strutture universitarie, poiché insufficienti a soddisfare i loro bisogni.
L’università dunque perde il ruolo di centro di aggregazione e condivisione, luogo di fornazione non
solo scolastica, ma anche sociale e politica. A ciò si aggiunge la questione del caro libri: il 25 % degli
inchiestati li utilizza solo usati, il 65 % cerca di acquistare anche testi nuovi (ammettendo però di compiere
un sacrificio) e solo il 15 % utilizza solo libri nuovi. Tali dati evidenziano la lampante necessità di una
libera circolazione e condivisione dei saperi, accessibile a tutte/i e svincolata alle logiche di mercato.
MOBILITA’- Mai come ora la questione della mobilità a Perugia è stata di fondamentale importanza.
Con un sistema dei trasporti messo in ginocchio dalla crisi economica, e con il progressivo collasso di
Umbria Mobilita (che a Febbraio vendeva il 70 % di Um Esercizio a Busitalia - società del gruppo
Trenitalia), non sorprendono i dati effettivamente emersi dall’inchiesta che abbiamo portato avanti.
Il 64,8 % del tessuto universitario intercettato afferma di utilizzare i mezzi di trasporto per spostarsi in
città ma è altissimo il grado di insoddisfazione (64,29 %) espresso. Il malcontento generale emerge
anche e soprattutto dal fatto che il costo del biglietto (tra i più alti d’Italia) sia ritenuto assolutamente non
adeguato in rapporto al servizio offerto, senza considerare i sistematici ritardi delle linee e le condizioni in
cui versano gli autobus.
Ponendo un sguardo all’Europa si può notare che fin dagli anni 90 molti contesti urbani sono stati
protagonisti di una svolta a favore di una mobilità più sostenibile, con l’adozione di provvedimenti mirati a
scoraggiare l’uso dell’auto privata. Dall’indagine condotta da Euromobilty nel 2011, che mette a confronto
50 principali città italiane, emerge come il capoluogo umbro sia una delle città più motorizzate d’Italia. Il
costo del biglietto, le corse rarefatte e i lunghi tempi d’attesa, scoraggiano i cittadini a fare uso dei mezzi
pubblici.
Non è la sola linea urbana ad aver subito un aumento dei prezzi ma sono state coinvolte anche le linee
extra urbane (sempre più utilizzate col passare del tempo), andando a discapito soprattutto di studenti e
pendolari.
Questo sistema di mobilità non tiene evidentemente conto delle esigenze di chi, come i migranti, è tenuto
a farne uso per questioni che non possono essere condizionate dai rincari e disservizi.
I segnali allarmanti vengono sia dall’attuale crisi dell’azienda, sia dalle discutibili strategie di sviluppo
regionale; per nulla rilevanti sono stati i tentativi di inserire forme di mobilità alternativa come: i “varchi
conta veicoli” (spesa di 1 milione di euro), “sistema AVM” (Automatic Veicol Monitoring), le tecnologie
“ITS” (Inteligent Transport Sistem), il software “VISUM” (macrosimulatore dei flussi di traffico), “AIMSUN”
(Advanced Interactive Microscopic Simulator for Urban and Non urban Network), e progetti sconosciuti
ai più come RENAISSANCE, CIVITAS ed ESC, mai andate in porto.
Considerando un probabile ulteriore aumento del costo dei trasporti, secondo quanto afferma la nuova
proprietà Busitalia, risulta necessario un percorso che affronti in maniera organica le problematiche che
attualmente investono il settore della mobilità.
E’ necessario, inoltre, sottolineare il fatto che la mobilità è un diritto inalienabile di tutte e tutti, non
un mercato sul quale continuare a speculare.
Alla luce di tutto ciò, si avverte il bisogno comune di intraprendere strategie alternative e la richiesta
diffusa di un dimezzamento dei costi di trasporto.
40
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
CULTURA e SOCIALE – La macro-area in esame, affrontata nel questionario, intende individuare
le esigenze e le necessità che la città evidenzia. Dai risultati ottenuti emerge che più del 50 % degli
inchiestati non è soddisfatto dagli spazi di socialità, cultura e aggregazione che la città offre.
Nonostante le restrizioni comunali volte a ridurre la vendita di alcolici dopo determinati orari, il centro
cittadino si presenta con una discreta offerta di locali. Solo il 9,26 % del campione di studenti però, è
abituale spendere il suo tempo libero in questi ambienti. Prevale invece l’interesse a passare il proprio
tempo libero con amici e facendo attività sportiva, ma non si può trascurare il secondo dato rilevante
riguardante la cultura.
Alla domanda su cosa manchi in città, le risposte maggiormente condivise sono state quelle sugli spazi
sociali e di aggregazione in grado di auto-produrre eventi culturali e ricreativi.
Altro carattere da non sottovalutare è l’emergente e sovrastimata questione sicurezza.
L’ 8,33 % non si sente tranquillo nel vivere la città nonostante il massiccio spiegamento di forze dell’ordine
in strada. A quanto pare, però, non è con i posti di blocco, le ronde e le continue richieste di documenti che
si risolve il problema della sicurezza, tanto meno vietando la vendita di bevande in vetro (con particolari
eccezioni – vedi Umbria Jazz).
La caratteristica delle distribuzioni percentuali sul tempo libero e su cosa manchi in città è rappresentata
dalle numerose frequenze di astenuti, sintomo evidente di un diffuso non interesse che molte volte
sfocia nella non espressione.
Questionario autoprodotto
Collettivo Università Critica
MARZO 2014
LETTERE DAL PRESIDENTE | ASFALTO (PRE)ELETTORALE (2014-03-25 10:07)
- csaoexmattatoio
perfetto esempio di asfalto (pre)Elettorale
Le elezioni si avvicinano e questo evento di per se ormai non attira più le attenzioni di un tempo.
Disaffezione alla vita politica, scandali e un generale senso di lontananza dei politici di professione hanno
reso l’appuntamento elettorale niente di più che una mera scadenza da sopportare o al più guardare con
vago interesse aspettando un colpo di scena.
c
2014
lautoradio.com
41
BlogBook
1.3. marzo
La domanda che molti si pongono è cosa può essere questo colpo di scena?
Cosa può svegliare dal torpore questi cittadini che a breve saranno elettori per un giorno?
Tra molte possibilità, e con molta modestia, mi permetto di far presente il cronico problema delle
strade perugine, piene di buche e praticamente impraticabile sia nelle giornate di sole che in quelle dove
anche una leggera pioggerellina ci consegna piscine a non finire.
Ma dove sono finiti i bei tempi in cui, con una programmazione in pieno stile sovietico, venivano riasfaltate
tutte le strade più importanti? Bei tempi in cui si aspettavano con ansia le elezioni e addirittura venivano
invocate con maggior frequenza! Ma purtroppo come si sa l’Europa tiranneggia e i soldi per le strade non
ci sono e per un bel po’ non ci saranno.
La delusione la si può già vedere negli sguardi persi di migliaia di automobilisti che tra di loro già
borbottano “Ma come, quest’anno niente?” oppure “Le altre volte erano già passati a quest’ora!”. Il
sentimento generale va quindi verso una totale rassegnazione niente più strade perfette, lisce e senza
problemi, ma solo buche pronte a prendersi gioco dei nostri impavidi ammortizzatori.
Così non ci resta che aspettare sonnecchiando altre elezioni, che ci regaleranno finalmente un dedalo di vie in perfetto stato oppure il solito politicante con tante idee e voglia di fare ma che in realtà non
farà niente per noi!
Il Presidente
LA PILLOLA DI OGGI | TEST HIV (2014-03-25 14:55) - cabiria
Lo sai che &
In Umbria puoi effettuare il test HIV in modo anonimo e gratuito, senza alcuna impegnativa,
né tessera sanitaria.
Il risultato, di solito, lo puoi ritirare dopo 7 o 10 giorni e viene consegnato solo a te, per tutelare la privacy.
Se il test è positivo il medico ti comunicherà pratiche e comportamenti per proteggere te stesso/a e gli/le altri/e e, nel caso ci sia bisogno, la terapia da seguire.
Puoi chiedere consiglio ed effettuare il test presso:
Perugia
Ambulatorio di day-hospital del reparto di Malattie Infettive presso l’Ospedale S. Maria della Misericordia
di Perugia;
42
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
tutte le mattine, dal lunedì al venerdì;
telefonare per appuntamento al n. 0755783310.
Terni
Ambulatorio di day-hospital del reparto di Malattie Infettive presso l’Ospedale S. Maria;
tutte le mattine, dal lunedì al venerdì;
telefonare per appuntamento al n. 0744205557.
Città di Castello
Reparto di Malattie Infettive presso l’ospedale;
telefonare per appuntamento al n. 0758509660.
Foligno
Centro Trasfusionale dell’ospedale;
tutte le mattine dal lunedì al sabato dalle ore 8,00 alle 9,30;
telefonare per appuntamento al n. 07423397481.
Spoleto
Centro Trasfusionale dell’Ospedale S. Matteo;
telefonare per appuntamento al n. 0743210521
A Perugia puoi rivolgerti anche a:
Ambulatorio Immigrati
Centro di Salute n. 3, via XIV Settembre
lunedì e martedì 11.00-13.00
mercoledì 10.30-11.30
giovedì 15.00-17.00
venerdì 16.00-17.00
Telefono 075 5412616
ABBIAMO GIA’ PAGATO (2014-03-29 10:45) - csaoexmattatoio
Umbria Mobilità non è più ufficialmente un’azienda
in mano ai soci pubblici della regione. Questo è quanto affermava Umbria24 agli inizi di marzo, dopo l’ok
dell’Antitrust che ne sanciva il passaggio del 70 % a Busitalia (ovvero alla società del gruppo Trenitalia),
c
2014
lautoradio.com
43
BlogBook
1.3. marzo
con la prospettiva che il restante 30 % venisse definitivamente venduto entro luglio.
Già nel 2010 la società umbra aumentava le tariffe dei biglietti da un euro a un euro e cinquanta, riduceva
i servizi su gomma e su rotaia, avviava trasferimenti non concordati dei dipendenti e attuava subito una
parcellizzazione dello stipendio del personale, per far fronte ad un debito che ad agosto 2013 ammontava
a circa otto milioni.
Ad oggi ciò che si prospetta, secondo i giornali locali, sembrerebbe essere un ulteriore stravolgimento
del piano urbano della mobilità (riduzione di ulteriori corse), ma soprattutto l’ipotesi di un aumento
tariffario del biglietto, considerato già tra i più alti d’Italia.
Questa situazione, che si riversa totalmente su tutte e tutti coloro che attraversano e vivono quotidianamente la città, non è più accettabile.
La mobilità è un diritto fondamentale che si traduce nel garantire la possibilità a tutte le persone
di spostarsi liberamente, senza limitazioni o barriere di ordine economico rappresentate dai costi dei
trasporti. Questo si colloca immediatamente in uno scenario politico dove indispensabile è l’esigenza di
riappropriarsi del diritto a vivere la città in ogni suo aspetto, sia su un piano di produzione culturale
e politica, sia inteso come costruzione di momenti di socialità e di riqualificazione degli spazi.
Cosi come indispensabile e centrale è il diritto alla casa, altro fattore determinante per garantire dignità
e stabilità alla vita di ogni persona. Diritto, quello all’abitare, che si colloca in piena continuità con la
necessità di rivalutare il concetto del vivere urbano e che, se non riconosciuto, diviene ulteriore elemento
dell’aggravarsi della condizione precaria a cui siamo costretti.
La precarietà, appunto, intesa come condizione esistenziale e non solo lavorativa, a cui ci hanno
condotto anni di politiche d’austerity (dettate dall’Unione Europea e dalla Troika), erode sempre più i
nostri diritti e in generale la possibilità per ognuno di poter progettare in maniera libera ed autonoma
la propria vita.
Ed e’ per questo che il reddito rappresenta l’unica forma di Welfare State possibile adatta a contrastare le attuali forme della produzione. Quando si parla di reddito, non solo si parla dell’erogazione di
una liquidità economica sganciata dalla prestazione lavorativa e capace di fornire all’individuo la capacità
contrattuale necessaria per affrontare il mondo del lavoro, ma ci si riferisce anche ad una forma indiretta
e quindi ad una maggiore qualità e accessibilità ai servizi.
Reddito, diritti, nuovo welfare, saranno inoltre al centro delle mobilitazioni e delle lotte che, sin dalle
prossime settimane, costruiranno la manifestazione del 12 aprile e la successiva contestazione al vertice
europeo sulla disoccupazione giovanile previsto a luglio.
Con questo spirito lanciamo la campagna ABBIAMO GIA’ PAGATO, partendo proprio dal nostro
territorio e nella fattispecie dalla mobilità.
Non saremo noi a pagare la vostra crisi...noi ABBIAMO GIA’ PAGATO!
Per CASA - REDDITO - DIGNITA’
“I diritti si conquistano a spinta!!!”
44
c
2014
lautoradio.com
1.3. marzo
BlogBook
c.s.o.a. Ex Mattatoio - Collettivo Università Critica - Yabasta! Perugia
evento fb :qui
Siamo Ponte Solidale! all’insegna dell’economia solidale. (2014-03-29 12:44) - ponte
Il 28 ottobre del 2008 è stata fondata la cooperativa sociale Ponte Solidale, per promuovere, diffondere e consolidare l’economia solidale, partendo dal territorio di Ponte San Giovanni; dal 4 dicembre è
stata aperta la bottega a Ponte San Giovanni: un cammino carico di significati che abbiamo definito fin
dall’inizio “progetto”, non a caso; e fin dall’inizio abbiamo dato valore alla partecipazione dei tanti che
hanno dato un contributo prezioso allo sviluppo ed al consolidamento.
Ad oggi la cooperativa conta 110 soci di cui: una socia lavoratrice part time con contratto a tempo
indeterminato e due associazioni.
Dal 2012 la cooperativa è socia di Agices e contestualmente è entrata a far parte del Registro Regionale
delle organizzazioni di commercio equo e solidale.
Siamo nati in un contesto economico di certo non favorevole, ma la nostra energia e la nostra
determinazione ci hanno permesso di difendere questo progetto di economia solidale sul territorio delle
periferie; la nostra scelta di essere una cooperativa di commercio equo e solidale ha rappresentato il punto
d’incontro tra la passione dei singoli e l’organizzazione del gruppo, trasformando l’ideale politico e il
bisogno di partecipazione in un luogo vivo e concreto, un “ponte solidale che collega le rive, che unisce e
non separa, un’opera edilizia cordiale”.
A tutto ciò si accompagna la forte attività di promozione sul territorio, sia con azioni commerciali (con i prodotti di commercio equo delle varie organizzazioni individuate come fornitori, con prodotti
di cooperazione sociale e con libri di diverse realtà di editoria interculturale), sia con iniziative di
sensibilizzazione, che afferiscono all’intero mondo dell’economia solidale e del consumo critico (tra cui
ricordiamo le iniziative con l’associazione Tolbà, l’incontro con le produttrici dell’Argentina e della
Palestina, la raccolta di tappi di sughero per Artimestieri, cooperativa sociale che promuove la bioedilizia).
Collaboriamo con numerose centrali di commercio equo (tra le principali, CTM Altromercato,
LiberoMondo, Altraqualità), con botteghe che importano e distribuiscono prodotti (tra le principali
Vagamondi, Ravinala, Macondo), con realtà dell’editoria interculturale (Altreconomia, Sinnos, Carthusia,
AAM Terra Nuova e Tolbà) e dell’economia solidale (tra le principali Focus e Madre Terra).
L’ampia scelta di prodotti è per garantire una diffusione e conoscenza più ampia possibile di
progetti interessanti e per un rafforzamento reciproco delle varie realtà dell’economia solidale.
Significative in questo senso anche le diverse collaborazioni messe in piedi, sia a livello cittadino
c
2014
lautoradio.com
45
BlogBook
1.3. marzo
che di quartiere, per tessere quella rete che da sempre abbiamo ritenuto linfa vitale per il nostro progetto.
Il 2010 è stato anche l’anno in cui, pur nell’esiguità delle forze, ma nel convincimento del significato ed importanza di tali iniziative, abbiamo promosso con il Cesvol un interessante (oltre che partecipato
e di altissimo livello) percorso di formazione sul commercio equo e, grazie all’operato di alcuni soci e
sostenitori, si sono realizzati alcuni interventi sul tema dell’intercultura in biblioteche e scuole.
Con l’iscrizione ad Agices e al Registro regionale degli operatori del COMES ai sensi della L.R.
n. 3/2007, abbiamo presentato tre progetti per le scuole (con la scuola media e la scuola per adulti
migranti di Ponte San Giovanni e con il carcere di Capanne), la cui realizzazione si completerà nel 2014.
In questo panorama, si stagliano fin dall’inizio alcuni importanti progetti e collaborazioni.
Abbiamo fatto ripartire il progetto banane in Umbria, che ha rappresentato un ottimo aggancio
di collaborazione con diversi gruppi d’acquisto oltre a movimentare positivamente le vendite in Bottega e
ai Mercati.
Abbiamo iniziato a collaborare, con fornitura di prodotti e incontri di informazione, con diversi
gruppi d’acquisto (G.A.S.) e con il G.O.D.O. di Aiab Umbria.
Abbiamo in particolare proseguito, raccogliendo una loro proposta, il percorso di collaborazione
intrapreso negli anni precedenti con il gruppo famiglia di Bastia Umbra, in carico alla cooperativa Asad,
in particolare con l’associazione “InclusoMe”, che ha portato a svariati progetti fatti insieme, su tutti la
possibilità per una ragazza del gruppo di svolgere un attività formativa, accompagnata e supportata,
nelle attività della cooperativa (progetto ad oggi ancora in corso).
Ad oggi questo tipo di collaborazione si è stretto anche con la fondazione AURAP.
In ultimo, ma speciale per noi, abbiamo promosso il progetto “Donne di Palestina”, finanziato
in parte dalla Tavola Valdese – Ufficio Otto per Mille (e poi riproposto in altre forme, per una sua
prosecuzione), passaggio determinante per la crescita di “Ponte Solidale”: riteniamo un punto di forza e
di onore essere riusciti a convogliare energie e motivazioni nel supportare un progetto già esistente di
commercio equo e solidale (le donne di Aowa, produttrici di sapone), contribuendo (nella progettazione e
nell’esecuzione) ad un suo sviluppo e possibile crescita ed implementazione.
Il progetto “Donne di Palestina” che nel 2010 è partito e si è sviluppato, grazie ai due viaggi da
noi compiuti, si è concretizzato nei primi 4000 saponi e 3000 tris di saponette che nel marzo 2011 in tutte
le botteghe d’Italia sono stati messi a disposizione dei tanti “consumatori” che ancora amano coniugare
acquisto e scelta consapevole.
Tra le tante iniziative di questi anni, infine, vogliamo ricordarne tre in particolare, per la forte
valenza equo-politica: l’azione di coordinamento regionale per il prefinanziamento del caffè Tatawelo (che
ci ha visto capofila di un gruppo, con 3 gas della regione, il Circolo Amerindiano, TerraFuoriMercato e 3
locali bio-equi del nostro territorio, nel sostenere il progetto di produzione del caffè nel Chiapas insieme
all’associazione Tatawelo di Firenze), la partecipazione alla campagna di obbedienza civile sull’acqua
pubblica (cui abbiamo aderito come cooperativa insieme ad una trentina di altri cittadini, contestando ad
Umbra Acque la non applicazione del recente referendum sull’acqua) e la partecipazione attiva ad alcuni
incontri della costituenda rete Distretto Economia Solidale.
Significative attualmente la rete intessuta che ci vede soci come cooperativa dell’Associazione
Terra Fuori Mercato, dell’Associazione La Rabatta, siamo parte attiva del progetto “L’autoradio” e
ci teniamo a sottolineare il partenariato stretto con FELCOS Umbria di cui siamo diventati ufficiali
collaboratori, condividendone obiettivi e metodologie.
46
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
Dove ci trovate, ovvero passate a troverci in bottega!
Ponte Solidale s.c.s. Bottega del Mondo
via San Bartolomeo 50 - 06135 Perugia Ponte San Giovanni
075-393097 - [email protected]
pagina facebook presente!
1.4
aprile
STARE IN BUONA SALUTE. Conoscere i propri diritti e i servizi sanitari della città
per vivere meglio (2014-04-01 11:40) - cabiria
Facendo beneficio dell’esperienza decennale nel mondo della prostituzione e soprattutto dell’utilizzo
dei servizi socio sanitari dove si incontrano donne di varia provenienza mosse da diversi bisogni,
grazie al progetto “Andiamo Insieme. Ricerca – intervento per l’orientamento di donne straniere ai
servizi socio-sanitari nel Comune di Perugia” (finanziato nel 2010/11 dalla Chiesa Valdese con i fondi
dell’otto per mille)
abbiamo dato vita ad un opuscolo informativo contenente informazioni utili riguardanti la sfera
della salute, che permette una facilitazione nella comprensione di aspetti che riguardano i vari ambiti
della salute, ma soprattutto la conoscenza dei servizi socio-sanitari del territorio a cui rivolgersi.
L’idea di base è stata la semplicità di linguaggio, la completezza delle informazioni, la possibilità di
affidare alla donne uno strumento utile di consultazione per attivarsi verso i servizi sociosanitari di cui
hanno diritto ad usufruire.
c
2014
lautoradio.com
47
BlogBook
1.4. aprile
Si è spaziato da temi legati alla sfera della sessualità femminile, alle malattie sessualmente trasmissibili, alla contraccezione, agli esami connessi alla sfera femminile con indicazioni dettagliati sui servizi
della città e della regione fino allo spazio giovani.
Le lingue redatte sono: italiano – rumeno – albanese – portoghese – spagnolo – cinese – russo –
arabo – inglese – francese.
Nella fase di presentazione e distribuzione degli opuscoli ci siamo accorte di quanto sia importante
come strumento, sia nelle mani di donne, straniere ed italiane, ma anche degli stessi servizi.
Qui si seguito la versione sfogliabile degli opuscoli nelle varie lingue:
Stare in buona salute (ARABO) http://issuu.com/udscabiria/docs/arabo
Stare in buona salute (CINESE) http://issuu.com/udscabiria/docs/cinese
Stare in buona salute (ALBANESE) http://issuu.com/udscabiria/docs/albanese
Stare in buona salute (FRANCESE) http://issuu.com/udscabiria/docs/francese
Stare in buona salute (INGLESE) http://issuu.com/udscabiria/docs/inglese
Stare in buona salute (PORTOGHESE) http://issuu.com/udscabiria/docs/portoghese
Stare in buona salute (ITALIANO) http://issuu.com/udscabiria/docs/italiano
Stare in buona salute (ROMENO) http://issuu.com/udscabiria/docs/romeno
Stare in buona salute (RUSSO) http://issuu.com/udscabiria/docs/russo
Stare in buona salute (SPAGNOLO) http://issuu.com/udscabiria/docs/spagnolo
48
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
LETTERE
BlogBook
DAL PRESIDENTE |
CATENA
ALIMENTARE
(2014-04-03 08:10)
- csaoexmattatoio
Ultimamente, sempre di più, si sente parlare di cibo. Di
questo se ne sono accorti anche i media mainstream che hanno moltiplicato a dismisura i programmi
a tema, quasi non avessimo altro da fare che cucinare ma soprattutto come se tutti noi avessimo a
disposizione cucine sempre piene di cibo e fornelli e strumentazione varia di ultimissima generazione.
Partendo da questo dato di fatto i media hanno anche iniziato a parlare sempre di più di tutto ciò che
riguarda il cibo fino ad arrivare a parlare dei vegetariani e dei vegani, tante parole che però non hanno
risposto alle vere domande che molti, se non tutti, si pongono e cioè: cosa mangiano? Chi sono costoro?
E soprattutto cosa vogliono?
Cosa mangiano?
In poche parole i vegetariani non mangiano animali mentre i vegani non mangiano animali e in più nessun
alimento di origine animale. Già questo basterebbe per rispondere alle prossime domande, ma andiamo
avanti perché la verità deve pur essere annunciata da qualcuno.
Chi sono e cosa vogliono?
Sono delle persone che conducono una vita normale e simile a quella di tutti noi, se non che ad ogni
pranzo, cena o ogni occasione simile si lanciano in considerazioni del tipo “eh, ma c’è solo carne, e io che
mangio!” oppure “per i vegani che c’è?”. Domande che ci fanno subito capire il vero obiettivo. Il loro
scopo è quello di dare fastidio e rompere le scatole a chi mangia in tranquillità della carne per il solo
gusto di rompere. Loro non hanno a cuore né le foche né le balene, vogliono solo godersi i loro minuti di
popolarità, essere ribelli a tavola, ben inteso solo lì e in nessun altro modo, e soli contro tutti.
Ne è conferma il fatto che quando smettono, perché la maggior parte prima o poi rinsavisce, alla domanda
“ma come sei ritornato a mangiare la carne?” tutti rispondono la stessa cosa e cioè “adesso non mi stressare
eh, mica ero così con te io!”.
c
2014
lautoradio.com
49
BlogBook
1.4. aprile
Per chi invece non si redime e continua imperterrito nel suo essere vegetariano o vegano ricordiamo cosa ci
insegna la catena alimentare e cioè animale grosso mangia animale piccolo e carnivoro mangia vegetariano.
La catena alimentare parla chiaro non vorrete mica stare dalla parte sbagliata?
Il Presidente
LA PILLOLA DI OGGI | CONSULTORIO (2014-04-08 14:40) - cabiria
LO SAPEVI CHE?
In tutti i Comuni è presente un servizio socio-sanitario chiamato “consultorio”. Lo scopo principale
di questo servizio è la tutela della salute della donna, dell’uomo e della coppia in tutte le fasi della sua
vita, con particolare attenzione all’educazione sessuale, prevenzione delle malattie sessualmente
trasmesse e dei tumori, contraccezione, gravidanza, menopausa e andropausa.
Al consultorio si possono innanzitutto effettuare visite ostetrico-ginecologiche, ma si può accedere anche ad altri servizi e prestazioni come:
• prescrizione contraccettivi orali e applicazione contraccettivi meccanici (es Spirale);
• consulenze sull’interruzione volontaria di gravidanza (I.V.G.);
• screening citologico (Pap test) per la prevenzione del tumore al collo dell’utero;
• educazione all’affettività e alla sessualità;
• interventi di promozione della salute;
• corsi di accompagnamento alla Nascita (CAN);
• assistenza a domicilio al puerperio;
• promozione per l’allattamento al seno;
50
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
• interventi di mediazione culturale.
All’interno dei consultori è presente la figura dell’andrologo/a come riferimento per tutta la sfera sessuale
maschile.
È un servizio gratuito e per accedervi non occorre la prescrizione del Medico di Famiglia, né la
prenotazione CUP (ad eccezione dello Spazio Menopausa), non serve avere la residenza né essere
in possesso di un permesso di soggiorno, ma è sufficiente prendere un appuntamento telefonico o di
persona.
Clicca qui per trovare il consultorio più vicino:
http://www.uslumbria1.gov.it/servizi/consultori
Puoi anche consultare l’opuscolo Stare in buona salute che trovi nel nostro blog:
http://lautoradio.altervista.org/blog/stare-in-buona-salute-conoscer e-i-propri-diritti-i-servizi-sanitaricitta-per-vivere/
LETTERE DAL PRESIDENTE | LA STORIA DEL BILIARDINO parte 1
(2014-04-09 20:02) - csaoexmattatoio
Dedicato
a F. &F.
Parlare del biliardino presente al centro sociale è molto difficile, un po’ perché la storia che potremmo raccontare è una storia parziale, è con noi solo da 14 anni, e un po’ perché la sua è stata una vita
difficile fatta di violenza, droghe, alcool e sesso.
Tempo fa, però, ho fatto una promessa a F &F, e le promesse, si sa, vanno mantenute. Quindi via! Prima
di raccontare la vita spericolata del nostro, parleremo di come è nato il Biliardino!
A chi spetti l’invenzione di questo gioco non è chiaro: una visione romantica l’assegna alla Spagna, mentre
una più pragmatica alla Germania. L’unica certezza è che in Italia il nome ufficiale del gioco, calcio balilla,
non c’entra niente con il nero ventennio. In realtà nella versione spagnola si fa riferimento a quegli anni,
ma come sempre, ci arriveremo dopo.
Come è giusto che sia, iniziamo con un accenno alla versione germanica, la quale dice che il biliardino (si si
noi lo chiameremo così) è nato nei pub e nei bar dove si incontravano i tifosi dopo le partite della squadra
locale e dove quindi è nata l’idea di un gioco per continuare a giocare a calcio, in una data imprecisata
c
2014
lautoradio.com
51
BlogBook
1.4. aprile
tra il 1920 e il 1930 grazie ad un tale Broto Wachter.
La versione spagnola, oltre ad essere più poetica, ha anche una storia molto più lunga e travagliata. In
questo caso l’inventore è Alexandre Campos Rios in arte Alexandre de Fisterre o Alejandro Finisterre,
che ebbe l’idea durante il suo ricovero in ospedale. Durante la guerra civile spagnola, infatti, Alexandre
fu ferito a causa di un bombardamento e nella sua degenza fu colpito dal gran numero di bambini con
gli arti inferiori amputati o comunque con lesioni talmente gravi da impedire loro di giocare a calcio. Fu
allora che decise di inventare un gioco del calcio che fosse accessibile a tutti e che si potesse giocare in
spazi stretti seguendo l’esempio del tennis tavolo. Tutto questo accadeva nel Novembre 1936. Nel Gennaio
del 1937 lo brevettò a Barcellona, e da qui, per aggiungere romanticismo, nascono i due colori blu e rosso
o meglio blaugrana, i colori della città.
Con l’avvicinarsi della vittoria per Franco, Alexandre decide di scappare, ma mentre sta attraversando i
Pirenei, direzione Francia, una tempesta lo coglie e perde tutti i documenti che attestano il brevetto della
sua invenzione.
Così dunque viene narrata la nascita del biliardino.
Nella prossima puntata la storia del biliardino del centro sociale.
Il Presidente.
Caicocci Terra Sociale - Una custodia sociale contro le privatizzazioni (2014-04-10 12:50)
- YaBasta
Lo scorso 14 Settembre è stato dato inizio ad un
processo nato dal basso per il recupero di una tenuta agricola di proprietà della Regione Umbria, in
località Caicocci (Umbertide, PG). L’occupazione è stata effettuata da parte del comitato “Caicocci Terra
Sociale”, sotto forma di una pratica di custodia sociale.
Il terreno, 200 ettari di suolo agricolo comprendenti anche strutture sportive e una decina di casolari, è
apparso agli occhi delle/gli appartenenti al comitato in condizioni di evidente abbandono e degrado; sono
stati riscontrati danni per vandalismo, ma anche danni causati semplicemente dal passare del tempo e
dalle intemperie.
52
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
E’ emersa da subito, quindi, la necessità di salvare quel terreno dalle conseguenze dell’indifferenza, che la regione
gli ha per anni riservato. Indifferenza che è certamente paradossale, data la situazione di crisi economica
in cui da troppo tempo viviamo.
Ed ecco l’importanza che l’occupazione della tenuta può assumere in questo contesto, come ricchiezza da
sfruttare per l’interesse della collettività, magari quale fonte di reddito per chi, come molti degli abitanti
delle zone limitrofe, si sia trovato improvvisamente senza lavoro. Da qui l’idea di far gestire “la terra a
chi non lavora”. Questa è stata la proposta avanzata fin dall’inizio dal comitato ed essa ne rappresenta il
principale obbiettivo.
Oggi i campi di Caicocci sono di nuovo coltivati, il forno è stato riacceso, le case sono state riaperte, si tengono assemblee, e si sta allestendo una libreria. Insomma, è stata ridata vita al posto.
Come era prevedibile, c’è però anche chi ostacola questa possibilità di riutilizzo a fini sociali; c’è purtroppo
chi vorrebbe bloccare il lavoro che sta ridando vita al podere.
Il consigliere regionale Andrea Lignani Marchesani, del gruppo Fratelli d’Italia – Centrodestra Nazionale,
il 28 Marzo ha presentato alla giunta una mozione affinché si agisca in qualche maniera nei confronti del
comitato. Per lui, infatti, sarebbe opportuno che la Regione avanzasse un’azione petitoria di rivendicazione
del terreno, perché possa tornare ad essere un suolo abbandonato e sottratto al pubblico interesse della
popolazione. Il consigliere vorrebbe il mantenimento dello status quo, per paura, forse, che dei semplici
cittadini “pretendano” di dire di aver trovato un modo per usufruire di una risorsa a scopo sociale, quando
chi è stato delegato proprio a tale compito non vuole assolutamente agire in questo senso.
Ma a cosa, o a chi, serve veramente che una tenuta demaniale venga lasciata al totale abbandono?
Già in altri casi si è assistito e si assiste a situazioni in cui le istituzioni tendano a portare al degrado una zona del Demanio, a discapito di molti, soltanto per facilitarne la successiva vendita a privati a
prezzi bassissimi, quindi a beneficio di pochi. Solo per fare un esempio si veda come si stia attuando una
c
2014
lautoradio.com
53
BlogBook
1.4. aprile
tale strategia nei confronti dell’Isola Polvese, caso di cui si sta parlando in questi giorni anche nei giornali
locali. Anni di lassismo da parte della gestione pubblica ad altro non sono serviti che a giustificare la
presunta necessità di vendere a privati un bene appartenente a tutta la popolazione.
L’azione
portata avanti dal comitato Caicocci Terra Sociale, al grido di nè a Caicocci nè altrove. La terra non si
vende, si vive e si difende, vuole impedire che il processo di privatizzazione delle terre demaniali diventi
ancora più diffuso, e vuole invece far sì che queste vengano effettivamente utilizzate ai fini sociali a cui
sono preposte. Massima solidarietà quindi per chi lotta perché la Terra sia una ricchezza per tutte/i,
per chi la lavora rispettandola e non la vede come un oggetto da comprare o vendere, ma come un bene
comune che venga gestito nell’interesse della collettività.
A chiunque sia interessato ad approfondire questi temi, in occasione della Giornata Globale delle Lotte
Contadine, il comitato, insieme a Genuino Clandestino Umbria, rivolgono un invito a partecipare e
assistere alle attività che si svolgeranno il 13 Aprile prossimo all’interno della tenuta di Caicocci. La
giornata rappresenterà un interessantissimo momento che sarà allo stesso tempo di aggregazione e di
sensibilizzazione riguardo l’importanza del posto. Saranno svolti: due workshop, sull’utilizzo collettivo
della terra e sul ciclo corto; uno spettacolo teatrale, a cura del Teatro Contadino di Firenze; e ci sarà
anche musica dal vivo.
54
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
Comitato Caicocci Terra Sociale - Facebook:
Sociale/2124 52918878828?fref=ts
BlogBook
https://www.facebook.com/pages/Caicocci-Terra-
AZZappa che giornata! - Evento: https://www.facebook.com/events/305400412947659/?ref newsfeed
story type=regular
L.F.
c
2014
lautoradio.com
55
BlogBook
1.4. aprile
Iniziativa per il diritto alla mobilità e verso il 12 Aprile (2014-04-11 18:38)
- csaoexmattatoio
Oggi, venerdì 11 Aprile, alcune attiviste e attivisti del c.s.o.a. Ex Mattatoio, del Collettivo Università Critica e dell’Ass. Yabasta!Perugia, hanno presentato pubblicamente la campagna “Abbiamo già
pagato” che , partendo dal diritto alla mobilità, si collega direttamente al diritto alla città in ogni suo
aspetto, sia sul piano della riappropriazione degli spazi, sia dal punto di vista dell’accessibilità ai saperi e
alla cultura.
La centrale zona universitaria è stata la prima tappa della mobilitazione che si articolerà appunto,
in diverse iniziative dislocate nei vari punti nevralgici della città.
La giornata è stata caratterizzata da numerosi interventi da parte degli studenti, che vanno a costituire una prima parte dell’inchiesta.
IFRAME: //www.youtube.com/embed/kJYDmwYxbj4
IFRAME: //www.youtube.com/embed/baoUi5zK8Q4
La campagna va ad inserirsi in un contesto più ampio che, anche a livello nazionale, affronta temi come il
reddito, la casa e diritti per tutte e tutti.
IFRAME: //www.youtube.com/embed/Gp0spCaOlVY
I DIRITTI SI CONQUISTANO A SPINTA!
Le vite degli altri | Click. Polizia (2014-04-13 18:00) - f-dipietro
Sono arrivati i Siriani. Sono arrivati l’altro giorno. Andiamo in tre, per vedere come stanno, per parlare
con loro.
Appena arriviamo li troviamo seduti. Parlavano tra loro. Chi fumava, chi sorseggiava un caffè.
Qualcuno parlava inglese.
Ero curioso. Volevo sapere della Siria, della guerra. Ma volevo saperlo da loro, non da internet.
Chiediamo come e’ adesso la situazione in Siria - dico all’operatrice.
La loro risposta è secca: Bombs!
Ed uno mima con la mano un aereo.
Vorremmo fare qualcosa per loro. Ero lì per dare informazioni legali.
Sono un avvocato. Posso darvi informazioni sulla legge italiana. Sul diritto d’asilo. Se volete ascoltare,
state pure qui.
56
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
Ringraziano sorridenti.
Uno dice di essere Curdo e di venire da Damasco. E’ più grande degli altri. Dimostra circa quaranta anni.
Veste una tuta nera ed ha ciabatte ai piedi.
Mi siedo su una piccola panca di ferro.
Il signore curdo si avvicina. Capisco che vuole parlare, e lo invito a sedere accanto a me.
Non parla inglese. Solo curdo ed arabo. Ma quel giorno non c’è l’interprete arabo.
Prende il suo cellulare e mi fa vedere un video.
Si vede una strada con cumuli di macerie e case distrutte ai lati.
Damasco! - mi dice.
Poi ferma il video su una immagine.
Con il gesto della mano mi fa intendere mia.
Capisco che si trattava della sua casa. Erano le macerie di casa sua.
Era un video che io vedevo su un cellulare. Ma il fatto che lo avesse filmato lui stesso mi dava un
senso di realtà immenso. Quasi di paura. Mi sembrava di essere con lui in mezzo alle macerie, sotto i
bombardamenti.
Faccio un’espressione di dispiacere. Forse stupida.
Ma non sapevo cosa dire. Ed anche sapendolo, non mi avrebbe capito. Parlava solo arabo.
Poi mi fa vedere una foto. Era una anziana signora con un velo che le copriva il capo.
Mi dice: Mamma. Conosceva questa parola italiana. E’ una parola così bella che dovremmo conoscerla in
tutte le lingue del mondo.
Poi con il dito indice mima il grilletto di una pistola e mi dice: Click. Polizia.
E si tocca tre punti del petto.
La polizia siriana aveva ucciso sua madre. Le avevano sparato tre colpi in petto.
Continua a scorrere i file che aveva sul suo cellulare.
La foto di due bambini. Piccoli. Una bambina di circa quattro anni ed un bambino di circa sei.
Belli. Sorridenti. Ben vestiti e mano nella mano.
A gesti mi fa capire che sono i suoi figli e poi, sempre a gesti e con l’espressione del viso, mi dice che non
ha informazioni su di loro. Non sa dove siano e se siano ancora vivi.
Rifaccio una espressione di dispiacere. Che sarà sembrata stupida.
Maledico gli ostacoli linguistici che ci separavano.
E mi metto a pensare.
Tante cose.
La prima cosa che mi è venuta in mente sono le foto degli ebrei deportati ad Auschwitz.
Durante rastrellamenti e retate cercavano di salvare e portare con se’ le foto dei familiari. Le foto sono il
passato ed il presente, sono la vita.
Oggi le foto sono nella memoria di un cellulare.
Ma il dramma è identico: la guerra, la fuga, la morte.
c
2014
lautoradio.com
57
BlogBook
1.4. aprile
Sonico Blog - recensione Pixies Indie Cindy (2014-04-14 15:14) - dom78
Pixies
Indie Cindy
2014 ( Pixiesmusic, PIAS)
Dopo un’attesa durata 23 anni riecco di nuovo in pista la band statunitense con un album studio che
raccoglie i brani dei tre ep pubblicati da settembre dello scorso anno (EP1,EP2 e EP3). Dall’ultimo
studio album, Trompe Le Monde (1991), troviamo diverse sorprese e altrettante conferme: la band è
orfana della storica bassista Kim Deal, impegnata in un progetto solista, che viene sostituita da Paz
Lenchantin. La produzione è invece affidata nuovamente a Gil Norton che oltre a Trompe Le Monde
produsse anche Doolittle (1989) e Bossanova (1990). Apre le danze un’energica “What Goes Boom” , un
concentrato di chitarre acide infarcite di armonici distorti e riff serrati che ricordano vagamente atmosfere
anni ’90. Le atmosfere si rilassano decisamente con “Greens And Blues” che mostra una certa anima
pop decisamente accattivante. E’ adesso il momento della title track “Indie Cindy” che alterna strofe
parlate a bridge e ritornello morbidi e malinconici. La tracklist continua con “Bagboy” dove compaiono i
primi inserti elettronici che arricchisco bene il sound fin troppo riconoscibile della band. Si prosegue con
“Magdalena 318”, una ballata dai toni energici ma al contempo delicati. Atmosfere decisamente più cupe
arrivano con “Silver Snail” caratterizzata dall’abbondante reverbero sulla voce del grande Black Francis.
Tinte decisamente più grintose si scatenano con “Blue Eyed Hexe” grazie alla spinta di chitarre dai riff
granitici e una linea vocale quasi hard rock. Ritornano le chitarre acustiche in “Ring The Bell” e ritorna
58
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
un atmosfera decisamente più scanzonata e docile. Melodie pacate anche in “Another Toe in the Ocean”
che però non aggiunge niente di nuovo o di particolare al disco. E adesso si palesa un piccolo viaggio
spaziale con “Andro Queen”, storia d’amore intergalattica dai suoni garbati ed evocativi. Si prosegue
con “Snakes”, pezzo dalle tinte che alternano sfumature punk a tratti quasi “dance” e si conclude con
“Jaime Bravo” che cita l’omonimo toreador conosciuto anche per le sue relazioni amorose hollywoodiane.
In conclusione l’album si presta ad un ascolto molto easy senza nulla togliere alla qualità al quale Francis
& Co. ci hanno abituati ma senza neanche particolari stravolgimenti o sperimentalismi che una così lunga
attesa fa ben sperare.
Do.C.
LA PILLOLA DI OGGI | CONTRACCEZIONE (2014-04-15 10:03) - cabiria
Sai quali sono i principali metodi contraccettivi?
Quali sono i pro e i contro?
E soprattutto, se e quando ci proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili (MST)?
Andiamo a vederli nel dettaglio:
IL PROFILATTICO
c
2014
lautoradio.com
59
BlogBook
1.4. aprile
E’ l’unico che ti protegge da due rischi: gravidanza e malattie sessualmente trasmissibili (MST) e va utilizzato fin dall’inizio del rapporto. A parte il
comune condom,
non [email protected] conoscono il femidom,preservativo femminile,
molto utilizzato all’estero e poco diffuso in Italia.
LA PILLOLA
Quando parliamo di pillola intendiamo comunemente un farmaco da assumere per via orale (per
bocca) contenente l’associazione
di due ormoni che inibiscono
l’ovulazione impedendo cioè la formazione dell’ovulo da fecondare. L’utilizzo della pillola ha anche altri
vantaggi: regolarizza il ciclo metruale e riduce il dolore. Ricorda che la pillola non protegge dalle
MST, quindi il suo utilizzo va associato a quello del preservativo, così come per tutti i
metodi contraccettivi a seguire.
IL CEROTTO
60
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
Il cerotto contraccettivo (EVRA) può essere paragonato come funzionamento alla pillola. E’ caratterizzato dal rilascio lento del principio attivo attraverso la
cute ed è più comodo perché prevede la somministrazione degli ormoni settimanale e non giornaliera. Per
questo va posizionato sul corpo e cambiato di settimana in settimana.
L’ ANELLO VAGINALE
L’anello vaginale (NUVA-RING) è una nuova forma di
contraccezione ormonale. Un piccolo anello morbido viene inserito autonomamente in profondità in
vagina, per restarvi 21 giorni. Ha gli stessi vantaggi contraccettivi della pillola e del cerotto.
LA SPIRALE
E’ uno strumento contraccettivo e intercettivo; esso
impedisce la fecondazione, oppure, laddove questa sia eventualmente avvenuta, ostacola secondariamente
l’annidamento dell’embrione nell’utero. Non puoi inserirla autonomamente ma va fatto dal/la ginecologo/a,
la sua durata varia dai 3 ai 5 anni.
c
2014
lautoradio.com
61
BlogBook
1.4. aprile
IL DIAFRAMMA
Il diaframma è un metodo contraccettivo a barriera. È una
piccola semisfera di gomma soffice con un anello flessibile in gomma a forma di “O” nel bordo che va
riempito con uno spermicida (una sostanza che uccide o inibisce gli spermatozoi) prima di inserirlo nella
vagina per creare una barriera davanti alla cervice uterina (l’apertura dell’utero), e dunque per evitare
che gli spermatozoi vi penetrino. Il diaframma ha una tasso di fallimento molto elevato.
Palestina. Campagna per la liberazione dei prigionieri (2014-04-17 15:41) - YaBasta
Oggi ricorre la giornata internazionale per la libertà dei prigionieri palestinesi. Certo è ben conosciuta la
situazione che la popolazione vive in Palestina ormai da più di sessant’anni. Da quando, cioè, la sete
62
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
dell’imperialismo ha stravolto del tutto quello che era stato un luogo simbolo della possibile convivenza
pacifica di culture diverse (ebraica, europea, islamica).
Con l’istituzione dello Stato di Israele e le sue sempre maggiori pretese, si ha l’inizio di qualcosa che,
purtroppo, ancora oggi persiste in quella piccola ma importantissima terra. E’ un fenomeno intorno al
quale hanno ruotato numerosissime dinamiche politiche ed economiche tra diverse nazioni; si è assistito e
si assiste a crimini di guerra; e, soprattutto, è stato lo scenario per intere vite passate fin dalla nascita in
un ambiente ostile e in continua tensione e paura, per chi si è trovato a nascere durante l’occupazione, e
fin da subito ha deciso di lottare contro questa condizione.
Un importantissimo esempio che i palestinesi non si arrendano per nulla facilmente è fornito dalla
vicenda di Marwan Barghouthi, uno dei più importanti difensori per la libertà del popolo palestinese.
Marwan sta ora scontando l’undicesimo anno della condanna che lo costringe in una prigione israeliana,
condanna che consiste in tutto di 5 ergastoli e 40 anni di reclusione. La causa è stata l’essersi dedicato per
tutta la sua vita alla causa dell’opposizione contro l’occupazione israeliana, militando dentro Al-Fatah, lo
storico partito per la liberazione palestinese,. Era già stato altre volte in una prigione israeliana, la prima
volta risale a quando aveva 18 anni, quando fu arrestato per aver preso parte ad una sommossa.
L’ultima sentenza è quella che ha spinto i compagni di Marwan ad aprire una campagna per la sua
liberazione. Appena ne è stato informato, ha preteso che la campagna fosse estesa alla liberazione di tutti
i prigionieri palestinesi vittime del colonialismo di Israele.
Si parla di un’ingiustizia verso più di 5000 persone, di cui ben 195 non hanno neppure la maggiore
età (di questi, 36 hanno perfino meno di 16 anni). 136 prigionieri, tra cui 11 parlamentari, sono trattenuti
da anni sotto detenzione amministrativa, cioè senza aver avuto un minimo processo.
In una lettera che Marwan Barghouthi ha scritto dalla cella 28 della prigione di Hadarim, in merito alla campagna per i prigionieri palestinesi, si legge:
“Quando vi verrà chiesto da che parte state, scegliete sem- pre la parte della libertà e della dignità
contro l’oppressione, dei diritti umani contro la negazione dei diritti, della pace e della con- vivenza
contro l’occupazione e l’apartheid. Solo così si può servire la causa della pace e agire per il progresso
dell’umanità”.
Il messaggio era destinato a Robben Island, il luogo in cui ha avuto inizio la lotta contro l’apartheid. E’
evidente il parallelismo tra la lotta portata avanti da Marwan Barghouthi e quella di Nelson Mandela, ed
è lo stesso Marwan a sottolinearlo, in quanto entrambi sono stati impegnati a lottare attivamente per la
libertà e la dignità, contro il colonialismo militare ed il razzismo, e che per questo hanno dovuto passare
gran parte della propria vita fra il carcere e il fucile dell’occupante. Per quanto riguarda la promozione
della campagna in Italia, molti sono i nomi conosciuti che ne hanno firmato la sottoscrizione: il sindaco di
Palermo, Leoluca Orlando, che il 15 Aprile scorso ha conferito a Marwan la cittadinanza onoraria; Egidia
Baretta, madre di Vittorio Arrigoni, di cui il 13 Aprile si è ricordato l’anniversario della morte avvenuta
per mano del governo israeliano; Moni Ovadia; Don Ciotti; Gino Strada; uomini politici di professione,
come Guglielmo Epifani e Niki Vendola, ma anche registi come Ettore Scola e Citto Maselli, e sindacalisti,
come Camusso e Landini. Inoltre, nei giorni fra il 12 e il 18 Aprile, è stata organizzata una serie di eventi
e incontri che hanno toccato in tutto 7 città italiane e che hanno visto anche la parteciapazione di Fadwa
Barghouthi, la moglie di Marwan e suo avvocato.
Nel comunicato stampa pubblicato dall’associazione Assopace Palestina, promotrice della campagna
in Italia, si legge che: aderire alla campagna, significa anche ribadire alla comunità internazionale e al
nostro Governo, che ha appena sottoscritto accordi con quello di Nethanyau, che l’occupazione della
Palestina è stata dichiarataillegale da ben 87 risoluzioni dell’Onu,che il muro costruito in Cisgiordania
che attraversa i Territori Palestinesi è stato condannato dall’Assemblea Generale Onu e dallaCorte di
c
2014
lautoradio.com
63
BlogBook
1.4. aprile
Giustizia Europeae che il Consiglio dei Diritti umani dell’Onu ha lanciato un appello con cui intima a
Israele “di fermare tutte le attività di insediamento senza precondizioni e avviare un processo di ritiro di
tutti i coloni dai Territori”.
Per leggere il comunicato di promozione della campagna e aderire alla raccolta
firme: http://www.assopacepalestina.org/2013/12/anche-in-italia-parte-la-ca mpagna-per-la-liberazionedi-marwan-barghouti/
L.F.
LETTERE DAL PRESIDENTE | LA STORIA DEL BILIARDINO parte seconda
(2014-04-18 11:46) - csaoexmattatoio
Dopo avere raccontato della nascita del biliardino,
eccomi qua pronto per raccontare la storia del biliardino del centro sociale.
E’ una storia che nasce quattordici anni fa quando, in seguito all’occupazione di una ex scuola,
nasce il centro sociale “La skoletta” e, dopo pochi giorni, compare dal nulla il nostro.
All’epoca era molto diverso da come lo vediamo ora: funzionava a gettoni, che venivano conservati in un bicchiere di carta sulla sponda sopra uno dei due portieri. La cosa era molto scomoda perché
quando finivano bisognava aprirlo e recuperare tutti i gettoni. In più, scendevano tutte e dieci le palline
quindi nessuno si preoccupava se ogni tanto una o due si perdevano per ore, giorni, mesi o per sempre.
64
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
Fu in quel periodo che il futuro presidente disse basta e coadiuvato da personale tecnico altamente specializzato tolse il meccanismo “a gettone”, facendo sì che ad ogni gol la pallina riscendesse da
sola per essere nuovamente giocata.
Nel 2003 ci fu il trasferimento nel posto nuovo, un ex mattatoio, e il nostro fu ovviamente portato con noi, anche se non era minimamente conscio di ciò che lo aspettava, e cioè un decennio di
perversione fatto di violenza, droga, alcol e sesso.
Per prima arrivò la violenza: un bruto che ascoltava musica brutta venne a giocare e preso dalla foga ne ruppe un pezzo, per la precisione il cerchio dove scorrono le aste. Il danno fu rimesso a posto
dal violento stesso il giorno dopo, ma oramai capii subito che i segni sarebbero restati per sempre e che
quella non sarebbe stata che la prima di molte altre volte. Avevo ragione e molte altre volte il biliardino
ha subito violenze inaccettabili, come decapitazioni o fratture agli arti, dove solo in alcuni casi siamo
riusciti a rimediare.
In un secondo momento arrivò la droga. Cadde nel baratro delle feste techno con tutto quello
che ne consegue, anche se devo dire che mi ha sempre stupito il fatto che la gente ci volesse giocare pure
nel delirio di serate con centinaia di persone. Non sappiamo bene che cosa ha assunto negli anni, ma
sappiamo che alla fine come tutte le storie di redenzione qualcosa cambiò.
Considerevole anche l’assunzione di alcol da parte del nostro biliardino grazie a bicchieri e bottiglie incustoditi e lasciati cadere nel campo da gioco e all’interno dello stesso, rendendolo sempre più
inagibile.
Sul sesso non ci soffermiamo, e non per pudicizia, ma per scarsità di informazioni al riguardo.
Tuttavia non escludiamo l’utilizzo del nostro biliardino per “conoscenze bibliche”.
Il percorso di recupero del nostro inizia in un giorno di settembre di due o tre anni fa, non ricordo bene la data, ma non è questo il punto. Sapienti mani piene di amore lo hanno smontato e ripulito
da cima a fondo, e lo hanno fatto tornare al suo antico splendore, facendolo tornare ad essere “Il Biliardino
Del Centro Sociale”.
Il Presidente
c
2014
lautoradio.com
65
BlogBook
1.4. aprile
VITA NEI CAMPI (2014-04-19 09:53) - YaBasta
L’agricoltura è un’attività abbastanza recente nella storia dell’umanità. Quando i nostri antenati hanno smesso
di essere nomadi non era possibile esplorare aree troppo vaste per andare a caccia e raccogliere le piante
spontanee, ed è iniziata la “domesticazione” di animali e piante.
Se fino allora per l’alimentazione venivano utilizzate moltissime piante, escludendo solo quelle velenose
o tossiche, ora bisognava scegliere: le “buone” che si domesticano con facilità, che rispondono alle cure
producendo di più, con frutti e semi nutrienti, gradevoli e conservabili. Nell’agricoltura di sussistenza,
praticata ancora oggi in molte parti del mondo e fino a non molto tempo fa anche da noi, le piante
crescono insieme in un equilibrio dinamico, utilizzando meglio le risorse disponibili: nutrienti, acqua, luce,
lo spazio in genere. E’ dagli anni ’50 del 900, con la rivoluzione verde che i campi sono diventati sempre
più grandi, uniformi, con piante tutte uguali, escludendo tutte le altre, usando pesticidi per distruggerle a
costo di rischiare qualità delle produzioni, dell’acqua e della terra.
Tutte le piante non desiderate in quel ciclo produttivo son diventate erbacce, malerbe, infestanti, nemiche
da estirpare.
Ma resistono con tenacia e sviluppano strategie di sopravvivenza: i loro semi restano dormienti per
anni nel terreno, fino a quando le condizioni diventano favorevoli, allungano le loro radici sotterranee,
spuntando dove meno te lo aspetti, alcune si spezzano quando le strappi lasciando intatte le radici, altre
si aggrappano alle pellicce degli animali o agli abiti per farsi trasportare lontano: delle vere vagabonde,
resistenti agli attacchi.
66
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
Non è strano quindi che per parlare dei tanti problemi dell’agricoltura di oggi abbia iniziato rovesciando
il punto di vista: se i “cattivi” sono gli esclusi, quelli scacciati dai campi, quelli da distruggere, perché
meravigliarsi se cercano di occupare qualche spazio dove vivere in pace; e oltre ad avere dei dubbi sulla
bontà di questa agricoltura, proviamo un moto di simpatia verso queste erbacce, ribelli e indomabili, che
un po’ ci somigliano.
Gramigna rossa
LA PILLOLA DI OGGI | PRESERVATIVO (2014-04-23 19:14) - cabiria
Lo sai che&
Il metodo anticoncezionale più antico e diffuso nel mondo è il preservativo.
Se ne hanno tracce già nel 1500, ma è dal 1916 circa che inizia la grande produzione e diffusione.
L’idea si attribuisce a tale Julius Fromm che inizia a produrre preservativi per combattere la diffusione di
malattie veneree durante la guerra.
Il profilattico, infatti, oltre ad essere utilizzato come anticoncezionale, quindi per evitare gravidanze
non desiderate, è l’unico contraccettivo che protegge dal rischio di contagio da malattie a trasmissione
sessuale (MST).
Esistono ormai diversi tipi di preservativi per forma, gusti e marche.
Ormai li puoi trovare ovunque: nelle farmacie, nei supermercati, nei sexy shop, nei distributori H24.
È importante usarlo SEMPRE e correttamente.
c
2014
lautoradio.com
67
BlogBook
1.4. aprile
Prima di usarlo:
• controlla data di scadenza,
• conservalo in un luogo fresco e asciutto lontano da fonti di calore,
• evita di tenerlo in macchina, portafoglio o borsa nei mesi caldi,
• una volta aperto usalo subito,
• fai attenzione a non romperlo o danneggiarlo con unghie, piercing, anelli, cerniere, fibbie.
Il preservativo va usato sul pene eretto prima del contatto,
perché ci potrebbero essere perdite di sperma anche prima dell’eiaculazione rischiando il contagio di virus
che possono essere causa di malattie a trasmissione sessuale.
Per facilitare l’uso del preservativo usa lubrificanti a base acquosa.
Soprattutto nei rapporti anali, potrebbe esserci il rischio di danneggiarlo e quindi è importante utilizzare lubrificanti acquosi.
Quelli a base oleosa o alcolica, come vasellina o creme, sono SCONSIGLIATI perché potrebbero far
rompere il preservativo nell’attrito.
Dopo il rapporto fai attenzione a sfilare il preservativo prima della conclusione dell’erezione tenendolo ben saldo l’estremità del profilattico. Una volta sfilato controlla che non ci siano strappi.
68
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
LETTERE DAL PRESIDENTE | 25 APRILE (2014-04-25 08:17) - csaoexmattatoio
In questi giorni di vacanze (se vi state chiedendo quali e soprattuttto quanti, rispondo che ancora mi
oriento con il calendario scolastico anche a causa del lavoro che faccio), che da un po’ di tempo durano
quasi come quelle di Natale e cioè ben 10 dieci giorni, ho avuto modo di osservare con un po’ di calma il
mondo dei guidatori di automobili e sono riuscito ad individuare molte categorie.
Lasciando perdere per motivi di spazio e di scarso interesse tutto quello riferito al brutto e al disagio, e
l’elenco è veramente lungo, segnalo le tre categorie di guidatori peggiori in assoluto. Un podio di magnifici
dove al terzo posto troviamo il turista, al secondo il vecchio col cappello e al primo inarrivabile il guidatore
della domenica.
Prima di illustare le categorie, una dovuta precisazione: le “scuola guida” non rientrano in questa classifica
in quanto si spera che con la pratica la capacità dell’individuo/a alla guida migliori, possibilità che i mebri
di queste categorie non possiedono.
Al terzo posto quindi ci sono i turisti, persone che si rendono protagonisti di repentini cambi di direzione, il
più delle volte non segnalati, e si aggirano in cerca di cartelli stardali alla velocità di un bradipo, situazioni
che, messe insieme, rendono difficile anche un sorpasso per eludere velocemente il problema. Duole dirlo
ma in questa categoria ci siamo tutti noi quando ci rechiamo in altre città e cerchiamo di orientarci da
soli con il solo indirizzo finale in mano, anche se a nostra discolpa dobbiamo dire che orientarsi solo
con i cartelli stradali è impossibile dato che questi appaiono e scompaiono seguendo un ordine casuale
inspiegabile.
Al secondo posto troviamo il vecchio con il cappello, quest’ultimo particolare non da poco poichè, chi sta
dietro vede solo il cappello e per questo, soprattutto al sud, vengono chiamate “macchine col cappello”.
La sua guida è caratterizzata da una estrema lentezza ed una goffaggine intrinseca che si esprime con
inconsapevoli e pericolose infrazioni al codice della strada. Quindi quando vedete un cappello alla guida
statene alla larga e se proprio non potete, armatevi di pazienza e forse raggiungerete i 40 km/h.
Al primo posto, e per distacco, c’è il guidatore della domenica, o come qualche esterofilo preferisce “Sunday
driver” il quale racchiude in se le due categorie precedenti: una summa di tutto ciò che è pericoloso fare in
macchina e dato che appunto prende la macchina solo la domenica, gli altri giorni la usa solo per andare
al lavoro e basta, una specie di turista nella propria città. Come consiglio su come sgamarli: primo, come
dice la definizione, escono solo la domenica, e secondo state sempre attenti alla pulizia della vettura perché
spesso questa si accompagna al giretto domenicale.
Per concludere dopo questa classifica attenti a chi guida vicino a voi e buon 25 aprile e viva i partigiani.
c
2014
lautoradio.com
69
BlogBook
1.4. aprile
Il Presidente
Ps: Sotto casa mia non hanno asfaltato ma solo rifatto le strisce, per fare una citazione “l’asfalto costa
troppo hanno rifatto solo le strisce” che amarezza aggiungo io!!!!!
LA PILLOLA DI OGGI | FEMIDOM (2014-04-29 09:07) - cabiria
Lo sai che&
Oltre al classico condom, esiste un preservativo femminile, definito Femidom.
nel 1993.
È stato introdotto
In altri Paesi è molto diffuso ed utilizzato, e in alcuni è distribuito gratuitamente, come in Brasile, Francia e Spagna. In Italia è un po’ meno diffuso, ma lo puoi trovare in alcune farmacie, nei sexy
shop e in alcuni consultori.
È un anticoncezionale con le stesse proprietà del comune condom, quindi sia strumento contraccettivo che di protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili.
Il femidom è composto da due anelli flessibili uniti insieme da una guaina lunga circa 17 cm.
Uno dei due anelli è chiuso ermeticamente all’estremità.
Il primo modello di femidol è fatto di un materiale chiamato poliuretano, più resistente del lattice comune con cui sono fatti i preservativi e inodore. Inoltre non si deteriora ad alte temperature, quindi
70
c
2014
lautoradio.com
1.4. aprile
BlogBook
ha anche una conservazione migliore. Gli ultimi modelli di femidom sono composti da una sostanza molto
simile al lattice, il nitrile, che mantiene le stesse caratteristiche del precedente modello, ma permette di
realizzare un prodotto a un costo inferiore.
Sia il poliuretano che il nitrile producono calore, rendendo quindi l’atto sessuale molto piacevole
e più naturale.
La parte chiusa del femidom va inserita nella vagina spingendo fino
ad arrivare alla cervice. L’altra estremità deve aderire alle grandi labbra.
Il femidom è già lubrificato con una sostanza a base di silicone e senza effetto spermicida.
Può essere indossato anche alcune ore prima del rapporto.
Dopo il rapporto estrarre il femidom facendo attenzione a evitare perdite di sperma, che possono causare il contagio di malattie a trasmissione sessuale, quindi afferrare l’estremità esterna, girarla su
se stessa ed estrarre il preservativo.
Va usato una sola volta.
Il Femidom può essere usato anche nei rapporti anali, togliendo l’anello interno.
Guarda questi simpatici video:
https://www.youtube.com/watch?v=rpIHygztRZE
https://www.youtube.com/watch?v=FkuoVpaB4T4 #t=183
c
2014
lautoradio.com
71
BlogBook
1.4. aprile
LETTERE DAL PRESIDENTE | 1° MAGGIO (2014-04-30 08:45) - csaoexmattatoio
Come prima cosa una doverosa precisazione: il 1° Maggio non è la festa
del lavoro, è la festa dei lavoratori. Non è una cosa da poco, un semplice punto di vista “differente”, è
proprio una concezione della storia e della vita diametralmente opposta e, va da se, noi abbiamo ragione.
E’, inoltre, una dichiarazione di campo, uno scegliere da quale parte stare e va annunciato a
tutto il mondo con bandiere rosse ovunque.
Il lavoro non è stato e mai sarà il mezzo per giungere ad una liberazione ma al contrario è lo
strumento con il quale i padroni ci comandano e le lotte che portano al primo maggio sono lì a ricordarcelo,
la più famosa delle quali chiedeva 8 ore di lavoro al giorno invece che 10 o in alcuni casi addirittura 12 e
in condizioni disumane.
Per far capire meglio il messaggio mi aiuterò con tre canzoni di lotta, che serviranno per semplificare il concetto e renderlo accessibile ai più.
La prima è la “canzone del maggio” di De André, che ci aiuta a definire meglio il campo e a capire chi sono i cattivi, anche se parla del maggio francese del 1968. La canzone, infatti, è un attacco
contro i cattivi, dai padroni borghesi fino alla polizia al loro soldo passando anche per chi, per codardia,
sceglie di non fare niente.
La seconda non è una canzone vera e propria è un ritornello che fa così:
“Oggi è il giorno di chi lotta con coraggio
E’ il nostro giorno il primo Maggio”
Questi pochi versi ci parlano invece di noi lavoratori, di chi lotta sempre con forza e coraggio
per realizzare i nostri sogni e le nostre speranze seguendo i nostri ideali di libertà e giustizia.
Nemmeno la terza è una canzone vera e propria ma è un ritornello fantastico dove si fondono
con maestria i significati delle precedenti canzoni e recita così:
“Non sarà oggi non sarà ’st’anno
preti e padroni lavoreranno”.
Quindi domani se vorrete veramente rendere omaggio al primo maggio scegliete bene quali canzoni ascoltare e soprattutto quale concerto ascoltare, viva il 1° Maggio!
72
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
#1maggiotaranto si ai diritti no ai ricatti!!
Il Presidente
1.5
maggio
HighWay 318 (2014-05-03 16:47) - HighWay318
HighWay 318 è un gruppo informale con velleità di associazione culturale dedito alla promozione e
organizzazione di concerti stoner rock, psichedelia, doom, sludge e derivati. HW318 nasce dall’esigenza di
diffondere tali sonorità, dall’incontro e dall’amicizia tra le realtà perugine e marchigiane.
Gli eventi HW318 si identificano con l’ispirazione di Hans Cousto che nel 1978 ha sviluppato la legge
naturale della “Ottava Cosmica”.
c
2014
lautoradio.com
73
BlogBook
1.5. maggio
Il matematico e musicologo svizzero ha riscoperto un sistema di misura di base in cui è possibile trasporre
e riprodurre i movimenti dei pianeti in ritmi acustici, toni musicali e cromatici. Si tratta di rapporti
armonici universali basati sulla geometria sacra dalla musica, astronomia, meteorologia e microbiologia:
l’esistenza di un’antica e misteriosa unità di misura che governa il rapporto tra le forze di proporzione
spaziale e quelle alla base della divisione del tempo.
COSMIC OCTAVE ((( MercuriO ))) (2014-05-03 17:08) - HighWay318
COSMIC OCTAVE si propone di essere un tour itinerante di concerti e creatività collaterali nel segno di musicalità alterate, sabbiose e
fangose, disturbanti o rivelatrici della psiche, “di certo poco accessibili e difficilmente commerciabili”.
L’evento d’esordio, COSMIC OCTAVE ((( MercuriO ))), ha avuto luogo sabato 15 Febbraio al CSA Ex
Mattatoio di Perugia; davanti ad un pubblico nutrito e coinvolto, si sono alternati sul palco quattro tra le
migliori band della musica di riferimento del centro Italia.
L’apertura dei giovanissimi Mold On Your Sauce ha subito acceso l’interesse dei presenti con curiosità
e ammirazione per le asimmetrie fulminanti del trio math core aquilano; mentre l’apice sufureo è stato
delegato al possente doom/Post harcore dei marchigiani Void 00. Gli Orange Blossom Jam hanno sapien74
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
temente avvolto l’eterogeneo pubblico: dall’anconetano a note di THC con riff lussureggianti e suadente
psichedelia, predisponendo la rampa di lancio nello spazio onirico al di là delle palpebre. Gli Whirlings
(AQ) hanno presentato il primo LP Beyond the Eyelids, definito da alcuni autorevoli blog internazionali
del settore uno dei migliori album del 2013, proiettando sinesteticamente in un’eterea indolenza del mondo
interiore, verso il fondo della spirale dalla quale si aprono nuovi e possenti orizzonti... una serata che i
presenti hanno definito memorabile!
https://www.facebook.com/events/245667788943986/
- THE WHIRLINGS
http://thewhirlings1.bandcamp.com/
http://www.reverbnation.com/thewhirlings
https://www.facebook.com/TheWhirlings
- ORANGE BLOSSOM JAM
http://orangeblossomjam.bandcamp.com/
http://www.reverbnation.com/orangeblossomjam
http://www.youtube.com/channel/UCxqxdBsEok 4j-Q2aexbYZw
https://www.facebook.com/OrangeBlossomJam?fref=ts
- VOID 00
https://www.facebook.com/Void00?fref=ts
- MOLD ON YOUR SAUCE
https://www.facebook.com/pages/Mold-On-Your-Sauce/355964341175551
c
2014
lautoradio.com
75
BlogBook
1.5. maggio
COSMIC OCTAVE – #2 ///VenerE (2014-05-04 19:47) - HighWay318
L’evento #2, COSMIC OCTAVE ///VenerE\\\, è fissato per venerdì 9 maggio, ancora al CSOA
Ex Mattatoio che ospiterà in apertura l’irriverente garage/screamo/stoner degli Horst Fantazzini
ladri gentiluomini delle scalette del Duomo, i JAIL UNDERDOG combo countrypunkrock dal disgelo
appenninico di Fabriano e i GUM band sludge/stoner formatasi nel 2006.
I fiorentini si ispirano a gruppi come Eyehategod, Bongzilla, Iron Monkey, con attitudine e background
che affondano le radici nel punk hc italiano e straniero. Sul palco con gruppi come Electronic Wizard,
Karma to Burn, Correction House e Orange Goblin fanno uscire il loro primo LP Agua Caliente per
l’etichetta russa Absurde creature rec; presenteranno il secondo lavoro But woman monkey, blasfemo
tributo intitolato alla “Venere per eccellenza del pantheon cristiano”.
A ribadire la diffusione di Energie d’amore, il local hero Nicola Piro, reduce dal tour di Milano
e Macerata (e basta) con la sua ormai celeberrima creazione GREZZO 2, sarà presente per farvi provare il
tributo alla violenza videoludica più classica, estrema e perugina; ci saranno le ultime copie disponibili di
GREZZO2 EDIZIONE DELUXE SPECIALE PRIMO ANNIVERSARIO e le anteprime dei nuovi giochi
in sviluppo, tipo SUPERBOTTE &BAMBADUETURBO che, senza dubbio, favoriranno l’Armonia
76
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
interiore sul terzo occhio.
ĺinfo #2 - COSMIC OCTAVE ///VenerE\\\ĺ
https://www.facebook.com/events/619450981480348/?fref=ts
¼ GUM
Firenze, 2006. Stoner/sludge ispirato a gruppi come Eyehategod, Bongzilla, Iron Monkey, con
un atitudine e un background che affonda le radici nel punk hc italiano e straniero. Sul palco con gruppi
come Electronic Wizard, Karma to Burn, Correction House e Orange Goblin fanno uscire il loro primo
LP Agua Caliente per l’etichetta russa Absurde creature rec. In uscita il secondo lavoro sempre in Lp
But woman monkey per una coproduzione di etichette europee.
///Line up\\\
Boss: Voice & Bass
Gre: Guitar
Ambash: Guitar
Capitano: Drum
http://gumsludge.bandcamp.com/album/gum-but-woman-monkey-full-album- out-soon
https://www.facebook.com/GumSludge?fref=ts
“perfect soundtrack for a spaghetti western by Sergio Leone starring Lee Van Cleef and Clint Eastwood, flavored with metal riffs and punk intensity!”
http://absurdcreaturerecords.wordpress.com/records/
“un ipotetico, fluido incontro tra i Crowbar più robusti in “botta” perenne e certa psichedelia morriconiana, polverosa e sudata, con il chiaro intento di mirare allo scontro, piuttosto che alla sintesi. La
loro musica (&) stordisce il pubblico tanto con riffoni mastodontici (dal curioso e sincero sapore sudista,
più che europeo) quanto a colpi di “cartoncini” sonori” http://metalitalia.com/live report/orange-goblinstoner-kebab-gum/
“Come il lento discendere della lava dal pendio di un vulcano che inesorabilmente travolge ogni
cosa al suo passaggio:(...) uno stoner-doom apocalittico”
www.iyezine.com/gum-woman-monkey/
¼ JAIL UNDERDOG
’Jail’ è la prigione. La prigione della tua città infognata, la prigione delle mentalità ristrette, la
prigione dell’automatismo, la prigione di casa tua, la prigione del tuo corpo.
’Underdog’ è il termine utilizzato nelle scommesse per designare lo sfavorito di un incontro.
Pur sfavoriti, svantaggiati, eterni perdenti, continuano ad alzare la testa e non mollare, credendo che la miglior vendetta contro la vita, quando piove merda, sia continuare a sorriderle in faccia. E a
c
2014
lautoradio.com
77
BlogBook
1.5. maggio
suonare rock’n’roll.
///Line up\\\
Giacomo - Vocals
Leonardo - Guitar
Alessia - Bass
Andrea – Drums
http://jailunderdog.jimdo.com/
https://www.facebook.com/JailUnderdog?fref=ts
¼ HORST FANTAZZINI
Ladri gentiluomini di garage/stoner dediti al verbo di Mike Patton, si formano a Olympia nel
1987. Ibernatisi in seguito a notizie false sulla fine del mondo, vengono scongelati a Perugia nel gennaio
2014 per diffondere nel mondo il loro messaggio di negatività e disagio.
https://www.facebook.com/thehorstfantazzini
" GREZZO2
Sparatutto in prima persona del 1984 (questo spiega la sua grafica di merda) riproposto a partire
da quest’anno solo per sistemi windows. E’ stato creato a cazzo di cane fregando in giro varie mods e
pezzi di videogiochi vecchi tipo Duke Nukem, Doom, Quake e Age of Empires, tutti ficcati dentro a un
motore grafico vecchio e brutto.
Grezzo2 è un tributo alla violenza videoludica più classica ed estrema, quella di un tempo in cui
i nemici esplodevano in mille pezzettoni rossi e i giochi costavano meno ed erano volgari e diseducativi
e potevi investire le vecchiette con la macchina, mica come i giochi del cazzo di adesso, simulazioni
pallosissime della guerra reale dove gli iracheni non sanguinano neanche dopo una fucilata nei denti e
non c’è il sangue. Diocane!
https://www.facebook.com/pages/Grezzo2/354833127873892?id=3548331278 73892 &sk=info
ºº #2 ///Venere\\\
Venere è il secondo pianeta del nostro sistema solare per prossimità al Sole, con un periodo siderale di circa 225 giorni.
Secondo la tradizione astrologica ed ermetica, è la stella del mattino del Toro e l’astro della sera della Bilancia, rappresenta Energia d’amore e favorisce l’Armonia interiore sul terzo occhio.
Il suo tono oscilla nell’ottava 32° con 221,23 Hz. Questo tono è un LA. Il colore corrispondente
è un luminoso giallo-arancione con una lunghezza d’onda di circa 615 nanometri.
http://www.planetware.de/octave/venus.html
ººº contatti HighWay 318
78
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
artwork &concept : Luca Speed Bastianelli
info: https://www.facebook.com/higway318it
https://twitter.com/HighWay318
mail @: [email protected]
LA PILLOLA DI OGGI | LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO (2014-05-06 08:00)
- cabiria
Lo sai che&
La pillola del giorno dopo è a base di un progesterone, il Levonorgestrel, finalmente riconosciuto
anche in Italia come un contraccettivo d’emergenza, e non come una pillola abortiva.
Come funziona...
Questa pillola può essere assunta fino a 72 ore, cioè 3 giorni, dopo il rapporto a rischio, ma ha
un efficacia decrescente fino al 5 giorno. Il farmaco interferisce con l’ovulazione ( come fanno tutti i
contraccettivi ormonali) impedendo l’incontro tra lo spermatozoo e la cellula uovo, in modo da evitare la
fecondazione, se questa è avvenuta e l’uovo fecondato si è annidato non provoca l’aborto.
L’efficacia della pillola del giorno dopo dipende dalla tempestività con cui viene assunta dopo il
rapporto sessuale a rischio. In generale l’assunzione del farmaco nelle prime 24 ore garantisce un’efficacia
del 95 %.
A causa della maggiore possibilità di rischio di gravidanza rispetto ad altri contraccettivi, la pillola del giorno dopo dev’essere utilizzata solo in casi urgenti e non è raccomandata come metodo di
contraccezione regolare. Inoltre, l’assunzione frequente di questo farmaco causa un aumento dei suoi
effetti collaterali e l’irregolarità mestruale.
c
2014
lautoradio.com
79
BlogBook
1.5. maggio
Gli effetti secondari sono mal di testa, nausea, dolori addominali leggeri o moderati, si possono
verificare perdite di sangue e/o irregolarità mestruale, ma generalmente il ciclo si verifica regolarmente.
Nel dubbio è opportuno eseguire al più presto un test di gravidanza.
Come trovarla...
In Italia la pillola del giorno dopo può essere venduta nelle farmacie dietro prescrizione medica
su ricetta bianca (quindi a pagamento) nominale e non ripetibile.
La ricetta può essere prescritta dal medico di famiglia, dalla ginecologa/o all’interno dei consultori territoriali o al pronto soccorso ostetrico-ginecologico o in un presidio di guardia medica.
La pillola del giorno dopo è prescrivibile anche alle minorenni.
Ricordiamo...
Abbiamo detto che la pillola del giorno dopo non è abortiva ma un contraccettivo d’emergenza,
quindi nessun medico o farmacista può rifiutarsi di prescrivere e vendere questo farmaco dietro
l’affermazione di obiettore di coscienza, in quanto rientra nelle cure d’urgenza.
LETTERE DAL PRESIDENTE | UNA NUOVA RELIGIONE (2014-05-07 21:23)
- csaoexmattatoio
Alcuni giorni fa abbiamo visto Roma piena di gente per la santificazioni di due papi, con cerimonia officiata
da due papi, evente a dir poco più unico che raro.
Non mi dilungherò più di tanto a sottolineare quanto sia incomprensibile al giorno d’oggi credere nella
80
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
religione cattolica, anche se va comunque ricordato lo scandalo (eufemismo) dei preti pedofili, e quanto
sia stato lontano dai canoni di santità in vita il papa polacco con le sue visite a dittatori, la copertura di
preti pedofili e in generale una visione della chiesa molto medievale.
Non mi dilungo nemmeno a parlare del nuovo papa, basta solo ricordare che l’ordine dei gesuiti, al quale
appartiene il nuovo papa, fu addirittura soppresso verso la fine del 1700 in quanto veniva visto come solido
alleato dei papi e restio alla realizzazione di politiche riformistiche.
Quello di cui voglio parlare oggi è una nuova religione, nata nei primi anni duemila, che si propone di
contrastare la teoria del creazionismo o meglio di prenderla in giro.
La sua nascita infatti è dovuta alla reazione di un professore di fisica dell’università dell’Oregon alla
decisione del consiglio educativo del Kansas di assegnare le stesse ore di insegnamento sia alla teoria
evoluzionistica che a quella creazionista.
Fino a qui la storia ora largo alla descrizione di questa fantastica religione.
Prima di tutto il nome “Pastafarianesimo”, ma si può anche chiamare “chiesa del mostro volante di
spaghetti” in quanto il suo creatore sostiene di credere che il mondo sia stato creato da un mostro molto
simile a degli spaghetti con polpette.
La cosa più bella in assoluto però è l’obbligo di portare in testa uno scolapasta! E la cosa è ancora più
divertente se si pensa che in giro per il mondo, come da foto, si iniziano a vedere fedeli di questa nuova
religione! Gli adepti fanno le foto per la patente con il magnifico copricapo o addirittura giurano come
membri di un consiglio comunale. Come tutte le religioni che si rispettino stanno subendo degli attacchi,
in questo caso da parte dei settori ortodossi conservatori della russia e della grecia, ma a questo punto
può essere solo un vanto!
Il presidente
LA PILLOLA DI OGGI | LA PILLOLA ANTICONCEZIONALE (2014-05-13 09:01)
- cabiria
Lo sai
Che esistono diversi tipi di anticoncezionali. Uno di questi è la pillola.
La pillola è un farmaco contraccettivo ormonale: la sua assunzione rilascia ormoni (un estrogeno e un
progestinico) che vanno ad inibire l’ovulazione, impedendo così la gravidanza.
È un farmaco presente già dalla fine degli anni Settanta e con il tempo è stato migliorato.
La prima diffusione è in America, e dopo qualche anno arriva anche in Italia. È un anticoncezionale innovativo che ha permesso una riscoperta e una gestione del piacere sessuale da parte delle donne,
scissa dalla paura di rimanere incinta.
Ad oggi è l’anticoncezionale più sicuro: 100 % della sicurezza dicono le statistiche. Le gravidanze avvenute nel periodo di assunzione della pillola sono dovute a disattenzioni e assunzione di
c
2014
lautoradio.com
81
BlogBook
1.5. maggio
farmaci che contrastano l’effetto della pillola stessa, come antibiotici, barbiturici, antiepilettici e
antidolorifici.
Esistono diversi tipi di pillola che possiamo dividere, facendo una estrema semplificazione, in pillole ad “alto rilascio ormonale” e pillole a “basso rilascio ormonale”. Le moderne pillole sono quasi tutte a
basso dosaggio ormonale, il che abbassa considerevolmente la presenza di effetti collaterali.
Come prendere la pillola?
Prima di prendere la pillola sarebbe meglio fare analisi del sangue per verificare che tu stia bene e non vada incontro a complicazioni che possano essere amplificate dall’assunzione della pillola.
Consulta il/la tuo/a medico e la/il ginecologa/o.
Insieme potete individuare quale pillola è meglio (ce ne sono davvero innumerevoli tipi).
La pillola può essere acquistata in farmacia sotto prescrizione medica.
L’impegnativa dura 6 mesi.
Leggi attentamente il foglio illustrativo e segui le indicazione del tuo medico e delle tua/o ginecologa/o.
Come assumere la pillola?
È consigliabile assumere la pillola ogni giorno alla stessa ora.
Puoi avere a che fare con una pillola che va presa per 28 giorni, oppure per 21.
Nel secondo caso, dopo l’ultima pillola, sospendi per una settimana e riprendi con un nuovo blister.
È in questo periodo che avrai delle perdite di sangue simili alla mestruazione.
La prima volta che prendi la pillola lo devi fare il primo giorno della mestruazione.
La pillola inizia ad agire da subito, ma per evitare gravidanze indesiderate, per il primo mese
sarebbe meglio accompagnare l’assunzione della pillola all’uso di altri contraccettivi.
Se dimentichi di prendere la pillola!
Se ti accorgi di aver dimenticato la pillola, puoi prenderne due lo stesso giorno, ma è importante che la pillola dimenticata venga assunta entro le 12 ore.
Se la dimenticanza è superiore alle 12 ore utilizza altri metodi contraccettivi, preservativo, e se
hai avuto rapporti a rischio consulta il consultorio più vicino per ricorrere a contraccezione d’emergenza
(pillola del giorno dopo).
Quando deciderai di iniziare una gravidanza basta sospendere la somministrazione della pillola.
ATTENZIONE: la pillola NON ti protegge dalle malattie a trasmissione sessuale(MST), quindi devi utilizzare SEMPRE il preservativo.
82
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
LETTERE AL PRESIDENTE | PANZE, PANZONI E PANZANE (2014-05-14 18:58)
- csaoexmattatoio
In questo particolare momento della vita stanno accadendo molte cose, alcune ironiche altre meno, ma cercherò oggi di raccontare brevemente i tre fatti più
importanti e bizzarri.
PANZE
Questo è il momento delle panze! Mi spiego meglio: parlo delle donne incinte. Certo che ci sono sempre
state, la peculiarità sta nel fatto che molte conoscenti, amiche e colleghe, che sono anche colleghe e amiche,
sono in stato interessante e nella tempistica.
E’ una cosa ai limiti dell’incredibile: praticamente da metà maggio fino alla fine di luglio ogni quindici
giorni verrà alla luce un nanerottolo piangente! Che dire, alla faccia della crisi, la vita continua nonostante
tutto!
Certo non sono “panze” nel senso stretto del termine, diciamo che lo sono a tempo, ma nulla toglie
all’incredibile sequenza.
PANZONI
Qui il discorso va sul personale, ma va comunque affrontato seriamente e con dignità. Voglio far un elogio
pubblico a tutti quelli che, in spregio a diete salutiste e a raccomandazioni provenienti da soggetti dalla
dubbia morale, continuano ad amare la propria panza come quella di una puerpera.
Non sarà di certo una moda passeggera o una nuova definizione dei parametri da parte di qualche organizzazione sovranazionale che deciderà il nostro profilo o ciò che cucineremo!
Che dire, in fondo è una resistenza anche questa!
PANZANE
Intese come bugie, di panzane negli ultimi anni ne abbiamo sentite molte ma quello che è successo in
questi giorni, dopo l’agguato di Roma ai tifosi napoletani, ha raggiunto punte che fanno proprio incazzare.
Sembrava tutto pronto, qualsiasi cosa sarebbe successa la colpa doveva essere sempre e solo degli “ultras”.
C’è stato un agguato armato da parte dei fascisti ad un tifoso napoletano, e la polizia, con la mediazione
di capitan Hamsik, ha minimizzato l’accaduto con i tifosi al fine di far giocare comunque la partita. Tutto
questo è stato trasformato in “ I violenti ultrà hanno deciso che la partita si poteva giocare”.
c
2014
lautoradio.com
83
BlogBook
1.5. maggio
Invece di dire che il problema non sono gli “ultras” ma semmai i fascisti e la camorra (non preoccupatevi
non parto con sermoni alla Saviano), gli si addossa la colpa di tutto.
Il gionalismo è raccontare i fatti, le panzane sono costruzione di una storia.
Per ora quindi diciamo solo viva le panze e i panzoni!!
IL PRESIDENTE
Trattative commerciali UE-USA. Zero controlli per gli OGM (2014-05-15 06:00) - YaBasta
L’economia capitalista globale delle multinazionali ha puntato il proprio
sguardo al territorio agricolo europeo ed italiano. Da Aprile è in corso una trattativa fra UE e USA, detta
Transatlantic Trade and Investiment Partenership, tra i cui fini vi è quello di abolire i costi provenienti dai
fattori burocratici che intervengono nello scambio commerciale fra i due partner. Apparentemente nulla
di spaventoso. Abbattere i costi si rifletterebbe su un risparmio da parte dei Paesi coinvolti nello scambio.
Ma di quali fattori burocratici si tratta? Il vero problema è che si vuole annullare quella serie di controlli
riguardanti la sicurezza dal punto di vista salutistico degli alimenti. Cioè, per esempio, non ci sarebbe più
nessun problema per l’introduzione in commercio di prodotti OGM, carni alimentate con steroidi, pollame
al cloro, ecc... Il tutto reso legale da accordi che, se entrassero in porto, avrebbero maggiore importanza
dei regolamenti nazionali relativi alla questione.
In Italia già si sentono i primi sintomi di questa malattia che minaccia il suo arrivo: in Friuli la nota
azienda Monsanto ha acquistato dei terreni in cui si coltivano semi dal materiale genetico modificato,
come denunciato da GreenPeace. Tante le polemiche ma chiaramente zero i provvedimenti.
Per fortuna c’è chi vuol fare qualcosa perchè vengano sottolineate le conseguenze negative che questi accordi porterebbero se venissero siglati nei termini in
cui si presentano ora.
La rete nazionale di allevatori e contadini di Genuino Clandestino ha inserito questo tema all’interno di un
incontro, quello del 16-17-18 Maggio a Roma, il quale toccherà una serie di numerosi punti importantissimo
riguardanti l’agricoltura e il suo sfruttamento da parte del sistema capitalistico.
84
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
Genuino Clandestino lancia l’invito estendendolo a tutte le realtà che a livello nazionale si battono
per la riconquista dei beni comuni contro l’avanzamento delle logiche capitaliste.
L’incontro sarà organizzato in tavoli tematici e gli argomenti che verranno discussi riguarderanno: la
necessità di creare una sinergia tra movimenti contro le forme di assedio che la logica del profitto usa
contro territori sia urbani che extraurbani; la ricerca di un metodo per far si che le pratiche di custodia
sociale operate da Genuino Clandestino non sfocino in altro se non l’utilizzo sociale della terra e finalizzato
alla autodeterminazione e alla sovranità alimentare; crescita dell’interesse da parte delle multinazionali per
l’accaparramento dei terreni in Italia e diffusione di pratiche contro salutari come gli OGM; la trattiva per
il Transatlantic Trade and Investiment Partenership; la problematica del caporalato e dello sfruttamento
dei braccianti (migranti e non), sempre più diffusa da Nord a Sud; diverse questioni sull’allevamento.
Forte connotazione all’incontro appare anche data dalla giusta critica nei confronti dell’EXPO 2015, come
strumento di propaganda e affermazione di quel meccanismo commerciale, lontano dai reali bisogni della
gente, fautore piuttosto di indebitamento, corruzione e insostenibilità (economica ed ambientale).
Un validissimo esempio di opposizione dal basso contro il sistema capitalista nella gestione delle terre è presente anche qui in Umbria. Si tratta della pratica portata avanti dal comitato Caicocci Terra
Sociale. Coinvolti direttamente nella lotta alle privatizzazioni dei beni comuni, i membri del comitato
hanno lanciato un presidio, previsto per il 20 Maggio, in Piazza Italia, a Perugia. La sede non è casuale,
pochè là di fronte vi è la sede della Regione Umbria, attuale proprietaria del terreno preso in custodia
sociale dal comitato. E alla Regione il presidio chiederà che venga abbandonato il piano di vendita di
Caicocci e che venga riconosciuto il suo effettivo valore che può dimostrare come bene comune.
Comunicato Stampa: Presidio davanti alla Regione Umbria contro vendita Caicocci
Il governo Renzi per sua stessa ammissione intende - scrive il comitato - aggredire il patrimonio pubblico
, la Regione Umbria già lo fa, ignorando qualunque forma di dissenso, qualunque alternativa. In tutto
il territorio è in atto una corsa scellerata alla vendita di terre, coste, isole, aziende strategiche, e ogni
sorta di bene comune, in un disegno che somiglia sempre più a un atto di pirateria che a un intervento
governativo volto a risanare un paese. Il comitato Caicocci terra sociale continua la sua battaglia per
difendere la struttura dalla vendita e dall’incuria pianificata. Per chiedere che Caicocci venga tolta dal
piano di alienazione regionale, Perchè rientri nel banco della terra. Perchè Caicocci resti un bene comune
e venga destinato ad uso sociale.
https://www.facebook.com/events/323810404438902/323877551098854/?not if t=plan mall activity
http://genuinoclandestino.noblogs.org/post/2014/03/30/invito-movimen ti/
L.F.
LA PILLOLA DI OGGI | CEROTTO CONTRACCETTIVO (2014-05-20 07:22) - cabiria
Lo sai che&
c
2014
lautoradio.com
85
BlogBook
1.5. maggio
Esiste un cerotto contraccettivo.
È grande circa 4 cm e si applica sulla pelle. Rilascia ormoni, gli stessi della pillola anticoncezionale, che inibiscono l’ovulazione e quindi impediscono gravidanze indesiderate.
È un metodo innovativo che ha le stesse caratteristiche della pillola e gli stessi effetti collaterali, quindi
gonfiore, fastidi nei primi tre mesi quando il corpo si abitua al rilascio ormonale, ma rispetto alla pillola
presenta dei vantaggi:
• praticità: non va assunto giornalmente e quindi si riduce rischio dimenticanze,
• efficacia: gli ormoni, attraverso la pelle arrivano direttamente nel sangue, non passando dall’apparato
digerente, come con la pillola.
Dove trovi il cerotto:
Lo trovi in tutte le farmacie.
Come gli altri metodi anticoncezionali puoi averlo solo con una prescrizione medica fatta dal
tuo medico o dalla tua/o ginecologa/o.
La prescrizione dura sei mesi.
Come usare il cerotto:
La prima volta che usi il cerotto lo devi applicare il primo giorno della mestruazione.
Nella scatola trovi 3 cerotti. Infatti, a differenza della pillola, il rilascio ormonale non è giornaliero, ma settimanale. Ogni settimana dovrai ricordarti di cambiare il cerotto. Quindi se inizi, ad esempio,
di lunedì con il primo cerotto, il lunedì successivo lo cambi, il lunedì dopo ancora uno nuovo e nella
quarta settimana sarà tornata la mestruazione. Poi la quinta settimana ricominci, sempre di lunedì con la
nuova scatola e il nuovo ciclo.
È molto semplice, basta solo ricordarsi di cambiare il cerotto e fare attenzione che aderisca sempre molto bene alla pelle.
Il cerotto può essere applicato sul ventre, sulle natiche, sulla parte alta della schiena e sulla parte esterna del braccio. Cercate di cambiare sempre posto nell’arco della settimana.
Prima di applicare il cerotto accertati che la pelle sia pulita, asciutta, senza creme e lozioni.
ATTENZIONE: il cerotto NON ti protegge dalle malattie a trasmissione sessuale(MST), quindi devi utilizzare SEMPRE il preservativo.
86
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
Cosmic Octave ///VenerE - report (2014-05-20 18:17) - HighWay318
Gum @
ex mattatoio09/05/14. CSA Ex Mattatoio, ore 23.30: il Gatto freme al mixer e i secchi già pieni di lattine
e bicchieri. La postazione di Grezzo2 capitanata dal Piro non si scolla dai video e ancora bestemmia
per i problemi tecnici circondata dal beffardo papa Franci che se la ride dai poster... tutto pronto per
COSMIC OCTAVE ///VenerE\\\
Gli Horst Fantazzini esordiscono compatti e affiatati davanti al pubblico di casa, hanno buona
intesa e un buon suono che si sintonizza su uno screamo/blues che ricorda un ibrido tra Mondo Generator
di Nick Olivieri e un’attitudine più punk-hc alla Adolescents. La parte punk di Kyuss e QOTSA ma
più pesanti, più distorti, più Fantazzini che vive in ogni banca rapinata e si dilegua tra rullate, bassi
cadenzati, stop & go e pedalate degne di una fuga in bicicletta (tra gli sporadici fischi spontanei dei
combo). L’apice viene raggiunto all’esposizione del simulacro di Michael Allan Patton: gli HF inculcano
nella testa dei presenti il culto pattonista con un ritornello meravigliosamente catchy che è destinato a
riecheggiare nel cammino di questo gruppo per il quale l’autodichiarato disgelo dalla OC degli anni 80
potrebbe essere plausibile!
Cambio palco e, per esigenze della band, è il momento dei Gum che si presentano sparando subito alto con Atomic god: si alternano riff che nulla hanno da invidiare a Bongzilla ed Eyehategod, uno
sludge/southern che sfocia in sfuriata catastrofica, preludio di But woman monkey con la quale si scatena
l’apocalisse nucleare. Influenze southern, giri blues e screaming sacrileghi dal VII gione dantesco: la
title track è cadenzata dallo wahwah trascinante di Boss che confeziona suoni grassi e tondi come un
succoso panino al lampredotto, un’amalgama perfetta e variazioni di tempo scanditi dal raid del sushiman
Capitano, con rallentamenti che sfociano in riff a metà tra Sabbath e Weedeater tirati al massimo.
Il feedback di rito introduce White Shadow - canzone registrata esclusivamente su Connessioni Compilation
con alla voce Maggio degli Alfatec - dall’incedere cadenzato che non soffre dell’assenza di tale frontman
anzi si arricchisce di accelerazioni e momenti che sfiorano lo psych. Composto sul palco e mai monotono,
il quartetto fiorentino intona Fernet & Cola Blues che, non a caso, è un blues psichedelico, ubriaco e
saturo al limite di fuzz e muri di suono: qui emergono nel songwriting influenze tra southern rock-blues e
i Buzzoven che dalle chitarre di Gre e Ambash danno vita a uno stoner sinuoso e graffiante. Le teste del
pubblico continuano a rimbalzare e oscillare in traiettorie armoniche... fino agli immancabili problemi
c
2014
lautoradio.com
87
BlogBook
1.5. maggio
tecnici - è proprio il caso di continuare ad affibbiare epiteti bestiali alle divinità, e in tutte le lingue - che
costingono i Gum a chiudere la performance con El Indio, tributo a Gian Maria Volonté tratto dal primo
album Agua Caliente, che rapisce di nuovo l’attenzione grazie alla poderosa struttura, ai successivi cambi
- degni del bandito psicopatico - e ai raddoppiamenti con svarioni punk a comporre oscuri scenari western
e innescare il pogo, per culminare su svolte melodiche rock-blues.
Impeccabili, come il loro songwriting.
I Jail Underdog si presentano al pubblico allucinato del CS con una generosa carica di birrini e
rock-blues, la voce graffiante di Giacomo si sovrappone ai languidi e virtuosi giri di Leonardo, sostenuti
dall’affidabile sezione ritmica di Alessia - la VenerE in carne e ossa sul palco della serata - e Andrea.
Le correnti più torbide del Mississippi sospingono l’eclettica band verso sfumature psychobilly (Countryside
Of Me) che variano in un country’n’roll degno di una sbronza tra Lemmy e Hank III (Overnight) e condito
da uno straripante sostrato punk di distorsioni e dediche alle forze dell’ordine (El Guero). Originali e
affiatati, i moonshiners delle cartiere strappano ancheggiamenti anche alle anime più doom: l’omonima
canzone, tratta dall’ ultimo promo live PAY THE CAUTION - un monito a dover rimpiangere l’essere
troppo cauti nella vita (attenti ai false friends, ehe) - racchiude il manifesto musicale dei cagnacci e la
loro fuga dalle sbarre che occludono città, mentalità, automatismi, forme e sostanze.
Dall’evasione iniziale, il cerchio si chiude sul Cosmic Octave ///VenerE\\\, eterogenea serata
che ha trovato il suo filo conduttore nell’attitudine punk “gustosamente blasfema” dei suoi derivati.
HighWay 318 ha presentato:
http://www.facebook.com/events/619450981480348/
¼ GUM
http://gumsludge.bandcamp.com/album/gum-but-woman-monkey-full-album- out-soon
Atomic god
But woman monkey
White shadow
Fernet & cola blues
El indio
¼JAIL UNDERDOG
http://jailunderdog.jimdo.com/
Sex Pet
No Dogs Allowed
Countryside Of Me
Overnight
Abandon’s Trail
Outlaw’s The Way
Carote & Liquori
El Guero
Jail Underdog
Spread, The Violence
¼HORST FANTAZZINI
http://www.facebook.com/thehorstfantazzini
Scusate se non siamo di Orange County
Fiume
88
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
Ponte d’Oddi
Tempo
Horst Fantazzini vive in ogni banca rapinata
Stammi lontano
L’estasi di Michele Pattone
HighWay 318
http://www.facebook.com/higway318it
http://twitter.com/HighWay318
[email protected]: [email protected]
artwork &concept : Luca Speed Bastianelli
pics : Pierpaolo Alderuccio
pic:
Pierpaolo Alderuccio
LETTERE DAL PRESIDENTE | BARBARI E BERBERI, OVVERO IL SENTIRSI
STOCAZZO NEI SECOLI (2014-05-21 22:13) - csaoexmattatoio
Dedicato a Ellen White
Artista, storica, ma soprattutto ex, e ripeto, ex vegetariana.
Il termine “Barbaro” nella sua accezzione corrente inc
2014
lautoradio.com
89
BlogBook
1.5. maggio
dica una persona poco colta, generalmente incivile e molto incline alla violenza e poco all’igiene personale.
Un barbaro appunto.
Va, però, precisato che al tempo dei Greci il significato era decisamente diverso, infatti, con questo termine
gli antichi greci identificavano coloro che non parlavano il greco e di conseguenza non condividevano la
loro cultura. In parole povere loro si sentivano ’stocazzo e gli altri erano barbari, ovvero, nella loro lingua,
“balbuzienti”.
Se così era in origine, non molto cambiò con il passare dei secoli: durante l’età repubblicana a Roma i
barbari erano coloro che non si volevano sottomettere all’ordine romano; col divenire cristiano dell’impero
romano, barbari divennero le popolazioni non cristiane. Come si vede quindi la costante del sentirsi
migliori, superiori o anche semplicemente normali, rimane: tutti si credono ’stocazzo.
Ora farò una affermazione che vi scioccherà. Lasciatemi spiegare però e tutto si risolverà per il verso
giusto.
Nel sentirsi ’stocazzo non c’è niente di male, o meglio, se riesci a fare qualcosa di veramente straordinario
perché non vantarsene? I Greci hanno prodotto dei valori di cui discutiamo ancora oggi e dei canoni
estetici tuttora validi, i Romani hanno creato un apparato statale e legislativo ancora molto in voga e la
chiesa riesce a fregarci da duemila anni! C’è di che esserne orgogliosi!
Il problema si pone quando non fai un cazzo, non capisci un cazzo e credi di capire tutto e di aver realizzato
l’impossibile.
Eh sì, perché se non capisci un cazzo ma sei umile e lo riconosci ok, non
c’è nessun problema, sei vanesio ma di cose ne hai fatto va bene lo possiamo accettare, ma essere stupidi,
non aver fatto niente e sentirsi ’stocazzo proprio non si può. Ci dovrebbe essere la galera, come chi a
biliardino fa la mossa, gancio o vigliaccate simili.
Non ve lo devo dire io invece che il mondo è pieno di gente che si crede ’stocazzo, gente che non capisce
niente e crede di essere addirittura indispensabile!
Che dire, loro si sentono ’stocazzo? Esticazzi noi siamo movimento e sicuramente migliori!!!
Il presidente
CAICOCCI. CONTINUA LA BATTAGLIA PER LA TERRA BENE COMUNE.
(2014-05-22 11:12) - YaBasta
Presidio davanti alla regione per la tutela del casolare e il terreno di Caicocci.
90
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
Lo scorso Martedi 20 si è svolto in Piazza Italia a Perugia il presidio indetto dal comitato Caicocci Terra
Sociale per ribadire la volontà di continuare la lotta per l’utilizzo della terra a scopo sociale, in quanto
bene comune. Evidente continua ad essere, invece, la scarsa attenzione da parte della Regione nei confronti
delle richieste del comitato.
IFRAME: //www.youtube.com/embed/Yf8Ubt3MwL8
c
2014
lautoradio.com
91
BlogBook
1.5. maggio
Quindi
continua la custodia sociale, attraverso cui già si è iniziato a mettere in pratica le idee riguardo al
futuro del terreno. Sono stati coltivati alcuni campi e ci si prende cura dei casolari. Inutile sottolineare il
valore dell’autogestione come possibile fonte di reddito per giovani disoccupati.
Importante è anche la disponibilità ad accogliere proposte che potrebbero essere avanzate da chiunque, singoli o associazioni, che vivendo nelle zone limitrofe al terreno, volesse intervenire con la pratica di
qualche attività sociale.
L.F.
LA PILLOLA DI OGGI | ANELLO VAGINALE (2014-05-27 15:02) - cabiria
Sai cos’è ...
l’anello vaginale?
92
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
È un metodo contraccettivo ormonale per uso vaginale.
Come funziona?
Esattamente come la pillola e il cerotto, rilascia ormoni che vanno a inibire l’ovulazione impedendo la gravidanza.
Il rilascio ormonale dell’anello è molto basso, e per questo viene paragonato alle pillole di ultima generazione.
Come si usa?
Prima di tutto, devi andare dal tuo medico o dalla tua/o ginecologa/o e verificare di stare bene,
facendo analisi del sangue. Dopo ti verrà prescritto l’anello vaginale che potrai trovare in farmacia. Come
sempre la prescrizione medica dura sei mesi, alla fine dei quali torni dal tuo medico per farla rinnovare.
L’anello vaginale si applica in vagina.
È fatto di un materiale molto malleabile, trasparente
e flessibile. Ha un diametro di circa 54 mm.
La prima volta che lo usi lo inserisci il primo giorno della mestruazione. Comprimi l’anello tra
il pollice e l’indice e inseriscilo nella vagina. Fai molta attenzione a spingerlo bene e ad assicurarti che
non esca.
Deve rimanere inserito per tre settimane, quindi ha un rilascio ormonale graduale che copre l’intero mese. Alla fine della terza settimana si toglie l’anello e in questo periodo compariranno le
mestruazioni.
Mi raccomando, se inserisci l’anello, ad esempio, di lunedì, dopo tre settimane, lo estrarrai il lunedì, e alla quinta settimana, sempre di lunedì, ne inserirai uno nuovo.
L’anello è impercettibile e non crea problemi neppure durante i rapporti sessuali.
Se ti crea fastidio puoi estrarre l’anello durante il rapporto, ma ricorda di inserirlo entro le tre
ore. Superate le tre ore il suo effetto può essere compromesso e, in questo caso, utilizza un contraccettivo
a barriera, ossia il preservativo.
Vantaggi
L’anello vaginale presenta alcuni vantaggi rispetto agli altri metodi contraccettivi:
• altissima sicurezza contraccettiva, accertata intorno al 99 %;
c
2014
lautoradio.com
93
BlogBook
1.5. maggio
• gli ormoni rilasciati passano direttamente nel sangue, quindi anche in caso di diarrea e vomito
l’effetto non viene condizionato;
• è impercettibile;
• ha un effetto neutrale sul peso corporeo;
• efficacia;
• comodità.
Svantaggi
Alcune controindicazioni:
• l’anello potrebbe essere rigettato nei primi tre mesi dell’applicazione, quindi accertarsi sempre che
sia inserito correttamente;
• possibilità di infezioni batteriche (per evitarle basta applicare e rimuovere l’anello facendo attenzione
a lavare bene le mani e intensificando l’igiene personale)
• il suo effetto svanisce se vengono assunti farmaci come antibiotici, antidepressivi, antiepilettici.
RICORDA: l’anello non ti protegge dalle malattie sessualmente trasmesse (MST), quindi ricorda di
utilizzare sempre il preservativo!
LETTERE DAL PRESIDENTE | ELE ELE ELEZIONI!!
(2014-05-28 10:35)
- csaoexmattatoio
La mia più grande delusione calcistica a livello di nazionale risale ai mondiali del 2002, dopo la sconfitta
con la Corea del Sud pensavo che, come nazionale, non saremmo riusciti a vincere niente per molto tempo,
vista la grande qualità dei giocatori e il fatto di essere usciti dalla competizione quasi subito, agli ottavi.
Dico la mia più grande delusione, ammetto che è una valutazione molto soggettiva, e vi spiego il perché
elencando i risultati dal 1986 fino al 2002, con breve commento, e divisi per competizione, europei prima
e mondiali dopo.
Europei:
1988 Giocati in Germania Ovest, usciti in semifinale con l’Unione Sovietica, non ricordo altro se non lo
splendido gol del cigno di Utrecht in finale.
94
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
1992 Non qualificati alla fase finale, un pizzico di delusione ma ci può stare c’è tempo per rifarsi, da non
dimenticare la fase finale con la favola della Danimarca chiamata a sostituire la Jugoslavia che vinse la
coppa in terra svedese.
1996 Giocati in Inghilterra, usciti al primo turno, leggermente arrabbiato con Sacchi per il turnover senza
motivo e con Zola per il rigore sbagliato.
2000 Giocati in Belgio e Olanda e inspiegabilmente terminati con le semifinali, perché non l’hanno giocata
la finale? Scherzi a parte, incazzato sì ma abbiamo dato il massimo e siamo stati sfortunati, del resto non
si è campioni del mondo per caso.
Mondiali:
1986 Giocati in Messico non ricordo niente se non Hugo Sanchez e la sconfitta per 2 a 0 agli ottavi di
finale con la Francia. Poi c’è Maradona e la man de dios, ma questa è Storia.
1990 Italia ’90 Notti magiche e la mascotte “ciao”, perdiamo in semifinale dall’Argentina di Maradona,
ma comunque va bene così di meglio non si poteva fare e vista la mia tenera età, 11 anni, non mi dispero
più di tanto.
1994 USA ’94 Arriviamo in finale grazie al famoso “cul de sac” e ad un certo Baggio Roberto, c’era
anche Dino ma niente paragoni please, quando costui si rompe facciamo barricate per andare ai rigori, ci
arriviamo e il “cul de sac” finisce o, meglio, veniamo puniti dal dio del calcio. Alla fine il risultato è giusto
e il perdere con i migliori lenisce la delusione, son giovane ci sarà tempo.
1998 Francia ’98 Nazionale senza arte né parte dopo un cammino discreto e poco entusiasmante perdiamo,
ai quarti di finale sempre ai rigori, dai padroni di casa, troppo scarsi per vincere e troppo italiani per
provare almeno a fare del bel gioco. Non mi appassiono alla nazionale e nemmeno troppo alla coppa.
2002 Giappone e Corea del Sud E qui casca l’asino. Dopo tutte queste delusioni finalmente una squadra
competitiva, rosa valida e mix di giocatori tra esperti, giovani, fuoriclasse e gregari. Il tutto con un
allenatore, il Trap, non proprio una garanzia ma il primo dopo anni che ispira fiducia e, inoltre, il fatto che
le squadre di casa non sono certo favorite per la vittoria finale unita all’assenza di favorite, contribuiscono
a rendere la vittoria quanto meno pronosticabile.
Invece no, usciasmo agli ottavi di finale dove succede di tutto, dall’arbitraggio scandaloso, alla scarsa vena
realizzativa, per usare un eufemismo, e per finire il Trap che si affida all’acqua santa regalatagli dalla
sorella suora. Dalla tragedia alla farsa.
Ero deluso e incazzato, se con la nazionale migliore che io abbia mai visto facciamo questa figura, quando
mai vinceremo?
Ecco dopo queste elezioni io mi sento più o meno così, non che fossero da vincere, ma almeno mi sarei
aspettato un messaggio forte di rifiuto delle politiche di austerity europee messe in atto tanto dal PD
quanto dal PDL, o come si chiamano ora. Gli italiani invece sembrano credere a quello che propone la
banda Renzi, e cioè più precarietà, meno soldi e la solità infinita quantità di chiacchere.
Dopo anni di crisi economica e di cancellazione dei diritti mi sarei aspettato di tutto, ma non che
abboccassero tutti alle chimere di Renzi.
Che dire? Forse bisognerà aspettare un po’ perché gli italiani si capiscano il da farsi, ma qualcuno di voi
si ricorda come finirono i mondiali del 2006?
Il presidente
c
2014
lautoradio.com
95
BlogBook
1.5. maggio
Una riflessione sull’EXPO 2015, vetrina di un vizio diffuso (2014-05-30 10:33) - YaBasta
Fra meno di un anno assisteremo all’apertura dei cancelli dell’esposizione universale di Milano, EXPO 2015, un melting pot delle maggiori aziende attive a livello globale. In Italia verrà ospitata la massima
espressione dell’economia industriale, che poco o per niente lascia spazio alle piccole aziende e artigiani.
Per non parlare della totale noncuranza da parte della fiera nei confronti delle tante critiche avanzate da
soggetti che portano avanti paratiche di economia solidale, GAS, coltivatori di prodotti biologici, attivi
nello stesso territorio milanese.
Quali sono dunque i punti critici dell’EXPO?
Uno è evidentemente lo stravolgimento di un’area verde (si parla di quasi 100 ettari), per la progettazione e il finanziamento, a spese pubbliche, della piattaforma e delle strutture che ospiteranno la fiera.
Si tratta inoltre di opere di cui una metà non potranno mai essere realizzate in tempo. Le strutture che
invece verranno realizzate recheranno, se possibile, ancora più danno, visto che renderanno per sempre
improduttiva una grande zona agricola. E’ qui che diventa palese la volontà di speculare su potenziali
risorse economiche utili alla collettività a beneficio di introiti per le aziende costruttrici coinvolte nelle
realizzazione dell’evento. Come si può quindi pensare che l’EXPO possa raggiungere quegli obiettivi
di crescita economica, ma anche di rafforzamento del dialogo interculturale e di responsabilità sociale
nei confronti di paesi colpiti dal dramma della fame e della povertà inneggiati dall’ex sindaco di Milano
Moratti nel 2009?
Un altro punto riguarda le infrastrutture da costruire, che nel piano risultano annesse all’EXPO: la
Tangenziale Est esterna di Milano e la “direttissima” Brescia-Bergamo-Milano, che sarebbero dovute essere
concluse entro Dicembre 2013. Queste andranno ad occupare 1.090 ettari di suolo agricolo e solo 258
di suolo già urbanizzato. Del suolo agricolo, 220 ettari fanno parte della provincia di Monza-Brianza,
andando a nuocere ad un’area già iper antropologizzata (solo il 45 % del suolo non è cementificato, la
percentuale più bassa in Italia).
Davanti a questo disastro ambientale, le inchieste aperte dalla procura e poi anche dalla Corte dei
Conti nei confronti dei dirigenti responsabili alla realizzazione degli impianti passano relativamente in
secondo piano. Lo stesso Renzi ha dichiarato che l’obbiettivo sarà di fermare i ladri non le opere, ignorando
quindi il problema di fondo per concentrarsi soltanto sulla punta dell’iceberg, che comunque rappresenta
già di per sè un fatto grave.
La domanda che verrebbe ora da porsi è dove questi signori possano trovare il coraggio di affibbiare all’EXPO un valore di crescita economica esemplare per il resto del mondo? E’ piuttosto evidente
96
c
2014
lautoradio.com
1.5. maggio
BlogBook
la contraddizione nell’affermare di voler superare la crisi attraverso la speculazione selvaggia di fondi
pubblici. Come possono continuare a usare il vuoto slogan Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, senza
che vi siano le basi per parlare concretramente e senza ipocrisia di rivalutazione dell’agricoltura come
bene comune, della salvaguardia della biodiversità agroalimentare (vedi il caso degli OGM Monsanto in
Friuli), di un’economia solidale, che non punti al mero profitto personale?
L.F.
Saturday bloody Saturday (2014-05-31 11:42) - Bruno Aloisio
Qualcuno diceva che la vita fosse un pendolo che oscilla tra dolore e noia, il che in assoluto non si potrebbe
considerare pienamente sbagliato, se solo non fosse che dio decise di creare il quinto giorno, il venerdì.
Le possibilità a questo punto sono due: di sicuro un dio più o meno serio alla Leonard Cohen, si sarebbe pentito periodicamente del suo errore, d’altra parte una visione più dilanyana, in Shelter from the
storm,per intenderci, ci porta a credere che effettivamente possa essere un pò piacevole per lui il rendersi
conto della maliziosità e della goliardia, che ogni venerdì colora le strade e i saloni delle case nelle viuzze
più impensabili, con impianti improvvisati e voli pindarici musicali, che portano al passaggio da maria di
Blondie a Rino Gaetano in meno di due passaggi; un buon modo per convincere i presenti che forse, un
altro goccio di qualsiasi cosa ci sia sul tavolo, fosse anche gin liscio, forse potrebbe essere d’aiuto.
Sebbene la seconda teoria risulterebbe vagamente migliore per tutti in quanto legittimante la nostra
natura di bestie da Campari, ma mai senza gin, in realtà, la prima teoria ha dalla sua un asso nella
manica, la punizione divina alla nostra settimanale restaurazione dei sensi, il sabato pomeriggio.
ho sempre pensato che la domenica pomeriggio fosse il rasoio di Ockham delle parti più propositive
dell’essere umano, ma non posso negare che trovarsi alle 16:59 ad aver ascoltato in loop per almeno 4
volte John and Mary di Robert Palmer, sia patologico già di per sè.
ti svegli, è già questo non va bene, hai mal di testa, bruciore di stomaco devastante e un dolore al ginocchio
che ogni maledetto sabato mattina ti chiedi a cosa cazzo sia dovuto, ti alzi e inizi a vagare spaesato per
casa, sigaretta, silenzio, sigaretta, qualcosa da mangiare, caffè e sigaretta; e da lì in poi è buio.
il sabato si divide in due parti, quella iniziale, in cui cerchi di approfittare dell’assist dell’abbiocco post
pranzo, ma non riesci ad avere il coraggio di andare a letto, in fin dei conti ti sei alzato non più di un’ora
prima, hai mille cose da fare e sai già che alla fine non ne farai nessuna, ma ti va bene così, e anche tu
ti abbandoni ai voli pindarici di cui sopra, passi da Johnny Cash aiGun Club e dai Blue Oyster Cult
aiTalking Heads e non ti chiedi neanche come, perché in realtà sticazzi.
dopo di che iniziano ad arrivare le 19:00 e con loro la seconda parte della giornata: inizia a presentartisi
la parvenza di una serata dignitosa, certo non come quella del giorno prima, ma una che comunque ti
possa strappare dalla grinfie di quella non proprio allegria che ti aveva mangiucchiato lentamente durante
tutto il resto della giornata.
è questo il momento migliore della giornata, immaginatevi un ventenne che sta seduto in cucina in pigiama
con Temptation 87 dei New Order, di quando la musica da disco non era banale e alla fine del pezzo
non per forza ci si trovava a riderci su, che sale pian piano dalle casse di un impiantino del cazzo della
Logitech, che comunque sa fare bene il suo dovere, ti guardi intorno c’è ancora un filo di luce che entra
dalla finestra, debole, come te in fondo dopo tutta la giornata di merda che hai passato, ti vesti più o
meno di fretta, passando subito aBlue monday e, anche se non sai per cosa, sei pronto.
qualcuno diceva che il sabato ti rattrista perchè sai che il giorno dopo è domenica e quello dopo ancora
è lunedì e così via, mentre il venerdì, bè quella è tutta un’altra storia, hai ancora un giorno prima di
doverti preoccupare. la domenica è triste perchè il giorno dopo è lunedì, il sabato è triste perchè sai di
c
2014
lautoradio.com
97
BlogBook
1.6. giugno
non poterlo paragonare al giorno prima; è solo allora che capisci che il sabato in realtà è stato creato solo
per smaltire alcol, sigarette, buoni propositi, altre sigarette e forse me ne sarei potuto innamorare, ma
solo qualche anno fa della sera prima.
1.6
giugno
LETTERE DAL PRESIDENTE | IL CERCHIO E LE BOTTE (2014-06-04 22:59)
- csaoexmattatoio
Potrei parlare di molte cose, del terribile grano saraceno che
viene a rubare il lavoro al nostro italico grano, delle convocazioni di Prandelli per i mondiali di calcio,
dei mondiali stessi, ma dato che gli argomenti appena elencati hanno tutti più contro che pro e, che la
tematica mondiale merita una lunga riflessione, non sapevo cosa scegliere quando acceso il computer e
all’improvviso leggo la notizia della giornata: arresti.
La cosa che stupisce è che gli arrestati non sono i soliti antagonisti o giovani dei centri sociali, ma esponenti
locali dei due grandi partiti italiani: Pd e Pdl.
Cosa sta succedendo? La legge è uguale per tutti? Un colpo al cerchio e uno alla botte e viva la
98
c
2014
lautoradio.com
1.6. giugno
BlogBook
magistratura? Andiamo per ordine e non facciamoci prendere dal panico.
Primo: non si possono minimamente paragonare gli arresti di oggi con quelli operati in questi giorni ai
danni di molti esponenti dei movimenti per il diritto alla casa, semplicemente perché quest’ultimi non
hanno commesso reati! Non ci sarebbe da aggiungere altro, ma procediamo comunque.
Secondo: non mi sembra, ma posso benissimo sbagliare, che i due gruppi abbiano avuto lo stesso trattamento dai media e dai loro colleghi politici. Tutto un “si presume”, tutti a sottolineare che si tratta solo
di indagini, niente di definitivo, mentre i diretti interessati pronti a dire che “spiegheranno tutto” e che è
solo una incomprensione. Inutile sottolineare, come in altri casi gli imputati vengono già trattati come
colpevoli e chiunque si schieri al loro fianco un agitatore.
Terzo: mentre tutti si affannano a trovare scuse, nessuno mette in dubbio la reale utilità dell’opera e
in generale del modello grandi opere, anche se sono in maniera inequivocabile portatrici di tangenti e
corruzione, mentre per gli esponenti dei movimenti abbiamo solo progetti spezzati e carcere a volontà.
Non c’è nessuna volontà quindi di dare un colpo al cerchio e uno alla botte, anche perché guarda caso il
tutto avviene dopo le elezioni, ma tu guarda il caso eh! Chissà a quale logica rispondono questi arresti?
Ma in fondo che cosa ce ne importa? Non è mai stata la magistratura la soluzione ai nostri problemi e
non lo sarà mai.
Scusate, non volevo fare un articolo lamentoso ma alla fine è uscito così. La rabbia è tanta e l’ironia poca,
prometto che dalla prossima ritorna l’ilarità ma oggi propio no. Per il resto #civediamolundici.
Il presidente
PERUGIA 05.06.14 - DIRITTO ALLA MOBILITA’ VERSO L’11 LUGLIO
(2014-06-05 14:23) - csaoexmattatoio
[vc row][vc column][vc column text]
Questa mattina attiviste e attivisti della campagna cittadina “Abbiamo già pagato” hanno costruito
un’altra giornata di iniziative per il diritto alla mobilità, per reclamare quindi il diritto di tutte e tutti a
muoversi liberamente in città, senza barriere di ordine economico rappresentate dai costi già altissimi dei
trasporti.
Il concentramento, in zona Stazione Centrale, si è poi spostato davanti al Tribunale di Perugia dove è stato esposto uno striscione contro l’operazione giudiziaria a Torino (111 indagati, 30 misure cautelari
di cui 11 in carcere), e gli sgomberi e gli sfratti degli ultimi giorni.
L’iniziativa sul diritto alla mobilità è parte di un percorso comune che ci vedrà presenti e protagonisti anche l’11 Luglio a Torino, alla contestazione del vertice europeo sulla disoccupazione giovanile.
La questione occupazionale, di cui la BCE e i governi europei intendono parlare, varrà come formalizzazione definitiva del lavoro in lavoro precario, perlopiù gratuito (tirocini, stage e ricorso a lavoro
volontario) e continuamente sotto ricatto.
Contro la precarizzazione delle nostre vite, il ricatto del mercato del lavoro e chi crede di fermare i
movimenti con arresti, sgomberi e sfratti, noi continuiamo a reclamare casa, reddito e diritti per tutte e
tutti.
c
2014
lautoradio.com
99
BlogBook
1.6. giugno
Domenica 8 giugno ore 17,30 Assemblea Pubblica al c.s.o.a. Ex Mattatoio
#AbbiamogiàPagato
#civediamolundici
IFRAME: //www.youtube.com/embed/JwR 3HvlGtw
[/vc column text][vc gallery type=flexslider fade interval=15 images=806,805,804,803,802,801 onclick=link image custom links target= self title=Galleria #AbbiamogiàPagato img size=100x50][/vc
column][/vc row]
LAUTORADIO FEST Alt(r)e Frequenze (2014-06-10 14:51) - lautoradio
Nel corso degli ultimi mesi, diverse realtà associative e
singolarità che operano nella città di Perugia, si sono incontrate e riunite con la volontà di intraprendere
un percorso comune che si è concretizzato nella realizzazione di uno spazio di confronto e discussione
allargato che ci ha portati alla nascita del progetto LAUTORADIO.
LAUTORADIO nasce come aggregatore di blog con l’obiettivo di realizzare anche una web radio.
L’idea è nata dall’importanza che oggi ha la messa in rete e la socializzazione delle conoscenze, delle
esperienze, dei saperi, valorizzando la pluralità e la molteplicità dei contributi che i singoli soggetti che
prendono parte al progetto offrono.
Per questo vi aspettiamo [email protected] per LAUTORADIO FEST:
- ore 16:00 Presentazione de Lautoradio
100
c
2014
lautoradio.com
1.6. giugno
BlogBook
- ore 17:00 Workshop (gestione di un blog, produzioni transmediali, formazione sulle dirette streaming)
- ore 18:00 Lautoradio on Air (Spazio radio con interviste e musica).
Visita il blog: http://lautoradio.com/
Con il contributo dell’Assessorato alla Cultura e politiche sociali del Comune di Perugia - Servizio
Informagiovani e politiche Giovanili.
Sonico Blog – recensione Afterhours “Hai Paura Del Buio (reloaded)” (2014-06-12 11:53)
- lautoradio
Afterhours “Hai Paura Del Buio? - Special Edition”
2014 (Universal) | alt-rock
Gli Afterhours scelgono di festeggiare il diciassettesimo compleanno dell’album più significativo della loro
carriera: “Hai Paura Del Buio”. Lo fanno con un’edizione speciale che comprende il remaster dell’opera e
un “reloaded” dove artisti di estrazioni diverse ne reinterpretano i pezzi. Qui si parte con l’intro/title track
dove il nipponico Damo Suzuki reinventa il noise della versione originale infarcendola di un soliloquio
parlato in stile Tom Waits. E’ il turno di “1.9.9.6.” dove un perbenista Edoardo Bennato evita il turpiloquio
blasfemo dei primi versi sostituendoli con altri suoi che sanno un po’ di autocelebrazione e che a mio avviso
snaturano abbondantemente il pezzo che viene replicato senza particolari novità. “Male Di Miele” viene
affidata agli Afghan Wigs che sfoderano un interessante arrangiamento con particolari tinte elettroniche
senza esagerazioni o squilibri. La strana coppia Afterhours – Negramaro riedita la stupenda “Rapace”
senza riuscire però a stupire, affidando allo standard vocale di Giuliano Sangiorgi parti che risultano
monotone e forzate. Il primo sprazzo di indie italiano lo si ha con i romani Luminal che però rendono
irriconoscibile l’irruenta “Elymania” stravolgendone completamente la struttura del pezzo affogandolo in
suoni e ritmiche poco appropriati. Si torna ad un ospite straniero, Mark Lanegan, con una piacevole ma
poco incisiva versione di Pelle dove si cambia veramente poco. Potente e diretta la reinterpretazione di
“Dea” da parte del Teatro Degli Orrori che la fanno completamente loro e la esaltano con i parlati deliranti
di Pierpaolo Capovilla. Dolce e riflessiva “Senza Finestra” riproposta da Joan Wasser meglio nota come
Joan as Policewoman che arrangia bene e ben duetta in alcune parti con Manuel Agnelli. Un’ottima
accoppiata risulta quella formata da Der Maurer e Le Luci Della Centrale Elettrica che propongono
un’azzeccata versione “orchestrale” di “Simbiosi”. Senza infamia e senza lode risulta la proposta di Samuel
Romano dei Subsonica su una troppo ricopiata “Voglio Una Pelle Splendida” alla quale non viene fatto
c
2014
lautoradio.com
101
BlogBook
1.6. giugno
nessun ritocco importante. John Parish riadatta magistralmente “Terrorswing” esaltata da chitarre acide,
trombone e atmosfere blues. “Lasciami Leccare L’Adrenalina” viene affidata ad Eugenio Finardi che altera
il testo in alcune sue parti e che comunque non risulta molto convincente nel nuovo arrangiamento del
pezzo. La vera e propria sorpresa di questo progetto è rappresentata dai Bachi Da Pietra che fanno
rinascere “Punto G” con un nuovo vestito noir lasciando spazio anche a buone incursioni vocali di Agnelli.
Bella e graffiante la “Veleno” qui proposta da Nic Cester che la incattivisce portando la voce all’estremo.
Dolce e quasi onirica la versione di “Come Vorrei” del britannico Piers Faccini che ben duetta con il
frontman degli Afterhours. Fuzz Orchestra e Vincenzo Vasi affidano la riedizione di “Questo Pazzo Pazzo
Mondo Di Tasse” a sonorità troppo Mike Patton/Phantomas che risultano largamente forzate. L’estro e la
maestria degli ormai noti Marta Sui Tubi riformulano una splendida “Musicista Contabile” alternando stop
& go roccheggianti a rilassate pause con piano e violini. Ai giovani Ministri viene affidata “Sui Giovani
D’Oggi Ci Scatarro Su” che ripropongono con una buona attitude punk rendendola potente al punto giusto.
Rachele Bastreghi duetta con Agnelli in una “Mi Trovo Nuovo” dal vestito piacevolmente elettronico dove
i sinth la fanno da padrone. E adesso la proposta di Cristina Donà e Robert Wyatt che danno maggiore
armonia ad una già splendida “Televisione” con piccole ma significative trovate sperimentali. Il disco si
conclude con un bis: “Male Di Miele” reinterpretata da Piero Pelù che insieme ai nostri ricalca un po’
troppo la versione originale. In conclusione, il disco alterna prestazioni ed accoppiate molto interessanti a
matrimoni azzardati che mal celebrano una delle opere più importanti del rock italiano degli ultimi 20
anni.
D.o.C.
102
c
2014
lautoradio.com
INEDITO
ORFANI
Se la Bonelli Editore decide di dare una boccata d'aria fresca alla casa editrice vuol dire che a) se ne
sentiva la necessità b) ci sono i mezzi e le idee tipiche della major italiana nel campo del fumetto.
Orfani non è una scommessa editoriale, non può esserlo per pochi semplici motivi.
Innanzi tutto è la prima serie regolare interamente a colori; ed era da molto che lo si attendeva.
In secondo luogo i nomi che ruotano intorno alla direzione di Orfani: Roberto Recchioni e Emiliano
Mammuccari. Il primo inizia quest'avventura fresco fresco di incarico di curatore niente meno che
di Dilan Dog (e no non è un lavoretto semplice) per non citare poi le sue esperienze e la sua
rilevanza nel panorama fumettistico italiano (quant'è bello "la redenzione del samurai" del ciclo "Le
storie" altra collana storica della Bonelli?!).
Il secondo, che cura la parte grafica, ha un background sicuramente più ristretto (lo ricordo
principalmente per le copertine di un altro mast Bonelli "Napoleone" abbastanza lontano dalla mia
generazione ma da sempre presente sugli scaffali di casa).
Le premesse per creare un lavoro di alti livelli perciò ci sono tutte. Orfani però non è un progetto
come gli altri. Magari non rappresenterà un punto di svolta ma ha sicuramente delle caratteristiche
interessanti e innovative.
Innanzi tutto il colore (ma va?!). E' lo stesso Recchioni a spiegare, in una ormai datata intervista
sulla rivista XL che il colore in Orfani rappresenta molto più che un semplice riempimento di
tavole; questo infatti si muove a seconda delle situazioni e degli stati d'animo dei protagonisti con
prevalenza di rosso (agitazione, battaglie) e blu (paesaggi aperti e momentanea tranquillità) che
assumono inoltre una tonalità quasi "cartacea" (non chiedetemi di spiegarvi che intendo ma se vi
capiterà tra le mani mi capirete).
Altra caratteristica fondamentale è la storia. Orfani è stato pensato come una serie articolata in tre
cicli da 12 volumi (non la chiamerei miniserie però) cosa che consente una maggiore fluidità della
storia, ergo maggiori colpi di scena e un passo più spedito. Per fare una brevissima sintesi il fulcro
attorno al quale ruota il fumetto è la devastazione della terra ad opera di un attacco extraterrestre
che ha lasciato in vita, tra pochi altri, un gruppo di orfani che fin da subito viene addestrato come il
corpo d'elite dell'esercito grazie al loro affiatamento e alla spinta emotiva personale. Ma la storia
prende una piega totalmente diversa col passare del tempo dando continui impulsi e riducendo al
minimo il pericolo di rimanere incastrati in una trama "sempliciotta".
Ad onor del vero però in giro si avvertono anche sentimenti opposti. In particolare si recriminano
dei volumi troppo vuoti; e questo effettivamente è un punto debole della serie. Troppo spesso
immagini di passaggio occupano intere pagine lasciando ai dialoghi uno spazio forse troppo
limitato. Inoltre la somiglianza di elementi scenici come equipaggiamenti ecc con noti videogame
come Halo (ed effettivamente non si può dire il contrario).
In ogni caso siamo tutti consapevoli che Orfani non rappresenterà una rivoluzione in casa Bonelli,
ma la volontà di (r)innovare c'è; di sicuro le sorprese non finiranno qui.

Documenti analoghi

Dichiarazione di Consenso della Commissione Medica UIAA VOL: 14

Dichiarazione di Consenso della Commissione Medica UIAA VOL: 14 di smarrimento o furto. La ricerca in loco di farmacie è un’inutile perdita di tempo e può essere impossibile trovare la pillola specifica. 3.5.2. Pillola solo progestinica (“Minipillola”) Questa p...

Dettagli